doa: due ore ancora regia di Rudolph MatÚ USA 1950
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

doa: due ore ancora (1950)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film DOA: DUE ORE ANCORA

Titolo Originale: D.O.A.: DEAD ON ARRIVAL

RegiaRudolph MatÚ

InterpretiEdmond O'Brien, Pamela Britton, Luther Adler, Beverly Campbell

Durata: h 1.23
NazionalitàUSA 1950
Generenoir
Al cinema nel Dicembre 1950

•  Altri film di Rudolph MatÚ

Trama del film Doa: due ore ancora

Rudolph MatÚ

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,38 / 10 (4 voti)7,38Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Doa: due ore ancora, 4 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

steven23  @  24/04/2014 17:54:15
   7 / 10
"Vorrei denunciare un omicidio!"
"Si sieda... Quando è stato commesso questo omicidio?"
"San Francisco, ieri sera."
"Chi è stato ucciso?"
"Io!"

Quale incipit migliore di questo? E' semplicemente grandioso, forse troppo visto che alla distanza il film non mantiene le aspettative create intorno a questo piccolo scambio di battute. Per carità, si tratta di un noi di tutto rispetto, girato in maniera più che buona, con ottime inquadrature (esclusivamente esterni) e ben recitato... però... però qualcosa non mi ha convinto del tutto. E credo che si tratti delle forzature rilevate già dall'utente che mi ha preceduto, in particolare le prime due riguardanti veleno e doti del protagonista. Niente di eccessivamente penalizzante (tra l'altro le ho realizzate meglio a mente fredda) ma mi impediscono di dare un voto superiore.
Comunque film in sostanza buono, a parte (ancora una volta) la traduzione italiana del titolo... al solito incommentabile!

Goldust  @  24/04/2014 16:09:28
   6 / 10
ATTENZIONE SPOILER PRESENTI
L'incipit di questo noir è fantastico, eppure il film in sé non mi ha convinto appieno, forse perché è ingarbugliato mica da ridere. Parlando del lato tecnico regia e fotografia sono curate a dovere ( San Francisco è un'ambientazione sempre suggestiva, per quel poco che si vede ) ma ci sono tante cose che non quadrano, o che addirittura irritano. La storia dell'avvelenamento fa infatti acqua da tutte le parti: quale veleno ( ovviamente privo di antidoto!) non da sintomi nel breve periodo per poi uccidere nel medio-lungo? Ed era proprio necessario rappresentarlo con un'improbabile fosforescenza? E ancora, non si spiega il repentino passaggio del sig. Bigelow da tranquillo contabile ad esperto investigatore che non disdegna di maneggiare armi da fuoco. E per finire, che lagna la fidanzata Paula, appiccicosa ad un livello imbarazzante..
Fa infine un pò sorridere la superficiale rappresentazione della sanità americana: due visite mediche immediate, zero prenotazioni e tempi d'attesa, zero ticket, zero parcelle. Sarebbe un sogno.

Gruppo REDAZIONE K.S.T.D.E.D.  @  01/04/2010 18:06:07
   7½ / 10
Dopo aver diretto splendidamente la fotografia di pellicole dirette da registi del calibro di Dreyer, Lang, Hitchcock e Welles, Maté passa alla regia e dirige, tra gli altri, questo "Dead on Arrival", dimostrando una certa abilità anche dietro la macchina da presa. Ritmo a dir poco serrato e dialoghi frizzanti e altrettanto veloci sono le colonne portanti di un thriller che, considerata la sceneggiatura, non poteva e non doveva essere girato diversamente.

Buona la riconoscibile fotografia di Laszlo ("Kiss me Deadly"). Un po' meno alcune scelte registiche, tipo il sistematico e del tutto fuori luogo fischio, nell'albergo, al passaggio di una bella signora o il fatto che più di una volta gli attori si lascino scappare un'occhiata in camera; non che le stesse, è ovvio, compromettano la riuscita di quello che resta comunque un ottimo thriller.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Requiem  @  03/12/2007 09:40:41
   9 / 10
Il thriller del '49 di Rudolph Matè fa ancora oggi una bellissima figura.
Siamo molto lontani dalle atmosfere torbide che caratterizzavano i Noir contemporanei. In D.O.A. si sviluppa in maniera essenziale e sostanzialmente perfetta uno spunto davvero interessante: Un uomo viene avvelenato, ha due ore di vita e in questo tempo deve scoprire i colpevoli.

Davvero ottimo, e sicuramente insolito per l'epoca. Oggi invece ne hanno fatti due remake, di cui uno negli anni '80 (D.O.A. con Dennis Quaid e Meg Ryan) , una storia simile in versione pulp (Crank) e Michael Mann si appresta a dirigere un poliziesco sull'avvelenamento della spia del KGB Litvinienko.

D.O.A. non sta certo per "Due ore ancora" dell'idiota titolo itailano, ma per "Dead on Arrival", tradotto a sua volta nel remake come "Cadavere in arrivo".

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1014630 commenti su 44948 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net