Recensione bianco e nero regia di Cristina Comencini Italia 2007
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione bianco e nero (2007)

Voto Visitatori:   5,54 / 10 (89 voti)5,54Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film BIANCO E NERO

Immagine tratta dal film BIANCO E NERO

Immagine tratta dal film BIANCO E NERO

Immagine tratta dal film BIANCO E NERO

Immagine tratta dal film BIANCO E NERO

Immagine tratta dal film BIANCO E NERO
 

La pressione psicologica e sociale legata ai molti problemi connessi all'integrazione Ŕ tale e tanta da divenire soggetto privilegiato di racconti letterari, teatrali e cinematografici anche qui da noi.
Un tempo se ne parlava solo nei paesi pi¨ avanzati: Stati Uniti, Francia, Germania e Gran Bretagna, in cui la presenza di cittadini di origine straniera era giÓ attuale. Segno dunque di modernitÓ, per noi, e di un traguardo finalmente raggiunto, se pure col solito ritardo.
La premessa, ovviamente, per anticipare un messaggio di assoluta tolleranza., doverosa e indispensabile in un mondo divenuto globale.
Purtroppo per˛, tra il dire e il fare c'Ŕ sempre di mezzo il mare.

Su tematiche di questo genere ha fatto scuola in passato (1967) il celeberrimo film di Kramer "Indovina chi viene a cena", che nasceva, non a caso, nel Paese in cui il contrasto tra bianchi e neri era condizione endemica, tuttora irrisolta. Per questo il tono del racconto assumeva accenti problematici, col mettere in scena senza ipocrisie un tema su cui ambo le parti glissano di frequente. Un vero vespaio, in casa loro, che da noi veniva invece visto con la souplesse di chi non Ŕ dentro il problema; esattamente come si fa per le guerre lontane.
Laddove il problema Ŕ reale e scottante, invece, gli autori impiegano toni molto pi¨ accesi e sentiti, come nel forte e scabroso "Cous Cous", uscito nelle sale in contemporanea con il film "Bianco e nero", che non pu˛ quindi esimersi da un doveroso confronto.

Vero che ogni autore ha il diritto di esprimersi con la massima libertÓ, svolgendo i pi¨ svariati temi in chiavi diverse, con la leggerezza della commedia, la forza del dramma o il doloroso fatalismo della tragedia, non ci sentiremmo di dire che la figlia d'arte Cristina Comencini abbia in questo caso azzeccato il tono pi¨ consono.
La storia dell'amore insorgente tra un giovanotto superficiale (Fabio Volo), mai sfiorato da una precisa sensibilitÓ per l'integrazione, ed una distintissima addetta di ambasciata senegalese, madre di due figli e convenientemente sposata, Ŕ trattata con toni troppo lievi, da commedia all'italiana. Diciamo "alla Verdone", per la modalitÓ con cui temi seri ed importanti divengono semplici pretesti per far ridere, esponendo i personaggi ad una penosa berlina. Da un occhio squisitamente femminile, poi, la delicata materia viene trattata con sentimentalismo di maniera e sospiri adolescenziali, giusto giusto ravvivati da un minimo di hard (grazie all'incontro-scontro dei colori diversi). A conferma il sorprendente finale, in cui con rivoluzionario coraggio i due amanti proclamano platealmente coram populo (ivi compresi i bambini innocenti, che si picchiano davanti ai loro occhi) il diritto "all'amore alla faccia di tutti". E qui il riferimento d'obbligo passa da Verdone a Muccino o Ceccherini.

Ci˛ malgrado vogliamo credere alle buone intenzioni della regista, sospinta all'origine da una vicenda personale che la fece riflettere su un fatto citato nel film: "In effetti non abbiamo nessun amico di colore!", la qual cosa, peraltro, andrebbe risolta su entrambi i fronti, visto che anche gli immigrati tendono ad autoghettizzarsi,in omaggio alle radici.
Resta il fatto che per affrontare a dovere temi tanto spinosi occorrerebbero maggiori profonditÓ e sapienza anche a livello di soggetto e sceneggiatura; di cui, speriamo, non sia responsabile la sola Comencini.

Bene, invece, possiamo dire della recitazione degli interpreti in generale: ottimo Fabio Volo, a perfetto agio nei panni di un nostro "bamboccione" contemporaneo. Brava e bellissima la "principessa nera" A´ssa Ma´ga; convincente, soprattutto nella mimica, Ambra Angiolini, meno spontanea nel "parlato". Solo applausi, ancora, per Katia Ricciarelli, che in un'altra vita deve essere stata attrice di grande successo: a vederla, e non Ŕ la prima volta, si direbbe che abbia fatto sempre e solo questo.
Qualche sbavatura anche nella fotografia degli esterni, non sempre incisa a dovere, talora sovraesposta e solarizzata.

Commenta la recensione di BIANCO E NERO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di GiorgioVillosio - aggiornata al 24/01/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospetto
 NEW
easy living - la vita facile
 NEW
era mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvatiche
 NEW
il meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 NEW
the new mutantsthey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia dĺarteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001200 commenti su 43095 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net