Recensione the orphanage regia di Juan Antonio Bayona Messico, Spagna 2007
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione the orphanage (2007)

Voto Visitatori:   7,06 / 10 (298 voti)7,06Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film THE ORPHANAGE

Immagine tratta dal film THE ORPHANAGE

Immagine tratta dal film THE ORPHANAGE

Immagine tratta dal film THE ORPHANAGE

Immagine tratta dal film THE ORPHANAGE

Immagine tratta dal film THE ORPHANAGE
 

Curiosamente, The Orphanage, pellicola spagnola che segna il debutto di Juan Antonio Bayona, affronta la stessa tematica di Changeling di Clint Eastwood, contemporaneamente in sala in Italia: la scomparsa improvvisa di un bambino e la lotta disperata e solitaria della madre per ritrovarlo. Lungi dall'affrontare tematiche sociali e civili raccontando i lati oscuri dell'America e chi riesce a combatterli, The Orphanage (El Orfanato, in originale) è un thriller horror. Invece di lottare contro il corrotto sistema di polizia di Los Angeles, stavolta la madre indomita deve vedersela con delle presenze paranormali nell'orfanotrofio in cui è cresciuta.

Laura (una Belen Rueda intensa, ma fisicamente inadatta al ruolo) si trasferisce con il marito Carlos ed il piccolo figlio adottivo Simon nell'orfanotrofio in cui ha trascorso la sua infanzia per trasformarlo in una casa famiglia. Proprio nel giorno dell'inaugurazione, Simon scompare nel nulla dopo un banale litigio con Laura, e le presenze che egli stesso diceva di avvertire, scambiate per amici immaginari dai genitori, cominciano a manifestarsi pericolosamente, anche se solo Laura sembra avvertirle. Mentre Carlos si concentra in una ricerca su larga scala geografica con mappa della Spagna e appunti appesi alla parete, in un'azzeccata metafora della sua incapacità a cercare vicino a sè e a stare vicino alla moglie, la crescente disperazione e la convinzione che le presenze nell'orfanotrofio non siano una suggestione da stress portano Laura a consultare una medium (Geraldine Chaplin).
Laura dovrà "credere per vedere" e dipanare il mistero che apparentemente lega la scomparsa di Simon al tragico passato dell'edificio ed alla sua infanzia, dovrà stare al gioco che lo stesso Simon le aveva mostrato prima di sparire, una caccia al tesoro alla ricerca di qualcosa di prezioso che i bambini invisibili sottraggono a chi sceglie di giocare con loro. Nel caso di Laura, la posta in gioco è la vita di suo figlio e nessuno spirito può incutere una paura maggiore di non ritrovarlo sano e salvo.

The Orphanage parte piano, poggiandosi sulle tipiche leggerezze narrative del genere horror per cui le persone devono necessariamente muoversi da sole e disarmate verso pericoli ignoti, il più delle volte inesistenti e creati ad arte dagli effetti sonori e dalla regia, e invece di scappare il più lontano possibile insistono a disturbare chi non deve essere disturbato.
Invece la sceneggiatura tiene e cresce costantemente, la storia coinvolge perchè rimane centrata sul legame madre/figlio, e quando Laura capisce che l'unico luogo che ha delle risposte è la casa dove abita, diventa ovvio che non può andarsene, a costo di restarvi da sola. L'angoscia che monta nello spettatore non deriva tanto dall'ignoto sovrannaturale quanto dall'empatia che si genera mentre il tempo passa e le speranze di trovare vivo Simon, bisognoso di cure mediche costanti, diminuiscono. Non c'è alcuna concessione ai topos del genere (tranne uno, ma è quasi un omaggio/parodia, nella scena in strada con la vecchia) e nessun momento gratuitamente spaventoso e bisogna farne un merito ai realizzatori.
Il momento della verità è sconvolgente e bellissimo nella sua resa scenica, e riesce nell'intento di nascondere il vero finale; tutto alla fine s'incastra drammaticamente,il mondo dei morti e quello reale sono coesistenti, ma molto più nettamente separati di quello che si crede, insieme alla protagonista, durante tutto l'arco narrativo del film, vista anche la condizione psicofisica necessaria ad entrare in contatto con gli spiriti. Quando il brivido termina, c'è spazio per una virata finale, con una citazione da Peter Pan che accompagna lo spettatore verso la conclusione, la più lieta e contemporaneamente amara possibile.

Il finale merita una citazione per la sua compiutezza: innanzitutto non c'è una sorpresa che ribalti interamente la percezione della storia e impedisca di godere allo stesso modo di ulteriori visioni (chi ha rivisto Il Sesto Senso?). Tutto il film ha una sua coerente solidità, merito anche di una regia elegante e sempre attenta a non creare inutilmente suspense quando ormai non ce n'è più bisogno.
Altro merito, The Orphanage non sarà il capostipite di un franchise, non ci sono ganci per sequel, non ci sono apparizioni dell'ultimo secondo. La storia di Laura, Simon e Carlos si conclude alla parola "fine", sullo sguardo rasserenato di Carlos, e non lascia dentro adrenalina o terrore, ma solo un senso di serena ma dolorosa accettazione delle conseguenze estreme dell'amore di una madre.

Solo la campagna pubblicitaria può associare The Orphanage alle opere visionarie e gotiche di Guillermo Del Toro, qui in veste di produttore. The Orphanage potrà forse deludere i fan hard-core del genere horror e tenere ingiustamente lontani gli spettatori d'altro genere, ma rimane una piccola perla indipendente, in un cinema in netta crescita come quello spagnolo, da cui in Italia dovremmo cominciare ad imparare qualcosa, in termini di idee, realizzazione e coraggio.

Commenta la recensione di THE ORPHANAGE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di JackR - aggiornata al 07/01/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

50 primavere
 NEW
alla ricerca di van goghamerican assassinamori che non sanno stare al mondoassassinio sull'orient express (2017)bad moms 2 - mamme molto più cattivebenedetta folliacaccia al tesorocento annichiamami col tuo nomecoco (2017)come un gatto in tangenzialecorpo e animadaddy's home 2detroitdickens: l'uomo che invento' il nataledirectionsdue sotto il burqaegon schiele
 NEW
ella e john - the leisure seekerferdinandflatliners - linea mortalefree firegli eroi del natalegli sdraiatihappy end (2017)housewifei love... marco ferreriil domani tra di noiil figlio sospesoil libro di henryil premio - non basta vincerlo devi anche ritirarloil ragazzo invisibile: seconda generazioneil senso della bellezza
 NEW
il vegetale
 NEW
insidious 4: l'ultima chiavejumanji - benvenuti nella giungla
 HOT
justice leaguekeep watchingla botta grossala poltrona del padrela ruota delle meraviglieland of smilesl'arte viva di julian schnabell'assoluto presenteleo da vinci - missione monna lisal'eta' imperfettal'insulto
 NEW
l'ora piu' buialovelessl'ultimo sole della notte
 NEW
marlina. omicida in quattro attimorto stalin, se ne fa un altromusemy little pony - il filmnapoli velatanatale da chefnut job - tutto molto divertenteonce upon a time at christmaspatti cake$poveri ma ricchissimiprince- sign o' the timesradiusriccardo va all'infernosami bloodseven sisterssingularityslumber - il demone del sonnosmetto quando voglio: ad honorem
 HOT
star wars: gli ultimi jedisuburbiconsuper vacanze di natalethe greatest showmanthe midnight manthe void - il vuotothe wicked gift
 R
tre manifesti a ebbing, missouritutti i soldi del mondo
 NEW
un sacchetto di biglievasco modena park - il filmvi presento christopher robinwonder

967409 commenti su 38598 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net