burn witch burn - la notte delle streghe regia di Sidney Hayers Gran Bretagna 1962
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

burn witch burn - la notte delle streghe (1962)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film BURN WITCH BURN - LA NOTTE DELLE STREGHE

Titolo Originale: NIGHT OF THE EAGLE

RegiaSidney Hayers

InterpretiPeter Wyngarde, Janet Blair, Margaret Johnston, Anthony Nicholls, Colin Gordon, Kathleen Byron, Reginald Beckwith, Jessica Dunning, Norman Bird

Durata: h 1.30
NazionalitàGran Bretagna 1962
Generehorror
Al cinema nel Giugno 1962

•  Altri film di Sidney Hayers

Trama del film Burn witch burn - la notte delle streghe

Un insegnante e sua moglie alle prese con una storia di streghe.Dal romanzo di Fritz Leiber Ombre del male.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,88 / 10 (4 voti)7,88Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Burn witch burn - la notte delle streghe, 4 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

alex94  @  07/08/2016 18:51:38
   7½ / 10
Una specie di thriller psicologico con qualche elemento horror diretto con un budget piuttosto basso da Sidney Hayers (regista del discreto "Il circo degli orrori").
Questa opera nonostante sia stata (per qualche incredibile ragione) semi dimenticata anche dagli amanti del genere merita assolutamente una riscoperta per una serie di particolari che lo rendono un vero e proprio cult.
Nella trama troviamo trattato lo scontro tra superstizione (rappresentata dalla moglie del protagonista) e ragione (impersonata dallo scettico professore universitario che come è facile aspettarsi sarà costretto a ricredersi).
Per tutta la prima parte della pellicola siamo sostanzialmente al cospetto di un dramma,nella seconda, la sceneggiatura vira con successo sul thriller concentrandosi in particolare sul cambiamento psicologico che subisce il professore, che si ritrova ad essere letteralmente perseguitato da una serie di sfortunati eventi che hanno certo, una spiegazione logica ma che alla luce di ciò in cui crede la moglie possono assumere un diverso significato.
Anche il finale non dà una spiegazione certa lasciando aperti diversi dubbi e domande che in questo caso non fanno che accrescere il fascino ed il valore della pellicola.
Girato interamente in bianco e nero si lascia ricordare anche per la completa assenza di violenza (elemento che era quasi sempre presente nelle pellicole Hammer di quegli anni),preferendo concentrarsi del tutto sulla psicologia dei personaggi e sulla tensione,mai particolarmente elevata, ma presente per tutta la pellicola.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  09/05/2016 23:50:17
   8 / 10
La logica contro la superstizione. Un professore universitario fermamente attaccato alla razionalità delle cose e degli eventi contrapposto a sua moglie che ha disseminato in casa un numero imprecisato di amuleti avente lo scopo di proteggerlo. Da questa contrapposizione molto semplice il film si sviluppa gradualmente diventando sempre più inquietante e sinistro perchè gli avvenimenti che si susseguono possono avere una duplice intepretazione. Questo è un horror molto più psicologico che grandguignolesco stile Hammer, più vicino alle corde della Notte del demonio di Tourneur, tanto per fare un esempio. Un film che punta molto sulle atmosfere che vengono ben risaltate da un'ottima fotografia in bianco e nero. Pochissimi effetti speciali, una piccola anticipazione dell'Halloween carpenteriano, zero sangue, eppure così intrigante. Da riscoprire

looking-glass  @  05/05/2015 15:31:58
   8 / 10
Ottimo horror-thriller psicologico ispirato da un romanzo di Fritz Leiber e ambientato in una classica cittadina di provincia. La fotografia suggestiva in bianco e nero è splendida ed aiuta a creare ancor più la perfetta tensione. La trama si svolge principalmente basandosi sullo scontro tra superstizione e razionalità dei coniugi protagonisti. Opera nera inspiegabilmente poco nota nel genere.

statididiso  @  13/02/2012 10:31:15
   8 / 10
la sceneggiatura, che vanta la firma di Richard Matheson, è decisamente il pezzo forte del film, oltretutto ben diretto, fotografato ed interpretato. comunque dicono che abbia ispirato il finale di Suspiria...

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1008578 commenti su 44050 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net