Recensione nessuna verita' regia di Ridley Scott USA 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione nessuna verita' (2008)

Voto Visitatori:   6,61 / 10 (149 voti)6,61Grafico
Voto Recensore:   5,50 / 10  5,50
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film NESSUNA VERITA'

Immagine tratta dal film NESSUNA VERITA'

Immagine tratta dal film NESSUNA VERITA'

Immagine tratta dal film NESSUNA VERITA'

Immagine tratta dal film NESSUNA VERITA'

Immagine tratta dal film NESSUNA VERITA'
 

Roger Ferris e Ed Hoffman,i due protagonisti di questo film, sono due Spie americane che, in territorio mediorientale, cercano informazioni per sventare i piani terroristici di Al Qaeda.
Roger Ŕ l'uomo d'azione, la pedina o per meglio dire "quello che fa il lavoro sporco". Giovane e determinato, con il vantaggio di conoscere la lingua araba, viene sguinzagliato sul territorio armato di pistola e carta bianca per raggiungere di volta in volta gli obiettivi prefissati. Ed invece Ŕ la mente, il coordinatore o per meglio dire "lo stratega"; con il colletto bianco e l'auricolare impartisce gli ordini e tiene sotto controllo la situazione con i falchi dello spazio dall'alto dei cieli.

Il film di Ridley Scott prova a congiungere azione e riflessione in un unico contenitore, assemblando una spy story che ritrae la complessitÓ del mondo moderno.
La sceneggiatura Ŕ tratta dal libro "Body of Lies" di David Ignatius, ma ciononostante la rappresentazione cinematografica si presenta molto simile ad altre pellicole che affrontano lo stesso tema; in particolare si pu˛ notare la somiglianza dello schema narrativo di "Spy Game" del fratello Tony; Ŕ sufficiente fare una trasposizione degli attori protagonisti dei due film (Di Caprio/Brad Pitt e Russell Crowe/Robert Redford).
La descrizione dei personaggi di Hoffman, Ferris e del giordano Hani Ŕ molto dettagliata e ritrae efficacemente, nel rispettivo profilo, i diversi punti di vista morali di ciascuno.
Mentre Hani si preoccupa prevalentemente del controllo feudale del suo territorio, Hoffman, aspira al controllo assoluto globale dall'alto dei suoi satelliti e, in contrapposizione, abbiamo Ferris; il "soldato in trincea", l'idealista che approdando direttamente sul territorio nemico tra la veritÓ e la menzogna Ŕ in cerca di giustizia.

Ricco di eventi in grado di stimolare l'interesse e di catturare l'attenzione del pubblico, "Nessuna VeritÓ" si sviluppa sulla totale mancanza di fiducia verso il prossimo, sulla presunzione di chi crede di vincere una guerra con le sole proprie convinzioni, sull'inevitabile sofferenza fatta di paura e di morte dettata dal gioco di potere, ma anche se la pellicola presenta tutti i clichÚ tipici dei film di genere, si ha la spiacevole sensazione di assistere ad un deja vu che ne compromette l'efficacia comunicativa, ed essendo priva di significativi colpi di scena, risulta poco brillante e decisamente stereotipata per buona parte della durata complessiva.

Dal punto di vista tecnico Scott, ormai esperto, si conferma un ottimo regista, sviluppando sequenze suggestive e un ottimo montaggio, ma, anche se il lavoro Ŕ apprezzabile e diligentemente ordinato, la sceneggiatura Ŕ a tratti troppo diluita e la regia presenta scene di azione in cui manca la potenza visiva che caratterizza i migliori film d'azione odierni.

Nonostante quanto sopra citato, il film pu˛ risultare un buon prodotto di intrattenimento, supportato da un ottima fotografia e da interpretazioni pi¨ che brillanti dei protagonisti; ma Ŕ la trama il suo vero "tallone d'achille".
Scott descrive l'idea di superioritÓ dell'America nei confronti del resto del mondo tessendo un trama complessa ricca di dettagli tecnici, ma senza mai scolpirne i contenuti. La pellicola Ŕ molto ben costruita, ma si dilaga troppo in dialoghi lunghissimi e articolati in dettagli, il pi¨ delle volte pleonastici, che ne compromettono il ritmo rendendo il tutto troppo verboso e di conseguenza noioso; inoltre, le maggiori scene di violenza, che non vanno oltre la semplice rappresentazione della tortura, mancano di carica adrenalinica e tutto questo evidenzia una certa inettitudine del regista nel trattare il tema riscontrando enormi difficoltÓ nel trasfigurarlo in action movie.
Il tentativo di Scott, poi, di rendere pi¨ viva la pellicola inserendo una storia d'amore tra Ferris e l'infermiera iraniana Aisha Ŕ una scelta inappropriata, in quanto costituisce pi¨ una forzatura che un elemento di rilievo; probabilmente tale scelta Ŕ stata fatta per inserire un elemento femminile altrimenti assente, oppure per evidenziare lo stato d'animo irrequieto di Ferris enunciando il suo il desiderio di stabilitÓ emotiva, ma sta di fatto che non porta alcun valore aggiunto alla pellicola ed Ŕ a tratti addirittura fastidiosa.

Ridley Scott ci ha abituati a grandi opere cinematografiche come "Blade Runner", "Alien", "Il Gladiatore" o anche il recente "American Gangster", ma stavolta non Ŕ riuscito ad appassionare per quello che potremmo definire il racconto di una storia introspettiva. L'intento era forse quello di portarci a riflettere su noi stessi, sulla natura incoerente dell'uomo che propugna costantemente il bene sostenendo il male, oppure quello di enunciare l'inutilitÓ di una guerra dove non ci sono ne vincitori ne vinti (tematiche dall'indubbia retorica che abbiamo giÓ riscontrato innumerevoli volte in diverse pellicole del passato), ma rimane il fatto che "Nessuna VeritÓ" non lascierÓ un'impronta, ma solo tracce destinate a sbiadire nel tempo.

Avvalendosi dello sceneggiatore William Monahan ("The Departed"), di un eccellente cast e di un considerevole budget, Ŕ normale pensare che le aspettative nei confronti di uno dei registi contemporanei pi¨ affermati nel mondo siano molto elevate; ne consegue che, in questa occasione, tale aspettativa non sia stata ripagata, ma ci˛ non significa che questo suo ultimo prodotto sia da dimenticare; pi¨ semplicemente possiamo definirlo un occasione sprecata; ma questo sarÓ il pubblico a stabilirlo.

Commenta la recensione di NESSUNA VERITA' sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Fulvio Baldini aka peter-ray - aggiornata al 28/11/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


958441 commenti su 37525 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net