blow up regia di Michelangelo Antonioni Gran Bretagna 1966
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

blow up (1966)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film BLOW UP

Titolo Originale: BLOW-UP

RegiaMichelangelo Antonioni

InterpretiDavid Hemmings, Vanessa Redgrave, Peter Bowles, Sarah Miles, John Castle, Jane Birkin, Gillian Hills

Durata: h 1.50
NazionalitàGran Bretagna 1966
Generedrammatico
Al cinema nel Settembre 1966

•  Altri film di Michelangelo Antonioni

Trama del film Blow up

Un giovane fotografo in cerca dei vari aspetti della vita londinese si sofferma su una coppia in vena di effusioni. Evidentemente fotografa qualcosa di pi¨, perchŔ una donna gli offre per il rullino qualcosa che non pu˛ rifiutare..

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,77 / 10 (67 voti)7,77Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Blow up, 67 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  24/01/2021 18:04:10
   8½ / 10
Riflessione cinematografia sulla vita e il cinema stesso. Affascinante e angosciante. Bellissimo il finale, con la partita a tennis tra mimi: è il cinema, è la vita.

Invia una mail all'autore del commento marco986  @  24/05/2020 00:03:24
   7½ / 10
Uno dei film più noti di Antonioni.

Ambientato a Londra, poco prima del 68, da cui prenderanno spunto in tanti da De Palma a Coppola passando per il Fumo di Londra( per l'ambientazione inglese) di Sordi.

Un fotografo David Hemmings(doppiato da Giannini) è protagonista di questa vicenda a metà strada tra un film tipico del regista ed una sorta di giallo.

Debutta nel film anche una giovane Vanessa Redgrave.


Prodotto da Carlo Ponti il film vinse il premio a Cannes.


Sceneggiano Antonioni e Tonino Guerra.


Musiche di Herbie Hancock

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  20/09/2018 03:53:00
   8½ / 10
Visto e rivisto, uno dei capolavori di Antonioni e certamente il suo film più innovativo e sensuale. Esordio per Twiggy.

Thorondir  @  02/11/2017 14:36:58
   8 / 10
In Blow up Antonioni porta avanti la sua estetica già iniziata all'inizio dei '60, quì con uno sguardo più moderno e "urbano". Rimane il suo stile asettico e distaccato, che è allo stesso tempo punto forte della sua poetica e punto debole: sebbene questo film scorra via meglio di altri suoi lavori, si ha sempre l'impressione che alla fine manca qualcosa, manca un vero messaggio che renda il film altro oltre alla solita mestria registica e formale. In verità, Antonioni fa quì emergere le contraddizioni del protagonista, risoluto e quasi totalitario quando deve impartire ordini alle sue modelle, incapace di agire quando è testimone di un omicidio. Rimane fermo e in silenzio e la partita di tennis finale muta e mimata sembra riflettere il suo essere inetto. Sarà proprio lui a rimettere la pallina nel "campo da gioco", lui che aveva la possibilità di svelare e che non lo ha fatto.

Blow up è cinema di Antonioni e è facilmente non apprezzabile da chi nel cinema cerca altro. Un film che nella sua apparente semplicità nasconde molteplici interpretazioni e che comunque chiarisce di nuovo la straordinaria visionarietà registica e stilistica di Antonioni.

Mattia100690  @  28/08/2017 16:45:14
   8½ / 10
Antonioni dirige magistralmente uno dei più bei thriller nostrani, capace di attirare l'attenzione del pubblico estero e di registi affermati. Assolutamente da vedere.

C_0_  @  21/08/2017 19:33:47
   3½ / 10
Con questo film ho scoperto che realizzando mattoni si può essere definiti geni. Non lo consiglio nemmeno al mio peggior nemico. Forse va bene solo per chi soffre di insonnia. Una martellata nei genitali è preferibile.

1 risposta al commento
Ultima risposta 20/10/2017 16.12.39
Visualizza / Rispondi al commento
DogDayAfternoon  @  11/09/2016 22:48:41
   5 / 10
Sapevo benissimo di andare incontro a qualcosa che non avrebbe sposato il mio gusto, erano anni che cercavo di starne alla larga ma la curiosità di vedere un film così acclamato mi ha spinto a compiere questo sforzo.

Come previsto, un film tutta forma e zero sostanza. Dal punto di vista della regia, della fotografia e dei costumi è un'opera di qualità e per certi versi anche avveniristica, però il tutto è fine a se stesso perché poi stringi stringi a fine visione non rimane nulla.

Per come la vedo io, film di questo tipo sono opere incomplete: un film non può essere solo estetica, ma oltre a questa devono esserci anche trama e intrattenimento; altrimenti sarebbe come rimanere fermi immobili 120 minuti davanti ad un quadro.

Comunque è più che altro stato un errore mio l'averlo visto, per chi in un film cerca qualcos'altro oltre all'aspetto tecnico e visivo è un film assolutamente sconsigliato.

KitaVerde  @  30/07/2016 12:21:25
   7 / 10
60s in una maniera incredibile, fascino vintage e high moments. La scena del parco vale tutto il film, il silenzio e l'inquietudine che trasmette è incredibile. Grande Hemmings.

Paolo70  @  16/07/2016 16:40:06
   6½ / 10
Film quasi discreto che scorre bene a parte alcuni brevi tratti. Protagonista un fotografo che scopre dallo sviluppo di alcune sue foto un delitto... Si può vedere anche se non è indimenticabile. Bravo il protagonista, buona la regia.

Neurotico  @  18/06/2015 15:46:18
   7½ / 10
E' il primo film di Antonioni che vedo, e ne sono rimasto senz'altro affascinato.
Ciò che più mi ha colpito del film è l'estro visionario di Antonioni nelle sequenze d'apertura con la jeep di mimi festanti, le sedute con Hemmings che con una danza di seduzione fotografa la suadente Veruschka, il fotografo alle prese con le due vanitose modelle Jane Birkin e Gillian Hills che giocano mezze nude nel suo studio, nonchè la bellissima sequenza nel parco dove il protagonista incontra la Redgrave che stava pianificando (probabilmente)l'omicidio del marito.
Antonioni basandosi sul racconto La bava del diavolo dell'argentino Julio Cortazar inscena un film di certo non fondato sui dialoghi ma sull'immagine, tutta da interpretare, suggestiva, potente ed allarmante, carica di significato solo se lo si vuole cogliere, magari impicciandosi degli affari altrui con spudorata invadenza, e presuntuosa arroganza.
E alla fine chi per inclinazione o professione è destinato a osservare e scrutare non fa altro che assistere uno spettacolo finto, come suggerisce la partita a tennis dei mimi nel finale, con pallina e racchette immaginarie, su un campo vero, in una metafora splendida che rispecchia la situazione del fotografo, costretto a immaginare un delitto senza arrivare a niente, pur partendo da sospetti reali (o solo presunti tali).

GianniArshavin  @  03/07/2014 11:44:59
   8 / 10
Dopo il suggestivo ma lentissimo "Zabriskie point" torno al cinema di Antognoni con "Blow up" ed è inutile dire che questa volta è stato amore!
Nonostante i ritmi non siamo elevati nemmeno qui , questo prodotto del regista italiano è davvero magnetico ed interessante in ogni scena , un mosaico composto da sequenze memorabili entrate di diritto nella storia del cinema (e omaggiate da svariati registi in futuro) che trova la sua perfetta chiusura in un finale portentoso ed ambiguo.
Il regista ci immerge in una Londra oziosa e grigia dove il protagonista , un David Hemmings ispiratissimo , si muove insoddisfatto malgrado tutti gli agi di cui gode. Questo scontroso ma affascinante fotografo si ritroverà immischiato in un qualcosa più grande di lui , un evento misterioso che potrebbe dare una svolta decisiva alla sua vita.
Come detto ogni fase del film ha un suo senso ed un suo significato all'interno della storia , ed anche le scene che sembrano messe li a caso troveranno una possibile spiegazione nel già elogiato finale.
Tecnicamente ci troviamo di fronte ad un'opera ancora moderna al giorno d'oggi , un lavoro senza sbavature ed impeccabile per quanto riguarda la regia e la fotografia.
Questo "Blow up" quindi è un classico da vedere ed assaporare senza nessun timore reverenziale.

2 risposte al commento
Ultima risposta 03/07/2014 20.38.42
Visualizza / Rispondi al commento
Oskarsson88  @  04/02/2014 17:10:29
   7 / 10
Direi che mi trovo d'accordo sia con chi critica il film che con chi lo esalta... nel senso che da una parte abbiamo una lentezza un po' estenuante, dall'altra una bella fotografia e dei personaggi caratteristici. Come sempre Antonioni divide, essendo un regista particolare, ma non mi sento di prendere una posizione precisa rispetto a questo film, perciò resto nel mezzo...

ZanoDenis  @  26/11/2013 17:52:48
   4 / 10
Non riesco proprio a digerirlo.
Ho visto il film e l'ho pure sentito analizzare dalla prof dell'università.
Devo ammettere che la regia e alcune immagini sono ben fatte, ok ma è l'unica cosa positiva del film. Per il resto è il film più lento che ho mai visto, sembra dura 10 ore e sono andato spesso vicino all'addormentarmi, inoltre ci sono pochissimi dialoghi e sono pure "nonsense", quasi vicini al grottesco, ma in un modo particolarmente fastidioso. L'altro fattore è che il film non riesce completamente a coinvolgere, estraniazione totale dello spettatore, il protagonista privo di un proprio spessore, così come il resto dei personaggi. La trama e il soggetto sono praticamente ridicole, e non sono neanche spiegate allo spettatore, per tutto il film si vedere il protagonista fare azioni senza senso

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Non sarei stato così cattivo se comunque il film avesse avuto un minimo di ritmo per non risultare pesante, ma è una palla assurda.
Adesso concludo con una frase rilasciata da Orson Welles su Antonioni : " Secondo la giovane critica americana , una delle grandi scoperte della nostra età è il valore della noia come soggetto artistico. Se è così Antonioni merita di essere annoverato come un pioniere e un padre fondatore ". E senza offesa, ma lo dice Orson.
Concludo io dicendo : " Se siete indecisi tra il vedervi una divertentissima partita del Chievo e questo film, vi conviene vedervi il Chievo"

2 risposte al commento
Ultima risposta 26/11/2013 20.39.32
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  02/09/2013 22:26:22
   9½ / 10
L'ho trovato un capolavoro enorme, ma davvero enorme anche se solo ripensandolo a mente fredda.
Bisogna stare attenti perché è angosciante pensare che questo film, secondo alcuni opera aperta, sia un gioco di specchi infinito che confronti del cinema, dell'uomo e del reale tale da atterrire. Seriamente, ho ancora l'angoscia addosso e non voglio rivederlo mai più. Antonioni, come hai fatto?

sweetyy  @  25/04/2013 04:15:09
   3½ / 10
Inutilmente lento e troppo poco coinvolgente, inoltre i personaggi sono privi di spessore e personalità.

7 risposte al commento
Ultima risposta 25/04/2013 18.22.00
Visualizza / Rispondi al commento
Leonardo76  @  26/07/2011 20:08:35
   5 / 10
film che concede troppa libertà d'interpretazione allo spettatore, per alcuni questo è un pregio per me no.

favoletta  @  17/05/2011 19:49:07
   8 / 10
Chi è in cerca di un film avvincente, ingannato dalla idea del ritrovamento di un cadavere giri a largo.Qui si premia la fotografia, la regia, le inquadrature, non certo la trama.Il film è volutamente di una lentezza quasi nauseante, per rendere l'atmosfera pesante, inquietante e scandita solo dal protagonista dai ritmi nevrotici.I mimi portano una nota di poesia decadentista.Ogn inquadratura sembra gridare che la verità appare distorta quando si è dall'altra parte dell'obiettivo e della camera.
Il maestro Antonini incanta, disillude e come sempre ci lascia inquieti.

vodici  @  24/03/2011 13:39:41
   2 / 10
Ho sentito parlare molto bene di questo film e quindi ho deciso di vederlo ieri sera. Purtroppo il mio voto risulta essere condizionato da un'unica cosa negativa: il ritmo. Le altre cose sono buonissime: regia, fotografia, e musica! Inoltre molto buona la performance di David Hemmings. Ma il film risulta di una lentezza disarmante. Quasi nauseante. Il fatto principale, ovvero la scoperta del cadavere nelle fotografie, avviene a circa 1 ora dall'inizio del film. Questa ora si poteva benissimo tagliare, perchè NN racconta granchè. Film tirato troppo per le lunghe e che diventa pesantissimo come un "Via col Vento". NN ho, tra l'altro, particolarmente apprezzato neanche il finale. Mattonata!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR pier91  @  12/12/2010 02:06:42
   6½ / 10
Guardandolo mi è parso di respirarla un po' l'atmosfera di quegli anni, che non ho vissuto. Ci sono scene che mi hanno colpito, convinto persino. Il finale è incredibilmente eloquente, perfetto. Nonostante questo, non potrei dire che mi sia piaciuto. L'ho trovato noioso, ma forse non è questa la parola giusta. Non sono il tipo che si fa intimidire dai lunghi silenzi o dalle virate dei registi, ma sono impaziente, non tollero di aspettare il finale di un film per cogliere la pasta di cui è fatto. E se poi il finale è bello oltre l'ordinario, bene, tanto di cappello, ma non mi basta

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR oh dae-soo  @  09/09/2010 15:58:57
   9 / 10
ATTENZIONE: il commento potrebbe contenere anticipazioni.

Non ho mai amato chi parla di presunta superioritÓ del passato rispetto al presente. Nel cinema questo Ŕ un pensiero diffusissimo. Non credo che la creativitÓ, l'intelligenza, la maestria dell'uomo possano esser peggiorate negli anni perchŔ a peggiorare Ŕ la societÓ, le abitudini, i gusti, non il DNA. Quello che per˛ Ŕ senz'altro vero Ŕ il peggioramento MEDIO delle storie raccontate nel cinema. Tutto ci˛ Ŕ dovuto a molti fattori di cui 2 a mio parere predominanti: l'inevitabile bacino di nuove idee che inevitabilmente si prosciuga sempre di pi¨ e le nuove tecniche del cinema moderno, l'avanzare grafico e tecnologico che purtroppo, in un cinema sempre pi¨ spettacolo, sono spesso anteposte al soggetto, all'idea, alla vetusta trama.
Antonioni, pur eccellendo nel comparto tecnico, inteso semplicemente come regia e fotografia, dimostra con Blow Up quanto una sceneggiatura semplice ma scritta con i controc... possa far impallidire il 90% di quelle attuali.
Parlare dell'eleganza registica di Antonioni Ŕ il classico chettelodicoafa. Mi piace solo soffermarmi sul taglio dell'inquadratura, sull'uso che fa il maestro della scenografia, degli oggetti, per ritagliare l'immagine a suo piacimento. Avevo notato quest'arte nel "In the mood for love" di Kar Wai (solito dividere a metÓ l'inquadratura con mura o tende), in Antonioni Ŕ quasi maniacale. E non parliamo delle scene in camera car, semplicemente perfette (senza computer...)
La fotografia che dire? Blow Up parla di fotografia, intendendo quella statica, probabile omaggio del regista a uno degli aspetti pi¨ curati e importanti per lui in cinematografia. Ad un certo punto nel film una foto viene paragonata a un quadro, sublime crasi di tre arti.
Come dicevo prima per˛ sono rimasto affascinato dalla straordinaria sceneggiatura, dal lento incedere della storia, dall'atmosfera a tratti surreale (ma alla luce dei fatti c'Ŕ forse un perchŔ...) dagli incredibili silenzi, lunghi anche 10 minuti, di cui il film si riempe. A questo proposito la scena dell'analisi delle foto Ŕ di una forza impressionante e fa invidia a parecchi pseudo thriller di oggi (oltre ad essere IDENTICA alla scena portante di "Uomini che odiano le donne" - una foto di una donna che guarda impaurita da una parte, e un'altra ingrandita- blow up- per cercare di capire cosa sta vedendo).
Il genio per˛, quel quid che rende forse il film un capolavoro Ŕ il meraviglioso finale. Il corpo non c'Ŕ pi¨, anche se potrebbe benissimo esser stato portato via, ma con la scena da pelle d'oca dei mimi l'ipotesi pi¨ forte diventa un'altra. La fantasia, l'immaginazione sono alcune delle pi¨ potenti e importanti cose che sono state regalate all'uomo. Se solo ci crediamo possiamo veder tutto, sognarci qualunque cosa, da un corpo morto disteso nel prato a una pallina da tennis che magicamente ci cade vicino ai piedi.

5 risposte al commento
Ultima risposta 10/09/2010 21.23.45
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI atticus  @  22/08/2010 02:33:42
   8½ / 10
L'occhio è sincero o davvero le cose sono diverse da come appaiono?
Vertiginosa riflessione sull'inganno delle immagini e sul cinema come finzione, inizia come una vivace commedia modaiola in una insolita swinging London per poi addentrarsi nei meandri di un raffinatissimo thriller della psiche che culmina in un finale metaforico indimenticabile.
Antonioni dirige con uno stile ricercato che fece epoca, seguendo il suo protagonista (l'ottimo Hemmings) nel vorticoso gioco di specchi dalle tonalità pastello creando momenti (come quello del servizio fotografico a Verushka o l'intera sequenza al parco) di grandissima suggestione. Un film irrinunciabile.

LR9000  @  18/07/2010 11:14:35
   6 / 10
Mah...a me non ha dato proprio l'idea di un "capolavoro" come la critica giustamente definisce Blow Up.
Antonioni propone uno spunto interessante ma poi si perde (volontariamente?) in lunghe sequenze fatte su paesaggi londinesi o bei corpi delle modelle rendendo poco intrigante tutto il resto.Merita comunque una piena anzi pienissima sufficienza.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Ch.Chaplin  @  10/06/2010 11:44:58
   9 / 10
non ci sono parole..come usa la macchina antonioni non la usa nessuno...il film di per sé non ha nulla di originale (almeno nelle basi del plot), ma antonioni lo rende interessante, a tratti inquietante..

goodwolf  @  15/05/2010 12:47:58
   8 / 10
Film devoto all'arte fotografica e a tutto quello che è "visivo". Sicuramente non è per tutti (ci sono pochi dialoghi e alcune scene bizzarre), ma chi apprezza il mondo fotografico e tutta la filosofia che ci sta dietro non potrà che apprezzare. Non faccio parte di quest'ultima categoria, ma non posso che attestare e confermare la grandezza di questo film. Non per tutti

-Uskebasi-  @  19/04/2010 12:54:28
   8½ / 10
Antonioni ci parla della relatività della realtà in modo sottile e geniale. Siamo noi a dare il senso alle cose e a renderle più o meno importanti. Il fotografo ha visto realmente qualcosa o è tutto frutto della sua immaginazione per evadere dalla noia della sua vita da artista? Questo non lo sapremo, proprio perchè dobbiamo essere noi a dare un senso a tutto.
Il significato del film è riassunto nel magistrale finale, CAPOLAVORO, della partita di tennis.

Se tutti noi vediamo una cosa che non c'è, in realtà quella cosa esiste...

The Cane Family  @  14/03/2010 11:18:47
   7½ / 10
Antonioni ha fatto di meglio.
Buono il finale ma troppo noioso.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Ciumi  @  02/01/2010 11:58:27
   9½ / 10
Welles disse di Antonioni: “I suoi film sono sfondi perfetti per mannequins di alta moda.”
Ma se tra gli scatti alle modelle c'è un'istantanea singolare, del tutto diversa dalle altre, di natura oscura e immortalata senza posa, ecco che dunque diviene di più. L'insostanziale vacuità di un parco notturno, o il pensoso vago di una donna.

Il mistero è un abbellimento ulteriore, un surplus, un'elica senza motore. Non c'è da fidarsi. Come un vento di passaggio, una compagna di mimi che arriva in città. Non c'è da fidarsi.
Dura finché sbiadisce. Se si focalizzasse, sparirebbe all'istante. E' un nulla anch'esso anche se sensuale.

Non esiste. Il gioco si mostra, affascinante coi ceroni bianchi e le sue mosse aggraziate; ma è illusione, un trucco, suggestione, uno scherzo... un qualcosa di sfuggevole come una magia...

2 risposte al commento
Ultima risposta 02/01/2010 12.20.42
Visualizza / Rispondi al commento
memo  @  08/06/2009 17:02:39
   4 / 10
bellissime ambientazioni, fotografia, riprese, interpretazioni, ma il film è una palla insopportabile! tutti questi silenzi e riprese lunghe che in altri film possono giovare qui lo peggiorano solamente.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  28/04/2009 15:08:51
   9 / 10
Uno dei più grandi film degli anni 60 con una storia formidabile sottile e profonda che non può che appassionarti e immergerti appieno nella narrazione e nel protagonista. Regia magistrale e atmosfericamente azzeccata e se poi si conta che una colonna sonora a dir poco eccezionale ( Si parla di Pink floyd, Yardbirds, Herbie Hancock ) completa il tutto sprigionando l'essenza vera del film, allora stiamo parlando di un autentico capolavoro.
Credo sia uno dei migliori film di Antonioni.

pinhead88  @  12/02/2009 01:08:40
   5 / 10
un film che va capito bene fino in fondo per affibiargli la parola capolavoro.è il primo che guardo di Antonioni e devo dire che a parte la fotografia mi aspettavo di meglio.ha un'atmosfera abbastanza particolare con lunghi silenzi e una storia semplicissima.sarà anche un capolavoro,ma sinceramente non mi ha entusiasmato granchè.alcune sequenze sono decisamente troppo lunghe e in alcuni casi può prevalere un senso di noia.
inoltre non sono mai presenti colpi di scena,a parte quei piccoli momenti di mistero che comunque trasmettono un qualcosa in più rispetto al resto della pellicola,ma ahimè non vengono sviluppati al massimo,almeno per trasmettere un minimo di inquietudine o mistero in più.
i momenti più interessanti vengono purtroppo interrotti da altre sequenze in ben due casi,senza andare fino in fondo alla faccenda e quindi senza coinvolgere maggiormente.
blow up ha senza dubbio uno stile elegante e raffinato nel suo genere,con quei silenzi enigmatici,quel clima quasi surreale e un'ottima fotografia.
è un film ingannevole sotto molti punti di vista,dove non si capisce se il protagonista perde lentamente ogni cognizione di realtà,o la realtà che sta vivendo è proprio quella.un film che può sembrare normale per alcuni per la sua semplicità e intenso per altri.io personalmente sono rimasto ammaliato soltanto da quella piccola sequenza misteriosa,ma non del tutto,che infatti purtroppo non è riuscita a coinvolgermi come doveva.leggendo alcune recensioni e critiche,pare che ognuno interpreti questo film in modo diverso,anche in modi assolutamente incomprensibili.a me personalmente ha lasciato poco.

paride_86  @  12/01/2009 18:29:58
   8½ / 10
Un fotografo dalla vita frenetica e sconclusionata si ritroverà coinvolto in una storia misteriosa e affascinante.
Antonioni, dopo "Il Deserto Rosso", continua la sua galleria di personaggi anaffettivi; al contrario di Giuliana, però, il fotografo è integrato nella società, è consapevole e razionale. Come lei, invece, non riesce ad amare, o meglio si innamora di tutto ma poco dopo quello che prima adorava ha perso colore e sostanza ai suoi occhi. E' impulsivo e incostante, sempre alla ricerca di qualcosa che però non lo soddisfa mai. La sua folle corsa verso la soluzione del mistero finirà per non avere senso proprio perché si rende conto che siamo noi a dare un senso alle cose.
"Blow Up", inoltre, è un film di forte impatto visivo, con una fotografia nitida e colori accesi e una narrazione ricca di stratagemmi metaforici.

Ciaby  @  24/12/2008 21:20:09
   10 / 10
bellissimo, per nulla noioso. in una parola: capolavoro del cinema italiano, ok sono più di una parola :D

frizz  @  10/12/2008 14:30:23
   4 / 10
mamma mia che palle infinita!!!potete trovarci tutte le allegorie di questo mondo, o dire che è un capolavoro che la gente normale non può apprezzare....ma è un oggettivamente una noia mortale!!!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Granf  @  05/12/2008 15:57:26
   9½ / 10
La fotografia. L'osservazione. L'immaginazione. Questi gli argomenti principali di questo grande capolavoro di Michelangelo Antonioni.
La realtà distorta dalla nostra fantasia. Il fotografo è un grande osservatore, è la persona che osserva le cose da un altro punto di vista, le scruta nel profondo, le rende proprie e finisce inesorabilmente per modificarle con l'immaginazione. Secondo il regista è questo che fà l'uomo, sogna, ed'è lo "sceneggiatore" della propria esistenza.
La sceneggiatura (e la narrazione) di Antonioni, scritta con Tonino Guerra, è perfetta, scorrevole e affascinante, i dialoghi sono pochi per far spazio alle immagini. L'autore si è ispirato a un racconto di J. Cortázar (La bava del diavolo).
"L'amplesso fotografico" iniziale è ammaliante, per le bellissime musiche di Herbie Hancock, e l'efficacissima regia. Da citare anche l'inizio che rimanda a "L'Uscita dalle fabbriche Lumiere". Impossibile dimenticare, inoltre, l'ultima scena dove il regista ci spiega tutto, essa è di una potenza devastante.
Mi è piaciuto molto il solitamente mediocre David Hemmings, stupende le attrici femminili da Vanessa Redgrave alla sensualissima Sarah Miles.
Grande successo di critica, ha vinto la Palma d'oro e ha avuto due nomination all'Oscar.
Questo è Cinema, un film fondamentale.

"La smetta, lei non può fotografare la gente in quel modo!"
"E chi lo dice? Io faccio soltanto il mio lavoro! C'è chi fa il torero, il deputato... io faccio il fotografo!"

7 risposte al commento
Ultima risposta 12/02/2009 10.41.12
Visualizza / Rispondi al commento
castelvetro  @  24/11/2008 14:03:17
   10 / 10
Forse il film per eccellenza che parla
più con le immagini che attraverso gli attori.

Ecco cos'è la rivoluzione intrinseca che attua questo film
secondo me.

L'incomunicabilità.

Quando si parla di Antonioni con un cinefilo
salta sempre fuori "L'incomunicabilità dell'uomo moderno".

Beh, finalmente anchio l'ho notata dopo questa visione
e la cosa mi ha fatto riflettere non poco, perchè allora come oggi
la gente usa esprimersi così... In modo quasi criptato.

Mi viene automatica questa citazione:

"Niente è più singolare, più imbarazzante che il rapporto tra due persone che si conoscono solo attraverso gli occhi, che si vedono tutti i giorni a tutte le ore.
Si osservano e nello stesso tempo sono costretti dall'educazione o dalla bizzarria a fingere indifferenza e a passarsi accanto come estranei, senza saluto né parola. Fra di loro c'è inquietudine ed esasperata curiosità, l'isteria di un bisogno insoddisfatto, innaturale e represso di conoscersi e di comunicare e soprattutto una sorta di ansiosa attenzione. Infatti l'uomo ama e onora l'uomo fino a che non è in grado di giudicarlo, e il desiderio è il frutto di una conoscenza incompleta." (Thomas Mann)

Questo rapporto non voglio che pensiate che avvenga dentro al film,
ma FUORI.

Ho visto solo due film di Antonioni: questo e Deserto Rosso
e ad entrambi ci si può riferire con il pensiero di Mann che ho scritto sopra.

Mi spiego: la curiosità, il desiderio di scoprire i personaggi
che Antonioni traspone nei suoi film è nello spettatore in quanto
essi non siano ben definiti. Antonioni lascia aperta la porta
a tutte le possibili interpretazioni e penso che sia proprio in questo
il segreto del suo genio.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Andre85  @  06/08/2008 00:08:04
   9 / 10
come da voto "un film eccellente, bisogna vederlo

una storia pazzesca con scene incredibili


cult nel cult il concerto degli Yardbirds

Gruppo COLLABORATORI julian  @  12/06/2008 15:45:33
   5½ / 10
In occasione della morte di Dino Risi ho letto un articolo sul giornale che riportava alcuni passi della sua ultima intervista.
Risi era stato bollato come il rivale di Antonioni: il primo ci ha lasciato commedie spensierate, fantastici ritratti dell'Italia, il secondo è passato alla storia per la sua incomunicabilità e ha firmato pellicole di certo non adatte a tutti.
Eppure, anche se Risi ogni tanto aveva tirato frecciatine ad Antonioni nei suoi film ( come Gassman che nel Sorpasso dichiara "Mi so visto un film di Antonioni... me so fatto una dormita"), non lo considerava affatto un rivale, semplicemente erano due registi che facevano ciname diversamente: Risi riempiva le sale, Antonioni portava al cinema coloro che volevano sentirsi chic.
E' questa la parte che mi ha colpito di più, perchè ingiustamente il film che si avvale di un linguaggio cinematografico un pò complesso e metaforico viene spesso elevato senza esitazioni a capolavoro. E questo Risi l'aveva capito...
Non che volesse screditare le capacità registiche del collega, nè dubitare dei contenuti delle sue opere, ma semplicemente ha voluto sottolineare come le persone si lascino facilmente condizionare dallo stile indecifrabile e fronzoluto di alcuni registi e si sentano più intellettuali al solo vedere tali film più impegnati.
Ora nn voglio essere il solito guastafeste, anche perchè è il mio primo film di Michelangelo e sarebbe assurdo da parte mia iniziare a criticarlo, ma pare tanto strano che io continui a predicare la superiorità dei film meno cervellotici ? Si tratta sempre di un mio parere ovviamente...
Blow up è il classico esempio di "io ci metto le immagini, per il resto fate voi" per il quale è più lo spettatore a creare anzichè il regista; non è raro infatti che qualche critico trovi contenuti cui il regista non aveva minimamente pensato (lo ha confermato anche Tornatore in un'intervista, ed è un fenomeno frequente anche in letteratura).
In ogni caso è la storia di questo fotografo che va in giro a scattare istantanee artistiche e che poi, fantasticando, crede di scoprire un cadavere ingrandendo le foto, autosuggestionandosi a tal punto da trovare effettivamente un cadavere.
Il finale è quel che si dice aperto a più interpretazioni, allegorico, con i mimi che dovrebbero rappresentare la finzione della realtà o qualcosa del genere.
Lo spettatore non avrà null'altro su cui lavorare e naturalmente non potrà ricevere risposte.
Ecco ciò che mi spinge ad abbassare il voto ad un film che è anche piacevole a guardare: la fotografia è stupenda e i silenzi prolungati in mezzo alla natura sono relax per gli occhi. Purtroppo è il cervello che deve lavorare...
Un altro difetto invece, sempre secondo me, sono gli attori, interpreti scadenti, soprattutto le donne che mi son sembrate totalmente incapaci.
So che qualcuno mi avrà già individuato come "quello che guarda i film complicati e poi li critica" ed avrà pensato "ma allora che li guardi a fare ?".
No non sono un presuntuoso, semplicemente accetto i film chiari fino a un certo punto che poi lasciano spazio a interpretazioni personali anche sulla base di elementi su cui ragionare, ma disdegno quelli in cui deve fare tutto lo spettatore (mi direte che Blow up non appartiene a questo genere. Magari non per voi, ma per noi gente ignorante e dalla mente poco elastica si).
E poi cercavo Blow up da tempo perchè dalla trama mi aspettavo un prodotto rivoluzionario, che mostrava in modo particolare la violenza e vedendo l'annata '66 ho pensato che non mi dovesse sfuggire.
Rivoluzionario forse lo è stato, ma per il resto... delusione.

6 risposte al commento
Ultima risposta 07/12/2008 01.42.45
Visualizza / Rispondi al commento
Fritz  @  01/06/2008 16:24:28
   7½ / 10
Probailmente il miglior film italiano... anche se di italiano non ha niente se non il regista meno italiano che ci sia stato. Questo la dice lunga su cosa sia stato il cinema in Italia (o se ve ne sia stato mai uno - ed io ho molti dubbi). Tirarsi dentro attori inglesi e la Londra inglese per darsi un tono di bontà, che indubbiamente danno, la dice ancora più lunga. Sinceramente Antonioni non poteva fare meglio. Il finale è un po' eccessivo ma lo si può perdonare, dimenticandoselo. In proporzione avrei dovuto dare un voto minore (visto il 9 e mezzo dato ad Arancia Meccanica) ma oggi sono buono.

1 risposta al commento
Ultima risposta 01/06/2008 20.57.47
Visualizza / Rispondi al commento
Macs  @  05/03/2008 19:30:31
   8½ / 10
A una prima visione mi aveva lasciato abbastanza annoiato. Ma rivedendolo l'ho apprezzato moltissimo. Certo non è un film per tutti - pur non essendo il più ostico di Antonioni - ma almeno una seconda visione è d'obbligo, e penso che la mia "epifania" possa accadere a molti. Concentratevi sul finale e su quel suono di racchette che alla fine compare... e sul protagonista che scompare, inghiottito dal colore accecante che lo circonda, come una macchia che un pittore rimuove dalla sua tavolozza.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

xxxgabryxxx0840  @  04/03/2008 14:18:08
   9 / 10
Capolavoro visivo con pochissimi dialoghi. Il finale fa scuola. Non per tutti

Bomber&Bionda  @  28/02/2008 13:54:36
   3 / 10
Concordo con il commento di Sestri Potente, e aggiungo che questo film è terribilmente noioso e pesante. Tende inoltre a dilungarsi nell'enigmatico finale, che non ho apprezzato per niente. Il regista ha voluto esprimere un concetto astratto che svia un po' da quello che si può intendere nella prima parte del film. Come thriller sarebbe stato un capolavoro, ma così è troppo confusionario.

La ricotta  @  30/01/2008 13:22:13
   8½ / 10
un thriller non-verbale, lisergico, visivo. Erotico, evocativo, sixty e un finale leggendario

sonhador  @  18/10/2007 21:04:51
   10 / 10
straordinario capolavoro visivo....in cui realtà e immaginazione si fondono e si confondono...chissà cosa pensa David Lynch di questo film....

Sestri Potente  @  16/10/2007 14:16:17
   5 / 10
Un film che non è per tutti: troppo difficile da comprendere, per gustarselo bisogna essere dei critici o comunque avere una conoscenza tale da poter comprendere tutti i passaggi. Ci ho pensato e ripensato su che voto dare, è sicuramente un capolavoro ma io non sono adatto per un film del genere!

3 risposte al commento
Ultima risposta 30/10/2007 12.14.27
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI ULTRAVIOLENCE78  @  19/09/2007 14:19:33
   9 / 10
QUESTO FILM MI HA FATTO ANDARE FUORI DI TESTA E PER LA STORIA E PER LA TEMATICA DI FONDO. MA LE COSE SONO REALMENTE COME APPAIONO?

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  11/09/2007 14:41:39
   9 / 10
non capisco i voti relativamente bassi dati a questo capolavoro di qualche gradino sopra a Deserto Rosso. soprattutto da parte di gente competente.
Blow Up può essere tante cose, varie interpretazioni sono state fatte, quindi provo a darne una anche se durante la visione ero colto a piena misura dall'incredibile fascino e bellezza di questo film la cui poetica delle immagini è dolce e aggressiva allo stesso tempo.
è un film molto influenzato dall'epoca in cui fu girato, Antonioni trae pretesto dalla situazione politica e sociale instabile che si era formata in quegli anni.
Antonioni non mostra una crisi del linguaggio artistico in quanto monumento sociale e politico, bensì ne mostra l'assenza: emblematica e meravigliosa è la sequenza finale della partita a tennis virtuale, i giovani che dovrebbero detenere la responsabilità artistica di "latori" (i cantanti rock oppure lo stesso protagonista) e "ricevitori". è proprio da questa assenza che Antonioni sviluppa un personaggio anomalo, ma affascinante e non del tutto negativo, anzi forse unico in una positività relativa. talentuoso, aggressivo, spregiudicato, ma anche acuto osservatore e animo sensibile e dolce: in un'altra sequenza strabiliante ovvero quella del parco, si nota proprio un'atteggiamento animalesco predatore quando il ragazzo si apposta fotografando la coppia. Antonioni si pone come complice o come antagonista della sua "ambiguamente nefasta" azione impudente? la risposta sembra arrivare dall'episodio centrale del cadavere: il ragazzo nell'autocompiacimento del suo genio non riesce a responsabilizzarsi riguardo alla sua scoperta di fotografo e ne soffre (il concetto di "sofferenza" nel cinema di Antonioni è stato delineato perfettamente da Pasolini in un'intervista) incredibilmente. la "responsabilità" di cui si parla è ricollegabile all'assenza di linguaggio artistico e non credo che si tratti di etica, ovvero non credo che il ragazzo intendesse comportarsi cristianamente col corpo e consegnare l'assassino alla polizia, invece intendo di scoprire una nuova forma d'arte, una nuova espressione del disagio interiore che muove le generazioni a esprimersi in relazione ai problemi di tutti con la musica, la letteratura o per gli avanguardisti anche la fotografia...e il cinema.

2 risposte al commento
Ultima risposta 05/12/2008 20.49.32
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Silly  @  21/08/2007 21:02:30
   9½ / 10
Interessantissimo film.... E' evidente l'intenzione di Antonioni di far apparire gli oggetti come feticci, i corpi sono oggetti sessuali, i colori sono vivacissimi....... In una Londra pre 68ina tutto è apparenza, gioco, niente ha un valore o un'importanza prioritaria. Estremamente significativa è la scena del concerto........ Forse è un po' lento-non è un difetto secondo me-, ci sono molti silenzi, molte inquadrature fisse. Ma il bello è proprio questo. Ti aiuta a riflettere....... Xchè a nessun conoscente del nostro bel fotografo senza nome importa del delitto? Un uomo è stato ucciso, lui lo sa, vuole condividere questa scoperta. Ma tutto è più importante (anche x lo stesso fotografo), perfino recuperare il pezzo di una chitarra........ Non è assurdo? Eppure è così. Il mondo è pieno di gente stupida e superficiale, che ha bisogno di sensazioni forti immediate, tanto poi svaniscono....... Infantile. Questo siamo, spesso e volentieri. E l'incomunicabilità, seppur velata, emerge anche in questo film di Antonioni. Proprio xchè non esistono dei veri rapporti. Xchè un rapporto vero è fatto di scambi, di condivisione, ci comunicazione.........
Eccellente il finale, come sempre in questo Antonioni è un genio.
Consigliato decisamente!!

3 risposte al commento
Ultima risposta 03/01/2010 19.03.12
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo REDAZIONE amterme63  @  05/08/2007 18:58:17
   8 / 10
Un film per menti volenterose.E’ difficile non farsi venire addosso la sensazione di noia. Ci si domanda di continuo dove il film voglia andare a parare, perché ci mette tanto a svilupparsi.
In realtà è proprio su questa sensazione di “non senso” e noia che si vuole giocare. Basta avere l’accortezza di estraniarsi anche dalle proprie sensazioni per avere in mano la chiave del film. Certo è un processo piuttosto sottile e cerebrale, ma è su questo che punta Antonioni per poter svelare il presupposto di tutti gli esistenzialisti: la mancanza di significato o scopo della vita umana. Più nello specifico la “reificazione”, cioè la riduzione dell’uomo a semplice oggetto indifferente, tipo uso e getta. In linea con secoli di tradizione filosofica scettica, il film è un’altra testimonianza dell’illusione del reale (realtà che viene messa in dubbio, finzione che diventa realtà). La Londra pre-sessantottesca viene, secondo me, criticata da Antonioni. I giovani sono solo vani e attaccati a feticci, come i vestiti o i manici di chitarra.
La storia rappresenta la giornata di un fotografo, ma di questa persona non sappiamo neanche il nome. Lo vediamo intento nella sua routine di uso della figura femminile come semplice oggetto da raffigurare o da usarsi per i propri piaceri. Alla società basta il simulacro delle persone, non la persona stessa. Nel suo vagabondare fotografico della realtà si trova impelagato nella vicenda di una donna misteriosa. L’istinto di conoscere lo porta a scoprire un omicidio. Eppure di questo fatto non interessa niente al suo amico del cuore mezzo drogato o alla sua ninfomane compagna. Anche lui alla fine annega il suo istinto di interesse per gli altri nell’indifferenza generale.
Il tutto di svolge con ritmo molto lento, evitando apposta scene drammatiche e riducendo tutto ad un lento scorrere. L’episodio dell’omicidio poi è inframezzato da tante digressioni, tutte per mostrare che non c’è niente che è più importante di qualcos’altro. Tutto è indifferente nell’universo. Addirittura tutto è apparenza, i sensi possono ingannare. Si vive tranquillamente con il simulacro di tutto, dei sentimenti come degli oggetti (la partita a tennis mimata). Soprattutto si vive soli (inquadratura finale panoramica dall’alto del fotografo solo in mezzo ad un prato).

2 risposte al commento
Ultima risposta 05/12/2008 23.51.08
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  03/08/2007 18:21:51
   9 / 10
L'inganno dell'immagine. Malgrado il suo progressivo ingrandimento il mistero non sarà svelato. Girato sullo sfondo della swingin London anni '60 è il film di Antonioni che ho più apprezzato.

Il Messere  @  09/05/2007 23:09:33
   7½ / 10
Il miglior film di Antonioni (regista altrimenti tediosissimo e sporavvalutato). Sullo sfondo Londra della beat generation.

suzuki71  @  20/03/2007 17:57:17
   9 / 10
Da maestro della fotografia, con questo suo primo film internazionale e finalmente di successo Antonioni traspone tutta la sua attenzione e il suo amore per lo strumento fotografico, per la fotografia quale rappresentazione della non realtà. Cos'è la realtà? Antonioni in una vecchia intervista disse che "probabilmente è una ricerca di un rapporto". Il film è probabilmente anche una chiara apertura ai fermenti prossimi a venire del sessantotto, è una chiara licenza alle soggettività, ad essere se stessi e in quanto tali a percepire la nostra realtà; in tal senso possono essere lette le scene delle speranzose modelle, della festa underground, del concerto sotterraneo dove, ottenuta l'ambita chitarra, se ne libera un secondo dopo. Alcune scene restano memorabili nella storia del cinema non solo del regista, tra cui l'amplesso mimato tra il protagonista e la modella Veruszka, o la sequenza del servizio fotografico alle modelle con uno stile geometrico pazzesco, fino alla indimenticata scena della partita di tennis. Particolarmente suggestive le sequenze di quasi amore tra David Hemmings e Vanessa Redgrave, quando di spalle, per muscolatura e dimensioni, la donna presenta le spalle tipiche di un uomo e viceversa. E' un grido alla soggettività,. ad essere se stessi, a costruire la propria realtà, liberi dai condizionamenti. Un magnifico pre-sessantotto. Lascia un senso di incompiutezza e di indefinito. Come la realtà?

John Locke  @  05/03/2007 13:20:41
   8½ / 10
Perla di Antonioni sull'incomunicabilità di una generazione e soprattutto sulla soggettività della percezione.
Grandissimi tutti gli elementi del cast (in particolare Hemmings) e memorabile il finale con la scena della partita a tennis mimata.
Capolavoro.

Invia una mail all'autore del commento emmepi8  @  09/01/2007 10:32:27
   9 / 10
Quasi debutto nel cinema internazionale, dico quasi perché ci fu una sfortunata esperienza con I Vinti, dove la censura rovinò il film con tagli atroci. Qui ci sono motivi di interesse che ancora oggi lo classificano fra le operazioni più importanti del regista, la prima che sale agli occhi è l'ambientazione, che oggi rimane come un manifesto interessante, condensato e credibile di un momento della società che è rimasto nella storia del costume che è quello della Singing London, che qui viene descritta e fatta vivere in maniera quasi documentaristica, che è anche una delle migliori vene di questo grande regista (non per niente i suoi documentari sia inziali che in corso degli anni sono bellissimi). I dialoghi sono risicati, ed anche questo è un pregio tutto personale di Antonioni che spesso (a parte gli ultimi anni, dove la cosidetta moglie lo ha sopraffatto e lo ha reso schiavo dei suoi voleri da povera capra snaturata) sono stati la pietra dolente dei suoi films. Naturalmente il campo dove l'autore batte è quello dell'incomunicabilità, nessuno riesce a comunicare con gli altri. Qui ci si serve di una trama gialla per attirare l'attenzione su una storia personale e disadattata; naturalmente tutto questo viene impreziosito e quasi paurosamente messo al bando(per paura di essere messo in un registro di genere) dalla ribaltazione finale che mette tutto in discussione e cioè la famosissima scena della mimazione di una partita di tennis, costruita perfettamente nei minimi particolari, che ci fa arrivare alla riflessione del visto non visto e dell'accaduto non accaduto. Un bel cast diretto alla perfezione e dove appaiono nomi che faranno una loro strada importante. Il film Vinse a Cannes e fu il trampolino di lancio per il mondo
Vanessa Redgrave: Non è stato un debutto, era la moglie di Tony Richardson e la figlia di Sir Michael Redgrave, ma diciamo pure che la sua vera carriera ha avuto inzio con questo film, dove imparò l'italiano alla perfezione con la sua caparbietà e volle fare anche altri film in Italia, perché innamorata del nostro cinema, dopo divenne quella grande e singolare attrice che è ancora oggi. Qui abbiamo una immagine bellisma e raffinata, forse mai più proposta
David Hemmings:Diciamo un debutto che lo impose all'attenzione internazione; rimane un po' un'icona di quel periodo, e la sua carriera successiva, dopo alcune prove interessanti si accasciò in una routine non voluta e scontenta. Fece anche qualche regia non disprezzabile ed è morto tre anni fa', ancora non vecchio, ma provato nel fisico.

conway  @  08/01/2007 23:03:29
   9 / 10
Una sorta di metafora sulla soggettività della percezione...
Film molto interessante...

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Giordano Biagio  @  23/11/2006 23:34:01
   8 / 10
Opera di grande impatto filmico-linguistico.
Antonioni mostra attraverso il film il dispositivo del cinema. Macchine fotografiche, laboratorio di sviluppo di pellicole, finestre simili allo schermo cinematografico attraverso fotografie in sviluppo. Finestre nelle finestre...lo spettatore entra guardone in una profondità insperata.
La curiosità dello spettatore si esalta, l'immaginario esplode...
Esempio di grande cinema nel cinema...

3 risposte al commento
Ultima risposta 05/12/2008 16.47.09
Visualizza / Rispondi al commento
quaker  @  23/11/2006 20:13:30
   9½ / 10
Antonioni... che destino. I suoi film sono, se non proprio dimenticati, poco conosciuti al di fuori di una cerchia ristretta di cinefili. Visto una prima volta al cinema da ragazzo (credo che fosse anche vietato ai minori, ma evidentemente nella mia città non ci faceva troppo caso) e poi rivisto da poco in inglese, e per giunta senza sottotitoli.
E' un'opera di perfetta incompiutezza. Lo guardi, dall'inizio alla fine, cercando un messaggio e mai, come per questo film, puoi dire che il mezzo è il messaggio.
Dentro c'è la swinging London, ma vista come di straforo, il mondo della fotografia di moda, i poveri ed i ricchissimi, cascami di incomunicabilità, e tanto altro: come una splendida fotografia, una abilità registica non comune, anche se Antonioni sembra avere quasi in dispetto la sua bravura.
Finito il fim ti chiedi: ma che cosa ho visto? che cosa significa? Io azzardo una risposta: chiunque creda di avere capito il film non lo ha capito, ma tutti quelli (sempre di meno) che lo vedono non possono che restarne affascinati.
Infine: la sceneggiatura è di Tonino Guerra (un grande poeta e scrittore che, da vecchio, è stato costretto, per arrotondare una pensione di 1.100 € a dire che l'ottimismo è il profumo della vita).

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  07/09/2006 23:24:57
   8 / 10
un bellissimo film...tutto quello che volevo dire l'ho scritto nella recensione

BobRobertson  @  17/06/2006 16:53:58
   9 / 10
gran bel film. realtà e fantasia ke si meskolano all'inverosimile... bellissimo il cammeo con Jimmy Page e gli Yardbirds...

freofd*tyu  @  04/04/2006 23:32:15
   10 / 10
Uno dei film pi¨ belli di tutti i tempi. Per me di gran lunga il miglior film di M. Antonioni.

Magico, quasi onirico.

Sembra di respirare l'aria della Swinging London dei gloriosi anni Sessanta, ma rimane comunque un film senza tempo.

Crimson  @  16/02/2006 17:52:34
   8 / 10
Uno di quei film che hanno lo strano effetto di lasciare col fiato sospeso durante il suo svolgimento e di inondarmi con una valanga di sensazioni e riflessioni dopo la visione. E' stupendo il meccanismo pirandelliano col quale ti avvicina e ti allontana dalla verità (ma poi: quale verità?). La scena più bella è quella in cui il protagonista ingrandisce e osserva le fotografie, davvero coinvolgentissima.
Tuttavia per me ci sono delle parti un pò noiose, e perdipiù superflue.
La vicenda del protagonista mi ha lasciato su tutte una riflessione sul modo di concepire e concettualizzare molti aspetti della nostra vita.

1 risposta al commento
Ultima risposta 03/05/2012 14.50.49
Visualizza / Rispondi al commento
ds1hm  @  15/02/2006 14:44:27
   9 / 10
Blow up è il film di Antonioni che più mi attrae e che sopratutto riesco a rivedere con notevole entusiasmo. Ogni autore credo possa godere nella propria produzione artistica di una parentesi di genialità, e nel cinema questo significa dar vita ad un film, anche se imperfetto, che abbia però la forza di restare impresso nella mente di chi lo guarda. Blow up è semplicemete questo, un film bello ma sopratutto unico, particolarissimo.

lorenz!ú  @  13/12/2005 15:44:43
   9½ / 10
surreale.ma fantastico..un mix di generi per un antonioni da urlo. l'unica cosa ke nn ho capito e la" partita" finale.. cmq bello.

Invia una mail all'autore del commento Totius  @  13/12/2005 11:41:41
   7 / 10
Beh...film epocale, da vedere, scenografia e fotografia specie in esterno meravigliosa...'68 ineccepibile...ma "sceneggiatura antologica" mi pare esagerato.
Una cosa davvero poetica è la panto-partita alla fine.

Dziga  @  17/10/2005 17:45:47
   10 / 10
phoenietzsche  @  25/02/2005 21:18:59
   10 / 10
Numero primo

1 risposta al commento
Ultima risposta 01/12/2005 21.02.38
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo REDAZIONE maremare  @  23/01/2005 14:34:35
   9 / 10
L'estetica di Antonioni trova il suo apice in questo film

1 risposta al commento
Ultima risposta 02/01/2010 15.59.32
Visualizza / Rispondi al commento
dragonfly  @  29/09/2004 17:33:41
   10 / 10
Il classico del surreale: eccellente l'ambientazione (in una Londra ambigua agli albori del sessantotto), Antonioni lancia un Hemmings perfetto nella parte del fotografo. Il film ha retto magnificamente al tempo. Ambiguo il finale, quando il fotografo cade nel mondo surreale e non riesce più a distinguere la fantasia dalla realtà. Film fatto di piccoli dettagli, accompagnati da un'eccellente fotografia (di Palma) e da un'antologica sceneggiatura. Se avete l'occasione guardatelo doppiato in italiano: nella versione originale i toni sono meno studiati...
Celeberrima la sequenza nel sotterraneo dove suonano gli YARDBIRDS (con un Jimmy Page alle prime "stonate"), e il finale con la partita mimata. Un grande capolavoro che può non piacere per il ritmo non esilarante e per la mancanza di avvenimenti costanti, ma la genialità con cui ha descritto l'epoca sessantottina ormai rimpianta è ineccepibile.
Insomma, un capolavoro intellettuale che ci fa anche ricordare il grande David Hemmings, scomparso qualche mese fa, e la sua "ironica" e memorabile recitazione.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

(im)perfetti criminalia declaration of loveacque profonde (2022)after loveagainst the iceali & ava - storia di un incontroaline - la voce dell'amorealtrimenti ci arrabbiamo (2022)ambulanceamerica latinaamma's way - un abbraccio al mondoananda (2022)anima bellaanimali fantastici: i segreti di silenteapollo 10 e mezzoarthur rambo - il blogger maledettoassassinio sul nilo (2022)atlantis (2019)bad roads - le strade del donbassbe my voicebeautiful mindsbelfastbella ciao - per la liberta'belli ciaobig bugbla bla babybocche inutilibrotherhood (2021)calcinculocaliforniecaveman - il gigante nascostoc'era una volta il criminecitta' novecentoclean (2020)c'mon c'moncorro da tecriminali si diventacyranodakotadarklingdio e' in pausa pranzodoctor strange nel multiverso della folliadownfall: il caso boeingdownton abbey 2: una nuova erae' andato tutto benee buonanotteennio: the maestrofellini e l'ombrafemminile singolarefinale a sorpresa - official competitionfleefragilefresh (2022)full time - al cento per centofuriozagenerazione low costghiacciogiovanna, storie di una vocegiulia - una selvaggia voglia di liberta'gli amori di anaisgli amori di suzanna andlergli anni belligli idoli delle donnegli occhi di tammy fayegli stati uniti contro billie holidaygold (2022)hope (2019)hopper e il tempio perdutohotel transylvania 4 - uno scambio mostruosoi cassamortarii cieli di alicei segni del cuoreil discorso perfettoil filo invisibileil legionarioil lupo e il leoneil male non esisteil mondo a scattiil muto di gallurail naso o la cospirazione degli anticonformistiil palazzoil peggior lavoro della mia vitail ritratto del ducail sesso degli angeliil tempo rimastoil truffatore di tinderio e lulu'io lo so chi sieteio restoio sono veraitalia. il fuoco, la cenerejackass foreverjimmy savile: a british horror storyking - un cucciolo da salvarekoza nostrakurdbun - essere curdola cena delle spiela cena perfettala crociatala donna per mela fantastica signora maisel - stagione 4la fiera delle illusioni - nightmare alleyla figlia oscurala grande guerra del salentola macchina delle immagini di alfredo c.la notte piu' lunga dell'annola nuova scuola genovesela promessa: il prezzo del poterela scuola degli animali magicila tana (2021)l'accusal'altro buio in salalambl'arma dell'inganno - operazione mincemeatl'audizionelaurent garnier: off the recordleonardo - il capolavoro perdutoleonora addiolet's kiss - franco grillini storia di una rivoluzione gentilelicorice pizzal'incendiaria (2022)lizzy e red - amici per semprel'ombra del giornoluigi proietti detto gigil'ultimo giorno sulla terralunana - il villaggio alla fine del mondomancino naturalemarry me - sposamimartin luther king vs fbimatrix resurrectionsme contro te: il film - persi nel tempomemory boxmistero a saint-tropezmoonfallmorbiusnavalnyno exitnoi duenotre-dame in fiammeocchiali nerionly the animals - storie di spiriti amantiopen arms - la legge del mareour fatherparigi, 13 arr.parigi, tutto in una notteperdutamente (2021)petrovĺs flupiccolo corpopopower of romequando hitler rubo' il coniglio rosaquel giorno tu sarairadiograph of a familyred rocketreflectionsarura - the future is an unknown placescream (2022)seance - piccoli omicidi tra amichesecret team 355sempre piu' bellosenza fine (2021)settembre (2022)sonic 2 - il filmspencerstoria di mia mogliestrawberry mansionstringimi fortesul sentiero blusulle nuvolesundowntakeawaytapirulanthe adam projectthe alpinistthe batmanthe bunker gamethe contractor (2022)the king's man - le originithe last rave - a free party storythe lost city (2022)the northmanthe tender barthe tragedy of macbeththe wall of shadowsthey live in the greytintoretto - l'artista che uccise la pitturatra due mondi (2021)tromperie - ingannotroppo cattivitrue motherstutankhamon. l'ultima mostraun altro mondo (2021)un eroeun figlioun mondo in piu'una famiglia vincente - king richarduna femminauna madre, una figliauna squadrauna storia d'amore e di desideriouna vita in fugaunchartedunderwater - federica pellegrini
 NEW
unwelcomevecchie canaglievesuvio - ovvero: come hanno imparato a vivere in mezzo ai vulcanivetrovoyage of time - il cammino della vitawindfallwyrmwood: apocalypsex (2022)you won't be alone

1029373 commenti su 47620 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

IL PEDONEUN GRANDE AMORE DA 50 DOLLARI

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net