caterina va in citta' regia di Paolo Virzì Italia 2002
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

caterina va in citta' (2002)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film CATERINA VA IN CITTA'

Titolo Originale: CATERINA VA IN CITTÀ

RegiaPaolo Virzì

InterpretiMargherita Buy, Sergio Catellitto, Alice Teghil

Durata: h 1.36
NazionalitàItalia 2002
Generedrammatico
Al cinema nell'Ottobre 2003

•  Altri film di Paolo Virzì

Trama del film Caterina va in citta'

L'avventura nella Capitale della famiglia Iacovoni: Giancarlo è un insegnante di ragioneria animato da propositi di riscossa, che tra le pareti domestiche soffoca di complessi la moglie provinciale Agata e spinge la figlia Caterina a farsi avanti tra le amiche della classe che hanno alle spalle una famiglia rilevante. La ragazzina, col suo spaesamento ed il suo candore, diviene oggetto di contesa e di rivalità tra Margherita e Daniela, la prima figlia di una scrittrice e di un noto intellettuale, la seconda rampolla di un importante esponente dell’attuale governo...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,55 / 10 (149 voti)6,55Grafico
Miglior attrice non protagonista (Margherita Buy)
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Miglior attrice non protagonista (Margherita Buy)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Caterina va in citta', 149 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

marimito  @  20/09/2016 17:26:36
   7 / 10
Un film carino, a volte irritante per l'assoluta realtà della sua sceneggiatura, spaccato di una Italietta corrotta ed accattona, che si finge alternativa ma non si capisce bene a cosa, il tutto visto con gli occhi di un' adolescente in balia di due genitori non più credibili e che hanno perso ogni possibilità di essere punti di riferimento. Lo consiglio!

fabio57  @  18/03/2016 15:22:03
   8 / 10
Bella e attuale questa storia, lo straniamento della piccola protagonista in un contesto nuovo e inaspettato è di un realismo disarmante. Eccellente nel film è la fotografia precisa che riesce a darci Virzì del paese e della nostra classe politica, attraverso lo sguardo semplice e pulito dell' adolescente che si barcamena tra la viziata figlia dell'onorevole di destra e la nevrotica figlia del poeta di sinistra, constatiamo che la contrapposizione è solo di facciata ,quando si tratta di spartirsi denaro e poltrone vanno tutti d'accordo , sotto i riflettori fingono di scontrarsi, ma è solo una recita per il pubblico credulone. Questa consapevolezza crescente rende il personaggio di Castellitto, sempre più fragile a mano a mano che tutte le sue certezze vengono meno , fino a metterlo in una condizione di assoluta alienazione. Efficace la sua interpretazione come quella della Buy.Il regista con i toni della commedia, punta il dito su una società sostanzialmente corrotta, incolta e incline alle lusinghe del potere.[-]

Sidda  @  20/02/2016 13:44:50
   8½ / 10
Uno dei migliori film italiani dell'ultima decade. Visione spassionata e tragicomica, Castellitto e Buy perfetti .

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

marfsime  @  22/08/2014 20:08:23
   7½ / 10
Bel film che racconta uno spaccato della società odierna..tra divisioni di classi sociali..politiche..modi di pensare ed intendere la vita.

Oh Dae-su  @  18/10/2013 16:26:11
   6½ / 10
Dramma mascherato da commedia questo film di Virzì.. bene i soliti Castellitto e Buy, irritante (ovviamente per me) l'attrice che interpreta Caterina.. ma nel complesso il film si fa guardare proponendo un ritratto interessante ma anche desolante di uno spaccato italiano.

DarkRareMirko  @  08/08/2013 09:44:59
   8 / 10
Premetto che straconcordo con la recensione del Morandini, che ha evidenziato punti salienti e compreso appieno lo spirito dell'opera.

Altro buon film di Virzì, con bel cast (ci son pure apparizioni fugaci di Benigni e Costanzo; a tal proposito divertente lo sclero in diretta tv di Castellitto al Maurizio Costanzo show, molto credibile peraltro) ed ottime caratterizzazioni.

Al solito, ahinoi, il ritratto degli italiani che ne esce è desolante, a tutti i livelli.

Il film ben rappresenta crisi e problemi tipici di un paese incorreggibile e sempre uguale a sè stesso.

Oltre che Monicelli, per il suo realismo qui Virzì mi ha anche ricordato il miglior Verdone.

Leonardo76  @  28/07/2013 20:01:02
   5 / 10
Storiellina banale e cerchiobottista. Vedere e sentire i ragazzini del film fa rivalutare la politica dell'infanzia adottata dal re Erode.

Max_74  @  18/02/2013 18:01:04
   8½ / 10
Vita e crescita dell'adolescente Caterina, trapiantatasi dal paese di provincia a Roma. Gradevolissima ma anche amara commedia di Virzì, che fa riflettere e descrive bene il malessere del nostro paese degli ultimi anni con forse l'unico difetto di cedere a qualche caratterizzazione leggermente macchiettistica e a faide politiche di fin troppo giovanissimi (12 anni) più adatte a liceali, comunque neanche tanto lontano dalla realtà scolastica attuale che mostra disagio sin dal periodo delle elementari . Tutti i politici, i genitori, figli compresi, fanno nel film una pessima figura e sono il ritratto della decadenza morale, politica e dell'incomunicabilità dei nostri giorni. Gli unici personaggi positivi, e nel quale Virzì forse ripiega un barlume di speranza, sono la simpatica e brava protagonista Teghil

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Beefheart  @  09/11/2012 20:28:51
   4 / 10
Sarebbe anche carino se non fosse così goffamente caricaturale

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR pier91  @  30/09/2012 05:15:24
   7½ / 10
Visto la prima volta pressappoco alla goffa età della protagonista. Nel frattempo se n'è andato il rossore nel rivedersi, o quasi, sullo schermo. Man mano la vergogna per quel che si è stati si placa, assume negli anni le sembianze di una particolare tenerezza, appunto il sentimento che ho provato rincontrando Caterina dopo tanto tempo. Raccontare la pubertà è estremamente difficile, perché è una fase dell'esistenza che celebra più di tutti uno stato d'animo: l'imbarazzo. Che è poi se vogliamo proprio l'imbarazzo della scelta. Prima di arrivare a dire "E'così che mi voglio vestire", "E' così che la penso riguardo a ...", "Mi piace dedicarmi a questo" devono passare molte stagioni. Non c'è nessuna epifania che ti traghetta dall' inconsapevolezza alla consapevolezza (fortunato tra l'altro chi ci arriva). Si impara sbagliando, dunque si cresce collezionando innumerevoli figure di mer.da. Per una ragazzina, sia concesso, è probabilmente anche più arduo. Le amicizie femminili si trascinano dietro una cattiva fama piuttosto meritata. Sballottata a destra e a manca, fra due fazioni ugualmente omologate e attraenti, Caterina capisce che i suoi dubbi, le sue contraddizioni, le sue incoerenze relazionali sono il segno di una fragilità tutt'altro che sterile. Caterina è dotata di un radar che le sue compagne non possiedono.
Virzì si è impastato le mani con i luoghi comuni sull'adolescenza ed è riuscito a trarne un ritratto giovanile autentico. E' riuscito, anche, a pennellare una figura paterna fra le più commoventi che il cinema italiano possa vantare. Le lacrime di un padre hanno qualcosa di scandaloso che non si dimentica. Ecco, la prima adolescenza è memorabile anche per alcuni momenti di vita familiare, quelli in cui un genitore ti prende la mano, ti fa sedere sulle sue ginocchia, ma invece di leggerti una fiaba ti parla delle Cose Importanti. Del denaro che c'è e non c'è, delle persone che sono tutte cattive, dell'importanza di diventare "qualcuno".

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  27/05/2012 13:47:04
   6 / 10
Non è la commedia di Virzì più riuscita, visto che prova ad analizzare problematiche (giovanili e non) senza però arrivare ad un messaggio chiaro. Finale piuttosto anonimo!

sweetyy  @  17/05/2012 14:32:50
   7 / 10
Film che mescola problemi sociali, politici e familiari... Molto stereotipato ma comunque gradevole e riflessivo.

Crazymo  @  13/12/2011 17:15:08
   7½ / 10
Bello, ben fatto, bravi gli attori. La differenza "sociale" e' un pò troppo stereotipata (cosa che non e' sempre un diffetto). Bravo anche Amendola, bravissimo Castellitto (come sempre) , ottima anche Margherita Buy, bravi i ragazzi.

Bucefalo  @  07/11/2011 18:10:40
   6 / 10
Un film pieno di stereotipi e che propone uno sguardo troppo semplicistico delle tematiche che vuole affrontare.
Di buono c'è almeno un tentativo di distaccarsi dalla classica filmografia italiana fatta solo di baci e pianti, commossi o isterici.
Un bravo Castellitto.

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  04/10/2011 22:46:37
   10 / 10
Se per tutto il resto c'è Paolo Sorrentino, per la Commedia c'è solo Paolo Virzì. Capolavoro.

alastar  @  07/05/2011 07:51:29
   5½ / 10
Ritratto stereotipato,banale e superficiale di Roma,vista con gli occhi di una ragazzina adolescente che dalla provincia si trasferisce nella grande città.Il film nella sua interezza sembra fare la caricatura a tutti i protagonisti,sia quelli problematici e negativi che quelli apparentemente normali come i componenti della famiglia di Caterina.Il film in sostanza dipinge la grande metropoli come un mostro che ingoia anche le famiglie tranquille che inevitabilmente subiscono influenze da una realtà molto più materialista,dove i valori vengono messi da parte,le famiglie si sfasciano e i vizi s'impossessano delle persone.Vorrei dire a Virzì che la vita cittadina non è solo quella,che non esiste solo il laziale fascista o la figlia con ideali rivoluzionari di una coppia hippy separata.Il mezzo puntoin più va per l'interpretazione di Sergio Castellitto e Margherita Buy,davvero bravi.

peppepetru  @  06/05/2011 15:55:35
   7 / 10
Beh che dire, Castellitto è eccezionale, forse uno dei migliori attori italiani.
Oltretutto bella storia, e mi sono piaciute anche le tematiche affrontate.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  29/01/2011 22:01:26
   6 / 10
Simpatico film di Virzì. Personaggi un filino troppo stereotipati. Bene il cast.
Niente di eccezionale, si può vedere.

Rosette  @  12/11/2010 12:56:51
   7½ / 10
Di solito odio i film italiani, fatta eccezione per Benigni e (a volte) Pieraccioni.
Ma Caterina va in Città devo dire che mi ha molto colpito. La prima volta che l'ho visto andavo in seconda media, e devo dire che mi sono rispecchiata nel mondo di Caterina, sebbene la mia situazione familiare fosse molto diversa da quelle (un pò stereotipate, ma oh... che vuoi farci) presenti in questo film.
Il mondo degli adolescenti italiani (che in questo caso sono piccoli, vanno ancora alle medie) mi sembra sia rappresentato pressochè perfettamente:


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

È un film che bisognerebbe far vedere almeno una volta a tutti i ragazzini delle medie, li mette davanti ad uno specchio. Fenomenali le recitazioni, tutte, a partire dalla protagonista (Adorabile con la A maiuscola) per finire con la Buy e Castellitto. Sconvolgente la scena

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Anche il finale non delude: Virzì ci concede una fine affatto scontata.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Ah, per finire, fenomenale la parte

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  21/07/2010 01:00:56
   7 / 10
Un'altro film di Virzì molto interessante però non pienamente riuscito.
La commedia è claudicante per una serie di ragioni, nello stesso tempo pur abbondando di difetti può essere sottoposta a molteplici punti di lettura che la rendono sotto alcuni punti di vista eccezionale mentre sotto altri deludente.

Se leggiamo Caterina va in città come film di formazione, risulta a dir poco irritante per il suo rifugiarsi in continui clichè con attori giovani non sempre all'altezza, ad eccezione della protagonista.
Oltretutto anche abbastanza scontato nell'evoluzione narrativa e con alcune situazioni mutuate da film americani con realtà che non ci appartengono.

Se invece prendiamo Caterina va in città per un film sociologico a prima vista può sembrare banale ma in realtà nasconde una profonda analisi della situazione politica italiana, sullo stato della classe dirigente e sulla borghesia medio bassa che insegue miti irrangiungibili e sopratutto negativi.
Si denota il degrado morale più che della politica della classe che è al potere nel nsotro paese e non si può dire fino a che punto sia realmente esasperata.
Il personaggio di Castellitto a mio avviso è il più forte, rappresenta l'ex-sessantottino che non ce l'ha fatta a vendersi in gioventù, utilizzando la figlia come mezzo di riscatto delle occasioni mancate.

Insomma l'idealista fallito che invidia l'idealista venduto: ecco l'Italia di oggi.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR quadruplo  @  14/03/2010 12:40:39
   7 / 10
Come scrive il commento sotto, un altro buon film di Virzì.
Questa volta il regista livornese si cimenta con fascia di età non facile da descrivere, in quanto sempre soggetta a nuove tendenze giovanili (oggi infatti, in mezzo alle zecche e ai pariolini metterei gli emo..).
E' il risultato è una commedia per certi versi simile a "tutta la vita davanti" (che ho sentito più "mia" visto il soggetto trattato), ovvero come trattare temi attuali e spesso amari con il sorriso sulle labbra, estremizzandoli ma lasciando sempre degli spunti di riflessione.

--Pio--  @  20/01/2010 20:51:54
   1½ / 10
Altro (pessimo) film targato Virzì.
Mezzo voto in + per la figura della "alternativa"...anche qui + a parole che nei fatti...perchè quando c'è da mettersi in gioco non esita a sfruttare le conoscenze e la family...una tipica radical-chic, come la Buy del resto....ergo...
Da evitare come la peste

carriebess  @  22/09/2009 16:29:52
   6½ / 10
premetto subito che a me questo tipo di cinema e il cinema italiano in generale non piace molto; nonostante ciò ho trovato questo film leggero e spensierato ma allo stesso tempo una buona inquadratuta sull'istituzione famiglia vista dal di dentro, con tutte le sue contraddizioni e debolezze. Istituzione che non regge il passo con la società moderna, ovvero lo sgretolamente del valore stesso a cui si allaccia lo sgretolamento dell' individuo, riscontrabile nel personaggio di Giancarlo che fa di tutto per entrare nei giri dell'alta società che potrebbero tornargli utili, nonostante sia evidente la sua inettitudine a quel tipo di ambiente, tanto da non riuscire a portare avanti la commedia...

12 risposte al commento
Ultima risposta 05/10/2009 11.10.06
Visualizza / Rispondi al commento
topsecret  @  28/07/2009 11:33:07
   7 / 10
Virzì parla di stereotipi giovanili, figli di una società piena di maschere e facciate da mantenere e dove la famiglia non riesce o non vuole essere presente in modo da educare e proteggere.
Caterina si ritrova in una grande città come Roma, divisa tra "pariolini" di destra ed intellettuali ribelli di sinistra assaporando ora una ora l'altra realtà scoprendo che in fondo, differenze sostanziali non ce ne sono.
Una pellicola cinica, godibile e scorrevole e che non risulta pesante o noiosa.
I protagonisti sono bravi, a volte irritanti, ma bravi e capaci.

VaRvi92^^  @  15/06/2009 17:59:07
   7½ / 10
Film carinissimo e anche se è stato diretto nel 2002, è ancora attualissimo e sono sicura che lo rimarrà per decenni.
Virzì racconta di una piccola realtà nella quale chiunque si può rispecchiare e lo fa con quel suo stile "tragicomico" che mi piace tanto. A differenza di alcuni film che tendono solo a mostrare tredicienni stupide, viziate, con ideali offuscati dal conformismo, questo film invece, (pur facendo esattamente la stessa cosa), tende anche a farci riflettere per davvero.
Ottima l'interpretazione di Castellitto, memorabile quella della Buy. Bravina anche l'attrice protagonista.
Che dire? Una commedia che sembra leggera, ma rimane.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

pinhead88  @  07/03/2009 03:39:31
   3½ / 10
non conosco bene Virzì,nonchè se ne parli bene,ma questo mi è sembrato il solito filmetto inutile made in Italy privo di ogni contenuto.una storiella piena di "muccinate" varie,i soliti ragazzini stupidi e viziati che urlano viva il che o viva il duce,e sta povera ragazzina venuta dalla campagna non sa da che parte stare porella.bene,qual'è il messaggio da parte del regista??per me nessuno.una pellicola tanto piena di estremismi che alle volte lo porta ad essere grottesco.margherita buy che fa sempre la stessa parte in ogni suo film,che devo dire gli riesce perfettamente.Castellitto che fa sempre la parte del comunista rompic.oglioni,e pure a lui gli riesce benissimo.molto brava la bimbetta che interpreta Caterina,come anche il resto del cast scolaretto.da parte mia non ci ho trovato nulla,anche se lo vidi molto tempo fa,ma lo ricordo molto bene.un filmetto godibile ed entusiasmante per tredicenni in calore

§Vale§  @  06/02/2009 20:51:37
   6½ / 10
Film semplice ma carino.

Ciaby  @  02/02/2009 16:01:50
   6½ / 10
Virzì pone ancora la sua attenzione sull'adolescenza e confeziona un buon film, non un capolavoro, ma sicuramente piacevole.

francyna  @  06/01/2009 19:12:26
   7 / 10
Un film che traina.La storia di un'adolescente catapultata nella civiltà di emozioni,grandi amori e finte amicizie che non scade nelò banale,ma diventa un mix di ironia e semplicità che si completa nella piena gradevolezza del film.

Ovarc  @  06/01/2009 01:59:07
   7 / 10
Molto bello, divertente la storia, consiglio.

leonida94  @  05/01/2009 13:23:59
   7 / 10
film davvero molto carino, splendida interpretazione e trama coinvolgente.
da non perderlo!

don carlos  @  16/12/2008 19:49:56
   8½ / 10
Un film che coinvolge e diverte, anche nella sua amarezza. E' come una galleria di ritratti e di personalità, un prontuario che illustra in sezione la nostra società in modo semplificato - forse macchiettistico per alcuni, ma decisamente realistico. Memorabile Castellitto!

Drugo.91  @  12/12/2008 22:09:34
   4 / 10
sto polpettone me lo hanno fatto sorbire in tutte le salse e in tutte le occasioni..alle elementari..a catechismo..alle medie per fortuna adesso che sono alle superiori è roba passata perche veramente ormai sento di odiarlo

Ernesto Guevara  @  07/11/2008 16:32:12
   7 / 10
Film reale sulla bramosia d'affermazione e l'arrampicamento sociale, con un bravo Castellitto e una sempre opportuna Margherita Buy, succube della personalità aggressiva del marito. Purtroppo realistici gli affreschi sui teen ager perennemente in conflitto e contemporaneamente alla ricerca di quei genitori assenti. Camei di R.Benigni e M.Placido.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

suzuki71  @  27/05/2008 16:24:23
   7½ / 10
Gran bel film, molto godibile e con ottimi attori. Delicato e molto consigliato.

THE_FEX84  @  03/05/2008 16:45:18
   7½ / 10
Virzì descrive la nostra "Italietta"attraverso gli occhi di una bambina un po' svampita,troppo naturale e spontanea per essere giudicata positivamente da chi le sta intorno:e lo fa con un'acutezza che rende bene lo spirito di un Paese squallido e ipocrita,dove non esistono personaggi privi di maschere e dove "destra"e"sinistra",più che scelte politiche sono diventate "scelte di vita".Una commedia amara e coraggiosa che non ha paura di rappresentare il presente,con dei personaggi ben costruiti in cui non è facile rispecchiarsi.Castellitto è straordinario(in pratica,il Silvio Magnozzi di"Una vita difficile"trapiantato nel nuovo millennio);la Buy,finalmente in un ruolo diverso,è ben diretta e dà una delle sue migliori interpretazioni.

Alex89  @  06/04/2008 23:34:56
   7 / 10
lo vidi quando ero più piccolo ma lo ricordo bene..forse unpoe sagerato ma rispecchia la realtà,lo consiglio a giovani..

gabbo  @  03/04/2008 00:02:15
   7½ / 10
Buon film, anche se a tratti esagerato, ma ben realizzato e con ottimi attori.

the saint  @  01/02/2008 13:31:14
   5½ / 10
mah non mi ha entusiasmato benchè se ne parlasse bene di questo film!
virzì poi non mi sembra alla fine questo grande regista! lo definirei un film piuttosto mediocre, come il regista...

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  01/02/2008 12:59:58
   6½ / 10
Non il miglior Virzì (Ovosodo, Baci e abbracci), ma comunque un discreto film con i personaggi del nucleo familiari ben caratterizzati, ma appena si esce fuori da esso si cade in figure più schematizzate. Forse è una scelta voluta dal regista per immedesimarci nel punto di vista di Caterina, ma qualche sfumatura in più avrebbe giovato.

everyray  @  09/01/2008 19:22:10
   7 / 10
più che drammatico a me è parsa una Commedia un pò buonista,anche se il tema principale è L'INCONTRO-SCONTRO
bravo l'isterico Castellitto e brava la svampita Buy....

vito corleone  @  27/11/2007 14:28:48
   7 / 10
Finalmente un film che ricostruisce le realta' dei ragazzi delle medie tra 12 e 13 anni.
Ridicolizzazione di studenti che a quest'eta' cominciano a dividersi quasi in "clan" a seconda della scelta di ascolti musicali,modo di vestirsi e adesione politica quasi sempre legata ad un'estrema destra o a un'estrema sinistra di cui non si conosce un minimo di storia e di ideale politico vero.
Ricordo che anch'io a quell'eta' avevo la classe spaccata tra fascisti e comunisti,tra parioli,coatti e zecche,tra metallari e cultori della musica da discoteca.
Il film sottolinea l'ignoranza di questi ragazzi e lo spaesamento ed il disinteresse per i vari legami descritti di Caterina,ragazza di paese figlia di un padre causidico e sostanzialmente scemo (a parte il discorso che fa quando vede i genitori di daniela e margherita stringersi la mano in cui si rende conto dei vizi e del potere del denaro e della fama) e di una madre resa nevrastenica dal marito e succube di esso.
Buona l'interpretazione di castellitto secondo me migliore della buy.

testadilatta  @  15/11/2007 00:36:48
   6 / 10
Non mi è piaciuto per niente. Credo sia un passo indietro di Virzì rispetto a MY NAME IS TANINO e OVOSODO

Invia una mail all'autore del commento Andrix84  @  13/09/2007 09:09:54
   7½ / 10
Bel film,bella trama,brave le giovanissime attrici!Da vedere!

Paolo70  @  19/08/2007 19:17:50
   6½ / 10
Film che vede come protagonista una ragazza adolescente che dalla provincia romana si trasferisce con la famiglia Roma. Il padre della ragazza (lunatico e complessato professore) che stravede per lei cerca di fare affermare la figlia in tutto quello che fa. La madre della ragazza invece vive all'ombra del marito. Un ritratto di una famiglia della nostra società, film gradevole.

cinemamania  @  17/08/2007 11:35:09
   8 / 10
Brava a Caterina. Perfetta Margherita Buy. Bellissimo film, bellissima regia.

gustavone  @  15/08/2007 18:26:47
   8½ / 10
io me lo sono proprio goduto..
e sceondo me è realisticissimo...
grandissima la caratterizzazione dei personaggi..
bravissimo castellitto....

da vedere..in città...

Invia una mail all'autore del commento King Of Pop  @  13/08/2007 23:53:26
   5 / 10
Non male....l'unica pecca è la recitazione della protagonista

metafisico  @  12/08/2007 18:31:44
   2 / 10
l' ennesimo prodotto italiano di mediocre routine con il solito cast in coma perenne al servizio della solita trama raccatta-pietà.
Esiti avvilenti

2 risposte al commento
Ultima risposta 14/08/2007 18.54.55
Visualizza / Rispondi al commento
tatons  @  14/07/2007 19:22:46
   9 / 10
io sono contenta che in italia esiste un regista come paolo virzì. e un film come caterina va in città. bello davvero. sugli attori non ho niente da dire. strabravi. e poi racconta in modo vero la realtà dei nostri giorni. si forse la descrizione dei ragazzi completamente divisi destra e sinistra è un po esagerata, ma sicuramente vera. da vedere.

statididiso  @  08/07/2007 03:55:31
   6½ / 10
un filmetto carino..

voto: 6,5

Gruppo COLLABORATORI julian  @  08/07/2007 01:46:51
   6½ / 10
Commediola italiana dal sapore amaro.
Bravi Castellitto e la Buy.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Amira  @  23/04/2007 16:37:33
   4 / 10
Io ho trovato questo film semplicemente ridicolo, l' ennesima commedia italiana sui temi della famiglia, degli adolescenti e le loro "conflittualità" scolastiche, e ovviamente qualche bel litigio qua e là.
Si salva l'interpretazione di Castellitto, che io ritengo uno dei migliori attori italiani del momento.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  18/02/2007 14:31:56
   4½ / 10
la buy è davvero molto brava in questo ruolo al limite del grottesco ma tutto il resto del film non gira...a cominciare dal finale,scusate il gioco di parole!
qual'è il messaggio che ci da il film?assolutamente non condivisibile!

Jumpy  @  05/02/2007 19:46:23
   5 / 10
Film scontatissimo, ma del resto gli adolescenti delle famiglie "bene" sono anche peggio, spicca la bravura di Margherita Buy, gli altri attori li ho trovati mediocri.

P.S.
Durante il flm, il tipo seduto di fianco a me non ha fatto altro che scrivere e leggere SMS (ho il bip-biribip della tastiera ancora nelle orecchie), dietro di me un altro parlava al cellulare ad alta voce, come fosse nel salotto di casa (meno male che l'audio del film era altissimo, al limite della distorsione), a secondo tempo inoltrato (!!!) sono entrate in sala un gruppo di ragazzine correndo ed urlando travolgendo una signora delle ultime file.

Invia una mail all'autore del commento emmepi8  @  27/01/2007 17:45:08
   8½ / 10
Commedia intelligente, attuale: commedia all'italiana, senza essere una ricopiatura della vecchia anni ' 60, ma una progressione naturale di oggi. E' questo il nostro cinema, dobbiamo andare avanti tenendo conto delle nostre basi.Oltretutto il pubblico capisce questi nostri connotati e li premia.
Trama simbolica evidente, ma non appesantantita. La parobola della grande città a confronto con il piccolo paese regge molto bene, perché in fondo è la realtà delle cose.I ceti diversi, ma ambedue sbagliati e morti fin dagli adolescenti che ne fanno parte. La ragazzina rappresenta la fiducia che la gente vera ha nei riguardi della società.
la presa diretta in certi momenti rende male.. o forse era colpa del cinema , non so.. la voce più distinguibile era quella di Castellitto
Un Virzi' senza complessi, affronta il tema, pur essendo schierato, con una critica ad armi pari, e questo gliel'ho dobbiamo riconoscere. E' un artista che non si è vincolato ai suoi pricipi politici, perché, purtroppo, ne riconosce i limiti.Si muove molto bene fra gli attori, tutti molto bravi senza farsi intappolare dai giogionismi, a parte un po' Castellito.
Sergio Castellitto. personaggio perdente , fallimentare, che porta la famiglia al mutismo assoluto, ma che alla fine riesce a fare l'unico gesto possibile.Castellitto fa molto bene, ma alle volte ci marcia un po' troppo
Margherita Buy. di una bravura eccezionale, in un personaggio a cui non avrei mai pensato.Jeanne Moreau ha detto: Non esistono piccoli ruoli per un attore, esistono piccoli attori... come volevasi dimostrare

Gruppo STAFF, Moderatore priss  @  22/01/2007 15:30:03
   6 / 10
scusate se questo commento non sarà un capolavoro di stile e/o contenuti, ma sappiate che mi serve essenzialmente per riportarmi in pari con martina74.

Detto ciò il film è veramente bidimensionale, con personaggi carichi di ogni possibile luogo comune, al punto da far naufragare il tenero vascello della freschezza di una ragazzina stranita.

4 risposte al commento
Ultima risposta 23/01/2007 09.36.41
Visualizza / Rispondi al commento
tavullia86  @  08/01/2007 23:02:46
   9 / 10
non capisco i voti bassi davvero. comunque film molto bello, segno che in Italia c'è ancora chi lì sa fare i film. pochi ma buoni. in una commedia semplice semplice virzì riesce a toccare tantissimi temi diversi tra di loro, e approfondirli tutti. si parte dal tema del trasferimento dal paese piccolo alla grande città, che causa problemi di inserimento a tutti e 3. poi al tema delle prime prese di posizione politiche da parte degli adolescenti, estreme e inconsapevoli, spesso imitazioni dei genitori(quando si dice l'importanza della famiglia...). infine il servilismo e il trasformismo politico. davvero bravi tutti gli attori, dalle ragazzine a quelli più affermati. e grande edward, il ragazzo australiano: maglietta dei simpson e megaposter dei blues brothers in camera, un mito.

Lory_noir  @  11/12/2006 19:11:23
   4 / 10
Questo film è un insulto all'intellingenza di noi adolescenti... osceno!

Gruppo COLLABORATORI Victor  @  16/10/2006 15:13:52
   7½ / 10
Gradevolissimo film di Virzì, che concentra tutta la sua poetica nel personaggio di Caterina, una sorta di Alice sperduta in un mondo che non le appartiene, tra ragazzaccie comuniste che fanno di tutto pur di attirare l'attenzione dei genitori e ragazzine viziate, che non sono poi tanto distanti dalle altre. Castellitto offre un'ottima interpretazione, mentre la Buy è sempre la solita donna nevrotica, che però a onor del merito sa interpretare come nessun altra. Da tener d'occhio anche la piccola protagonista.

Invia una mail all'autore del commento Noirsenzacielo  @  17/07/2006 00:03:19
   4 / 10
Secondo me invece è stereotipato al massimo. Anche io sn un adolescente e anche io "sono andato in città" ma cavolo! Non esistono persone tanto rimbambite come la Caterina o Carolina come cavolo si chiama che dovrebbe rappresentare la nostra generazione! Film osceno e stereotipato!

3 risposte al commento
Ultima risposta 01/03/2007 18.55.43
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento franx  @  25/06/2006 22:15:55
   8½ / 10
Questo film non è assolutamente fatto di stereotipi, citando qualcosa scritto sotto.

Nel film è bene in evidenza la barriera sociale insormontabile tra il potere e le persone comuni, che si trova tra i grandi come tra i bambini, nel mondo dello spettacolo, della politica, della cultura e nelle scuole.

Tutto quello che si vede nel film è vero, succede tutti i giorni e quindi il film è reale il che è importantissimo.

Prende di petto e in giro tutta la politica sia di destra che di sinistra (la scena in presidenza ad esempio) e mette in risalto il fatto che il potere è potere indipendentemente da tutto il resto.
Prende di petto il mondo degli insegnanti, dei licei, tutta la società itliana insomma.

C'è un po' di tutto: la ribellione giovanile fatta solo come passatempo dai ragazzi bene e i salotti del potere in cui tutti, di qualsiasi indirizzo politico o religioso, pranzano, bevono e si divertono alla faccia del resto del mondo che viene usato solo nei talk show e spettacoli vari unicamente per leggittimare tale potere.

C'è un padre che cerca disperatamente di mettere le mani sulle briciole di quello che il potere lascia sulla strada, il cui comportamento mette in risalto tutte le contraddizioni del mondo di oggi, senza accorgersi di come sta andando allo sfascio la sua vita, mentre agli altri, parenti e cugini, non importa nulla di lui o di quelle briciole o della società malata, ma vivono alla giornata, fregandosene di tutto (altra esagerazione).

La fine non è triste, anzi, dà molta speranza, la speranza che se hai un buon obiettivo in cui credere e non ti lasci condizionare, te ne freghi di tutto il resto, rischi anche di coronare i tuoi sogni.
O quantomeno potrai dirti vivo.

Insomma da una esagerazione all'altra questo film è una fotografia fortemente realistica di ciò che siamo diventati (o siamo sempre stati?).
Potrà risultare scomodo, ma la sensazione di fastidio va fatta seguire da quella di una profonda riflessione. Magari ce ne fossero di più di film così.

quaker  @  18/06/2006 12:51:48
   8½ / 10
Commedia all'italiana degli anni '10 del nuovo secolo; priva della forza di impatto sulla società che ebbero le cose migliori dei vari Monicelli, Risi, Scola, Loy etc... ; tuttavia è piacevole da vedere, attira i ragazzi, ed è da consigliare ai loro genitori: certi giudizi pesantemente negativi che vengono dati qui sotto da altri commentatori riflettono il provincialismo di cui siamo malati.
Paolo Virzì, il quale prosegue un suo discorso sulla condizione giovanile, confeziona comunque ancora una volta un prodotto gradevole, caratterizzato soprattutto da un ritmo quasi da zapping televisivo.
Certo, come Muccino, non riesce ad andare molto oltre il bozzetto, e peggio per lui se le sue ambizioni sono invece quelle di crare capolavori.
Soprattutto, come anche Muccino, non si rende conto che il mutare dei tempi dovrebbe consigliare di non fare più dei film che riprendono schemi narrativi vecchi di cinquanta anni, solo con un montaggio garibaldino, ma di innovare profondamente, anche nei contenuti, per non apparire scontati.
Come spettatori "medi" però, non possiamo lamentarci, perché questo, come gli altri due film (Ovosodo e Tanino) è più che guardabile.

clone 1975  @  07/06/2006 18:21:44
   2 / 10
il finale era una tristezza assoluta quanto tutto il film,veramente penoso

Holly Golightly  @  09/05/2006 20:50:39
   6½ / 10
Sono d'accordo con chi ha detto che questo film raccoglie tutti gli stereotipi sulla piazza: classica raffigurazione della borghesia di destra (ignoranti, mafiosi, arrivati, con figli tossicomani e senza valori) e di quella di sinistra (intellettualoidi, carenti in quanto a igiene e pieni di complessi). Un ritratto disperato di chi non sta ne da una parte ne dall'altra, rappresentato meglio di tutti da un Castellitto che come sempre si distingue. Bella la scena in cui ci si rende conto che dopotutto destra e sinistra ad alti livelli sono la stessa cosa: un eterno gioco di convenienze.
Un' ultima cosa: Margherita Buy sarà pure brava (ne Le Fate Ignoranti almeno era un minimo VIVA) ma francamente non se ne puo' piu' della sua faccia da cane bastonato!

1 risposta al commento
Ultima risposta 26/06/2006 08.38.39
Visualizza / Rispondi al commento
Annaa  @  29/04/2006 17:03:13
   7 / 10
Un buon film che riassume molto bene quella che è la società italiana di oggi.
Sicuramente un film da vedere per capire....
Ottima come sempre l'interpretazione di Castellitto e delle Buy e anche della protagonista, che si è rivelata una piccola grande attrice.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento Giordano Biagio  @  14/04/2006 11:50:39
   8 / 10
Film da commedia drammatica, credibile il personaggio di Castellito.
Fascino discreto della borghesia che Castellito sogna e vuole che anche la figlia ne sia coinvolta. Porta la figlia a credere nei suoi frustranti desideri identificatori accrescendone le crisi di identità. Ma la borghesia delude tutti perché non è più una classe nobile ma sempre più volgare. Il regista è comunque socialmente giusto nel rendere deludenti tutti i personaggi del film. Le crisi di identità di chi si sposta dal paesino di provincia in città sono un pretesto per Virzi per esplorare l'interclassismo romano, da cui scaturiscono vizi e problemi di ogni genere che relativizzano i problemi dell'emigrato. Sembra voler dire " tutto il mondo è paese..."
Splendide le interpretazioni della Buy, di Castellito, e di Alice Teghil.

phoenix74  @  13/04/2006 15:12:27
   6½ / 10
film secondo me sulla sufficienza......che pero' fa intravere le difficolta' di vivere in una grande citta' soprattutto se si viene dalla campagna.

ester  @  13/04/2006 14:10:19
   8 / 10
Molto,molto bello!!ieri sera ho pensato molto alla nostra società e a quello che ci accade quando iniziamo a crescere,abbiamo il bisogno di sentirci "nel gruppo" così come nel film si formano 2 gruppi.."i comunisti" e i "fascisti". Ma secondo me è stupido e arrogante pensare di capire qualcosa di politica a 14 anni!!si segue solo quello che pensano i genitori...e nessuno ha una vera identità!il regista ha fatto capire bene questo aspetto!!DAVVERO BELLO!! p.s. complimenti a edward (zach wallen) un ragazzo davvero stupendo!e alla protagonista,un'ottima interpretazione!!ester

viagem  @  13/04/2006 10:25:16
   6½ / 10
Classica commedia realista alla Virzì, che è sempre bravo a caratterizzare i personaggi, specie i giovani, in modo caricaturale. A mio avviso però nella raffigurazione dei giovani di destra e sinistra ha un po' abusato di stereotipi arcinoti. Piacevolissima l'interpretazione di Alice Teghil nel ruolo di Caterina, mentre della Buy mi son proprio stancato nel vederla sempre nello stesso ruolo e Castellitto ha offerto interpretazioni migliori.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

tati  @  13/04/2006 09:19:09
   9 / 10
dire che e'un bel film e0dire poco.....come al solito virzi'e'un maestro nell'analisi della nostra societa'.complimenti agli attori tutti bravissimi e lodi a un regista che meriterebbe molti piu'premi di quelli che ha gia'preso...........

orsetto_bundi  @  12/04/2006 21:32:00
   10 / 10
E' vero ke i gusti so' gusti, ma proprio non riesko a kapire quelli ke non hanno apprezzato 'sto film......sekondo me è ASSOLUTAMENTE STRAORDINARIO e non penso di esagerare se diko ke è da mettere di diritto tra i migliori 20 film italiani degli ultimi anni.
E il merito principale è degli attori, TUTTI grandissimi......a kominciare da Alice Teghil/Caterina.....mi stupisce ke abbia fatto solo 'sto film......
un pikkolo grande kapolavoro del cinema italiano, anzi......del cinema e basta.
Ah, dimenticavo Alice Teghil somoglia alla mia amika Marianna (ke, però, ha gli okki azzuri), ma questa è un'altra storia.....

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento Caio  @  26/03/2006 04:34:05
   6½ / 10
Carino...senza troppe pretese. Molto brava la protagonista, ma alcune figure a volte sono un pò troppo "esasperate" ed esagerate. Da vedere comunque.

markbaz  @  24/03/2006 07:53:28
   6½ / 10
È stata una piacevole sorpresa. Un film che qualsiasi tredicenne dovrebbe guardare, per vedere un buon ritratto, spesso satirico, del mondo che lo sta per inghiottire.

Invia una mail all'autore del commento gei§t  @  17/03/2006 09:42:30
   8½ / 10
Una famiglia di pazzi; molto bello questo film, che descrive l'ingenuità dela figlia di fronte a una società che non conosce ancora, e la follia del padre che invece la conosce e non la sopporta.
Bravissima la Buy

Diana blu  @  29/08/2005 00:15:44
   8 / 10
Molto bello questo film mi sembrava stupido all'apparenza invece poi mi ha convinta Buy e Castellitto per vederlo e non sono rimasta affatto delusa. Anche se la trama la portano avanti dei bambini ci sono dei significati profondi. La Buy in una parte un po insolita ma sempre brava.

la mia opinione  @  13/08/2005 16:56:52
   10 / 10
Il piu maturo nonchè il miglior film di Virzi. Ricco di contenuti, spaccato dell'odierna italia raccontato sotto la conduzione della piccola Caterina. Molto bello (non per tutti).

Heyitsmeuthere  @  02/08/2005 10:39:53
   6 / 10
6 di pura stima. Tentativo ambizioso da parte di Virzì di ricreare un qualcosa di originale partendo dallo stereotipo, stavolta non riesce. Cast all stars

Andrea7690  @  18/07/2005 15:31:23
   3 / 10
Questo film è veramente una scemata incredibile. I premi oscar ai giorni d'oggi vengono dati a vanvera.
Sapendo che era un film italiano mi aspettavo una minima cavolata, ma questo film lo è ai livelli alti, non l'ho neanche visto tutto, x fortuna, non ne potevo più.

polbot  @  15/07/2005 11:18:42
   8 / 10
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
antebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammerun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1005053 commenti su 43502 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net