tre manifesti a ebbing, missouri regia di Martin McDonagh USA 2017
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

tre manifesti a ebbing, missouri (2017)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI

Titolo Originale: THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI

RegiaMartin McDonagh

InterpretiFrances McDormand, Woody Harrelson, Caleb Landry Jones, Abbie Cornish, Kathryn Newton, Peter Dinklage, Sam Rockwell, Lucas Hedges, Kerry Condon, John Hawkes

Durata: h 1.55
NazionalitàUSA 2017
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 2018

•  Altri film di Martin McDonagh

Trama del film Tre manifesti a ebbing, missouri

Dopo mesi trascorsi senza trovare il colpevole dell'omicidio di sua figlia, Mildred Haynes fa una mossa audace, realizzando tre manifesti che sembrano un controverso messaggio diretto a William Willoughby, il venerato capo della polizia della sua cittÓ. Quando nel caso viene coinvolto anche Dixon, vice del capo della polizia immaturo e con un debole per la violenza, lo scontro tra Mildred e William sull'applicazione delle leggi diventerÓ sempre pi¨ duro.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,86 / 10 (100 voti)7,86Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
Migliore attrice protagonista (Frances McDormand)Migliore attore non protagonista (Sam Rockwell)
VINCITORE DI 2 PREMI OSCAR:
Migliore attrice protagonista (Frances McDormand), Migliore attore non protagonista (Sam Rockwell)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Tre manifesti a ebbing, missouri, 100 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

Beefheart  @  06/09/2019 10:09:44
   8½ / 10
Se volete divertirvi con un film drammatico, "Tre manifesti" fa per voi: bravissimi attori, ottimi personaggi, trama coinvolgente, dialoghi spassosi ecc.. Tutto funziona in questo simil-coen sorprendente e convincente.
Consigliatissimo.

Thorondir  @  15/07/2019 16:06:22
   7½ / 10
Nel Missouri ancora alle prese con il razzismo, l'alcol, la supremazia maschilista, l'odio per gay e nani (splendido Dinklage), Mildred cerca la verità e crea scompiglio nella piccola comunità. La sua personale vendetta contro l'immobilismo della polizia trascina con se i due poliziotti interpretati da Harrelson e Rockwell, uno ormai divorato dalla malattia e l'altro incapace di liberarsi di una madre padrona e imprigionato dalla sua stupidità. In questa provincia americana, ogni uomo sembra portarsi dietro i problemi quasi come se fossero connaturati a questa stessa realtà. Ma forse la "vendetta" non può placare il dolore interiore, ognuno diverso, dei personaggi. Un po' Coen, un po' western esistenziale moderno, un po' un cinema d'annata, per un'opera toccante, comica, profonda, scanzonata, forse derivativa.

ragefast  @  24/04/2019 08:58:39
   6½ / 10
Film che, come già ampiamente detto, strizza l'occhio allo stile dei Coen, i quali hanno "prestato" la sempre bravissima McDormand. Tuttavia la trama non mi ha fatto impazzire: godibile, ma, dovendo fare paragoni, nulla a che vedere con "Fargo" e "Non è un paese per vecchi", anche in termini di quanto ti rimangono impressi alla fine della visione.

In ogni caso penso che darò una seconda occasione a McDonagh con "In Bruges" che mi son perso.

1 risposta al commento
Ultima risposta 24/04/2019 12.53.05
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento bart1982  @  23/02/2019 23:40:03
   7½ / 10
L'america Ignorante tipica delle aree rurali viene messa a nudo da questa pellicola.
Dimenticate CSI, qui in questo film un caso importante è affidato ad una squadra di poliziotti sgangherati.
Quando l'insoddisfazione sulla qualità delle indagini è messa sotto gli occhi della gente si innescano una serie di eventi magistralmente riportati da McDonagh.

polbot  @  08/02/2019 23:20:40
   8 / 10
Film potente, che mette a nudo gli Usa lato b.

Goldust  @  17/01/2019 17:27:40
   9 / 10
Clamorosa radiografia di un'America retrograda e intollerante che non sembra lontanamente entrata nel terzo millennio. La miccia che genera un vortice di violenza inarrestabile sono proprio i tre manifesti del titolo, approntati da una mamma testarda che non vuole dimenticare la cruenta morte della sua unica figlia. La sceneggiatura sarebbe veramente spietata se, ogni tanto tra le sue pieghe, non affiorasse un barlume di speranza per il genere umano, anche sotto forma di un amaro ma intelligente umorismo nero alla fratelli Cohen. Sia per quello che dice che per quello che tace è una pellicola da considerarsi già come un instant - classic, figlia del nostro tempo che si potrebbe però benissimo immergere in qualsiasi epoca del novecento. A valorizzarla ulteriormente, un prodigioso lavoro corale di un cast all-stars dove ognuno è al suo posto: la maschera di dolore della McDormand e l'inadeguatezza umana di Rockwell si sono meritati l'oscar, tuttavia anche il ruolo da grillo parlante "sui generis"di Harrelson non è da meno.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  13/01/2019 00:40:07
   7½ / 10
Il bellissimo film di Martin McDonagh (quasi un novellino della settima arte) si basa sui suoi personaggi, quelli creati da una sceneggiatura ottima e calati addosso a degli artisti in stato di grazie...ma lo sapevamo gia'. Attori come la Mc Dormand e Harrelson non hanno mai fallito un colpo. Per Rockwell si tratta invece di una rinascita dopo un lungo periodo a bighellonare in film di livello medio basso.
Il film non è perfetto, presenta alcune ingenuita', magari proprio nell'improvvisa redenzione di uno dei protagonisti dopo la semplice lettura di una lettera, ma si lascia guardare con piacere.
Finale perfetto e ricco di significato.

Attila 2  @  31/12/2018 12:19:36
   8½ / 10
Un film strepitoso !!!!!!!!!! Non solo sono strameritati gli Oscar alla McDomand e a Rockwell,ma mi domando come possa non aver vinto il premio come miglior film,e anche Harrelson fa la sua,dannatissima,buona parte.Un film di un'intensita' emotiva travolgente.Le storie dei personaggi principali,la madre che non ha visto ancora arrestare l'assassino di sua figlia,

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILERlo sceriffo

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER e il Vice sceriffo che d

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER sono raccontate in maniera che "scava" nella loro mente e ti fa vivere ,quasi in maniera disturbante,,i loro pensieri e le loro vite.Angosciante e drammatico,ma,incredibilmente McDonagh riesce ad inserisci scene di gesti estremi,dvouti alla disperazione di questi personaggi che assumono addirittura le "tinte" del Black Humor,in stile Fratelli Coen in Fargo,ma mantengono,allo stesso tempo,l'estrema tragicita' della situazione.La storia ha degli svilluppi assolutamente imprevisti,che intersecano le vite di tutti i personaggi che da prima sono "nemici" per poi diventare "amici" e "complici" vendette cattivissime,fatte contro le persone sbagliate ma che alla fine si rivelano determinanti e anche giuste per lo sviluppo della storia e delle interpretazioni da parte degli attori che difficilmente,chi vede il film,potra' dimenticare.Erano anni che guardando un film non mi ci "trovavo dentro" in maniera cosi intensa,ed erano anni che non provavo sensazioni cosi' contrastanti,tra commedia-disperata e dramma.Verso la fine mi son trovato a pensare "ragazzi,sto vedendo davvero un filmone,come se ne vedono pochi".Come quando ho visto "Mystic River" o "Il grande Lebowski" e mi son trovato ad avere "paura" , paura che il finale non fosse all'altezza di tutto il resto.Sarebbe rimasto lo stesso un gran film,ma con un finale "sbagliato" sarebbe rimasta come una sensazione di "incompiuta" o di "capolavoro mancato".IInvece,credetemi,il finale e' la classica "ciliegina sulla torta" , un finale coerente con tutta la storia del film e con i profili caratteriali dei personaggi.Capolavoro !!!

StIwY  @  21/11/2018 11:18:56
   8 / 10
Ah, allora c'è ancora qualcuno capace di fare del vero buon cinema. Film eccellente, che miscela dramma, tensione ed un pizzico di ironia e follia e qui e la. Il tutto ben recitato, interpretazioni ottime (tranne la moglie del capo di polizia, un pò troppo bambolina imbambolata). La McDormand molto brava. Suggestiva anche questo piccolo paesino immerso nelle verdi colline. Promosso per me.

AMERICANFREE  @  17/11/2018 18:38:25
   7½ / 10
Ottimo film, uno dei migliori del 2018. Ho trovato interessante soprattutto la prima parte. Bravissima e meritato l'oscar per la protagonista. Consigliato

Overfilm  @  12/11/2018 02:21:42
   5½ / 10
Media film che trovo esagerata.
Ok per le musiche ed ok per l'interpretazione della McDormand.
Per il resto... bah.... alla fine resta poco.
Poco credibile quello sgangherato ufficio di polizia, poco credibile la visita del presunto colpevole nel negozio della McDormand (chi me lo spiega?).
Poco credibile il poliziotto tonto che rischia l'omicidio del responsabile delle affissioni e tanti altri "poco credibile" sparsi qua e là...
Vero che nell'America profonda regna l'ignoranza ma... forse non cosi' tanta...

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR 1819  @  11/11/2018 16:56:44
   6½ / 10
Va bene che gli attori sono formidabili, la sceneggiatura è solida ma… dopo la visione rimane ben poco.

gemellino86  @  16/09/2018 21:22:10
   9½ / 10
Un mezzo capolavoro con una McDormand strepitosa e un eccezionale Rockwell. Può essere considerato una via di mezzo fra un thriller e un dramma psicologico. Offre anche uno spaccato della società americana. Ma non è un film per tutti. Finale difficile da capire però io l'ho apprezzato.

1 risposta al commento
Ultima risposta 05/10/2018 04.14.24
Visualizza / Rispondi al commento
krystian  @  28/08/2018 07:46:39
   9 / 10
Una vera sorpresa, ti cattura e non ti lascia staccare gli occhi dallo schermo fino all'ultima scena.
Sceneggiatura scritta divinamente e interpretazioni a dir poco eccezionali. Stupenda pure la colonna sonora.
Più che consigliatissimo.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  28/06/2018 00:31:45
   8½ / 10
Film intenso, duro, profondo. Ogni personaggio è delineato alla perfezione e tutti insieme delineano un microcosmo eccezionale, in cui non ci sono buoni né cattivi, ma umani autentici, con le loro luci e le loro ombre.
Pellicola di struggente bellezza. Tra le cose migliori uscite negli ultimi anni.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  13/06/2018 10:39:40
   9 / 10
Divorata dalla necessità di dare un volto all'assassino di sua figlia, Mildred affitta tre enormi cartelloni pubblicitari attraverso i quali accusa la polizia locale (come da titolo siamo nel piccolo centro di Ebbing, Missouri) di eccessivo immobilismo.
Questo "sfregio" alle autorità competenti genera una lotta intestina tra varie fazioni, per lo più vicine al dolore della donna ma lontane dall' approvare un atto così eclatante, soprattutto rivolto ad uno sceriffo per il quale l'ammirazione è tanta.
McDonagh conferma di essere tra i registi più talentuosi degli ultimi anni: rifacendosi a certo cinema americano di provincia (impossibile non pensare ai fratelli Coen), attraverso dialoghi di rara brillantezza e a un concatenazione di eventi ammirevole per incastri e relative tempistiche, realizza un film che trasuda umanità a profusione, offerta da personaggi difficilmente dimenticabili, mai manichei, sfumati in modo ammirevole, mossi da torti e ragioni atti a svilupparne una personalità giustamente sfaccettata ed in continua evoluzione.
In questo piccolo agglomerato di rabbia pronta ad esplodere il dramma è miscelato con sapienti dosi di humour nero, non vi è alcun accenno buonista o retorica da strapazzo, McDonagh coglie meschinità e grandezze da tutte le parti in causa, riuscendo a dare enorme spessore ad una chiara esposizione di dolore e inadeguatezza.
L'incredibile livello recitativo (McDormand, Rockwell e Harrelson sono fantastici) rende ancor più credibile il lavoro sfumato fatto sui personaggi riuscendo a cogliere le affinità alle base dei contrasti, a sottolineare una radice comune che i drammi personali hanno reso più sottile, con conflitti fatti di colpi bassi in cui però è impossibile non cogliere una vicinanza più forte di ogni attrito.
Imprevedibile pur essendo privo di colpi di scena annunciati da fanfare e ballerini "Tre manifesti a Ebbing, Missouri" è un devastante concentrato di intensità emotiva dapprima trattenuta, poi lasciata deflagrare sino a raggiungere quella che è probabilmente una catarsi, più fittizia che reale, in cui è finalmente possibile mostrare le proprie debolezze.

Wilding  @  11/06/2018 20:25:15
   8 / 10
Una splendida pellicola. Pacata ma intensa, mai banale nè tantomeno noiosa, e due splendidi interpreti giustamente premiati con l'Oscar.

markos  @  25/05/2018 21:28:33
   7 / 10
Buon film, forse mi aspettavo qualcosa di più.

Tautotes  @  20/05/2018 13:00:04
   6 / 10
Ampiamente sopravvalutato. Condivido chi dice che non decolla mai. Ottime interpretazioni ma nulla più.

Invia una mail all'autore del commento nightmare95  @  20/05/2018 12:47:21
   8½ / 10
Uno dei film più completi usciti nell'ultimo anno. Film Crudo, mai scontato, violento, vendicativo e realistico. Tiene incollato allo schermo in ogni sua scena, in ogni suo dialogo, mai banale e sempre azzeccato al tono del film. Frances McDormand semplicemente unica, lascia senza parole, offrendo una prova magistrale! Oscar meritatissimo, come anche quello dell'ottimo Rockwell che è perfetto nel ruolo del poliziotto cattivo/mammone che nel proseguire del film cambierà è diventerà una persona migliore!
L'unica cosa che non mi ha convinto appieno è il finale che nonostante sia aperto a numerose interpretazioni, l'ho trovato forse troppo buonista. Mi sarebbe piaciuto visto il ritmo e il tono del film nella prima parte un finale più crudo. Rimane senza dubbio un film che ha molto da raccontare e da dire, che riesce a essere incisivo e che nonostante qualche piccola pecca ha davvero lo stile giusto per essere un film che non ci si dimentica e che colpisce e rimane una chicca di questo 2018!

peppe87  @  14/05/2018 22:44:09
   6½ / 10
aspettavo che decollasse, non è decollato

marcogiannelli  @  12/05/2018 19:31:05
   8½ / 10
Voglio usare delle parole di un amico a cui farò delle modifiche per cambiare cose su cui discordiamo e aggiurgerci del mio laddove penso che serva.

CONTIENE DEI FO*TUTISSIMI SPOILER, per cui non ne valeva la pena mettere tutto sotto SPOILER, quindi leggete SOLO SE AVETE VISTO IL FILM. VI ho avvisati.

"Mildred - un'aliena Frances McDormand - Decide di mettere i suoi manifesti come vero e proprio grido d'accusa verso una polizia, quella del suo paese che non solo non ha trovato il colpevole dell'assassino, con stupro, della figlia, ma che nemmeno se ne frega di cercarlo.
E allora questa donna, una donna prosciugata dal dolore e dalla rabbia, una donna che se ne va in giro vestita come un meccanico, questa donna ha deciso che se la sua voce non si sente che siano le lettere, grandi e imponenti, a farlo al posto suo.
Buffo come questo film ribalti completamente il ruolo che portò la McDormand sulla scena, quello della poliziotta di Fargo. Lo ribalta sia come ruolo (lei è ora la cittadina contro i poliziotti), sia come carattere, tanto buona e dolcissima nel film dei Coen tanto belva assatanata, ******* e insopportabile in Tre Manifesti. Perchè, questo personaggio lo ami alla follia ma è un dato di fatto che sia *******, belva assatanata e insopportabile. E lo era probabilmente ancor prima che sua amata figlia finisse nelle mani di un mostro. Anzi, c'è quel flash back che fa male come un cazzotto
"spero ti stuprino"
le disse, e io son convinto che il ricordo di quella frase ha accelerato il processo di distruzione di questa donna, ha aumentato il dolore, ha espanso il senso di non-vita ma, forse, ha fatto anche crescere quella rabbia che porterà Mildred ad essere un carro armato che non guarda in faccia a nessuno, un carro armato capace di mettere alla berlina il capo della polizia malato di cancro, di dare calci sulle palle e sulle ovaie ai compagni del figlio e di bucare il dito di un dentista grasso e ostile. O di fare quello che farà verso la fine, con le molotov. O di fare, forse, quello che vorrebbe fare dopo la fine del film. Un personaggio talmente di ***** che risulta adorabile.
Ed è qui che tocca fa un primo passo e accenno alla sceneggiatura perchè riesce in quello che è quasi un miracolo. Ovvero quello di creare un'empatia pazzesca con tutti e 3 i personaggi principali, benchè, specie Rockwell, siano dei grandi pezzi di *****.
E ***** di ruolo Sam, grassottello, stupidissimo, cattivo, incompetente, bambinone, un vero schifo sei. Ma che ***** avrà visto Harrelson in te quando t'ha scritto quella lettera? Eh, ma noi ti conoscevamo da un'ora, lui da anni. E allora quando ha scritto che eri un buono io mica ci credevo. E poi invece arriva l'ultima mezz'ora in cui diventi un'eroe tragico del nostro tempo, un personaggio che non te lo dimentichi più.
E Harrelson? Ah, ma l'avete visto quando spiega il gioco della pesca ai figli? L'avete visti i suoi occhi rossi? Occhi di un uomo che sa tre cose:
1 che quella è l'ultima volta che giocherà con i propri figli
2 che di lì a poco farà l'amore per l'ultima volta con la moglie 
3 che di lì a poco più di poco si ucciderà.
Ed è bellissima la lettera che lascia alla moglie, quella del giorno stesso.
E Landry Jones allora? Uno straordinario attore emergente.
Ed è un magnifico film con della black comedy, pur essendo un film sul dolore come ce ne sono pochi, un film di una madre che ha visto sua figlia stuprata e uccisa, che ha visto un poliziotto uccidersi per un cancro, che ha visto l'altro poliziotto rovinarsi per sempre la vita in un rogo. E se poi i dialoghi son brillanti non cambia niente, non attenua il dolore, non nasconde la tragedia, non ne mina la verosimiglianza. McDonagh è un maestro dei dialoghi, lui viene dal teatro e già nel sontuoso In Bruges e nel bel 7 psicopatici ci aveva deliziato con la sua brillantezza. Tre Manifesti è una tragedia senza appelli che riesce anche a farti ridere. Ma non viene depotenziata da questo.
Una regia senza virtuosismi che secondo me tecnicamente ha le due sequenze migliori una all'inizio, in quel Rockwell che vede un manifesto per volta, a ritroso (geniale). Sequenza montata da dio e con una grande fotografia. L'altra è il pianosequenza sempre di Rockwell che esce dalla stazione per andare a picchiare, e quasi uccidere, Landry Jones. Per il resto siamo sul classico, sui campi e controcampi, sul semplice mostrare senza invadere, sul preferire la bravura degli attori alla bellezza delle inquadrature o dei movimenti di macchina.
E poi c'è un altro grande personaggio, la colonna sonora, stupenda.
Tre Manifesti è un film completo, secco ma debordante, doloroso ma divertente, una specie di western in cui ci sono tre pistoleri a sfidarsi. Ma non c'è nessun vincitore, nessuno.

Mildred è davanti ad Harrelson. Si stanno scannando, lei lo umilia senza pietà. Ad un certo punto gli arriva sulla faccia un fiotto di sangue. Gli occhi di Mildred, gli occhi di Frances, cambiano del tutto, la pietà e l'umanità che l'assalgono sono talmente vere che fanno spavento.
Perché tutti loro, sotto una coltre di celodurismo hanno dell'umanità.
Ma non c'è nessun vincitore."

floyd80  @  02/05/2018 09:08:18
   8 / 10
Grandi personaggi e grandi interpretazioni per una piccola che ti lascia indubbiamente il segno, non tanto per il soggetto principale (uno stupro e un omicidio) ma per le reazioni a tutto ciò.
Una donna, una madre che si mette tutti contro pur di sapere la verità e che non si arrende dinnanzi a nulla.
Oscar meritati ma ne manca uno a Harrelson.

Invia una mail all'autore del commento Tempesta  @  06/04/2018 00:15:43
   9 / 10
Nulla in questo film Ŕ Ŕ scontato .
Una pellicola piena di rabbia visiva e interiore. Una rabbia da non poter trattenere almeno che non la trasformi in un piccolo gesto come una succo di frutta e una cannuccia. Imprevedibile e originale.
Finisco a fare un inchino al interpretazione della protagonista. Ineguagliabile !

Tempest78  @  04/04/2018 13:41:24
   9 / 10
Gli oscar meritatissimi per questo film a mio avviso sottovalutato. Una bellissima storia famigliare con una morale che non tutti hanno colto, ma sopratutto uno dei film con i dialoghi più belli e veri e mai banali che abbia visto ultimamente, una caratterizzazione dei protagonisti magistrale con altrettante magistrali interpretazioni.

DogDayAfternoon  @  01/04/2018 17:12:10
   7 / 10
Uno dei film più osannati dell'anno, in parte devo dire a ragione. E' un film un po' fuori dagli schemi, che sicuramente non piace a tutti: sboccato, lento, sotto certi aspetti anche violento, ma sicuramente interessante e tenuto su da una recitazione al limite della perfezione, non solo da parte della McDormand. D'altronde con una sceneggiatura impostata in questo modo, dovevano per forza uscire delle interpretazioni eccezionali perché il film funzionasse.

Finale un po' inconcludente, sembra quasi che non si sapesse bene come chiudere la vicenda. Successo meritato, credo sia un film del quale si parlerà anche negli anni a venire.

Sbrillo  @  01/04/2018 07:59:25
   9 / 10
nonostante in alcuni tratti, il film sia portato volutamente al limite...esasperando qualche scelta, qualche personaggio.... credo che non si possa non apprezzare nella sua interezza!! uno spaccato di vita, così tremendamente reale, che ti colpisce, ti rapisce letteralmente e ti tiene incollato fino alla fine, lasciando inevitabilmente diverse spunti di riflessione!!
ottime le interpretazioni (meritati i 2 oscar vinti) e colonna sonora a dir poco perfetta nel sottolineare i momenti salienti e più toccanti del film!
davvero apprezzato... lo consiglio!

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  01/04/2018 02:12:22
   8 / 10
Ok condivido un grande film con una splendida sceneggiatura... Sembra uscito dalla penna di Sam Shepard eppure nonostante tutto il film non e' certo perfetto. Come spaccato sociale ci sta ma ferisce mentre Boys don't cry o Frozen River, tanto per citare due film "forti", ti annientavano definitivamente. E l'esasperazione che via via incentiva il film non gli rende pienamente giustizia, vedi la scena dei manifesti a fuoco e' visivamente splendida quanto teoricamente grottesca. Ripeto, tecnicamente siamo di fronte a uno dei migliori soggetti scritti per il cinema americano degli ultimi anni, ma in bilico tra violenza e redenzione il film sembra pretendere altro, anche nel pur incisivo epilogo stile Thelma & Louise.
Per scoprire "l'altra America", che poi e' quella piu' interessante e' comunque un film da non perdere

LaCalamita  @  30/03/2018 06:04:00
   9½ / 10
Che dire? Un film su cui avevo certe aspettative. Le ha superate. Ma di tanto, di tanto...
Una storia scritta in maniera magistrale, interpretata grandiosamente. Praticamente privo di cali.
E' semplicemente un capolavoro nel suo genere.

1 risposta al commento
Ultima risposta 30/03/2018 19.47.32
Visualizza / Rispondi al commento
Michele131104  @  29/03/2018 19:48:37
   8 / 10
In assoluto uno dei migliori film degli ultimi anni...
Una storia potente,cruda,cupa,scritta meravigliosamente.
Le prove attoriali sono eccezionali,colonna sonora perfetta.
La linea che divide bene e male è labile,sottile,apparente!
Chapeau

Norgoth  @  25/03/2018 22:01:21
   7 / 10
Un film indubbiamente ben fatto, con un ottimo ritmo e con attori super, Frances McDormand in particolare è sugli scudi.
Non capisco però la pubblicità che gli è stata fatta, è stato presentato come un film molto politico, che mette in evidenza le debolezze dell'america rurale eccetera... a me non pare.
Sicuramente ne regala uno spaccato, ma non molto approfondito, anzi. E' un elemento molto superficiale.
In realtà, non si capisce bene quale sia il punto del film, a mio parere si volevano toccare molti elementi (america rurale-neri maltrattati-giustizia cieca e pigra-forza di una madre furibonda-ecc. ecc.), ma c'era talmente tanta carne al fuoco che alla fine non si approfondisce nulla in modo davvero incisivo.
La visione merita, comunque. Anche solo per la recitazione.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  25/03/2018 09:22:13
   6 / 10
Un film di cui non ho capito il senso, sebbene riesca a restituire un'interessante spaccato corale, viaggia senza un fine preciso con un evoluzione dei personaggi non convincente.
Sarà la loro singolarità che rende difficile l'immedesimazione, uno spaccato di provincia americana del passato che trovo messo in scena su una trama troppo, troppo esile.

Quest'anno davvero non ho capito i film più acclamati.

1 risposta al commento
Ultima risposta 12/05/2018 19.14.46
Visualizza / Rispondi al commento
jason13  @  24/03/2018 13:20:37
   6½ / 10
Bel film nulla da dire. Se poi parliamo di TOP CINEMA allora non ci siamo proprio. Ho letto troppi commenti entusiastici forse e' per colpa di cosi' tanto materiale scarso che gira in tv e nei cinema. Bravissima come sempre Frances McDormand.

BlueBlaster  @  23/03/2018 20:12:55
   7 / 10
Storia un poco esasperata come del resto l'interpretazione di Frances McDormand ma tutto sommato è un film ben fatto e che lascia qualcosa (mi è piaciuto molto il finale).
Molto bene Sam Rockwell che finalmente si è portato a casa la meritata statuetta.

Silvia888  @  20/03/2018 19:14:28
   9½ / 10
Imperdibile film, l'unico che veramente avrebbe meritato l'oscar quest'anno.....
Irriverente, intelligente, mai scontato, delinea alla perfezione la profondità dei personaggi e fornisce un perfetto quadro dell'America di provincia, quella vera. Splendide anche le musiche e le ambientazioni.
Da vedere assolutamente!

2 risposte al commento
Ultima risposta 22/03/2018 11.27.40
Visualizza / Rispondi al commento
Tempesta  @  19/03/2018 12:51:40
   9 / 10
Nulla in questo film è è scontato .
Una pellicola piena di rabbia visiva e interiore. Una rabbia da non poter trattenere almeno che non la trasformi in un piccolo gesto come una succo di frutta e una cannuccia. Imprevedibile e originale.
Finisco a fare un inchino al interpretazione della protagonista. Ineguagliabile !
Impetuoso.

Gruppo REDAZIONE Cagliostro  @  16/03/2018 22:53:53
   9 / 10
Capitano lunghi periodi in cui sembra che non si riesca più a vedere un film che sfiori la decenza e ci si rifugia nelle serie televisive. Invece, in queste ultime settimane ho visto una serie di film magnifici.
I Tre Manifesti è un film solidisimso, asciutto e scritto davvero molto, ma molto bene. (per quanto Get Out mi sia piaciuto moltissimo, non gli avrei mai conferito l'Oscar per la miglior sceneggiatura... originale poi... forse nessuno fra gli accademici aveva visto The Skeleton Key e neppure la sua recente reinterpretazione Jessabelle).
Personaggi mai del tutto simpatici né antipatici, difficile immedesimarsi con chicchessia, eppure lo spaccato dell'umanità che ne emerge è così tangibile e così dannatamente umano da impressionare. In buona parte ricorda alcune delle tematiche del romanzo La Promessa di Dürrenmatt (e anche un qualcosa dei suoi tre adattamenti cinematografici).
Ottimi gli interpreti.
Da non perdere.

dils  @  14/03/2018 21:16:56
   9 / 10
Un gran bel film, Frances McDormand, Sam Rockwell, Woody Harrleson tre titani.
Crudo, realistico e anche un po noir, assolutamente da non perdere.

Burdie  @  11/03/2018 18:48:41
   6½ / 10
...è davvero questa l'Ammeriga?

1 risposta al commento
Ultima risposta 13/03/2018 11.28.52
Visualizza / Rispondi al commento
KINGLIZARD  @  07/03/2018 19:35:34
   7 / 10
..è sicuramente un bel film, con una grande recitazione..Frances Mcdormand è una grande mi è sempre piaciuta tantissimo..OSCAR meritatissimo..Sam Rockwell bravo ma personaggio decisamente sopra le righe e secondo me molto esagerato a livello di macchietta improbabile nella sceneggiattura...è un bel film ma siamo lontani dal capolavoro..voti come 9 sono riservati ai capolavori..Harrelson è una gran faccia da C-LO ma sempre bravo adatto ad una parte come questa

Light-Alex  @  05/03/2018 22:59:39
   5½ / 10
Film che con dei personaggi rudi, quasi grotteschi ci mette di fronte ai mali della giustizia americana: il pregiudizio raziale, una polizia stolta e violenta, indagini stentate ed inadatte.
La trama non è poi così forte ed ha anche diversi buchi. Però i personaggi sostengono il film, con il loro essere spartani, crudi e coerenti con un certo tipo di America. Rimane impresso il duello di rudezza tra lo sceriffo Willoughby e la signora Mildred.

Tuttavia ho trovato la vicenda troppo "americana" e basata su un fatto troppo poco coinvolgente per convincermi. Sì non metto in dubbio che il tema della polizia violenta e inadeguata sia qualcosa di leggibile anche altrove nel mondo, ma ci sono dei film che trasmettono molto meglio il senso di paura e di assenza di libertà (mi viene in mente il nostrano ACAB per esempio).

paolo__r  @  05/03/2018 16:19:06
   9½ / 10
Film a dir poco MERAVIGLIOSO. Crudo, realistico e diretto.....

TheLegend  @  04/03/2018 19:28:05
   8½ / 10
Perfetto connubio tra attori fantastici,ottima regia e buona scrittura.

gano  @  04/03/2018 15:12:59
   9 / 10
Mi accodo alla recensione e ai giudizi positivi. Film che si merita tutte le statuette per cui è stato nominato. Attori in primis e sicuramente quella del miglior film dell'anno. Si meriterebbe pure la miglior regia che rispetto ad In Bruges mi è sembrata più matura e sofisticata.
Opera unica nel suo genere, mai banale, ironicamente divertente nonostante tratti della peggior tragedia che una madre possa vivere. Attori strepitosi e dialoghi perfetti (che si gustano a pieno solo in lingua originale ovviamente), scorre via che è un piacere anzi alla fine vorresti che durasse altre due ore..!!!

Invia una mail all'autore del commento marlamarlad  @  04/03/2018 08:03:30
   10 / 10
Da inizio a fine, molto ben modulato. Assolutamente da gustare.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  03/03/2018 13:03:30
   9 / 10
Bellissimo film, intenso, empatico, intelligente.
Rabbia, rancore e violenza sottolineati da toni di humor nero.
Attori di livello straordinario che offrono prove impeccabili.
Ambientazioni scelte con cura e dialoghi interessanti.
Imperdibile.

davmus  @  26/02/2018 08:38:51
   8 / 10
Film ben costruito, da vedere

jek93  @  20/02/2018 11:58:14
   8 / 10
Questo film è SICURAMENTE un bellissimo film, ottima regia, STRAORDINARIE recitazioni, ottima fotografia.
L'unica, GROSSA pecca che ho riscontrato è il finale... avrebbero dovuto fare delle scelte diverse...

1 risposta al commento
Ultima risposta 04/03/2018 11.35.33
Visualizza / Rispondi al commento
topsecret  @  19/02/2018 14:37:08
   8½ / 10
Non finisce come speravo ma la storia raccontata in TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI è stata capace di coinvolgermi per tutto il tempo della sua durata, mostrando grandi capacità realizzative. Interpretazioni di livello, dialoghi interessanti, conditi anche con un umorismo ficcante, regia senza sbavature, ritmo eccellente e una certa intelligenza nella sceneggiatura ne fanno una pellicola da tenere in considerazione.
Non vorrei gufarlo ma spero e credo che il film di McDonagh possa dire la sua alla notte degli oscar...anche perchè sarebbe ora di premiare gente come Harrelson e Rockwell.
Da vedere.

2 risposte al commento
Ultima risposta 25/02/2018 15.35.52
Visualizza / Rispondi al commento
gringo80pt  @  18/02/2018 09:30:53
   8½ / 10
Proiezione molto coinvolgente con attori (soprattutto la rude ed incorruttobile protagonista) che giocano bene le loro parti. Ottima narrazione dei fatti con buona sequenzialita'.
È difficile che un film di 2 ore non addormenti e questo ci riesce bene.

INDOMITO

LucaT  @  16/02/2018 05:33:13
   8½ / 10
un film intenso dall'avvio leggermente incerto
e dalla realizzazione curata ma che risulta -alla mano- nella visione
se la cura nelle sfaccettature delle interpretazioni
tratte da questo film fosse usata come standard di voto
si potrebbe abbassare la media del'80% di ogni altro film
buono il finale

kadhia  @  12/02/2018 12:41:21
   3 / 10
Mi spiace andare contro corrente, m questo film l'ho trovato proprio brutto e senza senso. Trama inesistente, a me è sembrata arraffazzonata, attori in tanti altri film bravi qui no, la stessa McDormand non mi è piaciuta. Le apparizioni e i dialoghi con la figlia ti fanno seriamente dubitare che siano tutti fuori di testa. Inutilmente volgare. Bocciato e spero caldamente non vinca un bel nulla anche se viste tutte le nomination ci credo poco

3 risposte al commento
Ultima risposta 26/03/2018 08.17.05
Visualizza / Rispondi al commento
benzo24  @  11/02/2018 14:40:19
   9 / 10
Terzo film e terzo centro per Martin McDonagh. Grande come sempre Rockwell

wicker  @  11/02/2018 14:16:07
   6 / 10
film in stile Coen con qualche vaga situazione tarantiniana.
Ottime interpretazioni ma anche qualche grave buco di sceneggiatura con situazione che dal grottesco finiscono per arrivare quasi alla presa in giro .
Peccato perchè non che ci volesse molto a renderlo migliore .

guidox  @  07/02/2018 00:25:27
   8 / 10
gran bel film, che ha il suo pregio fondamentale nell'essere originale pur non sconvolgendo i canoni classici del cinema di genere.
strepitose le interpretazioni, dai protagonisti ai comprimari, con Rockwell che si prende la scena, nonostante la McDormand sia come spesso le accade in stato di grazia.
una storia di rabbia, di cinismo, di esasperazione, di scontro, di violenza, che lascia però lo spazio alla redenzione e al perdono....forse.
molto profonde le tematiche trattate, anche se vengono sviscerate in modo divertente, molto più che nei film dei Coen, che per larghi tratti mi sono sembrati accostabili allo stile di McDonagh.
ultraconsigliato, anche se c'è da premettere che ci vuole un minimo di palato fine per gustarselo e apprezzarlo.


ValeGo  @  06/02/2018 19:54:30
   8 / 10
Ironia tagliente che tiene incollati alla sedia, ottimi attori e storia intrigante per un film molto insolito.

130300  @  05/02/2018 23:32:43
   7 / 10
divertente e curioso, ma non eccezionale.

C_0_  @  05/02/2018 18:20:17
   6 / 10
Sono totalmente d'accordo col commento che ha fatto l'utente albert74. Non ci ho trovato nulla di speciale. E' un film discreto che non annoia e si lascia guardare ma l'ho trovato molto deludente rispetto alle aspettative. Il finale poi è veramente pessimo e tra l'altro non so come si faccia a dire che Rockwell merita l'oscar. Non so chi siano gli altri contendenti ma non mi è parsa assolutamente una grande interpretazione la sua. Allora a questo punto è sicuramente meglio Harrelson.

lucasssss  @  03/02/2018 10:07:49
   6 / 10
bello, ma il finale lascia a desiderare, peccato


ciao
Lucasssss

pierzapata  @  02/02/2018 11:57:57
   9 / 10
E' un film molto bello, dove i dialoghi e i silenzi regnano sovrani.
La vicenda della protagonista è presente in tutto lo svolgimento, tuttavia nella trama si inseriscono sorprese e sentimenti svariati ed inaspettati anche da persone da cui non ti aspetti alcunché.
La vicenda del primo sceriffo è veramente toccante così come le sue parole e le sue lettere di addio e spiegazioni
La "rivalutazione" poi del poliziotto arruffone e violento è veramente stupefacente oltreché veramente emozionante e sorprendente.
Un film originale e diverso dai soliti, ambientato in un background da favola della vecchia country americana del Missouri, il film, seppure lento nello svolgimento e segnato anche da episodi grotteschi (l'incendio della stazione di Polizia, il nano ecc..) non diventa mai banale, anzi l'alternanza degli episodi lo rende assai gradevole e assolutamente piacevole. Bel film, spero vinca l'OSCAR o qualche premio speciale

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  02/02/2018 09:30:17
   9 / 10
Uno dei migliori film degli ultimi anni. Non riesco a trovargli un difetto nemmeno impegnandomi. E poi la McDormand, e Rockwell. Ti lascia il cuore più leggero.

STEn  @  01/02/2018 01:46:49
   6½ / 10
È un bel film. Ottime interpretazioni, regia, colonna sonora...
Tuttavia NON è un film thriller: la scomparsa della figlia sembra quasi faccia da sfondo allo svolgersi di vicende nella piccola cittadina del sud.
NON è uno spaccato di una certa fetta d'america: tra omicidi con stupro, cancro, ed altre tragedie i personaggi sono ritratti in condizioni estreme. Non può quindi essere un ritratto veritiero e sincero di una comunità o d una specifica realtà.

IL film, sopratutto nella parte finale, sembra girare a vuoto intorno ai cliches del genere trhiller (e non solo), disattendendo quelli che potrebbero essere dei risvolti cinematografici prevedibili. In questo, nel rappresentare il misteri e l'assurdità della vita, che a differenza di un film non tende necessariamente verso un lieto fine, o verso un checchesia finale di senso compiuto, mi ha ricordato lo stile di certi film dei fratelli Cohen.
Il tutto è costellato da scene di grande umanità ed intensità, per certi versi insensate.
Momenti di grande intensità, che non portano a nulla.
Così come è nella vita.

stef123  @  29/01/2018 18:26:06
   7½ / 10
film non buonista e con molte trovate. ottima sceneggiatura e regia, anche se molti personaggi sono caricaturali (cosa che allontana dalla realtà della storia).
grande interpretazione della McDormand che prenota un oscar.
finalmente un film un po' fuori dagli schemi.

Invia una mail all'autore del commento Jason XI  @  29/01/2018 16:40:14
   7 / 10
Anch'io non grido al capolavoro.... non può esserlo un opera del genere.... sostanzialmente perchè non è credibile, ma non è un film fantasy, è un film che affronta una tematica con i contro******** e lo fa in modalità trasversale e bizzarra e quindi come detto, non credibile... tutti personaggi sono outborder... che popolano una piccola cittadina che sembra intrappolata in una bolla, alle prese con una vicenda tragica e insostenibile.... Detto questo il film funziona e anche se strizza l'occhio (e forse anche due) ai Coen non raggiunge l'enormità di "Fargo" ad esempio.... e un piccolo e furbo film con un cast eccezionale. Da vedere ma a mio parere sopravvalutato.

2 risposte al commento
Ultima risposta 22/05/2018 12.51.02
Visualizza / Rispondi al commento
mabumba77  @  29/01/2018 07:43:41
   9½ / 10
Servirebbero pagine intere per commentare questa "perla" cinematografica che si accinge,giustamente,a trionfare agli Oscar.
Diro' soltanto che sono invaso da mille emozioni che dovro' eleborare nei prossimi a mente piu' fredda quando,forse,attenuatosi l'entusiasmo che mi pervade adesso mi permettera'di analizzare meglio i tanti spunti di riflessione che ho colto lungo la durata del film.
Maestosi la McDormand e Sam Rockwell, che credo meritino a mani basse la statuetta,ma e' tutto il cast che funziona nel suo insieme.
Amarezza,solitudine,redenzione,perdono,humor nero e mille altre cose ancora dipingo un affresco nel quale ogni amante della settima arte avra' modo di bearsi

albert74  @  28/01/2018 22:23:36
   6 / 10
questi sono i film furbastri che - di solito - vincono gli oscar. Su una storia neanche molto originale, su una sceneggiatura che possiamo definire mediocre e piena di buchi, un regista di mestiere sviluppa questa sorta di noir-thriller, con buone interpretazioni, pregiudizi,stereotipi e personaggi talmente macchietistici da sfiorare il ridicolo.
Non starò a parlare della trama - che potete leggere su wikipedia - ma mi soffermerò sui personaggi. Abbiamo dei poliziotti, uno peggiore dell'altro, branco di sfaticati, con il quoziente d'intelligenza di un carciofo, una madre dall'espressione granitica e molto determinata e testarda che gioca il ruolo della madre "coraggio" che sfida le istituzioni (penose) locali; una figlia che si vede per pochi minuti e non si può non detestare subito per i suoi atteggiamenti arroganti, uno sceriffo, con un minimo di sale in zucca, che però è malato terminale di cancro e si leva di torno dopo la prima ora di film.
Poi c'è il padre della vittima, alcolizzato, rude americano, semianalfabeta e moralista, arrogante pure lui.
Il contorno è una cittadinanza che se ne frega di una ragazza morta stuprata e difende a spada tratta lo sceriffo, il tutto condito con atteggiamenti da far west, s*****ttate ogni tanto (poco e quanto basta) e gente che si fa giustizia da se'.
IN questo ambiente si dipana la storia dei tre manifesti e della madre "coraggio". buone le interpretazioni dello sceriffo e della madre (mcdormand). Il resto non conta, sono solo il contorno (machiettistico e mediocre).
Ottime le musiche, buona l'atmosfera e l'ambientazione malata che si respira.
Il film è però lento, con dialoghi volgari e pieni di parolacce, a tratti noioso e poi c'è quella sceneggiatura penosa che è un pugno in un occhio a tutto l'insieme.
Non bastano alcuni buoni attori per fare un capolavoro.
e il messaggio poi qual'è? ognuno si fa giustizia da solo e se qualcosa non va giù a parolacce ed improperi?
e la polizia è composta da un branco di somari decerebrati?
mah
però, come ripeto, è un film furbo quindi si beccherà gli oscar.
Non parlatemi poi di ironia o di verve comica. Non mi pare ce ne sia traccia.
il voto? ero indeciso se bocciarlo del tutto o dargli un voto per la regia, che almeno è decente. Ho optato per la regia e una sufficienza può andare.
Se mi dovessi basare solo su sceneggiatura e sulla recitazione di alcuni "attori" sarebbe da 5.

1 risposta al commento
Ultima risposta 29/01/2018 16.43.14
Visualizza / Rispondi al commento
camifilm  @  28/01/2018 10:32:19
   6 / 10
Non concordo con la media così alta.
Il film è piacevole da seguire per le interpretazioni, soprattutto nella parte iniziale, piuttosto bizzarre, ispirate e drastiche.
Poi ho trovato la storia senza un punto di arrivo o un messaggio da voler lasciare.

Come tanti chiedo anche io delucidazioni su alcuni momenti del film ed al messaggio che essi avrebbero voluto dare. Escludendo il finale che mi ha perplesso, chiedo:
molotov contro stazione polizia, nessuno vede, nessun ferito, nessuno di servizio?
Pestaggio in pieno centro con tutti fermi a guardare? Ma poi nemmeno una denuncia?

Guardatelo. Ma non credo sia il capolavoro dichiarato. Probabilmente vincerà dei premi perchè alcune cose funzionano bene, ma il succo è che non lascia un messaggio o morale sulla quale ragionare.

30 risposte al commento
Ultima risposta 05/03/2018 10.24.43
Visualizza / Rispondi al commento
polarsun  @  28/01/2018 02:17:05
   9 / 10
Buonissimo film, con un plot che potrebbe essere benissimo il tipico film americano del pomeriggio ambientato intorno a una stazione di polizia. Ma pensato e congegnato bene, dosato nei dialoghi e mai scontato. Sulla scia di Gran Torino

david briar  @  27/01/2018 11:16:30
   7½ / 10
Non mi ricordo dove ho letto di un film "paradio*", fatto per i premi, ma mi sembra decisamente una cosa assurda da dire.
A parte il fatto che ogni film può essere "paradio*" nei confronti di un certo tipo di pubblico, critica o festival (per cui questo termine per me non ha alcuna significato)  "Tre manifesti a Ebbing, Missouri" è un film scritto molto bene, la cui caratteristica principale è attentare costantemente ad un tipo di struttura che possa essere riconducibile ad una scansione precisa. E' un film dove le cose semplicemente succedono, in una maniera che può essere artificiosa in senso assoluto ma che invece è perfettamente coerente con lo spirito del film. Prendendo spunto dalla firma di Gidan 89, che casualmente si trova proprio sopra questo mio commento, per me questo è un cinema che non pretende, ma semplicemente è(cit.)Non importa cosa succede, ma come ci si arriva e quali sono le conseguenze. 
Volutamente, McDonagh gira una commedia nera con un tono difficilmente classificabile, che viene semplice definire un film alla Coen per comodità, ma è semplicemente un film di Martin McDonagh, nano compreso nel prezzo. E per quanto non sia eclatante, per quanto abbiamo visto di meglio su toni simili, è straordinario apprezzare ancora una volta la capacità degli americani di fare film che parlano del proprio tempo e del proprio luogo, pur essendo ambientati in un posto in cui l'epoca, lo Stato e il capitalismo finanziario così imperante sembrano non trovare abbastanza spazio. Già altri bellissimi film, come per esempio "Un gelido inverno", erano riusciti in quest'intento, e giustamente erano stati premiati per questo.
In un luogo dove Amazon.go è una realtà ancora lontana, la rabbia genera inizialmente altra rabbia per poi creare una sorta di armonia troncata di netto, manco fosse il finale de "Il braccio violento della legge". Un film che tratta cose banali attentando alle sicurezze dello spettatore e giocando con le sue aspettative: l'esempio che ciò che conta non sono i temi o i sentimenti,ma il modo di trattarli. Sceneggiatura da studiare..

xymox  @  27/01/2018 09:25:39
   9 / 10
mi ha tenuto incollato allo schermo dal primo minuto ai titoli di coda.
Ottima interpretazione di Sam Rockwell, si merita l'oscar come attore non protagonista.

gabriele  @  25/01/2018 14:18:32
   8½ / 10
Film splendido sotto tutti i punti di vista. Sam Rockwell che considero un grande attore sin dai tempi del Miglio verde, raggiunge livelli talmente alti di recitazione da meritare senz'altro l'Oscar come miglior attore non protagonista. Così come la McDormand merita quello per migliore attrice protagonista. Bella la colonna sonora. Assolutamente da vedere

mrmassori  @  24/01/2018 20:22:56
   7½ / 10
Bel film, in cui vengono messi in risalto molti lati negativi dell'animo umano ma al tempo stesso quei personaggi così vili e senza criteri sono capaci di redimersi e riscattarsi per ciò che non erano riusciti a essere prima. Bella storia e soprattutto ottimo il susseguirsi di eventi che in un modo o nell'altro portano a scavare nella psicologia dei vari personaggi. Se il mondo fosse come questa cittadina sarebbe una *****, ma forse non è questo che ci meritiamo?

Invia una mail all'autore del commento palla78  @  24/01/2018 17:20:49
   7 / 10
Ciao a tutti. Visto ieri sera al Solaris di Pesaro.
Bello, bellissimo film, se mi fermo solo alle interpretazione ed ai dialoghi, veramente confezionati bene, alla fotografia, etc... Mc Dormand ottima, Rockwell strepitoso, etc...
Se passi oltre, mettendo i puntini sulle i


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Il finale? Beh, il finale lo lascio agli altri...

BaroneRampate  @  23/01/2018 18:06:37
   7 / 10
Visto in lingua originale. Non male, ma sarebbe stato sicuramente più interessante se gli autori non avessero esaurito le idee prima della conclusione (chiamiamola conclusione) del film. Per me un thriller è tale se sa inchiodarti lì in attesa che si manifesti l'autore del misfatto. Lasciare così tutto in sospeso, demandando agli spettatori un finale "aperto", trasforma il thriller in una storia dai risvolti psicologici. Ecco, allora come film che scava nell'animo umano mi è piaciuto molto....ma non parliamo allora di thriller.

Macs  @  22/01/2018 21:47:07
   6½ / 10
Francamente non vedo dove stia il capolavoro, sarà forse che la media dei film degli ultimi tempi è un pochino desolante. Non mi ha trasmesso molto, ho fatto fatica a immedesimarmi nella signora Mildred e nella sua battaglia contro i mulini a vento. Non giova il fatto che la figlia assassinata non sia minimamente approfondita come personaggio, la vediamo giusto in una mezza scena, in cui non è poi che si faccia apprezzare o che lasci il segno più di tanto. Un altro problema del film è la sceneggiatura che in più punti appare forzata e tirata per i capelli: certe azioni specie della protagonista non hanno motivo di esistere se non nella mente di una donna mediamente squilibrata. Comunque il film si lascia guardare e intrattiene abbastanza, una volta fatta la tara alle forzature e a un buonismo a tutti i costi ormai fuori tempo massimo, per cui gli esseri che sembrano feccia spregevole rivelano poi tutti un cuoricino d'oro. Mezzo punto in più per la colonna sonora, fuori dal comune.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Scuderia2  @  22/01/2018 19:52:40
   6 / 10
Uno sceriffo rispettato da tutti che rivela di avere un buon talento nella fase epistolare postuma piuttosto che nella gestione di un branco di caz.zoni lavativi e ritardati della locale stazione di polizia.
E' chiaro che i tre manifesti affissi, più che una provocazione, hanno ragione di essere una vera e propria critica al sistema.
Perché, se una persona che ne butta giù un'altra dal balcone e la pesta a sangue, non viene arrestata per tentato omicidio, qualcosa che non va c'è.
Qua tutti fanno quel ***** che vogliono senza che la giustizia intervenga o che qualcuno paghi: stupri, razzismo, molotov, pestaggi, vendetta privata.
Che dannato messaggio passa questo film?
Un manifesto di miseria umana e ignoranza al limite del fastidioso.
La provincia americana del midwest totalmente bruciata nei valori.
Attori straordinari, interessanti tagli di capelli, musiche perfette nella loro depressione.
C'è qualcosa, però, che lascia uno spiraglio di speranza.
Non è l'ultima possibilità lasciata ad ognuno.
No, fortunatamente Ebbing è un luogo di fantasia.

5 risposte al commento
Ultima risposta 21/03/2018 20.49.28
Visualizza / Rispondi al commento
76mm  @  22/01/2018 12:03:52
   7½ / 10
Finalmente sono riuscito a vederlo dopo che per ben due volte ero rimasto fuori per esaurimento posti.
Anche stavolta se non avessi comprato il biglietto in anticipo avrei rischiato grosso perché non c'era rimasta mezza poltrona libera in tutta la sala.
Questa cosa, seccatura del momento a parte, mi ha fatto molto piacere…evidentemente il passaparola positivo sta premiando questo piccolo grande film e lo spettatore italiano si sta dimostrando meno becero di quanto non si voglia pensare.
Attori bravi e in parte, personaggi sfaccettati e credibili, sceneggiatura intelligente, regia attenta a valorizzare ed amalgamare al meglio le varie componenti…sembra che in fondo non ci voglia chissà cosa per fare un prodotto meritevole (e invece…).
Una piacevole e salutare boccata d'aria fresca, anche se i difetti ci sono, e a voler ben vedere non sono neanche pochissimi…scene inutili o forzate, svolte improbabili, eccesso di personaggi strambi o idioti, tendenza a scavallare nel grottesco quando sarebbe preferibile cercare di rimanere un po' più in bilico…in definitiva direi che per poter anche solamente lambire il capolavoro si sarebbe dovuto lavorare parecchio in sottrazione, ma comunque non riesco davvero a non vedere il bicchiere mezzo pieno.
Ho apprezzato molto l'idea di non presentare la protagonista come un personaggio melodrammatico e compassionevole per cercare di portare il pubblico dalla sua parte…è stata una madre di mer*a, ha grosse responsabilità nel destino miserrimo della figlia e cerca di lenire il suo senso di colpa pretendendo che gli altri facciano l'impossibile (prelevare il DNA a tutti i maschi della Terra???) senza guardare in faccia a nessuno e fregandosene dei drammi altrui…devo confessare che io non ho parteggiato per lei neanche per un minuto…però è un personaggio molto più vero e genuino delle tante madri coraggio tutte chiesa e famiglia che troppo spesso hanno impestato gli schermi cinematografici e televisivi.
Mi ha fatto venir voglia di recuperare i due film precedenti del regista.
Ci voleva.

the saint  @  22/01/2018 09:27:15
   7 / 10
non amo la commedia-tragica, l'unico film che in quel genere è eccezionale ed ho amato è STORIE PAZZESCHE!

Anche se questo è diverso come genere, devo dire che è un bel film!
lei sicuramente vince l'oscar, caleb landry jones ci può andar vicino per prenderne un altro

3 risposte al commento
Ultima risposta 26/01/2018 12.52.41
Visualizza / Rispondi al commento
venetoplus  @  21/01/2018 15:22:27
   8½ / 10
Wow!!! Bellissimo...

daaani  @  19/01/2018 17:55:27
   7½ / 10
finalmente l'ho visto anche io...
caratterizzazione dei personaggi eccellente e scene grottesche ben riuscite. mi ha fatto piacere rivedere Caleb Landry Jones, attore che avevo già ampiamente apprezzato nel film "barry seal, una storia americana".
purtroppo non amo i finali sospesi, ma a parte questo ne consiglio la visione.

  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1968 gli uccelli45 seconds of laughter5 e' il numero perfettoa herdadea son
 NEW
a spasso col pandaabout endlessnessad astraadults in the roomall this victoryamerican skinandrey tarkovskji. a cinema prayerangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagiearab bluesatlantis (2019)attacco al potere 3 - angel has fallenbabyteethballoonbarnbeyond the beach: the hell and the hopeblanco en blancoblinded by the light - travolto dalla musicaboia, maschere, segreti: l'horror italiano degli anni sessantabombay rose
 NEW
brave ragazzeburning - l'amore bruciaburning cane
 HOT
c'era una volta a... hollywoodcercando valentinacharlie says - charlie dicechiara ferragni - unpostedcitizen kcitizen rosicity hunter - private eyescolectivcorpus christicrawl - intrappolatidelphinediego maradonadora e la citta' perdutadrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampirieffetto dominoel principeelectric swanemaemilio vedova. dalla parte del naufragiofellini fine maifiebre australfulci for fake
 NEW
gemini mangenitori quasi perfettigiants being lonelygive up the ghost
 NEW
gli angeli nascosti di luchino viscontigloria mundigretaguest of honourhava, maryam, ayesha
 NEW
hole - l'abissohouse of cardini diari di angela - noi due cineasti. capitolo secondoi migliori anni della nostra vita (2019)il colpo del caneil criminaleil mostro di st. pauliil pianeta in mareil piccolo yetiil prigionieroil re leone (2019)il regnoil signor diavoloil sindaco del rione sanita' (2019)
 NEW
il varcoio, leonardoit: capitolo 2
 R
jokerjust 6.5kingdom comela fattoria dei nostri sognila legge degli spazi bianchila lloronala mafia non e' piu' quella di una voltala rivincita delle sfigate
 NEW
la scomparsa di mia madre
 NEW
la verita' (2019)la vita invisibile di euridice gusmao
 NEW
la voce del marel'amour flou - come separarsi e restare amicile coup des larmesles chevaux voyageurslife as a b-movie: piero vivarellilingua francal'ospite - un viaggio sui divani degli altrilou von salome'
 NEW
l'uomo che volle vivere 120 annimademoisellemadre (2019)
 NEW
manta raymarriage storymartin edenmes jours de gloiremio fratello rincorre i dinosaurimoffiemondo sexymosulnato a xibetnever just a dream: stanley kubrick and eyes wide shutneviano.7 cherry lanenon si puo' morire ballando
 NEW
non succede, ma se succede...of fathers and sons
 NEW
oltre la buferaparthenonpelican bloodphotographpop black postapsychosiarambo: last bloodrare beastsrevenirrialto
 NEW
roger waters us + themroqaiarosa (2019)sabbiasanctorumsaturday fictionscalesscherza con i fantise c'e' un aldila' sono fottuto: vita e cinema di claudio caligari
 NEW
searching evasebergselfie di famigliaseules les betessh_t happensshadow of watershaun, vita da pecora - farmageddonsolestate funeralstrange but truestuber - autista d'assaltosubmergencesupereroi senza superpoteriteen spirit - a un passo dal sognothanks!the burnt orange heresythe diverthe great green wallthe king (2019)the kingmakerthe laundromatthe lodgethe long walkthe nest (il nido)the painted birdthe perfect candidatethe rider - il sogno di un cowboythe scarecrowsthey say nothing stays the sametolkientony drivertorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttappostoun monde plus grandverdictvivere (2019)vox luxwaiting for the barbarianswake up - il risvegliowasp networkwomanyesterday (2019)you will die at 20zerozerozero - stagione 1zumiriki

992849 commenti su 42110 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net