quintet regia di Robert Altman USA 1979
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

quintet (1979)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film QUINTET

Titolo Originale: QUINTET

RegiaRobert Altman

InterpretiBibi Andersson, Fernando Rey, Vittorio Gassman, Paul Newman

Durata: h 1.59
NazionalitàUSA 1979
Generefantascienza
Al cinema nel Dicembre 1979

•  Altri film di Robert Altman

Trama del film Quintet

La terra si trova nel mezzo di una nuova glaciazione; l'umanitÓ Ŕ allo stremo. Tra coloro che hanno ancora energie a disposizione va molto di moda un gioco chiamato Quintet, che ha come posta in palio la vita dei perdenti. Essex Ŕ un cacciatore che accetta di giocare per capire quale sia il senso di quest'esperienza.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,94 / 10 (8 voti)5,94Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Quintet, 8 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Angel Heart  @  24/10/2015 16:22:28
   4½ / 10
Un post-atomico decisamente pretenzioso ed atipico (d'autore, per dirla meglio) tutto il contrario di ciò che ci si aspetta leggendolo su carta; innanzitutto la quasi assenza di campi lunghi impedisce allo spettatore di immedesimarsi nel contesto, sai che c'è ma non lo senti, come a vederlo dal buco della serratura (con i bordi offuscati delle inquadrature che amplificano non di poco questa brutta sensazione) e l'impossibilità ad essere proiettati dentro le immagini, in un film del genere, è un problema che incide gravemente sul coinvolgimento generale di chi guarda.
Detto questo, che per quanto mi concerne è già abbastanza grave, le pecche principali di "Quintet" sono proprio la regia, piatta e monotona oltre ogni immaginazione (salvo in un paio di momenti), e l'assoluta assenza di una struttura nella trama: quaranta minuti di nulla di cui non si capisce nulla (e in cui personalmente ho preso sonno in 4, sottolineo 4, occasioni differenti) seguiti da un'ora e venti che si trascinano al nocciolo della questione in maniera totalmente sfiancante, tra l'altro spiegandoti sì l'essenza ma non le regole de sto cavolo di "gioco". Riflessioni esistenziali e sociologiche poi lasciano il tempo che trovano in quanto, come detto, entrare nel contesto è praticamente impossibile (se non con tanta buona volontà) e suddette riflessioni rimangono legate solo ed esclusivamente ad esso.
Cast ok, ma anche qui la caratterizzazione dei loro personaggi è talmente misera che si finisce per apprezzare più la presenza dell'attore in sè che altro. Scenografie pure, belle ma più nell'idea (medioevo nel futuro) che nella messa in scena vera e propria, nel complesso troppo artefatta.

Insomma poteva essere un bel film, ma sembra che Altman abbia trovato tutte le maniere per renderlo il più pesante e meno attrattivo possibile.
Personalmente non lo consiglierei a nessuno, e a chi cerca qualcosa stile "Rollerball" è meglio che ci pensi due volte prima di farsi abbindolare.

Filman  @  14/04/2015 20:17:33
   5 / 10
Distopico e post-apocalittico, QUINTET è l'opera più fantascientifica di Robert Altman che lo lavora scrivendone la sceneggiatura e proponendo un mondo decadente e glaciale descritto attraverso il suo stile rigido con una patina tecnica televisiva elementare, che crea una pessima combinazione con la storia ricca di volontà seriosa e tratto umanistico, ma che è anche poco convincente e credibile, dandone un evitabile carattere che sfiora un livello cinematografico di Serie B.
Risulta infatti essere gratuito il pessimismo cosmico che la pellicola trasuda per trasmettere il proprio messaggio, il quale afferma la disumanità del genere umano senza però crearne un discorso logico attorno, legato all'autodistruzione e al senso della vita in modo semplicistico e poco visionario, carattere generale dimostrato dalla poco spettacolarizzante scenografia e non colmato dai mediocri effetti e filtri visivi.

2 risposte al commento
Ultima risposta 10/05/2015 17.23.45
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  12/07/2014 16:41:15
   7 / 10
Buon film di Altman. Film di fantascienza intelligente e ben fatto, particolare l'ambientazione che in mezzo ad una glaciazione mischia futuro e passato. Particolare.

vieste84  @  25/07/2013 17:55:14
   4 / 10
Robert Altman in uno dei suoi peggiori film è riuscito a riunire l'attore feticcio del grande Luis Bunuel, Vittorio Gassman che per me forse è il più grande attore di tutti i tempi, Paul Newman e Bibi Andersson che ha lavorato niente di meno che con Ingmar Bergman....il risultato? uno spreco attoriale esagerato, storia che non emoziona e che non cattura e per giunta pure prevedibile.........pesante e troppo impegnativo solo che qui non si arriva alle soddisfazioni che ti puo dare un tarkovsky

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  22/06/2009 18:02:45
   7 / 10
Film decisamente "intellettuale", anche se si maschera da film di azione/avventura per poter avvincere in qualche maniera lo spettatore. E' quindi un film di un certo impegno, che lascia comunque il segno in chi lo guarda. Gli manca per essere un film bello e coinvolgente il pathos che hanno ad esempio Solaris e Blade Runner, i due film che vengono in mente vedendo Quintet. Volendo essere anche distaccato nel suo approccio, manca comunque di forza drammatica. E' decisamente un film statico, un film contemplativo su di una situazione di disagio, di scacco esistenziale - una costante stilistica dei film di Altman, che può spesso causare reazioni di disinteresse o noia negli spettatori poco vogliosi di "riflessione".
Che sia un film fuori dal comune lo si vede fin dalle prime inquadrature. Tutte le immagini portano un orlo sfocato (come in un sogno, anzi in un incubo). Le musiche (bellissime) sono di una cupezza e di un'angoscia fini e penetranti e incombono dall'inizio alla fine a contrappuntare immagini di grande solitudine: distese bianche e tormentate, ruderi innevati di una civiltà decaduta in un crepuscolo perenne di ocra e grigio rossastro. Perché il mondo si è ridotto così? Non si sa, anzi non importa. Basta contemplare un possibile destino dell'umanità all'epoca (periodo dello scoppio della cultura punk/new wave) considerato come quasi inevitabile. E' senz'altro un film che risente di quella cultura, il crogiolarsi nell'autodistruzione, nel ferirsi/sentirsi morto per sentirsi vivo (in una scena una donna mette la mano sul fuoco per sentire dolore e quindi sentire la vita).
Le scenografie quindi sono forse le vere protagoniste, con la loro visione parziale di un mondo ormai rassegnato alla fine, in una civiltà morente. Salta all'occhio la mancanza di un sistema collettivo di funzionamento, di uno straccio di società. I morti ad esempio non vengono nemmeno seppelliti ma si lascia che i rottweiler li mangino. Regna l'indifferenza, l'attesa della morte e dell'estinzione. Ognuno vive per se, diviso dagli altri, le classiche monadi isolate del mondo di Altman.
La reazione delle persone di "valore", qual è? Giocare a Quintet, una specie di ossessione collettiva. Tutti vanno a fondo, ma tutti continuano imperterriti a giocare a Quintet, come se fosse l'unica cosa che conta nella vita, o almeno l'unica emozione che la vita può ancora regalare. Anzi c'è una variante del gioco che vede la gente uccidersi veramente, invece che fittiziamente con i dadi. Questo è il top delle esperienze per quella civiltà, sentire la morte per sentire la vita. Il film abbonda di citazioni filosofiche anche molto profonde, peccato che si faccia fatica a ricordarsele o a rifletterci sopra con agio.
L'intento allegorico è abbastanza evidente. Il richiamo è alla nuova civiltà della fine degli anni '70 in cui quello che conta è il divertimento, il ballo, la distrazione, mentre il mondo sembra marciare verso la distruzione (crisi economica, pericolo nucleare, inquinamento ...).
Su questo sfondo molto ben fatto e suggestivo si muove la storia di Essex, che perde la donna amata (coinvolta sua malgrado nel gioco) e quindi si dedica a capire perché sia morta, fino a dedicarsi pure lui a Quintet. Questa parte assomiglia ai western o ai film di samurai, con alcune grandi figure solitarie che si affrontano fra di loro. E' la parte più debole perché poco giustificata e poco sentita e neanche tanto spettacolare. Il più grosso difetto è questa freddezza e impenetrabilità dei personaggi che agiscono per massime filosofiche più che per sentimenti o istinti umani. Anche gli attori non danno il meglio di sé. Paul Newman ha quasi sempre la stessa maschera imperturbabile per tutto il film e si fa fatica a capire le sue ragioni (è mosso dalla vendetta?). Gassman è fin troppo teatrale mentre si salva Fernando Rey nel dare un piglio diabolico e opportunista al suo personaggio.
Come ha detto bene Gaunt uno dei film più cupi e pessimisti. Fa riflettere. Sì penso che valga la pena vederlo. Fa bene. Anche noi adesso, senza accorgersene, abbiamo il nostro grande Quintet che ci instupidisce e non ci fa vedere il disastro che abbiamo intorno.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  28/01/2008 21:58:52
   7½ / 10
Nella sua escursione nel cinema di fantascienza, Altman dipinge un mondo fra i più tetri immaginabili, dominati più dalla rassegnazione che dalla disperazione. Il gioco è diventato talmente totalizzante che rappresenta la vita stessa, la sua essenza. Una vita consacrata al presente senza un passato definito e soprattutto senza un futuro. Uno dei film più cupi e pessimisti mai visti dal sottoscritto, con un ottimo cast, ma con qualche passaggio lento e macchinoso. Molto suggestiva l'ambientazione, un nuovo medioevo in una nuova era della glaciazione.

Beefheart  @  08/12/2007 10:40:44
   5½ / 10
Un tentativo mal risucito di esprimere il degenero dell'umanità auto-distruttrice attraverso un thriller fanta-apocalittico fumoso, senza mordente e poco avvincente. Abbastanza originale l'idea del "gioco di morte" (soprattutto all'epoca in cui uscì questo film), che generalmente funziona bene nel tracciare il livello di degrado morale, psicologico e sociale delle persone che vi prendono parte con inconcepibile leggerezza e di coloro che ne accettano la brutalità. In questo caso però le emozioni scarseggiano e se non fosse per la lentezza di alcuni passaggi il tutto scorrerebbe via senza lasciare traccia, nonostante la presenza di alcune scene a forte impatto. Lo scenario del contesto urbano stravolto dalla glaciazione planetaria è reso discretamente bene dalle scenografie che, a quanto pare, sono frutto del recupero degli allestimenti dell'esposizione di Montreal del 1967. Se l'atmosfera ed i personaggi risultano pesantemente cupi e cinerei è senza dubbio grazie, oltre alla discreta interpretazione del cast ed all'esperta mano del regista, anche alla fotografia: opprimente e parca di luminosità anche negli esterni, dove neve, ghiaccio e cielo fanno tutt'uno in un monotono bianco-grigiastro. Curiosa la scelta di vestire i personaggi in costumi cinquecenteschi. Del nutrito cast quello che mi convince di meno è Vittorio Gassman nella parte di Saint Christopher, il contendente numero uno alla vittoria del Quintet; mentre gli altri, tutto sommato, non se la cavano male. In definitiva direi che questo film non è da buttare ma rimane troppo pretenzioso e lontano dalla migliore espressione del regista.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  09/01/2007 23:30:22
   7 / 10
Ignobilmente bistrattato dalla critica e ignorato dal pubblico, questo (raro) excursus di Altman nella fantascienza in realtà ha una sua dignità: per quanto incapace di ricostruire le atmosfere che fecero grande il russo Tarkovskji (a tratti il film lo ricorda), il regista americano costruisce un film forse prolisso ma affascinante come metafora agghiacciante del destino dell'umanità.
Straordinaria la fotografia, memorabile Gassman in trasferta

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in franceamerican animalsancora un giornoannabelle 3arrivederci professoreasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgamebanglabeautiful boy (2018)bene ma non benissimoblue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaocarmen y lolache fare quando il mondo e' in fiamme?christo - walking on waterclimax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredaitonadentro caravaggiodicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloria
 NEW
domino (2019)due amici (2019)escape plan 3 - l'ultima sfidafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sistersi morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposail flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil segreto di una famigliail traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikurskla bambola assassina (2019)la caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del malela mia vita con john f. donovanla prima vacanza non si scorda mail'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietatolucania - terra sangue e magial'ultima oral'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema (2019)ma cosa ci dice il cervellomaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormalnureyev. il mondo, il suo palcooro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'pet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroid
 NEW
powidoki - il ritratto negatoprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleanersrapina a stoccolmarapiscimired joanrestiamo amicirocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfiesharon tate: tra incubo e realta'shazam!shelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbaisoledadsolo cose bellespider-man: far from homestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abissothe elevatorthe intruder (2019)the mirror and the rascalti presento patricktorna a casa, jimi!toy story 4tutti pazzi a tel avivtutto lisciouna famiglia al tappetouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark web
 NEW
welcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marewonder parkx-men: dark phoenix

989848 commenti su 41661 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net