oceania regia di Ron Clements, John Musker USA 2016
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

oceania (2016)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film OCEANIA

Titolo Originale: MOANA

RegiaRon Clements, John Musker

Interpreti: voci: Angela Finocchiaro, Raphael Gualazzi, Chiara Grispo, Dwayne Johnson, Alan Tudyk, Nicole Scherzinger, Jemaine Clement

Durata: -
NazionalitàUSA 2016
Genereanimazione
Al cinema nel Dicembre 2016

•  Altri film di Ron Clements
•  Altri film di John Musker

Trama del film Oceania

Tremila anni fa, i più grandi navigatori al mondo attraversavano lo sconfinato Oceano Pacifico, alla scoperta delle numerose isole dell'Oceania. Ma poi, per un millennio, i loro viaggi cessarono – e ancora oggi, nessuno sa il perché. Da Walt Disney Animation Studios arriva Oceania, un'entusiasmante avventura d'animazione incentrata su una vivace adolescente di nome Vaiana, che s'imbarca in una coraggiosa missione per salvare il suo popolo. Durante il suo viaggio, s'imbatterà nel semidio in disgrazia Maui che la guiderà nella sua ricerca per diventare una grande esploratrice. Insieme, i due attraverseranno l'oceano in un viaggio pieno d'azione, che li porterà ad affrontare enormi creature feroci e ostacoli impossibili e, lungo il percorso, Vaiana porterà a compimento l'antica ricerca dei suoi antenati e troverà l'unica cosa che ha sempre desiderato: la propria identità.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,93 / 10 (29 voti)6,93Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Oceania, 29 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

EddieVedder70  @  17/09/2017 21:34:16
   7 / 10
Molto disneyano e di forte impatto, avrebbe QUASI tutti gli ingredienti per ottenere un gran successo, a partire dalla protagonista (davvero bella, peccato per le caviglie grosse) intelligente, coraggiosa, determinata e "fresca". Ci sono belle canzoni, la storia se non proprio originale è interessante, non manca l'azione, sono ben distribuiti gli episodi divertenti ed emozionanti e i personaggi di contorno (tutti, buoni e cattivi) rimangono impressi, il tutto condito da sentimento e gran colori ....peccato per l'assenza di un PRINCIPE AZZURRO. Eh Si.... manca quel qualcosa per far soppiantare FROZEN dal cuore delle bambine.
Film nel complesso davvero gradevole

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  13/09/2017 19:16:21
   4 / 10
Film d'animazione in stile musical che può piacere se hai massimo 10 anni...in realtà dubito anche dei maschietti di quell'età. Non mi è per nulla piaciuto, storia buttata lì, musiche noiose, ho fatto fatica ad arrivare alla fine!

Peanuts02  @  11/08/2017 20:34:09
   9 / 10
Ah, avesse creato il fenomeno creato da frozen!
Allora, innanzitutto anticipo che la recensione conterrà SPOILER, ma consiglio di leggere anche la mia recensione a frozen e biancaneve per poter capire i paragoni a cui mi riferirò.

La Disney decide nuovamente di ambientare una storia nei suggestivi ed esotici ambienti della Polinesia, ma stavolta si tratterà di una storia in puro tema fantastico.
La giovane Moana(scusate, ma userò il nome originale avendolo visto in inglese!), in seguito ad una strana carestia, decide di disubbidire al padre per lasciare la sua isola e ritrovare la fertilità della Madre Terra.

Partiamo dalla protagonista: Moana fa il cu*o alle stra-idolatrate Elsa e Anna.
Non c'è bisogno di calcare con il pennarello indelebile il suo essere una donna forte, perché l'uguaglianza tra uomo e donna in questo film è qualcosa di già presente, del tutto inutile da esaltare perché, giustamente, è più che naturale che uomo e donna siano sullo stesso piano!
Oltre ciò, vi chiedo di provare a sostituire il personaggio di Moana con un uomo. La storia cambia? No, per niente. Lo spirito del personaggio cambia? Neanche per sogno.
Questo significa solo una cosa: il personaggio rispetta una perfetta uguaglianza tra il sesso maschile e il sesso femminile, un'uguaglianza inappuntabile perché il suo essere donna non influenza affatto la trama! (non che ciò sia sbagliato, basta vedere Mulan, che si basa proprio sulla femminilità della protagonista)
E poi a Moana viene dato un percorso da seguire maturo e del tutto nuovo rispetto lo standard medio delle principesse disney.
Nella sua vita c'è un uomo da amare o un amore da raggiungere? Niente affatto, lo scopo della sua vita è aiutare la sua gente, è letteralmente superare i confini che le sono imposti, a suo rischio e pericolo, per il bene altrui! Oltre ciò, il personaggio incarna alla perfezione il desiderio dell'avventura e della scoperta, caratteristica solo da lodare.
Molti l'hanno paragonata a Pocahontas, ma io non lo penso affatto, sebbene visto superficialmente i loro percorsi possono sembrare simili.
La prima è la figlia di un capo tribù che s'innamora di un inglese e che riuscirà ad impedire lo scontro che appariva inevitabile, ma nonostante tutto deciderà di restare con la sua gente perché ha compreso che quello era il suo destino: salvare sia John Smith che il suo popolo, e nonostante possa anche scegliere dove stare decide di lasciare John Smith affinché possa tornare in Inghilterra a curarsi e perché guidare la sua gente è il suo dovere.
Moana invece la vediamo che fin dall'inizio si prepara a diventare capo del suo villaggio (notare che il dover sposare un uomo non viene neanche menzionato) ma desidera onorare i suoi antenati e le sue origini di navigatrice. Alla fine non ha nessun cattivo da sconfiggere, ma deve semplicemente (e letteralmente) mettere il cuore in pace al suo posto e deporre le armi verso un nuovo futuro, attraversando le acque che la dividono dal resto del mondo per dimostrare una volta per tutte il suo valore per il solo bene comune.

A me sembrano un po' diverse come strutture!
E soprattutto, il film mantiene uno standard molto umile, tipico dei primissimi film dello studio. Non si impone fin da subito come un'opera pregna di significato, ma lascia ciò allo spettatore mentre fa quello che deve fare la fiaba: intrattenere!
C'è un motivo per cui Biancaneve e Cenerentola sono fiabe e film che ancora vengono amate da grandi e piccini? Sì, cioè perché rappresentano l'apoteosi del concetto di fiaba, e la fiaba è proprio una forma di narrazione antica come il mondo, se non di più!
La fiaba basa tutto sul concetto di sensazione ed emozione, che purtroppo sembra essere sempre più frainteso (grazie anche a film come Frozen): se il principe riesce a trovare la bara di Biancaneve, non deve interessare il come sia possibile, ma il cosa stia succedendo in quel momento (leggere la mia recensione a biancaneve di cui parlo del ruolo del principe), quindi tutto si basa sulla percezione della situazione.
Tendiamo a fare un tutt'uno tra fiaba e fantasy, ma si tratta di due generi totalmente differenti.
Il fantasy segue una struttura narrativa complessa ed articolata, con un numero tutt'altro che limitato di personaggi e un approccio che segue una logica che si rifà al mondo reale.
La fiaba è caratterizzata invece da una struttura lineare e semplice, da un numero sufficiente di personaggi, da un messaggio da lanciare e dall'uso della logica delle emozioni (di cui ho parlato in biancaneve e suspiria).
Perché Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli sono tanto diversi? Perché il primo si propone come una fiaba, seguendone gli elementi chiave, mentre il secondo è un fantasy in piena regola.

E' possibile riuscire ad adattare una fiaba in un film fantasy, ma non tutti riescono a trasporre lo stile e il linguaggio della fiaba in un contesto che si oppone totalmente a questi concetti.
Frozen si basa (vagamente) sulla fiaba "La regina delle nevi", eppure vuole adottare lo stile di narrazione moderno che impedisce di sospendere l'incredulità (cosa che faresti guardando una fiaba) e portandoti a porti domande che ti fanno solo notare i buchi di sceneggiatura (di cui ho parlato già nella recensione di Frozen)

Oceania decide di tenersi sullo standard fiabesco, e molte perplessità passano indisturbate perché guardandolo sai bene che quella che vedi è una fiaba e in quanto tale ha naturali sfumature surreali.
Chi se ne frega se Maui ha sollevato il cielo e acchiappato il sole! Se tutto il resto del film avesse tentato un approccio "realistico", allora ciò sarebbero saltati all'occhio come buchi di sceneggiatura grossi come il cratere dell'Etna.

Il linguaggio delle fiabe è qualcosa che non va assolutamente tradito perché è da ciò che nasce la forma di narrazione da cui stai prendendo spunto.

Quindi, Oceania risulta un'opera umile ma spettacolare, dalle animazioni impeccabili, personaggi ottimi, musiche superbe e scrittura che dà vita a ciò a cui deve dare vita, cioè una pura e "semplice" fiaba!

Ho scritto questa recensione estremamente di pancia e quindi chiedo perdono per tutte le ripetizioni : )

P.S.
L'unico neo del film è forse il galletto sciroccato che, per carità, è anche divertente, ma non mi ha fatto impazzire più di tanto.

Dom Cobb  @  05/08/2017 23:28:57
   8 / 10
Nell'antica Polinesia, Moana è la figlia del capo dell'isola di Monotoa, e come tale un giorno sarà lei ad assumere il ruolo del padre. Ma una strana malattia sta lentamente corrompendo l'isola, così, contravvenendo al divieto di oltrepassare il reef, la giovane s'imbarca alla ricerca del leggendario semidio Maui perché la aiuti a riportare il cuore della dea Tefiti al suo posto e riportare la vita...
Dopo aver detto la sua, in modo più o meno convenzionale, sull'argomento del pregiudizio in quello che era una sorta di mystery thriller urbano, la Disney torna prepotentemente alla formula per la quale è più conosciuta: l'avventura fiabesca in chiave musical. E per farlo come si deve, rispolvera una delle accoppiate di registi più influenti ed importanti di sempre, quei John Musker e Ron Clements che avevano salvato la Disney nei lontani anni '80 con Basil, riportato in auge l'intero genere dell'animazione con La Sirenetta, creato gioielli come Aladdin, Hercules e Il Pianeta del Tesoro e contribuito a ristabilire il buon nome della factory con il sottovalutato La Principessa e il Ranocchio.
Da parte mia, ero alquanto prevenuto, visto che ultimamente il mio parere dissente sempre da quello della critica, secondo la quale ogni nuovo prodotto della Disney/Pixar è un capolavoro senza se e senza ma; l'unica tenue speranza era data dalla presenza dei due registi, che mai prima d'ora mi hanno deluso (per quanto lo ritenga sottotono, Basil è comunque tutt'altro che un brutto film). Ma i miei timori si sono rivelati infondati: di tutti i film usciti dopo l'ultimo lavoro di Musker e Clements, questo è il più disneyano realizzato dalla Disney.
Con questo, voglio dire che Moana riesce a ricatturare perfettamente lo stile e le atmosfere dei lungometraggi usciti nel corso del Rinascimento degli anni '90, e sotto certi aspetti riesce anche a raggiungerne il livello qualitativo. Sul fronte visivo, è un'autentica chicca: il duo di registi mostra un'estrema confidenza nell'uso dell'animazione digitale, che finora non avevano utilizzato, e le varie panoramiche sopra e sotto l'acqua, la flora e fauna delle isole e i vari posti visitati dai protagonisti sono vibranti, colorati e semplicemente spettacolari.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Anche la storia è un rimando affettuoso e nostalgico a un genere di film Disney sempre più raro da trovare, semplice e diretto nel dire ciò che vuole dire, narrare la storia che vuole narrare, senza tirare in ballo elementi moderni e urbani che richiamano la nostra realtà. Abbiamo la protagonista determinata con tanto di padre intransigente, il mattatore sulle orme del Genio, un paio di spalle comiche (quasi) inutili ma efficaci, un messaggio non complicato ma mai banale sul scegliere da soli chi e cosa si vuole essere e tutte le altre cose che la gente ha imparato ad amare dalla Disney vecchia scuola. Qualche problema ci sta, ovviamente: nonostante la durata più lunga del normale per il genere, alcuni passaggi risultano inspiegabilmente frettolosi,


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

e per alcuni il fatto che si stia ripercorrendo una formula abbastanza vista e rivista potrebbe diminuire il godimento.
Ma il film controbilancia questi aspetti meno brillanti con altri elementi, oltre quello visivo: innanzitutto, personaggi davvero azzeccati, in special modo i due co-protagonisti Moana e Maui, una giovane ingenua, ma coraggiosa e determinata a raggiungere il suo scopo, l'altro cinico, mascalzone e anche un po' complessato, ma sotto sotto dal cuore d'oro. Il villain, se si può parlare di uno, è visivamente impressionante, e a chi si lamenta del poco screentime e dell'assenza di un'apparente personalità, almeno sappi che c'è un motivo preciso questa volta e che l'effetto è voluto.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

La spalla comica, sotto le sembianze di un gallo dalla stupidità indescrivibile a parole, è passabile: non c'entra niente con la storia e non ha alcuna ragione di trovarsi lì, ma almeno fa ridere di tanto in tanto. Se la cava decisamente meglio l'oceano, che attraverso tocchi che sfiorano il geniale diventa una vera e propria personalità.
Inoltre, finalmente la Disney recupera un po' dello smalto che si era perso con il passaggio al digitale, facendo uso di sequenze caratterizzate da atmosfere deliziosamente dark, in alcuni punti quasi spaventose, soprattutto per un pubblico giovane. E infine, per la prima volta da La Principessa e il Ranocchio, abbiamo un musical Disney dove la colonna sonora e le canzoni sono degne della tradizione dei migliori del genere: i cori polinesiani fanno da sfondo all'avventura, punteggiata di canzoni memorabili e cantabili come non se ne sentivano da un po' di tempo a questa parte.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Vero, è una formula già vista altre volte, ma il setting inedito della Polinesia, il modo in cui il film incorpora la cultura del luogo nel proprio DNA, e la solidità dei personaggi aiutano a dare al tutto un senso di freschezza. A migliorare ulteriormente le cose c'è il contributo di diverse sequenze animate a mano.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Come ho già accennato, non è un film perfetto, e forse mi sto facendo influenzare troppo dalla nostalgia, ma francamente non m'importa: che si tratti di una nuova direzione della company o di un fatto occasionale, per un'ora e mezza sono tornato alla mia infanzia, agli anni '90 e a quel tipo di cinema che all'epoca solo la Disney all'apice del successo sapeva fare, le stesse sensazioni, la stessa pulsante energia e la stessa passione per un genere che, fino a poco tempo fa, andava per la maggiore presso un pubblico ancora non corrotto dal cinismo di oggi. E per questo ringrazio Musker e Clements dal più profondo del cuore: una volta pensavo che non avrei mai vissuto un'esperienza simile, e loro mi hanno permesso di viverla ben due volte. Non so quanto tempo ancora dovrò aspettare perché si ripeta.
Fra tutti i film che ho voluto evitare di vedere al cinema, questo è l'unico dove mi sono pentito di averlo fatto.

antoeboli  @  07/06/2017 14:43:34
   7½ / 10
Il 56 classico Disney del 2016 , ci porta in quel della Polinesia , per un prodotto confezionato sulla storia delle antiche tribu locali , dove la nostra protagonista Vaiana dovrà partire per un viaggio tra pericoli e nuovi incontri .
Come al solito non si sbaglia un colpo , ormai la tecnica affinata della animation studios può quasi equipartarsi alla buona e cara Pixar .
Il film per la prima ora circa è un insieme di emozioni e divertimento sfrenato , tra situazioni divertenti e battute .Anche grazie al solito mix di personaggi strambi come il grosso Dio Maui e l animaletto della piccola Vaiana , che è un galletto rinco.... fino al midollo .
Devo dire che mi aspettavo non granchè da questo film , ma mi hanno saputo far ricredere , anche grazie a delle canzoni cantate che non saranno tra le più belle , ma risultano godibili .
Ci sta anche da dire che si vede tutta l esperienza di Clements , gia regista dei classiconi come la sirenetta , aladdin oppure Hercules , perchè la messa in scena di tutto è favolosa .
Consigliatissimo!

ostix  @  21/05/2017 20:56:04
   6 / 10
Uno strazio.
Troppe parti cantate.
Rivolto per lo più ad un pubblico femminile (per l'esagerazione di cantato)
Trama ... bha? Uhm... Mah... Diciamo fantasy ... Comunque di basso spessore
Comparto tecnico a livelli eccelsi , che fanno strappare la sufficienza.
Zootropolis , ma anche Rapunzel sono a tutt'altro livello.

Dimenticabile.

paco1995  @  03/05/2017 15:47:00
   6 / 10
Diciamo "vedibile", ma veramente nulla di che. Discreto.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  30/04/2017 18:03:42
   6 / 10
Molto buono visivamente quanto povero dal punto di vista narrativo: la storia è banale e scontata, ampiamente prevedibile sin dall'inizi. Inoltre, tutto poggia su due soli personaggi, tolti Vaiana/Moana e Maui c'è il nulla, l'unico comprimario è un pollo muto, e non è presente nessun villain.
Gradevole da vedere, ma non certo memorabile come altri classici Disney.

ZanoDenis  @  22/04/2017 14:23:08
   7 / 10
Beh francamente mi è piaciuto, e non me l'aspettavo per nulla. Si è rivelato una bella pellicola della Disney, con una computer grafica ispiratissima, sfruttata alla grande e con degli scenari splendidi della polinesia.
La storia è molto convenzionale, e il messaggio è il classico da cartone animato, tuttavia la sceneggiatura non presenta punti morti, anzi è piena di scene spassose e validissime, tantissime le trovate comico-avventuresche riuscite, la stessa spalla comica, il povero gallo scemo, l'ho trovato riuscitissimo.
Niente male tutto sommato, forse ho apprezzato di più Zootropolis per il messaggio più maturo ma questo è stato una bella sorpresa.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  27/02/2017 23:12:02
   6 / 10
Le storie della Disney sembrano scritte con il ciclostile e nemmeno questa fa eccezione, tutto sommato. Grafica straordinaria, non c'è che dire, ma tendendo presente con una vena nostalgica al passato (il demone Te-Ka, versione moderna del demonio di Fantasia). Qualche buona intuizione come i tatuaggi mobili su Maui. Qualche canzone di troppo, a mio parere, a discapito di momenti comici un po' sotto la media.

mistycat75  @  07/02/2017 17:16:10
   6½ / 10
Carino, mi ricorda una favola della buona notte...
Belle le ambientazioni...in una zona mai esplorata prima dalla Disney..e che amo.
...adoro il polletto...non poteva mancare per dare un pó di allegria!!

topsecret  @  03/02/2017 13:16:25
   6 / 10
Avventura animata della Disney che oltre alle scene action ed alla grafica non propone altro degno di menzione. La storia si segue abbastanza bene, se non fosse per quelle dannate canzonette fastidiose che ormai fanno parte del corredo di quasi tutti i film d'animazione e che personalmente digerisco poco.
Vedibile senza grandi sforzi, però quanto a simpatia ed emozioni è al di sotto degli standards Disney.

Invia una mail all'autore del commento DarthCloud23  @  01/02/2017 17:27:25
   6 / 10
Cos' ha questo cartone di speciale ?!? NIENTE. Storia scontata, personaggi poco caratterizzati e che sanno di già visto. Finale deludente. Senza il pollo (almeno lui divertente), il film sarebbe stato uno sfacelo. Non capisco le recensioni positive ma vi consiglio i film d'animazione giapponesi (o simili) come: la città incantata, 5CM al secondo, quando c'era Marnie ECC... quelli sono capolavori non questa porcheria noiosa e scontata.

Rollo Tommasi  @  27/01/2017 22:50:28
   8 / 10
"Oceania", o, sarebbe il caso di dire, "Moana" (titolo rivisato dalla Disney Italia per evitare il malizioso accostamento con la compianta regina del porno, Moana Pozzi) non tradisce le attese del pubblico, firmando un'animazione spettacolare, tecnicamente prodigiosa, che arde di passione, epica ed un'ironia a spruzzi, mai invadente, monopolizzata dalle gag dell'erculeo Maui e della brillante "spalla" di Vaiana (Moana...), ossia un pollo idiota che inghiotte sassi ed ha tendenze autolesioniste (la Major americana si è, in tal modo, tolta lo sfizio di affiancare alla protagonista quel pennuto, e precisamente un tacchino, che era stato "eliminato" dalla produzione di Pochahontas..).
Vaiana conquisterà i cuori delle principessine in erba affezionate allo sfavillio della Disney.
La colonna sonora è magnifica, un'esplosione di ritmo e vivacità, su cui spicca la delicata "How Far I'll Go" (candidata all'Oscar nella categoria delle Migliori Canzoni, dove affronterà i colossi provenienti dal capolavoro "La La Land").
Fonti di ispirazione non troppo velate: Pochahontas, Brave e Frozen.
Se Zootropolis è il fuoriclasse, Oceania è degno allievo.

ValeGo  @  27/01/2017 09:55:21
   7 / 10
Un film d'animazione divertente, colorato, che evidenzia l'importanza dell'amicizia, del credere in se stessi e l'importanza del rispetto per la natura e per le proprie origini. Azzeccate le canzoni.

Mike91  @  24/01/2017 18:24:10
   7 / 10
Buon lungometraggio Disney, incentrato come quasi tutti sulla scoperta delle proprie risorse, e sulla necessità del viaggio, ma questa non è una novità. E' un elogio del femmineo. Una favola femminile e moderatamente femminista dai colori sgargianti e un mini colpo di scena nel finale che rimette in gioco ciò che si credeva corrotto per sempre.
Sarà la splendida protagonista a riabilitare il dio narciso e caduto.
Non do un voto più alto perché le canzoni non mi sono parse così indimenticabili e poi questi film della Disney, tolte eccezioni, benché quasi sempre di qualità molto alta come questo, sono anche un pò convenzionali e consolatori e mancano di quella oscurità che spesso non difettava nei film vecchiotti come Biancaneve o Pinocchio. Detto ciò, veramente godibile.

tritech  @  11/01/2017 23:19:36
   6½ / 10
Non male, guardabile... ma siamo anni luce lontani da Zootropolis.

Secondo me dovevano fare qualche sforzo in più sulla storia... troppo fragile e puntellata esclusivamente da motivetti dimenticabili.

Trixter  @  09/01/2017 09:01:49
   6 / 10
La Disney ha creato di molto meglio ma ormai, si sa, al cinema bisogna accontentarsi e, spesso, ci si accontenta di poco. Ecco ora questo Oceania, caratterizzato da molte canzoni e da un ritmo incalzante. La storia prende a piene mani da altre fiabe narrate da Disney, pertanto il film pecca sicuramente di originalità. Inoltre, a mio parere, si sorride poco e le canzoni, stavolta, non sono un granchè. Ottima l'animazione ma sappiamo bene che ormai il comparto tecnico non fa più notizia. Non amo i paragoni, ma tra Oceania e Zootropolis c'è un abisso a favore di quest'ultimo.

davmus  @  05/01/2017 17:29:56
   8 / 10
Molto belle le scene e le musiche...

Davide  @  01/01/2017 19:25:34
   6½ / 10
Sono andato a vedere questo film con la famiglia perchè a me piace il genere e soprattutto perchè è stato realizzato dai creatori del bellissimo Zootropolis per cui moltosulla fiducia. Paragonato al citato predecessore mi ha un po' deluso soprattutto per le troppe parti cantate ma nel complesso, comunque, non male

David94  @  31/12/2016 12:54:30
   8½ / 10
Guardo sempre molto volentieri i film Disney, e ogni volta ne rimango piacevolmente sorpreso. "Oceania" offre tutto quello che ci si aspetta da un film del genere. Bella storia, ottimi personaggi e molto carine anche le canzoni ( Interpretate molto bene dalla Grispo tra gli altri) . Guardatelo!

ilgiusto  @  31/12/2016 10:02:28
   8 / 10
Inaspettatamente bello.
Ritmo Incalzante, colori stupendi, ritornelli irresistibili.

Wilding  @  30/12/2016 21:03:36
   5 / 10
Quasi un musical più che un film, con poche idee ma ben supportato da immagini ed effetti visivi degni di nota.

weareblind  @  29/12/2016 21:27:36
   5½ / 10
Mah, mi sembrano tante idee riciclate, al massimo della tecnica attuale.

Albe  @  27/12/2016 00:37:51
   9 / 10
Avventura caraibica che prende un po' da tutti i grandi classici Disney ma riesce ad innovare coi personaggi ed in particolare col villain. Ricorda a tratti l'anima ambientalista dello Studio Ghibli, con il suo pescare dalla mitologia popolare asiatica e raccontare storie sugli spiriti naturali. Le musiche sono uno spettacolo e la morale sull'importanza di prendersi le proprie responsabilità non sa affatto di stantio. L'unico vero punto debole è una certa ripetitivà con ritmi non perfetti nella parte centrale, ma la bellezza mozzafiato degli scenari fa perdonare tutto.
In definitiva un film divertente ed emozionante, visivamente stupendo, che riempie il cuore e rende gli occhi lucidi. Super consigliato.

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  26/12/2016 23:45:40
   9 / 10
Dopo l'ottimo Zootropolis la Disney mette a segno un altro colpaccio, sfornando il suo miglior film dai tempi di Sirenetta/Aladdin/re leone: Oceania sfiora la perfezione, è semplicemente incredibile nel suo riuscire a dosare storia, personaggi, meraviglia, incanto e magia. E poi finalmente una colonna sonora all'altezza del succitato trittico, altro che Let it go. Insomma, come per Zootropolis non si rimpiange la Pixar, ma in questo caso c'è anche l'epicità a rendere grande il film. Vedetelo assolutamente, e rallegratevi: la Disney, quella vera, è tornata.

18 risposte al commento
Ultima risposta 11/07/2017 20.14.02
Visualizza / Rispondi al commento
dagon  @  26/12/2016 20:45:03
   8 / 10
Esteticamente meraviglioso, con belle musiche e storia accattivante, si esce dal cinema abbagliati. Ottimo anche il corto iniziale.

john doe83  @  26/12/2016 01:25:52
   5 / 10
Non è assolutamente il mio genere, questi film d'animazione per bambini sono ormai obsoleti per me.
Discreta la colonna sonora ma la trama è assolutamente impalpabile.

marlin  @  22/12/2016 21:24:33
   9 / 10
Film stupendo...immagini mozzafiato....divertimento e commozione.ottima la colonna sonora.da non perdere.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

120 battiti al minuto2 biglietti della lotteria40 sono i nuovi 20a ciambraalibi.comall eyez on meamityville: il risveglioammore e malavitaangels wear whiteappuntamento al parcoatomica biondababy driver - il genio della fugababylon sistersbarry seal - una storia americana
 HOT
blade runner 2049
 NEW
brutti e cattivicars 3cattivissimo me 3charley thompsonchi m'ha vistocome ti ammazzo il bodyguardcustodydavid gilmour - live at pompeiideath note (2017)dementia 13dove cadono le ombredove non ho mai abitatodownsizing
 HOT
dunkirkeasy - un viaggio facile facileemoji - accendi le emozioniex libris - the new york public libraryferrante feverfirst reformedfottute!foxtrotfranca: chaos and creationfuori c'e' un mondogatta cenerentolagifted - il dono del talentoglory - non c'e' tempo per gli onestihannahhouse on elm lakehuman flow
 NEW
ibiil colore nascosto delle coseil contagioil palazzo del vicere'in dubious battle - il coraggio degli ultimiin questo angolo di mondo
 NEW
it (2017)ivory. a crime storyjackalsjukai - la foresta dei suicidikingsman: il cerchio d'orokoudelka fotografa la terra santal’ordine delle cose
 NEW
la battaglia dei sessi (2017)la fratellanza (2017)la principessa e l'aquilala storia dell'amorela villala vita in comunel'altra meta' della storialeatherfacelego ninjago - il filml'equilibriolezione di pittural'incredibile vita di normanl'inganno (2017)l'insultel'intrusa (2017)
 NEW
loving vincentl'uomo di nevelycanmade in china napoletanomadre!mektoub, my love: canto unomiss sloane - giochi di potere
 NEW
monster family
 NEW
nemesinico, 1988noi siamo tuttonove lune e mezzaopen water 3 - cage diveoverdriveparty bus to hellrenegades - commando d'assalto
 NEW
ritorno in borgognarock paper deadsafarisuburbiconsweet countrythe devil's candythe midnight manthe ritualthe shape of waterthe teacherthe third murdertiro libero
 NEW
tragedy girlsun profilo per dueuna di noi
 NEW
una donna fantasticauna famigliavalerian e la citta' dei mille pianeti
 NEW
veleniveleno
 NEW
vita da giungla: alla riscossa! - il filmwalk with me

962967 commenti su 38099 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net