brazil regia di Terry Gilliam Gran Bretagna 1985
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

brazil (1985)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film BRAZIL

Titolo Originale: BRAZIL

RegiaTerry Gilliam

InterpretiJonathan Pryce, Robert De Niro, Katherine Helmond, Ian Holm, Bob Hoskins, Michael Palin, Jim Broadbent, Kim Greist, Ian Richardson, Peter Vaughan

Durata: h 2.11
NazionalitàGran Bretagna 1985
Generecommedia
Al cinema nell'Agosto 1985

•  Altri film di Terry Gilliam

Trama del film Brazil

Sam Lowry Ŕ un semplice impiegato che decide di accettare la promozione al Dipartimento informazioni con il semplice scopo di rintracciare una donna che gli Ŕ apparsa in sogno e di cui si Ŕ subito innamorato. RiuscirÓ a identificarla nella camionista Jill Layton, con la quale sarÓ protagonista di una serie di avventure.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,85 / 10 (175 voti)7,85Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Brazil, 175 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 3   Commenti Successivi »»

DankoCardi  @  05/10/2019 11:51:48
   9 / 10
Probabilmente il miglior film di Terry Gilliam (regista che ho sempre considerato altalenante). Imponenti scenografie che strizzano l'occhio a "Metropolis" di Fritz Lang, sono il contorno ad una realtà distopica che vogliamo pensare molto lontana dalla nostra ma dove in realtà già viviamo: un mondo retrò, pensato come una sorta di anni '30 ma con la tecnologia odierna, una quotidianità soffocata dalla burocrazia e da tanta di quella carta che sembra fagocitare le persone dove regnano cinismo, arrivismo e individualismo. Anche l'incubo dei terroristi sembra non turbare più di tanto le persone che come formiche corrono a lavorare; anche torturare i sospettati è un impiego qualsiasi. Eppure c'è chi ancora trova lo spazio per sognare, anzi sembra che i sogni si intromettano a forza nel conformismo di un uomo qualsiasi portandolo a fare la cosa più difficile: combattere contro il sistema! Ed ecco che realtà è sogno si confondono in un misto di commedia, dramma, azione e sentimento. Senza esagerare Gilliam riesce a trovare il giusto spazio per tutto in questo film, senza tralasciare nulla, senza mai far calare ritmo o tono neanche per un secondo; il tutto grazie ad una regia calibrata alla perfezione con scene che paiono danzare al ritmo della straordinaria colonna sonora (in una sequenza arriva a citare la Corazzata Potemkin). La sceneggiatura è un incastro perfetto di situazioni e dialoghi scanditi da uno stuolo di bravissimi attori...Gilliam si porta anche appreso dai Monty Phyton l'attore Michael Palin, qui in una prova recitativa sublime e quasi inaspettata per un comico televisivo. Una pellicola che ti cattura, ti avvolge nelle sue spire di celluloide per trascinarti nel suo mondo onirico: eccezionale sia dal punto di vista tecnico che per la storia.

Hagen di Tronje  @  22/08/2018 18:27:22
   9 / 10
Film distopico ambientato in un mondo in cui l'imperante burocrazia complica anche le cose più semplici, rendendo la vita piatta e indegna di essere vissuta. Un eroe per caso (che ha il volto trasognato di un eccezionale Jonathan Price) cerca di combattere la monotonia della vita e di ribellarsi al sistema correndo dietro ad un sogno.
La storia è ben raccontata e l'indiscutibile talento del visionario Terry Gilliam emerge in molti punti, soprattutto nelle sequenze oniriche, che, sebbene in alcuni casi siano forse un po' eccessive, sono decisamente affascinanti. I personaggi di contorno sono tutti, ciascuno a suo modo, di grande importanza e riescono a rappresentare I molteplici aspetti dell'aberrante societá immaginata da Gilliam.
Ottima la scenografia, attraverso la quale si percepisce perfettamente la soffocante atmosfera che sovrasta un'umanità ormai alla deriva.

Snake Plissken  @  18/06/2018 12:17:02
   10 / 10
Capolavoro dimenticato. Intelligentissima e raffinata satira sulla burocrazia e sulla macchinizzazione dell'uomo in un futuro distopico. Storia raccontata con tono leggero e deliziosamente sorridente, a tratti quasi parodistico, che in realtà maschera tematiche mature e profonde. Gustosissimo lo stile di Gilliam, che offre uno spettacolo che è un tripudio di colori, di fantasiose invenzioni registiche, di commistione di generi e linguaggi. In conclusione, un visionario viaggio in un incubo futuristico narrato nei suoi aspetti più ridicoli e surreali, senza disdegnare accenni a quelli più brutali e drammatici.

daaani  @  06/05/2018 00:25:49
   6½ / 10
ho capito il significato che sta dietro al film, ma non lo rivedrei.

ferzbox  @  12/07/2017 16:37:29
   6½ / 10
Comincio subito dicendo cosa non mi è piaciuto di questo film...
1)La durata; 1 ora e 20 minuti sono davvero troppi per un film del genere; passi se fossero state due ore, ma addirittura venti minuti di più l'ho ritenuto inappropriato; difatti ero arrivato ad un punto che avevo i cogliòni lessi e non vedevo l'ora che finisse; non tanto per la storia(che descriveva una serie di eventi ambientati in un futuro distopico interessante), ma più che altro perché sentivo troppa "melina" superflua; in fondo quando arrivi a più di un'ora un'idea te la sei fatta sul mondo presentato, quindi arricchire il tutto con ulteriori scene di ripiego non aveva senso secondo me....era meglio se lo asciugava un po', ne avrebbe giovato...
2)Purtroppo devo dire che il film è invecchiato male; a differenza di altre pellicole come "Robocop", "Ritorno al futuro" o i primi due "Arma letale"(tanto per citarne alcuni), che rimangono tutt'ora abbastanza freschi, questo "Brazil" sente tutto il peso degli anni 80, ed oggi come oggi, per un film del genere, non è una buona cosa a mio avviso....
Tuttavia la pellicola di Terry Gilliam continua ad avere un suo perché ed una sua identità; lo strano ibrido grottesco che miscela gli anni 50 con gli 80 ha un risultato talmente assurdo che non si può non ammirarlo; le scene oniriche del protagonista "Sam" che si immagina come un'angelo protettore e cavalleresco avevano una potenza scenica davvero notevole; osservare le stranezza di quella società e i relativi personaggi che ne facevano parte era interessantissimo.....
.....però bhò, non è un film che mi ha catturato fino al punto di considerarlo un capolavoro; ammetto che la noia ogni tanto prendeva il sopravvento......
Ma poi perché "Brazil"?.....con tanto di famoso motivetto da ballo sulla spiaggia? Che ci azzeccava con la storia?....bhoooooo
Robert DeNiro si vede forse 20 minuti in totale? Mica perché uno deve vedere il film per l'attorone, ma certo era una bella mossa pubblicitaria.....
A me è piaciuto il futuro distopico e un po' gli scenari surreali ......ma il film in se mi ha lessato un po'......
......punti di vista....

1 risposta al commento
Ultima risposta 12/07/2017 17.38.45
Visualizza / Rispondi al commento
TheLory  @  16/11/2016 18:10:48
   9 / 10
Ragazzi miei che viaggio! Altro che lsd... se ti immergi nella visione di questo film per un paio d'ore non sai più in che mondo e in quale tempo stai vivendo. Film come non ne fanno più, ahinoialtri

Thorondir  @  08/09/2016 11:18:20
   8½ / 10
Ad essere sincero ho fatto un pelino di fatica a seguirlo, soprattutto nella prima parte, quando fin da subito entrnao in scena una moltitudine di personaggi e il racconto può apparire confuso e tremendamente spezzettato. Piano piano, con la storia che avanza e si concentra su Sam e il suo amore, la maggiore linearità giova a tutto il film. Brazil è un mega concentrato di mille invenzioni scenografiche, visive e fotografiche, un tripudio di idee, di inquadrature ravvicinate e ampi e bruschi movimenti di macchina, una gigantesca "cloaca" fantascientifica in un mondo distopico simil-orwelliano dove legge e burocrazia trionfano su tutto, insieme alla volontà spasmodica e autolesionista dell'essere umano di apparire (terrificante il personaggio della madre di Sam). In definitiva: questo film di Gilliam è un grande esempio di fantascienza costruita sulle idee, con mille spunti di sceneggiatura e regia e che tratteggia un mondo neanche troppo lontano da quello in cui viviamo...

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  23/02/2016 19:11:55
   9 / 10
Magistrale ed ironica visione di un futuro non così tanto irreale. Un film intelligente e spesso inquietante. Gilliam si riconferma un regista visionario e geniale. Ottima prova sia di De Niro sia dell'intero cast.

gherardo81  @  10/11/2015 00:49:50
   9 / 10
Allucinante, e impressionante. La follia non stacca la presa mai, ogni minimo particolare è un'esaltazione critica dei mali della società. Il minimo di trama tiene in piedi questo confuso folle geniale film, magistralmente. Da vedere assolutamente.

pak7  @  09/08/2015 13:42:59
   7 / 10
Non vado oltre il sette per questo interessante lavoro di Gilliam. Cosìì come fu per Blade Runner è un genere di pellicola che non amo particolarmente, ma ne ho apprezzato la critica e il messaggio di fondo.

marcogiannelli  @  28/01/2015 16:32:44
   8 / 10
un Blade Runner meno famoso praticamente, fossi stato amante della fantascienza avrebbe preso 10 questo film, sempre attuale e particolare nella sua critica

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Edgar Allan Poe  @  15/01/2015 23:28:53
   8½ / 10
Gilliam prende spunto da "1984" (attualmente il mio libro preferito, forse anche questo mi influenza nel giudizio di questo film) per realizzare una pellicola futuristica con toni molto più "zuccherosi" (ma in fondo il film è molto amaro) e con vari strascichi di Monty Python qua e là. Il risultato è un film che personalmente mi ha molto divertito e intrattenuto, e mai annoiato. Come soggetto Gilliam cerca di allontanarsi per qualche aspetto dall'originale, reinterpretandone le tematiche e approfondendo in particolare, fra le altre cose, la complessità e l'inutilità della burocrazia (cosa che logicamente in "1984" non c'era), che molto spesso costituisce un pretesto comico.
La differenza rispetto al romanzo di Orwell da cui trae spunto questa pellicola è che mentre nel libro l'autore cercava di interpretare la propria società contemporanea e fare una fantasiosa previsione quasi a mo' di ammonizione, in "Brazil" Gilliam crea ugualmente un mondo futuristico, ma si basa molto di più sull'esagerazione dei difetti della società a lui contemporanea.

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  07/12/2014 14:35:00
   6 / 10
Questo film, senza dubbio d'avanguardia e quindi originale, parte bene ma poi lo sviluppo non è quello che ti aspetti. Non vado oltre al sufficienza.

The BluBus  @  03/10/2014 11:59:37
   8 / 10
Visionario ma perfettibile, 8.

dagon  @  21/09/2014 17:58:03
   7½ / 10
Terry Gilliam manca il capolavoro con Brazil. Tra Orwell e Kafka, mette in scena, in un tempo e luogo imprecisati, una società parafascista soffocata dalla burocrazia. Nella prima, meravigliosa ora, a cui da il via un moscone, ci sono tante di quelle idee di regia, sceneggiatura e scenografia che basterebbero per 10 film. Siamo quasi alla perfezione ed il tono surreale ed onirico è perfettamente nelle corde del regista che tira fuori il meglio del suo talento.
Dopo un'ora, però, il film, improvvisamente si inceppa, perde fuoco e comincia a girare a vuoto. Si procede piuttosto stancamente, con una sensazione di accumulo. Per fortuna, nei minuti conclusivi si risolleva fino all'eccellente finale.

Invia una mail all'autore del commento nocturnokarma  @  22/07/2014 13:27:24
   8 / 10
Grottesco e visionario viaggio in un futuro distopico con la meraviglia fanciullesca di un protagonista "perdente", e un'incedere sempre meno accomodante.

Fuge nel sogno, in una realtà ossessiva-oppressiva, ben servita dalle scenografie, da personaggi bizzarri; e se la storia d'amore è catalizzatore degli eventi, ma anche non del tutto riuscita e dal ritmo sbilenco, il bellissimo finale non si dimentica.

Cult!

FurFante9  @  15/03/2014 13:00:28
   5½ / 10
SOPORIFERO...
non mi ha trasmesso niente. Ma di sciuro sono io che non l'ho capito fino in fondo. Che delusione...

Tutto di un altro livello "L'esercito delle 12 scimmie".

maxbld  @  07/03/2014 20:44:29
   10 / 10
Per me grandissimo capolavoro. Film unico, originale, fuori dagli schemi e pieno d'arte. Commovente, onirico, divertente, poetico. Di certo eclettico, ma per me anche questo è un pregio. Le tematiche coperte sono molteplici, ma spicca la critica a una burocrazia straripante, soverchiante, crudele e assassina. Le ambientazioni grigie, l'atmosfera claustrofobica producono nello spettatore un'immedesimazione col protagonista tale da indurlo a percepire pienamente lo sconforto, l'inutilità e il senso d'impotenza nei confronti del sistema e dei suoi poteri forti. Nulla di più attuale. Non ho la capacità di descrivere il coinvolgimento e le emozioni provate durante le mie plurime visioni di questo grandissimo film, che non mi stanco di guardare ancora e ancora, come fosse il modo per ritrovare un vecchio amico, rivivere una storia entusiasmante, emozionarsi ancora una volta.

alepr0  @  06/02/2014 19:40:20
   5 / 10
Non mi è piaciuto. L'unica cosa che mi è piaciuta sono le ambientazioni fantascientifiche. Non lo consiglio.

GianniArshavin  @  30/01/2014 20:25:39
   7 / 10
Avevo enormi aspettative nei confronti di questo Brazil,film da molti considerato uno dei capolavori del cinema moderno nonché il miglior prodotto partorito dalla mente visionaria di Terry Gilliam. Purtroppo questa pellicola,pur essendo di gran livello e di indubbia genialità non ha soddisfatto in pieno le mie aspettative.
La storia è ambientata in un mondo distopico non precisato,dove la fanno da padrone la meschinità,l'apparenza,l'egoismo e la burocrazia,con gli esseri umani ridotti a pecore assuefatte a questo sistema marcio e schematico. L'unico che cerca di sfuggire alla realtà decadente del suo mondo è Sam,modesto impiegato che si rifugia nei suoi sogni e nelle sue fantasie.
Questa è la trama di base,che si svilupperà in più di due ore di film e che toccherà molti argomenti interessanti.
Le parti che più mi sono piaciute sono state quella iniziale e quella finale,un mix di inventiva visionaria,genialità,umorismo nero e deliri vari che davvero sottolineano ancora una volta la vena folle di Gilliam;soprattutto il finale del film è un cocktail di pazzia e genio con una serie di scene cult fra il grottesco e l'inquietante. Anche la parte iniziale di Brazil è molto interessante,con il regista che ci introduce a questo mondo futuristico dipingendo la mentalità dei suoi abitanti con un paio di scene di forte impatto.
Ottimi anche i messaggi sociali,presenti all'inizio come nelle scene del ristorante con l'attentato o quelle della madre ossessionata dalla chirurgia e verso la parte conclusiva con una chiosa pessimistica di grande potenza. Ovviamente non credo di aver colto tutti i punti che Gilliam voleva sottolineare,vista comunque la natura grottesca del film,e quindi cercherò di coglierle ad una seconda visione.
Geniali anche il titolo con annessa "colonna sonora" e l'umorismo nero che qualche risata la strappa,anche se spesso sono amare.
Tanti pregi quindi,ma purtroppo anche tanti difetti! La parte centrale ad esempio è il primo e più grande limite dell'opera:un guazzabuglio confusionario e incasinato,dove la trama principale viene spezzettata da una serie di cose superflue ed evitabili. Il ritmo in questo frangente di film è davvero lentissimo,in maniera quasi esasperante,e la staticità della storia in questa fase non aiuta di certo.
Un altro punto che non mi è piaciuto è la storia d'amore che viene infilata nella vicenda come mezzo che porterà Sam alla scossa definitiva;personalmente non ho gradito questa trovata,non per la storia in se ma per via di un personaggio femminile totalmente anonimo e di come questa passione amorosa viene calata nel contesto.
Ho trovato fuori luogo anche il personaggio di De Niro,superfluo e praticamente di contorto senza una precisa utilità.
Infine non mi ha colpito molto la caratterizzazione della città,che invece molti hanno esaltato. Se in film come "Blade Runner" la città e l'ambientazione erano parte integrante della storia..erano per cosi dire "vive",qui ho riscontrato un effetto invece contrario,con la cittadina quasi assente nel suo grigiore.
In definitiva Brazil è un film geniale nelle trovate grottesche\visionarie,dei messaggi sociali avveniristici e con una parte iniziale ed una finale davvero indovinate. Sfortunatamente il blocco centrale è troppo confuso e lento,con Gilliam che ricade ancora una volta nel suo difetto maggiore:il voler strafare a tutti i costi!

DogDayAfternoon  @  13/10/2013 13:06:03
   5½ / 10
Indubbiamente un film d'avanguardia, fuori da ogni schema e da ogni logica con il proprio pubblico di riferimento. La regia, la fotografia, gli attori sono ottimi, ma per i miei gusti è fin troppo bizzarro: l'inizio è una bomba (letteralmente), con i primi minuti che divertono, appassionano ed entusiasmano..poi però il film si perde nella sua eccentricità, e alla lunga inevitabilmente stanca; perché il bizzarro può divertire e incantare, ma un film in cui non si vede una scena che abbia lontanamente una parvenza di senso compiuto non fa per me.

freddy71  @  15/09/2013 19:55:06
   7 / 10
anche se non è il mio genere devo riconoscere al film una certa originalità...un film ben fatto....con trovate geniali.

debaser  @  12/07/2013 15:10:00
   6½ / 10
Visto per curiosita visto che era uno dei pochi film sul tutte le liste dei film da vedere che mi mancava. Per carita la struttura e' buona, lo stile art deco, cubista, minimalista e' favoloso, mirabile l'uso del vetrocemento in tutte le strutture. Bellissima tutta la scenografie en la fotografia. Ma la storia dov'e'? Capisco il fine grottesco della pellicola e le analogie con Orwell ma la trama non decolla mai non si prova empatia nei personaggi eccetto per De Nino, ma dopo un po la pellicola annoia e non si vede l'ora che finisca.

JOKER1926  @  03/05/2013 00:52:12
   3 / 10
Oltre ogni legittimo parere soggettivo ed interpretativo ,che il comune individuo, membro della fattispecie "film", pu˛ emanare dalle sue (presunte) competenze critiche, c'Ŕ da dire che "Brazil" rientra nella stanza della spazzatura cinematografica.
Gli audaci potrebbero vedere in questo calderone di baldoria e totale satanismo visivo un qualcosa che fa il verso alla critica sociale, alla burocrazia e a tutti gli apparati "legali" della societÓ. Ma una critica di un film, da parte di un competente, non ha motivo di basarsi esclusivamente su queste premesse, che ahimŔ, lasciano il tempo che trovano.

"Brazil" si manifesta come film di fantascienza, su questi binari, infatti, nasce qualsiasi assurditÓ.
Si tratta quindi di assurditÓ che gravano, in modo drammatico, sull'elaborazione della storia, il tutto risulterÓ inevitabilmente pesante e scollegato. Manca l'intelaiatura e il sincronismo fra scena e narrazione, prende forma un delirio osceno, paragonabile all'idealizzazione sessuale di un cinghiale nell'atto della sua eiaculazione.
"Brazil" non pu˛ essere affidato, cinematograficamente parlando, ad una vasta striscia di pubblico; i connotati del prodotto del 1985 sono estremi e anormali; manca ritmo e coinvolgimento. Per non parlare della storia e della sceneggiatura, queste ultime estranee fin dal primo minuto di proiezione.
Film da censura marchiante.

Cianopanza  @  07/01/2013 16:38:50
   8 / 10
Grottesco e visionario... Terry Gilliam all'ennesima potenza... si ride... ma inquieta, non poco.

vehuel  @  07/01/2013 12:53:21
   9½ / 10
Visto ieri per la prima volta e ne sono riamasto letteralmente affascinato. Ottime le musiche ma soprattutto le ambientazioni scenografiche con architetture in arte decò. Il film è visionario e allucinante, bellissimo.

Crazymo  @  30/12/2012 01:15:16
   9 / 10
Il talento visionario di Terry Gilliam trova il culmine in questo film di matrice distopica che ricorda tantissimo 1984 ma che lo porta ad un livello più onirico aggiungendoci qualche pizzico di humor, scelta azzeccatissima, caratteristica tipica dell'ex-Monty Python. Un film pieno di dettagli e di significati, potrei vederlo diecimila volte carpendone ogni volta un nuovo particolare; è un film che parla di un uomo immerso in questo sistema burocratico popolato da persone ormai prive di alcun sentimento; quest'uomo è distinto però dalla capacità di sognare, un'abilità ormai persa da tutte le persone, le quali credono di comprare la ricchezza acquistando oggetti e tentando di ringiovanirsi (Una sorta di Essi Vivono) ma che hanno praticamente perso ogni caratteristica umana. Il protagonista inizia lentamente a prendere il volo, ad "uscire" dall'ammasso di fogli che popolano la sua scrivania, mentre Terry Gilliam continua a stupirci ogni secondo che passa. Le scene folgoranti sono tantissime, soprattutto nei minuti finali, ma mi è particolarmente rimasta impressa l'immagine della strada circondata da cartelloni pubblicitari, con dietro il degrado più totale. Genio puro. Capolavoro!

Ciaby  @  28/07/2012 19:55:48
   5 / 10
Sprazzi di genialità futuribile e capitomboli kitsch (volontari). Gilliam o si ama o si odia, anche quando calca troppo la mano ed esagera all'inverosimile.

Niente da fare. "Brazil" non mi ha colpito. Lo dovrò sicuramente rivedere, perchè è palese la sua grandezza, ma non è riuscito a scalfirmi. L'ho trovato abbastanza ridondante e persino ingenuo. Incipit meraviglioso tuttavia.

2 risposte al commento
Ultima risposta 28/07/2012 19.59.50
Visualizza / Rispondi al commento
tobbie  @  28/05/2012 01:58:17
   7 / 10
Ad essere sincero mi aspettavo un capolavoro e sono rimasto molto deluso. Lo trovo un film non riuscito ma il voto è cmq alto in quanto ci sono delle sequenze veramente ottime ed in più tutte le tematiche offerte sono ben sviluppate. Non ho apprezzato costumi e la scenografia(in parte) e alcune scene in cui il protagonista sembra sherlock holmes. Inoltre anche lo stile britannico non è che mi faccia impazzire e la durata è eccessiva. Il finale, nonostante sia prevedibile, risulta innegabilmente ad effetto e carino. In sunto sicuramente alcune scene e trovate sono geniali ma non è quel gioiello che speravo di vedere.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

_Hollow_  @  23/04/2012 01:48:43
   9½ / 10
Prendete 1984; rendetelo una satira con molte scene di humour britannico/nero, decisamente comiche;

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 13/05/2012 17.25.10
Visualizza / Rispondi al commento
TheGame  @  11/04/2012 11:53:03
   5 / 10
Narrazione frammentata e troppo formale a guastare la festa visiva messa ben in mostra in questo "Brazil" e, alla fine, il tanto blasonato prodotto di Gilliam, dopo la suggestione estetica, finisce per non lasciar altro che le carte dei cioccolatini...

1 risposta al commento
Ultima risposta 09/10/2015 03.25.14
Visualizza / Rispondi al commento
gemellino86  @  08/04/2012 18:31:46
   9½ / 10
BRAZIL LALALLLALALLALALA BRAZIL LALALLALAALLALAALALLA...

Gilliam è un genio e questo film è la conferma. Lo considero addirittura migliore di "Monty Python". Da cineteca.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  17/03/2012 17:46:44
   8½ / 10
Film che esalta tutto il talento visionario di Gilliam.
In un mondo dalla burocrazia opprimente e inesplicabile (come ne "Il castello" o "Il processo" di Kafka) gestito in mondo dittatoriale ("1984"-Orwell) si muovo una serie di figure bizzare e surreali. Il povero protagonista può trovare rifugio solo nel mondo onirico.
Ottimo film che non si limita a riprendere le classiche tematiche distopiche. Un'opera affascinante e divertente, ben diretta e ben interpretata.

Invia una mail all'autore del commento astropippa  @  28/11/2011 19:36:16
   6½ / 10
Visto tempo fa. Non che sia brutto ma mi aspettavo molto di piu.

PignaSystem  @  28/11/2011 17:54:14
   8 / 10
Visionario, immaginifico, inquietante. C'è molto Orwell di 1984 in questo bellissimo film di Gilliam, che raggiunge l'apice negli ultimi 10 minuti.

BrundleFly  @  27/09/2011 12:08:12
   6 / 10
Sarà anche considerato un capolavoro, ma questo film di Gilliam l'ho trovato troppo lungo e confuso. La storia, pur avendo un buon lato di denuncia, non è riuscita a coinvolgermi per niente

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER.
Un punto in più per il finale.
Magari rivedendolo più avanti nel tempo riuscirò ad apprezzarlo meglio.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  06/09/2011 13:23:43
   8 / 10
Il talento visionario di Gilliam raggiunge il sua apice con questo "Brazil" , film di difficile lettura ma di sicuro divertimento!
la critica sociale per un Mondo diventato troppo burocratico e selettivo condotta da un timido impiegato che sembra essere ancora l'unico capace di sognare!
Inseguira' il suo sogno tra mille imprevisti e personaggi grotteschi...
Il finale,su cui si è molto dibattutto, è la ciliegina sulla torta di un film sicuramente non per tutti ma talmente geniale che merita di essere premiato!

guidox  @  04/08/2011 23:01:27
   5 / 10
no, non mi è proprio piaciuto.
Gilliam o mi sbalordisce con il suo genio o mi annoia in in un modo assurdo e stavolta prevale la seconda componente.
i richiami a 1984 e la successiva ricostruzione in salsa visionaria alternativa, sono un più che non mi ha preso proprio per niente.
comunque basatevi poco sul mio commento, perchè è un po' in controtendenza con l'opinione generale, visto che ho adorato Paura e delirio a Las Vegas, mentre i Monty Python non mi riesce di apprezzarli.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  26/05/2011 23:54:02
   10 / 10
Brazil è una delle più grandiose distopie mai concepite e realizzate nella storia del cinema. Il grigio è il colre predominante di questa pellicola, il colore della burocrazia, dei suoi funzionari e pezzi di carta dappertutto, perfetto emblema di una società talmente invasiva da avere l'ambizione di un controllo totale e assoluto della tua anima e dei suoi sogni.
Gilliam sprigiona un talento visivo senza eguali, descrivendo con verve satirica un mondo alla deriva, in cui un timido impiegato sognatore lotta per affermare la propria libertà dalle catene del mostro che l'uomo moderno stesso ha creato.
Brazil è un classico assoluto, un film che colpisce nel profondo e che non sarà mai datato.

Goldust  @  17/05/2011 11:11:32
   8 / 10
Indiscutibilmente ispirato dal 1984 di George Orwell, Gilliam ci porta in un futuro imprecisato ed inquietante, dove in una Società distorta il Governo controlla tutto e tutti e la burocrazia è a livelli opprimenti. La favola nera dell'ex Monty Pyton è magnifica, perfettamente in bilico tra il grottesco della vita del protagonista e il pessimismo che la gravità della situazione incute nello spettatore: a questo proposito è geniale la scelta del titolo - Brazil, da una celebre canzone penso brasiliana - come rappresentazione del desiderio di fuga di Sam, essendo appunto una canzone di "evasione".
Con una mezz'ora in meno e una protagonista femminile meno anonima sarebbe stato un capolavoro, così ci và "solo" vicino.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

goodwolf  @  02/02/2011 15:08:25
   6½ / 10
Definirlo surreale e visionario è davvero riduttivo.
Gilliam è completamente schizzato e con questo film ce lo dimostra,
creando un mondo (solo visivamente) assurdo.
Alcune scene sono magnifiche, come quella del primo giorno nel nuovo ufficio, o quella della segretaria, solo per citarne due, ma il film (anche per colpa della sua notevole durata) a tratti risulta macchinoso e poco scorrevole. Peccato...
Ah, titolo azzeccatissimo!!!

Bebo89  @  03/01/2011 23:09:31
   5½ / 10
Film visionario con lo scopo di denunciare alcuni aspetti che si stavano diffondendo molto nella societa degli anni 80' portando tutte le varie tematiche all'estremo per far risaltare gli aspetti negativi di quelle cose che Terry Gilliam voleva condannare.
Questa decisione di portare tutto all'estremo a me alla lunga ha stancato e aggiungendo il fatto che tutto scorre in maniera molto lenta alla fine mi ha annoiato molto.
Non condivido come Gilliam ha sviluppato le tematiche del film.
Pur capendo che il regista ha trattato argomenti importanti, a mio parere ce li ha voluti mostare in maniera inopportuna.

Runo  @  18/10/2010 01:26:23
   9 / 10
Opera visionaria di Terry Gilliam, trama ed ambientazione estremamente originali, interessanti i temi trattati dal regista quali la burocrazia, l uso/abuso della tecnologia ed elettrodomestici (non sempre affidabili), il terrorismo e la chirurgia plastica... ma soprattutto la forza dell' amore che è in grado di stravolgere la vita di un uomo... il tutto è orchestrato dal regista in maniera perfetta, bellissima anche la colonna sonora... Brazil è a mio modo di vedere un capolavoro ma è un film molto particolare e non adatto a tutti...

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR jem.  @  10/10/2010 23:58:43
   5½ / 10
mi ricordo vagamente il film, tanto poco mi piacque..
ormai questo regista è stato proprio eliminato dalla mia personale lista, ovvero sarà difficile che mi cimenti ancora in futuro a guardare sue pellicole.
però avevo voglia di dare un voto brutto a qualcosa e il primo film che mi è venuto in mente è stato questo.
buonanotte.

4 risposte al commento
Ultima risposta 13/03/2011 21.14.55
Visualizza / Rispondi al commento
GalloPayton  @  02/09/2010 14:43:42
   7 / 10
Sicuramente vale la pena vederlo,nonostante le 2 ore e passa.Bisogna dire subito però che ha un ritmo talmente lento ed è talmente pesante in alcuni punti che sarebbe meglio vederselo in due tranche.
Riesce perfettamente,anche se è un film di 25 anni fa,ad immergere lo spettatore nell'universo creato.Infatti conta più il messaggio che l'effetto speciale in se,questo lo rende in qualche maniera eterno.
Resta immotivatamente lungo,anche se questa lunghezza rende l'idea della macchinosità,dell'angoscia e dell'oppressione creata dal mondo burocratico-militare.

tati83  @  24/08/2010 00:38:24
   7½ / 10
da fuori! assolutamente da vedere

Dosto  @  18/08/2010 18:40:10
   8 / 10
Odio 1984 ma questo Brazil, che gli è sicuramente debitore, mi è piaciuto tantissimo. Escludendo l'inseguimento in macchina un pò fiacco, il resto delle trovate sono geniali. Bel finale. E poi c'è De Niro!

LucaD2  @  13/06/2010 02:27:35
   8 / 10
edmond90  @  05/06/2010 15:46:35
   10 / 10
Capolavoro visionario di Terry Gilliam,nonchè unico degno epigono cinematografico del 1984 di Orwell.

looking-glass  @  02/06/2010 14:24:51
   9 / 10
UN CAPOLAVORO, UNA PROFEZIA CHE PURTROPPO SI STA AVVERANDO.

Invia una mail all'autore del commento s0usuke  @  01/04/2010 13:21:38
   9 / 10
Il capolavoro indiscusso di Gilliam strizza l'occhio a "1984" di Orwell e si riveste di continue e ben congeniate citazioni filmiche sparse ovunque. Scenograficamente sbalorditivo e opprimente con fotografia cyberpunk. Brillante l'interpretazione di Pryce tra satira, riflessione e comicità in vecchio stile "Python".

SANDROO  @  01/02/2010 23:44:01
   2 / 10
Ho capito di non guardare mai film vecchi con una media alta di questo sito perchè sono tutti orribili............ Io un film così demenziale poche volte l'ho visto!!!! e meno male!!!! Povero De Niro umiliato così ma dal modo in cui ha recitato ha capito di aver fatto un pessimo errore a recitare in sto film........
SPAZZATURA........

3 risposte al commento
Ultima risposta 07/01/2013 16.34.40
Visualizza / Rispondi al commento
ulisseziu  @  17/12/2009 19:51:20
   9 / 10
Capolavoro visionario di Gilliam, ti trascina in un mondo fantastico, fatto di sogni, futuro e "fantascienza fantozziana". L'unico piccolo appunto è che a tratti diventa veramente troppo lento e duro da seguire, ma è solo una nota personale.

Straconsigliato!!!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento Enzo001  @  10/12/2009 19:20:38
   7 / 10
Curioso come non riesca a dar più di sette ad una pellicola che potenzialmente avrebbe potuto farmi innamorare...
Adoro Gilliam, adoro l'ironia intelligente e lapidaria dei Monty Python eppure questo film nonostante le belle parole (bellissime, se parliamo della recensione) spese dai colleghi qui sotto non mi ha preso per nulla, anzi, ammetto a malincuore di essermi concentrato più sull'orologio che sullo schermo.
Sono sicuro che trattasi di capolavoro, nella sua rappresentazione personalissima e affascinante della dispopia orwelliana, reinterpretata devo dire splendidamente.
MA, è l'emozione che mi sarei aspettato, e che è arrivata solo sul finale (splendido), a mancare. E lo dimostra il fatto che non saprei cos'altro aggiungere a quanto detto.

Peccato.

5 risposte al commento
Ultima risposta 25/08/2010 02.22.25
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Ciumi  @  08/12/2009 18:43:32
   8½ / 10
Il futuro auspicato da Gilliam/Orwell è sì assurdo e iperbolico, ma nello stesso tempo kafkianamente plausibile, col suo cinismo ipocrita, col suo autoritarismo corrotto, col suo apparato burocratico opprimente.
Le mura della città covano una selva di tubature, costruzioni mastodontiche contengono immense sale o claustrofobici sgabuzzini, mentre bizzarri marchingegni, tra l’avveniristico e lo sgangherato, figurano in ogni luogo.
L’ingenuità del sogno (fantasticamente rappresentato) d’amore puro e di totale libertà, si scontra contro i lastroni a forma di palazzi, deve lottare con un gigante orientale e con un esercito di mostri-bambole che sono l’irrazionalità e le stravaganze stesse del regista.

La passione per il grandangolo di Gilliam, e la sua visionarietà barocca, che molto bene s’adattano alle atmosfere della storia, fanno pensare al Welles de “Il processo” (seppure l’omaggio più plateale sia per “la scalinata di Odessa” di Ejzenstejn).
“Brazil”, anche il titolo sembra volere rispondere alla logica surrealista della pellicola.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  30/11/2009 22:36:50
   9 / 10
Uno dei film più rivoluzionari del cinema contemporaneo, l'esatto opposto del deludente 1984, prolisso rifacimento cinematografico del classico di Orwell.
A tratti beffardamente ironico, e molto inquietante. De Niro strepitoso, uno dei punti più alti dell'arte visionaria di Gilliam

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  25/10/2009 22:35:19
   5½ / 10
Ci ho provato anche con “Brazil”. Cosa volete che vi dica? Ci proverò anche con “Parnassus”.
C’è poco da fare, a me ‘sto Gilliam non piace. Capisco che il suo stile, la sua originalità, i suoi effetti speciali da baraccone a qualcuno possano piacere, ma a me semplicemente irritano… cavolo, non vedevo l’ora che il film finisse!
Gilliam vorrebbe essere una specie di Cronenberg con tutte queste critiche sociali, ma non ci si avvicina minimamente a parer mio. E poi scusate, che c’entra il titolo, sono in Brasile?!

2 risposte al commento
Ultima risposta 25/10/2009 23.29.31
Visualizza / Rispondi al commento
Wally  @  25/10/2009 22:23:12
   4 / 10
Niente... Ok ci sono i vari messaggi e le premonizioni giuste del pazzo bravo visionario Gilliam... Ma questo film risulta uno dei più noiosi che io abbia mai visto.
Ok che nei film il messaggio è importante, ma un film deve anche prendere lo spettatore e portarlo nel suo universo... Gilliam in questo film non mi ci ha portato proprio... è il suo quarto film che vedo, i primi due: Paura e delirio e L esercito delle 12 scimmie sono davvero stupefacenti... il mio terzo Tideland, una delusione e questo: una noia mortale.
Mi disp ma non sono d accordo con questo genere di pellicole.
Comunque bravissimi gli attori anche se DeNiro poteva avere una parti più impegnata e ottima la canzone... il resto da buttare

Dr.Orgasmatron  @  13/09/2009 17:46:42
   9½ / 10
Terry Gilliam nel suo (folle) e grande talento visionario elevato al cubo. Un film-viaggio pregno di significati e premonizioni azzeccate su cosa sarà il nuovo millennio. Impossibile una volta visto togliersi dalla testa la canzone che da il titolo al film....la la la la la la la la.....la la la la la la la la la...Brazil.....

david briar  @  02/09/2009 13:13:25
   10 / 10
brazil è un film premonizione, allucinante, pessimista, in anticipo sul percorso.
la vicenda che si tratta è incredibilmente coinvolgente, avvincente, emozionante e intrigante;il vero finale, dopo i sogni speranzosi, ha l' effetto di un pugno in faccia dato da mike tyson.
le scenografie sono incredibilmente fantasiose e bellissime;la regia di gilliam è barroca e discontinua, ma molto efficace.
il film racconta di come la gente sia diventata indifferente ai sentimenti altrui(sam, quando comunica la notizia della morte del marito alla signora buttle, è solo sfiorato dal dolore della donna, non riesce neanche a provare pena) e di come siano vittime del sistema, estremamente dittatoriale, di come il il governo uccida persone anche per reati poco significativi e non siano per nulla toccati da questo, di come siano vittime della tecnologia.
è il secondo film che vedo di gilliam, dopo i fratelli grimm, ed è un capolavoro. la media del sito è troppo bassa. questa pellicola è molto pessimistica, ma allo stesso tempo creativo e fantasioso. uno dei migliori film di fantascienza mai girati, con una sceneggiatura splendida e dissacrante.
bravo pryce, e anche de niro, che fa un ruolo marginale, io pensavo che recitasse di più. bravi anche hoskins, la helmond e la greist.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  18/07/2009 09:29:45
   8 / 10
Molto bello e significativo in molte sue scene.Ti strappa molti sorrisi e al contempo ti fa riflettere.Ambientato in un mondo sommerso dalla burocrazia,questo film pu˛ essere apprezzato anche da chi ha letto Orwell perchŔ l'idea di base Ŕ la stessa.Burocrazia pressante e sempre presente,asfissiante,non si contano nel film le volte in cui una voce dice"firmi qui"tendendo un foglio.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Gli ultimi 20 minuti sono bellissimi e frenetici.Poi sopraggiunge il finale improvvisamente,quando tutto sembra finito,e ha l'effetto di uno schiaffo.In un mondo in cui l'individuo non pu˛ sognare,Sam Ŕ condannato perchŔ ci riesce.Purtroppo il mitico De niro compare veramente pochissimo in un ruolo secondario.CŔ da dire anche che Gilliam non attinge solo da Orwell ma i suoi omaggi a registi e film che hanno fatto il cinema sono qua e lÓ,disseminati in tutto il film ed Ŕ difficile notarli alla prima visione.Per questo Gilliam Ŕ uno di quei registi molto strani,Ŕ capace di fare film come questo,per poi cadere in basso all'improvviso( Fratelli Grimm e anche Tideland,molto controverso).

bulldog  @  16/07/2009 11:42:11
   6 / 10
futuristico,riuscito a metà

kastaldi  @  02/06/2009 18:11:55
   5½ / 10
Non posso che essere d'accordo con le due recensioni che mi precedono. Visto il cast e quello che avevo sentito dire, mi aspettavo un capolavoro invece l'ho trovato alquanto noioso seppur con qualche momento ilare. De Niro sottoutilizzato. Peccato perchè l'idea era interessante, sinceramente però non mi è piaciuto e l'idea di rifarmi altre 2 ore per rivedere e cercare di capire meglio questo Brazil, proprio non mi attira.

Gruppo COLLABORATORI Zero00  @  22/05/2009 17:14:22
   6½ / 10
Probabilmente è un mio limite. Infatti, dopo aver letto critiche più che positive, sia qui che altrove, credevo di aver trovato il film per me. E invece no. Scopro che di Gilliam non mi piace forse quello che viene considerato il suo capolavoro. Non che mi abbia fatto schifo, anzi, nel film ci sono trovate molto buone ed è ben recitato. Ma è mancata la scintilla.
Prima di tutto, l'ho trovato poco attraente e troppo lungo per quel che vuole raccontare (secondo me). Poi ho trovato gran parte dei personaggi troppo "macchiette" e il protagonista noioso. Non mi sono piaciute nemmeno le parti oniriche.
Mezzo voto in più per le scenette delle riparazioni in casa.
In somma, a me non ha impressionato più di tanto anche se ci trovo il Gilliam che verrà e che a me piace.
Forse sono io che non l'ho capito ma credo si tratti più di mancanza di intesa.

topsecret  @  13/05/2009 17:28:23
   5 / 10
E' in momenti come questi che mi assale lo sconforto più oscuro, una volta preso atto dei miei limiti, non capacitandomi del perchè non mi riesca di capire ed apprezzare pellicole riconosciute da tutti (o quasi) come dei veri capolavori del cinema. Mi domando a questo punto: cosa hanno visto gli altri che io non ho visto? Cosa hanno apprezzato gli altri che io non ho saputo apprezzare? E che cosa sono riusciti a cogliere gli altri che io non ho colto? Queste sono le domande che rimarranno nella mia testa fino al prossimo film.
Capisco l'ironia di questa pellicola, la critica sociale (burocrazia assassina e ministero dell'informazione che controlla tutto e tutti) e lo spirito visionario che caratterizza il film, ma il divertimento, il coinvolgimento, gli intrecci, la tensione, il ritmo e la caratterizzazione dei personaggi, dove sono? Mi è mancata quella sensazione, quello stimolo di dire :"Cacchio, che film!" senza dover aggiungere subito dopo "...di mer.da".
Il personaggio di Pryce era così irritante che lo avrei preso volentieri a calci nel deretano, Ian Holm è bravo, Hoskins e De Niro poco più di due comparse e il resto del cast mi è sembrato discreto. Ma personalmente, le 2 ore e passa del film non mi hanno regalato nulla se non una caterva di sbadigli ed una discreta noia, ma forse questo è successo perchè sono io che non ho capito nulla.

2 risposte al commento
Ultima risposta 14/05/2009 01.39.45
Visualizza / Rispondi al commento
-Platypus-  @  04/05/2009 10:55:00
   9 / 10
capolavoro assoluto.

TheLegend  @  27/04/2009 00:40:04
   6 / 10
un film geniale sotto molti aspetti ma che mi è risultato troppo noioso,specialmente nella prima metà.
le ambientazioni surreali e la critica sociale fanno salire il voto fino alla sufficienza,però che fatica!

Invia una mail all'autore del commento lorenzo971  @  24/04/2009 15:21:10
   9 / 10
In un mondo che ha smarrito ogni emozione, un futuro distopico basato su una burocrazia che annichilisce il singolo rendendolo succube di un sistema superiore di cui perde totalmente il controllo, Sam, solo in mezzo ad uno spettacolo penoso di personaggi semi-automi nevrotici o catalettici, trova ancora la forza di sognare. Evade in una dimensione onirica, spinto dal puro ed assoluto desiderio d'amore, non il mero culto della bellezza che scade in una crociata a colpi di bisturi contro le rughe,ma la passione antica, epica per una sconosciuta, una ninfa anonima che deve salvare (una sorta d'amor cortese ormai caduto nell'oblio nella socetà a lui coeva). Sam conserva al suo interno, nel profondo della sua interiorità, dei sentimenti, un po di colore, una sinfonia, che come quella della colonna sonora (tratta dalla canzone Aquarelo de Brazil), romantica e melanconica, entra in forte contrasto con la realtà. Abbandonando il suo equilibrio mediocre, come nei suoi sogni, intraprende una battaglia, diviene un eversivo, lotta per la sua individualità e per la donna che ama, scontrandosi con una dittatura sul modello orwelliano nella dimensione esterna, e con le sue paure piu innominabili in quella interna (il samurai non è altro che lui stesso -- sam you're I ---) . Se in una di queste trionferà l'Icaro alato, nell'altra è destinato a fallire, come un modulo senza matricola, l'unico epilogo per lui possibile è l'eliminazione.
Gilliam dimostra delle doti eccezionali, una capacità visionaria senza precedenti, continuando strenuamente, con un'altro film, la lotta contro il rischio di un possibile futuro-spazzatura, che non è poi cosi lontano.

ps: tra le scene piu belle quella in cui i grattaceli, rappresentati come parallelepipedi di cemento spuntano con veemenza dal terreno, distruggendo il sereno paesaggio naturale.

STEn  @  19/04/2009 17:39:28
   9½ / 10
"Prima di tutto vennero a prendere gli zingari
e fui contento, perché rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei
e stetti zitto, perché mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere gli omosessuali,
e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.
Poi vennero a prendere i comunisti,
e io non dissi niente, perché non ero comunista.
Un giorno vennero a prendere me,
e non c’era rimasto nessuno a protestare."

BlackNight90  @  08/03/2009 19:38:14
   9½ / 10
"BRASIL! LA LA LA LA LA LA LA LAAA..."
Brazil è forse il capolavoro di Terry Gilliam, anche se gli preferisco 12 Monkeys. Brazil è un film che non puoi limitarti a guardare, lo devi subire perché la potenza dissacrante e surreale delle immagini non lascia scampo.
"...LA LA LA LA LA LA LA LAAAA! BRASIL! BRASIL!..."
Un film che parla di una società futuristica che ha già le sue radici evidenti in quella odierna (chi nel suo piccolo non ricorda qualche disavventura burocratica? e l'ossessione per la bellezza perfetta da raggiungere attraverso la chirurgia plastica? e i metodi di coercizione del sistema? e la massificazione e l'omologazione del pensiero?).
"...A-E-I-O-U, IPSELON! A-E-I-O-U, IPSELON!..."
Una società distopica rappresentata da Gilliam con evidentissimi rimandi ad Orwell (i protagonisti Sam e Jill sono, come Winston e Julia, parte del meccanismo rigidamente gerarchizzato del potere; le guardie ricordano molto la Psicopolizia orwelliana, o le divise naziste, e in entrambe le storie i protagonisti sono arrestati nella loro intimità violata, ecc.), e a quell'altro capolavoro che è Fahrenheit 451.
"...BRIGITTE BARDOT BARDOT! BRIGITTE BEIJOU BEIJOU!..."
Una società accettata dalla mediocrità delle persone, lo stesso protagonista Sam è un mediocre, l'unica cosa che lo distoglie dalla meccanicità ripetitiva della sua vita è l'amore, che ben presto diventa fuga, il suo unico rifugio sono i sogni.
"...AY AY CARAMBA! AY AY CARAMBA!..."
Nei sogni Sam si sente come Icaro, come un guerriero (e chi non si sentirebbe così in un sogno, spinto dalla forza dell'amore?), nel vero incubo che è la realtà l'amore non ha alcun carattere salvifico.
Davvero perfetto lo sguardo smarrito di Jonathan Price, mentre si poteva dare molto più spazio allo spassosissimo personaggio di De Niro.
"...ZAZUERA! ZAZUERA! ZAZUERA! ZAZUERA!..."
Un film pessimistico come pochi, ma ripensandoci, ascoltanto questa musichetta (non è proprio questa comunque!), che nel film assume sia la funzione di accompagnamento lirico ai sogni di Sam, sia una sottolineatura grottesca nella realtà, non si può non trattenere un sorriso.
"...PE PE PE PE PE PE PE PE PE PE PE PE PE PE PE PE PE PE PE PE!..."

39 risposte al commento
Ultima risposta 15/03/2009 16.30.50
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  24/02/2009 14:17:38
   3 / 10
Bah...non ci siamo proprio! Un film che per me è davvero inguardabile. Amo la fantascienza, ma qui più che quella vedo solo luoghi ed immagini realizzate alla fanfarona, confuse e con colori disturbosi ed effetti speciali molto mediocri. Attori bravi, questo si, ma non venitemi a parlare di "Surrealismo" perchè non significa nulla. Non credo che rivedrò mai il film ( la prima volta fu nell'93 ) non mi ha lasciato lo spunto ne la voglia per farlo. Sarà che non l'ho capito ( anche se non c'è nulla da capire ), sarà che non amo particolarmente Gilliam ( tranne in qualcosa ) ma nella mia classifica mentale "brazil" un posto non lo trova di sicuro.

Stanley Forever  @  22/02/2009 13:06:45
   10 / 10
Film di una bellezza secondo me scandalosa.
Non potrei non dare 10 a 1984 di Orwell, quindi non posso esimermi dal dare 10 a quella che a tutti gli effetti è una sua trasposizione cinematografica, impreziosita da alcuni risvolti semplicemente superlativi.
Strepitoso tutto il cast tecnico, da Terry Gilliam all'ultimo dei macchinisti, passando per un De Niro in una particina piccola ma superbamente interpretata.
Il finale è veramente raggelante.
Capolavoro.

Neu!  @  17/02/2009 18:42:43
   9½ / 10
uno dei vertici degli anni 80'. Poco da dire; posso solo sottolineare il genio assoluto del regista che qui si trova perfettamente a suo agio. fosse per me li farei studiare nelle scuole fil come questo.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR kubrickforever  @  17/02/2009 18:35:19
   8 / 10
Il talento di T.Gilliam ai massimi livelli. Brazil è l'apoteosi del surrealismo, un incubo ad occhi aperti che all'apparenza risulta essere superficiale, ma che in realtà tratta temi molto attuali. Un film che, per il sottoscritto, si è rivelato una vera sorpresa.

paride_86  @  16/02/2009 02:51:37
   6½ / 10
Di sicuro non è un film banale: innumerevoli riferimenti ad una burocrazia kafkiana, ad una società macchinosa senza rispetto per l'individuo e tantissime citazioni cinematografiche. La trama, però, è davvero troppo sconnessa e imprevedibile, e il susseguirsi degli eventi non propone un messaggio finale preciso; lo stile è immaginifico e visionario me, a parte alcune scene, non mi ha affascinato più di tanto.
In definitiva "Brazil" non mi ha entusiasmato più di tanto e, nonostante la durata non fosse proprio eccessiva, mi è risultato pesante.

donfabios  @  24/01/2009 13:43:07
   9 / 10
summa theologica di tutti i generi cinematografici,fantascienza, horror, grottesco, commedia, tragedia, surrealismo, in un incrocio fantasioso e imprevedibile di avvenimenti.
Innumerevoli rimandi a Kafka (il processo, il castello), a Orwell, e al genere distopico in generale; citazioni di Bunuel (vedi gli attentati nell'indifferenza), alla Corazzata Potemkin in alcune scene di sparatorie (ad esempio il soldati in marcia), a Kubrick (dottor stranamore) e o addirittura a cronenberg(ad esempio nel pasto nudo) e chissà quante altre cose che non ho compreso...
De niro in uno dei suoi soliti ruoli di "uno contro tutta la società" già come in taxi driver o nel cacciatore.
Un capolavoro del postmodernismo.

gasy  @  15/01/2009 14:26:33
   7½ / 10
è una follia. Incomprensibile nella sua totalità. Affascinante come ogni Gilliam, regista mai baale ne suoi progetti più personali.

Manu90  @  23/12/2008 11:15:32
   8 / 10
Un film difficile da spiegare. L'uomo non ha più il diritto di sognare perchè il mondo è governato da meschinità e burocrazia. Giliam ci fa vedere un futuro terribile e inquietante allo stesso tempo, che in fin dei conti non si discosta molto dalla realtà attuale.
Visionario e cinico. Probabilmente il miglior film di Giliam.

Bob Marley  @  04/11/2008 18:42:33
   8 / 10
a mio parere esprime la genialità di gilliam..che già nell'85 prevedeva un mondo non molto libero...

Drugo.91  @  31/10/2008 15:59:36
   9½ / 10
senza dubbio il migliore film di Gilliam

  Pagina di 3   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospetto
 NEW
easy living - la vita facile
 NEW
era mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvatiche
 NEW
il meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 NEW
the new mutants
 NEW
the other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia dĺarteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001499 commenti su 43095 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net