cenere e diamanti regia di Andrzej Wajda Polonia 1958
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

cenere e diamanti (1958)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film CENERE E DIAMANTI

Titolo Originale: POPIÓL I DIAMENT

RegiaAndrzej Wajda

InterpretiZbigniew Cybulski, Ewa Krzynanowaska, Adam Pawlikowski

Durata: h 1.44
NazionalitàPolonia 1958
Generedrammatico
Al cinema nel Dicembre 1958

•  Altri film di Andrzej Wajda

Trama del film Cenere e diamanti

-

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,00 / 10 (5 voti)8,00Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Cenere e diamanti, 5 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

stratoZ  @  21/03/2024 14:07:42
   8½ / 10
ATTENZIONE POSSIBILI SPOILER

L'anno dopo quel miracolo de "I dannati di Varsavia" Wajda prosegue idealmente il racconto mettendo in scena un film sempre riguardante la resistenza polacca però ambientato poco dopo la guerra, è il maggio del 45', la Germania ha appena firmato la resa incondizionata, la Polonia è libera dalla minaccia nazista, eppure la resistenza non si è smembrata, perché sembra dall'Unione sovietica stiano arrivando nuovi venti del regime, l'influenza comunista incombe sulla nazione, è l'ora di combattere.

Piccola premessa: è un film principalmente per il pubblico polacco, sebbene le tematiche trattate diventino universali, serve un buon background della storia polacca per comprendere a pieno gli svariati significati e simbolismi che Wajda mette in gioco, personalmente ho sempre avuto grossi dubbi su cosa potessero significare il crocifisso capovolto che si vede penzolare nelle macerie della chiesa, così come il cavallo bianco che spunta dal nulla.

In ogni caso, Wajda realizza un film che va a spezzare l'ideologia, a favore della determinazione del singolo e non più del sogno collettivo, è un film disilluso col protagonista, che sarebbe un sicario della resistenza, che intraprende un percorso di graduale consapevolezza. La prima scena mostra un omicidio a sangue freddo, senza esitare, convinto dell'azione che sta facendo, ma era la persona sbagliata, è stato confuso un povero operaio con un grosso esponente del partito.
Nel procedere del film il protagonista maturerà un pensiero diverso, conoscerà questa barista con cui passerà la notte e proverà per la prima volta l'amore, questa esperienza assieme al progredire della sua coscienza gli farà sorgere talmente tanti dubbi dal voler disertare la resistenza, smetterla di uccidere e vivere lontano da questo massacro, ma ormai l'accordo è stato preso e deve compiere il suo dovere.

Forte è la disillusione che mostra Wajda, scaricando tutta l'enfasi delle uccisioni, diventate comuni in periodo bellico, quasi un motivo di vanto per i soldati, che ora con il ritorno alla normalità riprendono ad avere un forte peso sulla coscienza, come si vede da più scene che enfatizzano il senso di colpa, da quella voyeurista alla finestra dell'hotel con l'amante della vittima disperata a quella della chiesa con i due corpi delle povere vittime, la vita umana torna ad avere un valore e quel valore pesa sulla coscienza del personaggio e sulle sue decisioni.

Forte è la componente empatica che mette l'autore, le scene sentimentali sono rappresentate con una delicatezza straordinaria, parlo dei primi piani dei due amanti a letto, una messa in scena sublime dell'autore che riesce ad essere asciutta e virtuosa al punto giusto, la bellezza delle immagini è sempre contestuale al racconto, non c'è un virtuosismo che sia di troppo o che distacchi dai sentimenti, anzi li enfatizza volentieri, dall'amore narrato con la barista alla forte tensione, molto vicina al senso di colpa, nei momenti della premeditazione dell'omicidio - a proposito di questo, ma che spettacolo è la scena delle scale? Con quelle ombre a spirale, straordinario - fino ad arrivare al dolore e l'amarezza finale, il protagonista dopo aver attraversato le fogne per salvarsi - Il riferimento al film precedente è palese - è comunque ancora vittima di un circolo vizioso, non più la guerra però, che non gli lascerà via d'uscita e spezzerà, come successo per la compagnia, i suoi sogni.

Goldust  @  17/11/2021 11:55:53
   7½ / 10
Dopo "I dannati di Varsavia" un altro titolo imperdibile di Wajda, capace di raccontare lo sfacelo di un popolo e la relativa mancanza d'identità ( la guerra è appena finita e la Polonia passa dall'influenza tedesca a quella, certamente diversa, russa ) attraverso le pene interiori del killer Maciek. Tra i suoi pregi il grandissimo lavoro sul bianco e nero di una pellicola a forte taglio espressionista; e ancora, diverse scene clou che si stagliano nell'immaginario dello spettatore ( l'agguato iniziale, la notte d'amore, la resa dei conti finale in mezzo alle lenzuola stese ) . L'unica pecca è qualche sottotrama politica un pò confusa, forse perchè ha forti rimandi con la storia polacca che io ovviamente non posso cogliere.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  20/11/2020 12:33:19
   6½ / 10
Quello di Andrzej Wajda è una lavoro difficile e non per tutti masticabile. Bisogna essere addentrati nella politica e nella societa' Polacca di quel periodo storico dove il tuo stesso fratello poteva appartenere ad'una fazione armata differente dalla tua.
Tutto si svolge all'interno di un albergo con casi di coscenza, amore e tentativi di fuga dalla propria storia.
Finale amaro per un lavoro che complessivamente ho trovato un po' freddo e poco comprensibile.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR pier91  @  02/10/2011 03:11:19
   9½ / 10
Spoiler presenti.

Non è facile addentrarsi nel terzo capitolo della trilogia wajdiana. Il contesto storico delle vicende è difficile da inquadrare e alcune figure secondarie stentano a trovare una logica collocazione nella mente dello spettatore. Ciò nonostante "Ceneri e diamanti" è un film straordinario, un ritratto umano viscerale ed ambiguo, specchio di una nazione distrutta ma sopravvissuta, di un popolo che cova insieme rancore e speranza. Accusato ai tempi di calligrafismo, in realtà vanta un equilibrio fra intuizioni formali ed intensità narrativa che ha del miracoloso.
Si è di fronte ancora una volta ad un incantevole cinema del contrasto. La dicotomia fra candore ed efferatezza, già preannunciata dal titolo, trova il suo mediatore ideale nel personaggio di Maciek (bravo e molto bello Cybulski). Giovane studente universitario, durante la rivolta di Varsavia ha vissuto nelle fogne (palese il legame con "Kanal") per poi votarsi totalmente alla causa anticomunista. La sua epopea interiore è come racchiusa fra due atti di violenza, l'uno compiuto con autentico convincimento, l'altro con rassegnata passività. La svolta è costituita dall'incontro con una ragazza fragile e sfiduciata. E' lei il barlume di Bellezza che Wajda accende nella tragedia, ovvero il diamante nella cenere. Eppure, quando il lenzuolo bianco si macchia del sangue di Maciek, appare chiaro quanto lo sguardo del regista sia disilluso, irrigidito in un nichilismo dalle radici profondamente autobiografiche. Memorabile l'ultima inquadratura, istantanea di sconfitta e morte che lascia il segno.

" …dalla vampa consunto ignori se dal fuoco avrai libertà agognata
o se tutto ciò che ti appartiene andrà disperso
o se dell'essere tuo non resterà che cenere sparsa che il vento dissolve
o se nella cenere ascoso non resti un diamante
che splende luminoso come luce di vittoria"

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  19/04/2010 21:41:57
   8 / 10
Una pellicola interessantissima che fonde la Storia di un paese con una confezione che richiama molto il genere noir. La Polonia dopo la caduta dei tedeschi si ritrova al suo interno una situazione di elevata conflittualità tra nazionalisti e comunisti. Un paese spaccato tra dissidi inconciliabili in cui la mancanza di comprensione reciproca e pulsioni autodistruttive distruggono quello che di meglio c'è da entrmbe le parti. Chi si salva? Gli arrivisti, i servi, i doppiogiochisti. Un'amara nascita di una nazione quella descritta con lucidità da Wajda.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place: giorno 1abigail (2024)accattaromaacidamen (2024)
 NEW
animale umanoanimali randagianna (2023)arrivederci berlinguer!bad boys: ride or die
 NEW
cult killer - la vendetta prima di tuttodall'alto di una fredda torreeileenel paraisofantastic machinefederer: gli ultimi dodici giorni
 NEW
fly me to the moon - le due facce della lunafremontfuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghost: rite here rite nowgirasoligli immortali
 NEW
gli indesiderabili (2023)
 R
hit man - killer per casoholy shoeshorizon: an american saga - capitolo 1hotspot - amore senza retei dannatiif - gli amici immaginariil caso goldmanil coraggio di blancheil gusto delle coseil mio posto e' quiil mio regno per una farfalla
 NEW
il mistero scorre sul fiumeil regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoin a violent natureinside out 2io & sissiio e il seccoio, il tubo e le pizzejago into the whitekinds of kindnessl’amante dell'astronautala memoria dell’assassinola morte e' un problema dei vivila profezia del malela stanza degli omicidila tartarugala treccial'esorcismo - ultimo attol'impero
 NEW
longlegsmade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello mio
 NEW
matrimonio con sorpresa (2024)me contro te: il film - operazione spiemetamorphosis (2024)mothers' instinctnew lifeniente da perdere (2024)noir casablanca
 NEW
non riattaccareprima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerquattro figlie (2023)quell'estate con ireneracconto di due stagioniricchi a tutti i costiritratto di un amorerobo puffinroma bluessamadsaro' con tesei fratellishoshanashukransuperlunathe animal kingdomthe bikeridersthe boys - stagione 4the fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissement
 NEW
the strangers: capitolo 1the tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretroppo azzurroun piedipiatti a beverly hills: axel funa spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirewindlesswoken - nulla e' come sembra

1052306 commenti su 50929 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALL YOU NEED IS DEATHANCHE I CINESI MANGIANO FAGIOLIBAG OF LIESBLOODLINE KILLERBUTT BOYCINDERELLA'S REVENGEDR. CHEON E IL TALISMANO PERDUTOE IL CASANOVA DI FELLINI?EASTER BLOODY EASTERI DUE TORERII SAW THE TV GLOWIL MIO CORPO PER UN POKERIL MONDO DI ALEXIL SIGNORE DEL DISORDINEINSOSPETTABILE FOLLIAIP MAN: IL RISVEGLIOISLAND OF THE DOLLSK9 - SQUADRA ANTIDROGALA FORZA DELLA VENDETTALA STRANA SIGNORA DELLA PORTA ACCANTOLA TOTALE!L'APPRENDISTA DELLA TIGREMIO FIGLIO (2018)REFUGERINGO E GRINGO CONTRO TUTTISATAN'S SLAVE (1980)SPOONFUL OF SUGARSWIMTHE MONKEY KINGTHE MOONTHE PRINCESS (2022)THE SHE-CREATURETHE SOUL EATERUFO SWEDENUN AMORE IN PERICOLOWOMAN WALKS AHEAD

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

POVERE CREATURE!
Locandina del film POVERE CREATURE! Regia: Yorgos Lanthimos
Interpreti: Emma Stone, Mark Ruffalo, Willem Dafoe, Ramy Youssef, Jerrod Carmichael, Christopher Abbott, Margaret Qualley, Suzy Bemba, Kathryn Hunter, Hanna Schygulla, Vicki Pepperdine, Jack Barton, Charlie Hiscock, Attila Dobai, Emma Hindle, Anders Grundberg, Attila Kecskeméthy, Jucimar Barbosa, Carminho, Angela Paula Stander, Gustavo Gomes, Kate Handford, Owen Good, Zen Joshua Poisson, Vivienne Soan, Jerskin Fendrix, István Göz, Bruna Asdorian, Tamás Szabó Sipos, Tom Stourton, Mascuud Dahir, Miles Jovian
Genere: fantascienza

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


THE DEVIL IN MISS JONES
Locandina del film THE DEVIL IN MISS JONES Regia: Gerard Damiano
Interpreti: Georgina Spelvin, John Clemens, Harry Reems
Genere: erotico

Recensione a cura di The Gaunt

MERCOLEDI' - STAGIONE 1
Locandina del film MERCOLEDI' - STAGIONE 1 Regia: Tim Burton, Gandja Monteiro, James Marshall
Interpreti: Jenna Ortega, Gwendoline Christie, Riki Lindhome, Jamie McShane, Hunter Doohan, Percy Hynes White, Emma Myers, Joy Sunday, Georgie Farmer
Genere: fantasy

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net