licenza di guida regia di Greg Beeman USA 1988
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

licenza di guida (1988)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LICENZA DI GUIDA

Titolo Originale: LICENSE TO DRIVE

RegiaGreg Beeman

InterpretiCorey Feldman, Heather Graham, Corey Haim, Michael Manasseri, Carol Kane, Richard Masur, Harvey Miller

Durata: -
NazionalitàUSA 1988
Generecommedia
Al cinema nell'Ottobre 1988

•  Altri film di Greg Beeman

Trama del film Licenza di guida

Il sedicenne americano Les Ŕ stato bocciato all'esame di guida e per lui Ŕ un guaio, perchÚ ha un appuntamento con Mercedes, una tenera biondina della quale si Ŕ invaghito. PoichÚ non voule perdere la serata, presa la Cadillac del nonno (che momentaneamente Ŕ partito con la BMW di papÓ), Les si abbandona alle gioie di alcune ore gradevoli, che passa prima con Mercedes, poi anche con gli amici Dean e Charles, in corse pazze sulle strade e vari incidenti: tutti pensano, erroneamente, che lui abbia ottenuto la patente tanto desiderata.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,15 / 10 (17 voti)7,15Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Licenza di guida, 17 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

DankoCardi  @  24/03/2020 18:34:08
   6 / 10
Primo ruolo di rilievo per una giovanissima ma già polposa Heather Graham in questa ennesima commediola anni '80 basata sulla spensieratezza giovanile dove avere la patente è la cosa più importante del mondo e se le cose vanno male...alla fine vanno comunque bene. Grazie ai simpatici Corey Feldman e Corey Haim un paio di risate ci scappano. In una battuta si criticano i musulmani...quando ancora queste cose si potevano fare! Va bene, dai, diamogli questa sufficienza e chiudiamo il discorso.

topsecret  @  16/08/2015 14:34:02
   5 / 10
Teen comedy anni '80 con poche idee e mediocre dal punto di vista del divertimento.
Ritmo non sempre fluidissimo, dove in alcuni momenti si raggiungono picchi di noia palpabili e storia che non sortisce il giusto effetto per una visione coinvolgente che, ribadisco, non diverte e non offre nessuna particolare originalità.
Bella la Graham, il resto del cast è nella norma, ma non basta per portare alla sufficienza questo film di Beeman.

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  21/03/2013 12:56:27
   7 / 10
Simpatica commedia degli anni '80!

nevermind  @  05/08/2012 21:46:25
   8½ / 10
Spettacolare! Davvero mi ha sorpreso molto questo film anni 80. La scena della lezione di guida dove il protagonista non doveva far cadere neanche una goccia di caffé sulle ginocchia dell'istruttore è stata epica.

BlueBlaster  @  13/07/2012 13:22:12
   7 / 10
Buona prova della coppia Corey...commedia tipicamente 80 che non deluderà nessuno visto i temi trattati e le varie possibilità di risata, da ritrovare...

emasen4  @  12/06/2012 11:30:34
   7½ / 10
Avevo sentito che questo film aveva ricevuto l'appellativo di CULT MOVIE, e siccome non lo avevo mai visto ho deciso di recuperare. Che dire, le aspettative sono state completamente ripagate, anche a distanza di anni questo film è risultato fresco frizzante, ironico e divertente mai noioso merito del buon ritmo con cui si succedono tutti gli eventi e delle ottime prove di tutto il cast, dal protagonista Corey Haim, all'amico Corey Feldman e alla bellissima e giovanissima Heather Graham ma anche i genitori di lui offrono veramente un ottima prova. Veramente parlandone mi viene voglia di rivederlo. Da segnalare anche l'ottima colonna sonora. Veramente un bel filmetto. Cult.

C.Spaulding  @  01/06/2012 17:39:11
   8 / 10
Ancora la coppia Feldman - Haim in questo teen movie targato anni '80. Una commedia frizzante, divertente e piena d'azione.

dinger71  @  02/06/2011 14:34:30
   10 / 10
Non posso non dare il massimo a questo film, è un classico del Brat Pack, genere cinematografico un pò teatrale (non il caso il termine si riferisce al gruppo di attori), che purtroppo da noi è stato sottovalutato dalla critica, che non ha mai sganciato più di un due e mezzo su quattro (forse solo "stand by me" ha tre stelle o più). Erano altri tempi, dove gli attori erano tutto, sostenevano il film dall'inizio alla fine e diventavano simbolo e idoli di giovani desiderosi di cambiare, stanchi del militarismo imperante reaganiano e della mentalità neoconservatrice, che voleve ripristinare il mito dell'America di Eisenhower. Da noi c'era la "Milano da bere", da cui purtroppo sarebbe uscita la "disgrazia berlusca", ma a Hollywood evidentemente non si dormiva, dato che l'industria cinematografica si accorse del forte impatto generazionale che stava esercitando questo "manipolo di canaglie" o "banda di monelli" (traduzione letterale di "brat pack", soprannome affibbiato loro dai giornalisti), che ci regalarono indimenticabili capolavori come "Breakfast club" (grandissimo Judd Nelson:"quanti sabati di punizione ho conquistato fino ad ora?"-), la trilogia di Molly "la rossa" Ringwald e poi ci fu il "triennio d'oro dei Corey", in cui i giornali americani titolavano "questa nazione non sembra governata da Reagan, ma dai due Corey". Erano loro, insieme al grande Enrico Berlinguer, i nostri miti di quegli anni. Soltanto perchè l'Italia all'epoca era culturalmente impantanata (ora invece va meglio?) per forza dovevamo dire che questa era una situazione collettiva dell'Occidente pre- Nirvana (e non mi pare, visto che pure in Inghilterra c'è stato Stephen Frears e il brit pack -mi pare si chiamasse così lì- e poi, soprattutto i due corey, nei paesi scandinavi ad es., ebbero un successo clamoroso). Invece chiaramente la critica italiana doveva snobbare questo scenario, dimostrando così la sua inettitudine a livello mondiale! Caso eclatante è proprio questo film, "licenza di guida", incentrato su un adolescente sognatore un pò ingenuo e sconclusionato (il grande Corey Haim) che vorrebbe prendere la patente di guida per lasciarsi alle spalle la scuola e la sua "orribile" famiglia. Purtroppo viene bocciato all'esame di guida, ma si vergogna ad ammetterlo, perciò, all'insaputa dei genitori, s'impossessa dell'auto del nonno e parte lo stesso.... Comincia così l' "interminabile incubo", dove crollano tutti i miti del sogno americano (la polizia cercherà di arrestarlo, un ubriaco ruberà l'auto ecc). Il protagonista diventa la "vittima" per eccellenza, non solo della società, ma anche dei suoi amici, dato che ognuno agisce per i suoi scopi (la graziosa e pure un pò buffa heather graham vuole un passaggio per raggiungere il fidanzato; Corey Feldman, che interpreta l'amico esaltato, vuole invece andare al drive-in dei suoi sogni, che ovviamente non raggiungeranno mai...). L'interpretazione dei due Corey (che qui recitarono insieme per caso per la seconda volta... poi non sarebbe stato più un caso e avrebbero diretto loro stessi o sceneggiato) direi che è fenomenale, e, benchè entrambi preferissero ruoli drammatici, questo rimase il loro film più famoso, record di incassi nell' 88; non a caso ricevettero entrambi il premio più ambito riservato ai giovani attori (ovvero lo Young Artist Award, per la seconda volta, dopo Ragazzi perduti), sfruttando anche pò questo successo per le loro pellicole indipendenti degli anni successivi (ad es il capolavoro "dream a little dream"). All'epoca la nostra triade di critici geniali-Morandini, Mereghetti e Davinotti- dissero che Corey Haim era inespressivo (come fa ad esserlo se il suo personaggio è estremamente nevrotico?) e spalancava la bocca inebetito e il film cercava di confermare il più famoso Corey Feldman (Gremlins, Goonies e Stand by Me) come jolly comico da sfruttare per la brllantezza e l'esplosività in un ruolo puramente da vetrina. Inoltre, non mi ricordo chi dei tre, disse che il film sembrava una camomilla e che i protagonisti probabilmente potevano essere gay perchè tutti avrebbero approfittato della bella Graham ubriaca... Ma, dico, egregi critici italiani, lasciando perdere la vita reale degli attori, lo sapete che tra i motivi portanti del "brat pack" c'erano il rifiuto della goliardia e l'espressione del disagio giovanile? Non stiamo parlando di film all' "American Pie", dove il potenziale sovversivo dei ragazzi lo si incanala nell'obiettivo politically correct del consumo ( di sesso, merci e status sociale), mascherato dal fatto che i ragazzi svolgano attività lodevoli, come frequentare il college o andare in vacanza con gli amici con il consenso dei genitori, che "volutamente" si dilettano nel fingere di non sapere cosa accade davvero nelle famose "vacanze studio", una delle espressioni più alte dell'ipocrisia della nostra società. A quanto pare si dovettero ricredere con gli anni, visto il forte impatto che hanno avuto i membri del brat pack sulle generazioni dei giovani americani ("Young Americans" era pure il titolo di una rivista dedicata proprio a questi attori). Perchè allora la nuova generazione votò per Bill Clinton? Mica si sapeva all'epoca ad es che lo scandalo dell' Iran-gate del governo di Reagan avrebbe contribuito al terrorismo del nostro decennio? Con la caduta del muro di Berlino l'America di Reagan si confermava come la maggiore potenza mondiale, allora forse questo fenomeno del brat pack sarebbe stato più importante di quanto si immaginasse all'epoca; oggi va di moda a Hollywood votare per Obama, ma all'epoca quante celebrità avevano il coraggio di andare contro i Repubblicani? Chissà tutti questi giovani attori radical chic di oggi all'epoca cosa avrebbero fatto... E se l'esimio Morando Morandini diceva a proposito di questo film "Vorrei leggere su un trattato di sociologia che l'America è un paese così strano, popolato da adulti distratti e incompetenti e giovani così irresponsabili e ribelli che assomigliano a dei pazzi scatenati", oggi direi che è stato accontentato, dati i numerosi libri che circolano sul brat pack (il più famoso si intitola proprio "their impact on a generation") e le biografie non autorizzate dedicate ai due Corey. I due formavano una gran bella coppia, sullo schermo e nella vita: non ti dimenticheremo mai, Corey Haim! In Italia non tutti i giornali ti hanno ricordato e in tv hanno parlato poco di te, ma per i tuoi fan sarai sempre ineguagliabile e rimmarrai impresso nella mente e nel cuore!

IceKiller  @  11/01/2011 09:36:43
   7½ / 10
Curioso, piacevole, "leggero e spensierato", vario. Film purtroppo sottovalutato a mio parere personale. Il film ripercorre le caratteristiche "del suo tempo", ma non è affatto male, se vi piace il genere e trovate la trama interessante, guardatelo.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  23/12/2010 16:45:56
   4 / 10
Film inutile e adolescenziale. Un sorriso a tratti riesce a strapparlo ma non basta per ottenere una licenza di idoneità cinematografica :-) La cadilac però è uno spettacolo!

Shoeless Joe  @  12/04/2010 11:59:50
   10 / 10
metto 10 per il ricordo dell'attore protagonista Corey Haim..morto un mese fa! :-(
Il film è un cult della commedia americana anni '80...quando ero piccolo ogni volta che lo passavano su Italia 1 era uno spasso...ci sono delle scene molto divertenti. (esempio: quando lui va a fare l'esame di pratica...e l'esaminatore nella macchina è l'attore che fa lo zio Phill in Willy il principe di Bel-Air...il quale cerca di bocciarlo in tutti i modi).
Il film comunque sarebbe da 7 1/2-8

1 risposta al commento
Ultima risposta 12/04/2010 12.27.02
Visualizza / Rispondi al commento
edo88  @  27/03/2010 19:11:58
   5½ / 10
Neanche io mi sento di dargli la sufficienza, un prodotto adolescenziale come tanti. I soliti personaggi e le solite situazioni.
Poche le scene divertenti.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  22/03/2010 21:17:18
   5½ / 10
Condivido gli entusiasmi preadolescenziali legati a questo filmetto sull'ansia della patente. Tuttavia non riesco a strappare una sufficienza perchè nello stesso genere c'era senz'altro di meglio. Esilarante l'esame di guida con l'istruttore che piazza un bicchierone colmo di caffé sul cruscotto minacciando la bocciatura al cadere della prima goccia. E tanta malinconia al ricordo del simpatico Haim, morto di recente.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Angel Heart  @  22/03/2010 20:40:00
   8 / 10
Se dovessi basarmi sui ricordi d'infanzia e sul gusto personale, gli darei un 100. Ma purtroppo non si può. Uno di quei film che Italia 1 passava 5 giorni su 7.
Per chi deve prendere la patente o per chi ci ha impiegato più del dovuto, questo è il film giusto.
Una commedia spassosissima dall'inizio alla fine da guardare spensieratamente, con alcune gag davvero divertenti (vedere la scena con lo zio Phil/ James Avery) e con due protagonisti scemi quanto basta.
Tutti gli attori di contorno fanno un'ottimo lavoro, a partire dai genitori di lui, Richard Masur e Carol Kane (la madre isterica, il padre sempre sull'orlo di esplodere), ma anche la bellissima Heather Graham fa la sua bella figura (in tutti i sensi). Bellissima la colonna sonora, con Get Out of My Dreams nei titoli di coda. Quasi irreperibile purtroppo, ma da recuperare assolutamente

3 risposte al commento
Ultima risposta 22/03/2010 23.30.34
Visualizza / Rispondi al commento
andreapuma@hotm  @  04/01/2010 02:02:51
   8 / 10
Molto bello, molto divertente...gli attori sono molto bravi...trama carina e originale.

3 risposte al commento
Ultima risposta 22/03/2010 19.12.52
Visualizza / Rispondi al commento
starsinthesky  @  18/08/2008 15:16:27
   7 / 10
Commedia divertente... must degli anni 80.... giusto per passare una buona serata....


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

bussisotto  @  15/02/2007 09:22:36
   7 / 10
Negli anni '80 i film basati su un'avventura di una notte sono stati numerosi (Tutto in una notte, Fuori orario e Tutto quella notte giusto per nominare i più famosi).Questo License to drive rientra nei più simpatici e leggeri. Il cast è in perfetta sintonia, Corey Haim e Corey Feldman dispensano risate e simpatia da grandi professionisti nonostante la loro giovanissima età (e prima di tutti i problemi di droga...maledetta Hollywood). L'allora esordiente Heather Graham bella e spigliata. Carol Kane, nel ruolo della mamma isterica e svampita, non passa di certo inosservata.
Greg Beeman dirige con buona abilità, aggiungendo qui e lì alcune sequenze acrobatiche di effetto.
Certo, la sceneggiatura non è esente da imperfezioni, ma la pellicola garantisce una serata decisamente piacevole.
Per gli amanti del decennio 80-90 è un must.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1014770 commenti su 44988 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net