Recensione hereafter regia di Clint Eastwood USA 2010
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione hereafter (2010)

Voto Visitatori:   6,73 / 10 (241 voti)6,73Grafico
Voto Recensore:   8,50 / 10  8,50
Miglior film straniero
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Miglior film straniero
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film HEREAFTER

Immagine tratta dal film HEREAFTER

Immagine tratta dal film HEREAFTER

Immagine tratta dal film HEREAFTER

Immagine tratta dal film HEREAFTER

Immagine tratta dal film HEREAFTER
 

Il film narra le vicende di tre persone, Marie LeLay (CÚcile de France), George Lonegan (Matt Damon), Marcus (Frankie McLaren), imbattutesi nel corso della loro vita rispettivamente in una morte apparente per l'onda dello tsunami, una grave encefalite infantile (che sarÓ causa permanente di disagi psichici e fenomeni sensitivi), un lutto patologico per la morte dell'amato fratellino finito contro una grossa auto mentre sfuggiva a un tentativo di rapina.
I tre, in modi inconsueti, entrano in relazione con la morte avvertendone, su un piano di esperienze paranormali, tutta la sua forza suggestiva-straniante.

George Lonegan Ŕ un proletario di San Francisco che in certe circostanze riesce a trasmettere, a chi glielo chiede, messaggi dal mondo dei morti: pensieri e immagini appaiono nella sua mente provenienti da entitÓ spirituali non ben figurate, originati da un al di lÓ che sullo sfondo appare indicibile, misterioso e oscuro. Le sue doti di medium-sensitivo sono eccezionali, chiare, provate dalle corrispondenze tra i racconti dei defunti e la realtÓ ricordata dai vivi.
Egli Ŕ richiesto soprattutto dalle persone che hanno avuto lutti sconvolgenti, annichilenti la sfera psico-affettiva, ma questi poteri sono vissuti male da George, Ŕ come se si sentisse parte di uno spettacolo da circo e avesse il solo compito di stupire senza alcun potere di intervento sui fatti evocati.
Il ragazzo per le sedute non vuole soldi, Ŕ autosufficiente, vive solo, non ha la fidanzata, le donne quando vengono a conoscenza dei suoi poteri lo evitano, forse perchÚ pensano che sia un emarginato o un asociale. Il suo desiderio pi¨ impellente Ŕ di smettere con il paranormale e rientrare nella normalitÓ.

Marie Ŕ una bella e giovane giornalista di Parigi sopravvissuta ad uno tsunami quando ormai era data per morta dai suoi soccorritori, prodigatisi a lungo nella respirazione bocca a bocca e il massaggio cardiaco. Gli sono rimaste impresse per sempre le immagini createsi nella sua mente quando non respirava pi¨ e il cuore si era fermato.
Questa esperienza, nonostante le riconquistate sane apparenze, la farÓ piombare in uno stato depressivo subdolo, emergente in un secondo tempo, che le creerÓ problemi non da poco sul lavoro, allontanandola sempre pi¨ dal cinico mondo dei media e dalle relazioni, prima dell'incidente vincenti, con gli uomini di quel sistema indorato.
Marie finirÓ per scrivere un libro quasi del tutto privo, nella distribuzione, di un lancio di marketing professionale, forse fuori da ogni logica di mercato, il cui titolo "Hereafther" richiama la morte e l'aldilÓ.

Marcus Ŕ un bambino di Londra con una madre assente perchÚ tossicodipendente; dopo la morte del fratellino Marcus si ritrova in un pesantissimo stato di solitudine che gli farÓ conoscere l'angoscia. Su Internet conoscerÓ le gesta di George, divenuto contro il proprio volere un sensitivo famoso, e il suo volto gli rimarrÓ impresso nella mente in modo indelebile, perchÚ quell'immagine rappresenterÓ nel tempo l'unica via possibile per comunicare con il suo fratellino scomparso.
Le tre storie inizialmente sono parallele, i tre personaggi del film entreranno a un certo punto in relazione tra loro congiungendole? Il finale del film riaprirÓ nei protagonisti nuove prospettive di vita?

Il film sul piano della sceneggiatura e della regia appartiene indubbiamente a una categoria artistica di ordine superiore. Ottima la suggestione rilasciata dalla fotografia e dal montaggio, grande il potere della pellicola nel coinvolgere emotivamente e sedurre con il mistero, quest'ultimo di buon effetto quando mostra aspetti di sÚ con le immagini pi¨ legate al paranormale.
Amabile l'intreccio con i suoi colpi a sorpresa e notevole Ŕ la drammatizzazione della solitudine che appare intensa e potente, in particolare nelle scene chiave, ponendosi come protagonista negativa del film, una solitudine che sfiora la pazzia ripiegandosi improvvisamente in una fenomenologia dell'inconscio dominata dal paranormale, tipico di molte depressioni da traumi.
L'evento negativo traumatico oltre a ferire di per sÚ la persona la spinge nel baratro dell'emarginazione sociale facendola soffrire di due mali: uno del passato, individuale, l'altro nel presente, collettivo, legato al tipo di costume sociale di un'epoca. Da questo punto di vista il film coglie delle realtÓ psichiche ed esistenziali importanti e lo fa con grande verosimiglianza.

Forse il film di Eastwood mostra qualche crepa sul piano letterario, che sembra privo di quello spessore di pensiero necessario per competere con gli altri aspetti pi¨ positivi del film. Clint Eastwood, si sa, tanto Ŕ bravo tecnicamente tanto Ŕ portato a sintetizzare il senso pi¨ profondo dell'azione, lasciando alla fine delle sue opere qualcosa di non detto, di sospeso, di inafferrabile pur mostrando con bravura, attraverso le luminose vetrine della sua fantasia, brandelli di vita autentica.
L'effetto letterario d'insieme del film Ŕ un po' mutilato, si percepisce un certo amaro in bocca, dal sapore mitologico, legato probabilmente alla cifra inconscia della personalitÓ di Eastwood.
L'impressione Ŕ che traspaiano in questo film diverse passionali immaginazioni di Eastwood, caratterizzate da un sintomatico "sbigottimento" per le pieghe negative estreme che pu˛ prendere la vita. Forse ci˛ Ŕ legato a suoi terrori, ad esempio per l'incrinatura delle proprie sicurezze pi¨ consolidate, che il trascorrere degli anni favorisce, o per l'impotenza nel fermare la paura della morte e della solitudine a valori sopportabili.

Anche in questo ultimo film di Clint c'Ŕ molta poesia e poco intelletto, c'Ŕ arte ma fine a se stessa perchÚ egli non parla attraverso i personaggi dell'origine delle proprie introspezioni visive; c'Ŕ potenza espressiva quasi sovrumana ma poco impegno analitico in grado di giungere a una chiara formulazione problematica della propria vita. Gli interrogativi esistenziali del film non suggeriscono un maggior approfondimento, una migliore articolazione di ci˛ che interrogano.
In questo film gli enigmi proposti non si sciolgono, nÚ chiariscono la loro struttura pi¨ inconscia legata a un altro tipo di riflessione. Tutto, per quanto riguarda gli aspetti pi¨ intellettualistici, si sovrappone, si addiziona, portandoci a pensare poco e a relegarci in un godimento ambiguo, regressivo, forse infantile, che ci spinge sempre pi¨ gi¨, nei meandri semplificati del sentire inconscio.

Il film ha il pregio di essere originale, anche per la completa assenza di ogni riferimento religioso basato in qualche modo sul rapporto morte-Dio, le cui tracce sono numerose nei drammi popolari e nelle tragedie filmiche spettacolari, soprattutto nelle opere raffinate, come ad esempio quelle ispirate dal lussuoso Titanic, dove parti del vangelo vengono evocate a voce alta tra i passeggeri borghesi relegati a poppa con la nave prossima ad affondare.
La pellicola ha la riuscita ambizione di muoversi intorno alla morte su un terreno esclusivamente laico, finendo per incorniciare il dramma unicamente con il paranormale, rinunciando di proposito a riempire le pieghe del dramma con forme espressive pi¨ acculturate, maggiormente elaborate.
Il paranormale Ŕ un terreno difficile da arare per un film, crea lentezza, mette in secondo piano altre culture visive esterne pi¨ idonee, se usate nel cinema, ad esaltare il mezzo filmico.

Eastwood ci ha abituato da tempo a delle scelte non convenzionali, anche se si sa che il paranormale gode da sempre di un grande mercato librario, letterario spicciolo, frequentato spesso da persone disagiate, superstiziose, malate, o da intellettuali non credenti prossimi alla fine dei loro giorni ossessionati dalla nullitÓ della morte, e quindi rispetto alle esigenze di mercato questo film risponde a criteri ben collaudati, andando verso un incasso sicuro.

Commenta la recensione di HEREAFTER sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Giordano Biagio - aggiornata al 14/01/2011 10.39.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in franceamerican animalsancora un giorno
 NEW
arrivederci professoreasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgamebanglabeautiful boy (2018)bene ma non benissimoblue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaoche fare quando il mondo e' in fiamme?
 NEW
christo - walking on waterclimax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredentro caravaggiodicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloriafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sistersi morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposa
 NEW
il flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikursk
 NEW
la bambola assassina (2019)la caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del male
 NEW
la prima vacanza non si scorda mail'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietato
 NEW
lucania - terra sangue e magial'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema cosa ci dice il cervellomaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormalnureyev. il mondo, il suo palcooro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'pet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroidprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleaners
 NEW
rapina a stoccolmarapiscimired joanrocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfiesharon tate: tra incubo e realta'shazam!shelter: addio all'eden
 NEW
sir - cenerentola a mumbaisoledadsolo cose bellestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abisso
 NEW
the elevatorthe intruder (2019)the mirror and the rascaltorna a casa, jimi!tutti pazzi a tel avivtutto lisciouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark webwonder parkx-men: dark phoenix

988900 commenti su 41450 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net