the wall regia di Alan Parker Gran Bretagna 1982
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

the wall (1982)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film THE WALL

Titolo Originale: THE WALL

RegiaAlan Parker

InterpretiBob Geldof, Christine Hargreaves, James Laurenson, Eleanor David, Kevin McKeon, Bob Hoskins

Durata: h 1.39
NazionalitàGran Bretagna 1982
Generedrammatico
Al cinema nel Settembre 1982

•  Altri film di Alan Parker

Trama del film The wall

Pink, il cantante di un gruppo rock, prima di salire sul palco per un nuovo concerto, trova spunto in un film di guerra per rivivere gli episodi più importanti e non sempre felici di tutta la sua vita.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,66 / 10 (59 voti)8,66Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su The wall, 59 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

libero1975  @  06/05/2017 00:03:50
   10 / 10
Capolavoro...ho la pelle d'oca

Jumpy  @  24/11/2015 23:09:46
   8 / 10
La prima volta che lo vidi avevo all'incirca 14 anni. Rimasi shockato per giorni dall'impatto visivo ed emotivo della combinazione tra film+cartoni animati+musica.
Sopratutto nella prima parte, quando il tema della guerra è vivido e palpabile, il mix mi è sembrato particolarmente riuscito.
Dopo, col procedere del film, volutamente, le atmosfere diventano sempre più sognanti e allucinate.

ferzbox  @  05/03/2015 18:34:22
   8 / 10
Opera magistrale che riporta tramite la storia di un cantante rock(tale Pink,ma guarda un pò),uno dei più grandi e storici album dei Pink Floyd: The Wall.
Il lavoro svolto da Alan Parker è stato quello di raggruppare quasi tutte le musiche dell'album seguendo un filo conduttore comune; Pink rivive la sua infanzia difficile tramite i ricordi dei personaggi che più gli rimasero a mente....come la madre possessiva,l'insegnante severo e la scoperta della sessualità,ricollegando il tutto alla sua vita presente da rock star vittima della droga e della società; questo percorso porterà ad una meta di pura follia dove il nostro caro Pink dovrà fare i conti con se stesso ed il suo muro di confine tra sanità e insanità mentale.....
Il film è visto comunque come un lunghissimo videoclip,intervallato da momenti dove prevalgono dei disegni animati meravigliosi(sopratutto in termini di immagini).
Si parla di un'opera ben fatta e ben diretta; geniale per i patiti dei Pink Floyd e molto interessante per chi ama questo genere di pellicole.
Esperienza interessante e visionaria sui bellissimi pezzi che compongono il titanico "The wall".....
...parliamo di uno dei gruppi musicali più longevi mai esisti insomma......mica cazzì....

9 risposte al commento
Ultima risposta 06/03/2015 12.27.15
Visualizza / Rispondi al commento
Beefheart  @  25/03/2014 12:06:17
   8½ / 10
Che dire? Adoro da sempre i Pink Floyd e The Wall, anche se non è il mio album preferito, ha comunque il suo bel perchè e questa versione cinematografica gli rende giustizia grazie alle mitiche sequenze animate, ottimamente alternate ad altrettanto ottime filmate, dalle quali, fotogramma per fotogramma, trasuda una grottesca atmosfera british a dir poco inquietante. Non male nemmeno Bob Geldof nei panni del protagonista squilibrato.
Musiche, che te lo dico a fare?

adrmb  @  15/01/2013 22:57:02
   9 / 10
Connubio perfetto tra immagini e immense musiche dei Pink Floyd.
Be' che dire poi, caratterizzazione del protagonista superba, regia attenta e curata, segmenti animati disegnati come Dio comanda e fluidissimi, alcune scene sono davvero mozzafiato.
Da vedere e rivedere, fino ad apprezzarlo fino in fondo.

foradeicopi  @  13/01/2013 11:35:32
   9 / 10
Nel suo genere un gioiellino...se si amano i pink floyd, se si ama la musica non si può non vederlo...merita la visone, anche piu volte.

Crazymo  @  30/07/2011 23:19:21
   9 / 10
Capolavoro d'immagini. Immenso videoclip che fonde perfettamente suoni a immagine, dal capolavoro "The Wall" del 1979 (E come sempre amo ripetere per quasi ogni album che sento nominare, cel'ho originale in vinile! Anche se ne furono vendute cosi' tante copie che non penso abbia molto valore... affettivo ne ha di certo a palate!) come poteva non uscire un bellissimo film?
Comfortably Numb... Another brick in the wall... Hey you... capolavori... adesso mi vengono queste... Empty Spaces...Waiting for the worms... mi vengono solo questi... ma potrei andare avanti per ore. Capolavoro

Lory_noir  @  24/06/2011 19:22:14
   7 / 10
Sicuramente originale e visionario, però anche se l'ho apprezzato non lo rivedrei.

googar  @  30/05/2011 21:13:53
   8½ / 10
sarà perchè amo i pink floyd ma ogni momento di questo film sembra calzare perfettamente con le canzoni e con le immagini animate e lucrubi allo stesso tempo...molto riuscito!

1 risposta al commento
Ultima risposta 30/05/2011 22.02.19
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  23/04/2011 15:40:43
   7 / 10
Non credo sia un capolavoro della cinematografia anche perchè il matrimonio fra l'animazione e le meravigliose canzoni dei Pink Floyd non funziona poi tanto bene se visto con uno stato di coscienza diverso dall'intenzione, dalla magia, che Parker e Gerald Scarfe hanno tentato di imprimere a questo film. Curioso esperimento che mette in luce due cose: abilità di commercializzazione e lo psichedelico mondo dei Pink Floyd. Fate voi.

3 risposte al commento
Ultima risposta 26/04/2011 01.09.20
Visualizza / Rispondi al commento
tnt.dan  @  12/01/2011 11:10:36
   8½ / 10
anke se per molti non è un film, ma solo un lunghissimo videoclip, x me resta un capolavoro assoluto...certo sono un accanito fan dei pink floyd quindi il mio giudizio parte un pò prevenuto... cmq sempre fantastici

1 risposta al commento
Ultima risposta 22/01/2011 16.57.43
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  18/10/2010 18:47:48
   6½ / 10
Avere a che fare con Roger Waters credo sia già un'impresa titanica. Portare in immagini il capolavoro assoluto che è The Wall era impossibile. Premetto che io The Wall lo so tutto a memoria, non è per fanatismo che non apprezzo il risultato. Anche Geldof tutto sommato ce la mette tutta. E'che il risultato di questo film è deludente. Il film si trascina in più parti. E dire che la struttura stessa dell'album è molto cinematografica ("In the Flash?", e poi tutto flashback fino a "In the flash", di nuovo). Le immagini, soprattutto nei cartoni di Scarfe, sono a tratti magnifiche. Ma il fatto che abbiano addirittura dovuto tagliare "Hey you" dimostra quanto sia pesante a video un film che non è nemmeno 1 ora e 3 quarti. La musica è troppo superiore alle immagini e alla fine lo si guarda come un videoclip... E comunque "Nobody Home" è il mio pezzo preferito nell'album.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Angel Heart  @  18/09/2010 12:53:45
   6 / 10
Nonostante l'affascinante e curatissima confezione (con le ottime sequenze cartoons, la regia psichedelica di Parker, e la musica orgasmica che accompagna il tutto), questo lunghissimo videoclip, a mio parere, rimane tra le più grosse e furbe mattonate della storia del cinema. Troppo confuso, contorto e pesante per poter coinvolgere, anche se si cerca di cogliere tutti i significati che si nascondono tra le immagini (senza un filo logico) e i testi.
Decisamente inacessibile per chi non apprezza i Pink Floyd (e sia ben chiaro che non è il mio caso).
Un 6 solo ed esclusivamente per l'ottima realizzazione. E credo di poter confermare, con (quasi) assoluta certezza, che è stata l'ora e mezza più interminabile di tutta la mia vita.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento matteo200486  @  18/09/2010 11:53:12
   8 / 10
Sarà una genialata del marketing, sarà un lungo videoclip, ma questo film di Parker mi ha sempre molto emozionato.
Grandissimi i Pink Floyd.

guidox  @  18/09/2010 11:01:13
   8½ / 10
sicuramente d'impatto, anche se nel conto va messo che girare un film su un album dei Pink Floyd non è poi questa impresa titanica, dal momento in cui a prescindere dalla musica, il gruppo è sempre stato all'avanguardia anche sull'arte visiva (avete presenti le copertine dell'album??) e oltretutto sono sempre storie con canzoni legate tra loro, che fra l'altro iniziano e finiscono anche con altri titoli posti in mezzo.
insomma, volendo un film sui loro lavori (togliendo il discorso colonna sonora già affrontato ad inizio carriera) lo si può realizzare senza neanche troppa immaginazione, perchè ti hanno già detto tutto loro.
detto questo, c'è comunque da dire che la realizzazione è ottima, specie per l'epoca e che l'idea di essere un mega videoclip non guasta poi neanche più di tanto, visto che praticamente il concetto stesso di videoclip in fondo l'hanno inventato i Pink Floyd nel '67 o giù di lì e che a livello scenico hanno insegnato cosa vuol dire fare un concerto praticamente a chiunque sulla faccia della terra.
poi trovo inutile fare le pulci alle varie fasi.
Barrett, Waters, Gilmour...probabilmente sfugge ai più che se per oltre 40 anni i Pink Floyd fossero stati solo quelli degli esordi o solo quelli senza Barrett, non sarebbero stati i Pink Floyd.
artisti a tutto tondo, sperimentatori, geni.
quindi nella loro carriera ci sta benissimo anche un film come The Wall, che poi è l'album che più si adatta alla trasposizione.
poi che discorsi...preferisco anch'io altri album, ma mica il dover fare l'esperto a tutti i costi mi può far dare un voto basso come se avessero fatto un film su un album di Gigi D'Alessio...

TheLegend  @  07/06/2010 16:01:10
   8 / 10
Ho visto questo film senza avere una conoscenza profonda dei Pink Floyd e della loro musica.
Sono rimasto piacevolmente sorpreso.
Praticamente un grande videoclip pieno di significato.

kullaz  @  07/03/2010 15:35:39
   1 / 10
dai, non prendiamoci per il c.ulo. I pink floyd del pessimo "the wall" che fanno il videoclip per ragazzini sovversivi. uno schifo patinato.
un film su "the piper at the gates of dawn", quello sì che sarebbe stato interessante. Magari girato da syd!

1 risposta al commento
Ultima risposta 07/03/2010 16.51.30
Visualizza / Rispondi al commento
Mister Pink  @  23/02/2010 19:16:02
   10 / 10
mettete insieme uno dei migliori gruppi della storia, un gran regista e a mio avviso il loro miglior album (insieme a the dark side of the moon) e può venirne fuori solo un capolavoro...
tetro, emozionante, intenso...pieno di significati. era da tanto che non provavo emozoni cosi forti davanti ad un film. da vedere e rivedere...e da studiare...
....it's just another brick in the wall....

Ciaby  @  31/12/2009 13:57:18
   10 / 10
Tenebroso epitaffio dello star system.
Non servono parole, poi, sulla magnifica colonna sonora ad opera di un gruppo che entra sicuramente tra i dieci più talentuosi di sempre.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  16/10/2009 22:05:42
   5 / 10
Dai, questo videoclippone non mi ha detto proprio nulla. Ah, e premetto che “The Wall” è il disco dei Pink Floyd che meno mi piace; troppo hard per i miei gusti, solo che, sapendo che ne avevano fatto il film, ero curioso di vederlo.
Ma non sarà mica bella ‘sta robetta… piena di immagini confuse, che sembrano messe lì tanto per fare, poi mi viene il dubbio se siano pertinenti al testo (a dir la verità non lo so se lo siano, ma non ho voglia di controllare). Insomma, come dice giustamente Jellybelly, non è altro che un lungo videoclip, una pippa che non finisce più.

5 risposte al commento
Ultima risposta 18/10/2009 00.33.46
Visualizza / Rispondi al commento
camifilm  @  13/08/2009 18:53:41
   10 / 10
Il voto è per il film e per tutto quello che esso significa, colmo di significati che vanno oltre alle immagini mostrate.
Il muro... spero che si sia compreso a cosa è riferito, i mattoni, etc etc.
E' un bel modo per spiegare come vanno le cose, e quali sono gli elementi per affrontarle.

Da vedere, Collezionare, Da far sentire e spiegare.
Questa è arte, non è solo musica.
Oggi la musica miele... per fare soldi.
La tecnica non è tutto, ci vuole soprattutto l'animo... e qui siamo al cospetto di un grande lavoro artistico.

Consigliato SI 100000% e più!!!

3 risposte al commento
Ultima risposta 07/02/2013 20.15.52
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  11/07/2009 00:04:32
   8 / 10
Prima di vedere the wall conoscevo i Floyd solo per sentito dire,ma dopo aver visto il film di Parker mi si sono aperti gli occhi,anzi le orecchie.Da anni ormai i Pink Floyd sono i miei musicisti preferiti e dubito che qualcuno prenderà mai il loro posto.Tutto merito di questo film che guardai su sky 4 anni fa. Alle musiche paranoiche e quasi "cattive" dei Floyd si unisce la potenza visiva di Alan Parker che ci reala un gioiello di pessimismo,tanto da rendere il film a tratti anche "disturbante"rispetto al cd,come dirà proprio David Gilmour.Infatti se il cda tratti è dissemnato da sottile ironia,questa sparisce del tutto nel film.The Wall racconta del muro che ci separa dagli altri,di quel muro invalicabile ma invisibile che ognuno di noi potrebbe trovarsi un giorno di fronte,come il protagonista del film,Pink,una rockstar drogata e depressa interpretata da un sufficiente Bob Geldof.Pink scenderà sempre più a fondo nelle sue paranoie fino a diventare leader nazista del suo mondo nel muro.Fino a dover essere giudicato da madri oppressive e mogli adultere,da giudici con le forme di vermi ed altri a forma di ****.
All'inizio il film sarebbe dovuto essere un film concerto ma Alan Parker voleva un film. Anche se Waters passò molto tempo sul set il ruolo di protagonista non fu assegnato a lui come si pensava ma ad un giovane Bob Geldof,ancora lontano dai successivi fasti del Live Aid.Lo stesso Geldof è stato molto criticato per lasua interpretazione sia della pellicola che di 2 canzoni nel film,In the flesh?e In the flesh.Lo stesso Geldof che aveva dichiarato in un intervista anni prima che i Pink Floyd gli facevano schifo.Dal mio punto di vista l'interpretazione di Geldof non è cosi pessima(a parte come canta le poche canzoni,lì si sente la mancanza della voce di waters).Insomma un film da vedere specialmente se non si conoscono i Pink Floyd.

VikCrow  @  13/06/2009 02:37:41
   10 / 10
Grandissimo impatto visivo per un film del tutto atipico.
L'intento di Alan Parker era quello di rappresentare filmicamente la psichedelia dei Pink Floyd. Esperimento riuscito in pieno. La visionarietà sprigionata da "The Wall", scaturisce immagini contorte e convulse, che impressionano ed affascinano allo stesso tempo. Non di facile visione.

Ho anche avuto la fortuna di vederlo in una situazione alquanto particolare.

2 risposte al commento
Ultima risposta 03/09/2009 20.15.41
Visualizza / Rispondi al commento
-Platypus-  @  06/05/2009 16:59:20
   9 / 10
oltre alle musiche, le immagini...

floyd80  @  04/05/2009 01:13:00
   10 / 10
Lo ammetto sono un fan dei Pink Floyd e questo commento sarà sicuramente esagerato.
Ma il film è diretto come un gancio allo stomaco, gli attori sono bravi e la regia asseconda la musica e il concept. Cosa che rende il film ancora più genuino, ancora più vero, ancora più pazzo.

USELESS  @  04/05/2009 00:40:21
   9 / 10
Lo vidi da piccolo verso i 20 anni.
Ne capii la potenza senza comunque afferarla,
ora quando lo rivedo, ogni volta è un colpo nello stomaco.

winston-smith  @  20/01/2009 18:48:18
   10 / 10
Avrei dato 9 a questo film...ma gli spettacolari disegni che caratterizzano questo film lo rendono da 10! Magnifica poi la scena del volatile...

Gruppo COLLABORATORI peter-ray  @  12/12/2008 13:48:12
   9 / 10
Un pezzo di storia.
un' incredibile interpretazione di Bob Geldof.
Da vedere e rivedere fino alla paranoia.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Invia una mail all'autore del commento ufubiu89  @  21/11/2008 10:16:52
   10 / 10
mamma mia capolavoro..ti lascia a bocca aperta.. che musiche poi *_*

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

m***a  @  14/10/2008 23:02:06
   10 / 10
una trasposizione cinematografica del capolavoro musicale dei pink floyd(roger waters). Pink, il protagonista, sembra rivivere tutte le emozioni e le paure del compositore roger waters. sconsiglio questo film a tutti coloro che non amano i pink floyd altrimenti sarà difficile capirlo. Personalmente non aggiungo altro, ogni parola è superflua per descrivere la storia della musica che si chiama THE WALL.

1 risposta al commento
Ultima risposta 14/10/2008 23.52.19
Visualizza / Rispondi al commento
paride_86  @  24/07/2008 01:46:23
   8 / 10
Il regista non si decide mai tra un lungo videoclip o una pellicola in piena regola. Si tratta comunque di un film intenso e suggestivo, sia nelle immagini cinematografiche che nelle scene animate. Bob Geldof molto a suo agio nella parte di Pink; meravigliose (manco a dirlo!) le musiche.

alethai  @  19/06/2008 02:39:22
   10 / 10
Film straordinario che rappresenta la perfetta trasposizione visiva di tutte le paure, le ansie e i drammi dell'autore Roger Waters e dell'umanità intera.
La straordinaria musica di The Wall è ovviamente la protagonista e la sua traduzione in immagini è coinvolgente e sempre adeguata (meravigliose soprattutto le scene di animazione).
Bob Geldof è perfetto nel ruolo di Pink, con i suoi repentini cambi d'umore e attacchi di follia (memorabile la scena della distruzione della camera).
In conclusione, un film assolutamente da non perdere per gli amanti dei Pink Floyd e del concept album The Wall, a mio modesto avviso il migliore della band inglese, proprio per la complessità dell'opera (e l'importanza dei temi esistenziali trattati), che non si ferma solo alla musica ma sfocia nell'immagine cinematografica e nelle particolari rappresentazioni "live"

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  21/05/2008 14:25:23
   10 / 10
Ammetto che non è un film da 10, ma personalmente ha un valore affettivo enorme, visto che con i Pink Floyd ci sono praticamente cresciuto, amando e condividendo i loro sogni e i loro incubi. Parker traspone cinematograficamente le suggestioni e la musica di The Wall equilibrandolo in maniera fantastica con la componente visiva. Geldof è efficace nella sua interpretazione di Pink (un misto fra Barrett e Waters), attraverso il suo progressivo distacco dalla realtà, l'isolamento, la pazzia.

PetaloScarlatto  @  29/02/2008 14:21:05
   10 / 10
visto, rivisto, ascoltato, riascoltato, vissuto, rivissuto.

Delirio all'estremo della musica.

Straordinario, metaforico, impellente.

NECESSARIO

ghiro  @  28/02/2008 17:08:28
   10 / 10
Il musical è chiaramente sullo stile psichedelico dei Pink Floyd.
La parte migliore non può che essere la musica e le immagini stupende che Alan Parker ha voluto inserire.
Un capolavoro andate a vederlo subito!

onda  @  07/12/2007 15:05:22
   7 / 10
Credo che Parker sia riuscito a rendere bene la visionarietà un po' paranoica del grande disco dei Pink Floyd.
Tuttavia, anche per un fan, risulta veramente cupo e deprimente.

eraserhead  @  06/09/2007 01:47:03
   6 / 10
Premessa: ritengo solo i tool degni dei pink floy e solo i pink floyd degni dei tool (in ambito rock progressivo\psichedelico\impatto visivo live). Detto ciò il mio voto è sei, quindi figurarsi se non avessi considerato i pink floyd come uno dei più grandi gruppi musicali di sempre. Aggiungo altro che the wall per quel che mi riguarda non è affatto il più bel lavoro musicale dei pink, vinto dai fasti del periodo barrett. Che altro dire, io avrei lasciato parlare la musica dell'album, questo prodotto mi è sempre sembrato poco sentito e molto commerciale. Tra l'altro non si sente nemmeno "hey you", a mio avviso la canzone più bella..geldof che ci fa lì poi.. Per concludere, questo prodotto non aggiunge nulla a quanto già i pink floyd avevano fatto con la loro folle, sublime, maestosa musica.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo STAFF, Moderatore Invia una mail all'autore del commento Jellybelly  @  31/07/2007 10:12:19
   6 / 10
Sono un patito dei Pink Floyd, ed un amante sconsiderato dell'album "The Wall", ma non sono mai riuscito a considerare il film come un prodotto a se stante, avente una prpria dignità artistica come cinema in quanto tale. L'impresione che ho sempre avuto è quella di un mega videoclippone, visivamente affascinante ma fondamentalmente fine a se stesso e poco coinvolgente; detto ciò, Pink Floyd forever.

12 risposte al commento
Ultima risposta 31/07/2007 17.19.26
Visualizza / Rispondi al commento
desi  @  21/07/2007 17:24:29
   10 / 10
Un album che ha fatto storia per un videofilm che ha incantato i più grandi estimatori della più grande rock band mai esistita...
Paranoico

2 risposte al commento
Ultima risposta 10/09/2007 17.41.40
Visualizza / Rispondi al commento
mrwoolf  @  28/05/2007 02:31:37
   10 / 10
splendido viaggio nella mente del protagonista, che è l'uomo. film violento, sublime, visionario, surreale, psichedelico, tratto dall'album pietra miliare della storia della musica, che lascia PIACEVOLMENTE IMPIETRITI. da top 25

GracieLaw  @  25/04/2007 03:09:29
   10 / 10
Ad Alan Parker va riconosciuto il grande merito di aver saputo realizzare la trasposizione cinematografica dei pensieri tanto disperati e realistici quanto folli di Roger Waters, vero protagonista del film, oltre alla musica, celato dietro la maschera di Pink. The Wall. Un capolavoro. Ma non tanto per la colonna sonora, opera d'arte di per se stessa. Un capolavoro perchè rappresenta l'unione perfetta tra immagine e suono. The Wall è espressione. Espressione della paranoia e della tristezza di un uomo. Dell'uomo. Introspettivo e psichedelico, come nella migliore tradizione che caratterizza i Pink Floyd, si vanta della partecipazione di Gerald Scarfe, che realizza la parte animata del film in maniera a mio parere sublime.
Forse pecco d'imparzialità, essendo i Pink Floyd la mia musica prediletta. O forse questo film è davvero da considerarsi eccezionale. Ma non importa, tanto l'opinione è sempre relativa.
E poi, dopo tutto, è solo un altro mattone nel muro.

gori55  @  25/09/2006 20:06:05
   10 / 10
film strepitoso, riesce perfettamente a trasmettere tutti i diversi stati della malattia mentale di waters in maniera incredibilmente lucida e profonda, come l'album del resto, ma riportalo così bene anche su video è impresa semplicemente UNICA, che solo lo scontro, non oso immaginare i contrasti nella sua realizazzione, tra 3 geni come waters, parker e scarfe poteva partorire. interpretazione magistrale di geldof, che ho a sbagliato mestiere o ,più probabilmente, come attore improvvisato è perfetto nella parte dello psicopatico, visto che anche lui di disagio mentale ne sapeva qualcosa.. Ma voglio andare oltre, per quanto mi riguarda questo non è un semplice film, un opera artistica, è qualcosa di più, è un aiuto che soprattutto waters, volontariamente o no, ha dato a tante persone che come lui hanno conosciuto la disperazione, un punto di riferimento con il quale sentirsi inevitabilmente meglio.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  29/08/2006 02:39:43
   6 / 10
Abbacinante (abbastanza memorabile pero' il messaggio antinucleare piu' o meno celato) ma artificioso cartoon che cerca vanamente di rendere credibili le ossessioni psicologiche di Roger Waters.
Mi spiace per gli ammiratori di questo film e di Alan Parker ma pochissimi hanno trovato efficace (nonostante il suo successo) questo matrimonio (im)possibile tra rock e animazione, semmai un'astuto esempio di marketing, videodipendente, attraverso cui il celebre album dei Floyd è diventato veicolo e simbolo di una società in atto di deflagazione (e successivamente, come vedremo, metamorfosi)

ulisseziu  @  17/07/2006 12:27:46
   9½ / 10
La trama, le immagini (disegni o girato reale che sia) ed i testi delle canzoni sono amalgameti con una coerenza sconcertante.
Visionario surreale strepitoso.

3 risposte al commento
Ultima risposta 25/05/2007 20.30.23
Visualizza / Rispondi al commento
amnesia78  @  15/06/2006 16:03:04
   10 / 10
Un film tratto dal famoso concept album dei Pink Floyd. Una storia allucinata che ho amato fin dalla prima adolescenza. Un immenso affresco di dolcezza e violenza, ricerca di affetto e solitudine, speranza e disperazione... Eros e Tànatos insomma, amore e morte in perenne conflitto. Alla fine di una lunga e titanica catarsi, vincerà l'aspetto più umano del protagonista...

carlitos  @  04/06/2006 11:25:37
   10 / 10
CAPOLAVORO!!!!Originale,visionario e pungente...forse il miglior album dei Pink Floyd(o di Waters?)portato al cinema...straordinario!!!Bellissimi i disegni e molto bravo Geldof...beh,le musiche...no comment!

4 risposte al commento
Ultima risposta 15/06/2006 17.52.05
Visualizza / Rispondi al commento
lorenz!£  @  29/04/2006 10:56:47
   9 / 10
questo film e un viaggio allucinante!!devo dire che prima di questo film non avevo mai avuto occasione di ascoltare i pink floyd... forse e giunto il momento di comprarmi il cd.. colonna sonora e scene da urlo.. un po particolare .... puo non piacere...

1 risposta al commento
Ultima risposta 04/06/2006 11.29.15
Visualizza / Rispondi al commento
tavullia86  @  22/12/2005 17:59:56
   7 / 10
la colonna sonora ovviamnte è da10...non si sa perchè non gli hanno dato l'oscar......il film è troppo particolare....noioso a tratti........ma comunque da vedere......

4 risposte al commento
Ultima risposta 14/06/2006 20.27.05
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI bungle77  @  22/12/2005 15:16:12
   10 / 10
non riesco a dare meno di 10 ai PF... ci sono cresciuto con the wall... grandissima opera del genio di R.Waters. E' inutile girarci attorno, the wall è opera sua... il contributo degli altri è stato minimo...
Il film nato da una serie di litigi infiniti tra Waters e Parker è di sicuro impatto visivo... la parte animata è stupenda e da sola vale la visione del film... Visto con occhi oggettivi sicuramente non è da 10.... resta cmq un film musicale unico nel suo genere

Guy Picciotto  @  25/08/2005 12:22:14
   7 / 10
animals aveva colto lo spirito dei tempi ( il 77 è l'anno del punk e della new wave) e i floyd si adeguano alle nuove sonorità, dato che il prog aveva mostrato la coda, ne esce un album claustrofobico e wave scosso da frenesie punk in pezzi quali pigs e sheep, un disco che mette in musica gli anni di piombo e dell'austerity, i testi sono quanto di più incazzato e punk abbia mai concepito waters, tanto da far coniare all'epoca da un girnalista il nome di "punk floyd", ovvio che dopo una sterzata simile non restava che tirare giù il vessillo finale di una generazione devastata e schiava della materia caduca....the wall è questo , è l'epitaffio finale in chiave paranoica di una generazione.......
a livello di composizione e sonorità , Gilmour ha dato più che il suo contributo e l'opera non è del solo waters come ingiiustamente molti sostengono, senza Gilmour e ezrin il disco non avrebbe suonato così superbamente, comfortably numb è Gilmouriana e si sente,,,,Gilmour presta la voce in questi pezzi: the thin ice prima parte, parte di mother, goodbye blue sky, young lust, parte di hey you, parte di comfortably numb, the show must go on, parte di run like hell, parte di waiting for the worms, oggetivamente troppo per poter affermare che il disco è solo merito di waters, ma per piacere....
Waters è stato l'asse umano e sociale dei floyd post Barrett ma Gilmour ne è stato l'asse musicale: comunque film ottimo, non poteva uscire certo una ****** da un disco monumentale e mitico.

1 risposta al commento
Ultima risposta 16/10/2008 15.14.23
Visualizza / Rispondi al commento
la mia opinione  @  14/08/2005 19:18:21
   10 / 10
Strepitoso omaggio al miglior gruppo della storia e alla sua opera piu geniale. Peccato poi che Waters impazzi' attribuendosi tutti i meriti di una band che non era solo lui.

Philanselmo  @  31/07/2005 20:42:51
   9 / 10
Dò nove solo perchè certi pezzi non li ho capiti del tutto, come quando Pink si mette a capo di quell'organizzazione pseudo nazista che si sviluppa dalla scenografia dei suoi concerti (tra l'altro Marilyn Manson credo che abbia scopiazzato a piene mani da quei fotogrammi per editare il suo look...)
Per il resto veramente un film eccezionale, visionario, allucinogeno....
E poi basta dire "Pink Floyd" per avere garanzie di qualcosa di superbo!

Dark Funeral  @  08/07/2005 03:00:53
   10 / 10
Niente di meglio. Grande Parker.

silvhia80  @  15/06/2005 23:33:00
   10 / 10
Non solo per chi ama la piu' grande opera rock della storia! Film bellissimo, le parti a fumetti sono incredibilmente belle i Pink Floyd si sono riformati e suoneranno a Londra a luglio.. ANDIAMOCI!"

JoJo 2.0  @  28/11/2004 16:13:16
   7 / 10
Nel 1977, 10 anni esatti dopo l'allucinato (ed allucinante) esordio di "The Piper At The Gates Of Dawn", i Pink Floyd come band cessarono di esistere. Con l'uscita di "Animals" difatti la band si trasformò di fatto in semplice esecutrice delle idee di Waters ("The Wall" ed il successivo "The Final Cut" - fatto con gli scarti di "The Wall" -, gli ultimi due album dei Pink Foyd con il paranoico bassista, furono ancor più dei lavori solisti). Tutto questo si fece sentire pesantemente: spariscono le tipiche sonorità intimiste - più che presenti ancora in "Wish You Were Here" del 1975 - e dalla delicatezza avvolgente e trasognante con venature progressive si passò ad un'acustica più potente e dissonante. Anche la maniera di porsi con il pubblico venne completamente stravolta: "Pink Floyd: In The Flesh", il tour che seguì l'uscita di "Animals", fu a dir poco faraonico, con concerti fatti in stadi stracolmi di fronte a decine di migliaia di persone, ovvero esattamente l'opposto rispetto ai concerti intimisti fatti dinnanzi ad un pubblico che ascoltava in religioso silenzio che avevano fatto fino ad allora. Ed è proprio durante il tour del '77 che probabilmente scattò la molla che dopo due anni di travagli avrebbe portato a "The Wall": durante un concerto a Montreal Roger Waters difatti, esasperato da un suo supporter (o, a sua detta, da un ubriacone che era venuto solo a far casino) gli sputò in faccia. In quel momento il bassista ebbe l'effettiva percezione della separazione netta che c'era tra la band e il resto del mondo, come se (appunto) un muro li tenesse distaccati. La cosa colpì l'artista, che dopo due anni di travagli (i primi demo erano molto confusi, e pare che Gilmour - l'unico componente della band ad avere ancora un minimo di voce in capitolo - ed Ezrin abbiano avuto da fare parecchio lavoro di selezione per mantenere un certo livello di organicità nella narrazione che potesse portare alla realizzazione del concept album voluto da Waters) portò nel '79 all'uscita un po' affrettata (la produzione spinse molto per accelerare i tempi per poter agganciare il treno delle vendite di Natale) di "The Wall". Questo concept album di Roger Waters (si dice addirittura che il disco sia uscito come lavoro dei Pink Floyd solo per risolvere alcuni problemi di debiti accumulati dalla Pink Floyd Music Ltd) aveva (ed ha) una fortissima carica visiva, tanto che quando 2 anni dopo si decise di girare un film esclusivamente basato sulle musiche di The Wall non vi furono troppi problemi. Quest'avventura di Pink (il protagonista) è indubbiamente resa molto bene anche dal punto visivo e non solo acustico (azzeccatissime molte immagini), e vi viene rappresentato molto bene il concentrato di paranoie di Waters. E' il muro tra l'artista ed il resto del mondo il protagonista di questo ripercorrimento della vita di una rockstar con i nervi a pezzi (sono presenti anche come omaggio dei riferimenti alla rockstar impazzita per colpa della società per antonomasia, ovvero Syd Barrett) dall'infanzia orfana di un padre caduto in guerra che si trova ad affrontare alienazione, follia, incomunicabilità (forse il tema portante per eccellenza), in una serie di vicissitudini che ben sono descritte dalle nuove sonorità pinkfloydiane volute da Waters. Questo film fa il paio con il più grande successo commerciale dei Pink Floyd (pur essendo un doppio album, "The Wall" è il secondo disco più venduto della band dopo "The Dark Side Of The Moon"), ma, essendo ad esso legato in maniera indissolubile, se ne porta dietro anche i difetti: l'opera è in un certo senso molto "scolastica", ove sono sì presenti ancora alcune finezze stilistiche come il continuo inseguirsi di temi in maniera più o meno evidente durante lo snodarsi del racconto, ma l'atmosfera vellutata che erano maestri nel riprodurre manca totalmente, senza essere però sostituita da altro. Dunque l'armonia, pur parzialmente presente, è imperfetta, monca, sembra continuamente che manchi qualcosa... forse il supporto creativo dei compagni spediti di fatto in pensione da Waters.
Pur non essendo chissà cosa, comunque, "The Wall" rimane un film da vedere, proprio per la potenza visiva che già l'originaria opera squisitamente musicale riusciva ad esprimere.

17 risposte al commento
Ultima risposta 07/12/2004 10.25.07
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento Marla Singer  @  28/10/2004 12:11:54
   10 / 10
Trarre un film di un'ora e mezza (abbondante) da un disco non credo sia semplice, ancora di più riuscire a farne un capolavoro.
un film da collezione, da far Ascoltare e vedere ai nipoti....

morena  @  12/10/2004 16:32:44
   9 / 10
é un film probabilmente apprezzato da chi ascolta i pink floyd, è stata costruita una fantastica storia basata sull'omonimo album "the wall" . penso sia uno dei pochi film che tengo sempre presente.

Gruppo REDAZIONE maremare  @  10/10/2004 15:13:03
   10 / 10
Un film memorabile, dove magicamente le immagini di Alan Parker si sposano alla perfezione con le musiche dei Pink Floyd.
Un vero gioiello le animazioni, bellissime e terribili, di Waters.
Da acquistare in dvd e conservare in videoteca.



Mother

Mother, do you think they'll drop the bomb?
Mother, do you think they'll like this song?
Mother, do you think they'll try to break my balls?
Ooooowaa Mother, should I build a wall?
Mother, should I run for President?
Mother, should I trust the government?
Mother, will they put me in the firing line?
Ooooowaa Is it just a waste of time?
Hush, my baby. Baby, don't you cry.
Momma's gonna make all of your nightmares come true.
Momma's gonna put all of her fears into you.
Momma's gonna keep you right here under her wing.
She won't let you fly, but she might let you sing.
Momma's gonna keep Baby cozy and warm.
Oooo Babe.
Oooo Babe.
Ooo Babe, of course Momma's gonna help build a wall.
Mother, do you think she's good enough,
For me?
Mother, do you think she's dangerous,
To me?
Mother will she tear your little boy apart?
Ooooowaa Mother, will she break my heart?
Hush, my baby. Baby, don't you cry.
Momma's gonna check out all your girlfriends for you.
Momma won't let anyone dirty get through.
Momma's gonna wait up until you get in.
Momma will always find out where you've been.
Momma's gonna keep Baby healthy and clean.
Oooo Babe.
Oooo Babe.
Ooo Babe, you'll always be Baby to me.
Mother, did it need to be so high?




7 risposte al commento
Ultima risposta 28/10/2004 12.21.36
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo STAFF, Moderatore Invia una mail all'autore del commento Lot  @  06/10/2004 15:39:38
   10 / 10
Voto puramente affettivo, dettato dalla morbosa affezione che mi lega al gruppo e a tutto quello che ha fatto.
"The Wall" non è un album, non è un film, è 1 opera che mette insieme arti diverse, dal teatro al cinema, dalla musica alla poesia...
Dopo 25 anni non perde la sua straordinaria capacità evocativa, leggete i testi dell'album prima di vedere il film così lo seguirete meglio.
Venendo esclusivamente al film vorrei dire che nonostante qualche ingenuità dovuta al talento visionario e dispotico di Waters ne viene fuori comunque un'opera compiuta, con passaggi lucidi quanto onirici, un'esperienza sotto tutti i punti di vista.
Eccezionali gli inserti animati, opera di Gerald Scarfe.

Chiudo con il testo di "Nobody Home", a mio parere il pezzo + bello dell'album, dedicato all'ex leader del gruppo Syd Barrett e forse a un'intera generazione.
Curiosità: questo testo, insieme a una citazione da spoon river, è riportato anche nella seconda di copertina della mia tesi di laurea (non ve ne fregherà sicuramente niente ma era x darvi 1 idea della mia paranoia!)


I've got a little black book with my poems in.
Got a bag with a toothbrush and a comb in.
When I'm a good dog, they sometimes throw me a bone in.

I got elastic bands keepin my shoes on.
Got those swollen hand blues.
Got thirteen channels of shit on the T.V. to choose from.
I've got electric light.
And I've got second sight.
And amazing powers of observation.
And that is how I know
When I try to get through
On the telephone to you
There'll be nobody home.

I've got the obligatory Hendrix perm.
And the inevitable pinhole burns
All down the front of my favorite satin shirt.
I've got nicotine stains on my fingers.
I've got a silver spoon on a chain.
I've got a grand piano to prop up my mortal remains.

I've got wild staring eyes.
And I've got a strong urge to fly.
But I got nowhere to fly to.
Ooooh, Babe when I pick up the phone

"Surprise, surprise, surprise..." (from Gomer Pyle show)

There's still nobody home.

I've got a pair of Gohills boots
and I got fading roots...

15 risposte al commento
Ultima risposta 26/11/2008 16.01.44
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place iia riveder le stelleafter midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandalobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecercando valentina - il mondo di guido crepaxcharlie's angels (2019)criminali come noida 5 bloods - come fratellidoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofamosafantasy islandgamberetti per tuttighostbusters: legacygli anni piu' belligretel e hanselgreyhound: il nemico invisibileil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil principe dimenticatoil re di staten islandil richiamo della foresta (2020)impressionisti segretiin the trap - nella trappolala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la sfida delle moglila vita nascosta - hidden lifel'agnellol'anno che verràl'apprendistatol'hotel degli amori smarritilontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marianne e leonard. parole d'amoremarie curie
 HOT R
memorie di un assassino
 NEW
morbiusnel nome della terranon si scherza col fuocoonward - oltre la magiaoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiaqua la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrun sweetheart runsaint maudshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspiral - l'eredita' di saw
 NEW
star lightstay stillthe boy - la maledizione di brahmsthe gentlementhe grudge (2020)the new mutantsthe old guardthe other lambthey shall not grow oldun figlio di nome erasmusun lungo viaggio nella notteuna intima convinzionevivariumvolevo nascondermivulnerabiliwaves

1007054 commenti su 43880 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net