Recensione dead man down - il sapore della vendetta regia di Niels Arden Oplev USA 2013
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione dead man down - il sapore della vendetta (2013)

Voto Visitatori:   6,06 / 10 (26 voti)6,06Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film DEAD MAN DOWN - IL SAPORE DELLA VENDETTA

Immagine tratta dal film DEAD MAN DOWN - IL SAPORE DELLA VENDETTA

Immagine tratta dal film DEAD MAN DOWN - IL SAPORE DELLA VENDETTA

Immagine tratta dal film DEAD MAN DOWN - IL SAPORE DELLA VENDETTA

Immagine tratta dal film DEAD MAN DOWN - IL SAPORE DELLA VENDETTA

Immagine tratta dal film DEAD MAN DOWN - IL SAPORE DELLA VENDETTA
 

"La vita Ŕ ci˛ che ti capita mentre sei impegnato in altri progetti."

Con queste parole che fanno da eco ad un John Lennon previo accoppamento, si apre l'incipit di "Dead Man Down - Il sapore della vendetta", nuova prova del regista danese Niels Arden Oplev.
In stand-by dalla trasposizione del best-seller "Uomini che odiano le donne", disponendo di un budget di tutt'altro livello, alla chiamata di Hollywood Oplev risponde con un thriller dolceamaro, che dagli iniziali toni cupi via via si schiarisce nella luce del riscatto e della redenzione personale.

Attorniato da una fotografia verdastra, avvelenata come il suo animo, Victor Ŕ interpretato dall'accigliato Colin Farrell, con la perenne espressione dubbiosa di chi Ŕ in attesa di istruzioni (come fosse ancora appeso alla cornetta di "In linea con l'assassino").
Riemerso da un passato oscuro, il fu Laszlo Kerick si Ŕ introdotto sotto falsa identitÓ nella gang che gli ha sterminato la famiglia, giurando di compiere "si, vendetta, tremenda vendetta!". Ma mentre Ŕ intento a portare avanti il machiavellico piano, seminando rebus ed indizi per condurre alla pazzia i compagni/nemici di banda, viene disturbato dalla vicina di casa guardona Beatrice (un'insolita Noomi Rapace, femminile e delicata). L'incontro cercato dalla ragazza, che mostra incisi sul volto i segni di una storia altrettanto triste, sarÓ l'ancora di salvezza per entrambi e l'occasione per rinascere.

Lo schema della "vendetta" ultimamente al cinema sembra di corsia privilegiata. Un sostantivo che i distributori italiani non esitano ad inserire random nella conversione di svariati titoli, approfittando magari del delirio collettivo esploso con "Django Unchained", "Drive" e ancor prima con "Kill Bill".
Ma ci˛ che distingue "Dead Man Down" dai suoi facsimili imitatori di cult-movie Ŕ che a rubare la scena alle spettacolari raffiche di colpi e sparatorie adrenaliniche tipiche del genere, esplose nei bassifondi lerci del ghetto latino come nei Grand Hotel e nella villa del Boss ricostruita in perfetto stile "Scarface", sia l'intimitÓ fragile di due personaggi che hanno molto sofferto, muovendosi in costante bilico tra il ruolo di vittima e quello di carnefice.

Badando poco al bunker dei ricordi che sa di parecchio giÓ visto, in particolare ci colpiscono alcuni punti del film: il momento della cena al ristorante, con i goffi tentativi di Victor e Beatrice di camuffare la veritÓ sulla rabbia che covano, sull'accecata sete di giustizia, lasciando per˛ trapelare quanto desiderino disperatamente ricominciare con qualcuno; le persecuzioni che Beatrice subisce quotidianamente dai bambini del quartiere, culminate sul vestito chiaro depositario di sogni e aspettative, pagina bianca da voltare che ancora una volta si macchia di sangue; il legame profondo e protettivo che la stessa ha con la madre (una splendida e sempreverde Isabelle Huppert), parzialmente sorda, con cui condivide il problema della disabilitÓ.

Dettagli apparentemente insignificanti, ma da cui s'intravede lo zampino di una sensibilitÓ europea, infiltrata anche nella miscellanea di un cast di provenienza francese, ispano-svedese, irlandese ed inglese. Un'influenza che fortunatamente si ripercuote sulla retorica a stelle e strisce, riuscendo a smorzarne la tradizionale stucchevolezza.

Commenta la recensione di DEAD MAN DOWN - IL SAPORE DELLA VENDETTA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Paola Gianderico - aggiornata al 13/03/2013 17.55.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in franceamerican animalsancora un giornoannabelle 3arrivederci professoreasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgamebanglabeautiful boy (2018)bene ma non benissimoblue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaocarmen y lolache fare quando il mondo e' in fiamme?christo - walking on waterclimax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredaitonadentro caravaggiodicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloria
 NEW
domino (2019)due amici (2019)escape plan 3 - l'ultima sfidafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sistersi morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposail flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil segreto di una famigliail traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikurskla bambola assassina (2019)la caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del malela mia vita con john f. donovanla prima vacanza non si scorda mail'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietatolucania - terra sangue e magial'ultima oral'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema (2019)ma cosa ci dice il cervellomaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormalnureyev. il mondo, il suo palcooro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'pet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroid
 NEW
powidoki - il ritratto negatoprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleanersrapina a stoccolmarapiscimired joanrestiamo amicirocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfiesharon tate: tra incubo e realta'shazam!shelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbaisoledadsolo cose belle
 NEW
spider-man: far from homestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abissothe elevatorthe intruder (2019)the mirror and the rascalti presento patricktorna a casa, jimi!toy story 4tutti pazzi a tel avivtutto liscio
 NEW
una famiglia al tappetouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark web
 NEW
welcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marewonder parkx-men: dark phoenix

989809 commenti su 41585 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net