Recensione valzer con bashir regia di Ari Folman Israele, Germania, Francia 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione valzer con bashir (2008)

Voto Visitatori:   8,22 / 10 (149 voti)8,22Grafico
Miglior film straniero
VINCITORE DI 1 PREMIO CÉSAR:
Miglior film straniero
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film VALZER CON BASHIR

Immagine tratta dal film VALZER CON BASHIR

Immagine tratta dal film VALZER CON BASHIR

Immagine tratta dal film VALZER CON BASHIR

Immagine tratta dal film VALZER CON BASHIR

Immagine tratta dal film VALZER CON BASHIR
 

"Valzer con Bashir" è un film importante. Lo è perchè è un film d'animazione innovativo nella forma e nei contenuti, quindi merita di essere visto e studiato. Lo è perchè documenta, a suo modo, ciò che accadde in Libano nel 1982 senza retorica e senza partigianeria, partendo dall'inusuale punto di vista del soldato israeliano, quindi né la vittima, né il carnefice. Nessuno dei personaggi del film, infatti, è un personaggio di fantasia. Le persone sono state riprese in studio mentre rispondevano alle domande di Folman e poi disegnate ed, eventualmente, inserite in ambientazioni esterne.
Probabilmente è il primo film d'animazione (almeno di questa importanza) ad essere sostanzialmente un documentario; una scelta rischiosa, ma decisamente indovinata. Ari Folman, regista israeliano, racconta la sua esperienza di soldato in Libano, testimone della strage di Sabra e Shatila. Nel 1982 i campi profughi palestinesi alle porte di Beirut furono teatro di un massacro ad opera dei falangisti Cristiani libanesi, all'indomani dell'assassinio del loro leader Bashir Gemayel. L'esercito Israeliano fu testimone, se non complice, del massacro e Sharon, allora ministro della Difesa, fu costretto in seguito a dimettersi.

L'espediente narrativo di Folman è la sua mancanza completa di memoria dei suoi giorni da soldato; per ricostruire gli eventi e per capire quale trauma glieli abbia fatti dimenticare, Ari intervista i suoi vecchi commilitoni ed altri testimoni, in particolare il celebre reporter di guerra israeliano Ron Ben-Yishai: i racconti dei ricordi sono alternati, come in un classico documentario giornalistico, a scene ambientate nel presente di Folman che parla con i suo intervistati.

Il film si apre con una suggestiva corsa di un branco cani inferociti che si fermano sotto una finestra, dalla quale si affaccia un uomo, Boaz. Il sogno dei cani che Boaz racconta, evidentemente collegato alla sua esperienza militare in Libano da giovane, porta Ari a cercare le ragioni per cui non ha nessun ricordo dei giorni di Beirut, tranne la visione di una spiaggia e dell'inizio di una rappresaglia. Ari comincia quindi il suo viaggio alla ricerca di testimonianze che lo aiutino a recuperare i suoi ricordi e contemporaneamente distinguere i ricordi veri da quelli ricostruiti dalla sua mente.

La doppia anima di "Valzer con Bashir" resiste fino a tre quarti del film, quando l'urgenza della documentazione prende il sopravvento, fino a mostrare immagini di repertorio dei Palestinesi dopo il massacro per concludere il film. Ciò che resta, al primo impatto (per la drammaticità di quanto mostrato) è proprio l'ultima parte, con la rappresentazione della fine del massacro e dei cadaveri e delle macerie che restano nei campi profughi. Il racconto della strage è affidato alle parole di Ron Ben-Yishai, e diventa cronaca di quei giorni, della telefonata a Sharon evidentemente già al corrente della strage in atto e probabilmente complice fino all'ingresso nel campo profughi dopo il cessate il fuoco. Non c'è più spazio per le metafore e i racconti incompleti, per i punti di vista e i ricordi. Le immagini diventano reali, la disperazione dei palestinesi ci riporta nel mondo reale e annulla la barriera di bellezza con cui l'arte protegge lo spettatore dalla violenza rappresentata e con cui il sogno e la dimenticanza proteggono Ari dal proprio passato.

Nella prima parte, invece, la mancanza di memoria di Ari e dei suoi commilitoni porta il film su binari ben diversi: le riflessioni sul funzionamento della memoria e dei ricordi umani, nonché le portentose scene oniriche, regalano un'ambientazione al contempo affascinante e angosciante. La tecnica mista di animazione scelta da Folman e dal suo capo animatore Yoni Goodman, sotto la direzione artisitica di David Polonsky, riescono non solo a documentare gli eventi, ma anche a rappresentare e trasmettere gli stati d'animo, le paure, e i rimorsi dei protagonisti, integrando pensieri e realtà, ricordi veri e ricordi finti, immagini e musica, ambientazioni in CG e personaggi bidimensionali e colorati in modo da non avere profondità, seppur tratteggiati in maniera estremamente realistica.

Visivamente e tecnicamente, "Valzer con Bashir" si pone all'avanguardia dell'animazione e del cinema contemporaneo. La narrazione incastra lo spettatore fin da subito in uno stato d'animo di inquietudine, trasmettendo il disagio di Ari davanti agli scherzi della propria mente.
Il cambio di tono nel finale però sembra più un atto dovuto che una libera scelta artistica; Folman mostra chiaramente la responsabilità del governo Israeliano nella strage, ma non approfondisce, non sembra essere interessato più di tanto. La denuncia diventa manifesta, e infatti piovono i premi e le critiche positive dei giornalisti che confondono spesso contenuti e contenitore.
È importante sottolineare, però, che "Valzer con Bashir è un film importante soprattutto artisticamente, perchè la documentazione della strage è già stata affidata a scrittori e giornalisti. Un capolavoro ha il coraggio di rimanere fedele a se stesso; "Valzer con Bashir" ha uno scarto finale troppo evidente, dettato comunque dall'obiettivo di colpire lo spettatore al cuore oltre che agli occhi, e questo, se non un difetto, non può neanche essere visto come un pregio. Ma, nel complesso, è un dettaglio: quando un film riesce a non lasciare indifferenti, per argomenti trattati o per il modo in cui si sceglie di farlo, la sua visione lascia un'impronta, un seme di riflessione destinato a germogliare. "Valzer con Bashir" rientra sicuramente in questa categoria di film, sempre più rari al giorno d'oggi, e merita un'attenta visione.

Commenta la recensione di VALZER CON BASHIR sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di JackR - aggiornata al 21/01/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospetto
 NEW
easy living - la vita facile
 NEW
era mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvatiche
 NEW
il meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 NEW
the new mutantsthey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001134 commenti su 43095 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net