why don't you play in hell? regia di Sion Sono Giappone 2013
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

why don't you play in hell? (2013Film Novità

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli! Condividi su Facebook

Seleziona un'opzione

locandina del film WHY DON'T YOU PLAY IN HELL?

Titolo Originale: JIGOKU DE NAZE WARUI

RegiaSion Sono

InterpretiJun Kunimura, Shin'Ichi Tsutsumi, Fumi Nikaid˘, Tomochika, Hiroki Hasegawa, Gen Hoshino, Tak Sakaguchi, Kotou Lorena

Durata: h 2.06
NazionalitàGiappone 2013
Genereazione
Al cinema prossimamente

•  Altri film di Sion Sono

Trama del film Why don't you play in hell?

Muto e Ikegami sono due gangster che si odiano ma Ikegami Ŕ innamorato di Michicko, la figlia attrice di Muto che la madre Shizue vorrebbe vedere apparire in un film. Dopo essere stato scambiato per un regista, il giovane cinefilo Koji chiede al regista indipendente Hirata di scegliere Michiko come protagonista del suo prossimo lavoro ma la situazione prende presto una piega sbagliata.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,57 / 10 (7 voti)8,57Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Why don't you play in hell?, 7 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

benzo24  @  28/02/2017 13:23:17
   9½ / 10
Altro film assolutamente da vedere. Cinema allo stato puro. Cinema on Cinema

m3tal  @  09/08/2014 00:29:06
   9 / 10
Un'altra prova perfetta di uno dei migliori registi viventi. Metacinema ai massimi livelli. Geniale e imperdibile!

_Hollow_  @  29/05/2014 05:43:37
   10 / 10
Penso sia una delle opere metacinematografiche più ***** che abbia mai visto.
E a parte questo c'è tutto quel Sion Sono, nello spirito, di lavori capolavori come Love Exposure

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
In più, se tutta questa genialità che fa gridare a "capolavoro!" e "cinema d'autore!" nonostante l'aria fasulla da B-movie non bastasse, ci sono scene totalmente epiche dal semplice punto di vista visivo, spesso secondo una poetica del sangue che piacerebbe molto a Tarantino.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
In pratica l'ultima mezz'ora è un autentico capolavoro dall'inizio fino, soprattutto, alla fine.
Il vecchio proiezionista sarà soddisfatto ... e Sion Sono lo onora sulla filosofia del giovane protagonista: "I soldi stanno uccidendo il cinema giapponese!".

benzo24  @  02/04/2014 20:33:14
   8 / 10
Film più leggero rispetto ai suoi precedenti, ma è sempre uno spettacolo vedere un film di Sono.

Badu D. Lynch  @  23/03/2014 21:42:17
   9 / 10
Why Don't You Play in Cinema?

"Io stesso non credo di capire perfettamente il cinema. Sto ancora cercando di capire cos'Ŕ"
- Sion Sono -

Finalmente si ritorna a fare cinema, a divertirsi con esso e in esso. Si ritorna bambini per dimostrare la propria maturitÓ stilistica, la propria crescita artistica. Sion Sono crede nella settima arte, nella sua forza distruttiva, purificatrice e (ri)generatrice, nella sua potenza liberante e catartica. Sý, perchÚ Why Don't You Play in Hell? Ŕ un film catartico e svuotante, nel quale il pubblico ci si immerge completamente e fa sý che la visione si depuri, che tutto ci˛ che Ŕ contaminato diventi disinquinato, riportando il linguaggio cinematografico alla sua (in)naturale verginitÓ espressiva, nonchÚ alla sua indispensabile potenza corroborante. Lo spettatore quindi si lava attraverso l'illusione, tramite la finzione eversiva che Sion Sono propone; un bagno nel sangue, simbolo liquido di tutta l'energia creatrice (e creativa) del regista. Desiderio fluido del "partorire (il) Cinema". Una potenza irrefrenabile, quasi nervosa (ma mai snervante) e, per cosý dire, "mestruale". Il film Ŕ come un'apparizione miracolosa, tanto attesa, assimilabile da chi ha fede nel Cinema. Sý, perchÚ Why Don't You Play in Hell? Ŕ un atto di fede verso la settima arte; Ŕ il sogno anarchico di ogni singolo spettatore, di ogni cinefilo e di ogni cinefago. Uno spazio stretto nel quale far detonare tutte le voglie cinematografiche. Tutto questo Ŕ (anche) postmodernismo scatenato e scatenante. Un inferno ludico (e lucido) nel quale bruciare allegramente grazie alla forza vitale che Sion Sono ghermisce, senza compromessi e mezze misure, dal Cinema. Ed Ŕ una pellicola bulimica, indigestione di generi [come non pensare al capolavoro Love Exposure?] che sfociano in un inesorabile e fluviale rigurgito pop. L'opera del filmmaker giapponese Ŕ anche un film politico che si fa manifesto di un cinema che lascia il passato alle spalle e diventa sguardo terremotante e inesorabile, motore di propulsione verso il futuro della settima arte; quindi un'opera di addii, (puro) esempio lampante di un cinema furente e virale, che non si volta indietro, ma scardina le porte dello stereotipo filmico, perchÚ la settima arte non pu˛ rimanere ancorata a ci˛ che fu, ma deve evolversi, guardare oltre, scoppiare, esplodere perpetuamente. Collassare per poter rinnovarsi. Ed Ŕ proprio lo stesso regista che dichiara "Ozu is too much of a 'god' in japanese movie history, and the history can not be refreshed unless we become anti-Ozu. I have nothing personal against him, but I have to declare I am anti-Ozu in order to move forward". Why Don't You Play in Hell? lo si potrebbe definire la rimasticazione parossistica del suo stesso modo di concepire ed esibire il Cinema [la colonna sonora presente in Love Exposure, gli eccessi improvvisi di Cold Fish, la visionarietÓ di Strange Circus, i primi piani della sua (quasi) intera filmografia - che dimostrano la sua "adorazione" verso, ad esempio, autori come Dreyer e Cassavetes -, etc], e anche parodia di un cinema vecchio, d'altri tempi, per poi passare agli ammiccamenti ai yakuza movies, scimmiottamenti tarantiniani [Kill Bill: gli 88 folli, la tuta gialla, determinati rallenty in precise situazioni, etc] e quant'altro. Why Don't You Play in Hell? Ŕ quindi un lungometraggio saturo, in continua deflagrazione cinematografica. Una pellicola dinamica ed essenziale, che Ŕ (e da) nuova vita e linfa alla settima arte. Film impazzito, senza controllo, ma pieno di energia vitale, contagiosa. Il Cinema, in Why Don't You Play in Hell?, diventa l'arma di Sion Sono. Ecco che quindi diviene atto di fede; allora ogni schizzo di sangue Ŕ una dichiarazione d'amore in perpetuo movimento e mutamento. La mdp diventa la lama pi¨ potente del mondo. Taglia tutto, taglia i preconcetti, taglia i luoghi comuni cinematografici, taglia il cinema e lo rende meta-cinema. Il regista prima di tutto si diverte e fa divertire, e tutta la sua passione e ambizione diventano gesto visionario, fotogramma ingestibile, regia squilibrata. Why Don't You Play in Hell? Ŕ uno dei film pi¨ sentiti da Sion Sono: il protagonista (?) Hirata Ŕ l'alter ego di Sono, una sua immagine riflessa e dilatata, meno paradossale di quello che sembra. Infatti il regista dichiara "Ho scritto quest'opera quando mi trovavo nella situazione del protagonista del film. GiÓ vent'anni fa avevo pensato di far saltare le teste". Il filmmaker, con entusiasmo incrollabile, cerca volontariamente la deriva, vuole affondare e perdersi in un paese dei balocchi moderno che egli stesso ha creato. Generare Cinema attraverso altro Cinema. Cercare, o meglio, lasciarsi trovare dall'innocenza e freschezza di un Cinema incorrotto, iperreale nella sua totale finzione. Nella sua spensieratezza, Why Don't You Play in Hell? Ŕ un urlo di tenacia verso un mondo cinematografico che rischia di sparire, di implodere, di involversi. Quella di Sono Ŕ evoluzione necessaria, ipercinetica e spasmodica, ma piena di energia funzionale. E come il personaggio che interpreta il regista nel film, Sono salvaguarda il proprio mondo, porta avanti, ineluttabilmente, il proprio sogno, l'atto del vedere, la potenza della finzione, l'illusione magnifica del gesto cinematografico. Fa sý che questo - il suo - universo sopravviva e venga protetto ad ogni costo. Why Don't You Play in Hell? Ŕ un film immediato, sincero, eccessivo, debordante e delirante. Quasi un'opera improvvisa e inaspettata. Questa pellicola potrebbe essere accostata concettualmente al lungometraggio Cut (2011 - Amir Naderi), ma concepito in maniera totalmente differente: canto di gioia e atto d'amore per il Cinema, ma raccontato in modo pi¨ goliardico, folle e leggero. Mai banale e scontato.

Fuck Bombers never die!

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  30/11/2013 23:00:32
   6½ / 10
E' un film ricchissimo di trovate, a volte buone o geniali, altrove pacchiane, che inizialmente entusiasma, salvo poi stancare in una furia iconoclasta - vero - che non tiene più di tanto conto delle sfumature. L'idea dei giovani cineasti che vogliono fare un film e che assoldano yakuza veri era e resta formidabile, il gioco tra realtà e finzione però risulta macchinoso, e le cascate di sangue finiscono per appesantire la sua credibilità. Un film che però non mi sento di trascurare, perché almeno un paio di sequenze (tipo quella del pavimento al piano di sopra) sono da assoluto Cult

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  01/10/2013 11:07:46
   8 / 10
Sion Sono sfoga tutta la sua furia iconoclasta. L'idea stessa degli yakuza, soggetto di tanti film di genere in Giappone, che offrono soldi e manovalanza per girare un film sanguinario su loro stessi è una genialata che assicura divertimento e risate. Ma non solo yakuza movie, anche i manga e uno jingle da spot pubblicitario che è diventato un tormentone al festival di Venezia.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

17 anni (e come uscirne vivi)a good american
 NEW
acqua di marzoaeffetto dominoaldabra: c'era una volta un'isolaassalto al cielo
 NEW
baby bossbleed - piu' forte del destino
 NEW
boston - caccia all'uomochi salvera' le rose?
 NEW
ciao amore, vado a combattereclasse zdall'altra parteellefalchi
 NEW
famiglia all'improvviso - istruzioni non inclusefast and furious 8ghost in the shell (2017)god's not dead 2 - dio non e' morto 2gomorroide
 NEW
guardiani della galassia vol. 2i am not your negroi called him morgani puffi: viaggio nella foresta segretail diritto di contareil padre d'italiail permesso - 48 ore fuoriil pugile del duceil segreto (2016)il viaggio (2017)in viaggio con jacquelinejohn wick capitolo 2
 HOT
kong: skull islandla bella e la bestia (2017)la cura dal benesserela legge della nottela luce sugli oceanila meccanica delle ombrela mia famiglia a soqquadrola parrucchierala tartaruga rossa
 NEW
la tenerezzala vendetta di un uomo tranquillola verita', vi spiego, sull'amore
 NEW
l'accabadoral'altro volto della speranza
 NEW
lasciami per semprelasciati andare
 NEW
le cose che verranno
 NEW
liberelibere, disobbedienti, innamoratelife - non oltrepassare il limitelogan - the wolverineloving - l'amore deve nascere liberomal di pietremister universomma love never diesmoda miamoglie e maritomothers (2017)non e' un paese per giovaniomicidio all'italianaovunque tu saraiozzy - cucciolo coraggiosopasseriper un figliopersonal shopperphantom boypiani parallelipiccoli crimini coniugalipiena di graziapino daniele - il tempo restera'planetariumpower rangersquestione di karmarosso istanbulsfashionslam - tutto per una ragazzastrane stranierethe belko experimentthe most beautiful day - il giorno piu' bellothe ring 3the rolling stones ole', ole', ole'! - viaggio in america latinathe startup
 NEW
tutti a casa - inside movimento 5 stelleun altro meun tirchio quasi perfettounderworld - blood warsvedete, sono uno di voivi presento toni erdmannvictoriavieni a vivere a napoli!virgin mountain
 NEW
whitney (2017)
 NEW
wilson (2017)

954225 commenti su 37081 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net