i don't feel at home in this world anymore regia di Macon Blair USA 2017
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

i don't feel at home in this world anymore (2017)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film I DON'T FEEL AT HOME IN THIS WORLD ANYMORE

Titolo Originale: I DON'T FEEL AT HOME IN THIS WORLD ANYMORE

RegiaMacon Blair

InterpretiMelanie Lynskey, Elijah Wood, David Yow, Jane Levy, Devon Graye, Christine Woods, Robert Longstreet, Derek Mears

Durata: h 1.33
NazionalitàUSA 2017
Generethriller
Al cinema nel Febbraio 2017

•  Altri film di Macon Blair

Trama del film I don't feel at home in this world anymore

Dopo essere stata derubata. una donna depressa scopre di avere un nuovo scopo nella vita: rintracciare i ladri aiutata dal suo antipatico vicino di casa. Presto per˛ i due si ritroveranno a dover avere a che fare con un branco di criminali degenerati.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,30 / 10 (10 voti)7,30Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su I don't feel at home in this world anymore, 10 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

jason13  @  19/07/2017 23:15:25
   7 / 10
Piacevole sorpresa, diciamo che fino a meta' la perplessita' regnava sovrana poi pero' negli ultimi 20 minuti il film si trasforma in tipico stile Tarantino e ne guadagna di molto.

yeah1980  @  04/07/2017 09:25:04
   8 / 10
Finalmente un film Netflix che mi ha convinto!
Originale, riesce a mantenersi su un filo difficile tra realismo e parodia.

TheLegend  @  21/06/2017 15:28:33
   6½ / 10
Film particolare e stralunato che però perde un pò nel finale.

Niko.g  @  11/06/2017 16:05:44
   7 / 10
Sette pieno. Con un titolo che a leggerlo ti parte mezzo pomeriggio, c'è il rischio che si faccia tardi. Meglio evitare, quindi, e spingere subito il tastone "Play".
Partenza in stile "Un giorno di ordinaria follia" e poi via con svolte narrative, cambi di ritmo, humour nero e sangue a spruzzi.
Buone interpretazioni, con una brava Melanie Lynskey e un taciturno Elijah Wood, in pausa dai logorroici dialoghi di "Dirk Gently", serie televisiva in grado di procurare un esaurimento nervoso al Dalai Lama.

P.S. a chi cercasse nella produzione nostrana questo genere ad alto tasso di follia, consiglierei "L'anno prossimo vado a letto alle dieci" di Angelo Orlando.

4 risposte al commento
Ultima risposta 12/06/2017 18.22.35
Visualizza / Rispondi al commento
daaani  @  30/05/2017 23:17:40
   8 / 10
Inaspettatamente magnifico! Si riesce subito a entrare in sintonia con i personaggi e a ridere di gusto in diverse scene grottesche :)

TheLory  @  30/05/2017 19:54:13
   8 / 10
Amo questi film dalla comicità (amara in questo caso) surreale e stralunata, quindi per me si avvicina al capolavoro. Finalmente poi si vede il Wood in un ruolo perfettamente su misura. Per me imperdibile

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  18/05/2017 10:01:16
   7 / 10
Dietro questo titolo chilometrico alla Wertmuller si cela il desiderio di giustizia, pacifico almeno in partenza, dell'infermiera Ruth. Affiancata dall'eccentrico Tony, decide di agire in prima persona per recuperare ciò che certi malviventi le hanno sottratto svaligiandole casa.
La pellicola segna il debutto alla regia di Macon Blair (per lui cameo letterato/spoileroso), attore apprezzato da chi bazzica l'indie americano. Siamo quindi dalle parti di una pellicola sui generis, non per tutti i palati e segnata da una fine ironia ma anche da forti dosi drammatiche con spargimenti di sangue annessi (a tal proposito l'ultima mezz'ora è tanta roba).
In soldoni si potrebbe vedere come una rivalsa della (presunta) nullità sociale contro un mondo alienante avverso a chi vive per scelta più o meno voluta ai margini di esso. E' un volersi fare giustizia senza ricorrere a mezzi estremi, seppur questi poi debbano essere adottati in quanto non c'è scampo, se non quello di abbassarsi al deprimente status sociale circostante.
Con personaggi sempre sul filo del grottesco Blair inanella una serie di avvenimenti che danno luogo ad una combinazione esplosiva, tutto per recuperare un portatile, l'argenteria lascito della nonna e alcuni medicinali. Oggetti in apparenza non poi così vitali, in realtà stretti parenti della celebre goccia che fa traboccare il vaso. E quando la misura è colma accettare passivamente l'ennesimo sopruso rappresentato dall'arroganza e dall'inattività delle forze dell'ordine diventa impossibile.
Prodotto particolare in cui leggerezza e depressione ben si sposano, vincitore al Sundance 2017, vanta le ottime performance di Melanie Linskey e di un Elijah Wood sempre più a suo agio in ruoli border line.

Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  15/05/2017 19:58:07
   7 / 10
Film carino, soprattutto per i personaggi (Elijah Wood in primis) che prende pieghe inaspettate, risultando difficilmente etichettabile. Peccato verso la fine perda la sua originalità.

VincVega  @  01/05/2017 00:06:43
   7½ / 10
Sulla scia delle opere del regista Jeremy Saulnier, colui che l'ha lanciato come protagonista in "Blue Ruin", l'attore Macon Blair esordisce dietro la macchina da presa con questo strano prodotto a metà tra commedia nera e thriller. Un film divertente, con i due protagonisti a formare un'improbabile coppia, un'infermiera sfigata e un metallaro un po' psycho. Nella parte centrale, la pellicola diventa quasi buddy movie indipendente e di provincia, fino ad arrivare ad un finale decisamente pulp e spettacolare.
"I Don't Feel at Home in This World Anymore" è un gioiellino inaspettato, forse derivativo come tipologia di film, ma originale nello svolgimento, oltre ad essere veramente frizzante e divertente. Potrebbe diventare un piccolo cult negli anni a venire, personalmente lo è già...

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  12/04/2017 22:29:25
   7 / 10
Personaggio solitario e depresso quello brava Lynskey, anzi abbastanza sullo sfigato andante. Un furto subito nella propria abitazione riesce tuttavia ad attivare una determinazione nel cercar di riuscire a recuperare il maltolto che risulta sorprendente. Coinvolgendo un vicino di casa, altrettanto sfigato come lei, intraprendono questa ricerca con risultati assurdi. Questo film è una commistione di generi, principalmente commedia nera e thriller, ma pone delle situazioni in cui i protagonisti per contrasto sono totalmente fuori luogo. In poche parole si immergono in realtà a loro sconosciute, vivendo appunto un'esistenza fin troppo normale. A contatto con dei malavitosi psicopatici quanto imbranati o personaggi loschi, sono come delle mine vaganti dagli esiti imprevedibili. E' un prodotto tipicamente indie, almeno nella prima parte. I toni sono dimessi perfettamente in tono con la piattezza dello esistenze. L'ultima parte è un po' più scontata, però c'è un'escalation di violenza che fra sparatorie e arti mozzati strizza un po' l'occhio a Tarantino. Niente male come esordio.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


958598 commenti su 37525 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net