Recensione the hurt locker regia di Kathryn Bigelow USA 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione the hurt locker (2008)

Voto Visitatori:   7,23 / 10 (206 voti)7,23Grafico
Miglior filmMiglior regiaMiglior sceneggiatura originaleMiglior montaggioMiglior sonoroMiglior montaggio sonoro
VINCITORE DI 6 PREMI OSCAR:
Miglior film, Miglior regia, Miglior sceneggiatura originale, Miglior montaggio, Miglior sonoro, Miglior montaggio sonoro
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film THE HURT LOCKER

Immagine tratta dal film THE HURT LOCKER

Immagine tratta dal film THE HURT LOCKER

Immagine tratta dal film THE HURT LOCKER

Immagine tratta dal film THE HURT LOCKER

Immagine tratta dal film THE HURT LOCKER
 

"Maledetto il paese che ha bisogno di eroi."

Nel 2002, due anni dopo l'attentato alle Twin Towers, il Presidente USA George W. Bush decise di portare a termine ciò che a suo padre, dieci anni prima, non era riuscito: eliminare Saddam Hussein.
Ottenuta l'autorizzazione del Congresso all'intervento militare "per difendere la sicurezza USA contro la continua minaccia da parte dell'Iraq" (accusato, con prove, dimostratesi inconsistenti, di possedere armi di distruzioni di massa e di essere un pericolo per la pace mondiale), nel marzo del 2003 gli USA, con l'appoggio incondizionato dell'Inghilterra di Tony Blair, hanno scatenato un devastante attacco contro il popolo iracheno, in totale spregio del diritto internazionale.
L'attacco venne annunciato alla nazione americana con un discorso radiofonico, in cui, il Presidente trionfalmente annunciava: "La nostra missione è chiara: disarmare l'Iraq dalle armi di distruzione di massa, porre fine all'appoggio di Saddam al terrorismo, liberare il popolo iracheno".

La presa di Bagdad fu estremamente rapida e la coalizione di 49 paesi (tra cui la Spagna di Aznar, la Polonia, il Portogallo e, naturalmente, l'Italia di Berlusconi, che ha sempre sostenuto attivamente "l'amico George", garantendo appoggio politico e logistico alla macchina bellica americana, incurante dei 38 caduti tra militari e civili e compiaciuto del fatto che, da morti, poteva attribuire loro l'etichetta di eroi), in poco più di due settimane riuscirono a mettere ko il regime, costringendo il Rais alla fuga.
La missione sembrava conclusa, tanto che, nel corso di un discorso a bordo della portaerei Lincoln, che stava rientrando presso una delle basi americane, Bush aveva alle spalle uno striscione con la scritta "Mission Accomplished". Ma l'ottimismo dei primi tempi fu ben presto rimpiazzato da un atroce realismo, che mostrava un paese sconquassato dalla violenza e in balia di ogni forma di anarchia.
Saddam Hussein, giustamente definito "dittatore spietato" (anche se nel 1988, quando sterminò 5.000 curdi, le autorità americane lo chiamavano "Presidente", ne erano amici, lo aiutavano e lo rifornivano di armi), venne catturato nel dicembre del 2003 e pochi giorni dopo, nel corso di un sommario processo, durato sette giorni, venne condannato a morte e quindi impiccato.

Per Bush l'esecuzione capitale di Saddam Hussein rappresentò "una pietra miliare sulla strada della democrazia". Ora, tralasciando di analizzare le vere cause della guerra, fu subito chiaro che l'uccisione del Rais non avrebbe portato affatto la democrazia e la pacificazione del Paese, e difatti l'Iraq del post-Saddam è precipitato nel baratro della guerra civile.

È da qui che prende lo spunto il film della regista Kathryn Bigelow, "The Hurt Locker" (letteralmente "la cassetta del dolore", l'astuccio in dotazione di ciascun soldato in cui verranno riposti i suoi effetti personali, nel probabilistico caso di saltare in aria per effetto di una bomba o di una mina antiuomo), nella Bagdad mai pacificata (dove 5.000 soldati americani hanno perso la vita, e dove è impossibile calcolare il numero di morti civili), nel cuore di una guerra mai conclusa, nel corso di un disastro sociale ed economico voluto da una presidenza bugiarda e mistificatrice.
Qui, in mezzo al deserto umano morale, opera un'unità speciale di soldati, la squadra "Bravo Company", che ha il pericolosissimo compito di disinnescare bombe inesplose e prevenire attentati kamikaze, che, nella guerriglia urbana producono vittime e migliaia e indicibili sofferenze alla popolazione, stremata da anni di embargo economico.

Sono 40 giorni vissuti pericolosamente, con il fiato della morte addosso e l'adrenalina che scorre nelle vene, che il sergente maggiore William James affronta con continue esibizioni di coraggio e uno spavaldo spregio del pericolo.
Arrivato per sostituire il predecessore, di cui è rimasta solo la cassetta del dolore, dopo aver rischiato 800 volte di esplodere insieme alla bombe che ha disinnescato, James non si lascia amare dai propri sottoposti, a causa degli inutili pericoli a cui li sottopone.
È talmente abituato al pericolo che è proprio nel corso di quelle azioni, quanto più è vicino alla morte, che si sente vivo e non si accorge di mettere spesso a repentaglio la vita dei suoi commilitoni.

Costruito sui resoconti di guerra del giornalista, premio Pulitzer, Mark Boal (qui anche sceneggiatore), "The Hurt Locker" vuole costringere alla riflessione tutti coloro che pensano che si stia lì per insegnare ad un popolo la democrazia, e cerca di raccontare il senso della guerra a chi della guerra non ne vuol sapere, ma anche a chi ha fame di verità ma la guerra non la conosce perché i media censurano o falsificano ciò che succede là dove la guerra si combatte.
Ma il film cerca anche di raccontare le differenze emotive e caratteriali che portano chi la guerra la fa a reagire diversamente di fronte al pericolo sempre più palpabile e vicino.

Oltre al temerario James, che sembra non possa più fare a meno di sfidare la morte, che si sente vivo quanto più è vicino alla morte, che si sente uomo quanta più adrenalina gli scorre nelle vene, con quelle continue esibizioni di coraggio che sfiorano la temerarietà, e quella forza seduttiva che la guerra esercita su di lui, e che neppure il figlioletto appena nato sembra placare, c'è il più riflessivo Sanborn che, conscio dei propri limiti, non vede l'ora di tornare a casa, ma ligio alle regole non si sottrae al proprio dovere.
Infine c'è lo spaventato Owen Eldridge, il più giovane dei tre, testimone impotente del dissidio, riguardo la diversa visione della guerra, che dilania gli altri due, e terra di conquista delle diverse ideologie che muovono le loro azioni.
E non manca il classico Doc, un dottorino, probabilmente un figlio di papà, sfornato da qualche esclusiva università della costa del Pacifico.
E per ultimo ci sono loro:
- l'Iraq (per ovvi motivi, abilmente ricostruito in Giordania), un Paese in ginocchio a causa dei lunghi anni di sanzioni economiche, occupato e devastato, ostile e avverso, feroce e violento; dove la sabbia si mescola al sangue e odora della nitroglicerina usata come esplosivo, più che di petrolio che brucia incessantemente e colora di rosso il plumbeo cielo. Dove iracheni uccidono altri iracheni e ogni cumulo di immondizia nasconde una trappola mortale;
- gli iracheni, stremati, decimati, resi insensibili dalla paura e dalla fame, indifferenti alla morte che osservano dalle finestre, incuranti dei bambini che vengono usati come bersaglio e dei cecchini che stanno appostati sulle terrazze. Un intero popolo che progetta ordigni esplosivi ed è disposto a tutto, anche all'autoimmolazione, pur di cacciare chi li ha invasi senza un motivo.

Ma la guerra dei volontari è come droga dell'anima per quegli uomini, con il loro machismo, le loro ubriacature, le loro scazzottature, il loro collezionismo di pezzi di ordigno disattivati. Drogati di adrenalina, vittime del loro lavoro, offuscati da tanti orrori, in una città occupata e devastata, dove chiunque è un potenziale nemico, dove ogni oggetto rappresenta un'insidia, dove diventa impossibile tornare alla vita normale.

Non ci sono però buoni e non ci sono cattivi, non ci sono eroi e non ci sono vigliacchi, solo uomini e la follia della guerra, con gli americani occupanti e gli iracheni vittime della loro stessa inutile follia.
Ed è qui che sta, forse, la maggiore ambiguità del film: nel non prendere una posizione netta, decisa, risoluta, ferma, contro una guerra sbagliata, crudele, inutile, folle.
Dire che la guerra è malvagia e insensata non basta, perché è un messaggio trasversale su cui tutti, da una parte e dall'altra, ci si può trovare d'accordo. Ma il messaggio trasversale non basta di fronte a una lettura della guerra come palestra di coraggio, come che procura assuefazione; quello che manca, a mio avviso, è un giudizio morale preciso contro la legge della violenza e della barbarie, imposta al mondo intero da una potenza che crea mostri e poi si indigna che ci siano.

Certo il film non mitizza la guerra, anzi la mostra in tutta la sua spregevole oscenità, in tutto il suo carico di dolore e di crudeltà, in tutta l'angoscia che procura la paura della propria e dell'altrui morte, in tutto il logorio che provoca la sfida quotidiana contro il destino. Nonostante questo non è un film nettamente antimilitarista e non è un film contro la guerra, ma solo un film di guerra e su degli esseri umani in guerra. E su quanto inconciliabili siano la guerra e la normalità della vita.
Certamente il film è complesso e strutturato in modo quasi documentaristico, molto bello e ben fatto, robusto e virile, potente ed adrenalinico, che avvince e coinvolge, che ti avvicina a quel manipolo di guerrieri e ti contagia con il loro arcaico codice d'onore, ti fa sentire l'odore del sangue e la paura della morte, il sapore della polvere e la tangibilità del pericolo che "droga" gli uomini, resta comunque il dubbio sul messaggio ideologico del film, anche se la regista, durante la conferenza stampa a Venezia (dove il film è stato in concorso nel 2008), ha rivendicato il diritto di essere neutrale nell'osservazione del conflitto e di documentare con la massima obiettività possibile un aspetto di una guerra lontana e dimenticata.

"The hurt locker" ha vinto sei statuette (tra cui miglior film, miglior regia e migliore sceneggiatura originale), su nove nomination nell'edizione 2010 dei premi Oscar, ed è interpretato da un sorprendente e bravissimo Jeremy Renner (il sergente maggiore William James), affiancato da Anthony Mackie (il nero J.T. Sanborn) e Brian Geraghty (il biondo e terrorizzato Owen Eldridge), e con le brevi partecipazioni di Ralph Fiennes e Guy Pearce.

"Le nostre vite cominciano a finire il giorno in cui iniziamo a tacere sulle cose che contano."
(Martin Luther King)

Commenta la recensione di THE HURT LOCKER sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Mimmot - aggiornata al 16/03/2010

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 HOT
1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noida 5 bloods - come fratellidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estateoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)promarequa la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrichard jewellrun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1006136 commenti su 43641 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net