Recensione io non sono qui regia di Todd Haynes USA 2007
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione io non sono qui (2007)

Voto Visitatori:   6,97 / 10 (47 voti)6,97Grafico
Miglior attrice non protagonista (Cate Blanchett)
VINCITORE DI 1 PREMIO GOLDEN GLOBE:
Miglior attrice non protagonista (Cate Blanchett)
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IO NON SONO QUI

Immagine tratta dal film IO NON SONO QUI

Immagine tratta dal film IO NON SONO QUI

Immagine tratta dal film IO NON SONO QUI

Immagine tratta dal film IO NON SONO QUI

Immagine tratta dal film IO NON SONO QUI
 

"Ti presento Brian Jones, di quella cover band che spacca"

Siamo dietro le quinte di un teatro, la bodyguard ci fa spazio, stiamo per salire su un palco, le luci ci accecano, il pubblico applaude, ma Io non sono qui. Un incidente, l'ospedale, il corpo sulla barella viene aperto sezionato, e si tenta una decodifica. Siamo su un vagone merci, con dei barboni, una chitarra che uccide i fascisti, un p˛ di pane e tanta musica. Siamo davanti ad una telecamera e diamo Consigli a Geraldine per il suo compleanno. Siamo con Billy, non pi¨ The Kid, e cerchiamo gli occhiali che ci daranno una visione pi¨ chiara delle cose. Siamo una tarantola.

Se "Io non sono qui" non Ŕ un film, allora questa non pu˛ essere una recensione. Se non sono qui dove sar˛ allora? Negli occhi dei fan, nel loro ricordo, nelle mille canzoni e nelle contraddizioni, e sono anche nei frammenti di un racconto che dura quarant'anni e che non si pu˛ riassumere in due ore e mezza, sono di sicuro al di lÓ delle parole vane dei critici e certamente sono nei miei silenzi, e nelle mie poesie, le prime cose realmente immortali che ho scritto.

Bob Dylan non Ŕ pi¨ solo un uomo da molto tempo, ha smesso di esserlo per divenire un icona, un mito, agli occhi non solo del fan, ma anche di chi ha letto, ascoltato e conosce la storia musicale del novecento.
Bob Dylan Ŕ molto pi¨ della somma delle sue contraddizioni, ed Ŕ sicuramente un grande poeta. Ma questo film parla pi¨ di quello che Dylan non Ŕ, piuttosto che di quello che Ŕ.
Non Ŕ l'ispiratore delle Pantere Nere, qua ridotte a pantere rosa con tanto di lavagnetta e appunti per decodificare i messaggi delle sue canzoni. Non Ŕ neanche il creatore delle sue canzoni, perchŔ Ŕ lui ad aver detto "non creare mai nulla, verrÓ frainteso, ti si rivolterÓ contro e non morirÓ mai" non Ŕ di sicuro un gran marito, nŔ un attore, non Ŕ una pop star, e non Ŕ il compagno di giochi nell'erba dei Beatles, e non Ŕ il seduttore di Edie, giÓ musa di Andy e nevrotica compagna di pasticche.
Se vogliamo capire quello che invece Ŕ dovremo scavare tra il mare di stimoli fuorvianti che Todd Haynes dissemina nel suo lavoro, per il solo gusto di accrescere un mito e celebrare l'amore che involontariamente egli ha ispirato.

Tutte le parole spese all'interno di questa pellicola, fatta eccezione per i dialoghi che sono pura astrazione, vengono da Dylan, dalle sue interviste, canzoni e poesie. E quindi tutte le sue risposte irrispettose ai giornalisti e le sue incredibili arrampicate sugli specchi per non mostrare cose che riteneva di dover proteggere, sono qui inserite nella narrazione, impreziosendo il tutto con citazioni che chi c'era allora ricorderÓ. Ogni frammento del racconto Ŕ affidato ad un attore, il piccolo Woody Ŕ un potente folk singer, gran voce e cuore pieno di canzoni, interpretato con una passione tale da augurarsi di rivedere su un palco il giovane Marcus Carl Franklin.
Poi c'Ŕ Heath Ledger che inventa Robbie l'attore, forse meno convincente del Jude della Blanchett, che Ŕ premiata per l'interpretazione a Venezia dove da anni si premiano bene le donne e male gli uomini, si pensi solo alla grandissima Helen Mirren ed al miserrimo Ben Affleck della passata edizione. Se pure Ŕ vero che lei interpreta la parte pop del mito, quella pi¨ intrigante e famosa, non si pu˛ mancare di apprezzare lo studio che la Blanchett ha sicuramente fatto, ha senz'altro memorizzato le foto ed i filmati di Dylan, molti fan ricorderanno l'espressione tormentata che lei ripropone a pi¨ non posso, di profilo con un dito a metÓ del labbro inferiore, messo cosý tanto per mascherare il broncio. Chi ha letto le sue poesie riconoscerÓ in Arthur (Rimbaud?) il poeta, quello dei versi immortali che declama come sotto interrogatorio, per una platea/pubblico che non sempre capirÓ, un enigmatico Ben Winshaw dall'espressione imbronciata e che guarda dritto in faccia la telecamera per dire pane al pane, come sempre ha fatto lui. Christian Bale mostra con onestÓ il periodo della conversione, che molti ricordano e tanti cercano di dimenticare, come la deriva sciovinista anche questo aspetto non Ŕ tra i pi¨ popolari del grande Dylan, ma i suoi fedelissimi lo hanno mandato gi¨ da tempo, ed archiviato come pare abbia fatto pure lui.

Sparsi all'interno del racconto abbiamo anche piccoli camei come la Baez interpretata con passione da Julianne Moore, la Edie di Wahrol, qui Coco, una Michelle Williams che fa sparire in due sole inquadrature le ultime factory girl, ed una Charlotte Gainsbourg Claire/Sara, moglie paziente e compagna dei cambiamenti importanti di Dylan. Fulminanti gli incontri con i Beatles, dipinti come macchiette infantili, con gli Stones, "cover band che spacca" e con Allen Ginsberg poeta e mito di tutta una generazione. Richard Gere tratteggia con affetto Billy non pi¨ The kid, che resiste al passaggio di un'autostrada e fugge su un vagone dove trova la chitarra di Woody, nella chiusura circolare di un racconto multiforme e mai scontato che il buon Todd ci regala senza lesinare in visioni ed immagini simboliche, come la meravigliosa inquadratura del palco da cui Jude/Giuda spara con le mitragliette sulla folla che si aspettava chitarre acustiche e viene assordata da quelle elettriche nel periodo dei primi cambiamenti/tradimenti.

La scelta delle canzoni non Ŕ mai scontata, niente "Blowin' in the wind" o "Hurricane", meno che mai "Knocking on heaven's door", solo "The Times they are a changin'" e "I Want you", e soltanto alla fine "Like a Rolling Stone".

Il montaggio Ŕ perfetto come un videoclip, e penso al momento magico in cui "Ballad of a thin man" diviene insulto al Mr. Jones giornalista interpretato con grande ambiguitÓ da Bruce Greenwood. La parola chiave per capire questo film Ŕ amore, non interpretazione, nÚ definizione, meno che mai racconto, Dylan qua Ŕ oggetto di amore, semplicemente questo, niente a che vedere con lo scandaglio dei critici che hanno sempre capito poco dei silenzi di chi non voleva etichette, e neanche con il tentativo di definizione che da anni affligge chi non si vuole omologare. Dylan Ŕ ancora qua, uno dei pochi che ha attraversato quarant'anni di musica e ne Ŕ uscito restando se stesso, quanti altri possono dire di esserci riusciti?

Commenta la recensione di IO NON SONO QUI sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Anna Maria Pelella - aggiornata al 20/03/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

abigail (2024)accattaromaancora un'estateanother endanselmarcadianaugure - ritorno alle originiautobiography - il ragazzo e il generaleback to blackbrigitte bardot forevercattiverie a domicilioc'era una volta in bhutanchallengerscivil warcoincidenze d'amorecome fratelli - abang e adikconfidenzadamseldicono di tedrive-away dollsdune - parte duee la festa continua!ennio doris - c'e' anche domanieravamo bambinifantastic machinefino alla fine della musicaflaminiaforce of nature - oltre l'inganno
 NEW
furiosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghostbusters - minaccia glaciale
 NEW
girasoligli agnelli possono pascolare in pacegodzilla e kong - il nuovo imperoi dannatii delinquentii misteri del bar etoileif - gli amici immaginariil caso josetteil cassetto segretoil coraggio di blancheil diavolo e' dragan cyganil gusto delle coseil mio amico robotil mio posto e' quiil posto (2024)il regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoil teorema di margheritaimaginaryinshallah a boy
 NEW
io e il seccokina e yuk alla scoperta del mondokung fu panda 4la moglie del presidentela profezia del malela seconda vitala terra promessala zona d'interessel'estate di cleolos colonos
 NEW
marcello miomay decembermemory (2023)metamorphosis (2024)monkey manmothers' instinctneve (2024)niente da perdere (2024)non volere volareomen - l'origine del presagio
 HOT R
povere creature!priscillarace for glory - audi vs lanciarebel moon - parte 2: la sfregiatricered (2022)ricky stanicky - l'amico immaginarioritratto di un amoreroad house (2024)samadsaro' con tese solo fossi un orsosei fratellishirley: in corsa per la casa biancasolo per mesopravvissuti (2022)spy x family code: whitesull'adamant - dove l'impossibile diventa possibilesuperlunatatami - una donna in lotta per la liberta'the animal kingdomthe fall guythe rapture - le ravissement
 NEW
ti mangio il cuoretito e vinni - a tutto ritmototem - il mio soletroppo azzurroun altro ferragostoun mondo a parte (2024)una spiegazione per tuttouna storia nera
 NEW
vangelo secondo mariavita da gattovite vendute (2024)zafira, l'ultima reginazamora

1050868 commenti su 50771 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BLACKOUT (2023)BURNING DAYSCABRINICURSE OF HUMPTY DUMPTY 3GORATHHUMANEIL CLAN DEL QUARTIERE LATINOIL MOSTRUOSO DOTTOR CRIMENIL PRINCIPE DEL MIO CUOREIL SENSO DELLA VERTIGINELA NOTTE DEGLI AMANTILEDALISA FRANKENSTEINMAGGIE MOORE(S) - UN OMICIDIO DI TROPPOMORBOSITA'ONCE WITHIN A TIMEPENSIVEQUESTA VOLTA PARLIAMO DI UOMINISONG OF THE FLYTERRORE SULL'ISOLA DELL'AMORETHE AFTERTHE CURSE OF THE CLOWN MOTELTHE DEEP DARKTHE JACK IN THE BOX RISESTHE PHANTOM FROM 10.000 LEAGUES

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net