Recensione mona lisa smile regia di Mike Newell USA 2003
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione mona lisa smile (2003)

Voto Visitatori:   5,85 / 10 (94 voti)5,85Grafico
Voto Recensore:   7,00 / 10  7,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film MONA LISA SMILE

Immagine tratta dal film MONA LISA SMILE

Immagine tratta dal film MONA LISA SMILE

Immagine tratta dal film MONA LISA SMILE

Immagine tratta dal film MONA LISA SMILE

Immagine tratta dal film MONA LISA SMILE
 

Un collegio americano a cavallo fra 1953 e 1954. Preside e insegnanti votati ad una tradizione intransigente e penosamente austera. Un docente che giunge e si ribella, con metodi innovativi e tesi a sviluppare la coscienza degli studenti.
Non sorprende quindi che la critica maggiore e il maggior fattore di svalutazione del film siano proprio l'incredibile somiglianza con "L'attimo fuggente" di Peter Weir.

Questo, in realtÓ, dovrebbe solo far piacere.

Se il film del professor Keating Ŕ considerato un esempio, o addirittura un concentrato di esempi, beh, allora Ŕ naturale, se non giusto, che venga imitato. Oltretutto, si peccherebbe di sussiego etichettando "Mona Lisa Smile" come brutta copia.
Il cast letteralmente stellare (Julia Roberts, Kirsten Dunst, Julia Stiles, Maggie Gyllenhaal, Ginnifer Goodwin, Marcia Gay Harden, solo per citarne alcuni), unito ad una regia d'autore che vede il pluripremiato Mike Newell ("Ballando con uno sconosciuto", "Quattro matrimoni e un funerale" e , pi¨ recentemente "Harry Potter e il calice di fuoco", "L'amore ai tempi del colera", "Prince of Persia: Le sabbie del tempo"), e ad una fotografia che sa valorizzare ogni sguardo ed ogni costume, rendono la pellicola un ottimo doppione, se si vuole insistere con questo paragone.

Lo stampo Ŕ evidentemente femminista, un nuovo inno al pensiero libero ed alla ribellione intellettuale, attraverso il dibattito, tutto interno al gentil sesso, sull'emancipazione.
Miss Katherine Watson Ŕ ancora piuttosto giovane. Ha realizzato il suo sogno approdando come insegnante al Wellesley College, una delle scuole pi¨ prestigiose, e ovviamente pi¨ rigide, esempio dell' America Maccartista e conservatrice di quegli anni.
Le sue aspettative sono in parte deluse.
Al primo impatto le studentesse sono aggressive, forti di una mente brillante e di un libro imparato a memoria: la prima lezione Ŕ un fiasco. Davanti a lei, con penna in mano ed espressione sarcastica, stanno ragazze dalla lingua tagliente e dalle idee chiare: finire gli studi e realizzarsi in un matrimonio perfetto. Giselle, provocatrice e maliziosa, sarÓ immediatamente attratta dalla verve creativa dell'insegnante e dalle affinitÓ liberali che condividono; Connie,sorridente e bonaria, racchiude la tenerezza della pellicola; Joan, sagace, contenuta, splendente di potenzialitÓ, incarnerÓ il messaggio di Miss Watson nella sua realizzazione pi¨ inaspettata; Betty, implacabile e fredda portavoce della cieca sottomissione, sorda alle novitÓ quasi fino alla fine.

L'opposizione Ŕ dovuta ad un torpore che necessita una sveglia dirompente.
Katherine.
La donna capisce che se vuole interessare, stimolare, deve sorprendere, incalzare, stravolgere i dogmi di Wellesley. E lo fa primariamente osando mettere in discussione l'arte stessa, - Cos'Ŕ arte? - , chiudendo il manuale, fino a quel momento unica fonte di veritÓ, e uscendo, contemplando dal vivo, criticando oltre il consentito.

I personaggi, e ovviamente soprattutto quelli femminili, sanno proporsi con piacevole realismo e media profonditÓ, senza eccellere in modo particolare tranne nel caso della Roberts per Katherine e di Maggie Gyllenhall per Giselle.

Tratto dall'omonimo libro di Deborah Chiel, ispirato a sua volta ad una storia vera, "Mona Lisa Smile" Ŕ veramente un film di luoghi comuni, ma li affianca con dolcezza alle emozioni pi¨ belle, e all'intramontabile ricerca dell'indipendenza critica.
Sbaglieremmo a sottovalutarlo.

Commenta la recensione di MONA LISA SMILE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Marco Felici - aggiornata al 01/07/2010 11.21.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

7 uomini a molloa private waralmost nothing - cern: la scoperta del futuroalpha - un'amicizia forte come la vitaamici come prima (2018)anatomia del miracoloanimali fantastici: i crimini di grindelwaldaquamanattenti al gorillaben is backbenvenuti a marwenberninibird boxblack tide
 HOT
bohemian rhapsodybumblebeecalcutta - tutti in piedicapri-revolutionchesil beach - il segreto di una nottecity of liescold war (2018)coldplay: a head full of dreamscolette (2018)conta su di me (2018)conversazione su tiresia. di e con andrea camillericonversazioni atomichecosa fai a capodanno?dinosaurs (2018)don't fuck in the woods 2
 NEW
dove bisogna stareescape room (2019)friedkin uncut - un diavolo di registaghostland - la casa delle bambole
 NEW
glasshepta. sette stadi d'amoreholmes and watsonhunter killer - caccia negli abissii spit on your grave: deja vui villaniil castello di vetroil destino degli uominiil gioco delle coppieil grinch (2018)il ragazzo piu' felice del mondoil ritorno di mary poppinsil sindaco - italian politics 4 dummiesil testimone invisibileil vizio della speranzain guerraisabellela befana vien di nottela donna elettrica
 NEW
la douleurla favoritala notte dei 12 annila prima pietrala scuola serale
 NEW
l'agenzia dei bugiardilake placid: legacyle ninfee di monet: un incantesimo di acqua e lucelo sguardo di orson welleslontano da quilook awayl'uomo che rubo' banksy
 NEW
m.i.a. - la cattiva ragazza della musicamacchine mortalimalerba
 NEW
maria regina di scoziamenocchio
 NEW
mia e il leone biancomia martini - io sono miamorto tra una settimana... o ti ridiamo i soldimoschettieri del re: la penultima missionenelle tue mani (2018)non ci resta che il criminenon ci resta che vincerenon dimenticarmi - don't forget menotti magicheotzi e il mistero del tempoovunque proteggimiralph spacca internetred land (rosso istria)red zone - 22 miglia di fuocoride (2018)robin hood - l'origine della leggendaroma (2018)santiago, italiase son roseseguimisenza lasciare traccia (2018)spider-man: un nuovo universostyxsulle sue spallesummer (leto)
 HOT
suspiria (2018)the barge peoplethe old man & the gunthe other side of the windthe young cannibalstre voltitroppa graziatutti lo sannoun giorno all'improvvisoun piccolo favoreupgradevan gogh - sulla soglia dell'eternita'vice - l'uomo nell'ombrawidows: eredita' criminalezen sul ghiaccio sottilezombie contro zombie - one cut of the dead

983504 commenti su 40748 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net