Recensione mamma roma regia di Pier Paolo Pasolini Italia 1962
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione mamma roma (1962)

Voto Visitatori:   8,78 / 10 (54 voti)8,78Grafico
Voto Recensore:   9,50 / 10  9,50
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film MAMMA ROMA

Immagine tratta dal film MAMMA ROMA

Immagine tratta dal film MAMMA ROMA

Immagine tratta dal film MAMMA ROMA

Immagine tratta dal film MAMMA ROMA

Immagine tratta dal film MAMMA ROMA
 

Nel 1962 Pier Paolo Pasolini presenta a Venezia il suo film "Mamma Roma", la sua seconda opera cinematografica dopo "Accattone" e come questa ambientata nella periferia romana.

Già dal titolo si evince che l'intera pellicola ha come perno il personaggio interpretato da Anna Magnani, Mamma Roma appunto; per questo è necessario cercare di capire chi sia la protagonista della storia e chi siano i personaggi che la circondano.

Mamma Roma è una "donna che fa la vita" (come direbbe Pasolini), una prostituta che intorno ai quarant'anni coglie l'occasione, che le è offerta dal matrimonio col suo protettore (Franco Citti), per dare una svolta alla propria esistenza. Cerca dunque di recuperare il rapporto con il figlio Ettore, costruendo per lui e per se stessa un futuro fatto di banchi del mercato e di vita sottoproletaria, di mentalità piccolo-borghese e di paesaggi del mondo dell'Ina-Casa.

Pasolini sembra considerare inutilmente rischioso il tentativo di Mamma Roma di mutare la propria condizione di vita adottando una mentalità che non le appartiene, in quanto persevera nello sfruttare vecchie amicizie e noti espedienti per ottenere la tanto agognata "libertà"; giudizio comune anche al figlio della donna, che giudica in questo modo la piccola borghesia: "'sti fji de papà perchè c'hanno 'n po' de grana 'n saccoccia se credon d'esse quarcuno".
Quella di Mamma Roma si rivelerà infatti una scelta inattuabile da voler portare avanti senza compromessi, dal momento che il suo passato non può essere cancellato così facilmente dalla celebrazione di un matrimonio. Cerimonia, quest'ultima, descritta dal regista come un "Ultima cena" di burini che si salutano intonando volgari stornelli sulle melodie di Vivaldi.

L'occhio della telecamera segue Mamma Roma con lunghe carrellate notturne sui viali della prostituzione: sono queste le inquadrature più significative ed affascinanti del film e soprattutto quelle che segnano il destino di questa donna. Il paesaggio che la circonda è immerso nell'oscurità della notte e dallo sfondo appaiono soltanto alcuni personaggi (militari, probabili clienti, colleghe...) che le si affiancano nella sua passeggiata stanca; tale passeggiata sottolinea il racconto che la protagonista ci offre della propria vita, delle proprie sfortune fintanto che, in quest'affollata solitudine, arriva a domandarsi di chi sia la colpa di tutto ciò che accade, se si è sempre e comunque artefici del proprio destino o talvolta le proprie sventure possano essere attribuite ad altri: "Di chi è la colpa qua? Spiegamelo te, chè io nun son nessuna e te sei il re dei re".

La telecamera segue anche il personaggio di Ettore come se fosse già perduto, come se nel suo sguardo e nelle sue parole ci fosse già la consapevolezza di essere uno "sconfitto", che verrà spazzato via dalla storia. Ettore è un ragazzo cresciuto sulla strada e che dalla strada ha appreso il vizio della pigrizia, quello dell'irruenza, quello dell'arte del sapersi arrangiare e quello della semplicità, che talvolta può trasformarsi in eccessiva ingenuità. I suoi dialoghi con Bruna, una ragazza di 24 anni che pare rassegnata ad un destino non troppo opulento, rivelano la sua incapacità di esprimere a parole i sentimenti, sia nei confronti della madre che della ragazza per la quale prova una dolce passione; palesano ancora la sua difficoltà nel distinguere il bene dal male. Ettore insomma non riesce a capire che al mondo esiste la cattiveria, sebbene la madre lo metta in guardia con una frase come: "te ancora non la sai tutta la cattiveria der monno".
E proprio questa battuta che contiene il concetto di cattiveria si dimostra importante nella visione del film; infatti la cattiveria è presente nella vita di Mamma Roma, come in quella di Ettore e in quella di Bruna; la cattiveria è anche nell'occhio di Pasolini che vede come fallimentare, sin dall'inizio, la scelta della protagonista di acquisire un'ottica piccolo-borghese; e ancora la cattiveria cresce nel giudizio della borghesia che stima da redimere e "salvare" una donna "che fa la vita".

Pasolini ancora una volta dà prova del suo coraggio e della sua voglia di rinnovamento: affianca infatti alla recitazione appassionata di un'attrice del calibro di Anna Magnani quella dei suoi "ragazzi di strada". A tal proposito, proprio la celebre attrice, avrebbe dichiarato la sua gioia nell'aver lavorato con non-attori e avrebbe definito quello di Mamma Roma, il personaggio più "grosso" da lei interpretato.

La lavorazione di "Mamma Roma" non deve essere stata semplice e fluida per Pasolini, dal momento che durante le riprese, quello che allora era definito il suo "pupillo", Franco Citti, fu arrestato e condannato per avere assalito, da ubriaco, due dipendenti comunali. La requisitoria del P.M. nel corso del processo esce dal tema principe per dimostrarsi un atto d'accusa contro letteratura e cinema.

Pur con tutte le sue travagliate vicende che ne hanno segnato il cammino, "Mamma Roma" risulta un'opera intensa ed emozionante, entrata prepotentemente nella storia del cinema.

Commenta la recensione di MAMMA ROMA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di foxycleo - aggiornata al 11/04/2007

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinn
 NEW
bombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segreti
 NEW
in the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodgethey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001091 commenti su 43095 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net