Recensione il pianeta degli uomini spenti regia di Antonio Margheriti italia 1961
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il pianeta degli uomini spenti (1961)

Voto Visitatori:   6,17 / 10 (6 voti)6,17Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL PIANETA DEGLI UOMINI SPENTI

Immagine tratta dal film IL PIANETA DEGLI UOMINI SPENTI

Immagine tratta dal film IL PIANETA DEGLI UOMINI SPENTI

Immagine tratta dal film IL PIANETA DEGLI UOMINI SPENTI

Immagine tratta dal film IL PIANETA DEGLI UOMINI SPENTI

Immagine tratta dal film IL PIANETA DEGLI UOMINI SPENTI
 

Antonio Margheriti alias Antony M. Dawson, utilizza per questo splendido film di fantascienza un buon soggetto, originale per i tempi, scritto da Ennio De Concini, un autore di valore che usa lo pseudonimo di Vasilij Petrov.

Margheriti si avvale di una squadra di attori indubbiamente di alto livello professionale, comprensiva di qualche esordiente di talento, una mossa questa che risulterà probabilmente decisiva per la riuscita stessa del film, in particolare per quanto riguarda l'aspetto della qualità della forma espressiva dei dialoghi, nonché la modulazione spontanea degli sguardi dei personaggi nelle varie situazioni sceniche che appare solo raramente in posa.

Tra gli attori giganteggia Claude Rains (famoso soprattutto per "Notorius" e "Casablanca") da apprezzare per la credibilità che dà al personaggio del dottor Benson: un professore geniale e paranoico che nella narrazione si impone subito, nettamente, come figura centrale.

"Il Pianeta Degli Uomini Spenti è uscito nel 1961, dopo la conclusione della grande fase neorealista, fa parte quindi dei mitici anni '60 del cinema italiano, che hanno scosso e stupito il mondo cinematografico per invenzioni artistiche, tematiche culturali, ed emozioni di pancia (che per McCurry sono l'anima della grande fotografia) del tutto nuove, una indimenticabile era d'oro italiana per l'arte, la cultura, lo spettacolo, che vede un'esplosione mai vista, in tutti i generi filmici, di registi-autori di qualità, proiettati verso un successo di critica e di pubblico insperato, anche internazionale.
Registi per lo più autoriali che saranno in buona parte imitati, omaggiati per certi aspetti visivi di inquadratura e modi di procedere narrativi, in tutto il mondo. Essi a volte saranno anche criticati, ma dopo studi profondi dei loro film e comunque lungo un rispetto e uno stile di fondo mai messi in discussione: una forma di confronto del tutto costruttiva, scevra, se non raramente, da ogni semplice e banale ipocrisia affaristica.

Dal punto di vista iconografico "Il pianeta degli uomini spenti è un film quindi di grande pregio, senz'altro rappresenta una tappa evolutiva importante nella storia mondiale del linguaggio visivo del cinema di fantascienza.

L'opera, studiata e ammirata anche dallo stesso Kubrick, ispirerà per certe innovazioni tecniche fotografiche e rappresentazioni iconiche particolarmente suggestive (vedi lo sbarco in posa sul pianeta alieno del gruppo di astronauti terrestri e le sequenze spaziali con lo sfondo del buio dell'universo) addirittura alcune inquadrature del film, capolavoro indiscusso di fantascienza, "2001 Odissea nello spazio" del 1969.

"Il pianeta degli uomini spenti è diventato vintage solo da poco tempo, perché animato figurativamente da una misteriosa bellezza postmodernista che gli ha consentito di reggere bene il trascorrere degli anni.
Sorprende che questo film abbia preso dei voti molto bassi dalla critica cinematografica più influente, tanto da far pensare che i critici non abbiano proprio notato l'obiettivo valore d'insieme del film.

Da quel che si legge sembra che ciò sia dovuto a un giudizio negativo particolare, che esclude una critica al soggetto, ritenuto ben elaborato e trasposto in opera visiva con una certa efficacia, esso riguarda uno stridere degli effetti speciali della seconda parte del film rispetto alla prima dove vengono ritenuti indubbiamente migliori, se non addirittura di ottimo livello.
  Ma questo aspetto non è da ritenere grave ma marginale, perché nel complesso il film con la maggior parte dei suoi termini costitutivi regge bene, anche se il difetto messo in rilievo dai critici sembra sia stato riconosciuto dallo stesso Margheriti, tanto che in seguito prenderà la coraggiosa decisione di diventare responsabile primo degli effetti speciali dei suoi film e di firmare il lavoro svolto sugli effetti speciali con uno pseudonimo: per far pensare che in quel settore si operava con una attività di squadra professionalmente propria a quella mansione.

Certamente i critici hanno trascurato altri aspetti salienti del film, soprattutto la sua portata iconografica innovativa, cioè la conquista come linguaggio visivo di un nuovo punto di riferimento nella povera storia raffigurativa, almeno fino a quel momento, del cinema mondiale di fantascienza.

Il film di Margheriti si basa su un idea del tutto originale: narra di un piccolo pianeta, a forma di luna molto ridotta, programmato da alieni intelligenti di chissà quale sistema solare, che sta per raggiungere la Terra con scopi misteriosi, esso si avvicina paurosamente alla nostra atmosfera scortato da numerosi e bellicosi dischi volanti.
Tutti gli extraterrestri presenti in quel pianetino minaccioso, esecutori dell'ambizioso progetto di cui non si conoscono i fini, risultano deceduti, ma il corpo-zattera, guidato da logiche memorizzate su grandi memorie ad alta tecnologia, facenti capo a un super computer cerca di portare a termine lo stesso la missione e questo terrorizza gli umani che sono del tutto impreparati ad una eventualità del genere.
A contrapporsi alla minaccia oscura del corpo-straniero, che entrando nella nostra atmosfera sconvolgerebbe di fatto l'equilibro gravitazionale con catastrofiche conseguenze, ci proveranno, tra disaccordi anche gravi che porteranno a morti inutili, le forze dello Stato Maggiore militare e un equipe di grandi scienziati, coordinati dall'anziano, geniale e coraggioso Dottor Benson.

Il film si avvale nella prima parte di un allestimento scenico illustrativo sopra le righe, che dà l'idea di un progetto ben realizzato, dagli effetti artistici di architettura avanzata, dalle forme e profili suggestivi, volute con alla base un disegno dalla grafica postmoderna, cosa che conferirà al film una lunga vita sul piano puramente estetico prima di diventare di fatto vintage.
  Anche i dialoghi che vedono come protagonista il professor Benson sono sempre di un certo spessore filosofico ed etico, cosa che accresce la serietà del film e di conseguenza la sua attendibilità, aspetto quest'ultimo molto importante perché allontana dalla sala il senso di finzione che può accompagnare ogni genere di film che trascuri certe costruzioni teatrali del piano recitativo.

L'opera di Margheriti per come riesce a costruire certi personaggi e per come allestisce alcune iconografie nelle sequenze sceniche chiave, sembra ispirarsi al Flash Gordon di Alex Raymond.
Da sottolineare anche in questo film il buon esordio nel cinema di Giuliano Gemma.

"Il pianeta degli uomini spenti" (distribuito negli anni '70 anche con il titolo di Guerre planetarie) è il secondo lungometraggio di A. Margheriti, ed è ancora un film di fantascienza, il primo si intitolava Space Men (1960).

Dal punto di vista psicoanalitico è interessante la figura del professor Benson, che si carica gradualmente lungo la narrazione di un profilo impreziosito di note letterarie, ricco di un certo spessore culturale, assai raro nel cinema di fantascienza. La sua genialità lo rende paranoico, il ruolo da protagonista che si è assunto e che è stato anche riconosciuto dalla comunità scientifica in cui vive, lo costringe a ritirare ogni investimento psichico verso le persone che non sia di pura formalità, tanto che la libido priva di oggetti reali si ripiega sull'Io euforizzandolo a dismisura, facendoli perdere a un certo punto la capacità di distinguere il suo mondo formale e fantastico dal reale: racchiudente quest'ultimo i modi necessari per difendersi dai pericoli che insidiano la propria vita.

Commenta la recensione di IL PIANETA DEGLI UOMINI SPENTI sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Giordano Biagio - aggiornata al 27/08/2013 15.47.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1968 gli uccelli45 seconds of laughter5 e' il numero perfettoa herdade
 NEW
a proposito di rosea sona spasso col pandaabout endlessnessad astraadults in the roomall this victoryamerican skinandrey tarkovskji. a cinema prayerangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagiearab bluesatlantis (2019)attacco al potere 3 - angel has fallenbabyteethballoonbarnbeyond the beach: the hell and the hopeblanco en blancoblinded by the light - travolto dalla musicaboia, maschere, segreti: l'horror italiano degli anni sessantabombay rosebrave ragazzeburning - l'amore bruciaburning cane
 HOT
c'era una volta a... hollywoodcercando valentinacharlie says - charlie dicechiara ferragni - unpostedcitizen kcitizen rosicity hunter - private eyescolectivcorpus christicrawl - intrappolatidelphinediego maradonadora e la citta' perdutadrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampirieffetto dominoel principeelectric swanemaemilio vedova. dalla parte del naufragiofellini fine maifiebre austral
 NEW
figli del setfulci for fakegemini mangenitori quasi perfettigiants being lonelygive up the ghostgli angeli nascosti di luchino viscontigloria mundi
 NEW
grazie a diogretaguest of honourhava, maryam, ayeshahole - l'abissohouse of cardini diari di angela - noi due cineasti. capitolo secondoi migliori anni della nostra vita (2019)
 NEW
il bambino e' il maestro - il metodo montessoriil colpo del caneil criminale
 NEW
il mio profilo miglioreil mostro di st. pauliil pianeta in mareil piccolo yetiil prigionieroil re leone (2019)il regnoil signor diavoloil sindaco del rione sanita' (2019)il varcoio, leonardoit: capitolo 2
 NEW
jesus rolls - quintana e' tornato!
 HOT R
jokerjust 6.5kingdom comela fattoria dei nostri sognila legge degli spazi bianchila lloronala mafia non e' piu' quella di una voltala rivincita delle sfigatela scomparsa di mia madrela verita' (2019)la vita invisibile di euridice gusmaola voce del marel'amour flou - come separarsi e restare amicile coup des larmesles chevaux voyageurslife as a b-movie: piero vivarellilingua francal'ospite - un viaggio sui divani degli altrilou von salome'l'uomo che volle vivere 120 annimademoisellemadre (2019)
 NEW
maleficent 2: signora del malemanta raymarriage storymartin edenmes jours de gloire
 NEW
metallica and san francisco symphony: s&m2mio fratello rincorre i dinosaurimoffiemondo sexymosulnato a xibetnever just a dream: stanley kubrick and eyes wide shutneviano.7 cherry lanenon si puo' morire ballandonon succede, ma se succede...of fathers and sonsoltre la bufera
 NEW
panama papersparthenonpelican bloodphotographpop black postapsychosiarambo: last bloodrare beastsrevenirrialtoroger waters us + themroqaiarosa (2019)sabbiasanctorumsaturday fictionscales
 NEW
scary stories to tell in the darkscherza con i fantise c'e' un aldila' sono fottuto: vita e cinema di claudio caligari
 NEW
se mi vuoi bene
 NEW
searching evasebergselfie di famigliaseules les betessh_t happensshadow of watershaun, vita da pecora - farmageddonsolestate funeralstrange but truestuber - autista d'assaltosubmergencesupereroi senza superpoteriteen spirit - a un passo dal sognothanks!the burnt orange heresythe diverthe great green wall
 NEW
the informer - tre secondi per sopravvivere
 NEW
the kill teamthe king (2019)the kingmakerthe lodgethe long walkthe nest (il nido)the painted birdthe perfect candidatethe rider - il sogno di un cowboythe scarecrowsthey say nothing stays the sametolkientony drivertorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttappostoun monde plus grandverdictvivere (2019)vox luxwaiting for the barbarianswake up - il risvegliowasp network
 NEW
weathering with you - la ragazza del tempowomanyesterday (2019)you will die at 20yuli - danza e liberta'zerozerozero - stagione 1zumiriki

993122 commenti su 42194 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net