Recensione la bestia nel cuore regia di Cristina Comencini Italia 2005
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione la bestia nel cuore (2005)

Voto Visitatori:   6,47 / 10 (92 voti)6,47Grafico
Migliore attrice non protagonista (Angela Finocchiaro)
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Migliore attrice non protagonista (Angela Finocchiaro)
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film LA BESTIA NEL CUORE

Immagine tratta dal film LA BESTIA NEL CUORE

Immagine tratta dal film LA BESTIA NEL CUORE

Immagine tratta dal film LA BESTIA NEL CUORE

Immagine tratta dal film LA BESTIA NEL CUORE

Immagine tratta dal film LA BESTIA NEL CUORE
 

La grande tragedia greca, col mito di Edipo, supporto concettuale della psicanalisi freudiana, ci dovrebbero portare a individuare nell'inconscio profondo le cause prime delle nostre nevrosi, psicosi o, pi¨ genericamente, delle nostre azioni. Invece, sembra banale dirlo, alla maggior parte degli individui manca la capacitÓ autocritica di scoprire la genesi dei propri comportamenti, mancando oltretutto una educazione, familiare e scolastica, ad auscultarsi per giungere all'autoconoscenza. In molti casi, poi, ove si percepiscano confusamente barlumi dell'inconscio, si arriva a rimuoverli volutamente, per timore della veritÓ e paura del cambiamento. Nei tempi andati, prima di Freud, i moti della nostra anima venivano studiati dai filosofi, o strumentalizzati dalle varie chiese, o affidati alla sfera della poesia, al di fuori di ogni razionalitÓ. Nei versi dei poeti in primis, e comunque nell'arte in genere, emerge da sempre il magma sotterraneo dell'anima dell'autore, sovente a sua stessa insaputa.

Il riferimento ci sembra d'obbligo, esaminando il film di Cristina Comencini, la cui storia nasce per l'appunto da una mancata conoscenza del profondo, se non addirittura da un oblýo voluto, della protagonista (Giovanna Mezzogiorno). La giovane, bella, felicemente in coppia, benestante ed occupata, nasconde un tormento profondo che vuole rimuovere. Ma quando sente una nuova vita muoversi dentro di lei, le sorge una esigenza insopprimibile di chiarezza, una volontÓ catartica di "fare pulizia" di inconsce sozzure; in pratica di andare finalmente a fondo dei mali nascosti, prima di dare origine a una nuova vita. E, guarda caso, questo "lavacro psicologico" incomincia proprio riesaminando ad occhi aperti i rapporti coi genitori, direttamente sulla loro tomba. "Amore e morte", dunque, come pure "risorgerete sulle vostre ceneri", nell'ottica spietata ma imprescindibile del pensiero evoluzionistico. Il tutto per˛, visto nella chiave fatalistica della tragedia di Edipo: maledetto e piegato dalla sofferenza per colpe genetiche a lui ignote. Per vederci chiaro, la ragazza corre in America ad incontrare il fratello, scoprendolo vittima di lubriche attenzioni da parte del padre durante l'infanzia; e, peggio ancora, di averne subite lei stessa. Da cui gli incubi notturni per lei ricorrenti, sospinti dall'io profondo ma rimossi da quello cosciente. La presa di coscienza, per quanto dolorosa, porterÓ infine la giovane donna ad una pi¨ consapevole accettazione dell'esistenza e della maternitÓ, anche in grazia dell'amore riconquistato del giovane padre.

Temi profondi, molto spessi, che ci riportano ad una atmosfera da Recherche, come pure al pi¨ cupo cinema di Bergman; ma che, proprio perchŔ tali, presupporrebbero una maggiore concentrazione ed approfondimento, anzichÚ assommarsi forzatamente ad altre vicende pi¨ leggere, in parte fumettistiche, in parte romantiche e sdolcinate. Un po' come se la figlia del famoso regista volesse contendere al padre la palma della grandezza, dimostrandosi capace di unire il sacro al profano, il profondo alla superficie, l'elemento ponderoso a quello leggero, di cui lui era maestro indiscusso (nel linguaggio della psicologia si parlerebbe di "complesso di Brunilde").

Se l'intento era questo, non diremmo che la brava Cristina ci sia proprio riuscita; la compresenza di tanti temi diversi, di vicende e personaggi cosý eterogenei, distoglie l'attenzione dello spettatore dalla doverosa concentrazione, creando pure, nel montaggio e nel racconto, frequenti lungaggini e asincronie. Senza peraltro dimenticare i molti momenti di pura poesia, di capacitÓ evocativa della memoria, e certi sprazzi di fotografia veramente suggestivi, Un'opera discontinua, dunque, con zone d'ombra, ma pure con tanti momenti di luce: tra questi, indubbiamente, la recitazione di tutti gli attori, mai l'uno inferiore all'altro. Un vero avvenimento, giÓ solo per questo, nel panorama del cinema nazionale.

Un ripensamento, per concludere, con un certo rimpianto: c'era in ballo troppa materia nel film. Forse abbastanza per farne pi¨ d'uno. Non sempre un racconto pu˛ divenire opera omnia, come succedeva a Manzoni con I promessi Sposi.

Commenta la recensione di LA BESTIA NEL CUORE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di GiorgioVillosio - aggiornata al 22/09/2005

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa sarÓcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. konggreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitalijudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwinnotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaytrash - la leggenda della piramide magicatua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroeswonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016274 commenti su 45275 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net