Recensione youth - la giovinezza regia di Paolo Sorrentino Svizzera, Gran Bretagna, Italia 2015
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione youth - la giovinezza (2015)

Voto Visitatori:   6,76 / 10 (80 voti)6,76Grafico
Miglior musicista (David Lang)Miglior canzone originale (Simple Song #3 - Sumi Jo, David Lang)
VINCITORE DI 2 PREMI DAVID DI DONATELLO:
Miglior musicista (David Lang), Miglior canzone originale (Simple Song #3 - Sumi Jo, David Lang)
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film YOUTH - LA GIOVINEZZA

Immagine tratta dal film YOUTH - LA GIOVINEZZA

Immagine tratta dal film YOUTH - LA GIOVINEZZA

Immagine tratta dal film YOUTH - LA GIOVINEZZA

Immagine tratta dal film YOUTH - LA GIOVINEZZA

Immagine tratta dal film YOUTH - LA GIOVINEZZA
 

Immerso nella cornice delle Alpi, un tanto elegante quanto silenzioso albergo ospita il famoso compositore e direttore d'orchestra Fred Ballinger (Michael Cane, "I figli degli uomini" e "Fuga per la vittoria") e il suo amico di vecchia data, il regista Mick Boyle (Harvey Keitel, "Smoke" e "Pulp fiction"), che passano in quel luogo isolato le vacanze di primavera. Ma non solo i loro dialoghi sono scena portante in questo rilassante teatro.

Attorno a loro danzano di volta in volta le storie che li accompagnano in un importante capitolo della loro vecchiaia. La figlia di Fred, Lena (Rachel Weisz, "Constantine" e "La mummia"), lasciata dal compagno e in conflitto col padre, l'attore da blockbuster Jimmy Tree (Paul Dano, "Dodici anni schiavo"), con alle spalle una carriera incentrata su un unico personaggio e in attesa di conoscere Miss Universo (Madalina Ghenea), in arrivo anche lei all'hotel, nonché partner del suo prossimo film, un emissario della Regina che tenta di convincere Fred a dirigere una sua composizione in occasione del compleanno del Principe, il grande calciatore Diego Armando Maradona coi problemi dovuti all'obesità, e la troupe di Mick concentrata alla stesura finale del suo ultimo lavoro, in attesa dell'arrivo della star, l'attrice Brenda Morel (Jane Fonda, "Sul lago dorato" e "Tornando a casa"), foriera di una decisione che scaturisce una serie di reazioni che porteranno cambiamenti considerevoli nella vita dei due amici, Fred e Mick.

La paura attorno al nuovo film di Sorrentino era una, riassumibile con un incrocio di titoli: vedere "La grande giovinezza". E a conti fatti, il dubbio di averlo visto rimane.

Seguendo l'antico adagio secondo il quale 'squadra che vince non si cambia' ecco infatti il fedelissimo Luca Bigazzi alla fotografia, che aveva realizzato due anni fa il suo capolavoro immortalando una Roma di felliniana memoria, e che segue il regista napoletano dal 2004 ("Le conseguenze dell'amore"). In "Youth - La giovinezza" si conferma sui livelli eccelsi a cui sta abituando il pubblico, iniziati in "This must be the place" e sublimati ne "La grande bellezza". Altro artefice delle gioie visive è il montatore (figura questa mai abbastanza considerata nella letteratura cinematografica), Cristiano Travaglioli, che ha iniziato il suo sodalizio con Sorrentino nel 2008 ("Il divo"). Vale per lui lo stesso discorso fatto per Bigazzi. Ed anzi qui sembra suo il lavoro più importante, perché il ritmo è decisamente meno cadenzato rispetto agli altri film, è più frammentario, a volte accelera (raramente), a volte decelera, e legare tra loro i vari duetti dialettici non è affatto semplice, poiché tutto si basa su questi continui dialoghi tra i personaggi. Un conto è il confronto padre - figlia e di ben altra natura è, ad esempio, quello regista - attrice. Ma dicevamo della paura di una grande bellezza parte seconda... Sorrentino è ormai magistrale nella costruzione di scene che sono dei quadri in movimento con la musica di sottofondo, è preciso, è puntuale, è pulito, non forza mai la mano col solo intento di stupire nel particolare ma sempre con quella di funzionare nel meccanismo per l'insieme. I dialoghi sono ancora un gradino sopra la media, ne restano in mente almeno quattro o cinque. Certo il cast in questo aiuta non poco. Michael Cane e Harvey Keitel potrebbero anche parlare della ricetta della carbonara e nessuno si metterebbe a controllare i messaggi su whatsapp in quei dieci minuti. Stesso dicasi per Rachel Weisz che diventa sempre più brava e ha un fascino indefinibile, pur con un viso i cui tratti sono decisamente lontani dalla perfezione, nel complesso è impossibile staccarle gli occhi di dosso.

Eppure la regia è in molti tratti un copia-incolla da "La grande bellezza", cosa che a questo punto alcuni potrebbero definire come suo 'marchio di fabbrica' (Tarantino ci ha costruito la carriera su un certo tipo di dialogo), ma attenzione: ripetere un archetipo che funziona non è facile, perché si rischia di fermentare e risultare banale. Non vorremmo, insomma, che Sorrentino diventasse prigioniero di se stesso. Al riguardo, un dato tecnico che ad esempio colpisce è questo: "Youth" dura poco meno di due ore ma pesano come fossero tre, il suo 'progenitore' ne durava quasi due e mezza ma scorreva come fossero una. Va bene l'argomento che richiede una diversa sensibilità, più riflessiva, ma la sensazione è che alcune scene siano di troppo. Non convince ad esempio quella della 'direzione'del concerto con le mucche, che pur essendo logica dal punto di vista di un Ballinger in pensione, è forse troppo risibile per lo spettatore (e qui c'è probabilmente l'unica traccia di una mano che ha forzato).

L'ultima critica è rivolta alle soluzioni finali. Per trovare spiegazione alle scelte (entrambe molto forti) dei due protagonisti, bisognerebbe cercare all'interno di ogni frase, di ogni sguardo, e non sarebbe lo stesso un esercizio facile, perché forse è proprio questo che il regista vuole ottenere. La vita non è mai lineare, ogni sofferenza, ogni perdita, produce reazioni diverse a seconda di chi le subisce, e giunti alla soglia degli ottanta anni molte convinzioni possono cadere in un batter d'occhio. Ciò però non evita allo spettatore medio di sentirsi spiazzato (magari quelli con più primavere alle spalle le trovano assolutamente naturali). "Youth - La giovinezza" è comunque un film riuscito e per questo merita una chiusura con due note positive.

La prima riguarda la scelta di mettere tra gli ospiti dell'albergo anche Diego Armando Maradona (interpretato da Roly Serrano). Molti ricorderanno le sue dediche dopo la vittoria alla notte degli Oscar, una delle quali era proprio rivolta, da buon tifoso partenopeo, al campione argentino. Alcuni criticarono quella scelta, alcuni che magari non avevano nemmeno visto il film e che sono soliti aprire bocca e dare fiato, e allora è bello pensare che Sorrentino abbia risposto loro in questo modo. Applausi. Applausi perché chi parla per parlare è sempre fastidioso, e applausi perché vedere Maradona palleggiare, anche quando si tratta di un sosia, è poesia in movimento.

L'ultima nota è per la scena del concerto in cui appare la bravissima soprano Sumi Jo (nella parte di se stessa), che compare per la prima volta in un film, nonostante avevamo già sentito la sua voce in "Mangia prega ama", "La nona porta" e "Paradise". Se il finale è visivamente molto bello, parte del merito è anche suo che riempie l'inquadratura da attrice consumata. D'altronde venticinque anni di carriera non sono un caso.

Commenta la recensione di YOUTH - LA GIOVINEZZA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di marcoscafu - aggiornata al 03/06/2015 12.07.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#ops - l'evento1938 diversi7 sconosciuti a el royalea private wara voce alta - la forza della parolaachille taralloalmost nothing - cern: la scoperta del futuro
 NEW
alpha - un'amicizia forte come la vitaanatomia del miracoloangel faceanimali fantastici: i crimini di grindelwaldarrivederci saigona-x-l: un'amicizia extraordinariabaffo & biscotto - missione spazialeberniniblack tideblackkklansmanbogside storybohemian rhapsodyboxe capitalechesil beach - il segreto di una nottecoldplay: a head full of dreams
 NEW
colette (2018)conta su di me (2018)conversazione su tiresia. di e con andrea camillericosa fai a capodanno?country for old mendisobediencedog dayse' nata una stella (2018)euforiafriedkin uncut - un diavolo di registafuoricampo
 NEW
ghostland - la casa delle bambolegirlgotti - un vero padrino americanoguarda in alto
 HOT
halloweenhell festhunter killer - caccia negli abissii spit on your grave: deja vui villaniil banchiere anarchicoil bene mio
 NEW
il castello di vetroil complicato mondo di nathalie
 NEW
il destino degli uominiil grinch (2018)il mistero della casa del tempoil presidente (2018)il primo uomo (2018)il ragazzo piu' felice del mondoil salutoil sindaco - italian politics 4 dummiesil verdetto - the children actil vizio della speranzaimagine (2018)in guerrain viaggio con adeleisabellejohnny english colpisce ancorajust charlie - diventa chi seiklimt & schiele - eros e psichela banda grossila casa dei librila diseducazione di cameron postla donna dello scrittorela fuitina sbagliatala morte legale
 NEW
la prima pietrala profezia dell’armadillola scuola seralela strada dei samounil'albero dei frutti selvaticil'ape maia - le olimpiadi di mielel'apparizionele ereditierele ninfee di monet: un incantesimo di acqua e lucelo schiaccianoci e i quattro regnilola + jeremylook awayl'uomo che uccise don chisciottemalerbamandymenocchiomichelangelo - infinitomillennium - quello che non uccideminicuccioli - le quattro stagionimio figliomiraimorto tra una settimana... o ti ridiamo i soldimuseo - folle rapina a città del messiconessuno come noi
 T
new york academy - freedance
 NEW
non ci resta che vincerenon dimenticarmi - don't forget menon e' vero ma ci credonotti magicheoltre la nebbia - il mistero di rainer merzopera senza autoreotzi e il mistero del tempoovunque proteggimipapa francesco - un uomo di parolapiazza vittoriopiccoli brividi 2 - i fantasmi di halloweenpupazzi senza gloriaquasi nemici - l'importante e' avere ragionered land (rosso istria)red zone - 22 miglia di fuocorenzo piano: l'architetto della lucericchi di fantasiaride (2018)robin hood - l'origine della leggenda
 NEW
roma (2018)
 NEW
santiago, italiasaremo giovani e bellissimise son rosesearchingseguimisei ancora qui - i still see yousembra mio figliosenza lasciare traccia (2018)separati ma non tropposick for toysslaughterhouse rulezsmallfoot - il mio amico delle nevisogno di una notte di mezza eta'soldadostyxsulla mia pelle (2018)
 NEW
sulle sue spallesummer (leto)suspiria (2018)terror take away
 NEW
the barge peoplethe domesticsthe equalizer 2 - senza perdonothe islethe little strangerthe milk system - la verita' sull'industria del lattethe nun - la vocazione del malethe other side of the windthe predatorthe reunionthe wife - vivere nell'ombrathis is maneskinti presento sofiatouch me nottre voltitroppa graziatutti in pieditutti lo sannoun affare di famiglia (2018)un amore così grandeun figlio all'improvvisoun giorno all'improvvisoun nemico che ti vuole beneun peuple et son roiuna storia senza nomeuno di famigliaup&down - un film normaleupgradevenom (2018)widows: eredita' criminalezanna bianca (2018)zen sul ghiaccio sottilezombie contro zombie - one cut of the dead

981707 commenti su 40505 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net