Recensione the lady regia di Luc Besson Francia, Gran Bretagna 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione the lady (2011)

Voto Visitatori:   6,57 / 10 (22 voti)6,57Grafico
Voto Recensore:   8,50 / 10  8,50
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film THE LADY

Immagine tratta dal film THE LADY

Immagine tratta dal film THE LADY

Immagine tratta dal film THE LADY

Immagine tratta dal film THE LADY

Immagine tratta dal film THE LADY
 

E' il 1947 quando viene ucciso il generale Aung San in Birmania per mano dei suoi rivali politici. L'ultima parola da lui pronunciata, mentre brindava con gli altri esponenti del partito comunista, Ŕ "democrazia".

Dopo 41 anni sua figlia, l'ormai 43enne Aung San Suu Kyi (Michelle Yeoh, "La tigre e il dragone" e "Memorie di una Geisha"), torna a Rangoon, l'allora capitale della Birmania, per vegliare al capezzale della madre ormai morente.
Ci˛ che la accoglie Ŕ una situazione orribile. Per anni lontana dalla sua terra, dopo essersi laureata ad Oxford, aver sposato lo studioso Michael Aris (David Thewlis, "Omen - Il presagio" e "Sette anni in Tibet"), ed aver messo al mondo due bambini, Alex e Kim, la situazione della sua terra Ŕ drasticamente peggiorata rispetto a quando l'ha lasciata. E certo non fa piacere all'attuale dittatore, il generale Ne Win, questo suo ritorno in patria, seppure temporaneo data la malattia della madre.

Diritti inesistenti, universitari in strada fucilati a sangue freddo, ospedali costantemente pieni e nessuna speranza nel futuro. Questo Ŕ ci˛ che gli occhi di Aung San Suu Kyi vedono e accettano senza poter fare nulla. Fino al giorno in cui, dopo aver visto spegnersi la madre, accetta le richieste dei suoi connazionali. E' il settembre del 1988 quando fonda la "Lega Nazionale per la Democrazia". Influenzata dalle letture su Ghandi, con la volontÓ di portare avanti la sua causa, si piega agli arresti domiciliari, rifiuta di tornare ad essere una moglie e madre libera facendo ritorno in Inghilterra, e si sottopone ad un rigido sciopero della fame per 12 giorni.
I suoi sforzi vengono ricompensati prima con la schiacciante vittoria nelle elezioni del 1990 (cosa che non la libera dai domiciliari) poi con il premio Nobel per la pace nel 1991. Eppure sarÓ liberata dagli arresti solo 4 anni dopo. Ma il regime ostile, continuando a far sentire il suo peso politico, impedisce al marito (malato di cancro) e ai figli di andarla a trovare, anche in punto di morte di lui. L'ultimo sgarbo Ŕ l'offerta di poter far ritorno in Inghilterra per stargli vicino. Se accettata, non avrebbe poi mai pi¨ potuto tornare in Birmania ad aiutare il suo popolo. La decisione Ŕ terribile e le parole di uno dei generali lo sono ancora di pi¨: "Scelga tra la sua famiglia e la sua patria". Aung San Suu Kyi non vacilla, piange la sua scelta, ma la strada Ŕ ormai tracciata. Tuttora non ha fatto ritorno dai suoi figli...

Difficile nei nostri paesi civilizzati, dove spesso l'unico pensiero di un ragazzo sui 15 anni Ŕ comprare il nuovo modello di Play Station, spiegare la situazione di un popolo come quello birmano. Eppure questo "The Lady" arriva al cuore anche di chi non vuole vedere. Luc Besson, che da anni non sbaglia un colpo, e che giÓ ha firmato pellicole come "Nikita", "Le˛n", "Angel-A", "Subway", si cimenta con la vera storia di Aung San Suu Kyi, confrontandosi con una realtÓ dura, con l'impossibilitÓ di poter attingere notizie e riferimenti dai protagonisti. Solo grazie all'aiuto dei giornalisti, di Amnesty International e di Google Earth sono state possibili talune ricostruzioni.

Ci˛ che nel nostro Paese Ŕ dato per scontato, in Birmania non lo Ŕ: fino a 2 anni fa girare col Times in mano poteva costare la prigione. Essere turista in quei posti significa avere un tempo limitato per visitarli percorrendo un unico tragitto giÓ deciso dalle autoritÓ. E ancora: nessuno, lý, osa pronunciare il nome di Aung San Suu Kyi per paura. Da qui il titolo del film: per tutti lei Ŕ semplicemente "The Lady".

Nell'era dell'informazione globale, con internet che apre le porte della cultura a chiunque con un click, rimangono nella mente del regista gli attori birmani che, vedendo Michelle Yeoh con quei vestiti sul set, pensavano fosse realmente lei, e si inginocchiavano al suo passaggio.
Memorabile la scena, una delle poche documentate con assoluta certezza, in cui The Lady si avvicina ai militari che la esortano a fermare i suoi passi, e mentre uno di loro conta prima di aprire il fuoco, la vediamo sorridere, ferma nella sua convinzione.

Se grandiosa Ŕ Michelle Yeoh nella parte principale, altrettanto maestoso Ŕ David Thewlis nei panni del marito. Quante volte si Ŕ detto che "dietro ogni grande uomo c'Ŕ una grande donna"? Questa volta il suo personaggio, Michael Aris, ci dimostra che Ŕ vero anche il contrario. Sempre dalla parte di Aung San Suu Kyi, pur quando capisce di non poterla avere vicina nel momento della morte e la esorta anzi a non tornare per non rendere vani gli sforzi degli anni precedenti, perchÚ capisce che la libertÓ di un popolo va ben oltre il bisogno del singolo, e anche di quello dei suoi figli.

Il film ha quasi interamente come sfondo la Tailandia, solo pochi minuti sono stati girati realmente in Birmania, come ad esempio le riprese della Pagoda di Shwedagon, situata al centro di Rangoon.

Ci˛ che deve far riflettere per non dimenticare gli orrori di cui a volte Ŕ capace la mente umana, Ŕ che questo film Ŕ vietato in quei posti. La sua protagonista, Aung San Suu Kyi, tuttora non lo ha potuto vedere. Niente di meglio di una sua frase per capire lo spirito della storia, quasi come fosse un monito a tutti noi, agli artisti, ai critici: "Usate la vostra libertÓ per aiutarci a ottenere la nostra".

Commenta la recensione di THE LADY sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di marcoscafu - aggiornata al 23/03/2012 15.39.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

2028: la ragazza trovata nella spazzaturaa letto con sartreacqua alle cordeanataranche ioannie ernaux - i miei anni super 8ant-man and the wasp: quantumaniaargentina, 1985argonuts - missione olimpoarmageddon time - il tempo dell'apocalisseassassin clubasterix & obelix - il regno di mezzoavatar - la via dell'acquababylon (2022)benedettabigger than us - un mondo insiemebillie eilish: live at the o2bussano alla portac'era una volta in italia - giacarta sta arrivandocharlotte m.: il film - flamingo partychiaracocainorsocreed iiidecision to leavedelta (2023)diario di speziedisco boydomino 23 - gli ultimi non saranno i primi
 NEW
dungeons & dragons - l'onore dei ladrieducazione fisicaemancipation - oltre la liberta'empire of lighteoera oraernest e celestine - l'avventura delle 7 note
 NEW
evelyne tra le nuvoleeverything everywhere all at once - la vita, il multiverso e tutto quantofairytale - una fiabagigi la leggegli occhi del diavologli spiriti dell'isolagodland - nella terra di diograzie ragazziheadshot (2023)hidden - verita' sepolteholy spiderhometown - la strada dei ricordii nostri ieriil boemoil cacio con le pereil capofamigliail corsetto dell'imperatriceil frutto della tarda estateil gatto con gli stivali 2 - l'ultimo desiderioil grande giornoil mio amico massimoil primo giorno della mia vitail ritorno (2022)
 NEW
il ritorno di casanova (2023)il viaggio leggendarioio vivo altrove!john wick 4jung_ekill me if you cankiller her goatsklondikela fata combinaguaila ligne - la linea invisibilela memoria del mondola primavera della mia vitala seconda vialadri di natalelaggiu' qualcuno mi amale otto montagnele vele scarlattel'innocente (2023)l'ispettore ottozampe e il mistero dei misteril'ombra di goyal'ultima notte di amorel'uomo che disegno' diol'uomo sulla stradam3ganma nuitma tu, mi vuoi bene?magic mike - the last dancemarcel the shellmasquerade - ladri d'amoreme contro te: il film - missione giunglamiracle (2023)missing (2023)mixed by errymoney shot: la storia di pornhubmummie - a spasso nel temponannynapoli magicanarvik: hitler's first defeatnatale a tutti i costinavalnynezouh - il buco nel cielonon cosi' vicinopamela, a love story
 NEW
pantafaparlate a bassa voceperfetta illusionepinocchio di guillermo del toropreparativi per stare insieme per un periodo indefinito di tempoprimadonnaprofeti
 NEW
quandoromantichesaint omersbagliando s'imparascream visharpershazam! furia degli deisi', chef! - la brigadestranizza d'amuritarterezin
 NEW
terra e polverethe fabelmansthe honeymoon - come ti rovino il viaggio di nozzethe leechthe mean onethe offering (2022)the pale blue eye - i delitti di west pointthe planethe quiet girlthe sonthe straysthe whaletill - il coraggio di una madretramite amiciziatre di troppotre minutitrieste e' bella di nottetutto in un giornoun bel mattinoun matrimonio esplosivoun uomo feliceun vizio di famigliauna relazione passeggeraverawhat's love?whitney - una voce diventata leggendawomanwomen talking - il diritto di scegliereyakari: un viaggio spettacolare

1038466 commenti su 49066 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

10 PASSI DELL'AMOREA CHRISTMAS PRINCESSAGENT GAMEALONE AT NIGHTAMITYVILLE THANKSGIVINGASSASSINO AMERICANOCALL JANECHRISTUSE' STATO TUTTO BELLO - STORIA DI PAOLINO E PABLITOFEAR (2023)FIRE - NESSUNA VIA D'USCITAI CACCIATORI DEL CIELOINFIESTOLA MIA VERSIONE DELL'AMORELA SIGNORA DEI TROPICILANDLOCKEDLEGENDARY - LA TOMBA DEL DRAGONELEGIONSLO STRANGOLATORE DI BOSTON (2023)MALEDICTION - LA MALEDIZIONE DI ARTHURNIGHT OF THE BASTARDNON MOLLARE MAIPLAY DEAD (2022)PRINCIPESSA PER CASOR.M.N.SFORTUNATA IN AMORESHADOW (2018)SILENZIO: SI UCCIDETADDEO L'ESPLORATORE E IL SEGRETO DI RE MIDATADDEO L'ESPLORATORE E LA TAVOLA DI SMERALDOTEN TIGERS FROM KWANGTUNGTHE DEVIL CONSPIRACYTHE LAST EXECUTIONTHE SILENT FORESTTHE UNTOLDTRUE SPIRITUNA STORIA AMBIGUA

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net