selma - la strada per la liberta' regia di Ava DuVernay Gran Bretagna, Usa 2014
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

selma - la strada per la liberta' (2014)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film SELMA - LA STRADA PER LA LIBERTA'

Titolo Originale: SELMA

RegiaAva DuVernay

InterpretiTim Roth, David Oyelowo, Giovanni Ribisi, Cuba Gooding Jr., Oprah Winfrey, Carmen Ejogo, Tessa Thompson, Alessandro Nivola, Tom Wilkinson, Common

Durata: h 2.08
NazionalitàGran Bretagna, Usa 2014
Generebiografico
Al cinema nel Febbraio 2015

•  Altri film di Ava DuVernay

Trama del film Selma - la strada per la liberta'

Ambientato negli Stati Uniti, durante la presidenza Johnson, il film racconta la marcia di protesta che ebbe luogo nel 1965 a Selma, Alabama. Guidata da un agguerrito Martin Luther King, questa contestazione pacifica aveva lo scopo di ribellarsi agli abusi subiti dai cittadini afroamericani negli Stati Uniti e proprio per la sua natura rivoluzionaria venne repressa nel sangue.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,61 / 10 (23 voti)6,61Grafico
Miglior canzone (Glory di John Stephens e Lonnie Lynn)
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Miglior canzone (Glory di John Stephens e Lonnie Lynn)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Selma - la strada per la liberta', 23 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

fabio57  @  18/10/2016 09:12:13
   7 / 10
Intenso e straziante questo film, che racconta uno dei passaggi più delicati della vita dell'indimenticabile Martin Luther King. La rivolta pacifica dei neri per ottenere il concreto diritto al voto, prima tappa sulla strada per il raggiungimento della totale eguaglianza con i bianchi, è stata costellata di ingiustizie e di morti, tuttavia pagando anche un prezzo molto caro, il famoso attivista, ha dato una svolta al destino del suo paese, passando proprio da Selma il luogo ove si svolsero le marce pacifiche. Il film è ben costruito e la somiglianza del protagonista con il vero king è impressionante.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  08/02/2016 12:10:02
   6½ / 10
La lotta senza violenza di Luthe King per i diritti civili degli uomini di colore. Si sceglie di raccontare solo il momento in cui viene organizzata e completata la lunga marcia in Alabama, uno degli stati del Sud piu' ostile in questi termini.
La buona prova del cast, un'ottima colonna sonora e una diligente regia permettono di seguire la vicenda con passione senza esagerare con i buoni sentimenti.
Forse troppo lungo ed è un peccato che il personaggio di Malcolm X sia cosi poco partecipe.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  21/01/2016 19:45:23
   6½ / 10
Film biografico che offre una buona rappresentazione storica sia del personaggio sia dell'importanza della vicenda narrata. Molto bravi gli interpreti, soprattutto i comprimari. Bella la fotografia.
Complessivamente un pochino lunga la durata tale da appesantire la visione.

wicker  @  04/10/2015 17:38:26
   4 / 10
Come già detto per "Lincoln" non mi piace questa moda di proporre fatti storici con taglio prettamente documentaristico,senza un minimo di pathos e di interpretazione personale del regista per quanto possa essere condivisa o no.
Questa "Selma" ne è la conferma,nessuno mette in dubbio il valore umano dell'evento ma sembra di gurdare History Channel non un film.
Quei rari momenti emotivi sono comunque posticci e fuori luogo come una telenovelas brasiliana.
Bene gli attori almeno loro a salvare la barca dal naufragio!

Federico  @  07/05/2015 14:24:08
   6½ / 10
direi un film un po' troppo didascalico anche se racconta un episodio importante

Sbrillo  @  06/05/2015 11:41:29
   7 / 10
il film si lascia guardare nonostante in alcuni tratti risulti lento e noioso, ma d'altronde si deve attenere ai fatti realmente accaduti, non può inventare o aggiungere niente....
un film, politicamente schierato, che forse poteva essere raccontato meglio ma comunque importante per la storia che racconta...

sim2704  @  05/04/2015 22:07:15
   6½ / 10
Buon film, ritmo sufficientemente sostenuto, ma niente di eccezzionale

TheLegend  @  23/03/2015 03:17:34
   5 / 10
Sicuramente un film importante per la storia che racconta,meno per come lo fa.
L'ho trovato piatto,banale,noioso.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  11/03/2015 22:09:39
   5 / 10
Film politicamente schierato, Selma rientra in quel genere politico di pellicole per neri democratici afroamericani, in compagnia di The Help o Un Maggiordomo alla Casa Bianca.
Racconti di emancipazione nera, un pò patetici, un pò melensi, a volte sadici e rindondanti, retorici e banali.

In questo caso il film racconta un momento importante dei moti di ribellione eppure quello che rende sempre irritanti certi film è il loro da un lato manicheismo e dall'altro il buonismo patriottista che assolve tutti.

Filmetti acchiappaoscar che lascia il tempo che trova.

2 risposte al commento
Ultima risposta 15/03/2015 04.17.18
Visualizza / Rispondi al commento
Wen0m  @  03/03/2015 21:20:12
   7 / 10
Partiamo da quello che "Selma" non è. Non è un documentario. Di conseguenza, non ha senso pretendere una fattuale ricostruzione dei fatti. Non è un film da Oscar, per vari motivi, non ultimo dei quali il suo essere moderato. Non è un film politico e anti-Lyndon Johnson. L'immagine del Presidente come nemico giurato di MLK è totalmente priva di fondamento, in realtà i due sono d'accordo sulla necessità di garantire ai neri il diritto di voto, le loro opinioni differiscono sulle priorità della politica americana.
Sarebbe stato molto facile costruire un film d'impatto emotivo molto forte, con fiumi di retorica e facile buonismo. Non è stato fatto. La regista ha preferito dare un taglio diverso, dipingendo King in modo decisamente umano, con pregi e difetti tipici di un uomo che vive in quegli anni. Niente discorsi accorati accompagnati da colonne sonore epiche, poche concessioni alla celebrazione della grandezza. Si è presa una vicenda ritenuta, a ragione, una importante tappa verso l'uguaglianza effettiva tra bianchi e neri, come la marcia di Selma, e si è fatto quello che dovrebbe essere fatto sempre: raccontare una storia, realmente accaduta, in modo che rispecchi quella che è la realtà dei fatti e che funzioni come prodotto per il pubblico.
Non è un capolavoro, perchè le interpretazioni sono buone ma non eccezionali, ma è un prodotto decisamente apprezzabile per il tono informale e onesto con il quale si propone di rivisitare un importante pezzo di storia americana. Che peraltro, a meno di essere completamente ciechi, non si può fare a meno di considerare di particolare attualità.

KasinaKD  @  02/03/2015 12:16:31
   7½ / 10
Un bel film, che ricostruisce un pezzo di storia importantissimo per l'ntegrazione razziale americana. Interessante ma poco emozionante, probabilemente si è cercato di non cadere nella retorica e nel facilmente stucchevole, ma rimane sempre un po' distaccato.

marcogiannelli  @  27/02/2015 18:36:31
   6½ / 10
questo film è solo buono, non ha nulla di pessimo e niente di eccelso, ed è un peccato dato che è il primo film su MLK (almeno, di una parte della sua storia)
ultimo dunque nella mia classifica personale dei film candidati all'Oscar 2015

.Kia90.  @  27/02/2015 10:41:02
   6½ / 10
Film d'impatto, forte in alcune scene, ma che si avvicina più a un docufilm. Ottima l'interpretazione di Martin L. King, molto toccante, e nota di merito anche per la signora Winfrey. Canzone che ha degnamente meritato l'oscar. Da vedere (ma giusto una volta) perché fa bene alla coscienza.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  24/02/2015 21:11:19
   6½ / 10
Selma è stato un crocevia fondamentale nella storia dei diritti civili in America e il film lo fa percepire in maniera chiara la grande posta in gioco legata a questa marcia. Lo sanno soprattutto i personaggi di questo film, gli attori della vicenda. E lo sa soprattutto il suo fautore, il fresco premio Nobel della Pace Martin Luther King, dei rischi in gioco. Lontano dalla agiografia, Selma ci offre un leader nero sicuro della legittimità della sua battaglia, adombrata però dalla paura di nuove morti, di una sconfitta per il movimento, dalle proprie insicurezze. La misurata intepretazione, molto buona di Oyelowo offre al pubblico un King lontano dal mito e più a dimensione umana. Impeccabile nell'intepretazioni e nella messa in scena, documentata tra l'altro dalle didascalie delle vere ntercettazioni dell'FBI operate all'epoca. Un film diligente, interessante e ancora attuale per l'argomento trattato, ma lontano dall'essere un lavoro di livelli d'eccellenza.

ZanoDenis  @  23/02/2015 16:10:48
   6½ / 10
Buon biopic, non so se sia il primo su Martin Luther King ma a me effettivamente mancava, vi è un discreto svolgimento, ci sono scene particolarmente pesanti, particolarmente crude, che fanno in un certo senso appassionare alla visione, oltre queste scene un po spinte, per il resto il film procede con il pilota automatico. Molto sentite le interpretazioni, discreto a livello visivo, merita una visione.

corey  @  22/02/2015 13:01:08
   7 / 10
La non-violenza di King, le sue battaglie per i diritti civili dei neri, i suoi discorsi accalorati e pieni di speranza sono la cosa migliore di questo film che come film in sè ho trovato discreto.. Forse si poteva fare meglio forse no, resta un film che vale la pena vedere solo per la grande figura di King e forse Obama deve ringraziare anche lui se ora è dov'è anche se purtroppo penso che la situazione per i neri d'America oggi sia solo migliorata e non risolta del tutto.

dagon  @  20/02/2015 18:04:51
   6½ / 10
Di questi tempi, un film su battaglie per i diritti civili è sempre ben accetto, vista la barbarie che sta fagocitando il mondo. Ancor di più è significativo presentare una figura come quella di Martin Luther King che scelse la strada della non violenza, laddove quella della violenza sembra essere l'unica lingua in grado di esser parlata dagli uomini. Ci ricorda che, se si vuole davvero e si è disposti al sacrificio e alla lotta (insieme) le cose si possono cambiare, anche quando ti convincono che sia impossibile. Posto il valore dell'argomento e della figura storica di MLK, il film non è chissà che. Cioè, il trattare un argomento di alto rilievo non fa necessariamente un gran film. Siamo nel più classico biopic, impeccabile sotto tutti gli aspetti esteriori, che però, come molti altri, si limita ad illustrare con estrema professionalità, una vicenda, ma tutto scivola nei binari del deja-vu e della prevedibilità risultando scolastico.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  20/02/2015 01:47:02
   7 / 10
Pregiudizi ne ho anch'io, nei confronti di questo tipo di film ma per fortuna il prodotto non e' agiografico ne' propriamente celebrativo, la DuVernay evita accuratamente il polpettone enfatico stile Attenborough e lavora di sottrazione, come e' riuscito miracolosamente a fare Spielberg con il suo Abramo Lincoln. E' un film effettistico senza volerlo essere, emozionante senza farne un uso gratuito, in definitiva bello e ricco di magnetismo, specialmente quando racconta i diritti civili (pur) con qualche liberta' storico-culturale. A tratti, ci si ricorda di un presente dove le tensioni razziali sono purtroppo tutt'altro che estinte (da Rodney King ai giorni nostri). E' un film che ubriaca la sua onesta' ideologica, con ottimi interpreti neri (sorprendente la Barbara D'Urso Americana, Oprah Winfrey), e bianchi (Roth, un invecchiatissimo Martin Sheen) che la critica esalta per la sua velleita' narrativa, sociologica, biografica. Potrebbe cambiare la vostra ottica di vita, se non l'avete gia' fatto prima. Eppure non mi ha convinto completamente. La storia di King non puo' prescindere da quella di Malcom X, il suo opposto, ma il suddetto leader e' presto troppo presto accantonato a favore della speranza di pace e della Divina accondiscenza del Luther Nazionale. L'America e' un paese complesso, visto che oltre a Hoover dava i natali a Woody Guthrie e Steinbeck e successivamente agli eroi della Beat Generation. E' troppo facile considerare gli Usa soltanto una nazione di emeriti bastardi. Comunque consiglio la lettura di "Oltre il fiume" di Moehringer senza limitarsi, un po' tronfiamente, a tenersi in camera da
Letto il Manifesto-poster con la scritta "I have a dream".

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  19/02/2015 22:05:23
   7½ / 10
Finalmente un film sui diritti dei neri inquinato dal buonismo. Ho trovato di cattivo gusto solo alcuni dialoghi fra il protagonista e sua moglie. Devo dire che è stata una buona visione.

1 risposta al commento
Ultima risposta 20/02/2015 13.27.33
Visualizza / Rispondi al commento
ValeGo  @  19/02/2015 10:42:45
   8 / 10
Bello. Racconta un episodio storico fondamentale per l'avanzata dell'affermazione dei diritti degli uomini non solo neri ma anche bianchi. Perchè un paese che non garantisce a tutti i cittadini che ne hanno diritto di votare per affermare i propri diritti non è un paese civile. La voce della protesta si è levata dalla piccola Selma e ha fatto il giro dell'intera America, fino ad arrivare alla Casa Bianca per far approvare quella benedetta legge. Quanto sono miseri gli uomini che si oppongono con la violenza a chi è diverso da loro o a chi la pensa diversamene. Quanto puè essere cattivo, crudele, ottuso l'uomo? Difronte a queste persone l'arma migliore anche se la più difficile è senza dubbio quella opposta, quella che dimostra che all'odio si può rispondere non con l'odio ma con la forza delle parole, con la convinzione nelle proprie idee e con il coraggio di difenderle e portarle avanti ad ogni costo. Molto bella anche la canzone di John Legend & Common (che tra l'altro è uno degli attori). Le interpretazioni non sono magistrali ma buone.

Che tristezza che ieri al cinema questo film fosse relegato in una saletta sperduta e minuscola mentre orde di gente impazzita si catapultava a vedere Mr Gray & co, proiettato in ben 4 sale! -.-'

Lagavulin70  @  18/02/2015 17:58:48
   6½ / 10
Il caso vuole che ho visto recentemente THE BUTLER - UN MAGGIORDOMO ALLA CASA BIANCA e sul "mysky", da una settimana, aspetta 12 ANNI SCHIAVO; credo che gli Yankee per lungo tempo espieranno i loro delitti e i propri fantasmi (KKK) attraverso simili pellicole. Troppo forte il dolore, troppo gravi le colpe, i morti sanguinano ancora e come fu per il Vietnam (tra anni '80 e '90), ogni anno ecco la pellicola "colored" politically correct da candidare agli Oscar. "Oh non fraintendiamo" prego ogni notte che le sale italiane siano inondate da pellicole altrettanto curate, confezionate e pertinenti sulle stragi italiane, sulla mafia nella politica, sulla corruzione nelle istituzioni.... Vorrà dire che abbiamo, finalmente, consapevolmente riconosciuto quei fatti, ma davvero trovo abbastanza "superato" il tema su i diritti sociali. Ora il problema da affrontare dovrebbe essere l'integrazione, l'immigrazione, ma forse neanche gli americani sono pronti.
Finito il pistolotto, passiamo alla recensione del film.
Scorre, ha un inizio e una fine lineare, tra l'altro conosciuta (la marcia da Selma a Montgmery in Alabama), non ha picchi e nemmeno pause. Un buon prodotto, ben fotografato e con una colonna sonora (non tutta originale) notevole. Interessante (o divertente, dipende dai punti di vista) il cast, dove fanno capolino tante facce più o meno conosciute, ma non più di primo piano.
In conclusione una discreta pellicola che non riesce ad emozionare o coinvolgere come era lecito aspettarsi

Invia una mail all'autore del commento tnx_hitman  @  17/02/2015 15:31:23
   7½ / 10
Ava DuVernay mette mano sulla marcia da Selma a Montgomery,in Alabama.
Fotografia cupa tendente al color seppia che stride con la realizzazione pacata,una direzione placida e buonista dell'accaduto.
La regista decide di sfruttare una carta vincente,elemento di spicco all'interno della produzione:preserva intatte le buonissime prove da parte del compatto cast d'insieme.
La sceneggiatura non mostra gli artigli fino a quando si aprono le parentesi familiari,tra Martin Luther King e moglie.Si raggiunge in questi punti un picco emozionale forte che manda avanti con decisione le fila del racconto.
I comprimari contribuiscono a rafforzare l'interpretazione misurata di David Oyelowo,con evidenti squarci nel suo animo da analizzare nel dettaglio lungo il corso della durata di film.

Selma dura un pò più del previsto,ma per quanto riguarda la direzione artistica e l'impegno da parte degli interpreti nel raffigurare al meglio le loro controparti storiche siamo su livelli dignitosissimi,merita di confrontarsi con gli altri film candidati agli Oscar.
Occhio a quei due,Common & John Legend.Con il loro pezzo Glory si aggiudicano quasi sicuramente il premio per la Miglior Canzone Originale.Il brano posto ai titoli di coda ti catapulta direttamente nello svolgersi dell'importante evento storico riguardante la rivendicazione del diritto di voto per gli afroamericani,caratterizzato da gesta audaci e sudore versato.

Saluti da tnx.

Wilding  @  14/02/2015 21:28:02
   7½ / 10
Altro pezzetto di storia che il cinema porta nelle case. Grandi interpreti, bel film.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in franceamerican animalsancora un giornoannabelle 3arrivederci professoreasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgamebanglabeautiful boy (2018)bene ma non benissimoblue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaocarmen y lolache fare quando il mondo e' in fiamme?christo - walking on waterclimax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredaitonadentro caravaggiodicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloria
 NEW
domino (2019)due amici (2019)escape plan 3 - l'ultima sfidafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sistersi morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposail flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil segreto di una famigliail traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikurskla bambola assassina (2019)la caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del malela mia vita con john f. donovanla prima vacanza non si scorda mail'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietatolucania - terra sangue e magial'ultima oral'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema (2019)ma cosa ci dice il cervellomaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormalnureyev. il mondo, il suo palcooro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'pet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroid
 NEW
powidoki - il ritratto negatoprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleanersrapina a stoccolmarapiscimired joanrestiamo amicirocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfiesharon tate: tra incubo e realta'shazam!shelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbaisoledadsolo cose belle
 NEW
spider-man: far from homestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abissothe elevatorthe intruder (2019)the mirror and the rascalti presento patricktorna a casa, jimi!toy story 4tutti pazzi a tel avivtutto liscio
 NEW
una famiglia al tappetouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark web
 NEW
welcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marewonder parkx-men: dark phoenix

989828 commenti su 41661 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net