the aviator regia di Martin Scorsese USA, Giappone 2004
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

the aviator (2004)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film THE AVIATOR

Titolo Originale: THE AVIATOR

RegiaMartin Scorsese

InterpretiLeonardo DiCaprio, Cate Blanchett, John C. Reilly, Kate Beckinsale, Jude Law, Adam Scott, Kelli Garner, Gwen Stefani, Nellie Sciutto, Alec Baldwin, Danny Huston, Matt Ross, Ian Holm, Alan Alda, Frances Conroy, Vincent Laresca, Brent Spiner

Durata: h 2.49
NazionalitàUSA, Giappone 2004
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 2005

•  Altri film di Martin Scorsese

•  Link al sito di THE AVIATOR
•  Link al sito di THE AVIATOR

Trama del film The aviator

Gli anni d'oro dell'eccentrico miliardario Howard Hughes, industriale, produttore, regista, progettista e aviatore, ma ancora più celebre per i suoi amori per le dive più belle e famose dell'epoca.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,52 / 10 (246 voti)6,52Grafico
Miglior attrice non protagonista (Cate Blanchett)Migliore fotografiaMigliori costumiMigliore scenografiaMiglior montaggio
VINCITORE DI 5 PREMI OSCAR:
Miglior attrice non protagonista (Cate Blanchett), Migliore fotografia, Migliori costumi, Migliore scenografia, Miglior montaggio
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su The aviator, 246 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 4   Commenti Successivi »»

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  25/03/2017 22:02:57
   6½ / 10
Molti hanno detto che questo film di Scorsese sia stato più un lavoro su commissione. Francamente non ne sono molto convinto. Il personaggio stesso di Hughes, fedeltà o meno alla figura reale, rispecchia da una parte il sogno americano individualista, la genialità visionaria del miliardario, dall'altra si osserva l'uomo devastato da fobie ossessivo compulsive. Un sogno quindi realizzato al prezzo della follia. Scorsese ricostruisce l'età d'oro dell'industria hollywoodiana dell'epoca osservata da un punto di vista di un ricco indipendente che in fondo non ne ha mai fatto parte (la lunga battaglia censoria per Il mio corpo ti scalderà). Una biografia che sorvola su altri aspetti oscuri dell'uomo, eccentrico e misterioso per eccellenza, tanto da accostarlo ad un moderno Kane di wellesiana memoria.

SANDROO  @  03/01/2017 11:34:32
   7½ / 10
Un film incentrato principalmente sul grande fenomeno di Di Caprio. Lui riesce a rendere speciale un film che sarebbe stato niente di che e noioso.
GRANDE LEO...

David94  @  05/05/2016 18:45:15
   6½ / 10
Film molto tecnico, con la buona interpretazione di Dicaprio e l'ottima regia di Scorsese. Per il resto é abbastanza prolisso e a tratti noioso, forse paga l'eccessiva lunghezza.

fabio57  @  15/04/2016 09:51:13
   8 / 10
Tutte le volte che ci si trova a commentare un film biografico si resta interdetti, perchè non si sa mai quanto sia rispondente al vero. Certo è che il miliardario Hughes fu un personaggio eccentrico, estroso e sicuramente malato. Di Caprio impersona con disinvoltura un ruolo certamente molto difficile. Portare sullo schermo le fobie e i disturbi ossessivo-compulsivi del protagonista non era semplice, ma bisogna riconoscere che il nostro attore ha una marcia in più e riesce quasi sempre ad essere credibile. Il film è ben fatto, d'altronde Scorsese è un grande e difficilmente manca il bersaglio.

stella.la  @  07/01/2016 20:45:14
   6½ / 10
Ero molto combattuta sul giudizio da dare a questo film. da una parte l'ho trovato lungo e abbastanza noioso, dall'altra mi sono piaciute le interpretazioni di Dicaprio e della Blanchett, così come la ricostruzione storica e degli ambienti dell'epoca.
Diciamo che la storia in sé sarebbe stata pure interessante se in alcuni punti il racconto non fosse stato decisamente troppo lento.

ZanoDenis  @  25/05/2015 17:58:46
   7 / 10
Mi è piaciuto un pizzico in più rispetto al precedente kolossal di Scorsese Gangs of New York di due anni prima.
Per la ricostruzione storica, niente da dire, siamo sempre li, scenografie sfarzose dominano la scena, e la ricostruzione storica è impeccabile (suppongo qui sia stato impiegato un budget maggiore, ma non ne sono sicuro)
Notevole miglioramento nella recitazione di DiCaprio rispetto al film precedente, qui riesce a caratterizzare abbastanza bene un personaggio non semplice, che racchiude in se parecchie caratteristiche, megalomane, orgoglioso e spavaldo nella prima parte, uno schizzato cronico in evidente crisi nella seconda, direi che non era facile, ma se la cava egregiamente.
Benissimo pure le controparti femminili, soprattutto la Blanchett, che non dico sia la migliore interpretazione della sua carriera, ha fatto anche di meglio, ma riproduce perfettamente il personaggio che interpreta come è ancora diffuso nell'immaginario collettivo, infatti si dice che Scorsese l'abbia costretta a vedere realmente diversi film della Hepbune prima di farla recitare, il personaggio è perfettamente sopra le righe e ben costruito.
Anche la Beckinsale, nonostante non sia per niente al livello della Blanchett, qui, come in tutta la carriera, fa il suo compito per bene, diciamo che lei è favorita dal fascino che emana, più che dalla sua recitazione, ma entra anche lei benissimo in un personaggio che le si addice perfettamente.

Sul versante della regia l'ho trovato uno dei più virtuosi di Scorsese, inquadrature panoramiche, movimenti di macchina lunghi e precisi, anche se non paragonabili alle sue maggiori opere, comunque dimostra di saperci fare, d'altronde la mano del maestro si vede sempre.

Vicenda decisamente interessante, sulla falsariga di suoi film più famosi racconta una storia che è un classico per lui: ascesa e fallimento di una personalità abbastanza importante. Qui probabilmente rimane molto tra le righe, non denuncia niente, lo scopo del film è semplicemente narrare, far vedere la passione per gli aerei che aveva Hughes, forse è per questo che la vicenda alla fine non è così interessante come accadeva in passato.
Alla fine il film si fa seguire benissimo e direi che non annoia mai nonostante la lunga durata. Non tra i migliori di Scorsese, ma comunque valido.

Palestrione  @  24/05/2015 13:15:01
   8 / 10
Incomprensibile la media così bassa per un film che solo Martin Scorsese poteva dirigere. DiCaprio si libera una volta per tutte dal ruolo di idolo delle teenager e inizia a dimostrare la maturità che poi esploderà nell'altrettanto magnifico "The Wolf of Wall Street". Cate Blanchett, come sempre, molto affascinante.

DogDayAfternoon  @  10/03/2015 22:16:37
   7 / 10
I vari Scorsese, Di Caprio, Blanchett e lo stesso Hughes di certo non verranno ricordati per questo film. E visto i mezzi di cui si disponeva in termini di regia, attori, soggetto, bisogna dire che trattasi di un'occasione mezza sprecata.

Intendiamoci, il film nonostante sfiori le tre ore scorre benissimo e non annoia mai, ma è anche vero che non appassiona come avrebbe potuto. Insomma scorre via liscio ma senza lasciare molte tracce. Peccato non aver approfondito maggiormente gli ultimi anni di vita di Howard Hughes, sicuramente gli anni più allucinanti e impressionabili anche se mi rendo conto che ci sia ben poco da dire: uno degli uomini più potenti del globo che ha passato gli ultimi dieci anni della sua vita rinchiuso in una stanza d'albergo senza mai vedere la luce del sole e anima viva, comunicando con le poche persone esterne a cui rendeva quest'onore tramite foglietti e telefonate, senza quasi mai lavarsi, tagliarsi i capelli e le unghie. E nonostante tutto continuando ad avere un'influenza (soprattutto politica) di un certo spessore. Sarebbe stato molto interessante infatti provare a descrivere il modo e le cause di questa involuzione nella vita di un uomo che aveva tutto.

Sia Scorsese che Di Caprio sono abbastanza scostanti in questo film, alternando momenti di buon cinema ad altri di puro compitino (direi che la Blanchett qui se la cava meglio di Leo). Qualche scena poi da rivedere dal punto di vista degli effetti speciali, mentre come sempre la scelta delle musiche è azzeccata.

Non il meglio che si poteva ottenere, ma comunque un film gradevole anche dopo più di una visione.

Spotify  @  09/07/2014 16:41:49
   7 / 10
Certamente è un film fatto molto bene a livello tecnico, e anche la storia è sviluppata bene, ma tra tutti i film di Scorsese che ho visto, questo è uno di quelli che mi ha colpito di meno. Il motivo preciso non lo saprei ben spiegare, forse quello che più si avvicina ad esso, è che questo film effettivamente è davvero pesante. Io in vita mia ne ho visti tanti di film lunghi tra le 2 ore e mezza e le 3 ore, e con molti di essi non mi sono quasi mai annoiato, ma con questo film, almeno in certi punti, è successo l'opposto. Poi si, una durata di 2 ore e 50 minuti per un film con una trama del genere, ci stanno, ma dopo la visione sembra di aver assistito ad una pellicola di 4 ore. La storia, come ho scritto prima, è anche sviluppata bene, ma purtroppo è così, la noia ha preso il sopravvento, soprattutto in certi punti, anche se poi non è che il film è noioso per tutto il tempo. Livello tecnico sviluppato egregiamente, strepitosa regia di Martin che non si smentisce mai, e infatti si è pure beccato la candidatura all'oscar, straordinaria fotografia, sceneggiatura brillante, qualche imperfezione c'è ma è roba di poco conto. Molto belle anche le musiche in stile anni 20, molto buone anche le scenografie. Il cast è pazzesco: DiCaprio è straordinario e sinceramente l'oscar se lo sarebbe meritato, la Blanchett lo è altrettanto però forse non proprio da oscar, magari un gradino sotto DiCaprio, buoni poi tutti gli altri attori. Alcune sequenze, soprattutto quelle sugli aerei sono stupende e girate con maestria, si vede la mano del regista esperto. Finale ben fatto anche se forse un po'prevedibile. Infatti forse questo è l'altro problema del film, è cioè che è appunto, troppo prevedibile, non c'è mai un vero e proprio colpo di scena, anche se poi c'è sempre da ricordare che è sempre un film biografico-storico e quindi deve anche attingersi ai fatti realmente accaduti. Da sottolineare la presenza di una buona dose di ironia e anche la stessa presenza di dialoghi brillanti (altra cosa ben fatta della sceneggiatura).

Se si è appassionati di Scorsese bisogna vederlo, però se non lo si è, non è estremamente necessario guardarsi sto film, che ripeto, mi è piaciuto, non mi ha lasciato entusiasta, e inoltre penso che sarebbe stato ancora più pesante se c'era un'altro attore al posto di DiCaprio. Buono ma non tra i migliori di Martin.

BenRichard  @  02/03/2014 13:10:21
   5 / 10
Eh si devo ammettere che una media non tanto alta per questo brutto film da parte di quel grande regista che si chiama Martin Scorsese non mi sorprende neanche più di tanto...uno dei punti più bassi raggiunti dal buon caro Martin..5 oscar a dir poco regalati..se devo pensare al "curriculum" di Scorsese questo è senza alcun dubbio uno dei film peggiori a cui abbia mai lavorato..
Leonardo Di Caprio molto meglio in altre circostanze..non riesce a trasmettere l'idea di spontaneità, qui recita in maniera pessima, fin troppo evidente di voler dimostrare al mondo intero che lui è un grande attore
Non sono assolutamente uno di quelli che se un film è lento e troppo lungo di durata vuol per forza dire che lo trovo pesante e noioso..ma in questo caso assolutamente si..film pesantissimo che suscita pochissime emozioni..
Un voto non troppo basso per l'atmosfera retrò riuscita e per il comparto tecnico che si lascia apprezzare
Brutto film..se volete guardatelo pure, a me una visione basta e avanza

GianniArshavin  @  25/01/2014 13:51:25
   7½ / 10
Non sarà perfetto,non sarà un capolavoro ma le tante critiche e una media cosi bassa sono davvero ingiuste per questo film. Scorsese si destreggia bene con una materia difficile come il Biopic,soprattutto pensando a quale personaggio il lavoro è dedicato.
Tecnicamente perfetto,e i 5 oscar lo confermano,ma anche nella storia The Aviator non è male come dicono;è lungo e in qualche frangente può annoiare ma molte parti della storia di Howard Hughes sono ben fatte e tengono desta l'attenzione dello spettatore.
Molti i momenti da ricordare,come quello della quarantena,la parte della produzione del film e il finale assolutamente perfetto.
Le interpretazioni dei protagonisti sono uno dei punti vincenti del lavoro,con Di Caprio nella sua interpretazione migliore meritevole di Oscar ed una Cate Blanchett assolutamente superba.
Ovviamente come detto non siamo di fronte al capolavoro del nuovo Scorsese,e qualche difetto la pellicola ce l'ha come:qualche punto morto durante la lunga visione,uno stile forse troppo pomposo ,un po alla Baz Lurhmann(ad esempio uno sfoggio di star che appaiono per due minuti e poi spariscono) francamente evitabile e infine qualche attore non mi ha convinto,tipo Kate Beckinsale che non regge il carisma della Gardner.
Nel complesso comunque questo prodotto rimane di assoluto valore e non è un buco dell'acqua nella grande carriera del regista ma anzi conferma le sue qualità alle prese con un tema scottante. Ovviamente il merito va anche ai due attori principali che reggono un film cosi pesante sulle loro spalle in maniera magistrale e quindi,nonostante le tre ore di durata e qualche pecca,The Aviator è un film da vedere.

Spera  @  24/01/2014 11:33:17
   8 / 10
Un capolavoro di regia.
Il miglior Di Caprio che abbia mai visto.
Non riesco a capacitarmi una media così bassa per questo film.
Certo meno commerciale di molti altri suoi lavori ma a mio avviso un gigante per direzione, messa in scena, interpretazione.
La scena dell aereo che precipita senza carburante con atterraggio di fortuna è da antologia.
Per una volta sono d'accordo con gli oscar tranne per quello alla Blanchett. L'avrei dato senza dubbio a Di Caprio che tra l'altro odio nella maggior parte delle sue interpretazioni. Qui invece ha una carica pazzesca e mantiene sulle spalle il film da solo.
Se si ama Scorsese non si può non vedere questo film e non apprezzarlo.

marcogiannelli  @  16/01/2014 09:47:49
   6 / 10
5 Oscar sono fin troppi
l'unico motivo per guardare il film è DiCaprio e le fobie del suo personaggio, caratterizzato perfettamente...alla lunga stanca questa pellicola

Matteoxr6  @  11/08/2013 20:11:00
   6 / 10
Tecnicamente, nulla da eccepire, ma risulta troppo prolisso col passare dei minuti.
Bravissimo Di Caprio, ma il film non mi ha convinto.

MonkeyIsland  @  26/06/2013 00:59:48
   6 / 10
Mediocre.
Marchettone patriottico, trama poco interessante e piena di punti morti.
Inoltre troppo prolisso per quel poco che ha da offrire allo spettatore.
Oscar regalato alla Blanchett, si salva solo la fotografia.

Invia una mail all'autore del commento tnx_hitman  @  13/06/2013 19:02:37
   8 / 10
Howard Hughes,come Charles Foster Kane.
Una vita all'insegna delle belle donne,dello sviluppo di un nuovo modo di far presa sul pubblico(la stampa come l'aviazione e il progredire delle compagnie aeree),con al centro di tutto la mancanza del vero affetto,dell'infanzia rubata e persa per sempre.
DiCaprio si integra molto bene con la storia qui articolata senza cadute di stile,che si districa fra scontri verbali,intese,rapporti intimi,la sua continua fobia dello sporco,del sudiciume sia fisico che sociale,con strette di mano a gente che non si lava le mani,nel senso che se ne approfitta di Hughes e che aspira il suo genio fuori dal suo cranio.
Per arrivare alle sequenze distubanti e fotografate divinamente(un rosso intenso che tratteggia alla perfezione il lato più sinistro di DiCaprio) che spogliano Hughes del suo charme e mostrano al pubblico un verme strisciante senza appigli morali.

Il cast di supporto compie il loro lavoro in modo sopraffino(soprattutto il Premio Oscar Cate Blanchett con la sua spigliata e decisa interpretazione della compagna di Hughes Katherine Hepburn,e il camaleontico Alan Alda che prende le parti dell'arci nemico di Hughes viscido e opportunista Senatore Owen Brewster).

Apparato tecnico lodevole,con un montaggio superbo che gioca con gli scambi di battute e descrive egregiamente i tratti caratteriali dei personaggi affrontati di petto nella pellicola,ed effetti speciali e fotografia piacevole agli occhi e alla mente,che può essere coinvolta pienamente per affezionarsi di più o di meno agli interpreti e ragionare quindi con loro.

Scorsese si distacca dal suo genere di appartenenza per abbracciare a piene mani un biopic patinato,kitsch ma scorrevole e ben organizzato con la distribuzione di momenti drammatici e diverbi sul potere e sull'uso che se ne deve fare di esso intelligenti e che tengono l'attenzione alta.

Buonissimo prodotto con una media indecente.
Saluti da tnx.

beppe.fadda  @  20/05/2013 16:07:21
   8 / 10
Howard Hughes (Leonardo DiCaprio) è un produttore cinematografico con la passione per l'aviazione. Ha in sè grande potenziale e grazie alla sua determinazione i film "Gli angeli dell'inferno" e "Lo sfregiato" hanno parecchio successo. Hughes ha però diverse manie davvero ossessive e un umore molto variabile cosa che allontana da sè le sue amanti, tra cui le attrici Katharine Hepburn (Cate Blanchett) e Ava Gardner (Kate Beckinsale), e si attira l'antipatia di un senatore (Alan Alda). Hughes riuscirà a collaudare un grande aereoplano, ma alla fine cadrà nuovamente nel baratro della sua pazzia.
Leonardo DiCaprio è da Oscar in questa interpretazione. Davvero non sono riuscito a trovare un difetto in questa performance talmente è grande. Cate Blanchett è altrettanto grande nella sua interpretazione di Katharine Hepburn (è spiccicata all'originale nei modi e nei gesti) vincendo un meritatissimo Oscar. Alan Alda non mi è sembrato da nomination e Kate Beckinsale non è sempre convincente come Ava Gardner ma è comunque brava.
Un gran bel film che credo bisogni vedere, ma per l'eccessiva lunghezza non credo sia da rivedere più volte.

Niegghia92  @  17/05/2013 22:40:47
   5½ / 10
Per certi aspetti questo film di Scorsese è simile al più recente Hugo Cabret che è anche suo,in comune hanno diversi aspetti come i vari Oscar(quasi tutti tecnici tra l'altro,e ciò non indica per forza che il film sia grandioso,per far capire come gli oscar sono relativi...) e una sorta di omaggi al Cinema ed è proprio questo il fattore negativo..perché in entrambi i film c'è una sequenza di scene che pompano fino all'inverosimile il film e c'è quella sensazione che sta per accadere qualcosa di spettacolare ma che in realtà tutto ciò si mostra tutto fumo niente arrosto,perché non riesce a prendere lo spettatore. L'interpretazione della Blanchett non so se sia veramente da Oscar ma francamente non mi pare abbia avuto tutto questo spazio tale da meritare il premio. Il mezzo voto va per l'interpretazione dell'ottimo Di Caprio,la bravura con cui ha interpretato uno psicotico Hughes malato d'igiene è stata impressionante e a tratti sconvolgente,ma ciò non basta. Scorsese nonostante voglia fare queste pellicole omaggio al Cinema proprio non lo vedo a suo agio in questi progetti. Ciò che dico non mi pare così fuori dalla realtà,questo film vedo che ha la media voti del 6,5 per una pellicola che però mostra 5 premi Oscar,un motivo ci sarà.

Crazymo  @  03/03/2013 20:46:00
   8½ / 10
Mentre oggi pomeriggio l'altro admin era impegnato con "Old-Boy", nello stesso momento, non trovando nessun film che mi ispirasse al cinema sono passato al videonoleggio e mi sono preso questo film di Scorsese che mi mancava, tutti me ne avevano parlato piuttosto male, e ovviamente, nel pieno del mio stile, mi è piaciuto da morire. Siccome ho speso cinquecento righe nel raccontarvi il mio scialbo aneddoto vi dico semplicemente che è un film a livelli tecnichi sopraffini, e non si limita al semplice perfezionismo, ma va oltre, facendoci ricordare ogni due inquadrature che il film è diretto dal nostro caro maestro Scorsese ad uno dei suoi più bei momenti come regista; senz'altro merito anche del grandissimo direttore della fotografia Robert Richardson che porta gli anni 20-30-40 direttamente nel salotto di casa nostra, grazie a dei colori di un realismo unico, veramente mozzafiato, esattamente come ha fatto col recentissimo Django Unchained, si è letteralmente calato nell'era del film raffigurandocela nel pieno della sua essenza. Un Di Caprio pauroso, e anche un resto del cast da favola, si muovono in questa storia che non è per niente un qualcosa di eccessivamente movimentato, essendo una storia vera, e crea una sorta di distacco (a volte quasi asettico, soprattutto nelle scene nel bagno) con lo spettatore che secondo me ci permette di giudicare il protagonista senza mai nè odiarlo nè amarlo, insomma, un affresco in chiave cinematografica della sua vita. Anche qui vi sono dei movimenti di macchina e dei momenti nella storia che sono già dei cult, veramente un film lungo ma denso di grandi momenti, l'ennesimo grandissimo film firmato dal maestro Martin Scorsese!

1 risposta al commento
Ultima risposta 02/03/2016 09.21.10
Visualizza / Rispondi al commento
Bacarospus  @  21/02/2013 17:01:07
   8 / 10
Nonostante la lunghezza il film non annoia mai sebbene la storia sia un po' piatta, comunque si merita un bel 8

Alex22g  @  03/11/2012 18:25:03
   10 / 10
Bellissimo film con un Di Caprio stratosferico che avrebbe di certo meritato l'oscar per la sua recitazione ( qui più che mai fino ad ora). Cinema con la C maiuscola , regia di grandissima classe, musiche ed effetti speciali sublimi. Da vedere e rivedere

BlueBlaster  @  03/08/2012 16:24:16
   8 / 10
Io l'ho trovato un quasi capolavoro...abbiamo di fronte un livello tecnico ai massimi livelli!

Atlantic  @  28/06/2012 18:45:42
   7½ / 10
Inizia magnificamente ma va a perdersi durante lo svolgimento del film risultando un po troppo pesante anche alla durata eccessiva.
Ottima come sempre la regia di Scorsese , ottimo il ruolo protagonista di Leonardo Di Caprio , bravissima anche Cate Blanchett che interpreta Katherine Hepburn.
La storia e il crollo di un mito , Howard Hughes , aviatore e produttore cinematografico.
Incredibile la scena dove sente Toccata and Fugue in D minor di Johann Sebastian Bach.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento thohà  @  09/04/2012 21:57:03
   9½ / 10
Ma come si fa a dare di meno di 9 a questo film?

Fotografia immensa, accuratissimo anche nei minimi particolari. scenografia insuperabile, mai noioso, brillante e con particolari dell'epoca meravigliosi.
Un Di Caprio super strepitoso.

Un film dispendiosissimo, all'epoca, (ambientato negli anni '40)"Gli angeli dell'inferno" porterà il protagonista a strafare. Caparbio, lungimirante, arrivista ma onesto, ad avere una linea aerea propria.

Alcune scene sono davvero magiche,

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Maniaco ( maledetta la madre), perfezionista, irriducibile, caparbio, impulsimo, ma un genio dell'aeronautica, Howard arriverà ad avere una compagnia aerea tutta sua.

Il film mi ha molto toccata. E' pazzo. Forse tanto quanto me. Ma non molla, non molla mai.

Per me: magnifico.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR rain  @  03/03/2012 16:22:10
   6½ / 10
Film indubbiamente ben fatto che racconta la vita di un personaggio estremamente singolare e interessante. Purtroppo è eccessivamente lungo, e la durata esagerata si fa sentire eccome, con qualche taglio il film avrebbe potuto essere decisamente migliore.
Ottima la prova di Leonardo Di Caprio che ha strameritato la nomination all'Oscar.

TheGame  @  18/02/2012 13:07:08
   6 / 10
L'ammaliante fattura estetica del biopic firmato Scorsese, è seconda solo alla sua mancanza di poetica, dall'essere a tratti didascalico, ripetitivo, pur contenendo qualche innegabile momento di grande Cinema. Commoventi gli sforzi di Di Caprio che col suo bel visino illividito tiene in piedi la baracca... Stavolta è Martin a dover ringraziare...

kako  @  01/01/2012 23:15:43
   8 / 10
un filmone di pregevole fattura, con scenografie perfette, costumi curati e un cast azzeccatissimo nel quale spicca un Di Caprio superlativo, che avrebbe meritato l'Oscar molto più di quello assegnato alla Blanchett. La lunghezza non pesa e la storia è molto interessante e svolta in maniera coinvolgente.

elmoro87  @  25/11/2011 10:25:13
   8½ / 10
Storia vera di Howard Hughes, eccentrico milionario, aviatore, produttore cinematografico, magnate dell'industria aeronavale... Una grande storia, resa perfettamente da Scorsese in questo film biografico, in ogni suo scorcio...
Paragrafo a parte merita DiCaprio, autore della più grande performance che io abbia mai visto, semplicemente da Oscar (che non ha vinto), perfetto in tutto il film, prova meravigliosa secondo me; e proprio questa prova che secondo me fa la differenza e fa schizzare in alto la valutazione di questo film, che altrimenti sarebbe solo stato un film biografico di buon livello... Per merito di Leonardo questo film è quasi un capolavoro...

gemellino86  @  18/10/2011 19:30:15
   5½ / 10
Scorsese è un bravo regista ma questo film non l'ho proprio digerito nonostante le grandi prove di DiCaprio e Blanchett. 5 oscar mi sembrano decisamente troppi. Ho fatto troppa fatica a vederlo fino alla fine.

BuDuS  @  29/08/2011 23:46:28
   8 / 10
Non capisco come mai abbia una media così bassa un capolavoro come questo.
Lo trovo un ottimo film, forse un po' lunghetto, ma fatto decisamente bene.

Invia una mail all'autore del commento anthonyf  @  24/08/2011 22:43:17
   8½ / 10
Probabilmente si tratta di uno dei film di Scorsese che più preferisco, un biopic ben fatto e ben progettato, girato a dovere, con un sensazionale Leonardo DICaprio, in una delle sue interpretazioni migliori, e un impeccabile lato tecnico, con fotografia eccellente, montaggio perfetto, sonoro magistrale, costumi ben curati, scenografie a opera d'arte e colonna sonora meravigliosa (la musica classica, come ho già detto in più commenti, nel cinema può essere uno strumento potentissimo: la scena dello schianto dell'aereo con la Toccata e Fuga in D Minore di Bach è semplicemente indimenticabile).

Buone le altre prove attoriali con una grande Cate Blanchett, una molto brava Kate Beckinsale, un fluente Alec Baldwin e un ottimo Ian Holm.
Interessante anche la sceneggiatura, sebbene si tratti di un biopic, quindi leggermente lenta nelle parti iniziali, ma ben trasposta da Scorsese, registicamente parlando.

Un ottimo progetto sulla vita di Howard Hughes, che consolida il dinamismo del sodalizio Scorsese-Di Caprio.

Da vedere.

dave89  @  02/08/2011 00:07:23
   8 / 10
davvero un bel film.

PignaSystem  @  20/07/2011 16:42:57
   5½ / 10
Candidato a 11 premi Oscar,molto celebrato dalla stampa durante la lavorazione e alla vigilia della sua uscita su tutti gli schermi,sarà "The aviator" il film che porterà Martin Scorsese all'Oscar dopo più di una delusione ,di cui l'ultima per il sentitissimo "Gangs of New York"?Toccasse a me rispondere,spererei di no.E perchè ritengo che l'autore di "Quei bravi ragazzi" sia tra i massimi cineasti viventi."The aviator" è un'opera che ha un allestimento straordinario,una cura nei costumi ,nel montaggio e nella ricostruzione d'epoca magistrale,una fotografia anche troppo laccata,e una regia che ha molto dell'accademico.Si può aggiungere varie strombazzatissime partecipazioni di divi(Willem Dafoe,Gwen Stefani,Jude Law,Ian Holm) completamente inutili,salvo ribadire la dimensione colossale dell'operazione,e qualche manierismo di troppo nell'interpretazione di Leonardo DiCaprio che in alcuni momenti si rifà nelle espressioni al giovane Nicholson.Con questo,il film ha momenti molto spettacolari,come quelli in cui gli aerei occupano la scena e una tesi interessante anche se non nuova nel cinema scorsesiano(l'outcast che ha la possibilità di mettere in difficoltà il Sistema,ma ne è inesorabilmente sconfitto):glissa però sulla parte più nera della leggenda di Howard Hughes,gli ultimi anni trascorsi nella degenerazione fisica ,in preda alla paranoia totale,e le voci di un suo finanziamento all'attentato Kennedy,teoria molto sostenuta da James Ellroy.In confronto al "rivale" per l'Oscar Eastwood,questo è un lavoro antitetico:dove Scorsese magnifica e accentua,il regista di "Un mondo perfetto" sta sull'essenziale.Però,se lì si tratta di un capo d'opera,questo è un colosso a tratti monotono che non ci rimane dentro.

draghetta1989  @  11/05/2011 14:19:02
   8 / 10
per me è un'ottimo film, non sono d'accordo con la media, non sarà al livello di altri film si scorsese ma è migliore del precedente gangs of new york per esempio. la storia del mitico personaggio di Howard Hughes è raccontata in modo abbastanza approfondito ed esauriente, tra cinema, scandali, amori tormentati, obiettivi megalomani nel campo dell'aviazione, fobie, cadute e risalite di un uomo che ha dato tutto se stesso per raggiungere le proprie "mete"... un uomo megalomane sotto tutti i punti di vista!! Di caprio si cala perfettamente in questa parte e regala un'interpretazione meritevole dell'oscar a mio avviso, non so perchè ma lo vedo molto bene in questo ruolo da folle psicotico! un po' fuori parte invece Cate Blanchett e sopratutto la Beckinsale, totalmente stonata.
certo è vero che la pellicola scorre piuttosto lenta in vari punti è può dare una sensazione di pesantezza ma una volta che ci si è lasciati trascinare dalla vita del suo illustre protagonista allora si può passare sopra tutto; tecnicamente poi è di alto livello, sfavillante e marcio al tempo stesso come l'epoca in cui è ambientato.

lukef  @  26/04/2011 12:53:53
   8 / 10
Ottimo film biografico che ritrae uno dei personaggi più conosciuti in America tra e dopo le due guerre... e che tuttavia a noi Europei dice poco o niente.
Nonostante le numerose critiche ricevute penso che complessivamente sia una pellicola molto interessante: Howard Hughes è un personaggio molto eccentrico, con una vita ricca di eventi e mai affrontato in modo realmente appropriato. Non dura per niente poco ma fila liscio e se ti prende la storia non ne senti la pesantezza.
"Registicamente" parlando è girato in maniera eccellente, non ci sono chissà quali trovate originali ma in compenso c'e un'attentissima cura per il dettaglio; molto carine anche tutte le musichette dell'epoca e soprattutto ottima l'interpretazione di Di Caprio.
In definitiva se Charles Foster Kane si è meritato il titolo di miglior film di tutti i tempi.. penso che un "8" Howard Hughes se lo possa guadagnare.

kastalya  @  20/03/2011 22:43:03
   8 / 10
Scorsese e Di Caprio non deludono in questo film che non eccelle forse per velocità della narrazione ma che racconta molto bene questa storia affascinante.

Ottima scenografia/fotografia che non a caso hanno vinto l'Oscar.

kastalya  @  20/03/2011 22:41:44
   8 / 10
Scorsese e Di Caprio non deludono in questo film che non eccelle forse per velocità della narrazione ma che racconta molto bene questa storia affascinante.

Ottima scenografia/fotografia che non a caso hanno vinto l'Oscar.

la_gradisca  @  17/03/2011 21:45:19
   9 / 10
Film da vedere anche solo per conoscere la straordinaria figura di Howard Hughes. Martin Scorsese non sbaglia, Leonardo DiCaprio è tra i più bravi e si sa. Unica pecca è il personaggio di Katharine Hepburn, Cate Blanchett non ha neanche un quarto del suo fascino e della sua bellezza. Mi è sembrata una caricatura romanzata. E mi dispiace, perchè Kate è Kate.

felym  @  27/01/2011 15:13:44
   8 / 10
A me è piaciuto molto questo Aviator, ottima prova degli attori, specialmente il "diesel" Di Caprio, che più si fa grande meglio recita. Consigliato, forse un po' lungo ma molto ben fatto!

Tuco ElPuerco  @  19/01/2011 03:17:30
   8½ / 10
La media bassa mi inorridisce,anche perche' rinforza la mia teoria che dice che il pubblico da un regista si aspetta sempre la solita roba ( mafia,voce narratrice fuoricampo frammista a musica anni 70,bombardamento di eventi,personaggi,il vecchio Scorsese).Questo film e' assolutamente splendido,non gli do un mezzovoto in piu' giusto x fare bagarre con il resto degli utenti che gli hanno dato meno e che hanno diritto di dare voti come lo ho io.Pero spiace.....questa e' una gran storia ed un gran film.

7219415  @  07/12/2010 12:40:04
   6½ / 10
TROPPO LUNGO...come ha vinto 5 oscar?!?!

camifilm  @  05/12/2010 21:11:15
   6½ / 10
Dante Ferretti... ho visto una intervista a Di Caprio che elogiava questo scenografo.. per come ha saputo ricostruire le ambientazioni... gli attori stessi rimanevano a bocca aperta.

Il film sarebbe stato buono, ma sembra mancare di un filo che colleghi in modo deciso lo svolgimento delle situazioni. Buona la fotografia, scenografia, e tutti i costumi e le realtà materiali e non del periodo narrato.
Bravi anche gli attori. La pecca sta proprio nella mancanza di qualcosa nella regia, pur ottima, ma forse alla base non vi era del tutto una idea chiara su tutte le riprese da realizzare.
Da vedere e apprezzare comunque.

Invia una mail all'autore del commento s0usuke  @  05/12/2010 20:20:12
   6½ / 10
Nonosante Scorsese e Di Caprio ce la mettano indubbiamente tutta (ed egregiamente), la pellicola soffre di mala sceneggiatura che non dà spazio alla poesia, ma solo al racconto. Hughes scorre tra paure, progetti titanici, donne e fobie. Tuttavia le sequenze d'antologia non mancano.

4 risposte al commento
Ultima risposta 21/05/2011 16.29.55
Visualizza / Rispondi al commento
ValeGo  @  20/11/2010 16:35:34
   5½ / 10
L'ho trovato molto lento..non mi è dispiaciuto Di Caprio anche se lo preferisco in altri ruoli

Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  03/11/2010 00:42:41
   7½ / 10
A me è piaciuto. Forse mi sono lasciato affascinare dal personaggio di Huges (e non si può dire che Leonardo DiCaprio qui non sia bravissimo) ma questa storia mi ha preso abbastanza. Indubbiamente è un bel po'lungo e il finale mi ha lasciato un po'insoddisfatto, ma quel che si vede è ben fatto e, appunto, acchiappante. Forse troppi gli oscar ma forse anche no.

bebabi34  @  02/11/2010 22:26:34
   6½ / 10
Gradevole e intenso. Un pizzico di sogno e un po' d'azione. Effetti speciali non all'altezza e sprecati per una storia che è di per sé molto interessante.

peppone  @  01/11/2010 12:37:27
   7½ / 10
Buon film che merita di essere segnalato. Buone le interpretazioni e tecicamente molto preciso. Al netto di qualche lungaggine comunque la storia risulta affascinante e Di Caprio è stato davvero bravo. Consigliato

BrundleFly  @  06/10/2010 11:54:03
   7½ / 10
Da come ne avevo sentito parlare mi aspettavo molto ma molto peggio. Certo non si può definire un film tra i più leggeri e veloci, soprattutto nella seconda parte, ma ti coinvolge parecchio; merito, probabilmente, dell'eccellente cast.
Realizzato/girato egregiamente, poteva durare un po' meno, tagliando, per esempio, buona parte della "quarantena".

cris_k  @  19/09/2010 21:04:43
   6 / 10
Ho voluto guardarlo 2 volte prima di valutarlo, la prima visione un annetto fa era stata molto deludente.
Un film fatto magistralmente e ben interpretato. Molto bravo Leonardo di Caprio. Però non rapisce. Quando finisce ci si chiede che cosa sia successo nelle tre ore precedenti. Perdipiù brutta e pesante la sequenza lunghissima del preprocesso.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Non mi ha convinto, inutili i rapporti amorosi

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Insomma, non è un male per principio il fatto che un film sia lungo, ma ogni singolo fotogramma deve avere un perché, deve dare un contributo significativo al film, e qui non è così.
Salvato da un DiCaprio eccezionale.

Eratostene  @  22/08/2010 20:53:16
   9 / 10
Non capisco affatto la media così bassa. Cosa c'è che non va? Cosa manca? La recitazione è eccelsa, vedi Blanchett (vincitrice del premio oscar) e Di Caprio (che l'oscar l'avrebbe meritato), vedi tutti gli altri attori. Ci sono effetti speciali, ci sono le splendide sequenze tipiche di Scorsese, la tipica scioltezza dei suoi film, anche se lunghi quasi tre ore come questo. C'è una storia affascinante, quella di Hughes, della quale non posso dirvi nulla e ciò che mi ha più colpito o farei spoiler. Questo è un grande film.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR williamdollace  @  02/04/2010 20:05:51
   9 / 10
"Non dirmi che non lo posso fare e non dirmi che non può essere fatto"
(Leonardo Di Caprio/Howard Hughes)

Howard Hughes/Leonardo DiCaprio: Angeli dell'Inferno. Una dell'opere fondamentali del cinema scorsesiano. Ogni dettaglio anche insignificante assume l'assioma di una pura significanza strategica o illogica.

"non sei al sicuro Mai": qu – a – erre – a – enne – ti – e – enne – a: quarantena.

la quarantena di un io strabordante, spinto oltre ogni limite, come solo i grandi che hanno cambiato la Storia, eppure debole all'eccesso, fragile, immortalato da un montaggio nevrotico in grado di far impallidire Chiunque, la regia di Scorsese furiosa invadente e allo stesso tempo in disparte, scegliendo tempi e modalità in modo pressoché perfetto, come si mettesse semplicemente ad osservare il Caos che è l'essere umano, un io libero di fondare e sfondare porte d'infezioni ["Se c'è una variazione, sia pure infinitesimale, l'intero procedimento, deve essere ripetuto dal principio, ripetuto dal principio, ripetuto dal principio.."], rivendicare non il concetto di megalomania, ma il concetto stesso di disporre del proprio intelletto e della propria forza di volontà in un nuovo modo sconosciuto.

Ci sono leader e ci sono gregari. Howard Hughes rimarrà nella storia in un modo talmente virtuoso e potente da rimanere sempre nel mio piccolo cuore disadattato immaginario. In lui ogni leggenda e sogno si sono come tramutati ai più come impossibili verità. Il compasso per le tette, la meteorologia come elemento di indissolubile sottomissione, ogni tassello del futuro votato e immolato senza alcuna coscienza del rischio, proiettata al futuro, oltre stesso ogni concetto di futuro, la violenza delle domande in grado di sovrastare la violenza di ogni risposta come un propulsore a reazione.

L'incomprensibilità che puntualmente lo circonda, soprattutto dalle donne che lo circondano, la capacità di mettersi da parte nei confronti della Hepburn, pur amandola fino alla fine, in silenzio, come due angeli nel cielo con una cloche condivisa fra le mani, per sempre, divisi da un'ultima impossibile porta asettica.

Non c'è leggenda se non partendo dal concetto disarcionato di ogni esagerazione della realtà. Il corpo martoriato, la furia della solitudine quando necessaria ["Come in with milk, Come in with milk, Come in with milk, Come in with milk..."] , la capacità di rialzarsi, La Passione, sempre comunque, più forte di prima, fuori dalla porta della luci rosse intermittenti, senza scarpe, bruciando ogni cosa, sempre, quale che sia il latte, quale che sia l'urina, quale che sia la capsula, quale che sia ogni dettaglio agli occhi altrui insignificante, i rivetti, la mano destra, la mano sinistra, la contaminazione, le scarpe di ginnastica.

Un tappeto di vetri che si sbriciola sotto i piedi ma che si erge a piramide di diamanti, certo incrinata, fusa, ma pur sempre eccelsa, sacra, violenta, magnifica.

BlackNight90  @  20/03/2010 02:48:51
   6 / 10
Tra i peggiori di Scorsese, anche se ovviamente non è da buttare. Maestoso, tra i suoi film più curati tecnicamente e visivamente imponenti (oscar meritati direi), ma è la regia che latita e la sceneggiatura, pur tendendo troppo all'agiografia, paradossalmente non rende l'enormità del fenomeno Hughes. Scorsese fa rivivere i fasti della vecchia Hollywood, con una regia che omaggia i film classici, ma troppo impersonale: non c'è la sorpresa del tocco narrativo di Scorsese, sembra che dietro la mdp ci sia un altro regista.
E 3 ore per raccontare solo una parte della vita di Hughes sono troppe. Di Caprio ce la mette tutta, è davvero bravo, ma la sua faccia da eterno ragazzo non lo rendono credibile nel interpretare lo Hughes adulto in crisi mentale (come nell'ultimo Shutter Island, del resto...).
Anche i più grandi sbagliano, sennò non sarebbero umani.

2 risposte al commento
Ultima risposta 20/03/2010 17.43.04
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  10/03/2010 17:35:04
   6 / 10
Forse una delle prove più deludenti di Scorsese,sicuramente la più debole degli ultimi anni. Nonostante ciò ha fatto incetta di oscar,per lo più tecnici e non so dire se meritati o no (ma quella alla Blanchett ritengo sia giusto).
Per una volta sono d'accordo nel dire che è Di Caprio a salvare Scorsese con una grande interpretazione.
Il resto del film è troppo ridondante e magari anche superficiale,specie perché la storia è vera.
Certo,la mano del regista si nota eccome (la scena dell'incidente aereo e le crisi di Huges) ma il resto non sembra lo stesso Scorsese,troppo veloce e superficiale.
Poi c'è una parata di grandi star,alcune delle quali veramente sprecate come Dafoe che compare si e no 2 minuti.

Un kolossal deludente,insomma,in cui si salvano le prove di Di Caprio e della Blanchett,alcune scene e il modo toccante in cui vengono mostrate le ossessioni e le manie del protagonista,vero e proprio pioniere che ha saputo realizzare i propri sogni. Ma a quale prezzo?

Mezzo voto in meno perché da Scorsese i passi falsi sono più gravi di un regista qualsiasi,specie se in pratica non ne commette mai.

edmond90  @  19/02/2010 15:53:40
   8½ / 10
Gran film a mio parere.Commentare la consueta perfezione nel montaggio,nella regia,nella fotografia e nella scenografia sarebbe superfluo,quindi dedichiamoci un attimo alla sceneggiatura:si è vero che non è perfettamente lineare e stravolge quelle che sono di solito le linee guida di un buon film biografico ma riesce nel suo intento primario;infatti la storia di Howard Hughes è appassionante e molto sentita e quindi intrattiene alla perfezione pur con qualche lungaggine.Forse non tutti i componenti del cast sono a loro agio ma Di Caprio è fenomenale come la Blanchett e meritava anche lui il sospirato Oscar come miglior attore.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

MidnightMikko  @  17/02/2010 16:56:09
   9 / 10
Un grandissimo lavoro di Scorsese,con attori veramente superbi.
Sarebbe stato un capolavoro assoluto se non fosse durato così tanto (in alcune parti si perde un pò,ma non eccessivamente). Superbo,non capisco dove troviate tutti questi difetti.

ronaldinho80  @  17/02/2010 12:18:56
   10 / 10
Grandissimo film.

Rand  @  27/01/2010 10:30:10
   9 / 10
Scorsese per me non sbaglia un colpo, ha una fenomenale capacità di raccontare storie, qua con il suo attore feticio Di Caprio dà ancora una volta capacità di grandi doti narrative. La figura di Howard Hughes contraddittoria e manichea non era semplice da rappresentare, nei suoi vizii e difetti, oltre che nelle geniali capacità. Indubbiamente è stato anche un innovatore tecnologico oltre che un miliardario eccentrico.
Molto belle le scenografie, la cura nei dettagli, la rappresentazione dello showbussines di hollywood, Di Caprio è perfetto, non capisco il fatto che non habbia vinto oscar dopo titanic, in cui non era certo al top. Cate Blanchette come sempre illumina la scena con il suo charme. Il resto del cast come al solito annovera ottimi attori in piccole parti, vedi Jude Law, o Kate Bekinsale, oltre ad Ian Olm e Alec Baldwin. Musica perfettamente in tema, che ripropone i successi dell'epoca, storia ben calibrata, nonostante la lunghezza. In sostanza un film biografico che non scade mai nel banale, e meritava molto di più che cinque oscar, oltre che uno strameritato per Cate Blanchett.
Adoro i film in costume!

Sentenza  @  08/01/2010 07:53:25
   10 / 10
Il grande Scorsese,racconta la vita controversa di Howard Huges (Leonardo Di Caprio), un ricco petroliere appassionato di aerei e di cinema, terribilmente afflitto da una patologia,il disturbo ossessivo compulsivo,che degenererà accompagnandolo fino alla morte.
Il giovane Hughes, realmente famoso per le sue manie (realizzò un film da 4 milioni di dollari) è inoltre un aitante latin lover perseguitato dai giornali di gossip per i suoi repentini cambi di partner.
La sua vita è in costante ascesa ma come spesso accade a chi ha più soldi di quanti ne possa spendere, la psiche non regge i ritmi di vita imposti dal suo lavoro: il suo disturbo compulsivo diventa un vero terrore dei germi, è affetto da tic labiali che lo rendono folle agli occhi dei suoi colleghi. Ciononostante, riesce a districarsi in un groviglio politico dovuto ai legami del governo degli Stati Uniti con la Pan Am, compagnia aerea detentore del monopolio nei voli transatlantici.
Martin Scorsese, grazie anche all'interpretazione di Leonardo Di Caprio(STRATOSFERICO!!), tratteggia l'affresco di un personaggio istrionico, ambiguo e squilibrato, intercalando una galante ironia alla più lucida drammaticità.BELLISSIMO.

Clint Eastwood  @  25/11/2009 23:17:51
   7½ / 10
"Il mezzo del futuro, il mezzo del futuro, il mezzo del futuro ... "

Tipico marchio Scorsese che si dilunga troppo sulla vita del personaggio controverso della storia americana, ovvero Howard Hughes - l'uomo del cinema e degli aerei che si cimentava in ogni impresa e rischio senza pensare due volte. Uno dei migliori Di Caprio, un'attore/persona che nonostante il gradino raggiunto negli olimpi di Hollywood s'impegna e realizza bei film.

everyray  @  20/10/2009 21:23:32
   7½ / 10
Non conoscevo la storia di Howard Hughes,produttore cinematografico con la mania per il volo e l'igiene tanto da portarlo letteralmente alla pazzia,ma devo dire che mi ha affascinato molto..forse buona parte del merito va dato al bravo Di Caprio oltre che a Scorsese e ad una sceneggiatura forte e colorita!
Nonostante duri quasi 3 ore il film non annoia (se non nella parte della "pazzia") ma anzi diventa interessante a tal punto da avermi fatto completamente perdere la cognizione del tempo!

paolo80  @  18/10/2009 14:58:32
   7 / 10
Una pellicola che sembra davvero interminabile, però non annoia, e la visione è quasi sempre gradevole.
Ottimo DiCaprio nella sua interpretazione, e superba Blanchett (giustamente premiata).
Unico appunto: purtroppo icone celebri e di spessore come qualche stella del cinema dei tempi che furono, avrebbero meritato una caratterizzazione migliore; invece, eccezion fatta per la parte di Hepburn, affidata a Blanchett, le altre sono ridotte a comparse, se non persino a caricature.

Invia una mail all'autore del commento monica83  @  09/09/2009 19:59:58
   6 / 10
Non sono troppi 5 Oscar per questo film?io non l'ho trovato così sontuoso

1 risposta al commento
Ultima risposta 09/09/2009 20.24.59
Visualizza / Rispondi al commento
Mr.619  @  23/06/2009 10:08:00
   8½ / 10
La parabola anamnetica ascendente e discendente di Howard Hughes, eccentrico personaggio e certamente uomo maggiormente intercalato sotto le luci della ribaltà degli anni '20 e '30 americani, che, in quanto essere umano, è simbolo, anche in questa pellicola scarsamente valutata di Martin Scorsese, della radicale e profonda debolezza umana.Per giustificare il suo comportamento, compresa la sua progressiva ricaduta dai Campi Elisi verso l'Ade mentale, sarebbe fin troppo riduttivo parlare di assoluta dissolutezza ed insoddisfazione della propria vita (risultato dell'intero), quanto, in particolar modo, di "complesso edipico"( che, pur tuttavia, rappresenta il reale motivo scatenante ed imperante nella psicologia del personaggio).Molto ipoteticamente, alla maniera di "Quarto potere", noi non sapremo mai quali fossero i pensieri, i sogni, le fantasie e le megalomanie di fastosità e gloria più reconditi della sua anima ("No trespassing"), ma, se nella pellicola di Orson Welles Charles Forster Kane è un "homo novus", nato da una famiglia non propriamente ricca e pertanto volente distinguersi fra tutti ( l'altero e così puro e sprezzante "egocentrismo"di derivazione infantile e pre-umana), invece, in "The aviator", il nostro eroe è l'erede di una grande compagnia aerea, il cui unico punto d'appoggio fisso, "manìa" restrittiva, risiede nel " fare i più grandi film mai visti sulla Terra e gli aerei più veloci mai pilotati".Questo è il manifesto anti-climax di un più che umano "super-uomo", innalzato dal quarto potere dei mass-media e dal suo stesso Super-Io prevalente sul suo subinconscio più regredito, il quale, però, non verrà mai compreso appieno, ma soprattutto "per lo più", in seguito alla sua secessione come mezzo di produzione di massa ( la rivalità politica con un ottimo Alan Alda) e alter-ego ancenstrale (la dissolvenza nel bianco della sua finta realtà onirica).La corruzione avviene non per opposizione, ma per accondiscendenza alle ceneri.

Enry!!!!  @  06/06/2009 15:53:30
   7½ / 10
Un film davvero interessante...
Buona la storia e ottimo il ritmo del film!!!
da vedere...

topsecret  @  30/04/2009 16:52:36
   6 / 10
170 minuti di un film che rimane costantemente in stallo e che stenta a decollare, possono risultare una fatica difficilmente affrontabile, specialmente se il film in questione risulta essere troppo prolisso e noioso in alcuni punti.
Nulla da dire invece per quanto riguarda la regia, la fotografia e gli interpreti, tutti capaci ed efficienti. Purtroppo è la storia a non essere così accattivante e all'altezza della splendida confezione che ci offre Scorsese.
Vale comunque una visione.

david briar  @  19/04/2009 11:53:17
   8 / 10
bellissime le scenografie e gli effetti speciali;molto bravi gli attori, soprattutto di caprio ,ingiustamente sottovalutato.Il film dura quasi 3 ore ma non è mai noioso.L' unica pecca è che fuoriescono pochi sentimenti dal film, e scorsese avrebbe potuto farlo migliore,se avesse lasciato trasparire più emozioni dai personaggi.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento Aliena  @  06/04/2009 21:52:43
   4 / 10
la vita di howard hughes iniziò ad interessarmi
quando venni a sapere che fu uno di quegli americani bigger than life su cui welles & co. costruirono la figura del cittadino ameriKANE
e l'altroieri accompagnata da una dolce influenza me lo guardai..
sarebbe più corretto dire me lo sorbì..(quasi 3ore pareva la storia infinita)
eh...cavolo io in dicaprio ci credevo, non in questo
ma negli altri film in cui lo vidi mi piacque, senonaltro la faccetta smorfiosa da peter pan si sposava sempre bene coi personaggi
invece qua nei panni dell'aviatore.. si bravo come al solito.. ma totalmente fuori parte trallatro con quella vocetta
(lho visto in lingua originale e MIO DIO aveva una voce terribile orribile)
e poi boh pure il resto de film in se
mi pareva uno sfoggio di soldi più che di talento
un po' coem i film di hughes forse era una citazione?
lo spero per scorsese, perchè sto film non mi è piaciuto proprio per nulla

su tutte un immagine che m'ha fatto vomitare
UN PRIMO PIANO DI LEO CON IL FUOCO IN SFONDIMPRESSIONE
degna del miglior poster di una rivista per teenagers

4 risposte al commento
Ultima risposta 25/05/2012 00.28.04
Visualizza / Rispondi al commento
FurFante9  @  24/03/2009 10:11:41
   9 / 10
Indimenticabile; Forse esagero, ma è x me la migliore interpretazione di Di caprio: Ragazzi qui siamo di fornte ad un colossal e ad un attore che, causa pregiudizi, forse nn è apprezzato cm dovrebbe. da vedere e comprare un dvd e conservare!

giusss  @  25/02/2009 01:27:37
   6½ / 10
Biografia di Howard Hughs interessante e affascinante ma non particolarmente coinvolgente e brillante.
Comunque sicuramente un film da vedere anche se dura tanto.certe scene poi sono girate egregiamente.
Quello che forse piu' manca è una trama diversificata,perchè è un po' ferma.Ma trattandosi di una biografia forse poco si poteva fare.

Cate Blanchett vinse l'oscar interpretanto l'attrice che detiene il primato di maggior oscar vinti come miglior attrice :ben 4! Katharine Hepburn

Clein  @  09/02/2009 11:06:51
   8½ / 10
Ottimo film, malgrado pare non piaccia a nessuno. Di caprio come al solito ce la mette tutta per dimostrare di essere quello che e', un attore ormai completo e pronto anche a ruoli impegnati.
Da vedere.

laconico  @  25/11/2008 20:43:04
   9 / 10
Secondo me un'altra prova d'autore di Scorsese, un film sontuoso che rievoca le atmosfere hollywoodiane dei vecchi kolossal con una tecnica registica però modernissima. Quasi 3 ore di spettacolo senza pause né noia. Splendido il viraggio dei colori della pellicola, bravo Di Caprio, fascinosissima la Blanchett. Va sicuramente visto.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Leax  @  25/11/2008 19:53:35
   6 / 10
nn mi ha stupito sicuramente...film troppo statico e fermo..nulla di entusiasmante

Invia una mail all'autore del commento iron klad  @  10/11/2008 21:29:18
   7 / 10
La storia di Howard Hughes lo stravagante milionario (miliardario per l' epoca) che si cimenta in ogni aspetto dell' areonautica.
Pensavo fosse un capolavoro invece mi ha deluso....
Ne vale la pena vederlo ma non aspettatevi chissà cosa...

tesla  @  30/07/2008 00:12:51
   6½ / 10
Troppo pesante...a me non è piaciuto più di tanto..

Danton  @  21/06/2008 16:32:31
   5 / 10
In poche parole: UNA MATTONATA!!

Gruppo COLLABORATORI Zero00  @  06/06/2008 14:30:37
   5 / 10
Film veramente noioso, l'ho visto solo una volta, non credo vorrò mai più rivederlo. Insopportabile Di Caprio, delusione Scorsese, che a me è piaciuto anche in un film tanto bistrattato come Gangs of New York. Non do meno di 5 perchè Scorsese è Scorsese.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  04/06/2008 00:28:14
   6½ / 10
Le biografie sono da sempre un campo minato per i registi e a meno che non ti chiami Milos Forman, i risultati spesso non sono soddisfacenti.

Non sono un fan di Scorsese, trovo che sia un regista troppo pomposo e prolisso, spesso mi annoia nello stesso tempo però riesce sempre a popolare i suoi film di grandi personaggi che sanno restare e a raccontare grandi storie.........non in questo caso.

Intendiamoci The Aviator è un signor film, con un impostazione estetica monumentale, con scenografie splendide e con una fotografia eccelsa, è un capolavoro di immagini, peccato che si perda nei contenuti.
Racconta l'epopea di un grande personaggio affidandolo a Leonardo Di Caprio un grave errore di miscasting!
Di Caprio deve un braccio a Scorsese che lo ha elevato ad attore vero, insegnandogli un pò di cose, ma francamente non riesco a capire cosa ci abbia trovato il vecchio Martin in questo ragazzotto nel non riuscire mai a metterlo nei ruoli giusti........
Ma dategli la commedia romantica, il melò, ma basta co sti ruoli di duro NON E' CREDIBILE!

Inoltre il materiale per fare di questo film qualcoa in più di una biografia ce n'era in abbondanza, l'America degli albori del cinema, le crisi economiche, la guerra, tutto è sfondo però, Scorsese si limita alla biografia e alla fine si rimane con l'amaro in bocca, come qualcosa di INCOMPIUTO che aveva tutte le carte in regola per essere un buon film ma alla fine si perde.

Non so proprio che voto dare, sicuro però che pur avendo meritato i premi vinti, 5 premi oscar fanno pensare al fim come a un capolavoro mentre invece qui siamo in presenza di uno Scorsese sotto tono

vehuel  @  26/04/2008 11:49:55
   10 / 10
film stupendo, e scenografia eccezzionale.
Non capisco come si faccia a dare un voto basso ad un film così bello.

memento87  @  11/04/2008 19:17:38
   10 / 10
polsiak ci penso io ad alzare un po la media! :)

bellissimo film! 10000 volte piu bello del sopravalutatissimo departed

:)

1 risposta al commento
Ultima risposta 15/04/2008 19.05.52
Visualizza / Rispondi al commento
polsiak  @  29/03/2008 11:07:33
   9 / 10
Ragazzi questo sito mi sorprende a vole... L' ho già scritto in qualche altro commento, che mi sembra davvero strano che certi film abbiano una media altissima, benchè siano mediocri ed invece certi capolavori hanno la media del 6.
Questo è terrificante; significa che la maggior parte degli spettatori non ha apprezzato questa fantastica biografia, non ha apprezzato l'interpretazione meastosa di Di Caprio nella sua migliore performance ( non capisco come non abbia potuto vincere l'oscar, anche se forse perdono quelli dell'Academy quando vedrò Ray), non ha apprezzato le scenografie e ambientazioni mozzafiato, non ha apprezzato l'entusiasmante sceneggiatura non ha apprezzato la regia sublime di un gigante del cinema mondiale. E' un film che ti entusiasma sempre e non è affatto noiso come sostenuto da molti.
Io davvero non capisco... so che le nomination e gli oscar non contano, ma se è stato candidato ad 11 oscar e ne ha vinti 5 ualcosa vorrà dire...
Una pellicola grandiosa.

1 risposta al commento
Ultima risposta 11/04/2008 19.46.43
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 4   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1968 gli uccelli45 seconds of laughter5 e' il numero perfettoa herdadea son
 NEW
a spasso col pandaabout endlessnessad astraadults in the roomall this victoryamerican skinandrey tarkovskji. a cinema prayerangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagiearab bluesatlantis (2019)attacco al potere 3 - angel has fallenbabyteethballoonbarnbeyond the beach: the hell and the hopeblanco en blancoblinded by the light - travolto dalla musicaboia, maschere, segreti: l'horror italiano degli anni sessantabombay rose
 NEW
brave ragazzeburning - l'amore bruciaburning cane
 HOT
c'era una volta a... hollywoodcercando valentinacharlie says - charlie dicechiara ferragni - unpostedcitizen kcitizen rosicity hunter - private eyescolectivcorpus christicrawl - intrappolatidelphinediego maradonadora e la citta' perdutadrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampirieffetto dominoel principeelectric swanemaemilio vedova. dalla parte del naufragiofellini fine maifiebre australfulci for fake
 NEW
gemini mangenitori quasi perfettigiants being lonelygive up the ghost
 NEW
gli angeli nascosti di luchino viscontigloria mundigretaguest of honourhava, maryam, ayesha
 NEW
hole - l'abissohouse of cardini diari di angela - noi due cineasti. capitolo secondoi migliori anni della nostra vita (2019)il colpo del caneil criminaleil mostro di st. pauliil pianeta in mareil piccolo yetiil prigionieroil re leone (2019)il regnoil signor diavoloil sindaco del rione sanita' (2019)
 NEW
il varcoio, leonardoit: capitolo 2
 R
jokerjust 6.5kingdom comela fattoria dei nostri sognila legge degli spazi bianchila lloronala mafia non e' piu' quella di una voltala rivincita delle sfigate
 NEW
la scomparsa di mia madre
 NEW
la verita' (2019)la vita invisibile di euridice gusmao
 NEW
la voce del marel'amour flou - come separarsi e restare amicile coup des larmesles chevaux voyageurslife as a b-movie: piero vivarellilingua francal'ospite - un viaggio sui divani degli altrilou von salome'
 NEW
l'uomo che volle vivere 120 annimademoisellemadre (2019)
 NEW
manta raymarriage storymartin edenmes jours de gloiremio fratello rincorre i dinosaurimoffiemondo sexymosulnato a xibetnever just a dream: stanley kubrick and eyes wide shutneviano.7 cherry lanenon si puo' morire ballando
 NEW
non succede, ma se succede...of fathers and sons
 NEW
oltre la buferaparthenonpelican bloodphotographpop black postapsychosiarambo: last bloodrare beastsrevenirrialtoroger waters us + themroqaiarosa (2019)sabbiasanctorumsaturday fictionscalesscherza con i fantise c'e' un aldila' sono fottuto: vita e cinema di claudio caligari
 NEW
searching evasebergselfie di famigliaseules les betessh_t happensshadow of watershaun, vita da pecora - farmageddonsolestate funeralstrange but truestuber - autista d'assaltosubmergencesupereroi senza superpoteriteen spirit - a un passo dal sognothanks!the burnt orange heresythe diverthe great green wallthe king (2019)the kingmakerthe laundromatthe lodgethe long walkthe nest (il nido)the painted birdthe perfect candidatethe rider - il sogno di un cowboythe scarecrowsthey say nothing stays the sametolkientony drivertorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttappostoun monde plus grandverdictvivere (2019)vox luxwaiting for the barbarianswake up - il risvegliowasp networkwomanyesterday (2019)you will die at 20zerozerozero - stagione 1zumiriki

992892 commenti su 42181 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net