e johnny prese il fucile regia di Dalton Trumbo USA 1970
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

e johnny prese il fucile (1970)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film E JOHNNY PRESE IL FUCILE

Titolo Originale: JOHNNY GOT HIS GUN

RegiaDalton Trumbo

InterpretiTimothy Bottoms, Diane Varsi, Kathy Fields, Jason Robards, Donald Sutherland

Durata: h 1.50
NazionalitàUSA 1970
Generedrammatico
Tratto dal libro "E Johnny prese il fucile" di Dalton Trumbo
Al cinema nel Novembre 1970

•  Altri film di Dalton Trumbo

Trama del film E johnny prese il fucile

La tragedia di un reduce della Prima guerra mondiale ridotto a relitto umano in un ospedale militare, che riesce a comunicare muovendo la testa secondo l'alfabeto Morse.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,62 / 10 (37 voti)8,62Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su E johnny prese il fucile, 37 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Thorondir  @  07/02/2018 12:17:58
   8 / 10
La mente di chi non può più muoversi e comunicare, le sue sofferenze, le sue grida di dolore che nessuno può ascoltare. Vorrebbe solo essere compreso, stare insieme agli altri, tornare a vivere come tutti gli altri. Invece è immobilizzato su un letto d'ospedale senza la possibilità di parlare, tenuto in vita contro al sua volontà, ghettizzato per volere di qualcuno che deve studiare le sue ferite per poter fare efficienza futura a metodi di guarigione. E poi i suoi sogni e i suoi ricordi, le ultime divagazione che gli sono rimaste, l'unico modo per fuggire dalla sua prigione in cui è stato indotto da una guerra che non voleva combattere e che lo costringerà per sempre in quella condizione.

Ritratto drammatico e straziante degli orrori della guerra, della sua ottusità, del cinismo dei vertici militari, nonchè attacco contro un certo modo di vedere la scienza e la medicina (è di fatto già un film sull'eutanasia) e Dio. Un film coraggioso, dirompente, per certi versi rivoluzionario, profondamente politico e fuori dal politicamente corretto americano. Da vedere.

dagon  @  07/02/2016 19:46:44
   8 / 10
Film veramente particolare e coraggioso, è l'unica occasione in cui il famoso sceneggiatore Dalton Trumbo si cimentò nella regia, da un suo omonimo romanzo. Un sentito grido contro la guerra che, considerata la data di realizzazione, è palesemente riferito al Vietnam, anche se ambientato durante la prima guerra mondiale, ma è chiaro che il messaggio è universale. Tre stili ben distinti caratterizzano i tre piani narrativi (presente/flashback/onirico), per una pellicola ambiziosa che si allarga anche ad altri temi come la religione (Sutherland è Gesù Cristo!) e l'eutanasia. Trumbo si rivela regista di tatto e non cede mai alla manipolazione dei sentimenti dello spettatore, ma costruisce con estrema sensibilità un clima di pietà e sdegno.

Danae77  @  21/12/2015 21:37:58
   9 / 10
Johnny prese il fucile
Dolce e decoroso è morire per la propria patria...debole la catena della donna che fu sua, scivolato dalle braccia sul treno della scelta volontaria. Uno scoppio,un salto nel buio dell' oblio. Smembrato,nascosto alla vista,teatro per la scienza nel giudizio delle ore contate. Ombra di se,consapevole imprigionato, reso libero da un angelo vestito di bianco. Nel suo toccare,alla luce portato, un grido"SOS,HELP ME". Codice prezioso,per ciò che chiedeva morte. L'esperimento è un gioco troppo prezioso, cieco nemico, la mano fermata. Nella siringa il siero della dignità negata. Agio scomodo del tempo imparato a contare, nel tronco disabile di una mente che toglie colore, di un corpo che ascolta vibrare ed un anima morta in un condannato a vivere.

DogDayAfternoon  @  10/09/2015 13:43:22
   6 / 10
Sinceramente leggendo la trama e i commenti precedenti sono rimasto molto deluso. Se escludiamo gli ultimi 10 minuti e qualche scena tra infermiera e Johnny, per il resto l'ho trovato un film troppo prolisso, spesso noioso, a tratti caotico in quanto le scene dei flashback mi sono parse troppo slegate tra loro.

Indubbiamente le parti in bianco e nero nel letto di ospedale sono le meglio riuscite, abbastanza toccanti anche se non come avrei pensato. Poi gli ultimi minuti, quelli sì sono forti e a dir la verità io mi aspettavo che tutto il film sarebbe stato sui livelli della parte finale.

Un 6 più per la stima, l'originalità e gli ultimi minuti, ma non posso di certo dire che mi sia piaciuto.

2 risposte al commento
Ultima risposta 10/09/2015 18.05.17
Visualizza / Rispondi al commento
ZanoDenis  @  19/05/2015 19:13:23
   9 / 10
Attenzione a qualche SPOILER!
Forse esagero col voto, oggettivamente meriterebbe mezzo punticino in meno, ma voglio premiare questo piccolo gioiellino sconosciuto, che mi ha procurato diverse emozioni.
Trumbo, fino a quel momento scrittore e sceneggiatore, realizza il suo primo film da regista, appunto trasponendo un testo che lui stesso aveva scritto; il film parla di Johnny, un comunissimo ragazzo, con i classici problemi adolescenziali, e alle prime esperienze amorose che viene tutto d'un tratto strappato dalla sua vita per partire al fronte. Li si consumerà il tragico fatto, l'esplosione di una granata lo ridurrà in uno stato estremamente pietoso.
Il resto del film è fatto di scene in bianco e nero (usato in modo espressivo, molto probabilmente ad indicare l'attuale visione della vita di Johnny, senza colori, senza gioie, sensazioni, con le funzioni vitali ridotte al minimo) ambientate nel presente, in cui vi è il corpo di Johnny, ancora vivo, ma praticamente è meno che un vegetale, e delle scene a colori, che sono dei flashback, che mostrano pezzi di vita passata di Johnny e tendono a rafforzare il contrasto tra la felicità, o comunque libertà e vitalità di prima con l'oscuro e tragico grigiore che la guerra ha causato nella vita del protagonista.
Tra le scene in flashback c'è anche qualche momento onirico, in particolare mi ha colpito un bizzarro cameo di Donald Southerland nei panni di Dìo.
Le riflessioni sulla guerra e sull'eutanasia sono più esplicite che mai, il film tratta tutto in toni da melodramma, senza mai cercare la lacrimuccia facile, anche se è uno dei pochi film che mi ha quasi fatto veramente commuovere, è tutto trattato in maniera crudissima e diretta, da spezzare il cuore.
Struggente il finale, veramente stupendo ma spezza il cuore...
Una perla da riscoprire.

7219415  @  20/05/2014 14:46:18
   8 / 10
Che dire agghiacciante...Un inno contro la guerra che tira in ballo molti altri temi tra cui quello dell'eutanasia...

guidox  @  21/08/2013 16:54:38
   9 / 10
il lavoro di una vita per Dalton Trumbo, che consegna all'umanità un messaggio tanto semplice da recepire, quanto impossibile da mettere in atto.
si capisce perchè questo film (e il romanzo da cui è tratto) sia il manifesto antimilitarista per eccellenza: ha una profondità incredibile e raggiunge lo spettatore direttamente, tocca le corde più giuste per spiegare lo strazio, il non senso, l'assurdo.
da vedere assolutamente.

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  02/07/2013 21:03:38
   9½ / 10
Un capolavoro. Da far vedere a scuola (superiore)

Jumpy  @  15/03/2013 00:49:42
   10 / 10
Film crudele e spietato, toccante, commovente, straziante, senza lasciare scampo.
Il regista poteva "farla facile" giocando con immagini forti e mostrando il soldato mutilato. Sceglie piuttosto la strada difficile: attraverso i pensieri del protagonista si viene trascinati fin dall'inizio nel vortice della sua coscienza, tra ricordi, angoscia, paura, orrore e non se ne riesce ad uscire fuori.
L'impatto emotivo che lascia è fortissimo, devastante, dilaniante e ancora desta scalpore dopo tanti anni.

jannakis  @  27/01/2013 10:33:07
   10 / 10
in assoluto il migliore nel suo genere e non capisco come mi sia potuto sfuggire per tutti questi anni, come è anche strano che non si sia ancora fatto un remake (per fortuna?)

C.Spaulding  @  01/08/2012 15:06:18
   10 / 10
Ho appena finito di vedere questo piccolo capolavor, non per niente i Metallica hanno preso dei pezzi di questo film per girare il loro video "ONE". Una pellicola affascinate e amara.... a tratti inquietante che mostra le atroci conseguenze della guerra. Un film scioccante che cattura lo spettatore fin dall'inizio. Un film che dovrebbero vedere tutti. CONSIGLIATO !!!!!!!!

cort  @  01/07/2012 18:22:11
   8½ / 10
se un film deve far provare emozioni questo lo è. Uno dei film piu tristi e amari della storia del cinema. antimilitarista per concezione e abbastanza oggettivo come seceneggiatura fa certamente passare la voglia di approvare l'uso della guerra per un qualsivoglia motivo. peccato che siano mosche bianche i film seriamente antimilitaristi presi ancora come siamo dalle idee di imperialismo occidentale(e non).

franky83  @  05/10/2011 12:58:00
   8 / 10
Amarissimo come pochi

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Angel Heart  @  23/08/2011 00:19:29
   7½ / 10
Straziante è la migliore parola per definire questa cruda e tristissima pellicola antimilitarista. Non mi ha toccato tanto come agli utenti qui sotto, ma mi ha lasciato comunque depresso quanto basta. I flashback, nonostante siano parte importante ed integrante dell'opera, finiscono in qualche modo per rallentarne il ritmo. Ma è una storia che prende, che fa male, che fa riflettere: la guerra è inutile, e la crudeltà di cui è capace l'uomo non conosce nessun limite. Stop.

Pellicola potente, mai strappalacrime (vedere scena infermiera e il suo "Buon Natale") e con grandi interpretazioni; anche se ripeto, i flashback (solo alcuni) non colpiscono come le scene in bianco e nero. Anzi, annoiano parecchio.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  31/07/2011 23:48:13
   8 / 10
Cruda e crudele parabola antimilitarista.
Un film assolutamente da vedere perchè riesce a mettere in scena la stupidità del genere umano quando si ritrova in guerra.
Ottima prova come regista dello scrittore Dalton Trumbo che riesce a trattenere lo spettatore fisso sullo schermo per la durata del film.
La tragedia di questo soldato ridotto a un vegetale cosciente che trova il modo di comunicare è un vero pugno nello stomaco.

Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  19/12/2010 23:10:07
   8 / 10
Per Trumbo questa storia è stata la sua missione: già nel 38 ne realizzò un romanzo, che venne fatto sparire per il suo messaggio antimilitarista dopo l'entrata in guerra degli americani. Si fece anche la galera per le sue idee e infine, quasi settantenne, diresse anche questo film. Certo, l'inesperienza un po'si vede e magari un regista più esperto ne avrebbe ricavato un film veramente straordinario. Resta il fatto che il messaggio e la durezza di questa storia arrivano ugualmente con la loro enorme forza. La follia della guerra, ma anche la fede davanti alla tragedia e il tema dell'eutanasia e dell'autodeterminazione. Incredibile pensare che è una storia di oltre 80 anni fa (e quanto siamo ancora dannatamente lì).

Oskarsson88  @  07/12/2010 15:37:22
   8 / 10
film tristissimo

Invia una mail all'autore del commento polamidone  @  16/11/2010 08:43:07
   10 / 10
una delole opere meglio riuscite della storia del cinema.
nonostante i temi siano forti e tanti non si ha la sensazione che trumbo abbia messo troppa carne al fuoco perchè ogni riflessione trova lo spazio che merita. il merito di ciò va al fatto che nella pellicola tutto è accennato e colpèisce lo spettatore a livello cerebrale piuttosto che visivo

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 16/11/2010 08.44.39
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  26/07/2010 11:23:33
   9 / 10
Vedi recensione.

Jh0n_Fr0m_Br0nx  @  17/06/2010 13:05:28
   8½ / 10
Ottimo Prodotto!
Originale e ben diretto, per il resto vi consiglio di leggere la recensione del mio amico Compagneros!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 17/06/2010 17.05.20
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gabe 182  @  26/05/2010 20:05:30
   9 / 10
Sconvolgente, devastante, si possono usare tanti aggettivi per definire questo capolavoro cinematografico, ma penso sia difficile trovarne uno appropriato.
Bisogna dire subito che il film distrugge letteralmente, probabilmente bisognerebbe farlo vedere a qualche patriota oppure a qualche favorevole per la guerra, per fargli capire quanto la guerra distrugga la vita di una persona in tutti i sensi, e non solo con la morte (in questo caso penso più ad una liberazione), ma anche con la mutilazione e la perdita quasi completa del corpo.
Io ho trovato questo film come una prigione, si una prigione, il significato sta che il povero Johnny è imprigionato nel suo corpo, la sua anima la sua essenza, è imprigionata dentro a un corpo quasi morto, e l'unica liberazione in questo caso e la morte.
Analizzando il film si trovano moltissime tematiche che l'accompagnano: la prima direi la chiara denuncia che viene fatta nei confronti dei medici, ritenendoli dei macellai che usano il povero Johnny come un uomo da studiare e senza una dignità umana; la seconda tematica e certamente la religione, con quella immagine di Gesù che sembra non vedere la povera situazione del povero Johnny; terza tematica e la denuncia di potere nei confronto degli organi militari, che nascondono gli orrori dei loro errori, in questo caso il povero Johnny dentro ad una stanza di magazzino buia; dopo c'è ne sarebbero molto altre come l'antimilitarismo e l'eutanasia.
Insomma, Johnny lo prese il fucile, dopo i risultati dipinti dal regista Trumbo sono strazianti, con una scena finale che distrugge l'animo umano, facendoci capire troppe cose che ancora hai giorni nostri, non sono ancora capite.

Film da visionare, molto forte, un pugno dritto allo stomaco.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  01/04/2010 16:52:07
   10 / 10
Questa volta non posso negare il 10... se lo facessi credo che ne rimpiangerei per sempre.
Giuro, non so da cosa partire per commentare questo film... se c'è una pellicola che la possa amare come la mia famiglia, i miei amici o le persone a me più care, è questa.
Sarebbe da far vedere ai registi che pensano di fare un bel film solo se hanno un bel budget, o se vogliono ficcarci tanti effetti speciali... questo è uno dei più bei film di sempre perché è l'incontrario, perché ha qualcosa da dire, anzi ha qualcosa da urlare alla gente, con tutte le sue forze... un film che ha voglia di cambiare l'animo della gente, e non facendola commuovere con cose futili o lacrimevoli, ma con qualcosa che è successo e SUCCEDE ANCORA nella realtà.
Sarebbe da far vedere ai clericali o al Papa che credono ancora che l'eutanasia sia un male, e invece sbagliano di grosso...
Sarebbe da far vedere a Bush, che credeva che fare la guerra contro l'Iraq fosse un bene per il mondo... dico Bush ma ne potrei dire 1000000 altri, i quali credono che la guerra sia necessaria...
Non voglio divagare oltre; questo film distrugge, avviso a tutti che io sono stato male durante la visione e penso di starne male per altri molti giorni, perché è qualcosa che ferisce e non molla più; se ci ripenso ci sto male ancora... ma questo non è un difetto, anzi, questi film sono necessari e devono esistere, e credo che nel genere questo è il film esempio.
Geniale l'idea del ricreare i sogni e pensieri del protagonista (anche grazie a Bunuel) e straordinari i momenti delicati con l'infermiera... Bruce Campbell produce il film.

2 risposte al commento
Ultima risposta 09/04/2010 21.02.55
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  03/12/2009 18:35:31
   7½ / 10
Senza alcun dubbio ha il pregio di di portare sullo schermo un messaggio molto forte sulla guerra e sulla società americana, apparendo molto meno datato di quanto si possa supporre. Vale la pena vederlo solo per quel magnifico finale straziante

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
E' una pellicola particolarissima, dalla cifra stilistica che non saprei definire (complessa, ma forse anche confusionaria), tuttavia proprio da queste imperfezioni che risiede il fascino di una visione piuttosto inusuale.

RideTheLightng  @  01/08/2009 22:36:12
   10 / 10
Bellissimo, uno dei più bei film sulla guerra e sulle sue conseguenze che abbia mai visto.
Commovente, riflessivo e molto umano.
10.

DarkRareMirko  @  24/05/2009 19:46:13
   10 / 10
Fenomenale capolavoro di Trumbo, sceneggiatore sempre ed ingiustamente trattato a pesci in faccia.

Di una poesia unica, nemmeno minimamente esploitativo, si serve pure degli aiuti del maestro Bunuel per certe sequenze, il che è tutto dire.

Ottimo pure Sutherland nei panni di Cristo.

Finale drammatico e senza speranza come non mai; a quanto ne so è ispirato pure ad un fatto realmente accaduto, il che è doppiamente straziante.

Tra l'altro pure in una scena di Nato il 4 luglio c'è la videocassetta del film accanto a Cruise.

Un urlo di protesta antimilitarista efficace come non mai.

Assolutamente da vedere.

JOKER1926  @  22/03/2009 04:05:17
   8 / 10
Nei meandri remoti della Cinematografia splende "E Johnny prese il fucile", Trumbo propone allo spettatore un film che sprofonda in esplicite denuncie "accarezzando" molte concezioni…

Johnny è un ragazzo che è ferito in guerra, la sua sfortuna è quella di non morire e dunque di sopravvivere nel giardino del male psicologico e fisico, l'unica "medicina" per il giovane ragazzo è rappresentata dai ricordi che, almeno a tratti, allietano Johnny…

"E Johnny prese il fucile" è a tutti gli effetti una chiarissima denuncia al servizio militare e alle tecniche ospedaliere che, come capita spesso, sono dannose per i pazienti.

Il regista con grazia, classe riesce a riportare concetti e problematiche perenni della nostra società, l'introduzione di alcuni personaggi strani (come Gesù Cristo) elevano inesorabilmente la qualità del film, il tutto sarà inevitabilmente più suggestivo e a tratti inquietante.
Johnny durante il "ricovero" vive attimi di vita terrificanti, lui è vivo, ma purtroppo non è capito dalla massa…
Prima l'amputazione delle braccia, poi le gambe dolore e delirio accompagneranno il protagonista in un calvario (non solo fisico) di distruzione totale.

Il film come accennato è un viaggio estremo, sterminato in concezioni indecifrabili e a tratti ambigue, da evidenziare le scene ove Johnny parla con Gesù, occhio alle varie e cruciali simbologie, metafore della regia, Johnny è praticamente abbandonato al suo destino, nemmeno Gesù riesce a "disegnare" prospettive diverse di vita, importante e terribilmente cinica la concezione del sogno, il nostro protagonista si trova in un limbo non definito, la realtà è il sogno, ovvero il sogno (l'incubo) è finzione, in pratica la tangibile realtà si confonde, o meglio, si fonde con l'impossibile e con l' allarmante allucinazione…
La pellicola di Trumbo si alimenta di scene agghiaccianti, il nostro "sfortunato" paziente è rappresentato in modo impeccabile, il regista non mostra mai il volto del protagonista (la faccia di Johnny in pratica è interamente sfigurata, stesso il protagonista tenta di descriverla e dice che essa è un "buco" ove è rimasto solo una parte di cervello…), quindi Trumbo lascia intravedere la sofferenza e la terribile deformazione del protagonista; la rappresentazione quasi "funebre" di Johnny ricorda lontanamente quella del "bambino" del Maestro David Lynch …

"E Johnny prese il fucile" riesce nel complesso ad ipnotizzare lo spettatore, la violenza psicologica, la militanza della concezione aiutano il film a scalare le posizioni più importanti nella fantomatica classifica delle pellicole "maledette" della Cinematografia.
Il tutto è quindi "enfatizzato" da ottimi, onirici flashback (essi sono a colori a differenza delle scene dell'ospedale ove i colori sono "monotoni", ovvero il regista usa il bianco e nero), essi hanno il compito di "rafforzare" il viaggio teoretico della regia, importante sottolineare la sequenze della fidanzata di Johnny che da vita ad un "teatrino" dell'illusione e della miseria…
Importantissima anche la scena (anzi le varie scene) con protagonisti Johnny e il padre (discorsi teoretici sulla politica, sul patriottismo americano), la sequenza metaforica della canna, gli indiani morti nell'acqua, la superstizione, la concezione progressista della guerra, le cure… sono tutte progettazioni visive intersecate a meraviglia da Trumbo nelle quasi due ore di proiezione del film.

La pellicola oltre alla magniloquente ricorrenza concettuale offre diversi pregi anche sul piano tecnico, fotografia tutto sommato accettabile, attori convincenti e musiche oppressive e a tratti allarmanti.

Il viaggio verso il non definito di Johnny risulta essere pesante e tenebroso, inoltre alcuni episodi beffardi (come quello nel finale) esaltano maggiormente l'alone di disperazione e di impotenza del personaggio; il finale è davvero ottimo, il protagonista chiede a "voce alta" di essere un "qualcosa" di utile per gli altri uomini della terra, ma la "transenna" dell'onnipotenza, della falsa perfezione statunitense ovviamente vieta tutti questi "artificiosi" programmi di Johnny.

L'ultimissima sequenza (accompagnata da un sonoro da urlo) delinea un inferno infinito e indefinito per Johnny, la salvezza è solo una crudele illusione, siamo giunti alla corte del niente che fa rima con buio, paura, desolazione e vuoto…

"E Johnny prese il fucile" è una pellicola "oscura" che, grazie all'uso di sterminati e ridondati dialoghi riesce a commuovere, o meglio, a terrorizzare l'uomo che ancora oggi è contro l'Eutanasia; una persona in coma, in un limbo imprecisato ha diritto alla morte per non soffrire pene incomprese, bestiali e beffarde…

"E Johnny prese il fucile" è un Teorema meditativo che dilaga nei meandri di un uomo sofferente, le dimensioni si smarriscono e allo stesso si liquefanno soggiogando il concetto temporale e spaziale per sprofondare alla fine in un "repertorio" mentale fatto di ricordi confusi, tenebrosi che hanno perso da sempre una militanza concreta e sorvolano scenari ignoti e vaghi…

4 risposte al commento
Ultima risposta 22/12/2009 21.22.02
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  08/02/2009 17:57:10
   7½ / 10
FILM CHE FAREI VEDERE A TUTTI I SOSTENITORI DELLA VITA A TUTTI I COSTI....


Detto ciò questo film è molto strano e fa parte di quelle pellicole che di per se poggiano la propria forza su una storia straziante talmente forte da colpire lo spettatore a prescindere da qualsiasi valore artistico espresso (un pò come per "Una tomba per le lucciole").

Il film è difficilmente sostenibile e non nego di averlo visto a più riprese, non perchè risulti essere pesante, tutt'altro, ma la condizione del protagonista ricada inevitabilmente sullo spettatore rendendo la visione disturbante e a tratti oppressiva.

E' Jhon prese il fucile non è un capolavoro per diversi motivi.
Il primo è che è un film a tema cioè l'antimilitarismo, considerando la storia, risulta essere abbastanza gratuito e superfluo, in quanto è la storia stessa che è impregnata di antimilitarismo non sono necessari escamotage narrativi o messaggi espliciti.
Il secondo è una ricerca poetica che si perde in alcune forzature gratuite sia sui personaggi che sulla storia.

Ad ogni modo un film importante, bello non un capolavoro
MA CHE COMUNQUE SCONSIGLIO perchè veramente duro ;)

epinoderma  @  07/02/2009 22:32:32
   10 / 10
Il film piu' devastante che si possa immaginare di vedere.
Una pugnalata nello stomaco.
Lo vidi oramai 20 anni fa.
E HO PAURA di rivederlo.
Solo il ricordo mi fa rabbrividire.
Un capolavoro

Tommy Vercetti  @  03/10/2008 15:51:32
   9 / 10
Devastante! Fa passare la voglia di vedere film. Capolavoro!

phemt  @  24/04/2008 09:57:52
   8½ / 10
Amara parabola antimilitarista che non lesina critiche alla società e alla scienza medica… E Johnny prese il fucile è un'agghiacciante dramma che mostra la stupidità della guerra e degli uomini, mostra quale sia la straordinaria forza del cervello umano e di come, a volte, ci sia qualcosa di ben peggiore che la morte…
Un uomo bloccato a letto per cui proprio il letto diventa l'unico suo mondo, un mondo tetro e con una sola via d'uscita da cui è possibile fuggire (solo momentaneamente) grazie alla forza del proprio cervello o (definitivamente) grazie all'atto di pietà estrema di una infermeria… Trumbo opta per una narrazione non lineare in cui ricordi, sogni e visioni (con colori vivaci) si alternano al dramma della vita reale (in glaciale bianco e nero) di un uomo senza più vita e senza più affetti a cui è rimasto il solo attaccarsi ai ricordi e alla grande voglia di liberarsi da questo fardello…
Trumbo in anticipo sui tempi riesce a fare una forte riflessione anche su un problema ora incredibilmente attuale come l'eutanasia: E forse questo film andrebbe visto soprattutto da quelli che, da non si sa quale pulpito, parlano parlano e cercano di imporre la propria verità senza sapere quello che veramente si può venire a creare o provare in determinate situazioni…
Surreale e al limite del weird la pellicola di Trumbo rimane un esempio di Cinema intelligente che riesce a far pensare e che brilla soprattutto per le tematiche affrontate e per il modo in cui vengono affrontate… Infatti il film in sé mostra qualche calo e qualche visione, o ricordo, forse poteva essere più curata, ma quando si riesce a toccare lo spettatore così in profondità e a spaventarlo davvero (altro che un film horror) con la solo idea di una possibile immedesimazione nel protagonista si sta parlando di una pellicola di grande livello fuori dai canoni classici del genere…
Ingiustamente sconosciuto ai più il film di Trombo ha lasciato comunque il suo segno nel cinema a venire (soprattutto in film dello stesso genere ma ho notato richiami anche nell'Elephant Man Lynchiano ma addirittura per dire nel Combat Shock di Giovinazzo e in molti altri film) e finisce per "stracciare" il pur ottimo Million Dollar Baby (per parlare di un film recente che ha avuto grandi consensi) del vecchio Clint… Trombo non cerca la lacrima facile, non forza i tempi e le reazioni dello spettatore, cerca di non far provare pietà verso il personaggio, la pietà nasce nel momento in cui lo spettatore si rende conto di quello che sta vedendo e di quale situazione venga descritta…
Straziante e commovente quindi, ma anche lucido e cattivo: E Johnny Prese il Fucile è un capolavoro che consiglio praticamente a chiunque…

debaser  @  24/03/2008 08:40:44
   7 / 10
Un film che sicuramente ti fa riflettere sulla bestialità e le sofferenze che gli esseri (in)umani provocano ai propri simili. Peccato che il regista si dilunghi troppo sulla retorica anti-militarista, e produca una pellicola troppo filo comunista per i miei gusti. Bellissime le scene oniriche in cui il protagonista disquisisce con Gesù e con suo padre. Da vedere

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  27/11/2007 11:22:28
   8½ / 10
Unica pellicola diretta da Dalton Trumbo,scrittore e sceneggiatore di gran livello (lavoro’ anche con Kubrick),accusato di filocomunismo ed incarcerato per un anno durante la caccia alle streghe del Senatore McCarthy.
Il suo lavoro piu’ celebre rimane il romanzo “Johnny got his gun“ risalente al 1939 ,straordinario manifesto antimilitarista a quanto pare ispirato ad una storia vera e tradotto da se stesso piu' di trent'anni dopo in immagini strazianti.
La storia è quella di John Bonham,giovane soldato dell’esercito americano inviato a combattere in Francia.
Qui colpito dall’esplosione di un colpo di mortaio si trovera’ ridotto ad un torso umano,privato dell’udito,della vista e della parola,ma purtroppo per lui ancora lucido cerebralmente,in grado di pensare all’insaputa dei medici, convinti di avere ormai a che fare con una specie di cavia per esperimenti incapace di formulare pensieri e di provare piacere o dolore.
John diventera’ cosi’ nel suo letto d’ospedale, il simbolo della follia della guerra,un simbolo da nascondere agli occhi della gente,da tenere segregato in un ripostiglio con le ante delle finestre perennemente chiuse, prodotto shockante della societa’ moderna basata su di una politica marcia e sfruttatrice che Trumbo rappresenta con violenza attraverso le parole del padre di John,uomo controverso e favorevole al conflitto, ma anche consapevole che la democrazia poggi sui giovani che si uccidono mentre i vecchi sono a casa a curare il focolare.
Nella sua angoscia senza pace il protagonista trovera’ conforto inizialmente nella religione ,che attraverso un onirico Donald Sutherland versione figlio di D.io non riuscira’ ad alleviare la sua sofferenza e a fornire risposte,quindi mediante le cure di una giovane infermiera che prendendo a cuore il suo caso cerchera’ di salvarlo dal limbo in cui si trova, anche con un atto estremo che incornicia uno dei momenti piu’ commoventi e significativi della pellicola.
L’idea insopportabile di milioni di ragazzi mandati al fronte e fatti a pezzi o tornati a casa rovinati per sempre induce Trumbo in pieno conflitto del Vietnam,a realizzare questo film che risultera’ non perfetto,ma molto coinvolgente,diviso in sequenze in banco e nero che fungono da specchio della realta’ e quindi ritraggono la situazione disperata di John e con altre a colori,dedicate ai ricordi,ai sogni,alle illusioni che prendono vita nella mente del ragazzo e risultano spesso piuttosto surreali o simboliche.
Il film non analizza solo il dramma della guerra ma tocca molti altri argomenti di grande attualita’,religione,amore e non in ultimo l’eutanasia.
La paura,il dolore,la disperazione di John è sicuramente riportata meglio nel romanzo,a mio avviso un vero capolavoro,la pellicola riesce a far passare determinate sensazioni e pensieri ma purtroppo non riesce sempre ad utilizzare al meglio la forza dirompente della parola scritta anche a causa di qualche passaggio un po’ banale.
“E Johnny prese il fucile” rimane pero’ un’opera di grande impatto,lascia intendere quanto i destini degli esseri umani siano nelle mani di pochi eletti ed urla tutto il suo strazio dinnanzi all’orrore della guerra,rimanendo un film assolutamente da vedere considerato che in Italia passo’ inosservato al pari del suo protagonista, dimenticato da tutti in una triste camera d’ospedale.

4 risposte al commento
Ultima risposta 24/04/2008 10.52.37
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI Invia una mail all'autore del commento L.P.  @  19/05/2007 00:14:11
   8½ / 10
Negli anni '70 esisteva ancora il cinema di denuncia, impegnato, serio...e questo film ne è la dimostrazione. Un grande, commovente e tragico apologo antimilitarista che offre centinaia di spunti di riflessione, non solo sulla guerra e sulla violenza, ma anche sulla fede, la forza dei sentimenti, l' immenso potere della mente umana (unica cosa rimasta al protagonista) e sulla pietas che nutrono gl uomini nei confronti dei loro simili che soffrono.
Grandioso.

1 risposta al commento
Ultima risposta 24/04/2008 09.58.58
Visualizza / Rispondi al commento
frankensnifff  @  26/02/2007 10:14:02
   7½ / 10
Film che si fa apprezzare per il contenuti, per il dichiarato messaggio antimilitarista, lascia un pò a desidere dal punto di vista visivo, non graffia come dovrebbe, il regista si lascia andare a facili sentimentalismi nel rappresentare la vita del protagonista prima del suo tragico incidente . Magari sarebbe stato un capolavoro se girato da un bravo regista surrealista...boh. Comunque le immagini del film imho suscitano emozioni più forti e una maggiore "indignazione", nel video dei metallica

1 risposta al commento
Ultima risposta 26/02/2007 10.17.22
Visualizza / Rispondi al commento
style  @  02/08/2006 12:31:01
   9½ / 10
Film straordinario, magari non perfetto ma nel complesso è qualcosa da vedere assolutamente!

Ho conosciuto il film dopo aver visto il videoclip dei Metallica "one" (in cui ci sono diverse sequenze del film)

Molto belle le scene con i ricordi, i sogni, i personaggi che si alternano nella mente del protagonista (Gesù è memorabile...).

Davvero commovente, da vedere!

benzo24  @  12/07/2006 03:04:25
   7½ / 10
un film notevole, originale e crudele, bellissime sopratutto per le sequenze oniriche, per le quali trumbo ha chiesto la collaborazione di bunuel. il film mostra però anche dei diffetti, trumbo infatti dimostra di essere più uno scrittore che un regista, infatti alcune sequenze sono troppo accademiche, e se il film fosse stato più corto sicuramente avrebbe giovato in intensità, che si perde un po in certe retoriche ideologiche sulla democrazia. Comunque un vero e proprio manifesto (bello) del cinema antimilitarista.

Crimson  @  01/01/2006 21:32:19
   9 / 10
Questo film è un vero gioiello. La scoperta è stata quasi casuale, in particolar modo perchè in Italia è passato praticamente inosservato (non è una novità!), e addirittura dubito che ci sia una versione doppiata in italiano.
La vicenda si svolge su due piani differenti: il presente, ossia la vita da "relitto umano" del reduce (naturalmente come mio standard non ricordo mai i nomi dei protagonisti dei film..), girato in un glaciale bianco e nero; il piano dei ricordi, che invece è caratterizzato da colori vivaci, in netto contrasto dunque.
Ebbene sì, i ricordi: il protagonista a differenza di ciò che ritengono i medici e lo staff militare è lucidissimo, e ahilui può ancora pensare, ragionare, ricordare, emozionarsi. Le sequenze a colori sono forse un pò troppo numerose, costituiscono una vera e propria tempesta di messaggi, evidenti o sottintesi, che tuttavia hanno un grande effetto e colpiscono dritto al loro scopo. Il ragazzo non era convinto di partire per la guerra, è la società che lo ha spinto. Chiesa, politica, famiglia. E' quest'ultima sfera quella per la quale ho nutrito maggior interesse: essa è rappresentata dalla figura paterna, molto affascinante seppur decisamente non positiva. O meglio, è una figura contraddittoria. Il legame affettivo col figlio è tenero, ricco, ma è lui stesso ad essere fortemente convinto che "ogni uomo deve dare il proprio figlio per la democrazia" (pur a costo di perderlo). Un quesito morale di indubbio interesse. Fino a che punto è assurda una concezione del genere? ed è davvero questa la democrazia? questo è solo uno dei tanti temi che il film affronta. Un altro spunto importante è il rapporto con d.i.o del protagonista: inizialmente sembra ancora confidare in un sostegno "ultraterreno", ma con il passare del tempo egli giunge a riflettere sul fatto che se ci fosse un d.i.o egli non soffrirebbe in quel modo.
Un altro tema è quello dell'eutanasia, sul quale mi limito ad un lieve accenno per non rovinare nulla (forse leggendo la parola "eutanasia" qualcuno penserà che ho svelato qualcosa del finale del film ma vi assicuro che non è così, state tranquilli). Fino a che punto si può vivere? in quelle condizioni come ci si comporta?
E' eccezionale e ammirevole la sola grande eroina del film: l'infermiera che si affeziona al reduce. Una persona tra bestie.
Secondo me questo film è da vedere assolutamente.
Il regista è la stessa persona che ha scritto il libro da cui è tratto il film.

p.s. se qualcuno ha visto il videoclip di "one" dei metallica e si è sempre chiesto a cosa si riferisce il testo e da quale film provengono quelle immagini, ecco la soluzione.

4 risposte al commento
Ultima risposta 01/02/2006 11.01.31
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinn
 NEW
bombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segreti
 NEW
in the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodgethey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1000963 commenti su 43095 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net