alice's restaurant regia di Arthur Penn USA 1969
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

alice's restaurant (1969)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film ALICE'S RESTAURANT

Titolo Originale: ALICE'S RESTAURANT

RegiaArthur Penn

InterpretiArlo Guthrie, Patricia Quinn, James Broderick, Pete Seeger

Durata: h 1.01
NazionalitàUSA 1969
Generedrammatico
Al cinema nell'Aprile 1969

•  Altri film di Arthur Penn

Trama del film Alice's restaurant

Una chiesa sconsacrata è il luogo deputato da Alice e Ray per formare un'alternativa comunità che raccoglie i figli orfani della fine degli anni Sessanta. Tra questi c'è Arlo, un giovane rocker che approda alla comunità dopo essere stato cacciato dal college dove si era iscritto, diciottenne, per evitare il servizio militare. L'esperienza di vita in comunità si interrompe per Arlo quando deve tornare a casa dal padre malato. Al ritorno troverà che tutto è cambiato.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,67 / 10 (6 voti)6,67Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Alice's restaurant, 6 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Thorondir  @  27/12/2016 12:31:14
   7½ / 10
Arthur Penn torna a raccontare l'America come aveva già fatto nello splendido La caccia: se lì la sua attenzione si focalizzava sul finto moralismo americano e il razzismo, la volontà di giustizia privata e la disgregazione dell'idea di famiglia, quì il suo sguardo è sul mondo hippie e la sua decadenza (ricordiamoci Woodstock, la morte di Robert Hunter nel concerto di Altamont, il massacro di Sharon Tate e le sue ripercussioni sul mondo hippie, ormai lacerato al suo interno). La fine di un sogno raccontato con sguardo comico, il rifiuto dell'idea di patria che ti considera un accattone hippie ma ti vuole in guerra in Vietnam. Il solito film di sottotesti che rivela la profondità di Arthur Penn, anche se questa volta non c'è la forza immaginifica e di immagini di altri suoi film come il già citato La caccia, ma anche Gangster story o Piccolo grande uomo.

ZanoDenis  @  22/03/2015 14:56:14
   6 / 10
Film di penn specchio di quell'epoca, in realtá niente di memorabile, ma comunque intrattiene, la prima parte é abbastanza confusionaria, nella seconda si tiene meglio il filo e si riescono ad apprezzare scene abbastanza significative (quella dei rifiuti e quella dell'esercito, le più memorabili che mi vengono in mente)
Altro punto di forza del film sono sicuramente le canzoni che prevalgono spesso e volentieri e sono veramente carine. Tuttavia non riesce a lasciare il segno nonostante sia abbastanza gradevole.

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  20/05/2009 18:01:43
   6½ / 10
Sì, sono d'accordo con Kowalsky. E' un film che decisamente mostra le crepe del tempo. Si vede che è molto legato ai costumi dell'epoca in cui è uscito. Lo scopo era quello di mostrare in maniera positiva uno spaccato di vita di un giovane americano alternativo. Si tratta di Arlo Guthrie, il figlio del grande Woody Guthrie, che nel film interpreta se stesso. Allo stesso tempo, però vuole essere anche rappresentativo di tanti altri ragazzi che all'epoca vivevano in maniera simile e quindi essere una specie di manifesto.
Gran parte del film si basa su luoghi, fatti e persone realmente esistiti, a detta di Arlo stesso. Ci ha pensato poi Arthur Penn a mettere il tutto in belle immagini (la cosa più di valore del film).
Se c'è realtà nel film, questa viene in qualche maniera stilizzata. Intanto si cerca di dare al tutto un tono scanzonato e ironico, prendendo decisamente le parti dei protagonisti e del loro modo di vivere. Lo scopo è quello di mostrare come gli "hippy" (quelli che vivono senza schemi prefissati tipo famiglia o soldi e che si godono liberamente i piaceri della vita - dicasi sesso e droghe libere), siano persone normalissime, pacifiche, aperte, solidali, unite; insomma un modello positivo.
I contrasti con il mondo tradizionale sono attutiti dall'ironia. I bigotti, i perbenisti, le autorità sono tutti presi amabilmente in giro e fatti apparire come vecchi, obsoleti o fuori moda. Sono molte le scene comiche, tanto che il film spesso assume l'aspetto della commedia.
L'ironia non risparmia neanche i protagonisti, tanto che senza volerlo, il film mostra chiaramente i limiti del modo di vivere preso a modello nel film. Prima di tutto ogni cosa, ogni progetto ha qualcosa di precario che lo rende poco affidabile o duraturo. Arlo stesso non sa scegliere il proprio futuro e decide di non decidere, facendo della ricerca qualcosa di fine a se stesso. La libertà sessuale porta spesso a gelosie o rancori, mentre l'uso di droghe può degenerare nella dipendenza e nell'autodistruzione.
Il film in qualche maniera fa intuire queste contraddizione; stempera però il tutto nell'atmosfera leggera, ironica e celebrativa della stagione dei fiori. E' certamente un grosso limite del film. L'altro limite sta nel protagonista stesso, che sarà un buon cantante ma che non vale molto come attore.
Detto questo rimane comunque un film molto piacevole; un come-eravamo divertente e interessante.

AKIRA KUROSAWA  @  30/09/2008 15:17:36
   6½ / 10
bel film di penn, non certamente a livello di suoi capolavori come piccolo grande uomo o gangster story, ma tutto sommato un buon film che descrive e mostra in maniera dettagliata la vita degli anni sessanta.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  19/04/2008 20:26:33
   7 / 10
Un piccolo classico del cinema post-sessantottino, questo di Penn, che si avvale dell'interpretazione (se non sbaglio autore anche di brani della colonna sonora) di Arlo Guthrie, figlio di Woody e dignitoso folksinger (non come il padre, ma comunque rispettabile). Rivisto oggi, mostra pecche e ingenuità, è invecchiato parecchio, ma resta un film piacevole e complessivamente ancora molto godibile. Certo la sequenza della visita di leva sembra la stessa citata da Milos Forman in "Hair"... misteri di un certo tipo di cinema

Beefheart  @  19/04/2008 10:09:51
   6½ / 10
Una commedia generazionale, un pò confusionaria e datata, che verte sul fenomeno hippy e le sue contraddizioni. La storia racconta le peripezie che un giovane Arlo Guthrie (nella parte di se stesso), musicista, figlio dei fiori, deve compiere insieme ai suoi compari per tirare avanti nonostante uno stile di vita a volte difficile ed i pregiudizi della gente "normale" e bigotta. Il tutto è tratto dalla sua omonima ballata e quindi non manca l'accompagnamento musicale blues-folk; chitarre ed armonica a bocca appaiono spesso, suonate dallo stesso Guthrie, di volta in volta accompagnato dall'amico di turno. Tra questi appare anche Peter Seeger, nella parte di se stesso, che si cimenta in un duetto chitarra/banjo insieme ad Arlo. Abbastanza intenso l'omaggio al personaggio di Woody Guthrie (padre di Arlo morto due anni prima dell'uscita del film), rappresentato morente nel letto d'ospedale. Nel complesso non è niente di memorabile ma certamente consigliabile ai nostalgici di quel "movimento".

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospetto
 NEW
easy living - la vita facile
 NEW
era mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvatiche
 NEW
il meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 NEW
the new mutants
 NEW
the other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001477 commenti su 43095 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net