2019 - dopo la caduta di new york regia di Sergio Martino Italia, Francia 1983
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

2019 - dopo la caduta di new york (1983)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film 2019 - DOPO LA CADUTA DI NEW YORK

Titolo Originale: 2019 - DOPO LA CADUTA DI NEW YORK

RegiaSergio Martino

InterpretiMichael Sopkiw, Valentine Monnier, Anna Kanakis, Roman Geer

Durata: h 1.31
NazionalitàItalia, Francia 1983
Generefantascienza
Al cinema nell'Aprile 1983

•  Altri film di Sergio Martino

Trama del film 2019 - dopo la caduta di new york

-

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,60 / 10 (15 voti)5,60Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su 2019 - dopo la caduta di new york, 15 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Italo Disco  @  14/06/2018 15:39:21
   9 / 10
Cultazzo personale che assembla un trentennio di Bibbia cinematografica fantascientifica e fantasy in maniera spavalda e che come argomento anticipa I FIGLI DEGLI UOMINI del 2006, ma questo di Martino è più bello..... Dinamico, vivace e fiabesco accumula il più possibile personaggi bizzarri e situazioni avventurose copiando anche intere scene da altri film, ma ci ho visto anche un abilità e un senso di rispetto verso i punti di riferimento che ha creato un alchimia sui generis. Straordinarie le musiche degli Oliver Onions e l'ottimo montaggio di Eugenio Alabiso che aumentano la carica del binomio violenza&azione.

VincVega  @  15/12/2017 17:34:24
   6 / 10
B-Movie post-apocalittico di Sergio Martino, che sforna un mix tra "1997 - Fuga da New York", "Mad Max", "Il Pianeta delle Scimmie" e altri, ma anticipa anche certe tematiche, vedi "The Children Of Men". Che dire, viene fuori una trashata pazzesca, ma tutto sommato divertente. La sceneggiatura ha qualche trovata, peccato che i dialoghi siano scarni e banali. Non mancano le situazioni involontariamente (o volontariamente?) ridicole, ma devo dire che la pellicola intrattiene a dovere.
Che dire del cast: Michael Sopkiw è monoespressivo e non un granchè, ma possiede la fisicità giusta per il ruolo da protagonista. Tra gli altri attori, si alternano bravi caratteristi dell'epoca (Romano Puppo, Paolo Maria Scalondro, George Eastman), ad altri parecchio incapaci (Anna Kanakis pessima).
Essendo un film di serie B, si nota il livello basso del budget, ma nonostante tutto la produzione ha fatto il suo in allestimenti, scenografie, effetti speciali, make-up. Ecco, una delle note peggiori è sicuramente il fastidioso suono delle pistole e dei fucili del futuro, veramente inascoltabili e orribili anche per un B-Movie come questo.

Comunque non c'è da stupirsi se il mondo di "2019" sia apocalittico, la maggior parte dei personaggi sono dei dementi. Quindi tutto torna.

P.S. Meglio "2019 Dopo la caduta di New York", che le ultime stagioni di quella palla assurda che è diventato "The Walking Dead" (si lo so non c'entra un c***o).

Spotify  @  08/05/2017 16:47:23
   6½ / 10
Cult trash italiano degli anni 80. Martino, il quale è sempre stato un regista capace di sfornare b-movie di qualità, qui si lascia andare nella più totale ignoranza, sfornando un film che è un mix tra "1997" di Carpenter, "Mad Max", "Blade Runner" e "il pianeta delle scimmie", insomma, tutti i film distopici più importanti dei primi anni 80, eccetto l'ultima pellicola citata che risale al 1968. L'influenza più evidente però, è quella della pellicola carpenteriana.
La trama è ambientata a New York, nel 2019, in un mondo collassato a seguito della guerra atomica. Le città sono devastate e la maggior parte degli umani sopravvissuti sono stati contaminati dalle radiazioni e soprattutto, nessuno può più avere figli. Nella grande mela, vige il dominio degli Eurac, un' organizzazione di persone che hanno instaurato una specie di dittatura, comprendente un'area che va dall'Europa all'Asia, passando per l'Africa. I ribelli degli Eurac, i quali altri non sono che alcuni vecchi politici americani riusciti a scampare alle radiazioni e situati in un bunker di sicurezza fuori Manhattan, vedono finalmente l'occasione che può dare nuova linfa al genere umano. A New York, è stata individuata una ragazza fertile e lo scopo, è quello di portarla via dalla città, metterla al sicuro e darle la possibilità di prosperare. Il presidente dei ribelli allora, ordina al giovane Parsifal di entrare a Manhattan e portare via la ragazza con se. In cambio l'uomo verrà spedito su Alpha Centauri, un luogo nello spazio dove l'umanità potrà ricominciare. Così, comincerà l'avventura di Parsifal, tra le temibili guardie degli Eurac e gli orribili uomini mutanti.
Prima del 1983, il cinema italiano aveva già visto il parto di un altro post-atomico, e cioè il cult "1990: I guerrieri del bronx" di Castellari uscito l'anno precedente. Quel film li, era forse meno trash di questo qui, un tantino più curato, però, non aveva il ritmo e la dinamica che invece sono proprie del lavoro di Martino. Infatti, a dispetto delle influenze dei film americani sopracitati e di alcune trovate alquanto grottesche, "2019" è una pellicola che, nel suo essere, mi è piaciuta, mi ha fatto divertire.
Il film infatti, offre innanzitutto dei serissimi spunti di riflessione sull'umanità, dei quali, in pellicole del genere, non ne è scontata la presenza. Poi si, ovviamente sono degli spunti retorici, artefatti, ma già è tanto che siano presenti. Martino critica duramente l'uomo, lo dipinge come un dispensatore di guerre, un essere senza pietà, una figura capace di ridurre il mondo intero in macerie, di distruggere ciò che esso stesso ha creato. E quindi, secondo il regista, l'intero genere umano non si merita affatto una seconda opportunità, ma merita di soccombere, di scomparire. Una critica molto dura e diretta, però, come non dare ragione al director. Ma al di la del messaggio che Martino vuol mandare, ho apprezzato l'idea di inserire una critica così importante in un lungometraggio come questo, non me lo sarei mai aspettato. Tale appunto è anche sviluppato davvero bene, viene più volte sottolineato durante il corso del film.
Martino con pochi mezzi a disposizione riesce a sfornare un prodotto si, di serie b, ma coinvolgente, con una storia che tutto sommato, non è strampalata e con una serie di altri elementi che funzionano.
Ed uno di questi, accennato anche prima, è il ritmo. Il regista adotta una regia dinamica, frizzante. Non ci sono mai momenti di stanca e, benché alcune situazioni sono quelle che sono, lo spettatore si diverte, e man mano e sempre più preso dalla storia. La narrazione è validissima, il director si muove con mestiere attraverso umani mutanti, uomini-scimmia e un bel po' di colpi di scena, alcuni dei quali, azzeccati e imprevedibili.
C'è anche spazio per un po' di splatter, alcune sequenze difatti, non sfigurerebbero nei film horror più sanguinolenti. Abbiamo teste mozzate, occhi cavati, fuoriuscita di budella e così via. Oltretutto gli effetti non sono neanche male, limitati si, ma rendono bene.
Dunque Martino si conferma un abile miscelatore di generi, in quanto, all'apparenza, il gore sembrerebbe non centri niente con un action fantascientifico del genere, però poi il director è molto bravo a inserirlo nei contesti giusti. Penso che attraverso questa scelta, si sia anche voluto aggiungere un po' di "pepe" alla pellicola.
Tornando invece sul tema degli effetti speciali, un altro plauso va fatto al trucco. Funziona bene, vediamo come i contaminati siano pieni di pustole, di escrescenze a dir poco disgustose, frutto delle scorie radioattive contratte a seguito della guerra atomica. Chissà se Paul Verhoeven, per il suo "Total Recall", uscito nel 1990, ha tratto qualche idea per i mutanti che abitano Marte. Si notano forti similarità.
Ottime le scene d'azione, mai troppo trash. Ci sono ottimi movimenti con la macchina da presa, alcune sequenze sono costruite molto bene, ad esempio quelle ambientate in mezzo agli autobus distrutti. Non manca neanche la credibilità.
Il finale l'ho trovato dignitoso, anche abbastanza inaspettato. Martino riesce a non gettare all'aria quanto fatto di buono per 85 minuti e conclude la pellicola in maniera più che dignitosa, inserendo anche un pizzico di tristezza e romanticismo.
Ottima la colonna sonora, caratterizzata per lo più da sintetizzatori. Un tema musicale che rappresenta efficacemente lo stile del film.
Altro elemento che non dispiace, è la sceneggiatura. E' ovvio, presenta diverse pecche, però al contempo, ha delle belle trovate. Innanzitutto è piuttosto originale (per i tempi) la scelta di rendere sterile tutta l'umanità a seguito della guerra atomica. Un'intuizione davvero particolare e contenente anche un pizzico di critica sociale. Poi abbiamo 1-2 colpi di scena notevoli, come ad esempio quello finale:


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Lo screenplay segue anche una certa linearità e ha un buon ritmo.
Ovviamente, come accennato prima, ci sono diverse falle. Prima di tutto, le scopiazzature dai vari film citati all'inizio del commento, poi una terrificante stesura dei personaggi, nessuno è un minimo approfondito. Parecchie situazioni prevedibili e la cosa peggiore di tutte, i dialoghi, spesso ripetitivi e inutilmente filosofeggianti. Battute del genere sono utili in questo film quanto un orso polare nel deserto.
La scenografia convince per alcuni versi, per altri no. Partendo dai lati positivi, c'è da dire che, vista dall'interno, Manhattan devastata è realizzata degnamente. Somiglia molto a quella di "1997 - Fuga da New York", però, alla fine, si lascia apprezzare. Inoltre il regista sa valorizzare bene la location, la rende marcia e ci ricava pure qualche sequenza di suspense.
Però, quando poi le inquadrature sono esterne alla città, ci si accorge immediatamente che il director altro non filma che un modellino, peraltro realizzato male. Ma il bello deve ancora venire, essì, perché il citato modellino di Manhattan non è niente in confronto alla location identificata come l'Alaska. Qui si raggiungono picchi trash d'alta scuola, con quella che, in teoria dovrebbe essere una riproduzione del territorio dell'Alaska, ma invece, somiglia più ad una base lunare di un film di fantascienza degli anni 50.
La fotografia è senza infamia e senza lode, funziona in alcuni spaccati, in altri meno. E' forse più efficace nelle scene girate in location sotterranee, dove ci sono dei bei contrasti di luce.
Il cast beh, che dire del cast. Michael Sopkiw, che somiglia moltissimo a Kurt Russell, non penso abbia ben chiaro il significato del termine espressione. Gli altri interpreti non sono meglio. Spicca solo, il sempre valido Luigi Montefiori, alias George Eastman, in ruolo molto stravagante ma che solo lui poteva recitare.
Altra nota dolente è la totale anonimizzazione dei personaggi. Nessuno ha carisma o un'identità ben costruita da parte del director.
Per quanto riguarda le scene trash, a dire la verità non ce ne sono moltissime, ma quelle presenti, sono diventate immortali:


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Ultima menzione va fatta al fastidiosissimo suono delle pistole laser degli Eurac, roba da videogiochi (quelli dell'epoca si intende), e ho detto tutto.

Conclusione: un film che nella sua "trashaggine" sono riuscito ad apprezzare, e la cosa mi ha fatto davvero piacere perché ciò significa che ogni tanto, anche questo tipo di cinema, riesce a provocare sensazioni positive. E poi voglio dire, Sergio Martino è un nome rispettabile all'interno delle pellicole a basso costo nostrane, non parliamo certo di un Fragasso o di un Mattei. I difetti sono tanti, si, ma ho voluto premiare i non pochi lati positivi. Il 6 e mezzo forse è un po' largo come voto, ma con questi film, se è possibile, cerco sempre di essere più buono.

dagon  @  04/09/2016 17:55:41
   5½ / 10
Per questo film di Martino valgono un po' gli stessi discorsi fatti per "Endgame" di D'Amato. E' chiaro che stiamo sguazzando nel cinema di serie C, con svariate cadude nel trash. Forse è l'esponente di maggior spicco del post-atomico all'Italiana di quel periodo e, per non smentirsi, mischia "1997: Fuga da New York" con "Mad Max", rubacchiando qualcosa a "il pianeta delle scimmie" e a "la corsa della morte".
Il film dichiara subito la sua scrausità con un incipit che ci porta tra le rovine di una New York inscheletrita da una guerra nucleare che è palesissimamente un modellino, ma che sembra fatta bene se paragonata alla base in Alaska che comparirià pochi minuti dopo. Aria di poveracciata si respira ogni qualvolta compaia un raggio laser sparato da un fucile-balestra, o da una qualsivoglia altra arma, realizzato con effetti speciali tristissimi, accompagnati da un suono altrettanto patetico. I fucili poi, improvvisamente, da un certo punto in avanti, spareranno solo proiettili (sempre con il suono del laser).
La storia si snoda con non pochi nonsense e momenti che scivolano nel surreale. Nonostante tutto, viene condotto con un certo brio da Martino (ed in effetti è nettamente superiore -ammesso che questo voglia dire qualcosa- ad "Endgame") e, una volta che il film è stato adeguatamente contestualizzato, tutto sommato è perfino vedibile. Il protagonista simil Snake/Jena somiglia davvero a Kurt Russell, ma che non ha la benda nera sull'occhio, spostata su un altro personaggio (...a metterla sarebbe stato troppo "plagio", evidentemente)-
Per finire, potremo sghignazzare quanto vogliamo, ma, come Alien sgraffignò qualcosa a Terrore nello spazio, così Children of men qualcosa a questo 2019 deve sicuramente, a partire dall' uso di "Guernica".
Ovviamente il voto è altamente contestualizzato.

ferzbox  @  08/08/2016 19:39:53
   6 / 10
Prendendo in prestito lo scenario di Mad Max, Sergio Martino(o se vogliamo Martin Dolman) dirige la versione alternativa italofrancese del capovaloro carpenteriano "1997- Fuga da New York"....
I richiami al film di John Carpenter sono talmente evidenti che sarebbe impossibile non notarli; basti guardare il protagonista per associarlo subito a Jena Plissken....oppure mettere a confronto la trama; Jena doveva entrare in una zona di New York adibita a carcere di massima sicurezza dove i criminali erano lasciati nel più completo sbando al fine di recuperare il presidente degli Stati Uniti, mentre Parsifal (eroe di questa pellicola) deve fare la stessa cosa per trovare l'unica donna ancora fertile per poter dare speranza alla razza umana, condannata a vivere in un modo post atomico totalmente devastato e succube delle radiazioni.
In verità di richiami ce ne sono anche altri, se pur più velati.....come alcuni uomini scimmia nati dalle mutazioni genetiche(i costumi ricordavano una certa saga ), oppure la presenza di alcuni Cyborg chiamati "Replicanti" (mhà guarda un pò....)....insomma, Martino fa un minestrone con un accozzaglia di roba estrapolata un pò di qua e un pò di la, presentando un prodotto girato con quattro soldi ma tutto sommato abbastanza ritmato e decentemente studiato nei dialoghi.
Nonostante mi sono accorto della critica massiccia presente qui su Filmscoop una sufficenza io la voglio dare....per due motivi...
1) Queste produzioni erano molto meno squallide di quanto non lo fossero altre americane...

2) Bisogna ammettere che al di là di diverse sbavature nel lato tecnico, l'impegno c'era e si vedeva...

In pratica non me la sento di sputare addosso ad un prodotto che tentava di regalare qualcosa di originale e diverso dal solito....magari oggi fosse così; va giudicato per quello che è...in fin dei conti vengono tollerate certe pellicole trash che sarebbe davvero ingiusto deridere questa.
Certo, c'è da dire che Sergio Martino era un pò ridicolo quando affermava che la sceneggiatura era stata concepita prima del film di Carpenter( letto su Wikipedia).....si certo, e gli asini volano.....

1 risposta al commento
Ultima risposta 08/08/2016 22.48.52
Visualizza / Rispondi al commento
Jack_Burton  @  15/06/2016 11:19:02
   3 / 10
Imbarazzante in tutto...trash di cattivo gusto.

InvictuSteele  @  03/12/2015 15:15:08
   5 / 10
Filmone post-apocalittico che ricalca i migliori film sci-fi del periodo. Purtroppo in Italia non abbiamo mai avuto soldi per questo genere di film, perciò tutto è al risparmio, dai costumi agli effetti speciali, dando quella sensazione di goffaggine e di pochezza amatoriale. Tuttavia il film di Martino non è poi così malvagio, sì certo, ha mille incongruenze, azioni forzate, personaggi che sono sullo schermo senza motivo e utilità, il montaggio che fa pena e i dialoghi pure, però questo 2019 regge bene e non stanca, divertendo dall'inizio alla fine. Fuga da New York di Carpenter, è ovviamente un'altra cosa, ma questo è il sacro trash all'italiana ed io l'adoro.

-Uskebasi-  @  12/10/2014 17:45:15
   4½ / 10
Non riesco a capire il "perché" sia stato fatto.
Credevo fosse una parodia del film di Carpenter ma non lo è (ufficialmente), ha una sua storia originale, di fatto è un precursore di un mezzo capolavoro del 2006: "I Figli degli Uomini".
Non riesco a capire il "come" sia stato fatto.
Per quanto sia misero dal punto di vista tecnico appare evidente che siano stati spesi dei soldini, anche solo considerando le comparse e le location, a tal proposito mi è piaciuta tantissimo quella del cimitero di autobus.
E' un film immenso, ne succedono di tutti i colori, va dal trash all'ammirevole, ed è impossibile riuscire a ricordare tutto a più di un mese dalla visione come sto facendo io.
Ricordo che ci sono gli attori che interpretano Dracula e la creatura di Frankenstein in "Fracchia contro Dracula".
Ricordo che i cyborg venivano chiamati siborg, non so se questo sia frutto del genio o dell'ignoranza.
Ricordo un suicidio di un nano incomprensibile, inimmaginabile, inenarrabile.
Ricordo la mia difficoltà nell'assegnargli un valore numerico, perché è un film indecifrabile. Il voto obiettivo è tra il 3 e il 6. Non 4.5, proprio tra 3 e il 6.
3/6

CHIVALEVOLA  @  06/12/2011 01:21:34
   1 / 10
Io trovo che questa zozzeria di film sia orribile. Non "meravigliosamente orribile", orribile e basta.

Mi sto rendendo conto che esiste una corrente di pensiero che riesce a dare valore a robaccia come questa, classificandola alternatamente come "trash" ,"cult" o "B movie".
Se ne parla come di qualcosa che diverte e/o costituisce una forma d'arte.

Ma... quando è iniziata questa perversione? Come è successo? Di quali parametri critici si nutre?
Insomma... come è successo che, l'immondizia, è diventata un oggetto da considerare positivamente?

Sì... la so quella storia della "mer.da d'artista" ma... perché non riesco a convincermi, che la maggior parte della gente dotata di buon senso dovrebbe riuscire a considerarla soltanto mer.da... ed evitare, quindi, di farci la zuppetta?

Cos'è, che mi sfugge, che la rende qualcosa con cui riempirci i sandwiches, come sembra fare un sacco di gente, qui dentro?

76eric  @  13/05/2010 22:41:18
   6 / 10
Non è il genere di Martino e questo è noto.
Inutile il fatto che il regista dica che la "sua sceneggiatura" sia antecedente a quella di Carpenter di 1997 Fuga da New York (mio personalissimo top 3).
Questo film GRONDA trash da qualsivoglia lato lo si vuole vedere.
Voto trash 10. Però in fin dei conti è anche simpatico dai...........
Il rumore degli spari è troppo cool e la sassata al capo......, anche di più.
Da segnalare nel cast la presenza del "cane arrabbiato" 32. Cultrash.

2 risposte al commento
Ultima risposta 14/05/2010 18.34.40
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  27/05/2009 13:55:23
   4½ / 10
Come dimenticarsi di Parsifal che strizza l'occhio a The Snake?

B- movie poco "Fecondo" vista la trama. Si cerca, in una New York devastata dalla guerra, una donna fertile essendo divenuti tutti sterili... Non è poi così male solo che è sviluppato molto alla buona, e con più approfondimenti e meno cavolate a stampo trash sarebbe stato anche un bel film. Il regista è poco capace in questo genere, meglio vedersi suoi film più riusciti come "L'allenatore nel pallone".

andrea9002  @  14/02/2009 05:00:22
   7 / 10
Trashone doc made in Italy veramente imperdibile!
Solo per dare un'idea: in 1997 il protagonista si chiama Iena (Snake nell'originale) qui si chiama Parsifal...
E' veramente comico ma neanche involontariamente...
Per una serata in compagnia o per maratone trash...

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR frine  @  08/01/2009 03:50:35
   7 / 10
A me non è affatto dispiaciuto;-)
Basterebbe la magnifica scena del duello fra automobili (citazione kitsch-SF da "Gioventù bruciata") per dargli la sufficienza.
Citazioni evidenti (dall'ovvio "Fuga da New York" in poi) e forse, dico FORSE, anche qualche lodevole anticipazione:-)
Va bene, è lento, poco credibile, sceneggiatura debole....ma che volete, io con i siborg(!!!!!) in agguato, i nani e i topi di stile Argentiano, e tutto il resto mi sono divertita!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

HATEBREEDER  @  20/10/2008 18:31:48
   9 / 10
Pazzesco capolavoro trash del genere post-apocalittico, che attinge a piene mani da 1997 fuga da new york (anche se a sentire martino la sua sceneggiatura sarebbe stata scritta prima, rispetto a quella di carpenter...) e crea una sinfonia di inettitudine come poche: raggi laser stile telefilm dei power rangers, i "siborg" al posto dei "cyborg", occhi spappolati, attori che non muovono un muscolo del viso manco a pagarli oro, gente bruciata viva e mangiata dai topi, uomini scimmia col costume da sceicco, scene di lotta che un consulente di investimento unicredit è più credibile, duelli "senza regole" per decidere chi si tromba la bionda di turno risolti dall'eroe a calci nei maroni, nani che si suicidano urlando "sai che ti dico? che sei una *****!", e molto, molto altro ancora.
Questa è pura poesia, da non perdere.

Beefheart  @  06/04/2008 18:34:42
   4 / 10
Meravigliosamente orribile questo B-movie fanta-apocalittico di matrice italo-francese. Violento e truculento nelle immagini, grezzissimo nelle scenografie, dozzinale nella recitazione, banalissimo nella sceneggiatura e ridicolo nei dialoghi improponibilmente filosofici. Il festival del trash. Sconsigliato se non agli amanti del genere.

1 risposta al commento
Ultima risposta 08/01/2009 03.51.59
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in francealla corte di ruth - rgbamerican animalsancora un giornoannabelle 3arrivederci professoreasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgame
 NEW
baby gang (2019)banglabeautiful boy (2018)bene ma non benissimo
 NEW
birba - micio combinaguaiblue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaocarmen y lolache fare quando il mondo e' in fiamme?christo - walking on waterclimax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredaitonadentro caravaggio
 NEW
di tutti i coloridicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloriadomino (2019)due amici (2019)
 NEW
edison - l'uomo che illumino' il mondoescape plan 3 - l'ultima sfidafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sistersi morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposail flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil segreto di una famigliail traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikurskla bambola assassina (2019)la caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del malela mia vita con john f. donovanla prima vacanza non si scorda mail'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietatolucania - terra sangue e magial'ultima oral'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema (2019)ma cosa ci dice il cervellomaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormalnureyev. il mondo, il suo palcooro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'
 NEW
passpartu': operazione doppiozeropet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroidpowidoki - il ritratto negatoprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleaners
 NEW
raccolto amarorapina a stoccolmarapiscimired joanrestiamo amicirocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfie
 NEW
serenity (2019)sharon tate: tra incubo e realta'shazam!shelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbai
 NEW
skate kitchensoledadsolo cose bellespider-man: far from homestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abisso
 NEW
the deepthe elevatorthe intruder (2019)the mirror and the rascalti presento patricktorna a casa, jimi!toy story 4tutti pazzi a tel avivtutto lisciouna famiglia al tappetouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark web
 NEW
vita segreta di maria capassowelcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marewonder parkx-men: dark phoenix

990016 commenti su 41672 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net