the post regia di Stevn Spielberg USA 2017
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

the post (2017)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film THE POST

Titolo Originale: THE POST

RegiaStevn Spielberg

InterpretiMeryl Streep, Tom Hanks, Alison Brie, Matthew Rhys, Bruce Greenwood, Sarah Paulson, Carrie Coon, David Cross, Tracy Letts, Bob Odenkirk, Michael Stuhlbarg, Bradley Whitford

Durata: h 1.56
NazionalitàUSA 2017
Generebiografico
Al cinema nel Febbraio 2018

•  Altri film di Stevn Spielberg

Trama del film The post

Nel mese di giugno del 1971, il New York Times, il Washington Post e gli altri principali quotidiani degli Stati Uniti prendono una coraggiosa posizione in favore della libertà di espressione, informando sui documenti del Pentagono e rivelando segreti governativi inerenti a quattro decenni di storia e presidenze americane. Katherine Graham, la prima editrice del Washington Post, e Ben Bradlee, il volatile direttore della testata, provano a ridare linfa a un quotidiano oramai in declino. Insieme, formano un'improbabile squadra chiamata a sostenere coraggiosamente la pubblicazione dei documenti e a combattere contro il tentativo senza precedenti dell'amministrazione Nixon di limitare il Primo Emendamento.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,43 / 10 (28 voti)6,43Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su The post, 28 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Filman  @  04/09/2018 11:59:09
   6½ / 10
Usare il giornalismo per fare un freddissimo dramma-thriller dai velati connotati spionistici e usare il biopic in costume per storicizzare il giornalismo d'inchiesta sono due compiti particolarmente difficili, ma non certo per chi ha l'esperienza e la disinvoltura dietro la macchina da presa di Steven Spielberg che anche in un film più frenato (per non dire floscio) di altri come THE POST riesce a comunicare tutto ciò che vuole. Il resoconto che viene narrato è intorpidito, ha difficoltà a decollare ed emoziona quasi unicamente attraverso i caratteri, tutti interpretati da pezzi da novanta, mentre la potenza cinematografica del film viene sprigionata in poche inquadrature d'eccezione, ma d'altro canto a dover parlare è l'etica della storia alla quale si assiste e non la morale dell'autore, che si diletta principalmente in due cose: un elogio volontario e personale ai personaggi descritti e al loro modo di fare la differenza e concretizzare in immagini il peso dell'informazione e la forza delle parole.

Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  12/08/2018 10:27:28
   7 / 10
Questo film termina dove cominciava "Tutti gli uomini del presidente" (film del '76, primo grande capolavoro sul giornalismo politico americano). E'talmente evidente che diventa inevitabile confrontare i due film. "The Post" parla di eventi ormai lontanissimi nel passato, mentre l'altro film fu coraggiosissimo soprattutto per quanto fossero recenti gli eventi narrati. Qui si parla più dei "piani alti" che di chi il giornalismo lo faceva per strada, guardando quindi l'altra metà di quel che erano i giornali dell'epoca. Avere Meryl Streep al centro di tutto migliora una pellicola che, pur denunciando un'era di maschilismo ancora lontana dall'essere finita, non rinuncia ai marchi di fabbrica del regista (che ormai personalmente trovo irritanti). Nonostante ci sia Williams alla colonna sonora, raramente ci si accorge che ce ne sia una. E'bene guardare entrambi i film, ma seguendo l'ordine storico degli eventi (altrimenti questo il confronto non lo regge)

wicker  @  22/07/2018 07:01:43
   6 / 10
Film policamente corretto che nell'era Trump sa tanto di mossa furba per accaparrarsi il consenso del pubblico ..
Poi i pentagon papers sono una vicenda ormai vecchia e facile da incanalizzare in una sceneggiatura forte e lineare come sussegguirsi degli eventi . infatti Spielberg non tira mai fuori un'invenzione e a tratti sembra di guardare un documentario.
Con un cast del genere è comunque difficile sbagliare e l'esperienza alla regia e al montaggio c'e' sicuramente . compitino eseguito

piripippi  @  04/07/2018 20:39:27
   9½ / 10
straordinario. film che ci racconta per bene un pezzo della storia più nera degli stati uniti. spielberg ricostruisce la storia con grande maestria e precisione. un film da vedere anche nelle scuole. hanks e la streep da oscar

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  04/07/2018 00:33:19
   7 / 10
Spielberg è una vecchia volpe del cinema e qui, con grande mestiere, sforna un altro dei suoi film. Pellicola un po' furbetta, in quanto cavalca il vanto anti-Trump usando il vecchio stratagemma di raccontare un evento passato per criticare il presente, ma il tutto è ben fatto e getta luce su una pagina nera della recente storia a stelle e strisce. Inoltre, si cavalca anche un altro tema molto in voga di recente a Hollywood: la discriminazione di genere. La protagonista è una donna che tutti giudicano inadatta, in quanto donna, a ricoprire quel ruolo. Ma anche questo aspetto è ben dosato e Meryl Streep è bravissima.
In definitiva, si tratta senz'altro di un film hollywoodiano in tutto e per tutto, ma è difficile sostenere che Spielberg non abbia fatto ancora una volta centro.

Goldust  @  05/06/2018 12:31:29
   7 / 10
Ineccepibile ricostruzione giornalistica di una delle pagine più nere della Storia americana, quella dell'affaire "Pentagon Papers", una relazione top secret di scottanti segreti governativi riguardanti la Guerra in Vietnam. Costruito come un'incalzante inchiesta giornalistica che sfocia spesso nel drama vero e proprio, non è tra i più spettacoli film di Speilberg e neanche vi si avvicina, tuttavia è la lodare per la magistrale direzione degli attori e per la felicità di tocco con cui un argomento così delicato viene affrontato.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  04/06/2018 16:31:27
   6½ / 10
Buon film sul giornalismo.
Sceneggiatura solida, fantastica la Streep.
Non il miglior Spielberg.

albert74  @  26/05/2018 22:58:26
   6 / 10
Questo genere di prodotti, confezionati per il mercato americano ha due grossi limiti: il primo è che vengono trattati argomenti, di solito, lontani dalla realtà europea e italiana, la seconda è che trattare simili argomenti può condurre alla noia se non si chiariscono beni i vari passaggi e qui non vengono chiariti al meglio.
La prima parte da per scontato molte cose riguardo i pentagon papers. Siamo nel 1966, guerra del Vietnam. Poi ci spostiamo nel 1971, senza spiegare molto di questi "papers". Segue la vicenda tra post e pubblicazione di questi papers.
Qui comincia la fase delle "chiacchiere", dubbi, incertezze, ancora dubbi e poi il pubblicare o meno i papers evitando l'incriminazione.
Si parla molto e questo alla lunga annoia.
L'intero film - certo - è girato con professionalità ma non coinvolge. La recitazione è ordinaria. Hanks è bravo ma non eccelso, idem per la streep.
Il film a tratti è noioso e impersonale. Ripeto: si nota la professionalità di Spielberg ma non andiamo oltre.
Si dimentica facilmente perché tocca dei temi che non ci riguardano e che non ci coinvolgono.
Spielberg avrebbe potuto creare tensione, adrenalina, avrebbe potuto lavorare sulle pause, cercare di coinvolgere. Non lo ha fatto.
Ne emerge quindi un film "burocratico", girato sempre in interni, con i passaggi che spesso richiedono la consultazione di un'enciclopedia per capire cosa sono questi papers. Siamo forse sulla sufficienza ma proprio tirata.

Alex22g  @  19/05/2018 11:54:05
   9½ / 10
Spielberg anche adesso spazia tra dramma (questo, il ponte delle spie) e fantascienza (ready player one) mantenendo sempre un livello qualitativo eccelso in regia. Cast strepitoso, messa in scena e fotografia sublimi e storia raccontata benissimo nonostante si sappia in partenza dove si andrà a parare. Un altro film di giornalismo di altissimo livello, come fu anche l'ottimo " Il caso Spotlight" di recente . Vedere la media del 6 ad un lavoro simile lo trovo davvero imbarazzante.

TheLegend  @  12/04/2018 13:50:55
   3 / 10
Mattonata incredibile.
Difficile arrivare alla fine.
Spielberg si conferma un regista finito da tempo.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  03/04/2018 03:03:38
   8 / 10
Vado controcorrente se penso che The Post non solo sia il segno della raggiunta maturita' tecnica di Spielberg ma uno dei suoi film piu' impeccabili è riusciti. E lo dice uno come me, che di certo non stravede per gli script sul giornalismo. Mi domando dove stia la presunta freddezza di una storia che riesce a coinvolgere lo spettatore come se l'avesse vissuta in prima persona, senza contare della pazzesca performance della Streep, divisa tra coscienza e morale, che offre al suo incredibile personaggi spunti di rara umanita' ed emozione, specialmente verso l'epilogo. Se poi la gente continua a preferire i mostri di Jurassic Park il tenero Et o Peter Pan a questo film o a Lincoln, beh sono affari loro, ma e' ben difficile liberarsi dal grande rigore morale e professionale di questo film

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  11/03/2018 10:49:23
   6 / 10
Ennesimo film acchiappaoscar ma niente di particolarmente interessante, opera autoreferenziale sulla grandezza della democrazia americana che tanto piace ad Hollywood nel suo voler essere rassicurante.

Peccato perchè Spielberg sui temi di storia recente come il Munich ed il Ponte delle Spie ci ha regalato grandissimi film, qui toppa alla grande con un'opera scialba, lenta che stenta a decollare, considerando gli attori a dispozione è davvero una colpa doppia.

E' iniziata una fase calante?

FABRIT  @  02/03/2018 12:21:26
   7½ / 10
Strepitoso Hanks, ottima la Streep, bravo Spielberg nel volere raccontare questa storia coraggiosa.

TheGame  @  25/02/2018 20:16:17
   4 / 10
Film d'inchiesta cui per fortuna Spielberg mette l'uniforme d'ordinanza, ma il nostro alla sagra del parrucchino ci va solo se può essere retorico, didascalico e illustrativo, per un Cinema che ruzzola dal classico al vecchio in men che non si dica e che in fondo non è nulla che non si sia già visto altrove e meglio.

Trixter  @  20/02/2018 09:50:45
   6 / 10
Il compitino di Spielberg è tecnicamente inappuntabile, così come l'interpretazione dei protagonisti è formalmente ineccepibile. Certo, se The Post avesse un pò di anima, regalasse qualche emozione qui e là, suscitasse indignazione o qualsiasi altro diavolo di sensazione allora saremmo senza dubbio difronte ad un film più che discreto. Ma, ahimè, per me non è stato così. Dopo un inizio piatto e noioso la storia prende un pò di quota ma mai fino a coinvolgere pienamente lo spettatore, che resta distaccato difronte ad una vicenda talmente lineare da apparire un freddo reportage. Ho apprezzato tanti film di Spielberg, alcuni decisamente dei capolavori, ma stavolta non nascondo un pò di delusione.

Ned Merrill  @  18/02/2018 19:52:41
   6½ / 10
È la stampa bellezza ... molto bello, da vedere, anche se nemmeno lontanamente paragonabile a "Tutti Gli Uomini Del Presidente" ... sono un estimatore della piega "politica" che ha preso Steven Spielberg negli ultimi anni, personalmente considero "Lincoln", "Il Ponte Delle Spie" e, soprattutto, "Munich", tra i suoi film più riusciti. VOTO: 6½

Spera  @  14/02/2018 14:02:26
   6 / 10
Spielberg è un regista che ho sempre amato nonostante la sua retorica, un'artista poliedrico capace di cimentarsi con diversi generi dando sempre il meglio.
Già poco dopo i 20 anni girava "Jaws" dirigendo veri e propri set in mezzo al mare dopo aver dato buona prova con il film "Duel".
Insomma un regista che nella sua carriera ha sfornato una serie di capolavori indimenticabili che rimarranno per sempre nella storia del cinema per regia, innovazione e narrazione.

Ora però è già qualche film che non mi dice più niente, si, a livello di regia la mano del maestro si riconosce ma devo dire che i suoi prodotti sono diventati piatti e con poche idee.
Già con "Lincoln" non ero uscito entusiasta, stessa cosa con questo film.
Secondo me dovrebbe fare altro legato sempre all'ambito cinematografico, quando si ha dato tutto e tanto bisogna reinventarsi anche se capisco che dopo una certa età diventi difficile propendere al cambiamento.

Questo film mi ha ricordato "Il caso spotlight" come impostazione anche se molto meno vibrante e approfondito. Qui rimaniamo troppo in superficie, mi aspettavo maggiore profondità sul tema delicato trattato (Guerra Vietnam - libertà di espressione - scandalo).
Attori bravi ma nessuna prova memorabile.

Insomma caro Steven, sei nell'olimpo oramai e hai dato tutto e secondo me si vede.
Non penso tornerò al cinema per un altro film del maestro ma il 6 ci sta tutto anche questa volta.

Cinemaworld  @  14/02/2018 12:53:43
   7½ / 10
Visto ieri sera: bellissimo!! Meryl Streep, Tom Hanks e Spielberg sono una garanzia. Leggermente inferiore a il ponte delle spie.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  13/02/2018 14:19:57
   7 / 10
Dopo "Lincoln" e "Il ponte delle spie" Spielberg conferma la sua recente attitudine a portare sullo schermo scenari politici intrisi di spionaggio.
Un comparto davvero classico dove poco spicca il talento del regista.
Il cast fa il suo dovere ma sulla sceneggiatura avrei da ridire. La prima parte è fin troppo complessa per chi non è vicino al mondo della politica Usa.
Al termine del film un "allaccio" al Watergate che ci porta verso un altro film ben piu' famoso e piu' riuscito di questo.
La Streep, ennesima candidatura, è come al solito superba.
Tecnicamente valido, ci mancherebbe, ma a tratti pesante.

Wilding  @  12/02/2018 21:16:37
   3½ / 10
Di una noia indescrivibile! Difficile restare svegli davanti ad un simile "spettacolo". Persino i due interpreti, solitamente magistrali, qui perdono più di un colpo, mentre del geniale regista che fu qui non v'è traccia.

76mm  @  12/02/2018 09:47:14
   6 / 10
Concordo pienamente con l'utente dagon.
Preso nelle sue singole parti è un film inappuntabile, nell'insieme è appena passabile.
E' troppo liscio.
Uno di quei rari casi di film di cui si potrebbe tranquillamente scrivere una recensione guardando solo il trailer.
Sembra che Spielberg ultimamente non ne abbia più tanta voglia (come Eastwood, visto che è stato tirato in causa a più riprese).

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  09/02/2018 21:34:46
   8 / 10
The Post è diverso dalle cadenze thriller del capolavoro di Pakula, Tutti gli uomini del presidente. Si muove più su un campo teorico e idealistico, su ciò che deve essere la stampa, qui descritta in uno dei suoi periodi migliori e citando la sentenza della Corte Suprema che a sua volta citava Jefferson "la stampa è al servizio dei governati, non dei governanti". E' un ulteriore appello, perchè il film di Spielberg non è il primo, alla riscoperta del ruolo della stampa, informare ed essere allo stesso tempo un guardiano del potere. Non cedere a pressioni, non genuflettersi e conservare sempre uno spirito critico anche se questo comporta a decisioni gravose e rischiose. Hanks e la Streep sono professionisti navigati ed offrono ottime intepretazioni. L'evoluzione del personaggio della Streep è sintomatico di una presa di coscienza innanzitutto individuale, da ereditiera con tendenze salottiere a dover prendere decisioni importanti e fondamentali.
Se da un lato Spielberg descrive un preciso momento storico, fra l'altro con un'ottima ricostruzione scenografica, è difficile non vedere gli agganci attuali a partire dalla figura secondaria ma importantissima come quella di Dan Ellsberg, uno Snowden ante litteram e nell'amministrazione invasiva di Nixon con la tracotanza di quella trumpiana.
"Nessun giornalista del Washington post potrà più entrare all'interno della Casa Bianca" chiosa Nixon, ma è questione di tempo che entrarono comunque e con effetti peggiori di un cataclisma.

4 risposte al commento
Ultima risposta 11/02/2018 21.55.47
Visualizza / Rispondi al commento
marcogiannelli  @  09/02/2018 17:54:22
   8 / 10
Grande spaccato sul giornalismo, intreccia l'inchiesta e i temi della moralità e della sicurezza rispetto ad un potere politico malvisto dal regista.
Strepitoso Hanks, ottima la Streep, bravi anche gli altri interpreti.

jek93  @  09/02/2018 11:45:40
   7 / 10
Il film parte in modo MOLTO PIATTO e decisamente confusionario: rimane così fino a una buona prima metà. La pellicola si riprende decisamente nella seconda metà, dove diventa molto più avvincente e interessante.
Nel complesso posso capire che non sia piaciuto troppo al pubblico...ma sicuramente merita di essere visto.

dagon  @  07/02/2018 19:11:54
   5½ / 10
Un altro film nettamente inferiore alla somma delle sue parti.
Spielberg dirige con estrema efficienza, ma, nel contempo, in maniera fredda e asettica. Il film non comunica mai un fremito di vera indignazione e anche i fior d'attori coinvolti sembrano un po' tutti con il pilota automatico.
Tutto oliato, fin troppo, dallo sviluppo scontato, senza la minima sorpresa o approfondimento, senza un momento davvero emozionante o palpitante. Si va da A a B in maniera totalmente lineare, senza un sussulto.
Continuo a pensare che il regista debba separarsi da Kaminski, che insiste nel non cambiare di una virgola lo stile della sua fotografia, passando da un film all'altro. Sempre gelido, sempre con le solite finestre da cui balugina una luce biancastra, tutto verdognolo/bluastro sia che si si stia raccontando di Lincoln, di Nixon, o di Guerre fredde o fra mondi.
Un tempo, un film di Spielberg lo riconoscevi dai primi fotogrammi ed aveva uno stile sempre personale. Oggi potresti pensare che The Post sia un film di un Eastwood poco ispirato.
Mi sembra che talvolta si sia portati un po' a confondere l'importanza di un tema con la qualità del film che lo tratta.

Invia una mail all'autore del commento cupido78  @  07/02/2018 13:52:04
   5½ / 10
Andare a vedere the Post? Ma anche no! Ho letto recensioni strabilianti ovunque e mi sono trovato a vedere il solito film tecnicamente perfetto, patinato (come i non migliori film di Eastwood), insomma il cinema della macchina statunitense superfisicata che però non seduce e, a mio parere, non fa centro. Il tema è attualissimo, ma la struttura del film lo relega e incornicia a quella parentesi importante della stampa U.S.A. in cui una donna tosta ha rilanciato la libertà d'espressione rischiando la galera e tutto il suo patrimonio privato e professionale.
Il film scorre senza tensione, a tratti noioso, con un finale made in u.s.a. in cui scatta la solita fila di battute retoriche e sentimentali sui diritti fondamentali della Democrazia americana. Verrebbe da piangere ed emozionarsi davvero pensando a quanto dopo il vietnam l'america si sia macchiata di crimini e stermini in nome del dio petrodollaro, crimini perpetuati anche su suolo americano. Spielberg avrebbe fatto bene a parlare dell'11 settembre e allora forse avrebbe fatto centro. Ma andare a fare amarcord di una vittoria della stampa americana di cinquant'anni fa non è nè cinema impegnato nè intrattenimento.

ghigo buccilli  @  06/02/2018 20:28:06
   4 / 10
Sulla scia di Dunkirk di Nolan, sembra quasi che il cinema americano abbia abdicato limitandosi a sfornare pizze da incasso semplicemente sfruttando il blasone del regista. E' incredibile come da un soggetto così interessante Spielberg (ma mi viene il dubbio che l'abbia girato un altro) sia riuscito a trarre un film che, se voleva essere molto dialogato, doveva comunque trovare il modo di tener desta l'attenzione, mentre Hanks e la Streep sembrano ingessati, per non parlare degli altri Si dimentica appena usciti dalla sala che è incredibile per un film di Spielberg. Ribelliamoci a simili turlupinature, detto da uno che aveva apprezzato molto un'altra sua storia degli anni '70 come Munich, quella sì girata come Dio comanda.

david briar  @  04/02/2018 19:53:47
   6 / 10
"The post" è un film che fa pensare che negli ultimi anni Howard Hawks si sia registicamente reincarnato in Steven Spielberg. Sia qui che nel suo film precedente, ma qui in maniera decisamente più marcata, Spielberg unisce una concezione decisamente classica dei movimenti di macchina, prevalentemente orizzontali, al dinamismo audiovisivo tipico del cinema attuale main-stream, in questo caso ricercato anche attraverso un uso sconsiderato di una banalissima colonna sonora, alla costante ricerca di una tensione non particolarmente intensa. 
Credo sia un buon film, di sicuro abbastanza complesso da girare, ma anche abbastanza incolore: Hanks è bloccato in un'espressione corrucciata poco efficace, mentre la Streep funziona meglio, ma onestamente niente di che. Piccola nota di colore, la quota serie tv, comune a moltissimi dei film candidati agli Oscar quest'anno: ben tre che vengono da Breaking bad e una che viene da American Horror Story. 
Insomma, è vero che è un film attuale, sia per il personaggio della Streep, donna di potere in mezzo a tante donne, sia per la decisione di pubblicare o non pubblicare su un giornale, che rapportata ad oggi è molto interessante, pensando all'immediatezza dell'Internet, ma anche per il rapporto fra la stampa e il nostro Donald Trump. Qui il presidente degli Stati Uniti è un demonio che parla al telefono in una stanza inquadrato a venti metri di distanza e senza che se ne possa vedere il viso, scelta interessante di Spielberg ma anche un po' troppo marcata ad un certo punto. Mi è piaciuto il finale, ma credo che il film sia scritto in maniera non propriamente brillante, per quanto diretto bene. E a proposito dei movimenti di macchina, su un campo da gioco diverso, ma sempre storico, ho preferito il Joe Wright de "L'ora più buia", che meritava decisamente di più di altri candidati. Con Ladybird è decisamente il candidato più debole, facilmente dimenticabile..

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#ops - l'evento1938 diversi7 sconosciuti a el royalea private wara voce alta - la forza della parolaachille taralloalmost nothing - cern: la scoperta del futuro
 NEW
alpha - un'amicizia forte come la vitaanatomia del miracoloangel faceanimali fantastici: i crimini di grindelwaldarrivederci saigona-x-l: un'amicizia extraordinariabaffo & biscotto - missione spazialeberniniblack tideblackkklansmanbogside storybohemian rhapsodyboxe capitale
 NEW
calcutta - tutti in piedichesil beach - il segreto di una nottecoldplay: a head full of dreams
 NEW
colette (2018)conta su di me (2018)conversazione su tiresia. di e con andrea camillericosa fai a capodanno?country for old men
 NEW
dinosaurs (2018)disobediencedog dayse' nata una stella (2018)euforiafriedkin uncut - un diavolo di registafuoricampo
 NEW
ghostland - la casa delle bambolegirlgotti - un vero padrino americanoguarda in alto
 HOT
halloweenhell festhunter killer - caccia negli abissii spit on your grave: deja vui villaniil banchiere anarchicoil bene mio
 NEW
il castello di vetroil complicato mondo di nathalieil destino degli uominiil grinch (2018)il mistero della casa del tempoil presidente (2018)il primo uomo (2018)il ragazzo piu' felice del mondoil salutoil sindaco - italian politics 4 dummiesil verdetto - the children actil vizio della speranzaimagine (2018)in guerrain viaggio con adeleisabellejohnny english colpisce ancorajust charlie - diventa chi seiklimt & schiele - eros e psichela banda grossila casa dei librila diseducazione di cameron postla donna dello scrittorela fuitina sbagliatala morte legale
 NEW
la prima pietrala profezia dell’armadillola scuola seralela strada dei samounil'albero dei frutti selvaticil'ape maia - le olimpiadi di mielel'apparizionele ereditierele ninfee di monet: un incantesimo di acqua e lucelo schiaccianoci e i quattro regnilola + jeremylook away
 NEW
l'uomo che rubo' banksyl'uomo che uccise don chisciottemalerbamandymenocchiomichelangelo - infinitomillennium - quello che non uccideminicuccioli - le quattro stagionimio figliomiraimorto tra una settimana... o ti ridiamo i soldimuseo - folle rapina a città del messiconessuno come noi
 T
new york academy - freedance
 NEW
non ci resta che vincerenon dimenticarmi - don't forget menon e' vero ma ci credonotti magicheoltre la nebbia - il mistero di rainer merzopera senza autoreotzi e il mistero del tempoovunque proteggimipapa francesco - un uomo di parolapiazza vittoriopiccoli brividi 2 - i fantasmi di halloweenpupazzi senza gloriaquasi nemici - l'importante e' avere ragionered land (rosso istria)red zone - 22 miglia di fuocorenzo piano: l'architetto della lucericchi di fantasiaride (2018)robin hood - l'origine della leggendaroma (2018)
 NEW
santiago, italiasaremo giovani e bellissimise son rosesearchingseguimisei ancora qui - i still see yousembra mio figliosenza lasciare traccia (2018)separati ma non tropposick for toysslaughterhouse rulezsmallfoot - il mio amico delle nevisogno di una notte di mezza eta'soldadostyxsulla mia pelle (2018)
 NEW
sulle sue spallesummer (leto)suspiria (2018)terror take away
 NEW
the barge peoplethe domesticsthe equalizer 2 - senza perdonothe islethe little strangerthe milk system - la verita' sull'industria del lattethe nun - la vocazione del malethe other side of the windthe predatorthe reunionthe wife - vivere nell'ombrathis is maneskinti presento sofiatouch me nottre voltitroppa graziatutti in pieditutti lo sannoun affare di famiglia (2018)un amore così grandeun figlio all'improvvisoun giorno all'improvvisoun nemico che ti vuole beneun peuple et son roiuna storia senza nomeuno di famigliaup&down - un film normaleupgradevenom (2018)widows: eredita' criminalezanna bianca (2018)zen sul ghiaccio sottilezombie contro zombie - one cut of the dead

981811 commenti su 40516 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net