monsieur verdoux regia di Charles Chaplin USA 1947
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

monsieur verdoux (1947)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Speciale sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film MONSIEUR VERDOUX

Titolo Originale: MONSIEUR VERDOUX

RegiaCharles Chaplin

InterpretiIrving Bacon, Marilyn Nash, Isobel Elson, Martha Raye, Charles Chaplin

Durata: h 2.03
NazionalitàUSA 1947
Generecommedia
Al cinema nel Luglio 1947

•  Altri film di Charles Chaplin

•  SPECIALE MONSIEUR VERDOUX

Trama del film Monsieur verdoux

Licenziato dalla banca per cui lavorava, pur di mantenere moglie e figlio, Monsieur Verdoux si inventa una nuova occupazione: seduce donne facoltose, le deruba e le uccide. Con l'ultima vittima designata per˛ non tutto fila liscio e la porte della "santÚ" si spalancano sul piccolo barbabl¨ per necessitÓ.

Film collegati a MONSIEUR VERDOUX

 •  SPECIALE MONSIEUR VERDOUX

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   9,11 / 10 (49 voti)9,11Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Monsieur verdoux, 49 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  08/12/2013 21:11:33
   9½ / 10
Orson Welles vantava di aver suggerito a Chaplin l'idea di questo capolavoro. Ma Forse si trattava solo di un suggerimento che riguardasse lo spunto, l'aneddoto, un po' come Gogo'l ebbe la "dritta" sulle sue Anime Morte da Pushkin. Ma che aneddoto è la storia di Barbablù? Più difficile, per Orson Welles, che forse è stata la controparte negativa di Chaplin, o perlomeno è l'unico artista del cinema (e ce ne sono pochi di "artisti" nel cinema) a essere degno di stare alla pari con l'unica vera mitologia della storia della pellicola, più difficile per lui aver intuito in che cosa la storia di Verdoux avrebbe segnato una meta tanto inquietante nell'impeccabile filmografia di Charles Spencer Chaplin.

L'aneddoto è ciò che rende questa storia appetitosa? O è vedere, come osservava Bazin, che Monsieur Verdoux è un'immensa, totale, irraggiungibile, maestosa, inquietante resa dei conti con la società innanzitutto, ma soprattutto con se stesso, con il mito di Charlot. Nessuno come Chaplin ha saputo riassumere in se stesso l'idea di artista impegnato, mente animoque, nell'interpretare il suo ruolo fino in fondo. Inevitabilmente i suoi film hanno sapore autobiografico. Indicare una fenomenologia chapliniana è lavoro di una vita, forse due. Chaplin è andato oltre ogni concetto, ha incarnato il suo personaggio e l'ha reso un alter-ego della società. Sarebbe curioso trovare chi diventi alter-ego da se stesso. Forse è impossibile, forse l'unico alter-ego che possiamo concepire, l'Autre, è la società. Ricordo una puntata dei Soprano dove uno scienziato arriva a parlare di Schroedinger, del fatto che è solo la coscienza che divide, separa, discerne, e che in realtà è tutto indissolubilmente unito. Chaplin è un corpo estraneo alla società e perciò abbiamo, sul finevita, l'immenso personaggio di Verdoux. Un personaggio davvero interessante è un personaggio non integrato. Ancora più interessante se perfettamente integrato eppure estraneo. L'analisi di André Bazin è imprescindibile per parlare di questo film, che è una sorta di preludio a Breaking Bad. Come non pensare a Walter White, al suo "cervello", l'intelligenza con cui si supera il confine, con cui si sconfigge il destino fino al gran finale? Gli eroi negativi devono sempre morire, nella morte essi si integrano con ciò che essi hanno distrutto. Essi sono dei ex machina che si sono divertiti con il giochino della società. Sono esseri automatici eppure umani fino all'inquietante. Il cervello e il cuore. Chaplin era logorato da questa dicotomia organica e sentimentale. I suoi personaggi sono estremamente dolci e diabolici. Tifano per la vita a tal punto da opporsi a un'intera società. Parlare di questo film è difficile, troppo per un commento. Io penso che Chaplin sia stato tra i pochi geni del cinema, per averne compresi gli sviluppi futuri, per aver ideato film che raccontassero un'intera vita, di servizio e opposizione alla Società, e per farlo egli concepì la magnifica e totalizzante idea di perdersi dietro a un personaggio, di sfumare i bordi dell'immaginario, di diventare celluloide, di farsi concretamente personaggio. Orson Welles era un attore immenso, ma nessuno quanto Chaplin riuscì a sporcarsi le mani con l'arte. Verdoux è solo la summa di un'arte consumata, quella di ingannare tutti, e insegnare. Verdoux è uno dei veri falsari wellesiani, ringraziamo che sia solo un personaggio.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1011156 commenti su 44513 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net