the company regia di Robert Altman USA, Germania 2003
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

the company (2003)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film THE COMPANY

Titolo Originale: THE COMPANY

RegiaRobert Altman

InterpretiNeve Campbell, Malcolm McDowell, James Franco, Barbara Robertson, William Dick, Susie Cusack

Durata: h 1.52
NazionalitàUSA, Germania 2003
Generedrammatico
Al cinema nel Marzo 2004

•  Altri film di Robert Altman

•  Link al sito di THE COMPANY

Trama del film The company

Uno sguardo sul mondo del balletto: le storie umane dei ballerini alle prese con le esigenze di una professione straordinaria quanto impegnativa.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   4,82 / 10 (38 voti)4,82Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su The company, 38 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  15/10/2021 16:33:44
   5 / 10
The Company non mi ha convinto per niente, tolte le coreografie dei balletti s'intende. E' ciò che ci dovrebbe essere tra uno spettacolo e l'altro che non prende assolutamente quota. Quasi un Atman svogliato, che non imprime brillantezza ad un soggetto piuttosto canonico al quale tuttavia è privato dell'anima. Emblematica è una frase del Direttore della compagnia, interpretato da McDowell. Non vuole prestazioni belline, ci vuole più vigore ed anima. Ed è applicabile pienamente a questo film: manca una vera anima che i personaggi non riescono a dare ed un contesto tutto sommato anonimo e privo del necessario spessore.

Goldust  @  12/06/2018 11:30:36
   4½ / 10
L'omaggio di Altman al balletto classico ed alle dinamiche da dietro le quinte teatrali - fatte di speranze e delusioni di ballerine ed addetti ai lavori - non riesce mai ad andare oltre al bozzetto ed all'esercizio di stile un po' fine a se stesso, naufragando in un mare di piroette e luoghi comuni sulla rigidità della disciplina e le difficoltà di far quadrare i bilanci della compagnia di ballo. Se dal punto di vista "spettacolare" la pellicola riesce a tenere botta anche con uno spettatore non appassionato come il sottoscritto, la noia si impone prepotente quando ci vengono presentate le vite private dei protagonisti, assolutamente prive di interesse in ogni loro frangente. Ed il risultato d'insieme non può che risultare negativo.

DarkRareMirko  @  14/03/2018 23:38:31
   8½ / 10
Sottovalutatissimo; il film è un vero atto di amore da cast e crew nei confronti della danza fatto in totale disinteresse riguardo al botteghino (ed infatti credo che il film sia stato un flop).

Ben fatto ed interpretato (la Campbell lo produsse pure e McDowell fece già un cameo ne I protagonisti) devia, come già detto, da qualsiasi logica mainstream finendo per filmare, semplicemente, danza e companatico con, sottointesa, un filo di trama.

Non per tutti, ma è un cinema altro, e per me basta per vederlo ed apprezzarlo.

Filman  @  11/08/2015 13:57:51
   4 / 10
La volontà di sperimentare nuove narrazioni cinematografiche, sempre appartenuta a Robert Altman, coincide con una dimostrazione delle sue stesse esperienze rappresentate dalla vicinanza all'ambiente teatrale, espressa in THE COMPANY con una descrizione sintetica di scenografie di danza moderna e una visione piatta del contesto esistente dietro le quinte, intermezzi che costruiscono una storia simile ad una fiction scadente e sconclusionata condita da balli molto belli diretti in modo molto povero.

scantia  @  12/11/2013 02:53:37
   5 / 10
Chiunque suoni uno strumento elettronico ha familiarità con un aggeggio chiamato compressore, un dispositivo che agisce sul suono emesso smussando tutti i picchi di volume: alza il segnale dove è troppo basso, lo abbassa dove è troppo alto, sostanzialmente lo comprime e lo limita in un range prestabilito dall'utente.
Questo noioso pippone iniziale per dire che questo film sembra girato con una sorta di "compressore narrativo", un film piatto che più piatto non si può.
Ogni elemento, ogni spunto narrativo sembra piallato, levigato, con l'unico scopo di rendere tutto irrimediabilmente noioso, totalmente privo di ritmo, di tensione drammatica, come qualcuno ha già osservato è un documentario privo del ruolo-guida della voce fuori campo.
Tutto è appena accennato, superficiale, trattato quasi con disinteresse, la rappresentazione dell'ambiente che gravita intorno alle compagnie di ballo, i rapporti interpersonali, la descrizione tecnica e organizzativa degli spettacoli,
il risultato finale è un susseguirsi di prove e balletti senza un filo narrativo e questo è l'aspetto più disarmante del film: si potrebbe prendere una qualunque scena centrale, una all'inizio, una alla fine, scambiarle reciprocamente di posizione e nulla cambierebbe nell'economia del film perchè di fatto...la storia non c'è!
C'è una scena assolutamente emblematica di tutto il film: durante le prove una ballerina improvvisamente si accascia a terra e con un'espressione assolutamente rilassata, quasi assente, dice di essersi rotta il tendine di Achille...niente urla di dolore, nessuna reazione emotiva da parte sua o dei colleghi vicini, viene portata fuori si riprendono le prove e di lei non sapremo più nulla. Una scena il cui potenziale drammatico viene incomprensibilmente sacrificato ed inserita a caso nel flusso della non-narrazione.
Brutto passo falso per Altman che si salva appena per la realizzazione tecnica, ma non basta, si finisce col rivalutare pret-a-porter.

topsecret  @  18/02/2013 16:12:07
   5 / 10
Personalmente non ho nulla contro il balletto ma il problema è che non ho nemmeno niente a favore. E se con questa premessa sottolineo che i soli momenti che mi hanno coinvolto sono proprio quelli in cui si rappresentavano scene danzanti, allora non è difficile capire che il resto del film è totalmente insoddisfacente, soporifero e mortalmente noioso.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  10/06/2010 20:43:03
   5 / 10
Mi piange il cuore nell'assegnare un voto tanto insulso ad un film di un grande maestro del cinema. Ma francamente "The company" è proprio bruttino, un film ansiogeno e lamentoso, obbiettivamente insostenibile per i non avvezzi al verbo della danza nella sua forma più rigorosa. Restano alcune splendide pagine di cinema 'tra palco e realtà' in cui si avverte la presenza dell'occhio critico di Altman (bellissima la sequenza di una minaccia atmosferica che disturba un esecuzione e getta nel panico il pubblico) e il talento della Campbell, ex ballerina e mente dell'intero progetto. Per il resto, calma piattissima.

Invia una mail all'autore del commento Totius  @  22/02/2010 00:45:13
   4½ / 10
Lo vidi a Roma quando uscì. Ricordo di avere sofferto non poco. Una noia mortale. E una storia/non storia.
Mi riservo il beneficio del dubbio: che sia il tema della danza in sè??
Che chi ami la danza lo possa giudicare con altri occhi??

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  01/12/2009 22:04:25
   6 / 10
Consiglio la visione di questo film solo a chi è ben disposto verso l’arte della danza o verso l’arte in generale. Lo scopo del film è proprio quello di fornire una dimostrazione visiva di cosa sia la danza e come sia fatto esteriormente l’ambiente e le persone che la praticano.
C’è da dire che il film non va più di questo e dà del mondo della danza tutto sommato una visione forse superficiale o almeno meramente spettacolare ed esteriore. Manca lo sguardo approfondito nel dietro le quinte o il rapporto con il mondo esterno. Non viene secondo me espresso a dovere e a fondo l’enorme mole di lavoro e sacrificio che comporta dedicarsi alla danza. A questo proposito l’extra del dvd è molto più chiaro. La testimonianza di chi ha vissuto a stretto contatto con i veri ballerini, per una volta attori di un film, è uguale per tutti: grande ammirazione per il sacrificio, il lavoro, la passione. Nel film questo aspetto forse sfugge un po’. In compenso la bellezza e la suggestione delle immagini ripaga ampiamente lo spettatore sensibile all’arte.
La struttura del film ricalca lo schema tipico di Altman: assenza di trama vera e propria, mancanza di un vero protagonista, susseguirsi di sketches di vita normale. La novità stilistica di questo film è il fatto che si riprendono ampi pezzi degli spettacoli, trasformando il cinema in una specie di televisione (sarà così anche in Radio America).
Manca poi il contrasto, l’interazione etica fra i vari spezzoni. Il tutto diventa un flusso univoco, con lo stesso tono e lo stesso sentimento un po’ neutro da spettatori benevolenti. Non ci sono grosse emozioni. Prevale la contemplazione. Il rischio della noia e della distrazione è purtroppo dietro l’angolo.
Qualcosa un po’ filtra delle tensioni, degli sforzi, dei rischi, dei fallimenti, del frenetico vivere, ma tutto è immerso nella fiducia e nell’amore che tutti provano per l’arte, la grande consolatrice dell’umanità secondo l’ultimo Altman.
E’ chiaro l’intento consolatorio e di rifugio (la danza è come un mondo a sé, il resto è quasi inesistente) che caratterizzerà anche Radio America.
Insomma, si tratta di un film appassionante per un addetto ai lavori, bello da vedere per chi ama l’estetica dell’immagine, soporifero per gli altri. Scegliete voi.
A me non è poi dispiaciuto. Come sono bravi i ballerini, mamma mia.

Invia una mail all'autore del commento monica83  @  11/04/2009 22:29:46
   4 / 10
Di solito mi piacciono i film sul ballo ma questo è davvero troppo noioso..sarebbe stato meglio vedere meno coreografie e una storia più interessante

rizz85  @  10/08/2008 20:46:40
   1 / 10
questo è un film?boh se la danza non è la vostra passione vi consiglio di evitarlo,due ore di balletti,dialoghi zero o quasi,un film senza senso, 6 euro buttati

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  02/03/2008 14:38:17
   7 / 10
È un piccolo omaggio alla danza classica che non ha pretese alcune, non capisco la media così bassa Non è neppure un brutto film.
Gli interpreti ci sanno fare, soprattutto la splendida Neve Campbell, io sono un profano di quest’arte, non toglie però che non mi dispiaccia stare a guardare.

scorpion  @  13/09/2006 20:06:30
   10 / 10
ma come si fa a dare voti così bassi ad un capolavoro così bello?!è stato uno dei film più belli che io abbia mai visto!mi ha lasciato senza fiato...forse chi ha fatto commenti negativi è un ignorante del genere danza

2 risposte al commento
Ultima risposta 12/08/2015 17.37.33
Visualizza / Rispondi al commento
Ecio  @  02/04/2006 22:19:48
   6½ / 10
Mi è piaciuto. E' freddo nel descrivere questa compagnia di ballo dove coesistono gioie, drammi e immancabilmente amori. Certo la trama non coinvolge pienamente e la storia è un po' soffocata dalle stupende atmosfere dei balletti. Non sarà il miglior Altman sicuramente, ma lo salvo e regalo mezzo punto per l'interpretazione di McDowell, perfetto nella parte.

Giulio R C  @  30/12/2005 14:20:16
   6 / 10
Che cattiveria, capisco che il film non c'abbia un filo di trama, ma i balletti sono davvero bellissimi e sono piaciuti a me che non me ne intendo di danza, figuriamoci ai ballerini. Certo non è un capolavoro ma non è da disprezzare del tutto

Invia una mail all'autore del commento alias1  @  11/07/2005 19:31:54
   3 / 10
poteva essere molto meglio!!! un film che non consiglierei neanche al mio peggior nemico!!!non vedevo l'ora che finisse!!!

wuwazz  @  05/06/2005 15:22:03
   4 / 10
Che palla di film....Quasi non esiste la trama.... Mi sembrava di vedere il dvd del saggio di danza della mia ragazza, niente di più e niente di meno. Capisco che Magari a chi piace la danza può piacere questo "saggio-film" (nuovo genere inventato da me in questo momento)..... Ma non posso concepire discorsi tipo: "comunque (in generale) un bel film: voto 8!".
Se il regista invece di Altman fosse stato un giovane esordiente di nome Tobbey (nome inventato) questo film non avrebbe neanche visto la luce, anzi, il buio di una sala cinematografica.... e comunque Se per qualche oscuro motivo il film fosse comunque riuscito ad arrivare al cinema adesso su questo sito la media dei voti sarebbe stata più bessa.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  05/06/2005 14:16:40
   6 / 10
Da ammiratore incondizionato di Altman, ho cercato spesso di comprendere anche i suoi passi falsi, equilibrati da una certa vena ehm analitica sociale - tipo "terapia di gruppo", "pret-a-porter" o "dottor T e le donne". Con "the company" ci riesco solo in parte. Che A. sia ancora capace di guizzi di genio è fuori discussione (v. Short cuts o il sarcastico Gosford Park, ingiustamente bistrattato su questo sito), ma è anche inaccettabile che possa realizzare opere su commissione. The Company ovvero la forza dellì'affiliazione artistica: a tutti gli effetti un'opera di propaganda per divulgare il talento creativo della Joffrey Ballet di Chicago. Lo stile di Altman c'è sempre: un po' accademico, se vogliamo, ma capace anche di farmi vincere la mia reticenza e il generale disprezzo per la danza con coreografie di indiscusso valore Mi sorprendo comunque che a nessuno la prima di Ry sulle note del Lago dei cigni, in un'atmosfera surreale di un'imminente temporale abbia suscitato alcunchè. Il resto è il trionfo del "below the stage", attraverso i clichè e i canoni estetici del sacrificio che da Billy Elliott all'ultimo insopportabile Kaige passano dritti nei salotti dei reality di Maria de Filippi. Poca cosa, in fondo, se messo in relazione con un romanzo di Sinclair Lewis, "bethel arriva a Sladesbury" e ai sogni teatrali della sua protagonista. Il guaio è che in questo schema (ancora una volta) corale e piuttosto ecumenico Altman ci convive almeno come metafora (vaga) del potere aggregativo di un sistema. Ma non è Micheal Powell e si vede: a tratti ci si annoia, nello spiccato snobismo della Nobile Arte e di un fin troppo conciliante ambiente. La danza come teatro di vita... dove ho già sentito questa storia? Con le parole di McDowell "l'unica luce di sè che un uomo puo' lasciare su questa terra è la sua luce". Abbagliato dai riflettori o dalle coreografie (un trionfo del kitsch la rappresentazione finale neanche Stayin' alive era arrivato a tanto) lascio l'indubbia classe alla sua integrità artistica con i dubbi che già operazioni à la Moulin Rouge o Chicago (meglio il secondo) non sono mai riuscite a entusiasmarmi questione di effetto etico, e di una troppo larvata supremazia estetica

erighi  @  23/11/2004 18:17:16
   3 / 10
una noia mortale mi sono addormwntato quasi al cinema!!!!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Andre85  @  02/11/2004 19:51:30
   1 / 10
mio dio che orrore!! praticamente è un documentario sulla danza classica.
c sn andato spinto dalla mia ragazza (che balla) e penso che in sala sia piaciuto solo a lei.

3 risposte al commento
Ultima risposta 11/07/2005 19.37.37
Visualizza / Rispondi al commento
Lidia  @  09/09/2004 23:57:51
   4 / 10
Questo regista ha davvero un bel coraggio...........complimenti!!!

1 risposta al commento
Ultima risposta 05/06/2005 13.51.00
Visualizza / Rispondi al commento
genni  @  10/07/2004 15:45:05
   6 / 10
BELLE COREOGRAFIE,BRAVI BALLERINI,XRO 1 KOPIONE BREVE,1 PO STUPIDO E KE LASCIA A DESIDERARE,NEL FILM NN CE 1 VERA TRAMA,MA SOLO BALLETTO,ANKE 1 PO SURREALE,XRO NELL INSIEME 1 BUON FILM

Gruppo COLLABORATORI gerardo  @  27/06/2004 13:25:39
   7 / 10
Film delicato dalla maestria di Altman. Monotematico, non si distacca mai un momento dal contesto della danza, ma per fortuna ci risparmia la sindrome da Saranno famosi.

1 risposta al commento
Ultima risposta 24/12/2004 00.55.03
Visualizza / Rispondi al commento
ceci  @  15/06/2004 21:21:48
   2 / 10
dopo tanto che non riuscivo a farlo ho dormito davvero bene.. grazie altman

Invia una mail all'autore del commento Miss Blonde  @  19/05/2004 22:04:00
   4 / 10
Anche se Malcolm McDowell (spero si scriva così) è bravo, non riesce a salvare i film che rimane melenso ed insensato...

Sandpipers  @  13/05/2004 12:27:21
   4 / 10
piuttosto noioso.....rapprresentato anche abbastanza male! brutto il tentativo di inserire una storia che alla fine si rivela piuttosto inutile e inesistente!

licurgo  @  08/05/2004 01:42:15
   1 / 10
Devo dire la verità è stata un'agonia!

lupo.blu  @  28/04/2004 17:19:25
   7 / 10
La storia non c'è, si respira solo l'aria e l'atmosfera, si coglie il senso della magia della danza grazie alle scene dei balletti, meravigliose com el acolonna sonora.

Altman si conferma un maestro anche se la sceneggiatura è troppo scarna.
Bella e sorprendente Neve Campbell.

Ciao!

sofonisba  @  25/04/2004 20:19:19
   5 / 10
Veramente stupendi i balletti ma il tentativo di inserirvi una storia è veramente pessimo perchè va toccando un po tanti argomenti senza concluderne nemmeno uno e lasciando lo spettatore insoddifatto e incredulo se la storia è così poteva evitarla del tutto il film avrebbe reso di più soltanto con i balletti....

Rama  @  09/04/2004 00:09:23
   8 / 10
un grande altman, che riproduce in scala e decontestualizzando, anzi, ricontestualizzando, una nashville nella chicago della danza

1 risposta al commento
Ultima risposta 25/04/2004 06.30.30
Visualizza / Rispondi al commento
paegasus  @  08/04/2004 12:28:07
   10 / 10
film STUPENDO! CAPOLAVORO!
cavolo ragazzi qui parlate senza cognizione di causa! sappiate cosa è la danza prima, sudate in una sala prove per 18 ore al giorne e poi capirete la storia del film: a questo punto mi ritengo fortunato, io ho capito la trama e apprezzato tanti particolare che forse sfuggono a chi si aspetta un filmetto con i bacetti, la storia d'amore e il lieto fine. ragazzi fatevi una cultura prima di parlare!
Fabbio

13 risposte al commento
Ultima risposta 13/09/2006 20.10.59
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Travis barker  @  07/04/2004 17:29:23
   1 / 10
brutto

4 risposte al commento
Ultima risposta 11/07/2005 19.35.46
Visualizza / Rispondi al commento
valkiss  @  07/04/2004 10:15:56
   1 / 10
Mi sento davvero in obbligo di sconsigliare assolutamente la visione di questo film che poi tanto "film" non è quanto più che altro un documentario di danza contemporanea e classica!
E' privo di trama e i personaggi non hanno ruoli ben definiti all'interno della storia già di per sè inesistente.Tensse almeno una super colonna sonora...invece no!
Non buttate i soldi!

Vaiolo  @  04/04/2004 14:21:39
   6 / 10
Probabilmente, è uno di quei film, che il pubblico distruggerà e la critica innalzerà, il mio giudizio sta nel mezzo, il mio animo "popolare" mi dice che questo film è una promessa non mantenuta, i trailer, la pubblicità, e anche l'attrice protagonista, creano delle false aspettative, in un film che non è convenzionale, e questo volenti o nolente pesa sul mio giudizio, dall'altra parte, il mio giudizio "critico" , premia il coraggio del film, un "finto" documentario, una narrazione frammentaria ma una sequenza di immagini che creano un contesto chiaro e ben delineato, la scelta di far ascoltare il rumore dei passi dei ballerini sul palco, è un sottile messaggio che il regista vuole dare allo spettatore, che come un voyeur spia la vita di questi ballerini da dietro le quinte, purtroppo molti di questi espedienti non hanno raggiunto il loro obiettivo, ad esempio il sacrificio del ballerino che dorme dove può, o del ragazzo sballottato dal padre, sono cenni di vita reale non propriamente trattati, tuttavia non mi sento di crocifiggere il regista , il giudizio complessivo è la sufficienza, avrebbe potuto essere migliore, se il mercato della promozione non avesse creato false aspettative nel pubblico pagante.

Saluti


2 risposte al commento
Ultima risposta 29/04/2004 13.08.35
Visualizza / Rispondi al commento
*Cate*  @  02/04/2004 21:08:53
   6 / 10
Appena sufficiente solo per la fantasia e i colori dei balletti...per il resto il film,anzi, il documentario è tutta una serie di scene senza una consequenzialità logica! L'intento del regista era forse quello di cogliere sentimenti ed emozioni di un altolocato mondo della danza ma in realtà non traspare dalla pellicola un sentimento a pagarlo oro! Ci si aspetterebbe una storia d'amore sentita, invidie, gelosie, competizioni che in quell'ambito sono presenti più che mai...e invece niente!

brunobruno  @  30/03/2004 15:31:42
   7 / 10
Mi ha accompagnato dolcemente dentro l'ambiente della danza. Ottima fotografia bellissimi i balletti. Bravo Alt.
I tuoi films non hanno lo scopo di stupire, ma di far conoscere.
Non tutti lo sanno....

1 risposta al commento
Ultima risposta 30/03/2004 22.55.45
Visualizza / Rispondi al commento
Butterfly  @  28/03/2004 01:29:25
   1 / 10
se c'era lo zero era il suo.. E' un film piatto senza una sequenza logica e privo di effetti o emozioni....

Gruppo REDAZIONE maremare  @  28/03/2004 00:34:16
   4 / 10
Inutile film di un Altman senile.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 NEW
abigail (2024)accattaromaancora un'estateanother endanselmarcadianaugure - ritorno alle originiautobiography - il ragazzo e il generaleback to blackbrigitte bardot forevercattiverie a domicilioc'era una volta in bhutanchallengerscivil warcoincidenze d'amorecome fratelli - abang e adikconfidenzadamseldicono di tedrive-away dollsdune - parte duee la festa continua!ennio doris - c'e' anche domanieravamo bambinifantastic machinefino alla fine della musicaflaminiaforce of nature - oltre l'ingannogarfield - una missione gustosaghostbusters - minaccia glacialegli agnelli possono pascolare in pacegodzilla e kong - il nuovo impero
 NEW
i dannatii delinquentii misteri del bar etoile
 NEW
if - gli amici immaginariil caso josetteil cassetto segretoil coraggio di blancheil diavolo e' dragan cyganil gusto delle coseil mio amico robotil mio posto e' quiil posto (2024)il regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoil teorema di margheritaimaginaryinshallah a boykina e yuk alla scoperta del mondokung fu panda 4la moglie del presidentela profezia del malela seconda vitala terra promessala zona d'interessel'estate di cleolos colonosmay decembermemory (2023)
 NEW
metamorphosis (2024)monkey manmothers' instinctneve (2024)
 NEW
niente da perdere (2024)non volere volareomen - l'origine del presagio
 HOT R
povere creature!priscillarace for glory - audi vs lanciarebel moon - parte 2: la sfregiatricered (2022)ricky stanicky - l'amico immaginario
 NEW
ritratto di un amoreroad house (2024)samadsaro' con tese solo fossi un orsosei fratellishirley: in corsa per la casa biancasolo per mesopravvissuti (2022)spy x family code: whitesull'adamant - dove l'impossibile diventa possibile
 NEW
superlunatatami - una donna in lotta per la liberta'the animal kingdomthe fall guythe rapture - le ravissementtito e vinni - a tutto ritmototem - il mio soletroppo azzurroun altro ferragostoun mondo a parte (2024)una spiegazione per tutto
 NEW
una storia neravita da gattovite vendute (2024)zafira, l'ultima reginazamora

1050658 commenti su 50771 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BLACKOUT (2023)BURNING DAYSCABRINICURSE OF HUMPTY DUMPTY 3GORATHHUMANEIL CLAN DEL QUARTIERE LATINOIL MOSTRUOSO DOTTOR CRIMENIL PRINCIPE DEL MIO CUOREIL SENSO DELLA VERTIGINELA NOTTE DEGLI AMANTILEDALISA FRANKENSTEINMAGGIE MOORE(S) - UN OMICIDIO DI TROPPOMORBOSITA'ONCE WITHIN A TIMEPENSIVEQUESTA VOLTA PARLIAMO DI UOMINISONG OF THE FLYTERRORE SULL'ISOLA DELL'AMORETHE AFTERTHE CURSE OF THE CLOWN MOTELTHE DEEP DARKTHE JACK IN THE BOX RISESTHE PHANTOM FROM 10.000 LEAGUES

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net