Recensione miami vice regia di Michael Mann USA 2005
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione miami vice (2005)

Voto Visitatori:   6,39 / 10 (171 voti)6,39Grafico
Voto Recensore:   6,50 / 10  6,50
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film MIAMI VICE

Immagine tratta dal film MIAMI VICE

Immagine tratta dal film MIAMI VICE

Immagine tratta dal film MIAMI VICE

Immagine tratta dal film MIAMI VICE

Immagine tratta dal film MIAMI VICE
 

Nel trasporre sul grande schermo la serie TV "Miami Vice", da lui stesso prodotta, Michael Mann evita saggiamente di cadere nel citazionismo e nelle strizzatine d'occhio allo spettatore, limitandosi a mutuarne le atmosfere e la coppia di detective Sonny Crockett e Rico Tubbs, della narcotici di Miami.
I due saranno chiamati ad infiltrarsi nella banda di un influente trafficante di droga haitiano, José Yero, a seguito di un'operazione costata la vita a tre agenti dell'FBI.
Una volta nell'organizzazione, i due partner realizzeranno che Yero è in realtà un ingranaggio di un'organizzazione più vasta, il cui vertice è occupato dal boss Arcangel Montoya e dalla sua affascinate consorte cino-cubana Isabella.

Le atmosfere malsane dell'ambiente della droga in cui si trovano ad agire Crockett e Tubbs sono magistralmente rese da una regia perfetta nell'esaltarne lo squallore e l'inesorabile decadenza e dalla fotografia di Dion Beebe. Questa sottolinea con toni cupi, grigi, spesso volutamente sciatti e sgranati gli interni ed i dettagli dei territori di Yero e Montoya per poi illuminare il cuore dello spettatore con sublimi aperture di campo e riprese aeree: il grigiore di un muro incrostato lascia repentinamente il campo a distese di foreste pluviali, cascate, corsi d'acqua e motoscafi che solcano onde su cui si riflette il bagliore della luce crepuscolare.
La classe e la raffinatezza quasi sfacciata di regia e fotografia permeano ogni singolo fotogramma, proseguendo idealmente la ricerca di perfezione stilistica iniziata con "Collateral" nel 2004, sempre ad opera di Mann e Beebe: grazie all'utilizzo di macchine da presa ad alta definizione, anche un aereo che vola in un cielo nuvoloso diventa un'esperienza visiva intensa ed emozionante.

Una volta messo da parte, però, l'affascinante esercizio di stile di Mann e del suo staff tecnico, ciò che ne residua è un poliziesco che nulla aggiunge e nulla toglie al genere, mai pienamente convincente, caratterizzato da clichè piuttosto banali e da soluzioni di sceneggiatura scarsamente originali, quando non scontate: l'eccessivo indugiare sul rapporto tra Rico e la moglie Trudy, la descrizione affrettata ed incoerente del personaggio di Isabella e del suo rapporto con Montoya, la stessa superficialità con cui questi viene liquidato sono solo alcuni tra gli esempi più evidenti.
Molti i buchi di sceneggiatura, con sottotrame che rimangono appese ad un filo e poi tralasciate o risolte in modo superficiale. I personaggi di Sonny e Rico, poi, non graffiano mai e patiscono una caratterizzazione gravemente lacunosa, ed il sottile confine tra legalità ed illegalità e tra bene e male in cui i due dovrebbero operare non lascia mai il segno.
A subire maggiormente l'eccessiva levigazione delle caratterizzazioni è il personaggio di Sonny, anche a causa di un Colin Farrell non particolarmente ispirato in chioma bionda e mustacchi anni '70 e troppo incline a pose bullistiche e caricaturali per risultare veramente carismatico come il ruolo richiederebbe. Jamie Foxx e Gong Li, già vista nell'ottimo 2046 di Wong Kar Wai, offrono invece una prova convincente, confermando ulteriormente quanto di buono avevano dimostrato sinora.

Concludendo, una pellicola nel complesso discreta al servizio di un'imponente lezione di regia e tecnica cinematografica, con troppe pecche all'attivo e decisamente priva di quei colpi di genio che sarebbe lecito aspettarsi da un cineasta di qualità quale Michael Mann.

Commenta la recensione di MIAMI VICE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Jellybelly - aggiornata al 29/09/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place iia riveder le stelleafter midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandalobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecercando valentina - il mondo di guido crepaxcriminali come noida 5 bloods - come fratellidoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy island
 NEW
gamberetti per tutti
 NEW
ghostbusters: legacygretel e hansel
 NEW
greyhound: il nemico invisibileil ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil principe dimenticatoil richiamo della foresta (2020)impressionisti segretiin the trap - nella trappolala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la sfida delle moglila vita nascosta - hidden lifel'agnello
 NEW
l'anno che verràl'apprendistatol'hotel degli amori smarritilontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marianne e leonard. parole d'amoremarie curie
 HOT R
memorie di un assassino
 NEW
nel nome della terranon si scherza col fuocooutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiaqua la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrun sweetheart runsaint maudshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspiral - l'eredita' di saw
 NEW
stay stillthe boy - la maledizione di brahmsthe gentlementhe grudge (2020)the new mutants
 NEW
the old guardthe other lambthey shall not grow oldun figlio di nome erasmusvivariumvolevo nascondermi
 NEW
vulnerabiliwaves

1006278 commenti su 43733 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net