71 frammenti di una cronologia del caso regia di Michael Haneke Austria, Germania 1994
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

71 frammenti di una cronologia del caso (1994)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film 71 FRAMMENTI DI UNA CRONOLOGIA DEL CASO

Titolo Originale: 71 FRAGMENTE EINER CHRONOLOGIE DES ZUFALLS

RegiaMichael Haneke

InterpretiGabriel Cosmin Urdes, Lukas Miko, Otto Grünmandl, Anne Bennent

Durata: h 1.36
NazionalitàAustria, Germania 1994
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 1994

•  Altri film di Michael Haneke

Trama del film 71 frammenti di una cronologia del caso

Un giovane, due giorni prima di Natale (1993) uccide per un banale litigio tre persone in una banca, poi si uccide a sua volta. La vicenda si sviluppa in realtà negli ultimissimi frammenti, ma è preparata attraverso le storie individuali di più personaggi o gruppi: un anziano malato; una coppia di aspiranti genitori adottivi; un ragazzino giunto chissà come da Bucarest; addetti alla sicurezza della banca; impiegati; scene di famiglia e scene di lavoro; scene di spostamenti; superstrade e svincoli...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,90 / 10 (5 voti)6,90Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su 71 frammenti di una cronologia del caso, 5 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  11/09/2014 13:59:30
   8 / 10
Terzo capitolo della cosiddetta "glaciazione". Un altro film di livello straordinario con evidenziato il malessere esistenziale che ci attornia.
Una coppia infelice, un'altra alle prese con una figlia adottiva problematica, un anziano abbandonato a se stesso, un giovanissimo clandestino rumeno, uno studente fissato con i rompicapo : tante vite, tanti spezzoni (frammenti, appunto) di gesti quotidiani estratti da un tran-tran uniforme, monotono, apparentemente senza alcuna eccezionalità.
Sullo sfondo c'è una Vienna grigia ed anonima e nel frattempo le televisioni blaterano: notiziari in cui alla tragedia, all'ennesima guerra o massacro fanno seguito notizie più leggere, se non stucchevoli. Un rituale in cui l'indifferenza del giornalista va a braccetto con quella degli spettatori. Non vi è indignazione, tanto meno coinvolgimento. Ci si illude sempre che il male non ci riguardi, che non possa ghermirci.
Haneke presenta la violenza nelle nostre case, del modo in cui è stata accolta senza alcun timore o remora, come faccia parte di noi e come sia facile e consueto ricorrere ad essa. In questo caso il regista austriaco parte da un fatto di cronaca -uno studente uccide tre persone all'interno di una banca senza alcun preciso movente- e dimostra questa sua teoria riguardo il declino di cui siamo vittime passive.
Lo stile glaciale, distaccato, come un quello di un entomologo che osserva i suoi insetti divorarsi a vicenda è tipico del regista, tanto da essere affinato splendidamente in alcune pellicole successive; i tanti segmenti convergenti nel finale offrono una narrazione destrutturata, magari non originalissima eppure intrigante, con i vari personaggi uniti da un epilogo collettivo in cui il destino deciderà a chi sono destinati i fatali proiettili.
Haneke suscita interesse mostrando scene di normalità assoluta, non cerca il clamore per attirare l'attenzione dello spettatore. Imposta un rapporto algido con l'argomento trovando aderenza ad una realtà possibile, dalla quale poi scaturiscono i mostri.
Non si cercano risposte, si giunge direttamente al dato di fatto, all'assodato, al mondo impazzito ormai lanciato in un rapporto sempre più oscenamente intimo con il male.

Ciaby  @  14/12/2013 19:00:31
   5½ / 10
Sicuramente è il meno riuscito della "trilogia della glaciazione": a fianco dell'insuperabile "Il Settimo Continente" e del meno riuscito, ma comunque interessante "Benny's Video", "71 Frammenti" non regge il paragone.

Resta comunque lo stile di Haneke, uno dei migliori registi contemporanei (e non solo).

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  04/01/2011 21:15:59
   6½ / 10
Ci vuole pazienza e poco sonno per seguire questo film mortalmente banale nelle azioni quotidiane dei suoi vari protagonisti. Il tutto è ovviamente voluto dal regista e Haneke si conferma affilato come un rasoio nello stupire e sconvolgere pur avendo praticamente anticipato tutto quello che vedremo nel breve riassunto iniziale; arrivare alla fine non è facile ma quegli ultimi dieci minuti gettano nuova luce su tutto il film visto in precedenza. Effettivamente qui si tratta di un'analisi spietata del vuoto e della piattezza che attanagliano la vita dei molti personaggi,piattezza che porterà uno di loro al terribile gesto finale. Stacchi bruschi caratterizzano il montaggio quando si passa da un personaggio all'altro ma è difficile provare qualsivoglia emozione per tutta la durata del film,finale escluso ma è ovvio. Se fa parte della trilogia della glaciazione si capisce ovviamente il perché,e lo stile rigorosamente radicale di Haneke ancora una volta non fa alcuno sconto.
Si passa dalle tragedie evocate dai telegiornali ai gesti di vita quotidiana,analizzate entrambe con freddezza da chirurgo,e infine sarà il quotidiano ad entrare nei "casi straordinari"; I telegiornali,tra notizie inutili ed altre di crudele normalità,nella tragedia che sconvolge la normalità si chiedono il perché di tale follia; Haneke non dice nulla,non fa trasparire alcune emozione né alcuna sensazione per tutto il film ma si sente implicitamente la sua domanda nell'aria,dopo l'ultima interruzione del tg: perché? Guerre e stupri,atti improvvisi di pazzia senza motivo,alla fine rimane sempre questa domanda a pendere come una condanna.


Se si ha lo stoicismo di guardare scene colme di una vuotezza disarmante, con il risultato di farla apparire comunque una pellicola poco appetibile e troppo pretenziosa, può anche essere un'esperienza da fare comunque.

BlackNight90  @  18/02/2010 17:19:29
   6½ / 10
Né entusiasmante né innovativo, un minore di Haneke ma anche uno dei primi, bisogna dirlo.
La regia di Haneke è statica e fissa, quasi documentaristica, si riconsce già il suo stile personalissimo ma in questo caso ametto di aver fatto moolta fatica nel seguirlo.
Quello del regista austriaco è un mosaico di drammi personali, tante vite mediocri che si incrociano negli ultimi 15 minuti, la parte migliore del film: prima, a dominare è la freddezza dei rapporti umani, il senso di isolamento e di insofferenza comune ai giorni nostri.
Protagonista del film è la televisione, coi suoi telegiornali che pretendono di raccontare in mezz'ora la verità dietro le tragedie, le morti e le guerre del mondo per poi passare subito dopo a parlare di scandali amorosi, gossip o ca.zzate varie.
Non bisogna credere solo alla realtà proposta dalla tv, la vita è ben più tragica nei suoi piccoli drammi quotidiani.

1 risposta al commento
Ultima risposta 27/04/2010 01.57.17
Visualizza / Rispondi al commento
DarkRareMirko  @  22/10/2008 20:08:35
   8 / 10
Terza ed ultima parte della trilogia della glaciazione di Haneke, ed a mio avviso la migliore.

Gli attori sono bravi, la sceneggiatura e la regia (regia intesa sempre Haneke style, però, ossia "fredda e distaccata", come direbbe Travis Bickle nel capolavoro Taxi Driver[ed ecco che risalta fuori Scorsese, oh!]) ottime come al solito, e la vicenda interessante.

Questa volta non è la borghesia ad essere presa di mira dal regista, e nemmeno propriamente la violenza di per sè, ma bensì il potere mediatico della televisone (e in particolar modo il suo potere distorcente riguardante l'informazione) e, secondo me, un certo modo di fare televisione.

Per più di tre quarti della durata del film assistiamo a tante diverse storie di persone, che vanno dal vecchio al bambino passando per il lavoratore (eppure, a differenza di altri film di Haneke, primo fra tutti forse Benny's Video, qui non c'è nessuna ombra di noia), fino ad arrivare al momento clou della vicenda; un giovane per motivi futili spara ed ammazza svariate persone in una banca e poi si suicida egli stesso.

Il tutto, nell'incisivo finale assume un perchè (almeno per il senso del film); in sostanza la notizia della strage viene fornita dai telegiornali in modo normalissimo, empaticamente, per non dire velocemente, tra una notizia e l'altra, passando da un dramma infinito come quello che può essere una strage, per poi giungere in un batter d'occhio alle informazioni relative all'ultimo concerto di Michael Jackson.

Mediate gente, meditate.
Consigliato.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
antebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammerun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1005031 commenti su 43502 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net