c'e' ancora domani regia di Paola Cortellesi Italia 2023
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

c'e' ancora domani (2023)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film C'E' ANCORA DOMANI

Titolo Originale: C'E' ANCORA DOMANI

RegiaPaola Cortellesi

InterpretiPaola Cortellesi, Valerio Mastandrea, Emanuela Fanelli, Vinicio Marchioni, Giorgio Colangeli, Romana Maggiora Vergano, Francesco Centorame

Durata: h 1.30
NazionalitàItalia 2023
Generedrammatico
Al cinema nell'Ottobre 2023

•  Altri film di Paola Cortellesi

Trama del film C'e' ancora domani

È primavera e tutta la famiglia è in fermento per l'imminente fidanzamento dell'amata primogenita Marcella (Romana Maggiora Vergano), che, dal canto suo, spera solo di sposarsi in fretta con un bravo ragazzo di ceto borghese, Giulio (Francesco Centorame), e liberarsi finalmente di quella famiglia imbarazzante.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,06 / 10 (35 voti)7,06Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su C'e' ancora domani, 35 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

werther  @  22/02/2024 22:21:23
   8 / 10
Un film davvero ben confezionato dalla Cortellesi al suo esordio in regia. Una bella sorpresa, film che trasmette allo spettatore tutte le emozioni della protagonista e senza alcuna scena cruda, a dimostrazione di come a volte a fare il film sono i dialoghi e l'atmosfera più che la scena. Le scene di "ballo" sono pura poesia. Film più che mai attuale sul quale però non mi trovo d'accordo sul finale e non per chissà quali errori di trama, ma per il senso che gli ha voluto dare. Mi sarebbe piaciuto che il messaggio fosse stato un altro, cosa che nulla toglie al valore del film.

maxi82  @  28/01/2024 16:51:29
   7½ / 10
Do mezzo voto in più perché sinceramente pensavo di assistere il solito stupido film italiano di moda in questo momento...e invece devo dire mi e piaciuto molto ...tutti i protagonisti e tutto lo svolgimento per come la Cortellesi ha diretto....solo due cose potevano migliorare...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

7219415  @  25/01/2024 09:38:00
   8 / 10
Veramente una piacevole sorpresa

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  20/01/2024 12:25:11
   7½ / 10
Conosciamo tutti la Cortellesi come splendida attrice comica e da oggi sara' ricordata anche come regista capace di battere tutti i record di incassi con un film riuscito, intelligente e poco commerciale.

Ambientato nel secondo dopoguerra in un'epoca in cui la donna non ha pari diritti dell'uomo, guadagna di meno, non si puo' permettere gli studi e in molti casi è sottomessa al marito in modi violenti...

Il finale, per fortuna non lo conoscevo, mi ha piacevolmente sorpreso.

Certo ci sono dei piccoli difetti che inserisco in "spoiler" ma nel complesso come opera prima è davvero eccezionale.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

VincVega  @  18/01/2024 17:06:47
   6½ / 10
Allora in realtà questo film campione d'incassi in Italia l'ho trovato interessante, ma altalenante. Ci sono diverse cose riuscite, ma altre meno. Molto bene la questione morale ed importante per il nostro paese, ottimi veramente gli attori, buona prova dietro la macchina da presa della Cortellesi che sicuramente potrà migliorare, una ricostruzione storica di discreto livello. Purtroppo però ci sono alcune sequenze che stridono un po' perchè sembrano fuori sincrono col resto

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER, oppure altri che sfiorano la fiction italiana, il finale non proprio esaltante. Diciamo poi che sicuramente c'è del coraggio, ma poteva essere più marcato. I grandi film sono altri, però c'è da dire che rispetto alla media di quello che esce nel nostro paese, siamo sicuramente sopra.

Invia una mail all'autore del commento bleck  @  18/01/2024 10:41:17
   6½ / 10
Malgrado l'eccessivo moralismo con la cattiveria e l'imbecillità degli uomini rappresentata in un modo quasi macchiettistico, troppa per essere vera e quindi non credibile, rimane comunque un opera gradevole da vedere, a parte, a mio avviso, l'interpretazione di Mastandrea il quale, chiamato per la prima volta ad interpretare un ruolo dove non recita se stesso, sembra un pesce fuor d'acqua. Imbarazzante la scena in cui si dispera fuori dalla chiesa per la morte del padre, se fosse stato un provino per un aspirante attore lo avrebbero preso a calci nel sedere

benzo24  @  14/01/2024 19:07:38
   1 / 10
Film di una bruttezza sconcertante pieno di dialoghi e scene ridicole (quello dei penosi balletti poi deve essere una fissa per questi film italiani, finti impegnati e moralisti di sinistra, vedasi gli ultimi Moretti e la Cavani), poi la Cortellesi evidentemente non si è accorta dell'autogol che fa, nel dipingere il suo personaggio in maniera così vile e infame

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

topsecret  @  12/01/2024 14:24:10
   7 / 10
Certamente interessante e attuale nei temi che solleva ed evidenzia ma, personalmente, l'epilogo mi ha deluso abbastanza poichè fuorviante in quello che si lascia intendere per tutto il racconto.
Molto buona la performance del cast, con una Cortellesi sugli scudi nel doppio ruolo di protagonista e regista, azzeccata la scelta del bianco e nero, narrazione fluida e personaggi che mostrano un certo pragmatismo nella caratterizzazione.
Film discreto che merita la visione.

Jumpy  @  10/01/2024 19:57:22
   6½ / 10
Mi è sembrato molto chiacchierato più per i contenuti che di questi tempi sono alla ribalta che per la qualità cinematografica vera e propria.
Intendiamoci, anche se stracolmo di retorica da vedere l'ho trovato gradevole e le 2 ore non pesano,
fin dai primi minuti però mi ha trasmesso un senso di posticcio ed artefatto, che mi ha accompagnato per tutto il film.
A cominciare dalla fotografia, non si è dedicato particolare cura a luci/ombre/chiaroscuri, come se la scelta di usare il B/N fosse stata successiva alle riprese. Il risultato è che, togliendo il senso di profondità (apparente) dei colori, le immagini (soprattutto quelle all'aperto e con forti contrasti luci/ombre) sembrano piatte e statiche.
Continuando con i personaggi, esageratamente caricati da risultare delle macchiette e, tolta la protagonista, senza la minima evoluzione, stereotipati che più non si può. Uomini tutti cattivi, donne tutte vittime.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Questo insieme ad altri particolari, danno l'idea di un pressappoco nella ricostruzione della società di quegli anni, ricavata mescolando cliché e luoghi comuni risaputi, senza un reale studio alla base.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Le musiche poi... inserire brani moderni in un film ambientato negli anni '40 mi è sembrato del tutto fuori luogo.
La storia infine ha un che di ripetitivo (magari anche volutamente, per rimarcare il tran tran della protagonista) e la trama va avanti in modo frammentato, come una serie di episodi attaccati, senza una continuità (difetto che noto in un buona parte del cinema italiano).
Scena->intermezzo e/o siparietto musicale che non c'entra nulla->Nuova scena... e così via con minime variazioni.
Questa frammentazione in scenette/siparietti se da un lato in un paio di circostanze è particolarmente riuscita e crea un mix tra comico/drammatico/grottesco

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
dall'altro lato porta delle forzature ed incongruenze

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Il finale poi...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

BigHatLogan91  @  10/01/2024 16:27:29
   6½ / 10
Alti e bassi per un film che poteva essere molto migliore. Parti musicali non ben integrate e qualche scivolone in sceneggiatura. Peccato.

TheLegend  @  09/01/2024 12:00:58
   7 / 10
Commedia intelligente e divertente.
Bravi gli attori.

Mauro@Lanari  @  08/01/2024 10:52:50
   5½ / 10
Contro la "cancel culture", rievocazioni in ordine di comparsa.
2000: Paola e Valerio, all'epoca compagni di vita, partecipano al videoclip per "La descrizione di un attimo" dei Tiromancino. Ironizzano sul loro rapporto di rimbalzo, parodiando quello di Sandra e Raimondo (https://www.youtube.com/watch?v=88juOMDziVg) ch'a loro volta parodiavano il loro ménage coniugale.
1879: Ibsen, "Casa di bambola".
1925: Dreyer, "L'angelo del focolare" o "Il padrone di casa".
1969: Sordi, "Amore mio aiutami".
Il film sembra più la versione lunga dello sketch del loro videoclip che un progetto autonomo, un "Casa Vianello" più da sceneggiata che da neorealismo. L'ambientazione nel '46 e il 4:3 in b/n sembra funzionale più all'explicit che a un omaggio verso il cinema di quell'epoca o verso la commedia all'italiana. Attentissim'a non uscire dalla propria "comfort zone", la signora Cortellesi in Milani rischia poco e offre allo spettatore italico echi nazionalpopolari di quel paio d'opere d'un secolo fa con un dramedy poco coraggioso su entramb'i fronti.
https://www.cineforum.it/voti/film/C_e_ancora_domani
https://quinlan.it/2023/10/18/ce-ancora-domani/

1 risposta al commento
Ultima risposta 08/01/2024 15.42.58
Visualizza / Rispondi al commento
il ciakkatore  @  03/01/2024 23:47:39
   7½ / 10
Sono andato con i peggiori propositi,visto che già lo stile in bianco e nero non mi attirava più di tanto e mi aspettavo una bella storia,ma triste e drammatica,invece ho visto un film godibile,commovente e drammatico,anche tutto insieme a volte. La storia non è niente di originale e anche piuttosto comune per quei tempi e purtroppo anche per i nostri tempi,ma la Cortellesi li espone con gran stile. Come già detto la storia è drammatica,ma si ride anche spesso e spesso ci si commuove,si potrebbe paragonare alla Vita è bella di Benigni,anche se lì Roberto a scolpito una vera e propria gemma del cinema,ma quì diciamo che è stato fatto un piccolo capolavoro.

rocksoff  @  28/12/2023 20:07:41
   2½ / 10
Pesante e stracolmo di retorica.
Film più sopravvalutato dell'anno

Light-Alex  @  26/12/2023 12:45:10
   7½ / 10
Rara occasione di film italiano lodevole, sia stilisticamente che nel messaggio.

Lo stile commedia agrodolce italiana viene rispolverato, riuscendo a raccontare una storia drammatica con una certa dose di leggerezza che lo rende fruibile ed accessibile a tutti, e la trovata è mescolare un racconto quasi stile neo-realismo, con una colonna sonora fuori dal tempo e dei siparietti surreali a glissare i momenti di violenza vera e propria. Ne deriva un film che scorre molto bene, seppur tocchi momenti di commozione e di viva tensione (il pranzo della promessa raggiunge picchi di pathos decisamente palpabili).

Bello il messaggio di provare a trasmettere un insegnamento ai figli con il proprio operato piuttosto che con la "lezioncina"; bello il richiamo finale all'emancipazione della donna. Mi è mancato forse nella narrazione un momento di maturazione dei personaggi maschili, che pare mancare, per cui la morale del film sembra riferita solo alla popolazione femminile e all'acquisizione di consapevolezza che deve fare, dimenticando che lo sforzo deve venire anche dall'altro sesso.

daaani  @  19/12/2023 10:12:17
   9 / 10
Bellissimo ed emozionante! Un pugno nello stomaco!

the saint  @  18/12/2023 08:43:41
   8 / 10
Vabbè il film non si discute!
Ti spiazza anche nel finale..
Avrei tanto voluto portare mia nonna a vedere questo film!
Dopo la visione c'ho pensato tanto, una vita di sacrifici.. in casa a fare la massaia, una donna super generosa e altruista che mi ha ricordato molto la protagonista!
20 anni fa mi chiamava dicendo che aveva sbagliato numero,
in realtà voleva sapere solo come stavo e voleva un po' di compagnia!
L'ho capito troppo tardi!

Gruppo COLLABORATORI Harpo  @  07/12/2023 14:05:00
   7½ / 10
Ma che brava la Cortellesi. Mi hanno trascinato a vederlo, tra l'altro abbastanza controvoglia, e mi sono trovato a guardare un film godibile, intelligente e tecnicamente davvero ben realizzato.
Bellissimo il MacGuffin, ottimamente fotografato e con un cast davvero affiatato, "C'è ancora domani" è un film intelligente che spero non sia un caso isolato nella produzione cinematografica italiana odierna, capace di saper unire una voce autoriale forte ad un apprezzamento generale sia da parte degli addetti ai lavori che del grande pubblico.
Stupenda la scena iniziale con un 4:3 perfetto, ho trovato invece un po' stucchevole il montaggio (mio personale gusto, non si può dire che il film sia montato male). Scritto benissimo, probabilmente un paio di forzature a livello di sceneggiatura ci sono, ma anche chissene: non andiamo a cercare inutili peli nell'uovo che nulla tolgono ad un bellissimo prodotto.

Pianetasud  @  05/12/2023 16:17:16
   2 / 10
Pesante, depressivo e noiosissimo. Sconsigliatissimo.

nicolipaolo  @  04/12/2023 16:23:26
   6½ / 10
una bella storia che fa riflettere sotto molti punti di vista, in una cornice drammatica e povera come quella del dopoguerra, tuttavia non ho gradito quelle sorte di intermezzi musicali contemporanei con tanto di balletto, che ho trovato fuori luogo, direi quasi disturbanti nell'insieme della pellicola

ragefast  @  03/12/2023 09:38:42
   7½ / 10
Visto sulla scia del successo che ha avuto nelle sale italiane, non posso fare altro che confermare la bontà della pellicola.

Tutto ruota intorno al tema dell'emancipazione femminile, visto dagli occhi di due generazioni (ovvero di Delia e della figlia). Tema ancora oggi di discussione per le tristi vicende che travolgono la cronaca nera nazionale, ma che attraverso opere come questa viene ricordato e trova nel pubblico anche un importante riscontro.

La trama è scorrevole, i personaggi ben caratterizzati e non mancano una sorta di colpi di scena...


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Per me un film consigliato.

JohnRambo  @  26/11/2023 14:23:08
   7 / 10
Questo docu-film travestito da commedia drammatica ha il semplicissimo e chiaro intento di illustrare il secondo Dopoguerra alle generazioni, soprattutto giovani, le quali conservano sempre meno memoria dei tempi dei loro nonni e degli immensi sacrifici fatti, talora in silenzio, dalle nonne, sempre relegate tra cucina e camera da letto, in una specie di prigione nelle quali erano cadute per eccesso di romanticismo.
La protagonista del film esemplifica, in una forma più che didascalica, questa vecchia realtà. Al centro una famiglia di umile estrazione, governata col pugno di ferro senza guanto di velluto da un capofamiglia e guidata dal patriarca, ovvero il vecchio nonno. La donna si barcamena come può ed è interessante lo sviluppo nel suo rapporto coi figli (in particolare, la primogenita) che conduce all'ottimo finale.
Il film resta limitato nel dare massima fluidità alla storia ed ai risvolti comico-drammatici a causa del suo intento esemplificativo: in certi punti non pare bastare la scena e le azioni ma sono necessarie le "didascalie", quasi che non si fosse sicuri di far giungere il messaggio critico verso la società di allora. Messaggio che in sé ha poco senso, perché la società di allora era figlia di un passato ancora peggiore (e non sollo per le donne), ed in seguito ad una guerra devastante, immersa in una grande povertà. Il collegamento con il presente è dato dalle vicende della figlia della protagonista, e soprattutto con il finale che è forse la parte migliore, quella dove si traggono le fila di tutto quanto fatto nelle due ore precedenti.
Gli attori a me sono piaciuti, con una punta di merito per Valerio Mastandrea senza il quale molti dei messaggi del film avrebbero fatto più fatica a passare. Ma una prova attoriale degna di rilievo secondo me è data dall'interprete della figlia, nonché la caratterizzazione del patriarca.

themoover  @  22/11/2023 12:43:16
   4 / 10
Film approssimativo privo di ritmo con uso molto povero dell'umorismo (è sufficiente vedere i film di Toto' o di Gasmann se vogliamo un umorismo intelligente e affrontare temi importanti con un tocco raffinato).

Chiara impronta femminista sia di un film che apparentemente non ha alcuno scopo se non quello di scatenare un'ondata di ingiustificata misandria in un periodo dove questi temi già sono molto delicati.

Per il resto il tema è puramente retorico, ok abbiamo scoperto che nel 40 il marito era il capo famiglia, che le donne erano trattate come pezze, che l'acqua è calda e che il ghiaccio è freddo. Nessuno lo sapeva, nessuno se lo immaginava.

Ovviamente l'effetto mediatico ha dato a questo film il successo che non merita poichè si tratta di un prodotto inutile con una regia mediocre, una sceneggiatura povera e una fotografia scarsa (eh si, da fotografo posso affermare che si possono fare miracoli col bianco e nero che nel film non si vedono affatto, anzi è tutto piuttosto piatto)

Conclude con dei buchi narrativi non indifferenti (spoiler).


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 19/02/2024 10.36.27
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  21/11/2023 12:42:10
   8 / 10
Bravissima Paola Cortellesi, che alla sua prima prova registica fa centro in pieno con un film scritto benissimo, diretto benissimo ed interpretato benissimo, che riesce a trattare temi molto importanti con grande delicatezza e difficile equilibrio tra dramma e commedia. Chiarissima l'influenza dei grandi della commedia all'italiana, che vengono citati in modo però rispettoso ed intelligente

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER.

Ci sono alcuni scivoloni stilistici in cui la Cortellesi ha voluto forse strafare mancando il bersaglio

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER, ma si tratta del classico pelo nell'uovo che non intacca di una virgola il valore di un film che era partito in sordina e si è conquistato a pieno titolo il cuore del pubblico.

Spero veramente che Paola Cortellesi non si perda e continui così, perché era dal primo Verdone che mancava una bella voce nella commedia all'italiana. Daje!

2 risposte al commento
Ultima risposta 21/11/2023 22.22.25
Visualizza / Rispondi al commento
Boromir  @  20/11/2023 18:16:53
   6½ / 10
L'esordio alla regia di Paola Cortellesi (anche co-sceneggiatrice e attrice protagonista) imbastisce un'ibridazione tra commedia all'italiana classica e reminiscenze neorealiste con un intento preciso: declinare il tema dell'emancipazione femminile, inserendola nel contesto politicamente transitorio del Dopoguerra. La patinata fotografia in bianco e nero, l'utilizzo "inventivo" della musica nelle scene di violenza domestica, e l'efficacia di sketch comici ben supportati da un cast convincente (su tutti il manesco e fatuo Mastandrea) sono le migliori cartucce a disposizione di un lungometraggio che, tuttavia, non rinuncia ad ammaliare il pubblico con un didascalismo a tratti urlato, invalidante per le pretese di profondità seppur efficace sul piano di una più epidermica empatia.

2 risposte al commento
Ultima risposta 16/01/2024 22.09.37
Visualizza / Rispondi al commento
Phenomeno  @  16/11/2023 19:37:43
   8 / 10
Leggo in giro qualche recensione critica, si parla di stereoticpi, artifici narrativi… ma quale film non li utilizza? Quello della Cortelllesi sicuramente meno di altri. Non sarà un capolavorissimo ma per me al momento è il film dell'anno insieme a L'Ultima Notte di Amore e As Bestas, poi vedremo se il tempo darà ragione a questo film o se tra qualche mese andrà nel dimenticatoio. Ad ogni modo a me ha molto emozionato, grazie anche alle ottime interprtezioni degli attori (Mastandrea in primis), e commosso nel finale. Anch'io come altri spettatori non me l'aspettavo perché sono molto diffidente con il cinema italiano specialmente quando i film sono interpretati da attori bravi in televisone o a teatro ma che di solito non rendono allo stesso modo al cinema e invece la Cortellesi che tra l'altro conoscevo pochissimo mi ha sorpreso in positivo regalandoci questo gioiellino originale che omaggia il neorealismo e riesce a trovare un buon equilibrio tra il drammatico e il comico senza che il film perda la sua credibiltà, impresa per nulla facile.

pak7  @  13/11/2023 13:57:55
   9 / 10
C'è voluto tempo per metabolizzare questo film, per pensare a cosa scrivere, per non essere banale e liquidarlo in tre parole.
C'è voluto un attimo per capire a cosa mi trovavo di fronte, un attimo soltanto per definirlo oggettivamente (eh lo so che il cinema è soggettivo, lo so) un film meraviglioso.
Meraviglioso perché non te lo aspetti che un personaggio come la Cortellesi, attrice comica interessante ma poco convincente nei ruoli da protagonista, abbia velleità da regista e lo sappia fare pure meglio di tanti altri (ovviamente il secondo film, se mai arriverà, sarà la prova del nove) con una profondità nei sentimenti incredibile, con tempi comici perfetti (sì, perchè a tratti si ride).
Ma la pellicola va oltre quello che ci si aspetta, va oltre la solita storia.
"C'è ancora domani" è un viaggio nell'immediato dopoguerra, nella vita di una donna che ha a che fare ogni giorno con la violenza e l'umiliazione.
Delia è solo una delle tante donne che con la propria forza sono riuscite a sognare un futuro diverso ed alla fine lo hanno conquistato per loro e per tutte le persone a cui volevano bene.

Ripeto: meraviglioso,

Cosimo70  @  12/11/2023 13:40:30
   9 / 10
Sala strapiena e successo meritato per un film ben costruito che racconta davvero bene il primo dopoguerra. Consigliatissimo.

matt_995  @  07/11/2023 19:38:59
   8 / 10
Il mio rapporto con la Cortellesi, negli anni, è stato altalenante. La adoravo ai tempi di Mai dire, attrice e autrice comica di siparietti che ancora oggi cito a memoria: la strozzina di Strozus, Olmo e Vanette, l'inviata de La vita in diretta, tutti personaggi straordinariamente portati in scena che rivelavano anche l'immensa intelligenza e sagacia della loro creatrice (un po' come la Fanelli, oggi, con lo show di Lundini).
Poi il passaggio al cinema con un paio di ruoli drammatici interessanti (Piano, solo, Due partite) e infine la consacrazione col David di Donatello (sigh) per Nessuno mi può giudicare, film oggettivamente scarso che aveva anche avuto il demerito di inaugurare tutto un nuovo filone di commedie italiane borghesi fintamente intelligenti (le famose commedie italiane che fanno pensare, boh) ma in realtà fuffa senza idee e sviluppi, firmate dai vari Bruni, Brizzi o lo stesso Milani compagno della Cortellesi (tutti registi praticamente interscambiabili). Una cinematografia, insomma, decisamente deludente, quella di Paola, da cui mi sento di salvare solo Il gatto in tangenziale.
Per questo motivo, ho approcciato al film con scetticismo. E in effetti il film parte normalmente, senza deludere ma al contempo senza grossi guizzi, eppure due cose mi hanno sorpreso quasi subito: la mancanza della solita struttura narrativa dei film succitati, scritti con la copia carbone del viaggio dell'eroe vogleriano. Qui no, qui abbiamo un film che si prende i suoi tempi per raccontare la Roma dell'immediato Dopoguerra. Nessun idea acchiappona High concept, nessun ammiccamento al pubblico più distratto. E poi un paio di sequenze oniriche che denotano una certa inventiva fuori dal comune, sia in regia che in sceneggiatura. Allora, a metà film, mi dicevo "Dai, sembra un bel film... Probabilmente andrà tutto in vacca con un finale senza mordente, ma pazienza!". Ebbene, sono stato felice di ricredermi, perché è nella seconda parte che il film dà il meglio di sé, dopo aver ben seminato tanti elementi. Una comicità a volte slapstick, a volte nerissima si diffonde per tutta la seconda metà (l'aiuto del soldato, il funerale e così via). Una gioia per lo spettatore italiano, ormai disabituato a vedere cose così divertenti e ben scritte. E infine il finale vero e proprio: un messaggio preciso, politico, che non ha paura di dire la propria. Quanto spesso ricapita nel cinema italiano commerciale di oggi?

Se proprio devo trovare delle pecche: la fotografia in b/n è scolastica, senza profondità. E la recitazione (Mastandrea e Colangeli esclusi, davvero perfetti) non è al massimo e la stessa Cortellesi a volte si perde in faccette fin troppo sopra le righe.
Chapeau, tuttavia, a quella ragazza che sembra tornata alla freschezza e brillantezza della gioventù a Mai Dire!

ferrogeo  @  07/11/2023 14:45:02
   8 / 10
Ero partito prevenuto, vista la mia diffidenza nei confronti della maggior parte dei film italiani. Ma mi sbagliavo, l'opera è veramente ben confezionata e fin da subito ha catturato la mia attenzione.
La scelta di utilizzare il bianco e nero, è a mio parere molto azzeccata perché va ad amplificare maggiormente la sensazione di miseria e disagio che rappresenta il periodo storico del dopoguerra.
Tutti i personaggi sono ben caratterizzati e suscitano empatia nei confronti dello spettatore.
Le musiche anacronistiche e fuori contesto mi sono piaciute dando uno stile particolare al film.
Finale a sorpresa.
Da vedere assolutamente.

Invia una mail all'autore del commento devilkiss73  @  06/11/2023 23:54:42
   9½ / 10
Ecco, finalmente un film che vale la pena vedere. Un film che ricorda la storia, il dramma di essere donna, ma soprattutto moglie e madre che si sacrifica per i figli. Una speranza, una vita di potere dell'uomo che ti fa rabbia. Grande la Cortellesi come regista e soprattutto come interprete.

marimito  @  04/11/2023 17:04:16
   9 / 10
Poetico, travolgente, emozionante, carico di significato e tanto altro. Sono uscita dal cinema con il viso rigato dalle lacrime. La Cortellesi è riuscita a tradurre perfettamente in pellicola la condizione umana e civile della donna del secondo dopoguerra; quella di Delia è la storia di tante donne del tempo (ed in alcuni casi anche di oggi), una storia di miseria economica, psicologica ed affettiva, ma anche una storia di resilienza e di riscatto. La figura di suo marito, che non si può non odiare, provoca un sussulto di violenza, quella che scateneresti alzandoti dalla poltrona per andare a difendere una donna che sembra rassegnata, ma che in realtà lotta per sé ma soprattutto per chi verrà dopo di lei: sua figlia. Meraviglioso!

tooglife  @  02/11/2023 06:41:05
   9½ / 10
Un film elegante, una trama mai scontata che sul finale regala emozioni. 120 minuti di riprese minimali che non ti stancano mai per la solida trama e l'avvincente interpretazione dei personaggi principali, ma anche dei secondari. Nessuna virgola è fuori posto in questo piccolo capolavoro. Bravissima la Cortellesi per aver confezionato un film di altissimo livello.

Wilding  @  30/10/2023 17:28:54
   8 / 10
Davvero un film magnifico, una commedia agro-dolce come non la si vedeva dagli Anni '50, che riporta alla mente i Maestri del nostro Cinema. Bravissima la Cortellesi alla regia e bravissima nella sua interpretazione, magnifico Mastrandrea.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  28/10/2023 02:20:31
   8 / 10
Impossibile non pensare a Delia come alla Loren di UNA GIORNATA PARTICOLARE, per l'ambientazione temporale del film - qui l'asse del tempo è collocata giusto qualche anno dopo - o al cinema di Mattoli, De Santis, Lattuada, il Fellini de "La strada" e altri ancora. La bellezza dell'esordio della Cortellesi sta tutto in questo parametro, non è un film vintage che ricorre a visioni da cartolina ingiallita come purtroppo è prossimo fare spesse volte Pupi Avati. È un omaggio sincero al Nostro Cinema post-conflitto e alle figure femminili designate da attrici che hanno colpito il suo e il nostro immaginario, le Valli, le Magnani, le Mangano, le Loren. Se certi paragoni possono sembrare esagerati, diciamo che non ha alcuna intenzione di imitarle, ma di farne un genuino tributo. Oltretutto il film v. Il magnifico epilogo anticipa l'imminente diritto di voto alle donne senza essere mai demagogico o sfacciatamente bipartisan. Non è certo tutto equilibrato il film, diciamo che qualche guizzo stilistico appare inopportuno e di maniera cfr. Omaggio al cinema muto ad esempio. Ma raccontando una società maschilista e prepotente - da ricordare a lungo un Mastrandrea/Zampano' che sfugge a tutti i parametri di crudeltà e ignoranza - dove prevale la remissività sociale sa anche alludere a un Presente dove la violenza continua a consumarsi al di là dei progressi e di tutte le più sofferte forme di emancipazione. Quello che è certo è che l'Italia di questo film, che appartenga a un Passato come a un Presente con scorie retrive e mai del tutto spianate, ne esce con le ossa rotte: una società ignorante e aberrante dove si espia una condanna a vita senza sentire il bisogno di uscirne. La Delia stessa del film trova la sua forza gradatamente, solo vedendo un possibile futuro cfr. La figlia che potrebbe colpire anche le persone che ama. Memorabile, tra le tante, la scena del pranzo di fidanzamento di Marcella. Insomma un film finalmente AUTENTICO e commosso che sorprende e mostra imprevedibile maturità di stile

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

20.000 specie di api50 km all'oraa dire il veroadagioall soulsamerican fictionappuntamento a land’s endaquaman e il regno perdutoarfargylle - la super spiabang bank
 NEW
bob marley: one lovebuon natale da candy cane lanechi ha rapito jerry cala’?chi segna vince
 NEW
city hunter: the movie - angel dustcolpo di fortunacome puo' uno scogliocover story - vent'anni di vanity fairdeserto particulardieci minutidivinitydobbiamo stare vicinielf me
 NEW
emma e il giaguaro neroeneaferrarifinalmente l'albafinestkindfoglie al ventogenoa. comunque e ovunquegiorni felicigodzilla minus onehazbin hotel - stagione 1how to have sexi soliti idioti 3 - il ritornoi tre moschettieri - miladyil colore viola (2023)il confine verdeil fantasma di canterville (2024)il faraone, il selvaggio e la principessail maestro giardiniereil male non esiste (2023)il migliore dei mondiil mondo dietro di teil punto di rugiadail ragazzo e l’aironeimprovvisamente a natale mi sposo
 NEW
in the land of saints and sinnerskriptonla chiocciolala natura dell'amorela petitela quercia e i suoi abitanti
 NEW
la zona d'interessel'anima in pacele avventure del piccolo nicolas
 NEW
le seduzionimadame web
 NEW
martedi' e venerdi'maschile pluralemay decembermean girls (2024)mr. & mrs. smith - stagione 1napoleon (2023)
 NEW
night swimno activity - niente da segnalareno way up (2024)one lifepare parecchio parigipast livesperfect daysperipheric lovepigiama party! carolina e nunù alla grande festa dello zecchino d'oro
 R
povere creature!prendi il voloprima danza, poi pensa - alla ricerca di beckettpuffin rock - il filmrebel moon - parte 1: figlia del fuocored roomsrenaissance: a film by beyoncericomincio da me (2023)robot dreamsromeo e' giulietta (2024)runnersansone e margot - due cuccioli all'operasantocielosilver e il libro dei sognisound of freedom - il canto della liberta'succede anche nelle migliori famigliesuncoastte l'avevo dettothe beekeeper
 NEW
the cage - nella gabbiathe family planthe holdovers - lezioni di vitathe miracle clubthe piper (2023)the warrior - the iron clawtrue detective - stagione 4tutti a parte mio marito - it's raining mentutti tranne teuna bugia per dueupon entry - l'arrivoviaggio in giappone
 NEW
volarewishwonder: white birdwonkayannick - la rivincita dello spettatore

1047862 commenti su 50425 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALIENATEAMERICAN NIGHTMARE - MINISERIE TVAPOCALISSE DI GHIACCIOBADLAND HUNTERSCALIFANOCAUSA DI DIVORZIOERADICATIONFREE FALL - CADUTA LIBERAGLI AMICI DELLE VACANZEGLI AMICI DELLE VACANZE 2IL DEMONE NEROIL SENTIERO DELLA VENDETTAIL TESORO DELLE 4 CORONEJUJUTSU KAISEN 0 - IL FILMLA BATTAGLIA DI HANSANLA FESSURALA LEGGENDA DI LONE RANGERLA ROSA DELL'ISTRIAL'AMORE ARRIVA DOLCEMENTEMALIZIOSAMENTENAGAOCCHIO NERO OCCHIO BIONDO OCCHIO FELINO…ONCE UPON A CRIMEPOUPELLE DELLA CITTA' DEI CAMINISEGUI IL TUO CUORESHERLOCK HOLMES - SCANDALO IN BOEMIASHUT IN (2022)SUFFERING BIBLETAURUSTERRA BRUCIATA (1953)UNA RETE DI BUGIE (2023)ZOMBIE 100 - CENTO COSE DA FARE PRIMA DI NON-MORIRE

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net