Recensione l'intrepido regia di Gianni Amelio Italia 2013
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione l'intrepido (2013)

Voto Visitatori:   5,08 / 10 (20 voti)5,08Grafico
Voto Recensore:   5,00 / 10  5,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film L'INTREPIDO

Immagine tratta dal film L'INTREPIDO

Immagine tratta dal film L'INTREPIDO

Immagine tratta dal film L'INTREPIDO

Immagine tratta dal film L'INTREPIDO

Immagine tratta dal film L'INTREPIDO
 

"E' UN INNO ALLA DIGNITA' DELL'UOMO, LA STORIA DI UN PERSONAGGIO CANDIDO CHE FA UN MESTIERE CHE E' LA QUINTESSENZA DEL PRECARIATO ODIERNO"

Gianni Amelio crede nelle sue storie. E' un regista che fa del rigore formale la sua arma vincente. E colpisce spesso nel segno, grazie a un lirismo che accentua le emozioni senza svilire quasi mai forma e contenuto. Nessuno gli chiederà ogni volta di "colpire al cuore" (nonostante il suo penultimo film, ricco di immagini memorabili, sia passato del tutto inosservato) ma almeno di preservare la Poesia in qualcosa di diverso da una scontata miniatura. Strano, da un cinema che fa della contemporaneità il suo ingrediente principale (la crisi economica europea e soprattutto Italiana) il risultato del suo promettente "L'intrepido" è piuttosto anacronistico, tanto da costringerci a confutare i modelli alti del passato, da Visconti al De Sica-Zavattini di "Miracolo a Milano", da Chaplin a Luigi Zampa (ricordate "Anni facili"?).
Ed è come se noi stessi, sopraffatti da una crisi economica che perdura da anni, ci trovassimo in difficoltà a doverci identificare con il Totò di "Miracolo a Milano", o il pensionato di "Umberto D". Figuriamoci con la figura sorprendente e riconoscibile di Charlot o la comicità imbelle di Buster Keaton!

Il problema del film sta tutto nella figura di Antonio Pane, e guardacaso negli States il film sarà distribuito con un sottotitolo come "A LONELY HERO". Un prototipo del Povero Diavolo Italico, ma con il cuore di burro (la sacralità è fuori di dubbio laica come in tutto il cinema di Amelio), che dispensa consigli e si mostra disposto ad aiutare sempre il prossimo, neanche fossimo davanti alla classica frase usata a sproposito dal mondo cattolico "ama il prossimo tuo come te stesso". Ma siamo certi che Antonio Pane ami veramente se stesso, al di là del mondo che lo circonda? E' una società alla deriva, "nobilmente" cinica, atta allo sfruttamento e all'opportunismo più bieco, piena di avventori e imbroglioni, di manipolazioni burocratiche atte a falsificare la buona volontà e a renderla oltretutto mansueta e sottomessa ai piccoli e grandi abusi di potere.
Antonio viene ogni volta sfruttato, umiliato, sottomesso, deriso e lavora spesso senza un salario, è gentile, ingenuo, fatalista e remissivo, e dimostra sempre tanta buona volontà tutte le volte che gli viene chiesto di "rimpiazzare" qualcuno nei compiti più disparati (operaio, tramviere, corriere, venditore di scarpe, ambulante).

La figura dell'italiano remissivo visto con i toni della favola moderna, diciamoci la verità, non funziona. Non funziona l'adesione quasi empatica di Albanese (perchè la sua empatia col personaggio non è la stessa che NON troviamo noi spettatori), non funziona il suo edificante e inopportuno altruismo, come se fossimo ancora ancorati alle pagine e al lirismo di Pagnol o Renè Clair. Ma soprattutto è difficile voler bene a questo piccolo uomo che fallisce come figura paterna - del resto anche la figura del figlio Gabriele, musicista Jazz in preda ad attacchi di panico, è stilizzata pochissimo - e umana, perchè non riesce a dimostrare, che a se stesso, che esiste in fondo un'opportunità in un domani migliore.
Certamente questo Charlot perso in una Milano umida e indifferente come non mai non riesce a comprendere fino in fondo tutto il disordine e il disagio che lo attraversa, incapace al tempo stesso di capire quello degli altri (la figura di Lucia-Livia Rossi, conosciuta in un concorso pubblico).
La purezza morale dell'"uomo che sogna ad occhi aperti" poteva essere un'idea per una favola moderna, ma è certo che i referenti letterari del passato hanno dimostrato che si può e deve costruire una storia "leggera" senza necessariamente privarsi del peso del fardello sociale che raccoglie (dicono niente i nomi di Buzzati, o di Piero Chiara, caro Amelio?).
Noi vediamo Antonio in ogni luogo (abbia bisogno di Lui), capace di indignarsi soltanto quando il dolore lo porta a un drammatico confronto con la realtà, o magari quando scopre di essere stato ingannato e imbrogliato per l'ennesima volta (l'esilarante e insieme patetica sequenza del negozio di scarpe, per esempio).

"QUI MANCA LA SPERANZA CHE E' QUELLA PIU' IMPORTANTE"

E in definitiva, "L'intrepido" è un film non riuscito, ritratto quanto mai remissivo e reticente di una Crisi Economica che ha aspetti ben più inquietanti rispetto alla neutralità surreale di questo (anti)eroe sprovveduto e infaticabile.
Un caso anomalo, nel nome del Diritto al lavoro sancito dalla Costituzione e che Amelio difende ad ogni costo, a raccontarci l'opportunità della fatica fisica contro la condanna morale della condizione operativa. Albanese chiede sempre a tutti "come posso aiutarti?", a testa bassa e con il volto teso e preoccupato, e proprio per questo la sua tolleranza è falsa, costretta a fare i conti con la quotidiana manipolazione della vita di tutti i giorni.

Non volevamo certo un film disfattista, ma sottilmente graffiante sì, senza sentirci del tutto estranei a un personaggio come Antonio, che finisce per diventare involontariamente antipatico come la famiglia velleitaria e implacabile di "Sfida senza paura" di Paul Newman.
I dialoghi sono soprattutto verbosi e blandamente letterari (difetto non esente dal cinema di Amelio, ma che in precedenza era riuscito quantomeno ad equilibrare), la recitazione è altrettanto discutibile: diciamo onesto Albanese come personaggio, fuori contesto anche da se stesso, ma che deve supportare altri attori non all'altezza.
Soltanto il cameo di Alessandra Ceccarelli, nei panni dell'ex-moglie, restituisce un minimo di credibilità (...).

Tecnicamente il film, che si avvale della buona fotografia di Bigazzi e delle musiche di Franco Piersanti, funziona e purtroppo un paio di magnifiche sequenze "mancate" rendono l'idea di un progetto dalla sceneggiatura carente e semplicistica, che con qualche sfumatura in più e meno melassa, avrebbe potuto essere vincente.
Del resto, la Milano che sfugge ad ogni controllo emotivo, in balìa di avvenimenti in cui non si riconosce più, è purtroppo più credibile di quanto si possa pensare.

Commenta la recensione di L'INTREPIDO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di kowalsky - aggiornata al 13/09/2013 15.52.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#ops - l'evento1938 diversi7 sconosciuti a el royalea private wara voce alta - la forza della parolaachille taralloalmost nothing - cern: la scoperta del futuro
 NEW
alpha - un'amicizia forte come la vitaanatomia del miracoloangel faceanimali fantastici: i crimini di grindelwaldarrivederci saigona-x-l: un'amicizia extraordinariabaffo & biscotto - missione spazialeberniniblack tideblackkklansmanbogside storybohemian rhapsodyboxe capitalechesil beach - il segreto di una nottecoldplay: a head full of dreams
 NEW
colette (2018)conta su di me (2018)conversazione su tiresia. di e con andrea camillericosa fai a capodanno?country for old mendisobediencedog dayse' nata una stella (2018)euforiafriedkin uncut - un diavolo di registafuoricampo
 NEW
ghostland - la casa delle bambolegirlgotti - un vero padrino americanoguarda in alto
 HOT
halloweenhell festhunter killer - caccia negli abissii spit on your grave: deja vui villaniil banchiere anarchicoil bene mio
 NEW
il castello di vetroil complicato mondo di nathalieil destino degli uominiil grinch (2018)il mistero della casa del tempoil presidente (2018)il primo uomo (2018)il ragazzo piu' felice del mondoil salutoil sindaco - italian politics 4 dummiesil verdetto - the children actil vizio della speranzaimagine (2018)in guerrain viaggio con adeleisabellejohnny english colpisce ancorajust charlie - diventa chi seiklimt & schiele - eros e psichela banda grossila casa dei librila diseducazione di cameron postla donna dello scrittorela fuitina sbagliatala morte legale
 NEW
la prima pietrala profezia dell’armadillola scuola seralela strada dei samounil'albero dei frutti selvaticil'ape maia - le olimpiadi di mielel'apparizionele ereditierele ninfee di monet: un incantesimo di acqua e lucelo schiaccianoci e i quattro regnilola + jeremylook awayl'uomo che uccise don chisciottemalerbamandymenocchiomichelangelo - infinitomillennium - quello che non uccideminicuccioli - le quattro stagionimio figliomiraimorto tra una settimana... o ti ridiamo i soldimuseo - folle rapina a città del messiconessuno come noi
 T
new york academy - freedance
 NEW
non ci resta che vincerenon dimenticarmi - don't forget menon e' vero ma ci credonotti magicheoltre la nebbia - il mistero di rainer merzopera senza autoreotzi e il mistero del tempoovunque proteggimipapa francesco - un uomo di parolapiazza vittoriopiccoli brividi 2 - i fantasmi di halloweenpupazzi senza gloriaquasi nemici - l'importante e' avere ragionered land (rosso istria)red zone - 22 miglia di fuocorenzo piano: l'architetto della lucericchi di fantasiaride (2018)robin hood - l'origine della leggendaroma (2018)
 NEW
santiago, italiasaremo giovani e bellissimise son rosesearchingseguimisei ancora qui - i still see yousembra mio figliosenza lasciare traccia (2018)separati ma non tropposick for toysslaughterhouse rulezsmallfoot - il mio amico delle nevisogno di una notte di mezza eta'soldadostyxsulla mia pelle (2018)
 NEW
sulle sue spallesummer (leto)suspiria (2018)terror take away
 NEW
the barge peoplethe domesticsthe equalizer 2 - senza perdonothe islethe little strangerthe milk system - la verita' sull'industria del lattethe nun - la vocazione del malethe other side of the windthe predatorthe reunionthe wife - vivere nell'ombrathis is maneskinti presento sofiatouch me nottre voltitroppa graziatutti in pieditutti lo sannoun affare di famiglia (2018)un amore così grandeun figlio all'improvvisoun giorno all'improvvisoun nemico che ti vuole beneun peuple et son roiuna storia senza nomeuno di famigliaup&down - un film normaleupgradevenom (2018)widows: eredita' criminalezanna bianca (2018)zen sul ghiaccio sottilezombie contro zombie - one cut of the dead

981744 commenti su 40505 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net