Recensione the woman in the fifth regia di Pawel Pawlikowski Polonia, Francia, Gran Bretagna 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione the woman in the fifth (2011)

Voto Visitatori:   5,75 / 10 (4 voti)5,75Grafico
Voto Recensore:   7,00 / 10  7,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film THE WOMAN IN THE FIFTH

Immagine tratta dal film THE WOMAN IN THE FIFTH

Immagine tratta dal film THE WOMAN IN THE FIFTH

Immagine tratta dal film THE WOMAN IN THE FIFTH

Immagine tratta dal film THE WOMAN IN THE FIFTH

Immagine tratta dal film THE WOMAN IN THE FIFTH
 

Sembra un film di Polanski girato alla maniera di Kieslowski. Ma cominciamo dalla trama.
Tom Ricks, interpretato da Etan Hawke in una prova molto convincente, è uno scrittore americano, un uomo dall'apparenza innocua, che si trova a Parigi (come fosse sulla luna) con lo scopo di vedere la figlioletta. L'ex moglie glielo impedisce, un'ordinanza del tribunale gli vieta anche solo di avvicinarsi, e lui riesce a scappare un attimo prima dell'arrivo della polizia.
Addormentatosi su un autobus, viene derubato di soldi e documenti. Tom preferisce nascondersi alle autorità in un albergo losco e fatiscente, piuttosto che denunciare il furto, pur di restare a Parigi per trovare il modo di rivedere la figlia. Trova un'occupazione come guardiano notturno per conto di una gang poco raccomandabile legata al gestore dell'albergo. Viene riconosciuto da un libraio come lo scrittore apprezzato che è, e accoglie il suo invito a una serata letteraria.
Nel frattempo, continua a scrivere alla figlia una lettera troppo lunga per una bambina piccola. La cameriera polacca dell'albergo si invaghisce del suo fascino mansueto e misterioso e Tom inizia a frequentare una donna di classe (Kristin Scott Thomas), affascinante e più misteriosa di lui - la donna del titolo - conosciuta alla serata letteraria.

E' un film, "La femme du cinquième" (tratto da un romanzo di Douglas Kennedy, "Margit"), in cui la lettura dell'intreccio è particolarmente inutile allo scopo di sapere cosa ha in serbo per noi la pellicola proiettata sullo schermo. Il film è girato da Pawel Pawlikowski con una padronanza davvero notevole del mezzo cinematografico. E' un film ipnotico, un film che riesce a far abbandonare allo spettatore la pretesa di un plot da svelare, e a farsi seguire nella malìa generata da suoni ed immagini. Le immagini di "La femme du cinquième" infatti rapiscono lo sguardo, trascinando lentamente come in un gorgo.

Può darsi che non tutti siano disposti a lasciarsi ipnotizzare con facilità: in tal caso la pellicola apparirà sconclusionata, irrisolta, irritante.

Non conosciamo il romanzo da cui è tratto, ma siamo sicuri che il valore dell'opera stia tutto in come il regista ce la racconta. Ad alcuni potrà aver ricordato Lynch per le atmosfere oniriche e la scarsa comprensibilità di un intreccio in cui proliferano vicoli ciechi e false piste. Pur con queste somiglianze di superficie, non ci sembra tuttavia veramente Lynch l'autore cui il regista polacco Pawlikowski andrebbe accostato. Le ascendenze autoriali ci sono, e sono palesi, ma sono altre: e tutte polacche. "La femme du cinquième" sembra un film scritto da Polanski (quello de "L'inquilino del terzo piano") girato alla maniera di Kieslowski (a quest'ultimo rimandano la ricerca cromatica e il ricorso all'uso di dettagli ricercati con funzione di contrappunto - con un gusto particolare per gli insetti).

Ricorda Polanski, in particolare, il fatto che il protagonista del film, così come lo sguardo di Pawlikowski, attraversi la città di Parigi con occhio e sentimenti di straniero. Lo spunto di partenza ha vaghe analogie con l'americano disperso a Parigi di "Frantic": tuttavia questo di Pawlokowski non è un thriller di stampo hitchcockiano, bensì un giallo dell'anima, in cui ci pare di ravvisare anche un'ascendenza letteraria di Simenon.

Tom è un individuo solitario, che desidera nascondersi al mondo, in cui si fa strada una crisi identitaria con spiccate connotazioni paranoidi. E' anche un uomo sensibile (sensorialmente sensibile, recettivo come uno scrittore dev'essere), disposto a farsi catturare dalla realtà e a rischiare - come infatti succede - di essere rapito, e di perdersi a se stesso.

Egli si trova - sin dall'inizio - in una sorta di limbo interiore, in una condizione predisposta a prendere nuove strade, strade devianti.
Il suo smarrimento è quasi intenzionale. Il personaggio trasmette la forte sensazione di non riconoscersi più nel suo passato: è un uomo in fuga da se stesso. Ciò che la pellicola aggiunge a questo stereotipo è il modo in cui viene suggerito al personaggio di riprendere i fili della vita. Il film è un viaggio di espiazione di una colpa ignota. Il finale lascia intravedere uno sbocco, sghembo e non convenzionale, in una dimensione inconoscibile.

Tom viene risucchiato dalla sua femme in una dimensione aliena, solo suggerita dalla pellicola che resta protesa sul vuoto, senza svelare una chiara luce in fondo al tunnel, fitto di mistero, in cui si è addentrata.

Il film può apparire incompiuto, irrisolto, esteticamente pretenzioso quanto si vuole, nel creare un'atmosfera cui non è in grado poi di fornire un evidente sfogo di senso in termini razionali. In merito a questo "esercizio d'autore" è tuttavia prudente evitare facili giudizi, perché "La femme du cinquième" sembra proprio uno di quei film che maggiormente si prestano a esser sottovalutati e restare incompresi. La "colpa" del suo autore potrebbe essere unicamente di aver preteso dallo spettatore una ricettività particolare, senza essersi guadagnato prima la stima necessaria. Non è facile infatti cogliere l'universo di senso che s'intuisce molto personalizzato, che si cela sotto la patina ipnotica di "La femme du cinquième", privi come siamo dell'ausilio di quegli strumenti che abbiamo a disposizione, ad esempio, quando si tratta di comprendere e valutare il nuovo film di un autore che gode già di ampia fama e considerazione. L'autorevolezza di cui gode Pawlikowski non è (oggi) quella di un maestro, e il suo film di conseguenza rischia di restare sospeso nel limbo delle pellicole potenzialmente di culto, ma prive della promozione e della "fortuna" (critica, se non commerciale) che permetta di farle conoscere e apprezzare diffusamente.

Commenta la recensione di THE WOMAN IN THE FIFTH sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Stefano Santoli - aggiornata al 04/09/2012 15.17.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1968 gli uccelli45 seconds of laughter5 e' il numero perfettoa herdadea son
 NEW
a spasso col pandaabout endlessnessad astraadults in the roomall this victoryamerican skinandrey tarkovskji. a cinema prayerangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagiearab bluesatlantis (2019)attacco al potere 3 - angel has fallenbabyteethballoonbarnbeyond the beach: the hell and the hopeblanco en blancoblinded by the light - travolto dalla musicaboia, maschere, segreti: l'horror italiano degli anni sessantabombay rose
 NEW
brave ragazzeburning - l'amore bruciaburning cane
 HOT
c'era una volta a... hollywoodcercando valentinacharlie says - charlie dicechiara ferragni - unpostedcitizen kcitizen rosicity hunter - private eyescolectivcorpus christicrawl - intrappolatidelphinediego maradonadora e la citta' perdutadrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampirieffetto dominoel principeelectric swanemaemilio vedova. dalla parte del naufragiofellini fine maifiebre australfulci for fake
 NEW
gemini mangenitori quasi perfettigiants being lonelygive up the ghost
 NEW
gli angeli nascosti di luchino viscontigloria mundigretaguest of honourhava, maryam, ayesha
 NEW
hole - l'abissohouse of cardini diari di angela - noi due cineasti. capitolo secondoi migliori anni della nostra vita (2019)il colpo del caneil criminaleil mostro di st. pauliil pianeta in mareil piccolo yetiil prigionieroil re leone (2019)il regnoil signor diavoloil sindaco del rione sanita' (2019)
 NEW
il varcoio, leonardoit: capitolo 2
 HOT R
jokerjust 6.5kingdom comela fattoria dei nostri sognila legge degli spazi bianchila lloronala mafia non e' piu' quella di una voltala rivincita delle sfigate
 NEW
la scomparsa di mia madre
 NEW
la verita' (2019)la vita invisibile di euridice gusmao
 NEW
la voce del marel'amour flou - come separarsi e restare amicile coup des larmesles chevaux voyageurslife as a b-movie: piero vivarellilingua francal'ospite - un viaggio sui divani degli altrilou von salome'l'uomo che volle vivere 120 annimademoisellemadre (2019)
 NEW
manta raymarriage storymartin edenmes jours de gloiremio fratello rincorre i dinosaurimoffiemondo sexymosulnato a xibetnever just a dream: stanley kubrick and eyes wide shutneviano.7 cherry lanenon si puo' morire ballando
 NEW
non succede, ma se succede...of fathers and sons
 NEW
oltre la buferaparthenonpelican bloodphotographpop black postapsychosiarambo: last bloodrare beastsrevenirrialtoroger waters us + themroqaiarosa (2019)sabbiasanctorumsaturday fictionscalesscherza con i fantise c'e' un aldila' sono fottuto: vita e cinema di claudio caligari
 NEW
searching evasebergselfie di famigliaseules les betessh_t happensshadow of watershaun, vita da pecora - farmageddonsolestate funeralstrange but truestuber - autista d'assaltosubmergencesupereroi senza superpoteriteen spirit - a un passo dal sognothanks!the burnt orange heresythe diverthe great green wallthe king (2019)the kingmakerthe laundromatthe lodgethe long walkthe nest (il nido)the painted birdthe perfect candidatethe rider - il sogno di un cowboythe scarecrowsthey say nothing stays the sametolkientony drivertorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttappostoun monde plus grandverdictvivere (2019)vox luxwaiting for the barbarianswake up - il risvegliowasp networkwomanyesterday (2019)you will die at 20zerozerozero - stagione 1zumiriki

992932 commenti su 42181 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net