Recensione la morte in diretta regia di Bertrand Tavernier Francia, Gran Bretagna, Germania 1980
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione la morte in diretta (1980)

Voto Visitatori:   7,89 / 10 (9 voti)7,89Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film LA MORTE IN DIRETTA

Immagine tratta dal film LA MORTE IN DIRETTA

Immagine tratta dal film LA MORTE IN DIRETTA

Immagine tratta dal film LA MORTE IN DIRETTA

Immagine tratta dal film LA MORTE IN DIRETTA

Immagine tratta dal film LA MORTE IN DIRETTA
 

Quando nel 1979 il regista Bertrand Tavernier dirigeva "La morte in diretta" non esistevano ancora i reality show, né film come "The Truman Show" o "Contenders serie 7" erano stati pensati. Precisazione d'obbligo per capire quanto questo profetico capolavoro sia stato ispiratore e precursore dei tempi, senza che nessuno se ne accorgesse (o mentre tutti facevano finta di non accorgersene).

Katherine Mortenhoe è una famosa programmatrice di best seller sentimentali, nel senso che affida ad uno speciale software la stesura dei suoi romanzi, attraverso il riutilizzo ciclico di situazioni prestabilite e preconfezionate.
La notizia di essere condannata da un male incurabile la porta ad affrontare con una nuova ottica la situazione e pertanto accetta una crudele proposta da un network televisivo: lasciarsi filmare 24 ore su 24 nei suoi ultimi giorni di vita ed essere così la protagonista di un nuovo show dal titolo "Death watch".
Superare le tensioni derivanti dal progetto però si rivela impossibile e perciò Katherine si abbandona ad una fuga disperata e senza meta. Nel suo vagare depresso incontra Roddy, un ombroso straniero capace di offrirle quelle attenzioni ultime di cui sente il bisogno. Ma non sa che l'uomo in realtà è un dipendente della rete tv, che si è fatto innestare dietro la retina, dopo un delicato intervento chirurgico, una speciale microcamera che registra tutto ciò che il suo sguardo cattura.
Le crisi ansiogene e la vulnerabilità totale di Katherine saranno gli ingredienti base del successo di una diretta tv che cattura milioni di telespettatori, fino a quando il gioco assumerà risvolti talmente tragici da capovolgere la realtà.

Raramente il cinema è riuscito a parlare di morte e mass media con tanta frenetica urgenza drammatica; raramente ci si imbatte in film tanto disturbanti ma altrettanto onesti nel non indorare la pillola. L'opera di Tavernier ("Round Midnight - A mezzanotte circa", "Daddy Nostalgie"), senza mezze misure di natura pseudocommerciale, riesce a distanza di anni a rappresentare ancora, se non più di allora, un feroce e disperato apologo contro certe ciniche modalità di infiocchettare un intrattenimento strumentale e violento, per sostituire la realtà nella mente dello spettatore pigro e intellettivamente spento.

Su di un tracciato narrativo che si riallaccia a certa fantascienza del periodo (il film è tratto da un romanzo di David G. Compton "The Continuous Katherine Mortenhoe - The Unsleeping Eye", che in molti accostarono al pessimismo di Philip K. Dick, abbondantemente trasposto al cinema) "La morte in diretta" riesce a veicolare un messaggio profondamente sociale e polemico nei confronti di un sistema di comunicazione totalmente svuotato della sua valenza e che non teme i rischi di una nuova identificazione del pubblico in una realtà surrogata.

Se "la morte è la nuova pornografia", Tavernier agisce di conseguenza e illustra benissimo un audience affamato di dolore altrui, insensibile ai sentimenti al punto da cercarli in una trasmissione intitolata "Death watch". Ma è una realtà in cui l'etica non è più di casa e se la protagonista si dimostra impreparata all'accettazione della morte, l'occhio di chi la guarda (quello di Roddy, quello del pubblico) la sta attendendo trepidante. Poi la critica esplode in tutta la sua efficacia umana e dà vita ad un finale che è impossibile da dimenticare (e da rivelare).

In una Glasgow desolata e piovigginosa si muovono gli spettri di questa umanità allo sbando: ad un ottimo Harvey Keitel si contrappone una grandissima Romy Schneider in una prova sconvolgente, toccante, con momenti di autentica commozione.
Ma è straordinario anche l'apporto tecnico: sia la fotografia di Pierre William Glenn che le musiche di Antoine Duhamel riescono a rendere alla perfezione l'apprensione psicologica fortemente estremizzata dagli eventi che i personaggi sono costretti ad affrontare.

Passato inosservato al Festival di Berlino, snobbato dai premi César, trattato con sufficienza da critica e pubblico, tutt'oggi sconosciuto ai più, il film sta ancora aspettando la giustizia che merita.

Era il 1980, ma la lucidità profetica di Tavernier mette davvero in imbarazzo.

Commenta la recensione di LA MORTE IN DIRETTA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di atticus - aggiornata al 18/11/2010 11.33.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 HOT
1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noida 5 bloods - come fratellidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy island
 NEW
ghostbusters: legacygli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estateoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)promarequa la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrichard jewellrun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1006240 commenti su 43641 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net