rovdyr regia di Patrik Syversen Norvegia 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

rovdyr (2008)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film ROVDYR

Titolo Originale: ROVDYR

RegiaPatrik Syversen

InterpretiKristina Leganger Aaserud, Janne Beate B°nes, Henriette Bruusgaard

Durata: h 1.18
NazionalitàNorvegia 2008
Generehorror
Al cinema nel Maggio 2008

•  Altri film di Patrik Syversen

Trama del film Rovdyr

Un gruppo di amici in viaggio, si trova ad attraversare un luogo isolato ed immerso nei boschi. Tutto sembra procedere bene fino al momento in cui i poveri malcapitati si imbattono su di un gruppo di selvaggi e spericolati del posto che iniziano a dare loro la caccia. I quattro giovani si trovano cosý braccati come prede in fuga per la loro sopravvivenza.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,35 / 10 (10 voti)6,35Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Rovdyr, 10 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Horrorfan1  @  12/01/2014 18:51:48
   8½ / 10
Ottimo slasher con una bellissima canzoncina come leitmotiv.
Il voto ovviamente va letto all'interno di tale genere.
Credo che non esista doppiaggio in italiano, e io me lo sono visto in tedesco...

Invia una mail all'autore del commento Aletheprince  @  04/12/2011 23:09:35
   5 / 10
La location, le scene gore, le scene classiche di "caccia all'uomo" e "nascondino" fra gli alberi... non basta tutto questo per fare un film, quando la trama è insulsa, i comportamenti dei personaggi non sono minimamente credibili e neppure coerenti, l'ordito della storia cozza con il solito abusato finale (peraltro malfatto), le scelte dei protagonisti e la loro "linea difensiva" sono un inno alla casualità!
Il "copia-incolla" di altri film di genere andava pure bene, ma qui non c'è nulla che rimane dopo una scialba visione, dove solo alcuni momenti di sangue salvano (almeno in piccola parte) la pellicola.

VinLet  @  19/05/2011 15:36:39
   5 / 10
Niente di eccezionale
Trama classica e piatta degli slasher
Molte situazioni sono inverosimili
Cacciatori di esseri umani poco convincenti
Finale deludente
Suggestivo il bosco norvegese e raccapriccianti le trappole e alcune scene splatter

John Carpenter  @  24/04/2011 17:23:04
   3 / 10
Vado controcorrente. Ho sentito paragonare questo horror norvegese a "Eden Lake", ma a mio avviso non gli si avvicina nemmeno di un soffio. Ora capisco che l'originalitÓ in un certo tipo di horror-slasher non sia fondamentale, ma questo film Ŕ stracolmo di clichŔ su clichŔ che fanno infastidire parecchio, proprio perchŔ Ŕ il classico film horror in cui la scena successiva Ŕ prevedibilissima, ci˛ comporta la totale assenza di suspence!
L'inizio Ŕ uguale al remake di Non aprite quella porta di Nispel: giovani in macchina, fermata all'autogrill, tipi loschi che osservano, e un'autostoppista in stato di shock. Praticamente la fotocopia. Poi comincia la caccia del gatto col topo, con i "cattivi" pi¨ anonimi che la storia del cinema horror abbia mai conosciuto (praticamente 3 boscaioli annoiati e repressi), con tanto di trappole alla "Wrong Turn" (che giÓ di suo era un bel calderone di film), e un'ambientazione sfruttata malissimo, praticamente se lo giravo dietro a casa mia veniva la stessa identica cosa! La sceneggiatura Ŕ inesistente, priva di ogni spiegazione logica con tanto di momenti trash ed errori che fanno impallidire, misteri irrisolti, punti interrogativi, assurditÓ, reazioni illogiche, perchŔ in questo film non ci viene spiegato assolutamente nulla, ma ogni cosa si deve presupporre!

-Al minuto 32, uno dei ragazzi si separa, ovviamente senza alcun motivo, e ad un certo punto viene assalito di spalle e la scena si conclude. Dopo qualche minuto lo si ritrova che vaga nel bosco come nulla fosse successo!!
Ma allora mi vien da pensare: possibile che rivedendo il film, nessuno tra il regista, attori, produttori ecc, non si Ŕ accorto di questo bloopers madornale?? Quanto bastava girare una scena in cui si vedeva che si liberava dai manigoldi e scappava? Errori assurdi.

-Il ragazzo ferito e legato che sembrava avere qualche funzionalitÓ nella vicenda, viene spolpato 2 minuti dopo.

-La ragazza che ferisce gravemente uno dei maniaci, lo lascia a terra mezzo morto, per nascondersi tra i ciuffi d'erba!!!!
Non sto scherzando c'Ŕ proprio una scena cosý...ragazzi, non volevo crederci!

-Ad un certo punto un boscaiolo trova il suo amico morto, e da notare c'Ŕ la sua reazione di pietra! CioŔ Ŕ come se non gliene importasse nulla! Persino un marciapiede sarebbe stato pi¨ espressivo!

-Alla fine improvvisamente i 3 boscaioli che all'inizio sembravano tanto cazzuti e attrezzati, diventano dei rin********ti perchŔ la ragazza si deve salvare per forza.

-Alla fine la ragazza si re-incarna in Robin Hood.

-Il finale... Evito spoiler, dico soltanto che alla fine ci resti di... sasso! E non intendo che c'Ŕ un colpo di scena, intendo che finisce proprio in un modo... ATROCE!

E tutto questo nella bellezza di 1h e 10.

Questo fa capire che non basta avere i soldi per fare un film (il lato tecnico Ŕ curato abbastanza, gli effetti splatter notevoli e la musica ottima), ma ci vuole dell'altro. Ci vogliono delle idee precise su come svolgere un film, e non fare a casaccio.

Invia una mail all'autore del commento ziokartella  @  12/04/2011 11:38:26
   6 / 10
Come tanti altri ma leggermente meglio....sarà per l'esoticità dell'ambientazione e recitazione norvegese?

76eric  @  05/05/2010 19:36:52
   7½ / 10
Rovdyr è il classico ed ennesimo film che ci dice che il tanto bistrattato "L' ultima casa a sinistra" (la sua media non è all' altezza) è uno dei punti di riferimento di quello che sarà definito "torture porn" e dell' horror in assoluto.
In più se ci aggiungiamo la fantastica "Wait for the rain" del mio numero 1 David Hess ( cosa che fa anche Cabin fever) allora mezzo voto in più.
Venendo al film, occorre subito dire che la location boschiva norvegese è molto suggestiva e forse più inquietante rispetto a quella di Eden Lake o Broken (parere personale). Inoltre molto buona la fotografia tendente allo scuro che rende ancora più tetra ed ombrosa l' ambientazione che già di suo lo è.
Anche qui gli effetti truculenti sono notevoli e c'è ovviamente una buona dose di splatter.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER


Concludendo devo dire che anche questa pellicola è in linea con le altre del periodo, ma francamente adesso stiamo inflazionando il genere.
"Perseverare è diabolico".

3 risposte al commento
Ultima risposta 26/05/2010 23.41.31
Visualizza / Rispondi al commento
lloydalchemy  @  02/03/2010 16:33:12
   7½ / 10
finale un pò banalotto per il resto e un buon film ambientato in norvegia con dei buoni attori(?)

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

marfsime  @  04/11/2009 17:13:24
   6½ / 10
Leggendo la trama e vedendo qualche recensione mi aspettavo qualcosa di leggermente migliore. Sia chiaro globalmente il film è promosso..però non m'è sembrato così maledettamente malato e disturbante come avevo letto in precedenza. Però come dicevo non è male..la trama seppur abbastanza piatta (alla fine stiamo parlando del classico teen-slasher) riesce comunque ad esaltarsi bene grazie all'ottima ambientazione boschiva che crea una certa dose di tensione e suspance. Gli attori se la cavicchiano e ci sono 2-3 scene gore veramente niente male

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Purtroppo la parte finale scade troppo nella banalità

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Altro difetto nell'ultima scena

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Insomma uno slasherino che agli amanti del genere farà sicuramente piacere..ma ben lontano a mio giudizio da essere un capolavoro del genere slasher..più che sufficiente nel complesso.

Xavier666  @  22/05/2009 01:50:26
   7 / 10
Niente male questo slasher norvegese, padrone della scena il bosco malefico, atmosfera piena di tensione in una lotta per la sopravvivenza da parte di 4 giovani inseguiti da una famiglia(?) di boscaioli che per passare il tempo la domenica invece di guardarsi le partite di serie A si dilettano a fare la caccia all'uomo con tanto di armamentario vario e trappole mortali.
Ma poi finalmente degli attori degni! Delle vittime credibili, non come quelli degli ultimi slasher visti recentemente...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Invia una mail all'autore del commento Living Dead  @  15/09/2008 16:46:24
   7½ / 10
Beh, già il bellissimo titolo, "Rovdyr", esprime cattveria da ogni lettera.. ma veniamo al film.

C'è da dire subito che il film non parte male, ma malissimo. Per i primi minuti sembra di rivedere il remake del remake di Non aprite quella porta. Ragazzi in viaggio (con tanto di furgoncino Volkswagen) che si imbattono in bifolchi del luogo e che si ritroveranno a dare un passaggio ad un'autostoppista terrorizzata. Da qui inizia il decollo del film. I protagonisti vengono catturati e tramortiti da un gruppo di uomini e al loro risveglio si ritroveranno nel mezzo dei boschi norvegesi ..e l'inquietante suono di un corno da guerra non fa certo ben sperare. Inizia così una brutale e feroce caccia all'uomo, da parte di uno strano manipolo di uomini, e la disperata corsa alla sopravvivenza dei protagonisti. Il film è splendidamente diretto e fotografato, questo contribuisce a creare l'opprimente atmosfera che ristagna per tutta la sua durata.. se poi ci aggungiamo gli ottimi effetti splatter, il gioco è fatto. Di difetti ne ha, a partire dal fatto che non ha una vera e propria trama. Ma il non sapre, o meglio, il sapere che questo gioco sadico sembra messo in atto per puro divertimento valorizza ancora di più quel senso disperato di sopravvivenza e lotta per la vita che accompagna il film. I personaggi sono comunque ben definiti mentre i dialoghi, soprattutto nella prima parte, non sono di certo eccelsi e volendo dirla tutta, l'originalità del film viene a mancare se pensiamo a Rovdy come il solito horror boschivo. Ma la sua realizzazione, il suo modo di riuscire a gestire momenti di tensione e momenti splatter senza far venire a meno nessuno dei due (come si diceva nella recensione su horror.it), le sue punte di sadismo e a sua atmosfera lo rendono una sicura worth watching, almeno per me. In definitiva, se cercate qualosa di diverso e originale, guardate oltre; se invece volete assistere ad una piccola variazione in fatto di slasher boschivo, allora questo film può essere l'ideale.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

7 risposte al commento
Ultima risposta 15/09/2008 17.38.40
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1011156 commenti su 44513 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net