sexy beast regia di Jonathan Glazer Gran Bretagna, Spagna 2000
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

sexy beast (2000)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film SEXY BEAST

Titolo Originale: SEXY BEAST

RegiaJonathan Glazer

InterpretiBen Kingsley, Ray Winstone

Durata: h 1.28
NazionalitàGran Bretagna, Spagna 2000
Generecommedia
Al cinema nel Novembre 2000

•  Altri film di Jonathan Glazer

Trama del film Sexy beast

Un criminale in pensione riceve la visita di un ex collega di lavoro. SarÓ costretto a rimettersi in attivitÓ...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,90 / 10 (10 voti)6,90Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Sexy beast, 10 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

VincVega  @  26/04/2020 17:12:27
   7 / 10
Mi è sempre piaciuto l'incipit di "Sexy Beast". Il criminale in pensione che ha fatto i colpi della vita ed è li a spaparanzarsela in piscina col suo drink, però c'è il vecchio amico psicopatico che lo rivuole per un altro colpo. E' un buon noir che rivedo sempre volentieri, con quell'umorismo nero tipico inglese, però è un film che poteva essere migliore, troppo corto e poco approfondito. Il personaggio di Don Logan, interpretato da un Ben Kingsley che ruba la scena a tutti, non è sfruttato a pieno e chissà cosa poteva combinare se gli fosse dato più spazio. Molto bene anche gli altri due protagonisti, ovvero Ray Winstone e Ian McShane.

Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  11/11/2018 21:26:55
   7 / 10
Un gangster movie dell'epoca in cui erano particolarmente di moda, grazie a Tarantino e Guy Ritchie, che si basa soprattutto sulla psicologia di personaggi molto ben caratterizzati, senza che sul piano degli eventi accada quasi niente di particolarmente rilevante. Questo lo rende molto lento e, alla fine, non si ha l'impressione di aver visto granché. Gli attori però sono parecchio bravi e non posso dire di non essere stato acchiappato dalla visione.

Attila 2  @  30/04/2018 18:38:08
   5 / 10
Se non era per le recensioni positive che ho letto qui sotto , avrei interrotto la visione dopo venti minuti di film,e forse avrei fatto bene,perche' proprio per queste recensioni aspettavo sempre che succedesse qualcosa che facesse decollare il tutto,invece per 57 minuti e un continuo "tu farai il colpo" di Kngsley e il "no,mi sono ritirato" di Wynstone.E non mi pare proprio che l'interpretazione di Kingsley,seppur "allucinata" e ottima possa valere il 7 per un film che anche dopo continua a non aver senso.Intanto perche.....

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER e poi il colpo in se stesso non e' niente di speciale.Non paragoniamo0lo minimamente a Lock & Stock che ha momenti comici di un elevatura tale,che questo filmentto neanche ci si puo' avvicinare.Un film che non ha nulla di black-comedy e di film d'azione o del thriller,niente

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  22/01/2015 15:21:31
   7½ / 10
Più che un gangster movie, di cui mantiene l'architrave narrativa, Sexy Beast gioca le sue carte sul tavolo del noir vero e proprio. Infatti non è tanto il colpo in sè ad essere messo sotto le lenti di Glazer ma tutta la fase centrale con l'incontro scontro tra Gary, ormai ritirato dall'attività ed il suo vecchio compare Don che vuole a tutti costi ricacciarlo dentro il bussiness criminale. Una dialettica spietata da parte di uno straordinario Kingsley che scardina mattone su mattone la volontà e le sicurezze del primo, influenzando successivamente l'atteggiamento del personaggio di Gary, costretto ad indossare una maschera per poter nascondere una realtà scomoda. Non il solito gangster movie alla Guy Rictchie per intenderci.

Gualty  @  05/10/2014 13:20:33
   8 / 10
Film sui generis, una afosa commedia macabra e sentimentale, un gang movie dove nessuno vuole davvero interpretare il proprio ruolo.
Atmosfera ibrida, tra la bellavita e la follia, tra affetti familiari ed ossessioni psicotiche un'opera coraggiosa per stile e forma.

BlueBlaster  @  14/05/2014 01:07:38
   7½ / 10
Altro gangster-movie britannico consigliatomi da MonkeyIsland.
Un film non convenzionale nonostante il soggetto di partenza sia quanto di più scontato ci possa essere per questa tipologia di pellicole: un delinquente si è ritirato "al caldo" in Spagna dopo essere stato "al fresco", ma il suo paradiso si infrange quando un ex collega della malavita lo raggiunge per proporgli (o meglio costringerlo) di partecipare ad un nuovo colpo nella vecchia ed uggiosa Londra assieme a vecchi amici del settore.
Le differenze principali che fanno si che questo film brilli in un certo senso di originalità sono due...

La prima è stilistica e visiva in quanto il regista Jonathan Glazer, noto in patria per aver girato spot televisivi e videoclip per importanti band, mette in piedi un'opera per certi aspetti visionaria e con una narrazione adrenalinica con scene ad incastro in cui si gioca con diversi piani spazio-temporali e flashback...inoltre sembra quasi voler fare del Cinema neo-espressionista concentrandosi molto su simbolismi e metafore molto spesso grottesche come nel caso di quella bestia conigliescamente diabolica che rappresenta l'alter ego malvagio del protagonista e che appare in alcuni contesti onirici quasi inquietanti.
Lo stesso masso che irrompe nella tranquilla piscina (da cui è tratta l'orribile locandina) rappresenta l'improvviso arrivo di Don Logan e così per tutto il film assistiamo ad alcuni momenti un pò confusi o quasi assurdi ma geniali.
Il gioco di fotografia molto contrastante che passa da brulli ed assolati panorami di colore caldo a più fredde ed oscure location di interni sia a Londra che in certi frangenti in Spagna è anch'esso punto fermo nell'accentuare il contrasto spirituale nella redenzione di una "ex bestia".

Secondo punto di distacco, che anche quello che ho apprezzato maggiormente, sta nella scelta delle priorità nella sceneggiatura e nei tempi narrativi totalmente opposti ai classici canoni del genere.
Ossia di solito abbiamo un incpit in cui il protagonista si gode la bella vita, poi torna il passato, una piccola costruzione psicologica dei personaggi e poi via per metà film a raccontare IL COLPO con tutti i risvolti del caso e possibili successive faide...qui no perché lo spazio maggiore è dato all'approfondimento psicologico dei due protagonisti e sopratutto al loro scontro (per lo più verbale) nel momento in cui Gary 'Gal' Dove rifiuta fermamente di partecipare al colpo ponendo così Don Logan (Ben Kingsley) in una situazione di imbarazzante che lo fa sfigurare davanti agli altri soci ai quali aveva dato la parola che il vecchio Gary ci sarebbe stato!

E qui arriva la formidabile prestazione si Sir Ben Kingsley ad elevare i valori di una pellicola misconosciuta (anche se tanto inosservata questa prova non è passata visto che l'attore fu nominato addirittura agli Oscar)...mette in piedi un personaggio freddo e pericoloso che intimorisce il prossimo e pure lo spettatore ma che allo stesso tempo lotta con se stesso come in preda a bipolarismo e schizofrenia (addirittura sdoppiamento della personalità), non riesce a controllarsi e Kingsley con movimenti da schizzato misti ad una postura rigida esprime senza parole il carattere di Don Logan ed i suoi sguardi allucinati mettono terrore che solo Harvey Keitel ne "I duellanti" era riuscito a trasmettermi!
Non mi dilungo sulla sufficiente performance del buon Ray Winstone che fa tanto Russel Crowe anche a fronte del tenebroso doppiaggio di Luca Ward...ci sta bene e funziona ma sicuramente non eccelle, sopratutto di fronte a quel mostro di Kingsley.

In definitiva rimane una mezz'oretta per la rapina, molto originale quanto assurda, e l'epilogo anch'esso fuori dall'ordinario con una scena finale grottescamente divertente ed emblematica.
Tra l'altro il film hai i suoi buoni momenti divertenti che spesso vanno a braccetto con quelli più cupi e quasi drammatici, una simbiosi di emozioni sempre in bilico.
La regia è dinamica e giovanile come il Cinema di genere made in U.K. insegna ("Gangster n°1" e "Loch & Stock" come già detto), Jonathan Glazer è dotato di buona tecnica ed estro così che gioca molto nel montaggio, con qualche pianosequenza ed inquadrature niente male!
Infine, sennò faccio un poema, un plauso anche all'eccellente colonna sonora che svaria dalla musica per così dire classica a degli score moderni in stile Big Beat e molto electro dark inglesi...cupi ed appropriati al contesto con crescendo e calando che seguono il protagonista come nella sua entrata tra i corridoi del locale londinese.

In definitiva una buonissima ed originale variante nel genere che sarà gradita a chi ama i gangster britannici e con una gran prova di Ben Kingsley!

3 risposte al commento
Ultima risposta 17/05/2014 18.48.04
Visualizza / Rispondi al commento
MonkeyIsland  @  04/05/2014 01:41:24
   7 / 10
Un'eccezionale prova di Kinglsey rende questo film piacevole oltremisura considerando che si rifà molto allo stile di Ritchie e aldilà di qualche bella trovata comica manca di originalità sia a livello di storia sia per quanto riguarda la caratterizzazione dei personaggi.

alberto9  @  22/10/2013 10:18:59
   7 / 10
Un film molto particolare: questo mafioso in pensione che spera di passare la sua "pensione" con una bella moglie vivendo in spagna in una villa con piscina e tutto ad un tratto arriva il Don chiedendogli un ultimo lavoretto... Il don é completamente pazzo! Film difficile da recensire, però ti tiene sulla tensione fino all'ultimo, per questo merita un 7 abbondante!

Gruppo REDAZIONE VincentVega1  @  18/04/2008 12:46:32
   5½ / 10
Film forse simile ai due gioiellini di Ritchie, ma oltre ad una trama a tratti contorta e non convincente, il punto debole è l'interpretazione di tutti gli attori! Ben Kingsley interpreta un pazzoide malvagio rimanendo sempre molto impostato e senza riuscire ad essere quel pizzico sopra le righe che gli avrebbe permesso di essere più credibile! Molto controllati anche tutti gli altri, che non riescono a far appassionare lo spettatore ad un genere di film che punta soprattutto alla bravura dei personaggi! Rimane un film di serie B rispetto al pulp e alla stravaganza di un genere che è nato negli ultimi anni!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  06/07/2006 11:20:02
   7½ / 10
Debutto dietro alla macchina da presa per Jonathan Glazer che passa dai videoclip al grande schermo.Uscito in un periodo in cui impazzavano i gangster-movie britannici (Lock&Stock,Gangster N°1),questo prodotto si distacca leggermente dal genere pur mantenenedo alcune caratteristiche comuni con i film di cui sopra...gli eventi drammatici o comici si mescolano alla perfezione,il malavitoso bastardo e quello redento si affrontano in un confronto gia' visto ma che si distacca dai clichè del genere per l'ambientazione e per lo svolgimento dell'originale sceneggiatura.
Si ride e ci si angoscia allo stesso tempo grazie anche alla magistrale interpretazione del segaligno e nervoso Ben Kingsley e per quella eccellente del pacioso e "abbrustolito" Ray Winstone.Consigliato per una visione che esca un po' dai soliti canoni.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1010924 commenti su 44482 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net