Recensione noi albinoi regia di Dagur Kári Islanda, Germania, Gran Bretagna, Danimarca 2003
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitŕ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione noi albinoi (2003)

Voto Visitatori:   7,63 / 10 (38 voti)7,63Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film NOI ALBINOI

Immagine tratta dal film NOI ALBINOI

Immagine tratta dal film NOI ALBINOI

Immagine tratta dal film NOI ALBINOI
 

Nňi č un ragazzo islandese che vive con la nonna in una piccola casa in mezzo alla neve, in un paesino dell'isola scandinava. Il padre č un tassista con tramontate aspirazioni musicali, spesso affogate nell'alcol. Della madre non sappiamo nulla. La vita di Nňi trascorre identica giorno dopo giorno, tra la scuola, il piů delle volte disertata, una rituale birra, una visita dal libraio con cui gioca a mastermind, i difficili contatti col padre e la cantina di casa, suo piccolo rifugio.
Qualcosa cambia quando al negozio in cui solitamente compra la birra arriva la figlia del libraio, una bella ragazza che suscita l'interesse di Nňi. I due iniziano una timida relazione, accomunati dall'evidente impossibilitŕ di trovare la propria dimensione nel non-luogo in cui vivono. I due progettano persino una fuga insieme, ma Iris, questo il nome della ragazza, non seguirŕ Nňi che arriverŕ persino ad essere arrestato dopo il furto di un'auto. Dopo l'uscita su cauzione sarŕ la cantina in cui il ragazzo cerca di isolarsi a rappresentare la sua salvezza.

Il film di Dakur Kari potrebbe essere semplicemente definito catartico: una pellicola dai toni semplici, netti, candidi come la neve che per tutta la durata del film domina la scena. Il cinema di Dogma, fin troppo spesso pretenzioso, almeno nel suo "capostipite" von Trier, trova in film del genere la sua migliore dimensione: un cinema giŕ definito "minimal-esistenzialista", in una realtŕ in cui l'uomo č costretto a combattere con la natura per sopravvivere (Nňi riscalda il terreno per scavare una buca nel cimitero del paese, dove il padre gli trova un lavoro; spalare la neve č un atto quotidiano per poter uscire di casa; persino una passeggiata con la propria ragazza č resa impossibile dal freddo).
Tutti i personaggi sono degni rappresentanti di quella che a buon diritto va considerata una poesia della solitudine. Non solo Nňi, infatti, vive tale condizione a cui spesso non sembra pensare, ma anche il padre, che abita solo in un piccolissimo monolocale frustrato per la sua vita e deluso dalla condotta scolastica del figlio; la nonna, che non sentiamo mai parlare se non quando sveglia il nipote al mattino; Iris, appena tornata dalla capitale e, a detta del padre, anch'egli solo, un po' stressata dal "grande centro"; il meccanico del paese, senza nemmeno un aiutante, e che come secondo lavoro legge il futuro nei fondi delle tazze di caffč; lo stesso vale per il preside, gli altri professori e persino gli alunni che non scambiano una parola tra di loro.
Eppure quello che sembra un soggetto quasi insostenibile per la sua crudezza risulta per lunghi tratti una commedia in cui ci si diverte davvero. La pellicola, pur se un'opera prima, con tutti i pregi e i difetti del caso, ha l'indubbio merito di avere un equilibro costituito dal sapiente accostamento di una componente comico-surreale e di un'altra catartico-drammatica, risultando un piccolo saggio di cinema semplice ed essenziale.

Complimenti al regista, un islandese appena trentenne che ha studiato cinema in Danimarca e di cui speriamo di sentir parlare ancora in futuro, che di fronte ad un soggetto difficile, e facilmente orientabile verso scontate interpretazioni moralistiche, ha saputo soffermarsi su quanto di surreale offrivano il posto dimenticato da Dio in cui la storia č ambientata e le vite di personaggi calati in questo contesto, riuscendo a suscitare nel pubblico sorrisi, riflessioni e persino, per un solo attimo, quando Nňi guarda il notiziario televisivo, commozione.
Un'attenzione particolare alle esilaranti scene in cui la nonna di Nňi prova dei passi di danza guardando la televisione; il libraio stronca la filosofia di Kierkegaard; il professore di francese insegna ai ragazzi l'arte di fare una buona maionese(!); Nňi va a colloquio con lo psicologo chiamato dalla scuola per sincerarsi del suo stato mentale.

Commenta la recensione di NOI ALBINOI sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di begood - aggiornata al 31/01/2004

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1010924 commenti su 44482 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net