Recensione nobi regia di Shinya Tsukamoto Giappone 2014
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione nobi (2014Film Novità

Voto Visitatori:   7,50 / 10 (1 voti)7,50Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film NOBI

Immagine tratta dal film NOBI

Immagine tratta dal film NOBI

Immagine tratta dal film NOBI

Immagine tratta dal film NOBI

Immagine tratta dal film NOBI
 

Approdato all'ultima Mostra del cinema di Venezia, il film di Shinya Tsukamoto ha suscitato una certa curiosità fra addetti ai lavori e non, in primo luogo per il genere affrontato, inusuale per il regista nipponico, per l'ambientazione della vicenda e per il fatto di aver adattato il libro omonimo di Shoei Ooka del 1951, tradotto in Italia come La guerra del soldato Tamura, già trasposto su grande schermo nel 1959 da Kon Ichikawa (autore dell'"Arpa Birmana") con il titolo "Fuochi nella pianura".
Senza aver visto il film e dalle poche indiscrezioni trapelate, nonché fuorvianti, la questione poteva essere liquidata come una operazione di remake, ma trattandosi di un regista come Tsukamoto il beneficio dell'inventario era un dato d'obbligo come puntualmente avvenuto.

1945. Verso la fine della Seconda guerra mondiale il soldato Tamura e una truppa di commilitoni giapponesi, a causa di una pesante offensiva delle armate americane, sono costretti a rifugiarsi all'interno della giungla e cercare in mezzo agli stenti di raggiungere la località di Palompon, dove verrà effettuata l'evacuazione definitiva dell'esercito giapponese ormai in completa rotta.

Visto dall'alto il paesaggio della giungla delle Filippine sembra essere rassicurante come osservare una cartolina. E' lussureggiante e rigoglioso, persino invitante, ma alsuo interno si sta consumando l'orrore più assoluto determinato dalla follia della guerra.
Le dinamiche della giungla naturale non sono diverse dalla giungla urbana, paesaggio "naturale" caratteristico delle pellicole di Tsukamoto. Al suo interno è alienante, l'uomo perde ogni coordinata prestabilita, sia dal punto di vista dello spazio che dal punto di vista morale e psicologico.
L'inizio è rappresentativo di questo straniamento che diventerà sempre più un elemento distintivo di "Nobi". Il soldato Tamura è costretto ad un andirivieni fra il proprio battaglione e l'ospedale da campo in un contesto dalle tonalità grottesche.
E' affetto da una tubercolosi e non è idoneo a combattere per il comandante di battaglione e quello che ne è rimasto del battaglione, ormai con l'esercito giapponese in rotta completa. Viene costretto a recarsi presso l'ospedale da campo per curarsi, ma una volta giunto il suo caso non è prioritario rispetto a casi più gravi ed urgenti e costretto a tornare indietro.

E' un'azione che si ripete più di una volta che costringe Tamura ad accamparsi in una terra di nessuno fra battaglione e ospedale insieme ad altri commilitoni nelle medesime condizioni. Non sono utili a combattere ma non così gravi da essere curati in maniera prioritaria rispetto ad altri casi. Tamura e gli altri compagni sono espulsi da qualsiasi contesto e stazionano in un limbo immobile ed in attesa degli eventi.
Attesa che durerà fino a quando un bombardamento alleato distruggerà l'ospedale e li costringerà a tornare verso il battaglione che ormai non c'è più. A questo punto l'unica cosa certa è andare a Palompon, località dove si riuniranno i resti dell'esercito giapponese per eseguire l'evacuazione e la ritirata dall'arcipelago filippino.

La giungla offre un naturale riparo da nemici alleati partigiani filippini, ma il percorso del soldato Tamura all'interno di essa è lastricato letteralmente di morti, un tunnel dell'orrore di corpi accatastati e dilaniati da essere quasi una rappresentazione visiva dell'orrore conradiano del Kurtz di Cuore di tenebra prima e di "Apocalypse now" di Coppola poi. Un orrore visivo su cui Tsukamoto indugia molto ma non in maniera gratuita. In fondo l'orrore rappresentato è solo una manifestazione fisica aberrante della guerra e rappresenta solo un anticipo delle difficoltà che incontrerà Tamura durante il suo cammino. Difficoltà che comporterà una trasformazione spirituale del Tamura stesso.
Del soldato sappiamo ben poco, soltanto che è uno scrittore e giornalista nella vita civile, ma del suo trascorso di guerra è una tabula rasa. Non sappiamo se è coraggioso o meno e se ha già ucciso dei nemici, ma è un dato poco significativo, perché la sua situazione in divenire, dal momento che dovrà raggiungere in qualche modo Palompon, lo metterà in condizioni che indubbiamente lo segneranno in maniera profonda ed indelebile.
"Nobi" non tradisce la cifra stilistica del regista giapponese che lo pone al di fuori da una pura logica di remake, al contrario utilizza il romanzo di Ooka come fonte da adattare per il suo stile così personale e riconoscibile. Il film di Tsukamoto subisce improvvise accelerazioni della camera per restituire allo spettatore l'esperienza fisica ed emotiva di Tamura. La spossatezza causata dalla fame e dall'impossibilità di reperire cibo commestibile malgrado il paesaggio lussureggiante che lo circonda oppure le corse affannose per nascondersi dai bombardamenti alleati e gli agguati dei partigiani.

I corpi immobili dei cadaveri accatastati e lasciati marcire e i corpi dei commilitoni dilaniati dalle pallottole degli alleati, mentre tentano di superare uno sbarramento nemico durante le ore notturne. Quest'ultima sequenza in particolare è una delle migliori del film, con un nemico invisibile coperto dai enormi fari che illuminano il terreno dove i giapponesi tentano di andare oltre l'ostacolo e la pioggia di proiettili che li investe costringendoli ad una brusca ritirata.
Pur trovando soldati giapponesi durante il suo cammino, il percorso di Tamura in fondo è solitario. Ben presto si rende conto che placare la fame, prima ancora dei nemici, è il bisogno primario per raggiungere l'obiettivo.
La necessità di sopravvivere ad ogni costo implica delle scelte morali estreme che sono affidate principalmente a sé stessi, soprattutto quando l'esercito è completamente in rotta e privo di ogni direttiva gerarchica che faccia da guida e tenga serrate le fila. Avviene quindi un processo di disumanizzazione dei soldati, in cui si creano situazioni a volte assurde (barattare tabacco contro cibo) e comunque in un contesto dove la solidarietà reciproca viene meno. La logica dell'Homo homini lupus ha così il sopravvento su tutto, smembrando allo stesso tempo la struttura sociale che ne è alla base.

Tamura stesso, più per paura che spinto da una volontà distruttrice, uccide una coppia di filippini a colpi di mitra dopo che aveva scoperto un nascondiglio di cibo all'interno di una chiesa. Ma volente o meno è solo l'inizio di un vero percorso infernale verso una apparente destinazione (Palompon) di cui tuttavia si sono perse completamente le coordinate. I soldati di "Nobi" sono come dei morti viventi che arrancano in mezzo ai cadaveri, in un contesto di degrado fisico e morale che non ha limiti, e se li ha, verranno ampiamente superati quando i morsi della fame presenteranno il loro conto e il conseguente cannibalismo diventa una opzione non più aberrante, ma necessaria alla sopravvivenza del singolo.
"Nobi" non è un film che offre speranza o redenzione. E' un andare sempre più verso il basso e malgrado l'apparente flashforward di un Tamura rientrato in patria salvo fisicamente da quella ecatombe, è un uomo profondamente ed in maniera indelebile segnato dall'esperienza che ha provocato ferite che non verranno rimarginate.

Tsukamoto conferma ancora una volta la sua piena coerenza con il suo cinema così viscerale ed emotivamente intenso. Un film da lui diretto, prodotto, fotografato, montato e scenografato conferma di una spiccata indipendenza del cineasta giapponese. Non aggiunge molto di significativo rispetto alla sua filmografia, ma è un film cui traspare in ogni sua immagine il suo talento cristallino.

Commenta la recensione di NOBI sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di The Gaunt - aggiornata al 19/06/2015 15.50.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#ops - l'evento1938 diversi22 july7 sconosciuti a el royalea kashaa tramway in jerusalema voce alta - la forza della parolaachille taralloacusadaadam und evelynamanda (2018)american dharma
 NEW
anatomia del miracoloangel face
 NEW
animali fantastici: i crimini di grindelwaldaquarelaarrivederci saigonat eternity's gatea-x-l: un'amicizia extraordinariabaffo & biscotto - missione spaziale
 NEW
berninibetes blondesblackkklansmanboarding schoolbogside storyboxe capitalecadaver (2018)camorra (2018)carmine street guitarsc'est ca l'amourcharlie says
 NEW
chesil beach - il segreto di una notte
 NEW
coldplay: a head full of dreamscome ti divento bella!continuerconversazione su tiresia. di e con andrea camilleri
 NEW
cosa fai a capodanno?country for old mendachradark crimesdead women walkingdeslembrodisobediencedog daysdomingodon't worrydoubles viesdragged across concretedriven (2018)e' nata una stella (2018)el pepe, una vida supremaemma peetersescape plan 2 - ritorno all'infernoeuforiafire squad - incubo di fuocofreres ennemisfriedkin uncut - un diavolo di registafuoricampogirlgli incredibili 2gotti - un vero padrino americanoguarda in altohalloweenhappy lamentohell festhotel transylvania 3 - una vacanza mostruosahunter killer - caccia negli abissi
 NEW
i villanii villeggiantiil banchiere anarchicoil bene mioil complicato mondo di nathalieil fiume (2018)il giorno che ho perso la mia ombrail maestro di violinoil mistero della casa del tempoil presidente (2018)il primo uomo (2018)il ragazzo piu' felice del mondoil salutoil verdetto - the children actimagine (2018)
 NEW
in guerrain viaggio con adeleisis, tomorrow. the lost souls of mosuljinpajohnny english colpisce ancorajose'joy (2018)just charlie - diventa chi seiklimt & schiele - eros e psichela ballata di buster scruggsla banda grossila casa dei librila diseducazione di cameron postla donna dello scrittorela fuitina sbagliatala morte legalela noche de 12 anosla profezia dell’armadillola quietudla ragazza dei tulipanila scuola seralela settima musala strada dei samounil'albero dei frutti selvaticil'annunciol'ape maia - le olimpiadi di mielel'apparizionele ereditierele fidelel'enkasles tombeaux sans nomsl'heure de la sortielissa ammetsajjello schiaccianoci e i quattro regnilola + jeremylook awayluckyl'uomo che sorprese tuttil'uomo che uccise don chisciottem (2018)mafakmagic lanternmalerbamamma mia! ci risiamomandymanta raymary shelley - un amore immortalemenocchiomentre morivometti una nottemi obra maestramichelangelo - infinitomillennium - quello che non uccideminicuccioli - le quattro stagionimio figliomiraimission: impossible - falloutmonkey king - the hero is backmonrovia, indianamr. longmuseo - folle rapina a città del messiconessuno come noi
 T
new york academy - freedance
 NEW
non dimenticarmi - don't forget menon e' vero ma ci credonotti magichenuestro tiempooltre la nebbia - il mistero di rainer merzombraopera senza autoreotzi e il mistero del tempopapa francesco - un uomo di parolapearl (2018)peterloopiazza vittoriopiccoli brividi 2 - i fantasmi di halloweenpupazzi senza gloriaquasi nemici - l'importante e' avere ragione
 NEW
red land (rosso istria)
 NEW
red zone - 22 miglia di fuocorenzo piano: l'architetto della luceresta con merevengericchi di fantasiaricordi del mio corporicordi?rideritorno al bosco dei 100 acriroma (2018)saremo giovani e bellissimisearchingsei ancora qui - i still see yousembra mio figliosenza lasciare traccia (2018)separati ma non tropposick for toysslaughterhouse rulezslender mansmallfoot - il mio amico delle nevisogno di una notte di mezza eta'soldadosonispogliato
 NEW
styxsulla mia pelle (2018)
 NEW
summer (leto)suspiria (2018)teen titans go! il filmtel aviv on fireterror take awaythe domesticsthe equalizer 2 - senza perdonothe ghost of peter sellersthe islethe little strangerthe milk system - la verita' sull'industria del lattethe mountain (2018)
 R
the nightingalethe nightmare gallerythe nun - la vocazione del malethe other side of the windthe predatorthe reunionthe sisters brothersthe wife - vivere nell'ombrathey'll love me when i'm deadthis is maneskinthree adventures of brooketi imas nocti presento sofiatouch me nottramonto (2018)tumbbadtutti in pieditutti lo sannoun affare di famiglia (2018)un amore così grandeun figlio all'improvvisoun giorno all'improvvisoun marito a meta'un nemico che ti vuole beneun peuple et son roiuna storia senza nomeuno di famigliaup&down - un film normalevenom (2018)ville neuvevox luxwhat you gonna do when the world's on fire?why are we creative?
 NEW
widows: eredita' criminalezanzanna bianca (2018)zen sul ghiaccio sottilezombie contro zombie - one cut of the dead

980978 commenti su 40471 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net