perfect days regia di Wim Wenders Giappone 2023
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

perfect days (2023)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film PERFECT DAYS

Titolo Originale: PERFECT DAYS

RegiaWim Wenders

InterpretiKoji Yakusho, Tokio Emoto, Arisa Nakano, Aoi Yamada, Yumi Asou, Sayuri Ishikawa, Tomokazu Miura, Min Tanaka, Masahiro Koumoto, Daigo Matsui, Tateto Serizawa, Tamae Ando, Morio Agata, Morooka Moro, Motomi Makiguchi, Mijika Nagai

Durata: h 2.05
NazionalitàGiappone 2023
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 2024

•  Altri film di Wim Wenders

Trama del film Perfect days

Hirayama conduce una vita semplice, scandita da una routine perfetta. Si dedica con cura e passione a tutte le attività della sua giornata, dal lavoro come addetto alle pulizie dei bagni pubblici di Tokyo all’amore per la musica, ai libri, alle piante, alla fotografia e a tutte le piccole cose a cui si può dedicare un sorriso. Nel ripetersi del quotidiano, una serie di incontri inaspettati rivela gradualmente qualcosa in più̀ del suo passato.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,37 / 10 (19 voti)7,37Grafico
Miglior attore (Koji Yakusho)
VINCITORE DI 1 PREMIO AL FESTIVAL DI CANNES:
Miglior attore (Koji Yakusho)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Perfect days, 19 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

BigHatLogan91  @  13/04/2024 00:01:54
   6½ / 10
Film poetico, ma che soffre di un'eccessiva lentezza e ripetitivià.

Cinder  @  09/04/2024 00:22:31
   10 / 10
Wim non delude.

Oskarsson88  @  08/04/2024 09:02:19
   7½ / 10
La bellezza della vita sta nel momento e nel presente, anche quando si ha un lavoro socialmente umile e poco riconosciuto. Una persona fuori dal tempo, mi ha fatto anche pensare alla traccia musicale "An analog guy in a digital world" in quanto il protagonista è legato alle cassette musicali in un Giappone all'avanguardia tecnologica.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  19/03/2024 18:18:09
   8 / 10
Conversando con la nipote Hirayama afferma che lui e sua sorella vivono in mondi diversi. In effetti è vero, lui è una persona sola, ma non soffre di solitudine. Svolge un lavoro umile come pulire i gabinetti pubblici, ma non subisce questa cosa come una punizione, anzi la sua routine quotidiana, pressochè identica ogni giorno è vissuta con piena consapevolezza. Può sembrare una vita infelice, ma il sorriso gentile che accompagna le sue giornate è sincero. Non ha computer o smarthphone, bensì una macchina fotografica a rullino che gli serve per fotografare i riflessi delle foglie negli alberi. Sembra una persona sconnessa dal mondo invece è più connesso di noi che viviamo nella finzione di essere connessi con il tutto. Vive in maniera analogica, se mi si può passare il termine. Legge libri, ascolta audiocasette a nastro e va benissimo così. Non sappiamo nulla del suo passato se non per qualche intuizione attraverso il breve incontro con la sorella, ma per il resto è un uomo felice. Wenders ci accompagna nel mondo di Hirayama, un inno alla semplicità di una esistenza che è diventata troppo complessa e stratificata per tutti ma non per lui. L'espressione del viso di una straordinario Yakusho, nel finale del film, vale da solo il prezzo della visione.

Phenomeno  @  04/03/2024 18:28:24
   7 / 10
Un film probabilmente pensato da Wenders durante o dopo il COVID quando molti, non per volontà propria, si sono dovuti "fermare" dalla nostra folle corsa quotidiana e magari hanno potuto riflettere in modo più profondo sulla propria esistenza, sul declino del nostro impero americano d'Occidente e sul fatto che bisogna imparare a vivere nel presente, qui ed ora, non pensare agli errori del passato e alle preoccupazioni per il futuro. Che senso ha vivere per consumare, guadagnare, accumulare il più possibile, se poi passiamo la vita a prendere psicofarmaci contro lo stress, l'ansia la depressione? Cos'è veramente importante? Quelle che possono sembrare delle azioni normali, come un sorriso a un conoscente, un aiuto a a un collega di lavoro, una passeggiata al parco, la lettura rilassata di un libro alla sera, piccoli gesti quotidiani solo in apparenza insignificanti, in realtà potrebbero essere le più grandi gioie a cui possiamo aspirare in questa vita. Magari però per godere di tutto ciò si rinuncia alla carriera, a una famiglia, agli amici e si fa una vita solitaria. Insomma forse non è tutto oro quel che luccica come sembra voler dire il finale. Quindi? Seguire la via di mezzo: è questa la strada? Come insegna la filosofia del buddhismo zen.

7219415  @  28/02/2024 12:15:23
   6 / 10
Wenders lo digerisco un po' male

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  28/02/2024 11:12:27
   5 / 10
A un certo punto il protagonista pensa che Spotify è un negozio: c'è l'elogio del boomer, c'è Wenders che in realtà si è trasformato in uno Jarmusch che non ce l'ha fatta, c'è il primo piano con carrellata finale su pezzo rock revival di Lou Reed a mo di pecorino sulla amatriciana. Ah si, ok, si vive bene anche accantonando i sogni e la metafora lavorativa del protagonista pone l'accento sulla cura del bene comune. Leggo capolavoro, io ero ai limiti della forchetta nella trachea.

Misialory  @  25/02/2024 21:26:47
   7½ / 10
Ogni mattina Hyrayama si alza all'alba nel suo piccolo appartamento e rivive come un rituale giornate apparentemente identiche e ripetitive: stessi gesti di preparazione, stesso tragitto in auto, stessi bagni da pulire, stessa pausa pranzo (con la stessa ragazza nella panchina accanto); in ognuno di questi giorni però accade qualcosa di apparentemente piccolo o insignificante, che dà senso alla sua vita.
E' sufficiente ascoltare la sua musica preferita o scegliere un nuovo libro o recarsi negli stessi locali, per trarne gioia e rassicurazione.
Hyrayama trasmette una profonda pace interiore, sa osservare il mondo, sa vedere al di là delle apparenze, sa apprezzare quello che possiede e lo dimostra con una generosità sincera verso gli altri. Non ha bisogno di nient'altro, il suo piccolo mondo gli da già tutto. Questo film insegna qualcosa a tutti noi, senza dubbio.

Light-Alex  @  18/02/2024 08:39:42
   5½ / 10
Film estremamente lento e fondamentalmente privo di trama. Si ripercorrono le giornate tutte un po' uguali di un lavorante dell'igienizzazione delle toilette di Tokyo, interpretato dal protagonista Koji Yakusho. La vicenda quindi è la ripresa di queste giornate estremamente metodiche, rituali (in pieno stile giapponese), ripetitive ed abitudinarie, della semplice vita di un uomo come tanti, solo, vagamente assuefatto da questo scorrere dei giorni identico senza possibilità o ricerca di cambiamento.

Credo che il senso del film sia un po' la battuta che arriva circa a metà film "Nel mondo ci sono contenuti tanti altri piccoli mondi, spesso chiusi e che non comunicano tra di loro". Ecco, Perfect Days lo vedo come un film che ci apre una finestra su una vita completamente lontana da noi, dove sia le modalità esotiche del Giappone, sia lo stile di vita monacale del protagonista, ci estraniano in una vicenda fuori dal tempo. A noi viene data la possibilità di sbirciare in un mondo lontanissimo, in una vita distante dalla nostra, nella quale tuttavia la ricerca è sempre la stessa, un barlume di felicità nello scorrere di tutti i giorni.

Per quanto sia sempre affascinante il Giappone, ho trovato veramente il film troppo lento e l'assenza di trama fa sì che non dia mai l'idea di cominciare veramente.

Boromir  @  10/02/2024 00:28:27
   8 / 10
Wim Wenders cesella un piccolo gioiello contemplativo in una adorabilissima cornice 4:3 che inevitabilmente richiama il cinema classico e omaggia, nel caso in questione, Yasujiro Ozu. E' il racconto delicato di un uomo di mezza età (lo straordinario Kōji Yakusho, in un'interpretazione quasi muta ma di enorme valenza comunicativa) che pulisce maniacalmente i bagni pubblici di Tokyo per lavoro, scandendo il tempo libero con le passioni per la letteratura, per le piante, la fotografia analogica e le musicassette di The Animals e Lou Reed. Una ricerca rituale e abitudinaria della ricchezza interiore che non trascura il valore del contatto con l'altro, un elogio alla quotidianità che si fa grande nell'illustrazione delle emozioni, un tributo (né nostalgico, né ricattatorio) ai rifugi analogici in un mondo sempre più frenetico, globalizzato, liquido e digitale.

Setter57  @  04/02/2024 09:51:32
   8½ / 10
Molto lento, ma bellissimo! Altro non riesco ad aggiungere.

clemtaf  @  24/01/2024 00:31:16
   10 / 10
Un film perfetto come i days del titolo.

Manticora  @  18/01/2024 17:09:39
   8 / 10
Il film più giapponese di Wenders, dopo risultati altalenanti e film mediocri ( vedasi Submergence del 2017) il regista tedesco ritorna nel 2023 con questo perfect days che nonostante la lunghezza e la trama scarna riesce a toccare l'anima soprattutto di chi come me si ritrova nel Giappone che Wenders narra con un occhio ad Ozu, soprattutto nella parte dei sogni del protagonista. La vita di Hirayama sembra monotona e priva di significato, un uomo che nell'incontro con la sorella capiamo ha abbracciato un altra vita per sfuggire anche dalla figura del padre oramai anziano. Quindi al di fuori degli agi e della vita diversa Hirayama vive la sua vita che sembra sempre uguale e invece è piena di sfumature. Soprattutto quando incontra la nipote scappata di casa. Bellissima colonna sonora diegetica che ci accompagna mentre il protagonista guida ascoltando le audiocassette. Un film per chi lo vuole capire, che fà riflettere sul senso della vita.

jimclark82  @  17/01/2024 13:51:20
   4 / 10
Onestamente non l'ho apprezzato, a ognuno il suo come si dice...e questo non è decisamente per me.
spaccato di vita di un giapponese che vive una vita umile e guardando il film con grande attenzione si possono tratte anche concetti profondi...ma più di 2 ore a vedere il personaggio principale a pulire WC con grande dedizione a me non lascia nulla...solo noia.
per quanto mi riguarda si salvano solo le musiche

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  16/01/2024 01:55:32
   7 / 10
Wim Wenders è perfettamente compatibile con il mio modo di vedere "lo stato delle cose" oltretutto adoro i suoi film "tedeschi", con quell'europeo che sognava l'America dal letto di casa. Citava Patricia Highsmith (anche qui) ed era amico di Nicholas Ray, immortalato in quel testamento di Vita e di Morte che era l'immenso "Lampi nell'acqua". Amava Hammett, Sam Spade, forse Richard Ford e Keruack. Poi l'Amwrica l'ha trovata e rivista a modo suo, lo sguardo comunque universale, l'amore per il Rock e via dicendo. Negli ultimi due decenni si era un poco perso in se stesso, ma aveva realizzato alcuni dei più bei documentari mai visti al cinema (lunga lista di capolavori). Dovrei dire Perfetto di Perfect days che mi ricorda forse "Nel corso del tempo" o forse Ozu contemporaneo, ma a ben vedere ha lo stesso stile minimale del primo Jim Jarmusch. Dovrei dirlo, magari lo penso pure, ma non lo trovo il Capolavoro che si dice in giro. La traiettoria del titolo come una nota canzone rock mi sembra abusata, come l'epilogo del piano sequenza, e forse anche la colonna sonora è fatta di scelte troppo prevedibili e sfruttate ovunque, dagli Animals a Nina Simone a Patti Smith. Sì mi sembra più Jarmusch che Wenders, con qualche vago accenno delle (efficaci) location urbane che sembrano uscite da "L'Eclisse" di Antonioni. Hirayama fa pensare solo che un uomo di tante letture non può desiderare di fare una vita "professionale" del genere, di pulire i gabinetti pubblici. Sì ama così poco? O non si pone quesiti del genere? La scena migliore, la più toccante, è l'incontro del protagonista con un uomo malato che ha appena rivisto la sua ex moglie. Ma complessivamente il film mi ha emozionato poco, non ci ho trovato quella complessità psicologica che giustifica un grande film. Interessante, ma sotto sotto prevale una sorta di lietezza umorale del protagonista che assolve ogni presunta malinconia o frustazione

Febrisio  @  15/01/2024 14:40:07
   7½ / 10
Seguiremo una decina di giornate della vita quotidiana del protagonista Hirayama che nel suo modo semplice e passionale riesce a cogliere e ad esprimere emozioni da e a cosa lo circonda. Nel contempo Win Wenders inquadra in modo assai pulito queste vicende e le dona allo spettatore. Non è un docufilm, ma Wim con delicatezza ci racconta una poesia nella vita quotidiana.

Un film piuttosto lento e dai discorsi rarefatti, che meriterebbe essere visto da tutti, ma che malgrado le sue caratteristiche non è per tutti.

marimito  @  13/01/2024 22:41:25
   8½ / 10
Wim superlativo!
Il trionfo della filosofia della felicità delle piccole cose, perfette nella loro ripetizione, e nelle quali anche le sbavature ed i fuori programma concorrono a renderle tali.
Musiche, fotografie, "dialoghi", anche (e forse soprattutto i silenzi) contribuiscono a realizzare quel senso di perfezione in cui l'altro è eventuale e nn sempre necessario per sentirsi felici.
In questa rotondità e circolarità della vita, momenti bui esistono e appartengono ad essa ma fondamentale è trovare la luce fra le ombre, perché c'è sempre il sole fra gli alberi (komorebi). Vivere l'hic et nunc, perchè ora è ora e un'altra volta è un'altra volta.

Thorondir  @  08/01/2024 10:04:12
   6½ / 10
Il cinema (e la vita) delle piccole cose, dei gesti apparentemente insignificanti ma velati di profondo umanesimo, l'amore per Ozu e il Giappone, Tokyo come luogo dell'anima e oasi di una cultura altra (seppur qui contaminata da quella occidentale, dai romanzi alla musica). Ci sono gli ingredienti di un film che Wenders ha rincorso e sognato per anni. Nella storia di Hirayama c'è una routine metodica, sempre uguale a se stessa: la stessa bibita acquistata nello stesso posto, lo stesso tragitto per andare al lavoro, gli stessi luoghi in cui mangiare, lo stesso bagno pubblico in cui lavarsi, le piantine annaffiate tutte le mattine, ecc. . Wenders ci regala questo film di gesti (il gesto molto più importante della parola) e ci invita a riflettere sulla poesia insita nella quotidianità e su quelle cose a cui non dedichiamo molta attenzione. Eppure, nella scelta di raccontare una routine, la coerenza del film rischia di farlo sbandare, perché "Perfect Days" è esso stesso "routinizzato": lo spettatore non viene informato di come Hirayama vive la sua vita ogni giorno, è costretto a riviverla sempre uguale a se stessa. Scelta narrativa rischiosa e che finisce per rendere tutto più soporifero ma soprattutto per togliere screentime agli altri personaggi, a partire dal duo nipote/sorella, testimoni di qualcosa accaduto nel passato ma che non conosciamo minimamente (focalizzazione esterna). E questo finisce per depotenziare il dramma e per rendere un po' bozzettistici alcuni personaggi, affidando tutta la potenza espressiva di "Perfect Days" alla bellezza quasi futuristica di Tokyo e ai primi e primissini piani di Koji Yakusho. Con un finale che omaggia di nuovo Ozu e che ci ricorda che (forse) anche quando scelta e positivamente vissuta, la solitudine fa male e il trascorrere del tempo resta inesorabile.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR rain  @  07/01/2024 14:07:32
   9 / 10
Può un film dove, per buona parte della sua durata, assistiamo al suo protagonista che pulisce bagni pubblici essere così bello? Wim Wenders, ormai alla soglia degli ottant'anni, ci dice di sì con quest'opera così lontana dal cinema frenetico a cui siamo ormai assuefatti, ma che con la sua ritualità riesce a trasmetterci un senso di pace estrema, la stessa pace che prova Hirayama (sacrosanta Palma d'Oro a Cannes per Koji Yakusho) nel compiere tutti quei piccoli e abitudinari gesti che scandiscono quella che per lui è la giornata perfetta. Qualche piccolo imprevisto prova a mutare la routine di Hirayama, imprevisti che però lo stesso Hirayama "assorbe" con serenità e senza farsi scalfire, continuando imperterrito a svolgere i suoi "rituali" con tutta la meticolosità di cui è capace.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

50 km all'oraa dire il veroamerican fictionancora un'estateanother endappuntamento a land’s endarfargylle - la super spiaautobiography - il ragazzo e il generalebang bankbob marley: one lovecane rabbiosocaracaschi segna vincecity hunter: the movie - angel dust
 NEW
coincidenze d'amorecover story - vent'anni di vanity fairdamseldeserto particulardicono di tedieci minutidobbiamo stare vicinidrive-away dollsdune - parte due
 NEW
e la festa continua!emma e il giaguaro neroeneaeravamo bambiniestraneifinalmente l'albafino alla fine della musica
 NEW
flaminiaforce of nature - oltre l'ingannogenoa. comunque e ovunque
 NEW
ghostbusters - minaccia glacialegioco di ruologli agnelli possono pascolare in pacegodzilla e kong - il nuovo imperohazbin hotel - stagione 1how to have sex
 NEW
i delinquenti
 NEW
i misteri del bar etoilei soliti idioti 3 - il ritornoi tre moschettieri - miladyil colore viola (2023)il confine verdeil diavolo e' dragan cyganil fantasma di canterville (2024)il mio amico robotil punto di rugiadail ragazzo e l’aironeil teorema di margheritail vento soffia dove vuoleimaginaryin the land of saints and sinnersinshallah a boykina e yuk alla scoperta del mondokriptonkung fu panda 4la natura dell'amorela petitela quercia e i suoi abitantila sala professorila seconda vitala terra promessala zona d'interessel'amour et les foretsland of badl'anima in pacele avventure del piccolo nicolasle seduzionil'estate di cleolos colonosmadame webmartedi' e venerdi'maschile pluralemay decembermean girls (2024)memory (2023)monkey manmr. & mrs. smith - stagione 1my sweet monsterneve (2024)night swimno activity - niente da segnalareno way up (2024)omen - l'origine del presagiopare parecchio parigipast livesperfect daysperipheric lovepigiama party! carolina e nunù alla grande festa dello zecchino d'oro
 HOT R
povere creature!prima danza, poi pensa - alla ricerca di beckettpriscillapuffin rock - il filmrace for glory - audi vs lanciared (2022)red roomsrenaissance: a film by beyoncericky stanicky - l'amico immaginarioroad house (2024)romeo e' giulietta (2024)runnersansone e margot - due cuccioli all'operase solo fossi un orsosenza proveshirley: in corsa per la casa biancasolo per mesopravvissuti (2022)spacemansuccede anche nelle migliori famigliesull'adamant - dove l'impossibile diventa possibilesuncoastsupersextatami - una donna in lotta per la liberta'te l'avevo dettothe animal kingdomthe beekeeperthe cage - nella gabbiathe holdovers - lezioni di vitathe piper (2023)the warrior - the iron claw
 NEW
tito e vinni - a tutto ritmototem - il mio soletrue detective - stagione 4tutti tranne teun altro ferragostoun mondo a parte (2024)una bugia per dueupon entry - l'arrivoviaggio in giapponevite vendute (2024)volarewonder: white birdyannick - la rivincita dello spettatorezafira, l'ultima reginazamora

1049529 commenti su 50616 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

A KILLER PARADOXCELLPHONECINQUE APPUNTAMENTI AL BUIODEPARTING SENIORSGIOCHI EROTICI DI UNA FAMIGLIA PER BENEGODS OF THE DEEPGUERRA INDIANAHAMMERHEADHISTORY OF EVILHOUSE PARTYIL FUOCO DEL PECCATOIL GIOCO DELLA MORTE - STAGIONE 1IL VOLATORE DI AQUILONIIMMACULATELA GRANDE RAPINALIBERO DI CREPAREMASSACRO AI GRANDI POZZIOMBRE A CAVALLOROADSIDE PROPHETSSHOCK WAVESHOCK WAVE 2SHOGUNSTOPMOTIONSTRIKERTHE BINDINGTHE REGIMETIO ODIO, ANZI NO, TI AMO!TUTTI I SOSPETTI SU MIO PADREUNA COPPIA ESPLOSIVA - RIDE ON

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net