Recensione the manchurian candidate regia di Jonathan Demme USA 2004
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione the manchurian candidate (2004)

Voto Visitatori:   6,72 / 10 (94 voti)6,72Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film THE MANCHURIAN CANDIDATE

Immagine tratta dal film THE MANCHURIAN CANDIDATE

Immagine tratta dal film THE MANCHURIAN CANDIDATE

Immagine tratta dal film THE MANCHURIAN CANDIDATE

Immagine tratta dal film THE MANCHURIAN CANDIDATE

Immagine tratta dal film THE MANCHURIAN CANDIDATE

Immagine tratta dal film THE MANCHURIAN CANDIDATE
 

Jonathan Demme torna al grande cinema con il remake dell'omonima pellicola di Frankenheimer del '62 (in Italia con il titolo di "Va' e uccidi") con Frank Sinatra come protagonista. Si tratta di un thriller di buona fattura, senza sbavature malgrado il temibile incontro fra elementi fantascientifici e la cruda realtÓ della narrazione di una campagna elettorale-tipo americana. La regia si sofferma appena sui ricordi che affiorano dagli incubi dei soldati, senza compiacimenti. Il racconto di quei terribili giorni emerge soprattutto dai volti scavati dei suoi protagonisti, dalle mani che tremano al ricordo, dal dolore e dallo smarrimento di non riuscire a capire cosa sia successo o cosa stia accadendo.

Denzel Washington, icona del cinema impegnato nero, interpreta bene il ruolo del soldato che cerca di capire la veritÓ, salvo qualche piccola sbavatura, qualche smorfia e ammiccamento di troppo per un attore del suo calibro (un po' quello che fa sempre il nostro Stefano Accorsi, inchiodato nelle sue faccette fra il meravigliato e l'ebete).

Una nota di merito va alla sublime interpretazione di Meryl Streep che si libera finalmente dai suoi ruoli dolci e strappalacrime per presentarci un modello di donna e madre assai poco rassicurante. Donna in carriera determinatissima, priva di scrupoli, non esita a mettere in atto nessuna azione pur di controllare il figlio e indurlo a seguire le sue personali ambizioni. A Venezia, dove il film Ŕ stato presentato fuori concorso, l'attrice ha dichiarato che per il suo personaggio non si Ŕ ispirata a Hilary Clinton o a Margaret Thatcher, come pi¨ di qualcuno aveva sospettato, ma piuttosto a politici di sesso maschile, di cui condivide la sfrenata ambizione e il pelo sullo stomaco.

"The Manchurian Candidate" Ŕ un film che concentra in sÚ due straniazioni: quella onirica degli incubi che perseguitano i protagonisti e quella reale e vivissima, inquietante, dei giochi di potere e della politica. Gli incubi sono anch'essi destinati a trasformarsi in qualcosa di assolutamente reale, perci˛ Ŕ lo stesso spettacolo cui si assiste che si delinea come realtÓ.

Non si pu˛ uscire dalla sala pensando di aver visto soltanto un film. La grandezza di Demme sta nel raccontarci una storia che, essendo priva dell'ideologia smaccata di un Moore, ha tutti i requisiti per essere vissuta come una vicenda reale. Ci˛ che aveva reso poco credibile Fahrenheit 9/11 era il riportare a una sola fazione politica tutti i mali del mondo, dimenticando per esempio che gli interessi sul petrolio sono molto trasversali negli Stati Uniti, oppure che lo stesso Kerry aveva a suo tempo votato a favore della guerra in Iraq (il fatto che si sia giustificato dicendo che lui aveva creduto al pericolo della armi di distruzione di massa non cambia di molto le sue responsabilitÓ).

Demme ha messo da parte gli schieramenti politici e ci racconta qualcosa che sentiamo tutti nell'aria: la possibilitÓ che una grande azienda diventi pi¨ potente di una nazione e che questo suo potere arrivi al punto di stabilire la politica di uno stato. A questo proposito, Ŕ esemplare nel film uno scambio di battute fra dirigenti della Manchurian dove si sostiene che il loro giro d'affari Ŕ superiore a quello dell'Unione Europea!

La parte fantascientifica del film, quella che narra di lavaggio del cervello e di sonde impiantate per condizionare il comportamento delle persone, non rassicura sulla poca credibilitÓ della vicenda narrata: siamo consapevoli sia dei grandi passi in avanti compiuti dalla scienza sia della capacitÓ del denaro di controllare le persone senza tanto bisogno di microchip e impianti cerebrali. Non stiamo forse giÓ pagando da decenni il costo che le multinazionali del petrolio ci impongono in termini economici, di guerre e di limitazioni alla libertÓ?

Commenta la recensione di THE MANCHURIAN CANDIDATE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Susanna! - aggiornata al 03/12/2004

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1013612 commenti su 44801 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net