Recensione una piccola impresa meridionale regia di Rocco Papaleo Italia 2013
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione una piccola impresa meridionale (2013)

Voto Visitatori:   5,97 / 10 (33 voti)5,97Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film UNA PICCOLA IMPRESA MERIDIONALE

Immagine tratta dal film UNA PICCOLA IMPRESA MERIDIONALE

Immagine tratta dal film UNA PICCOLA IMPRESA MERIDIONALE

Immagine tratta dal film UNA PICCOLA IMPRESA MERIDIONALE

Immagine tratta dal film UNA PICCOLA IMPRESA MERIDIONALE

Immagine tratta dal film UNA PICCOLA IMPRESA MERIDIONALE
 

Seconda prova registica dell'attore lucano Rocco Papaleo dopo "Basilicata coast to coast", il film "Una piccola impresa meridionale" allarga la visuale del regista dalla terra natale lucana a un sud ipotetico che abbraccia idealmente un'area che va tra Campania e Puglia (accanto a Papaleo e al suo accento potentino c'Ŕ la cadenza nord-barese della Loiodice e di Scamarcio e quella campana dei due soci dell'impresa di ristrutturazione) malgrado sia stato girato in Sardegna.

Se il primo film, viaggio lungo tutta la Basilicata e viaggio interiore per i protagonisti secondo i parametri classici del road movie, sceglie la strada del simbolismo tout court privilegiando l'immagine e la riflessione all'azione, la tematica della seconda pellicola abbandona il surrealismo sfrenato per soffermarsi sugli outcast, i disadattati spirituali e sociali quali sono tutti i personaggi della storia.

Costantino, il protagonista interpretato dallo stesso Papaleo, Ŕ infatti un prete che ha abbandonato la tonaca a causa di una sbandata sentimentale, sua sorella Rosa Maria ha lasciato il marito (Scamarcio), che a causa di questo Ŕ deriso da tutto il paese, per amore di Valbona, slava, di professione donna delle pulizie di sua madre, ex maestra, concentrato di principi e pregiudizi.
Accanto a questa famiglia sui generis si affiancano Magnolia, una ex prostituta sorella della compagna di Rosa Maria e i due soci dell'impresa di ristrutturazioni anch'essi altrettanto problematici (uno Ŕ un ex circense, l'altro ha la figlia in affido ed Ŕ alle prese con l'istruzione della piccola ).

Il faro, dove Costantino Ŕ mandato in esilio dalla severa genitrice, diventa cosý luogo di aggregazione per gente che non si sente accettata dalla societÓ che crede di essere "normale".
Cosý come nel romanzo di Virginia Woolf "Gita al faro", dove l'isolotto sperduto era anelato come luogo di pace e perfezione che una volta raggiunto consente alla pittrice Lily Briscoe di ritrovare la sua perduta ispirazione, anche per la famiglia di Costantino quel luogo impervio Ŕ un'occasione per conoscersi vincendo i pregiudizi, perchÚ "amor vincit omnia", superando qualsiasi impedimento perbenista.

Parabola anticonformista che spiega e combatte i principali tab¨ del mondo piccolo-borghese (la crisi vocazionale, l'omosessualitÓ, il tradimento coniugale, il meretricio).
Respinti dalla societÓ perbenista, gli emarginati costruiscono una comunitÓ quasi utopica che li aiuta nella loro crescita interiore, permettendo alla classica madre meridionale prigioniera di vincoli antichi di rompere il suo guscio e al contrario creando i presupposti per Magnolia, sempre fiera del suo lavoro di escort, di scegliere di trasformarsi in moglie fedele e innamorata.

Trama un po' furba supportata da bravi interpreti, un Papaleo credibile come sacerdote emarginato, uno Scamarcio che impara a prendersi bonariamente in giro, una Loiodice asciutta e rigida da tipica anziana della provincia meridionale, una Bobulova superstar molto ironica.
Bella la colonna sonora di sicuro impatto che alterna le musiche jazzate di Rita Marcotulli, le canzoni di atmosfera di Erica Mou e i testi surreali di Papaleo eseguiti da Riccardo Scamarcio.

Originale ma con un occhio rivolto a un pubblico pi¨ ampio, malgrado il regista abbia scelto delle tematiche apparentemente trasgressive.

Commenta la recensione di UNA PICCOLA IMPRESA MERIDIONALE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di peucezia - aggiornata al 14/11/2013 16.55.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1013203 commenti su 44759 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net