the hurt locker regia di Kathryn Bigelow USA 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

the hurt locker (2008)

 Trailer Trailer THE HURT LOCKER

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film THE HURT LOCKER

Titolo Originale: THE HURT LOCKER

RegiaKathryn Bigelow

InterpretiRalph Fiennes, Guy Pearce, David Morse, Christian Camargo, Anthony Mackie, Jeremy Renner

Durata: h 2.11
NazionalitàUSA 2008
Generedrammatico
Al cinema nell'Ottobre 2008

•  Altri film di Kathryn Bigelow

Trama del film The hurt locker

Ambientato durante la guerra in Iraq, il film racconta la storia di un'unitÓ speciale antimina che ha il compito di prevenire gli attentati dei kamikaze.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,23 / 10 (206 voti)7,23Grafico
Miglior filmMiglior regiaMiglior sceneggiatura originaleMiglior montaggioMiglior sonoroMiglior montaggio sonoro
VINCITORE DI 6 PREMI OSCAR:
Miglior film, Miglior regia, Miglior sceneggiatura originale, Miglior montaggio, Miglior sonoro, Miglior montaggio sonoro
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su The hurt locker, 206 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 3   Commenti Successivi »»

Goldust  @  24/04/2020 12:32:25
   8½ / 10
La guerra vissuta come dipendenza non rientra certo tra le tematiche più innovative rappresentate al cinema ma probabilmente prima della Bigelow non era mai stato affrontata in modo così grandioso d in modo così diretto, abbinando spettacolarità action al disegno psicologico dei personaggi. Il sergente James di uno straordinario Renner impersona lo spirito spavaldo del soldato malato di adrenalina, spia di un malessere più profondo che non gli permette di ricoprire altro ruolo nel mondo: esemplificativa in tal senso la sequenza dove, appena ritornato a casa, si trova impietrito in una corsia di supermercato, indeciso su quale scatola di corn-flakes acquistare. La prima ora è ad alto tasso di tensione, poi il gioco si fa un pò meccanico nel riproporre operazioni di sminamento sempre più pericolose ed anche meno interessante quando innesta la sottotrama del bambino scomparso ( fondamentale però per dimostrare che anche il protagonista ha un cuore ). Ma la pellicola è troppo compatta per perdere il suo senso del racconto ed infatti si riprende brillantemente nella parte finale; va lodata inoltre perchè a conti fatti riesce ad evitare i facili clichè politici e guerrafondai di un certo cinema made in Usa, sempre dietro l'angolo. Senza dubbio il lavoro migliore della regista già da inserire negli instant-classic del genere bellico.

Cardablasco  @  26/11/2018 21:18:14
   6½ / 10
Bella la fotografia e le scene di disinnesco, buona la storia, ma a mio parere la psicologia dei personaggi poteva essere più approfondita.

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  11/06/2017 23:47:37
   7 / 10
Alcune scene davvero esaltanti. non mi ha convinto la psicologia del protagonista. Non lo consiglierei, ma devo dire che è discreto.

Filman  @  02/02/2017 14:31:29
   7½ / 10
Pur essendo rimasta nel campo del film di genere, la seconda tendenza mainstream adottata da Kathryn Bigelow è caratterizzata da una derivazione che non sorvola sull'adattamento di sceneggiature scritte da pugni altrui stravolgendo ciò che era il vessillo stilistico della regista per adagiarsi su un formato consono al cinema contemporaneo dipendente dal videoclip, già sfoderato dal cinema di guerra e che qua trova perlopiù un abbassamento del fattore dinamico a favore di una suspance palpabile e tesa, tuttavia THE HURT LOCKER, per ciò che offre al genere bellico, si differenzia, con i suoi costumi e le sue evidenze narrative sempre più canonici, quasi soltanto nell'uso della camera a mano, nuova avanguardia passata dai dogmi europei indipendenti al racconto filmico hollywoodiano al fine di accentuare un impressione spontanea e naturalistica degli eventi.

pernice89  @  16/11/2015 13:36:59
   8 / 10
Ottimo film di guerra, dallo stile tutto suo. E' incentrata soprattutto sul sergente William James, personaggio controverso molto ben costruito. Jeremy Renner lo interpreta davvero bene, giustamente tra i candidati agli Oscar per quell'anno.
E comunque questo film ogni singolo Oscar se lo è meritato. Ottime le tranche di colonna sonora metal, molto opportune.
Consigliato.

_Hollow_  @  12/03/2015 00:46:02
   8½ / 10
"La furia della battaglia provoca dipendenza totale, perché la guerra è una droga."

Inizia così The Hurt Locker; quindi ci mette parecchio a ingranare. Deve arrivare chi sarà Hawkeye (con gran disgusto di Inarritu e di tutti noi) per dare il via a quello che sarà il vero tema (e quasi mai toccato in tutti questi anni di film di guerra) di questa prova della Bigelow.
Col rischio di dimenticarsi la citazione iniziale, ci si addentra nell'Iraq (ennesima prova statunitense invece, conferma della tesi e che come tale insorga l'assuefazione) della "guerra ai civili", termine che ormai indica ogni guerra moderna, dove tutta la presunta eroicità sognata dagli interventisti del futurismo lascia spazio alla lotta senza quartiere (anzi, nel quartiere), una guerra dei nervi in cui il nemico è un uomo tra la folla. Ed è un civile.
La Bigelow, saggiamente, non prende mai apertamente posizione, lascia tutto all'intelligenza dello spettatore, forse anche nel finale, quando torna a dove eravamo partiti. Ad un elicottero che torna in Iraq per la dose quotidiana, perché "spiderman is halways hungry" (azz Birdman, sei capitato proprio a pennello per 'sto commento) e schifa l'enorme scaffale dei cereali.

canepazzotanner  @  07/03/2015 16:18:11
   6½ / 10
Buon film di guerra che si concentra sulle vicende di una squadra di artificieri dell'esercito americano impegnati a ripulire le strade di una qualche citta irachena.
Di perse il film è ben realizzato ma non ha una trama ben definita, sembra più uno spaccato della vita di questi soldati, quasi una sorta di documentario, alcune cose non vengono approfondite a dovere.
Buona prova del cast (Jeremy Renner su tutti) che all' epoca era quasi sconosciuto.
Il mio voto sarebbe 7 ma gli do mezzo voto in meno perché sei premi oscar sono veramente troppi per un film del genere, soprattutto quello per la Miglior sceneggiatura originale, considerando che in lizza c'era anche Bastardi senza gloria

TheGame  @  11/01/2015 20:02:41
   7 / 10
L'estetizzazione della violenza ha contribuito alle critiche dei più maliziosi, ma lo sguardo della Bigelow è quanto mai apolitico seppur convenzionale, evitando disonestà intellettuale o facili moralismi e lasciando ai posteri l'ardua sentenza.

krypton  @  19/12/2014 19:47:04
   8 / 10
The hurt locker racconta una guerra diversa da quella che si vede di solito sul grande schermo. Illustra la paziente ed angosciante quotidianità degli artificieri che rischiano la propria vita per salvare quella altrui. La storia del Sergente William James e della sua squadra è davvero ben orchestrata e le varie sequenze di disinnesco sono davvero palpitanti. Il protagonista stesso, interpretato da Jeremy Renner è magnetico: lucido e folle allo stesso tempo, riesce a trasmettere la tensione e l'angoscia della delicata fase di neutralizzazione.

In conclusione, un'ottima pellicola che sicuramente vale la pena di guardare, ma di certo non un capolavoro che vale ben 6 statuette (premio politico?!). Da vedere!

ZanoDenis  @  01/12/2014 22:42:17
   7½ / 10
In questo film c'è una tensione incredibile, ogni scena in cui il protagonista, un ottimo Jeremy Renner, doveva disinnescare qualche bomba, tiene letteralmente col fiato sospeso, un film di guerra molto coinvolgente e nemmeno tanto pesante, forse 6 oscar sono esagerati ma è senza dubbio un buonissimo prodotto.

Sayurisama  @  23/01/2014 18:38:46
   7½ / 10
Primo film che vedo di Kathryn Bigelow. Che dire, sicuramente un film molto interessante e con delle scene di grande effetto. Ho apprezzato molto la scena di apertura del film, molto suggestiva. Le esplosioni sono ben realizzate e la suspense è costante. Però non mi ha fatto impazzire il profilo dell'attore protagonista, mentre mi è sembrato molto buono il cast di supporto. Bella e azzeccata la colonna sonora.

MonkeyIsland  @  21/06/2013 19:58:46
   6½ / 10
Insomma non il migliore della Bigelow.
Oscar regalati con gli interessi, visto che oltre un superbo Renner non resta molto da ricordare.
Film troppo accomodante fatto per la visione dell'americano medio, persino Redacted di De Palma anche se tratta un tema diverso è più ricco di contenuti.

Ah doverosa citazione dopo che Tarantino non vinse nemmeno quell'anno con Bastardi Senza Gloria ai danni proprio di questo, e dopo che perse con Pulp Fiction contro Forrest Gump nutrivo dubbi ma l'anno appena passato che ha consegnato il premio al mediocre Argo che aveva come rivale Django me lo conferma Tarantino sta sulle palle all'academy award.

Manticora  @  20/03/2013 17:26:06
   8 / 10
Probabilmente assieme a Point Break il miglior film della Bigelow, anche se non meritava tutti quegli oscar, ma non perchè il film non li merita, perchè sinceramente appare risibile che dopo 70 anni e più l'Accasemy scelga finalmente una donna, con una mossa studiata a tavolino, la si premia perchè DONNA, non certo per il film, solo in parte. Comunque rimane un film di guerra notevole, girato e sceneggiato benissimo, ma soprattutto rimanda le immagini di una guerra meno visibile ma più pericolosa, quella della routine, con gli aritificieri che disinnescano ied, mine e quant'altro in un Iraq, creato fedelmente in Giordania. Oltretutto è il film che lancia nel ruolo di protagonista uno sconosciuto Jeremy Renner, che dimostra di essere perfetto per questi ruoli, un uomo la cui droga è la paura di morire, così inconscentemente non se ne preoccupa. Inoltre le comparsate di Guy Perce e Ralph Fiennes hanno la loro logica. Non è un film con una morale, forse il fatto che nella guerra ci vanno di mezzo sempre i più deboli, purtroppo con questo film la Bigelow dimostra anche di essere totalmente Al-American. Lei ccomunque SI SCHIERA DALLA PARTE DEGLI OCCUPANTI, certo li rende umani, gente comune che dopo che ha finito il turno si ubriaca ascoltando musica metal. Ma nessuna critica al perchè, al come, questo è il suo limite, perchè purtroppo agli yankee non interessa.

Niegghia92  @  12/03/2013 02:49:17
   5½ / 10
The Hurt Locker rappresenta secondo me la più grande truffa degli Academy Awards,conosciuti meglio come Oscar. 3 anni fa fecero molto scalpore l'assegnazione di ben 6 statuette a tale pellicola girata da Kathryn Bigelow,e destò molta curiosità il fatto che questa fosse l'ex moglie di James Cameron,suo "rivale" in queste nomination per Avatar. Vedendo il film è comunque chiara una cosa,il film vinse tutti quegli Oscar perché la regista era una donna,mai infatti è capitato che il premio come miglior regia andasse proprio a una donna. Perché al di là di questa curiosità il film non ha nulla di particolare,un semplice film di guerra dove l'unica differenza rispetto ad altre storiche pellicole del genere sta nel fatto che possiede una sorta di carattere da "documentario",perché non c'è neppure una vera e propria trama. Il film vuole mostrare in maniera cruda e cinica la condizione del soldato americano medio impegnato nelle "missioni di pace" (in questo caso a Baghdad) che gli sconvolgono la sua visione del mondo a tal punto da non riuscire più ad adattarsi alla vita reale ed a vivere in società. In questa situazione egli vede nella guerra l'unico scopo di vita. Se proprio vogliam trovarci qualcosa di originale sono proprio queste piccole caratteristiche ma al di là di questo si parla di uno dei film di guerra più tediosi mai fatti. Ci sono film di guerra che non han avuto la stessa fortuna con gli Oscar ma che meritano molto di più di questo film (Full Metal Jacket è un chiaro esempio). Questo film verrà ricordato(e dimenticato anche..) come uno tra i film più pompati vergognosamente dai giudici dell'Academy Award.

Bacarospus  @  21/02/2013 16:50:17
   9 / 10
Le 6 statuette parlano da sole, correte a vederlo!!!

Charlie Firpo  @  14/01/2013 10:17:25
   6½ / 10
Realistico nella messa in scena, ma alla fine cosa resta? NIENTE, è solo un collage di eventi di guerra con protagonista un artificiere un po' complessato, una pura operazione propagandistica della Bigelow pienamente supportata dal pentagono che ha trovato la regista ideale per pubblicizzarsi, infatti sempre lei è stata incaricarta per girare il film sulla cattura di Bin Laden.

Assurda la valanga di oscar, specie miglior film e miglior regia.

Dimenticherete la storia 5 minuti dopo averlo visto.

TonyStark  @  05/12/2012 01:18:15
   7½ / 10
film freddo, introspettivo, molto ben girato, ottime interpretazioni degli attori, il miglior film sulla guerra in Iraq.

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  21/10/2012 13:08:03
   4 / 10
Noioso oltre ogni limite! Come è possibile dare addirittura 7 premi Oscar??? Assurdo!

statididiso  @  15/10/2012 21:31:06
   8 / 10
"è che io non ci penso", il senso di ogni cosa risiede in queste poche parole... uno dei film di guerra più belli, anzi è riduttivo etichettarlo così... significativo che a dirigerlo sia una donna...
complimenti alla Bigelow!

sagara89  @  19/09/2012 21:01:37
   8 / 10
Fantastico..6 premi oscar davvero meritati!

*Oscar*2005  @  12/09/2012 23:47:47
   7 / 10
Il film si mostra al di sotto delle aspettative, le statuette sono esagerate ma rilevano quanto possa contare il patriottismo americano e quindi ci sta. Con al di sotto delle aspettative intendo che non è di massimo livello, ma tralasciando questo la pellicola è molto piacevole seppur dura e cruda. Mostra un mondo che immaginiamo ma non conosciamo bene, un mondo dove si vive al massimo perché ogni momento può essere l'ultimo. Il finale lascia un pò a desiderare.

gianni1969  @  28/08/2012 13:03:44
   8 / 10
ottimo film,anche se l'oscar e' un po eccessivo,cmq coinvolgente,con un cast eccellente

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  27/08/2012 12:10:22
   8½ / 10
Definitivo.
Uno dei pochi film di guerra davvero meritevoli, un film scritto bene e girato ancora meglio. La Bigelow sbancò giustamente agli Academy al posto del marito (che comunque aveva girato un bellissimo film) e ora capisco il perché.
Io credo che questo film sia troppo sottovalutato. Ma dove li avete gli occhi? Un film lento, riflessivo, attento al minimo dettaglio, studiato in ogni frase, in ogni sguardo, in ogni movimento di cinepresa. Un film profondo, dolente, anti-retorico.
Interpretato da un cast di esseri meravigliosi, The Hurt Locker è la storia semplice di una dipendenza. Più semplice di così... si muore.

Invia una mail all'autore del commento INAMOTO89  @  27/06/2012 01:32:59
   8 / 10
''Ti piace giocare eh ? Ti piace giocare coi tuoi peluches ? Ami tua mamma e tuo papa',ami il tuo pigiama...ami tutto vero? Ma sai che cé ? quando sarai vecchio ti accorgerai che le cose che ami non sono poi cosi' speciali. Come il tuo pupazzo a molla. Forse un giorno capirai che è solo un animale pieno di stoffa. E poi ti dimenticherai delle poche cose che ami veramente. E quando avrai la mia eta' saranno solo una o 2 cose. NEL MIO CASO UNA''

CAPOLAVORO !

FurFante9  @  26/05/2012 12:20:37
   7½ / 10
Film molto psicologico, introspettivo. Bel film di riflessione, rispetto a quel che si possa immaginare

Invia una mail all'autore del commento DjAlan78  @  23/05/2012 10:56:02
   7½ / 10
"War is a drug" L'incipit del film ne sintetizza in maniera eccellente i contenuti psicologici. La ricerca dell'adrenalina come medicina per curare la morte interiore, causata dalla guerra, assurda e alienante.
Carico di angoscia, crudo. Il pregio maggiore di questa pellicola e di raccontare la "normalità" di alcuni soldati, senza alzare i toni e senza retorica.
Bellissima la scena del protagonista quando osserva le centinaia di scatole di cereali nel supermercato e comprende di non essere piu' parte del mondo "normale".
Estraneante.

clubdelmariachi  @  09/05/2012 12:48:00
   6 / 10
tolte le scene di guerra fatte in modo più che discreto, non rimane NIENTE!
non c è una storia e i personaggi non sono per niente caratterizzati!
miglior film? sceneggiatura?? regia? sono incredulo...
è un insieme di scenette action di suspance attaccate a ca**o tra di loro.

de-lu-sio-ne.

dkdk  @  02/04/2012 18:35:20
   7 / 10
anche io mi unisco al coro di quelli che dicono che 6 statuette sono un esagerazione per questo film, che è un film molto gradevole, con immagini davvero stupende ma se lo paragoniamo ad altri film che hanno fatto scorpacciata di oscar, è di livello inferiore.

thetruth34  @  29/03/2012 20:12:37
   7½ / 10
film di guerra con un buon mix di tensione ed azione. da non sottovalutare anche l'analisi psicologica della vita dei soldati che aiuta a far riflettere sul valore della vita. consigliato anche a chi non è amante del genere

Marica  @  15/03/2012 16:21:46
   7½ / 10
Non male! Alcune scene emozionanti, grande interpretazione di Jeremy Renner, ma l'Oscar come miglior film...battendo Avatar...secondo me è un pò troppo! Film totalmente diversi, tutti e due emozionanti ma la magia di Avatar...Forse era meglio l'Oscar come miglior attore a Jeremy Renner e come miglior film ad Avatar!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Beefheart  @  14/03/2012 09:59:50
   6½ / 10
Mi aspettavo meglio, invece l'ho trovato prevedibile ed incredibilmente ripetitivo. L'intero film è su di lui chino sulle bombe intento a disinnescarle. Non ho trovato particolarmente significative, non più, le scene nelle quali i malcapitati saltano in aria; scene non nuove (purtroppo), non particolarmente sorprendenti (purtroppo), non particolarmente significative (purtroppo). Youtube, il web in genere, ormai, oltre a cinema e TV, traboccano di storie ed immagini simili, dunque niente di nuovo dal fronte occidentale. Non male tecnicamente, un film che si lascia guardare ma che difficilmente rimarrà indimenticato.

Urasawa  @  07/03/2012 18:12:01
   7 / 10
Mi aspettavo di meglio da un vincitore di 6 oscar... Voto penalizzato dall'eccessivo hype

gantz88  @  07/01/2012 14:28:56
   8 / 10
bhe x fortuna ke i soliti americani nel film non hanno spiegato i motivi di questa guerra dal loro punto di vista...cmq il film merita veramente ben fatto soprattutto per le moltissime scene di tensione

Gabrielendil  @  26/10/2011 14:42:48
   7½ / 10
Nella scelta del voto forse èpotrei essere condizionato dal fatto che adoro i film di guerra, specie quelli non eccessivamente banali, e devo ammettere che questo film mi ha ben impressionato, certo non penso meriti le 6 statuette, ma ha il suo perchè

YaoMing  @  11/09/2011 02:08:59
   7 / 10
Buon film,ben girato e recitato e direi anche originale ma anch'io sono tra quelli che sostengono che le 6 statuette sono esagerate.
Bello ma non capolavoro come sostengono altri.

david briar  @  10/09/2011 23:49:00
   6½ / 10
L'anno scorso quando vidi questo film premiato alla cerimonia dell'Oscar ne rimasi molto stupito.Era contro un colosso come Avatar e diversi film decisamente piazzati meglio come Tra le nuvole o Bastardi senza gloria,in quanto avevano avuto successo sia di critica che di incassi.Com'era possibile che avesse vinto questo piccolo film che non si era filato nessuno?
La risposta è semplice:l'Academy ama premiare film che non si prendono dei rischi.

Infatti "The hurt locker"ha una prima parte che non appassiona neanche un pochino e strapiena di stereotipi.Dispiace dire che è colpa proprio dello stile di regia,che appare terribilmente freddo e distante dallo spettatore.Ok,la Bygelow ha una sua poetica personale che può piacere o non piacere,e in effetti la telecamera che ronza ossessiva intorno ai personaggi ha un suo perchè,tuttavia a mio parere è un grave problema non riuscire a coinvolgere chi guarda.
La seconda parte invece è da elogiare,nonostante una scena improponibile che ha l'aria di essere messa lì per sconvolgere ma invece fa venire il vomito.
Tuttavia è meno noiosa e un po' più riuscita dal punto di vista del coinvolgimento.Si prova maggiore interesse per il personaggio intepretato da Jeremy Renner e il finale è riuscito e in linea con il resto del film.
Per quanto riguarda Renner,dimostra un certo carisma e un buon talento,ma mi sembra esagerato nominarlo all'Oscar,se poi si snobba il Johnny Depp di Nemico pubblico.

E per tornare in discorso Oscar,è immeritato il premio al montaggio,visto che c'era Avatar.E'immeritato il premio al sonoro,visto che c'era Avatar.E'immeritato il premio al montaggio sonoro,visto che c'era Avatar.E'immeritato il premio alla regia,visto che c'era James Cameron per Avatar.E persino quello al miglior film non è meritato,visto che non si è premiato un film importantissimo come Avatar,che ha aperto nuove strade e che fa vedere cosa si può fare col 3D,regalando un'esperienza visiva unica.
Probabilmente l'Academy voleva segnalare un film piccolo e far vincere per la prima volta una regista donna.In effetti son riusciti a dargli visibilità,altrimenti dubito che avrebbe tutti questi voti qua su Filmscoop.Altri motivi non vedo in tutti questi premi.

In conclusione,"The hurt locker" nel complesso è un film almeno sufficiente,riesce a farsi apprezzare a suo modo,tuttavia non resterà nella storia del cinema e sarà,probabilmente,uno dei tanti vincitori all'Oscar dimenticati.Non aggiunge niente al genere,e dimostra ben poco coraggio.
E' la conferma che l'Academy fa scelte poco coraggiose quanto i film che premia,e la cosa più irritante è che quando si sono trovati davanti un vero capolavoro del genere come "La sottile linea rossa" (Oscar 1999)l'hanno lasciato a mani vuote..

Invia una mail all'autore del commento anthonyf  @  24/08/2011 10:09:00
   8½ / 10
Un film, devo dire, molto ben girato, sorprendente sotto diversi punti vista, ed anche angoscioso, crudo e realistico.
A pensarci, sembra quasi di star guardando un documentario, quantunque gli attori e la sceneggiatura ci siano tutti: non so se si tratta di un pregio, o di un difetto, ma, in ogni caso, la sensazione è quella.
Complimenti alla Bigelow, che ha saputo dirigere un pellicola molto intensa e realistica, che rende l'idea di ciò che i soldati hanno fatto in Iraq per le sorti di una guerra, combattendo (e disattivando mine!) per una causa che essi ritenevano giusta.
Straordinario il lato tecnico, con un montaggio eccellente, una fotografia meravigliosa, un sonoro da favola e costumi ben riprodotti.
Devo dire un 8.5 pieno. Non strappo il nove per via di piccoli discutibili particolari, come la lentezza del film nella prima parte, il soldato che comincia la sua vendetta perchè gli hanno ucciso il ragazzo col pallone, ecc. ma ripeto, sono solo piccoli dettagli che non influiscono con la pellicola in sè per sè, ma col parametro di giudizio.
Devo dire, concludendo, "UN FILMONE!".

Ermac  @  22/08/2011 16:47:34
   7½ / 10
Gran bel film di guerra, diverso dagli altri.

Gruppo COLLABORATORI julian  @  08/08/2011 03:22:40
   7½ / 10
Per quanto mi riguarda, questo film può dirsi più che riuscito, nonostante il numero degli illustri precedenti che trattavano di queste cose, alcuni dei quali diretti da Kubrick.
La Bigelow, con un taglio cronachistico, spazza via ogni retorica da film narrato, come aveva fatto qualche anno fa De Palma con lo snobbatissimo Redacted e immerge lo spettatore nel mondo della guerra, completamente, a costo di diventare noiosa e prolissa tra cariche esplosive e pallottole.
Il tag line "the war is a drug" può sembrare banale, così come il finale, eppure in un mondo in cui sia governanti che cittadini fanno la guerra per economia, non può che svilupparsi, infine, una forma di dipendenza.

PignaSystem  @  26/07/2011 11:58:32
   7½ / 10
La sabbia che si impregna di sangue, il caldo opprimente di un sole a picco che incendia i pensieri, la morte spesso incontrata di fronte nei tanti morti visti, o alle spalle in agguato ad appena un tiro di fucile di distanza. Ma sopratutto la tensione che genera l'adrenalina sulla semplice ma cruciale questione: "sopravviverò?". Questo è, soprattutto, "The hurt locker", l'ultimo film di Kathryn Bigelow, una cineasta che assieme all'ex-marito James Cameron avrebbe potuto diventare la regina del cinema mainstream, ma ha sempre scelto altre vie, e il che non significa che il suo non sia bel cinema, tutt'altro. Solo che i personaggi dei film della regista di "Point Break" non sono mai dati tutti in una volta,sono troppo complessi e "umani" anche se possono non parerlo come a volte capita qui, le sue storie non si chiudono comodamente o dando risposte assolute: se andasse avvicinata ad un altro regista, questo sarebbe Michael Mann, altro grande cantore post-western. I soldati americani confusi in un Iraq in cui la vita vale davvero pochi spiccioli non "esportano democrazia", come affermava tronfio chi ce li ha mandati, sono troppo contratti dal terrore di non arrivare al giorno dopo, da annullare ogni rapporto sociale o considerazione personale su quello che stanno vivendo, salvo rischiare un crollo psiconervoso dinanzi al cadavere scempiato di un ragazzino usato dalla parte avversa come arma e ritrovare un minimo di senso delle cose. Ma non è questione di buoni o cattivi qui, non c'è bandiera cui attaccarsi per giustificare la follia della guerra, non c'è una missione che se compiuta contribuirà a chiudere il conflitto: e il ritorno a casa che la sorte riserva non a tutti non basta a considerare la protezione dello scafandro antimina, quello che viene definito l' "hurt locker" una parte del passato. E tornare a quella dimensione di paura può essere considerata, non fare la spesa e pensare ad un figlio da crescere, la vera normalità. E' un film che spiazza, può non convincere tutti:le poche facce note durano pochi minuti sullo schermo,il narrato tagliato come un lungo reportage, montato con energetico vigore.

cort  @  17/06/2011 01:09:15
   8 / 10
tra i film di guerra spicca come originalita nella sceneggiatura, ottimo montaggio.
argomento trattato particolare e quindi a rischio, puo interessare o anche no ma è di fatto trattato molto bene. mi sono piaciute molte scene ed alcuni discorsi che sono molto sopra la media.

Invia una mail all'autore del commento stuntman bob  @  03/05/2011 17:27:27
   6½ / 10
Idea non male ma non ho visto giustificato nessun oscar tranne forse montaggio e sceneggiatura, la tensione è buona ma il ritmo è lento ma non sempre supportato da scene o dialoghi validi e in due ore di film ne servono molti, tutto sommato è un bel film ma non penso si guardi più di una volta

halb  @  25/03/2011 15:27:41
   6 / 10
Buono, ma i sei oscar sono tutti di troppo. Salvo quello per la sceneggiatura.
Dati i premi vinti, speravo di meglio, il film non mi ha entusiasmato, sufficiente.

Giulio422  @  14/03/2011 19:27:55
   7½ / 10
mi sono deciso finalmente a vederlo, buon film.... ritmo tenuto volutamente basso, ma buone scene di guerriglia e tensione tenuta ad un buon livello, forte l' artificiere, alla fine laguerra è una droga e se cominci quel tipo di vita non torni indietro !!

riobissolo  @  18/11/2010 12:55:01
   5½ / 10
Non è certo da oscar, ma si puo' guardare con un po di buona volontà . Non è abbastanza profondo nell'indagare l'animo umano dei soldati e non è abbastanza preciso dal punto di vista tecnico/militare, anzi a tratti palesemente poco credibile. Insomma un film via di mezzo che non convince .

guidox  @  09/11/2010 23:58:47
   7 / 10
come detto già da altri prima di me, quest'incetta di oscar è veramente troppo, perchè pur essendo un buon film, di sicuro non va nemmeno vicino ad essere il capolavoro che tutte queste statuette dovrebbero far presagire.
però il taglio con cui viene raccontata la storia è molto buono, alcune scene sono ricche di tensione e sono realizzate ottimamente e l'atmosfera che si respira è veramente realistica.
c'è comunque un senso di ripetizione a lungo andare, alla fine si calca un po' troppo la mano più sulla forma che non nella sostanza.
sul concetto della dipendenza da guerra dovremmo discuterne, perchè il punto di vista della Bigelow mica mi ha convinto troppo...ma si sconfinerebbe in temi politici che non ho voglia di affrontare.

romrom  @  09/11/2010 23:35:58
   6 / 10
A tratti molto lento...del tutto immeritata la valanga di oscar.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR rain  @  01/10/2010 15:13:01
   5½ / 10
Buona la scelta di prendere come protagonisti una squadra di artificieri, ma per il resto mi ha proprio deluso!
Qualcuno è in grado di spiegarmi come ha fatto a vincere l'oscar come miglior film "sconfiggendo" Bastardi senza gloria???????????!!!!!!!!!!!!!

1 risposta al commento
Ultima risposta 01/10/2010 15.19.12
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR 1819  @  20/09/2010 20:10:38
   7 / 10
Un prodotto valido per quanto riguarda i film di guerra, non sono un estimatore del genere ma devo ammettere che in questo caso, più che al fracasso e alla spettacolarità, si è cercato un approccio più intimista, prediligendo i dialoghi e la tensione. Questo ovviamente favorisce chi come me disdegna l'azione senz'anima, ma allo stesso tempo spiazza chi si aspetta un ritmo adrenalinico.
Azzeccata la scelta di mettere come protagonisti una squadra di artificieri, soluzione particolare che trova pochi altri riscontri.
Stenta un po' a decollare, ma col passare dei minuti la storia emerge, grazie anche alla bravura dei due protagonisti, mi sono piaciuti molto.
Non so se merita tutti quegli oscar, ma una visione di sicuro.

Lory_noir  @  13/09/2010 18:50:57
   5 / 10
Noioso, anche se con scene interessanti.

fedestip  @  03/09/2010 00:51:40
   6½ / 10
l ho trovato originale....anche se mi aspettavo qualcosina di più... però tutto sommato un film da vedere....

The_Brave  @  01/09/2010 19:59:06
   8 / 10
Film che ti lascia seza fiato per tutta la durata del film..Ottime le riprese e i dialoghi. Per gli amanti dei film di guerra è un toccasana x le loro pupille. Da non perdere assolutamente!!

ilcippo  @  16/08/2010 15:55:58
   7 / 10
Buon film anche se quella vagonata di Oscar mi sembra esagerata..Alcuni passaggi della trama mi sono sembrati poco chiari..

massimoruiz  @  08/08/2010 11:55:14
   6½ / 10
Non l'ho trovato un granchè e sinceramente non capisco tutti quei Oscar. Gli do 6,5 perchè penso che in ogni caso almeno una volta va visto.

ste 10  @  28/07/2010 01:39:55
   7½ / 10
Niente di innovativo peró il film è sicuramente ben girato mostrando la guerra in tutta la sua crudezza e disperazione: peró 6 oscar mi lasciano perplesso

enter  @  27/06/2010 21:08:43
   6½ / 10
parte bene...alla grande..molto interessante...poi piano piano il film si spegne senza "fuochi d'artificio"!!!sicuramente e un buon film x carità,tutto girato in modo originale su fatti che succedono realmente,ma x battere avatar c'e ne vuole....

marg˛  @  27/05/2010 19:57:10
   9 / 10
Film di "Guerra" ma girato secondo una prospettiva molto particolare o meglio originale: a me è piaciuto davvero molto e mi sono stupita vedendo tanti commenti negativi. Penso che gli Oscar li valesse davvero!

drobny85  @  27/05/2010 17:06:03
   7½ / 10
Visto tempo fa, giusto qualche giorno prima della sua consacrazione agli Oscar con ben 6 statuette.
La Bigelow è un ottima regista e con questo film ci fa vedere la guerra in Iraq da un altra prospettiva, quella di un unità di artificieri impegnata ogni giorno in una missione diversa e pericolosa. I personaggi sono ben caratterizzati, sopratutto il sergente William James, interpretato da Jeremy Renner, un vero "drogato dalla guerra" gli ultimi minuti del film infatti spiegano il perchè.
Onestamente lo trovo un buon film ma non tale da giustificare la pioggia di Oscar che ha ricevuto, i bastardi di Tarantino sicuramente meritavano di più.
Negli ultimi minuti possiamo notare la presenza di Evangeline Lilly, una delle protagoniste della serie tv Lost.

TIGER FRANK  @  20/05/2010 00:07:56
   6 / 10
Non ho ancora visto avatar ma se questo ha preso tutti sti oscar pensa avatar che poracciata de film!
non che questo sia brutto ma l'impressione che la regista avrebbe potuto fare di molto meglio rimane una certezza.
momenti un po' pasticciati(tutta la sequenza al buio nel secondo tempo),dialoghi un po' insulsi,qualche sequenza buttata la' alla meno peggio....dopo i primi 5 minuti parecchio adrenalinici e che promettono il resto e' un inutile attesa di un qualcosa che non succedera' mai...ossia il decollo del film.
Apprezzo i'argomento piuttosto originale ma sto film non mi pare proprio un capolavoro.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR jack_torrence  @  18/05/2010 16:04:14
   6½ / 10
The Hurt Locker, per espressa dichiarazione d'intenti della regista K. Bigelow, vuole essere un'esperienza sensoriale. E' costruito con cura per riuscire a portare lo spettatore nel cuore degli eventi.
Lo stile e la fotografia di impronta "documentaria" (analoga a quella dei film di Greengrass) ben si conciliano con l'inconoscibilitÓ del reale, con la reiterata assenza di spiegazioni sulla provenienza degli ordigni, su cosa ci sia dietro alla morte del ragazzino Beckham, su ogni cosa.
Di concreto, palpabile, rimangono solo la paura e l'assurdo (nel vuoto di senso che pu˛ produrre morte).

Quanto il film Ŕ contro la guerra? La domanda ha poco senso. Infatti il film non si preoccupa mai di spiegare, a un ipotetico spettatore che nulla sappia del conflitto in Iraq, la sconsideratezza di una politica estera che ha condotto, anzi ha creato, quella situazione.
Nel film non si legge alcun intento di denuncia.
E per˛ quando si fa un film sulla guerra, quando si fa un film su di una particolare guerra, non ci si pu˛ permettere di disinteressarsi del contesto, quasi che quelle situazioni fosse il fato ad averle volute.

"The hurt locker" soffre poi di un'ambiguitÓ peggiore.
Si apre con l'asserzione "la guerra Ŕ una droga"; questa asserzione, il protagonista la dimostra per tutto il corso del film, e la sua (giÓ vista, in tanti film sul Vietnam) scelta conclusiva di tornare nel caos della guerra, lo dichiara definitivamente.
Ebbene, un film come questo, costruito eminentemente per "far vivere l'esperienza sensoriale", si comporta col pubblico proprio come una droga. Una droga visiva, fornita in otto dosi, gli otto episodi del film.
Non dimentichiamoci che l'idea di una droga visiva era al centro di un altro film della Bigelow come "Strange days". La visione, non solo la guerra, pu˛ essere una droga. Questo la regista l'ha giÓ detto, lo sa bene.
Il film evita gli stilemi del film di guerra canonico, preferendo all'azione, e all'intrattenimento commerciale pi¨ classico, una struttura scomposta in otto episodi quasi indipendenti, celandosi dietro l'apparente ambizione autoriale di essere un film semi-documentario sulla guerra in Iraq.
Tuttavia, proprio la struttura episodica, rapsodica, contribuisce a persuadere di come il film lavori piuttosto come una droga, senza alcuna riflessione critica, nessuna denuncia, come la citazione posta in exergo sembrava invece promettere.

Invia una mail all'autore del commento Gondrano  @  15/05/2010 23:58:32
   6 / 10
Discreto.
Non mi ha impressionato né coinvolto granché, ben fatto ma niente che non fosse già stato raccontato.
Compitino semplice semplice portato a termine col minimo sforzo dalla Bigelow.
I miei prof mi dicevano sempre "Potresti fare molto meglio se solo ti applicassi di più": ecco, stavolta Caterina non si è applicata più di tanto, spesso ha fatto di più (mi vengono in mente Strange days e Point break).

unpoeta67  @  14/05/2010 20:11:18
   7½ / 10
ottima prospettiva della guerra in iraq , quella mostrata dalla bigelow , una prospettiva nuda e cruda , una visuale da primi piani di sudore e polvere.... con una fotografia splendida ed un taglio fotografico realistico e davvero ben curato....assolutamento consigliato

junior86  @  04/05/2010 20:12:25
   5 / 10
Da qui a dire che è il film dell'anno ce ne vuole eh....Ha vinto gli oscar più importanti non so come...ma chi decide a chi assegnare le statuette, topolino?
Visto la prima mezzora poi mi sono addormentato poi mi ha svegliato la mia morosa e il film è servito come sottofondo durante la nostra performance, finita poi in contemporanea con la fine del film...se non altro ho passato una piacevole serata...


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

s.i.m.o  @  02/05/2010 17:47:06
   5 / 10
Ma come ha fatto a vincere tutti quegli oscar?

3 risposte al commento
Ultima risposta 11/05/2010 15.09.57
Visualizza / Rispondi al commento
Sedizione  @  29/04/2010 21:26:27
   6½ / 10
Sinceramente mi aspettavo molto di più da questo film...non capisco come abbia potuto battere avatar alla notte degli oscar.
Film che sicuramente è fatto bene,la storia pure ma alla fine non mi ha lasciato niente.

dominus  @  28/04/2010 12:36:07
   6 / 10
buon film ma è esagerato 6 oscar x un film da 6

TeoLoco7  @  27/04/2010 21:02:37
   8 / 10
bello bello bello!

corvo4791  @  26/04/2010 01:50:06
   6 / 10
Filmetto da nulla premiato con una pioggia di oscar. Il solito modo di lavarsi la coscienza degli americani. Un pò come eleggere un presidente democretico dopo aver invaso un paese solo per rubargli il petrolio.

Voto film 6. Operazione politica 1. Non faccio la media perché voglio valutarlo solo come film. Sufficiente ma nulla di che.

Willy9  @  25/04/2010 20:49:25
   10 / 10
Questo film mi ha preso particolarmente, per via delle splendie ambientazioni e del tipo di telecamera, ottima la sceneggiatura , il motaggio e tutto il resto , oscar pienamente meritati

tonyx  @  23/04/2010 19:43:40
   8 / 10
Le ambientazioni sono bellissime, come pure il suono ed i tanti colpi di scena.

I tanti Oscar che ha preso dovevano andare ad Avatar..

cmq, altamente consigliato.

Alex89  @  23/04/2010 16:38:44
   6½ / 10
Sicuramente un bel film, ottimo in molti punti, ma 6 oscar? Stiamo scherzando, credo di aver visto film nettamente migliori, ma questo dimostra quanto vale ad oggi la statuetta, ma rientrando nel film, c'è una nota abbastanza evidente, tutto il film è rigirato al contrario, sembra l'America la vittima della guerra, poveri americani mandati a rischiare la vita, disinescare una bomba per salvare tanti civili, ed è questa la realtà?
La guerra chi l'ha voluta?
Assurdo, loro hanno voluto per interessi monetari andare lì e loro lì VOGLIONO rischiare la vita, nessuno gli ha obbligati a rischiare la pelle . Questo è il solito paracuIismo Americano, addirittura premiato con 6 oscar, il mondo dovrebbe aprire gli occhi, ah già, il mondo è sotto il loro dominio!
Da vedere per il disgustoso vittimismo(nel mezzo un gran stile della regista) americano.

2 risposte al commento
Ultima risposta 28/04/2010 01.54.29
Visualizza / Rispondi al commento
folco44  @  19/04/2010 16:52:16
   6 / 10
Buon film di guerra.
Immeritati tutti quegli oscar.

kossarr  @  19/04/2010 04:03:47
   4½ / 10
Mi sono sforzato di vederlo, sapendo che ha vinto l'oscar e dopo il filmetto dell'anno scorso volevo vedere se avevano fatto qualche progresso.
Premetto che per giudicare i film di guerra io parto dal voto massimo 8, perché non mi piacciono proprio e ritengo i soldati degli invasati come ogni persona che fa parte delle cosidette "forze dell'ordine".
Il film è ben diretto, la fotografia impeccabile e le ambientazioni direi esattamente cosa mi sarei aspettato dall'Iraq.
Il film... banale, lineare e classico per piacere all'opinione pubblica americana che ancora crede che l'attacco preventivo all' Iraq sia stata cosa buona e giusta senza ammettere l'evidenza, ossia che loro proprio non c'entravano niente e di "armi di distruzione di massa" non ce n'era neanche l'ombra.
Credo che abbiano puntato molto sull'empatia che si crea con la vita che quei soldati fanno ma... nessuno li ha obbligati, nessun soldato è stata reclutato con la forza, sono tutti volontari e per questo possono convincere solo un popolo che per il 90% è rimbecillito al limite dell'inverosimile.
Un magnifico film per perbenisti e benpensanti, ma io non sono proprio così.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

9 risposte al commento
Ultima risposta 28/02/2011 00.10.57
Visualizza / Rispondi al commento
EdwardBaker  @  18/04/2010 19:04:10
   6 / 10
6 oscar sono assolutamente eccessivi...Con la premiazione di Hurt Locker e Up l'oscar è diventato il premio del popolino, del prevedibile e della sopravvalutazione. Una regia molto bella, ma come pellicola dice davvero poco...Per fortuna che Avatar ha vinto i Golden Globe e non questa americanata.

shogun  @  18/04/2010 11:13:33
   7½ / 10
Molto realistico e carico di tensione quando assistiamo alle operazioni di detonaggio. Notevole la caratterizzazione dei personaggi e il loro rapporto con la guerra, dove ciascuno in quel luogo deve vincere la propria sfida di coraggio e adrenalina.

elmoro87  @  13/04/2010 18:57:51
   7 / 10
Bel film ma eccessivi a mio parere gli oscar, primo tra tutti quello per il miglior film... Storia ben congeniata anche se i dialoghi non sono niente di che, bella soprattutto perchè racconta la dura realtà, distante da noi eppure così vicina... Ottimo il finale, imprevedibile...
Brava la Bigelow dietro la macchina da presa, buona la sceneggiatura, ma credo che questo film sia stato sopravvalutato specialmente dopo il trionfo pluripremiato dall'Accademy... Di questo genere c'è di meglio, anche se questo è un buon prodotto...

scarface=2pac  @  10/04/2010 17:48:42
   7½ / 10
mhhh.....mi lascia un po cosi ma forse normale per il tipo di film...REALISTICO

gemellino86  @  08/04/2010 23:08:23
   6½ / 10
Un discreto film di guerra che perde qualcosa per la presenza di qualche luogo comune. Non mette in risalto la violenza ma racconta bene la storia. 6 oscar sono davvero tanti.

urxa  @  08/04/2010 18:07:04
   9 / 10
Bello, bello e bello. Va beh, sono di parte ho sempre amato la Bigelow, che si è sempre dovuta sopportare quel manierista di Cameron... :-)... Finalmente un film di guerra che non "condanna", non fa la solita retorica e NON giudica. Pericolosa a volte la sua filosofia. ma affascinante. (il culto dell'adrenalina?)

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

hulaplain  @  07/04/2010 21:33:38
   9 / 10
tutti gli oscar sono giustificati.
pur dovendo raccontare il lavoro degli artificieri non lo fa con estenuante lentezza e c'è una giusta dose di azione.
non il solito film di guerra. piacevole, molto piacevole.

  Pagina di 3   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 HOT
1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noida 5 bloods - come fratellidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy island
 NEW
ghostbusters: legacygli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estateoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)promarequa la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrichard jewellrun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia dĺarteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1006269 commenti su 43641 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net