tre manifesti a ebbing, missouri regia di Martin McDonagh USA 2017
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

tre manifesti a ebbing, missouri (2017)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI

Titolo Originale: THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI

RegiaMartin McDonagh

InterpretiFrances McDormand, Woody Harrelson, Caleb Landry Jones, Abbie Cornish, Kathryn Newton, Peter Dinklage, Sam Rockwell, Lucas Hedges, Kerry Condon, John Hawkes

Durata: h 1.55
NazionalitàUSA 2017
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 2018

•  Altri film di Martin McDonagh

Trama del film Tre manifesti a ebbing, missouri

Dopo mesi trascorsi senza trovare il colpevole dell'omicidio di sua figlia, Mildred Haynes fa una mossa audace, realizzando tre manifesti che sembrano un controverso messaggio diretto a William Willoughby, il venerato capo della polizia della sua città. Quando nel caso viene coinvolto anche Dixon, vice del capo della polizia immaturo e con un debole per la violenza, lo scontro tra Mildred e William sull'applicazione delle leggi diventerà sempre più duro.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,90 / 10 (88 voti)7,90Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
Migliore attrice protagonista (Frances McDormand)Migliore attore non protagonista (Sam Rockwell)
VINCITORE DI 2 PREMI OSCAR:
Migliore attrice protagonista (Frances McDormand), Migliore attore non protagonista (Sam Rockwell)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Tre manifesti a ebbing, missouri, 88 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

gemellino86  @  16/09/2018 21:22:10
   9½ / 10
Un mezzo capolavoro con una McDormand strepitosa e un eccezionale Rockwell. Può essere considerato una via di mezzo fra un thriller e un dramma psicologico. Offre anche uno spaccato della società americana. Ma non è un film per tutti. Finale difficile da capire però io l'ho apprezzato.

krystian  @  28/08/2018 07:46:39
   9 / 10
Una vera sorpresa, ti cattura e non ti lascia staccare gli occhi dallo schermo fino all'ultima scena.
Sceneggiatura scritta divinamente e interpretazioni a dir poco eccezionali. Stupenda pure la colonna sonora.
Più che consigliatissimo.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  28/06/2018 00:31:45
   8½ / 10
Film intenso, duro, profondo. Ogni personaggio è delineato alla perfezione e tutti insieme delineano un microcosmo eccezionale, in cui non ci sono buoni né cattivi, ma umani autentici, con le loro luci e le loro ombre.
Pellicola di struggente bellezza. Tra le cose migliori uscite negli ultimi anni.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  13/06/2018 10:39:40
   9 / 10
Divorata dalla necessità di dare un volto all'assassino di sua figlia, Mildred affitta tre enormi cartelloni pubblicitari attraverso i quali accusa la polizia locale (come da titolo siamo nel piccolo centro di Ebbing, Missouri) di eccessivo immobilismo.
Questo "sfregio" alle autorità competenti genera una lotta intestina tra varie fazioni, per lo più vicine al dolore della donna ma lontane dall' approvare un atto così eclatante, soprattutto rivolto ad uno sceriffo per il quale l'ammirazione è tanta.
McDonagh conferma di essere tra i registi più talentuosi degli ultimi anni: rifacendosi a certo cinema americano di provincia (impossibile non pensare ai fratelli Coen), attraverso dialoghi di rara brillantezza e a un concatenazione di eventi ammirevole per incastri e relative tempistiche, realizza un film che trasuda umanità a profusione, offerta da personaggi difficilmente dimenticabili, mai manichei, sfumati in modo ammirevole, mossi da torti e ragioni atti a svilupparne una personalità giustamente sfaccettata ed in continua evoluzione.
In questo piccolo agglomerato di rabbia pronta ad esplodere il dramma è miscelato con sapienti dosi di humour nero, non vi è alcun accenno buonista o retorica da strapazzo, McDonagh coglie meschinità e grandezze da tutte le parti in causa, riuscendo a dare enorme spessore ad una chiara esposizione di dolore e inadeguatezza.
L'incredibile livello recitativo (McDormand, Rockwell e Harrelson sono fantastici) rende ancor più credibile il lavoro sfumato fatto sui personaggi riuscendo a cogliere le affinità alle base dei contrasti, a sottolineare una radice comune che i drammi personali hanno reso più sottile, con conflitti fatti di colpi bassi in cui però è impossibile non cogliere una vicinanza più forte di ogni attrito.
Imprevedibile pur essendo privo di colpi di scena annunciati da fanfare e ballerini "Tre manifesti a Ebbing, Missouri" è un devastante concentrato di intensità emotiva dapprima trattenuta, poi lasciata deflagrare sino a raggiungere quella che è probabilmente una catarsi, più fittizia che reale, in cui è finalmente possibile mostrare le proprie debolezze.

Wilding  @  11/06/2018 20:25:15
   8 / 10
Una splendida pellicola. Pacata ma intensa, mai banale nè tantomeno noiosa, e due splendidi interpreti giustamente premiati con l'Oscar.

markos  @  25/05/2018 21:28:33
   7 / 10
Buon film, forse mi aspettavo qualcosa di più.

Tautotes  @  20/05/2018 13:00:04
   6 / 10
Ampiamente sopravvalutato. Condivido chi dice che non decolla mai. Ottime interpretazioni ma nulla più.

Invia una mail all'autore del commento nightmare95  @  20/05/2018 12:47:21
   8½ / 10
Uno dei film più completi usciti nell'ultimo anno. Film Crudo, mai scontato, violento, vendicativo e realistico. Tiene incollato allo schermo in ogni sua scena, in ogni suo dialogo, mai banale e sempre azzeccato al tono del film. Frances McDormand semplicemente unica, lascia senza parole, offrendo una prova magistrale! Oscar meritatissimo, come anche quello dell'ottimo Rockwell che è perfetto nel ruolo del poliziotto cattivo/mammone che nel proseguire del film cambierà è diventerà una persona migliore!
L'unica cosa che non mi ha convinto appieno è il finale che nonostante sia aperto a numerose interpretazioni, l'ho trovato forse troppo buonista. Mi sarebbe piaciuto visto il ritmo e il tono del film nella prima parte un finale più crudo. Rimane senza dubbio un film che ha molto da raccontare e da dire, che riesce a essere incisivo e che nonostante qualche piccola pecca ha davvero lo stile giusto per essere un film che non ci si dimentica e che colpisce e rimane una chicca di questo 2018!

peppe87  @  14/05/2018 22:44:09
   6½ / 10
aspettavo che decollasse, non è decollato

marcogiannelli  @  12/05/2018 19:31:05
   8½ / 10
Voglio usare delle parole di un amico a cui farò delle modifiche per cambiare cose su cui discordiamo e aggiurgerci del mio laddove penso che serva.

CONTIENE DEI FO*TUTISSIMI SPOILER, per cui non ne valeva la pena mettere tutto sotto SPOILER, quindi leggete SOLO SE AVETE VISTO IL FILM. VI ho avvisati.

"Mildred - un'aliena Frances McDormand - Decide di mettere i suoi manifesti come vero e proprio grido d'accusa verso una polizia, quella del suo paese che non solo non ha trovato il colpevole dell'assassino, con stupro, della figlia, ma che nemmeno se ne frega di cercarlo.
E allora questa donna, una donna prosciugata dal dolore e dalla rabbia, una donna che se ne va in giro vestita come un meccanico, questa donna ha deciso che se la sua voce non si sente che siano le lettere, grandi e imponenti, a farlo al posto suo.
Buffo come questo film ribalti completamente il ruolo che portò la McDormand sulla scena, quello della poliziotta di Fargo. Lo ribalta sia come ruolo (lei è ora la cittadina contro i poliziotti), sia come carattere, tanto buona e dolcissima nel film dei Coen tanto belva assatanata, ******* e insopportabile in Tre Manifesti. Perchè, questo personaggio lo ami alla follia ma è un dato di fatto che sia *******, belva assatanata e insopportabile. E lo era probabilmente ancor prima che sua amata figlia finisse nelle mani di un mostro. Anzi, c'è quel flash back che fa male come un cazzotto
"spero ti stuprino"
le disse, e io son convinto che il ricordo di quella frase ha accelerato il processo di distruzione di questa donna, ha aumentato il dolore, ha espanso il senso di non-vita ma, forse, ha fatto anche crescere quella rabbia che porterà Mildred ad essere un carro armato che non guarda in faccia a nessuno, un carro armato capace di mettere alla berlina il capo della polizia malato di cancro, di dare calci sulle palle e sulle ovaie ai compagni del figlio e di bucare il dito di un dentista grasso e ostile. O di fare quello che farà verso la fine, con le molotov. O di fare, forse, quello che vorrebbe fare dopo la fine del film. Un personaggio talmente di ***** che risulta adorabile.
Ed è qui che tocca fa un primo passo e accenno alla sceneggiatura perchè riesce in quello che è quasi un miracolo. Ovvero quello di creare un'empatia pazzesca con tutti e 3 i personaggi principali, benchè, specie Rockwell, siano dei grandi pezzi di *****.
E ***** di ruolo Sam, grassottello, stupidissimo, cattivo, incompetente, bambinone, un vero schifo sei. Ma che ***** avrà visto Harrelson in te quando t'ha scritto quella lettera? Eh, ma noi ti conoscevamo da un'ora, lui da anni. E allora quando ha scritto che eri un buono io mica ci credevo. E poi invece arriva l'ultima mezz'ora in cui diventi un'eroe tragico del nostro tempo, un personaggio che non te lo dimentichi più.
E Harrelson? Ah, ma l'avete visto quando spiega il gioco della pesca ai figli? L'avete visti i suoi occhi rossi? Occhi di un uomo che sa tre cose:
1 che quella è l'ultima volta che giocherà con i propri figli
2 che di lì a poco farà l'amore per l'ultima volta con la moglie 
3 che di lì a poco più di poco si ucciderà.
Ed è bellissima la lettera che lascia alla moglie, quella del giorno stesso.
E Landry Jones allora? Uno straordinario attore emergente.
Ed è un magnifico film con della black comedy, pur essendo un film sul dolore come ce ne sono pochi, un film di una madre che ha visto sua figlia stuprata e uccisa, che ha visto un poliziotto uccidersi per un cancro, che ha visto l'altro poliziotto rovinarsi per sempre la vita in un rogo. E se poi i dialoghi son brillanti non cambia niente, non attenua il dolore, non nasconde la tragedia, non ne mina la verosimiglianza. McDonagh è un maestro dei dialoghi, lui viene dal teatro e già nel sontuoso In Bruges e nel bel 7 psicopatici ci aveva deliziato con la sua brillantezza. Tre Manifesti è una tragedia senza appelli che riesce anche a farti ridere. Ma non viene depotenziata da questo.
Una regia senza virtuosismi che secondo me tecnicamente ha le due sequenze migliori una all'inizio, in quel Rockwell che vede un manifesto per volta, a ritroso (geniale). Sequenza montata da dio e con una grande fotografia. L'altra è il pianosequenza sempre di Rockwell che esce dalla stazione per andare a picchiare, e quasi uccidere, Landry Jones. Per il resto siamo sul classico, sui campi e controcampi, sul semplice mostrare senza invadere, sul preferire la bravura degli attori alla bellezza delle inquadrature o dei movimenti di macchina.
E poi c'è un altro grande personaggio, la colonna sonora, stupenda.
Tre Manifesti è un film completo, secco ma debordante, doloroso ma divertente, una specie di western in cui ci sono tre pistoleri a sfidarsi. Ma non c'è nessun vincitore, nessuno.

Mildred è davanti ad Harrelson. Si stanno scannando, lei lo umilia senza pietà. Ad un certo punto gli arriva sulla faccia un fiotto di sangue. Gli occhi di Mildred, gli occhi di Frances, cambiano del tutto, la pietà e l'umanità che l'assalgono sono talmente vere che fanno spavento.
Perché tutti loro, sotto una coltre di celodurismo hanno dell'umanità.
Ma non c'è nessun vincitore."

floyd80  @  02/05/2018 09:08:18
   8 / 10
Grandi personaggi e grandi interpretazioni per una piccola che ti lascia indubbiamente il segno, non tanto per il soggetto principale (uno stupro e un omicidio) ma per le reazioni a tutto ciò.
Una donna, una madre che si mette tutti contro pur di sapere la verità e che non si arrende dinnanzi a nulla.
Oscar meritati ma ne manca uno a Harrelson.

Invia una mail all'autore del commento Tempesta  @  06/04/2018 00:15:43
   9 / 10
Nulla in questo film è è scontato .
Una pellicola piena di rabbia visiva e interiore. Una rabbia da non poter trattenere almeno che non la trasformi in un piccolo gesto come una succo di frutta e una cannuccia. Imprevedibile e originale.
Finisco a fare un inchino al interpretazione della protagonista. Ineguagliabile !

Tempest78  @  04/04/2018 13:41:24
   9 / 10
Gli oscar meritatissimi per questo film a mio avviso sottovalutato. Una bellissima storia famigliare con una morale che non tutti hanno colto, ma sopratutto uno dei film con i dialoghi più belli e veri e mai banali che abbia visto ultimamente, una caratterizzazione dei protagonisti magistrale con altrettante magistrali interpretazioni.

DogDayAfternoon  @  01/04/2018 17:12:10
   7 / 10
Uno dei film più osannati dell'anno, in parte devo dire a ragione. E' un film un po' fuori dagli schemi, che sicuramente non piace a tutti: sboccato, lento, sotto certi aspetti anche violento, ma sicuramente interessante e tenuto su da una recitazione al limite della perfezione, non solo da parte della McDormand. D'altronde con una sceneggiatura impostata in questo modo, dovevano per forza uscire delle interpretazioni eccezionali perché il film funzionasse.

Finale un po' inconcludente, sembra quasi che non si sapesse bene come chiudere la vicenda. Successo meritato, credo sia un film del quale si parlerà anche negli anni a venire.

Sbrillo  @  01/04/2018 07:59:25
   9 / 10
nonostante in alcuni tratti, il film sia portato volutamente al limite...esasperando qualche scelta, qualche personaggio.... credo che non si possa non apprezzare nella sua interezza!! uno spaccato di vita, così tremendamente reale, che ti colpisce, ti rapisce letteralmente e ti tiene incollato fino alla fine, lasciando inevitabilmente diverse spunti di riflessione!!
ottime le interpretazioni (meritati i 2 oscar vinti) e colonna sonora a dir poco perfetta nel sottolineare i momenti salienti e più toccanti del film!
davvero apprezzato... lo consiglio!

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  01/04/2018 02:12:22
   8 / 10
Ok condivido un grande film con una splendida sceneggiatura... Sembra uscito dalla penna di Sam Shepard eppure nonostante tutto il film non e' certo perfetto. Come spaccato sociale ci sta ma ferisce mentre Boys don't cry o Frozen River, tanto per citare due film "forti", ti annientavano definitivamente. E l'esasperazione che via via incentiva il film non gli rende pienamente giustizia, vedi la scena dei manifesti a fuoco e' visivamente splendida quanto teoricamente grottesca. Ripeto, tecnicamente siamo di fronte a uno dei migliori soggetti scritti per il cinema americano degli ultimi anni, ma in bilico tra violenza e redenzione il film sembra pretendere altro, anche nel pur incisivo epilogo stile Thelma & Louise.
Per scoprire "l'altra America", che poi e' quella piu' interessante e' comunque un film da non perdere

LaCalamita  @  30/03/2018 06:04:00
   9½ / 10
Che dire? Un film su cui avevo certe aspettative. Le ha superate. Ma di tanto, di tanto...
Una storia scritta in maniera magistrale, interpretata grandiosamente. Praticamente privo di cali.
E' semplicemente un capolavoro nel suo genere.

1 risposta al commento
Ultima risposta 30/03/2018 19.47.32
Visualizza / Rispondi al commento
Michele131104  @  29/03/2018 19:48:37
   8 / 10
In assoluto uno dei migliori film degli ultimi anni...
Una storia potente,cruda,cupa,scritta meravigliosamente.
Le prove attoriali sono eccezionali,colonna sonora perfetta.
La linea che divide bene e male è labile,sottile,apparente!
Chapeau

Norgoth  @  25/03/2018 22:01:21
   7 / 10
Un film indubbiamente ben fatto, con un ottimo ritmo e con attori super, Frances McDormand in particolare è sugli scudi.
Non capisco però la pubblicità che gli è stata fatta, è stato presentato come un film molto politico, che mette in evidenza le debolezze dell'america rurale eccetera... a me non pare.
Sicuramente ne regala uno spaccato, ma non molto approfondito, anzi. E' un elemento molto superficiale.
In realtà, non si capisce bene quale sia il punto del film, a mio parere si volevano toccare molti elementi (america rurale-neri maltrattati-giustizia cieca e pigra-forza di una madre furibonda-ecc. ecc.), ma c'era talmente tanta carne al fuoco che alla fine non si approfondisce nulla in modo davvero incisivo.
La visione merita, comunque. Anche solo per la recitazione.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  25/03/2018 09:22:13
   6 / 10
Un film di cui non ho capito il senso, sebbene riesca a restituire un'interessante spaccato corale, viaggia senza un fine preciso con un evoluzione dei personaggi non convincente.
Sarà la loro singolarità che rende difficile l'immedesimazione, uno spaccato di provincia americana del passato che trovo messo in scena su una trama troppo, troppo esile.

Quest'anno davvero non ho capito i film più acclamati.

1 risposta al commento
Ultima risposta 12/05/2018 19.14.46
Visualizza / Rispondi al commento
jason13  @  24/03/2018 13:20:37
   6½ / 10
Bel film nulla da dire. Se poi parliamo di TOP CINEMA allora non ci siamo proprio. Ho letto troppi commenti entusiastici forse e' per colpa di cosi' tanto materiale scarso che gira in tv e nei cinema. Bravissima come sempre Frances McDormand.

BlueBlaster  @  23/03/2018 20:12:55
   7 / 10
Storia un poco esasperata come del resto l'interpretazione di Frances McDormand ma tutto sommato è un film ben fatto e che lascia qualcosa (mi è piaciuto molto il finale).
Molto bene Sam Rockwell che finalmente si è portato a casa la meritata statuetta.

Silvia888  @  20/03/2018 19:14:28
   9½ / 10
Imperdibile film, l'unico che veramente avrebbe meritato l'oscar quest'anno.....
Irriverente, intelligente, mai scontato, delinea alla perfezione la profondità dei personaggi e fornisce un perfetto quadro dell'America di provincia, quella vera. Splendide anche le musiche e le ambientazioni.
Da vedere assolutamente!

2 risposte al commento
Ultima risposta 22/03/2018 11.27.40
Visualizza / Rispondi al commento
Tempesta  @  19/03/2018 12:51:40
   9 / 10
Nulla in questo film è è scontato .
Una pellicola piena di rabbia visiva e interiore. Una rabbia da non poter trattenere almeno che non la trasformi in un piccolo gesto come una succo di frutta e una cannuccia. Imprevedibile e originale.
Finisco a fare un inchino al interpretazione della protagonista. Ineguagliabile !
Impetuoso.

Gruppo REDAZIONE Cagliostro  @  16/03/2018 22:53:53
   9 / 10
Capitano lunghi periodi in cui sembra che non si riesca più a vedere un film che sfiori la decenza e ci si rifugia nelle serie televisive. Invece, in queste ultime settimane ho visto una serie di film magnifici.
I Tre Manifesti è un film solidisimso, asciutto e scritto davvero molto, ma molto bene. (per quanto Get Out mi sia piaciuto moltissimo, non gli avrei mai conferito l'Oscar per la miglior sceneggiatura... originale poi... forse nessuno fra gli accademici aveva visto The Skeleton Key e neppure la sua recente reinterpretazione Jessabelle).
Personaggi mai del tutto simpatici né antipatici, difficile immedesimarsi con chicchessia, eppure lo spaccato dell'umanità che ne emerge è così tangibile e così dannatamente umano da impressionare. In buona parte ricorda alcune delle tematiche del romanzo La Promessa di Dürrenmatt (e anche un qualcosa dei suoi tre adattamenti cinematografici).
Ottimi gli interpreti.
Da non perdere.

dils  @  14/03/2018 21:16:56
   9 / 10
Un gran bel film, Frances McDormand, Sam Rockwell, Woody Harrleson tre titani.
Crudo, realistico e anche un po noir, assolutamente da non perdere.

Burdie  @  11/03/2018 18:48:41
   6½ / 10
...è davvero questa l'Ammeriga?

1 risposta al commento
Ultima risposta 13/03/2018 11.28.52
Visualizza / Rispondi al commento
KINGLIZARD  @  07/03/2018 19:35:34
   7 / 10
..è sicuramente un bel film, con una grande recitazione..Frances Mcdormand è una grande mi è sempre piaciuta tantissimo..OSCAR meritatissimo..Sam Rockwell bravo ma personaggio decisamente sopra le righe e secondo me molto esagerato a livello di macchietta improbabile nella sceneggiattura...è un bel film ma siamo lontani dal capolavoro..voti come 9 sono riservati ai capolavori..Harrelson è una gran faccia da C-LO ma sempre bravo adatto ad una parte come questa

Light-Alex  @  05/03/2018 22:59:39
   5½ / 10
Film che con dei personaggi rudi, quasi grotteschi ci mette di fronte ai mali della giustizia americana: il pregiudizio raziale, una polizia stolta e violenta, indagini stentate ed inadatte.
La trama non è poi così forte ed ha anche diversi buchi. Però i personaggi sostengono il film, con il loro essere spartani, crudi e coerenti con un certo tipo di America. Rimane impresso il duello di rudezza tra lo sceriffo Willoughby e la signora Mildred.

Tuttavia ho trovato la vicenda troppo "americana" e basata su un fatto troppo poco coinvolgente per convincermi. Sì non metto in dubbio che il tema della polizia violenta e inadeguata sia qualcosa di leggibile anche altrove nel mondo, ma ci sono dei film che trasmettono molto meglio il senso di paura e di assenza di libertà (mi viene in mente il nostrano ACAB per esempio).

paolo__r  @  05/03/2018 16:19:06
   9½ / 10
Film a dir poco MERAVIGLIOSO. Crudo, realistico e diretto.....

TheLegend  @  04/03/2018 19:28:05
   8½ / 10
Perfetto connubio tra attori fantastici,ottima regia e buona scrittura.

gano  @  04/03/2018 15:12:59
   9 / 10
Mi accodo alla recensione e ai giudizi positivi. Film che si merita tutte le statuette per cui è stato nominato. Attori in primis e sicuramente quella del miglior film dell'anno. Si meriterebbe pure la miglior regia che rispetto ad In Bruges mi è sembrata più matura e sofisticata.
Opera unica nel suo genere, mai banale, ironicamente divertente nonostante tratti della peggior tragedia che una madre possa vivere. Attori strepitosi e dialoghi perfetti (che si gustano a pieno solo in lingua originale ovviamente), scorre via che è un piacere anzi alla fine vorresti che durasse altre due ore..!!!

Invia una mail all'autore del commento marlamarlad  @  04/03/2018 08:03:30
   10 / 10
Da inizio a fine, molto ben modulato. Assolutamente da gustare.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  03/03/2018 13:03:30
   9 / 10
Bellissimo film, intenso, empatico, intelligente.
Rabbia, rancore e violenza sottolineati da toni di humor nero.
Attori di livello straordinario che offrono prove impeccabili.
Ambientazioni scelte con cura e dialoghi interessanti.
Imperdibile.

davmus  @  26/02/2018 08:38:51
   8 / 10
Film ben costruito, da vedere

jek93  @  20/02/2018 11:58:14
   8 / 10
Questo film è SICURAMENTE un bellissimo film, ottima regia, STRAORDINARIE recitazioni, ottima fotografia.
L'unica, GROSSA pecca che ho riscontrato è il finale... avrebbero dovuto fare delle scelte diverse...

1 risposta al commento
Ultima risposta 04/03/2018 11.35.33
Visualizza / Rispondi al commento
topsecret  @  19/02/2018 14:37:08
   8½ / 10
Non finisce come speravo ma la storia raccontata in TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI è stata capace di coinvolgermi per tutto il tempo della sua durata, mostrando grandi capacità realizzative. Interpretazioni di livello, dialoghi interessanti, conditi anche con un umorismo ficcante, regia senza sbavature, ritmo eccellente e una certa intelligenza nella sceneggiatura ne fanno una pellicola da tenere in considerazione.
Non vorrei gufarlo ma spero e credo che il film di McDonagh possa dire la sua alla notte degli oscar...anche perchè sarebbe ora di premiare gente come Harrelson e Rockwell.
Da vedere.

2 risposte al commento
Ultima risposta 25/02/2018 15.35.52
Visualizza / Rispondi al commento
gringo80pt  @  18/02/2018 09:30:53
   8½ / 10
Proiezione molto coinvolgente con attori (soprattutto la rude ed incorruttobile protagonista) che giocano bene le loro parti. Ottima narrazione dei fatti con buona sequenzialita'.
È difficile che un film di 2 ore non addormenti e questo ci riesce bene.

INDOMITO

LucaT  @  16/02/2018 05:33:13
   8½ / 10
un film intenso dall'avvio leggermente incerto
e dalla realizzazione curata ma che risulta -alla mano- nella visione
se la cura nelle sfaccettature delle interpretazioni
tratte da questo film fosse usata come standard di voto
si potrebbe abbassare la media del'80% di ogni altro film
buono il finale

kadhia  @  12/02/2018 12:41:21
   3 / 10
Mi spiace andare contro corrente, m questo film l'ho trovato proprio brutto e senza senso. Trama inesistente, a me è sembrata arraffazzonata, attori in tanti altri film bravi qui no, la stessa McDormand non mi è piaciuta. Le apparizioni e i dialoghi con la figlia ti fanno seriamente dubitare che siano tutti fuori di testa. Inutilmente volgare. Bocciato e spero caldamente non vinca un bel nulla anche se viste tutte le nomination ci credo poco

3 risposte al commento
Ultima risposta 26/03/2018 08.17.05
Visualizza / Rispondi al commento
benzo24  @  11/02/2018 14:40:19
   9 / 10
Terzo film e terzo centro per Martin McDonagh. Grande come sempre Rockwell

wicker  @  11/02/2018 14:16:07
   6 / 10
film in stile Coen con qualche vaga situazione tarantiniana.
Ottime interpretazioni ma anche qualche grave buco di sceneggiatura con situazione che dal grottesco finiscono per arrivare quasi alla presa in giro .
Peccato perchè non che ci volesse molto a renderlo migliore .

guidox  @  07/02/2018 00:25:27
   8 / 10
gran bel film, che ha il suo pregio fondamentale nell'essere originale pur non sconvolgendo i canoni classici del cinema di genere.
strepitose le interpretazioni, dai protagonisti ai comprimari, con Rockwell che si prende la scena, nonostante la McDormand sia come spesso le accade in stato di grazia.
una storia di rabbia, di cinismo, di esasperazione, di scontro, di violenza, che lascia però lo spazio alla redenzione e al perdono....forse.
molto profonde le tematiche trattate, anche se vengono sviscerate in modo divertente, molto più che nei film dei Coen, che per larghi tratti mi sono sembrati accostabili allo stile di McDonagh.
ultraconsigliato, anche se c'è da premettere che ci vuole un minimo di palato fine per gustarselo e apprezzarlo.


ValeGo  @  06/02/2018 19:54:30
   8 / 10
Ironia tagliente che tiene incollati alla sedia, ottimi attori e storia intrigante per un film molto insolito.

130300  @  05/02/2018 23:32:43
   7 / 10
divertente e curioso, ma non eccezionale.

C_0_  @  05/02/2018 18:20:17
   6 / 10
Sono totalmente d'accordo col commento che ha fatto l'utente albert74. Non ci ho trovato nulla di speciale. E' un film discreto che non annoia e si lascia guardare ma l'ho trovato molto deludente rispetto alle aspettative. Il finale poi è veramente pessimo e tra l'altro non so come si faccia a dire che Rockwell merita l'oscar. Non so chi siano gli altri contendenti ma non mi è parsa assolutamente una grande interpretazione la sua. Allora a questo punto è sicuramente meglio Harrelson.

lucasssss  @  03/02/2018 10:07:49
   6 / 10
bello, ma il finale lascia a desiderare, peccato


ciao
Lucasssss

pierzapata  @  02/02/2018 11:57:57
   9 / 10
E' un film molto bello, dove i dialoghi e i silenzi regnano sovrani.
La vicenda della protagonista è presente in tutto lo svolgimento, tuttavia nella trama si inseriscono sorprese e sentimenti svariati ed inaspettati anche da persone da cui non ti aspetti alcunché.
La vicenda del primo sceriffo è veramente toccante così come le sue parole e le sue lettere di addio e spiegazioni
La "rivalutazione" poi del poliziotto arruffone e violento è veramente stupefacente oltreché veramente emozionante e sorprendente.
Un film originale e diverso dai soliti, ambientato in un background da favola della vecchia country americana del Missouri, il film, seppure lento nello svolgimento e segnato anche da episodi grotteschi (l'incendio della stazione di Polizia, il nano ecc..) non diventa mai banale, anzi l'alternanza degli episodi lo rende assai gradevole e assolutamente piacevole. Bel film, spero vinca l'OSCAR o qualche premio speciale

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  02/02/2018 09:30:17
   9 / 10
Uno dei migliori film degli ultimi anni. Non riesco a trovargli un difetto nemmeno impegnandomi. E poi la McDormand, e Rockwell. Ti lascia il cuore più leggero.

STEn  @  01/02/2018 01:46:49
   6½ / 10
È un bel film. Ottime interpretazioni, regia, colonna sonora...
Tuttavia NON è un film thriller: la scomparsa della figlia sembra quasi faccia da sfondo allo svolgersi di vicende nella piccola cittadina del sud.
NON è uno spaccato di una certa fetta d'america: tra omicidi con stupro, cancro, ed altre tragedie i personaggi sono ritratti in condizioni estreme. Non può quindi essere un ritratto veritiero e sincero di una comunità o d una specifica realtà.

IL film, sopratutto nella parte finale, sembra girare a vuoto intorno ai cliches del genere trhiller (e non solo), disattendendo quelli che potrebbero essere dei risvolti cinematografici prevedibili. In questo, nel rappresentare il misteri e l'assurdità della vita, che a differenza di un film non tende necessariamente verso un lieto fine, o verso un checchesia finale di senso compiuto, mi ha ricordato lo stile di certi film dei fratelli Cohen.
Il tutto è costellato da scene di grande umanità ed intensità, per certi versi insensate.
Momenti di grande intensità, che non portano a nulla.
Così come è nella vita.

stef123  @  29/01/2018 18:26:06
   7½ / 10
film non buonista e con molte trovate. ottima sceneggiatura e regia, anche se molti personaggi sono caricaturali (cosa che allontana dalla realtà della storia).
grande interpretazione della McDormand che prenota un oscar.
finalmente un film un po' fuori dagli schemi.

Invia una mail all'autore del commento Jason XI  @  29/01/2018 16:40:14
   7 / 10
Anch'io non grido al capolavoro.... non può esserlo un opera del genere.... sostanzialmente perchè non è credibile, ma non è un film fantasy, è un film che affronta una tematica con i contro******** e lo fa in modalità trasversale e bizzarra e quindi come detto, non credibile... tutti personaggi sono outborder... che popolano una piccola cittadina che sembra intrappolata in una bolla, alle prese con una vicenda tragica e insostenibile.... Detto questo il film funziona e anche se strizza l'occhio (e forse anche due) ai Coen non raggiunge l'enormità di "Fargo" ad esempio.... e un piccolo e furbo film con un cast eccezionale. Da vedere ma a mio parere sopravvalutato.

2 risposte al commento
Ultima risposta 22/05/2018 12.51.02
Visualizza / Rispondi al commento
mabumba77  @  29/01/2018 07:43:41
   9½ / 10
Servirebbero pagine intere per commentare questa "perla" cinematografica che si accinge,giustamente,a trionfare agli Oscar.
Diro' soltanto che sono invaso da mille emozioni che dovro' eleborare nei prossimi a mente piu' fredda quando,forse,attenuatosi l'entusiasmo che mi pervade adesso mi permettera'di analizzare meglio i tanti spunti di riflessione che ho colto lungo la durata del film.
Maestosi la McDormand e Sam Rockwell, che credo meritino a mani basse la statuetta,ma e' tutto il cast che funziona nel suo insieme.
Amarezza,solitudine,redenzione,perdono,humor nero e mille altre cose ancora dipingo un affresco nel quale ogni amante della settima arte avra' modo di bearsi

albert74  @  28/01/2018 22:23:36
   6 / 10
questi sono i film furbastri che - di solito - vincono gli oscar. Su una storia neanche molto originale, su una sceneggiatura che possiamo definire mediocre e piena di buchi, un regista di mestiere sviluppa questa sorta di noir-thriller, con buone interpretazioni, pregiudizi,stereotipi e personaggi talmente macchietistici da sfiorare il ridicolo.
Non starò a parlare della trama - che potete leggere su wikipedia - ma mi soffermerò sui personaggi. Abbiamo dei poliziotti, uno peggiore dell'altro, branco di sfaticati, con il quoziente d'intelligenza di un carciofo, una madre dall'espressione granitica e molto determinata e testarda che gioca il ruolo della madre "coraggio" che sfida le istituzioni (penose) locali; una figlia che si vede per pochi minuti e non si può non detestare subito per i suoi atteggiamenti arroganti, uno sceriffo, con un minimo di sale in zucca, che però è malato terminale di cancro e si leva di torno dopo la prima ora di film.
Poi c'è il padre della vittima, alcolizzato, rude americano, semianalfabeta e moralista, arrogante pure lui.
Il contorno è una cittadinanza che se ne frega di una ragazza morta stuprata e difende a spada tratta lo sceriffo, il tutto condito con atteggiamenti da far west, s*****ttate ogni tanto (poco e quanto basta) e gente che si fa giustizia da se'.
IN questo ambiente si dipana la storia dei tre manifesti e della madre "coraggio". buone le interpretazioni dello sceriffo e della madre (mcdormand). Il resto non conta, sono solo il contorno (machiettistico e mediocre).
Ottime le musiche, buona l'atmosfera e l'ambientazione malata che si respira.
Il film è però lento, con dialoghi volgari e pieni di parolacce, a tratti noioso e poi c'è quella sceneggiatura penosa che è un pugno in un occhio a tutto l'insieme.
Non bastano alcuni buoni attori per fare un capolavoro.
e il messaggio poi qual'è? ognuno si fa giustizia da solo e se qualcosa non va giù a parolacce ed improperi?
e la polizia è composta da un branco di somari decerebrati?
mah
però, come ripeto, è un film furbo quindi si beccherà gli oscar.
Non parlatemi poi di ironia o di verve comica. Non mi pare ce ne sia traccia.
il voto? ero indeciso se bocciarlo del tutto o dargli un voto per la regia, che almeno è decente. Ho optato per la regia e una sufficienza può andare.
Se mi dovessi basare solo su sceneggiatura e sulla recitazione di alcuni "attori" sarebbe da 5.

1 risposta al commento
Ultima risposta 29/01/2018 16.43.14
Visualizza / Rispondi al commento
camifilm  @  28/01/2018 10:32:19
   6 / 10
Non concordo con la media così alta.
Il film è piacevole da seguire per le interpretazioni, soprattutto nella parte iniziale, piuttosto bizzarre, ispirate e drastiche.
Poi ho trovato la storia senza un punto di arrivo o un messaggio da voler lasciare.

Come tanti chiedo anche io delucidazioni su alcuni momenti del film ed al messaggio che essi avrebbero voluto dare. Escludendo il finale che mi ha perplesso, chiedo:
molotov contro stazione polizia, nessuno vede, nessun ferito, nessuno di servizio?
Pestaggio in pieno centro con tutti fermi a guardare? Ma poi nemmeno una denuncia?

Guardatelo. Ma non credo sia il capolavoro dichiarato. Probabilmente vincerà dei premi perchè alcune cose funzionano bene, ma il succo è che non lascia un messaggio o morale sulla quale ragionare.

30 risposte al commento
Ultima risposta 05/03/2018 10.24.43
Visualizza / Rispondi al commento
polarsun  @  28/01/2018 02:17:05
   9 / 10
Buonissimo film, con un plot che potrebbe essere benissimo il tipico film americano del pomeriggio ambientato intorno a una stazione di polizia. Ma pensato e congegnato bene, dosato nei dialoghi e mai scontato. Sulla scia di Gran Torino

david briar  @  27/01/2018 11:16:30
   7½ / 10
Non mi ricordo dove ho letto di un film "paradio*", fatto per i premi, ma mi sembra decisamente una cosa assurda da dire.
A parte il fatto che ogni film può essere "paradio*" nei confronti di un certo tipo di pubblico, critica o festival (per cui questo termine per me non ha alcuna significato)  "Tre manifesti a Ebbing, Missouri" è un film scritto molto bene, la cui caratteristica principale è attentare costantemente ad un tipo di struttura che possa essere riconducibile ad una scansione precisa. E' un film dove le cose semplicemente succedono, in una maniera che può essere artificiosa in senso assoluto ma che invece è perfettamente coerente con lo spirito del film. Prendendo spunto dalla firma di Gidan 89, che casualmente si trova proprio sopra questo mio commento, per me questo è un cinema che non pretende, ma semplicemente è(cit.)Non importa cosa succede, ma come ci si arriva e quali sono le conseguenze. 
Volutamente, McDonagh gira una commedia nera con un tono difficilmente classificabile, che viene semplice definire un film alla Coen per comodità, ma è semplicemente un film di Martin McDonagh, nano compreso nel prezzo. E per quanto non sia eclatante, per quanto abbiamo visto di meglio su toni simili, è straordinario apprezzare ancora una volta la capacità degli americani di fare film che parlano del proprio tempo e del proprio luogo, pur essendo ambientati in un posto in cui l'epoca, lo Stato e il capitalismo finanziario così imperante sembrano non trovare abbastanza spazio. Già altri bellissimi film, come per esempio "Un gelido inverno", erano riusciti in quest'intento, e giustamente erano stati premiati per questo.
In un luogo dove Amazon.go è una realtà ancora lontana, la rabbia genera inizialmente altra rabbia per poi creare una sorta di armonia troncata di netto, manco fosse il finale de "Il braccio violento della legge". Un film che tratta cose banali attentando alle sicurezze dello spettatore e giocando con le sue aspettative: l'esempio che ciò che conta non sono i temi o i sentimenti,ma il modo di trattarli. Sceneggiatura da studiare..

xymox  @  27/01/2018 09:25:39
   9 / 10
mi ha tenuto incollato allo schermo dal primo minuto ai titoli di coda.
Ottima interpretazione di Sam Rockwell, si merita l'oscar come attore non protagonista.

gabriele  @  25/01/2018 14:18:32
   8½ / 10
Film splendido sotto tutti i punti di vista. Sam Rockwell che considero un grande attore sin dai tempi del Miglio verde, raggiunge livelli talmente alti di recitazione da meritare senz'altro l'Oscar come miglior attore non protagonista. Così come la McDormand merita quello per migliore attrice protagonista. Bella la colonna sonora. Assolutamente da vedere

mrmassori  @  24/01/2018 20:22:56
   7½ / 10
Bel film, in cui vengono messi in risalto molti lati negativi dell'animo umano ma al tempo stesso quei personaggi così vili e senza criteri sono capaci di redimersi e riscattarsi per ciò che non erano riusciti a essere prima. Bella storia e soprattutto ottimo il susseguirsi di eventi che in un modo o nell'altro portano a scavare nella psicologia dei vari personaggi. Se il mondo fosse come questa cittadina sarebbe una *****, ma forse non è questo che ci meritiamo?

Invia una mail all'autore del commento palla78  @  24/01/2018 17:20:49
   7 / 10
Ciao a tutti. Visto ieri sera al Solaris di Pesaro.
Bello, bellissimo film, se mi fermo solo alle interpretazione ed ai dialoghi, veramente confezionati bene, alla fotografia, etc... Mc Dormand ottima, Rockwell strepitoso, etc...
Se passi oltre, mettendo i puntini sulle i


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Il finale? Beh, il finale lo lascio agli altri...

BaroneRampate  @  23/01/2018 18:06:37
   7 / 10
Visto in lingua originale. Non male, ma sarebbe stato sicuramente più interessante se gli autori non avessero esaurito le idee prima della conclusione (chiamiamola conclusione) del film. Per me un thriller è tale se sa inchiodarti lì in attesa che si manifesti l'autore del misfatto. Lasciare così tutto in sospeso, demandando agli spettatori un finale "aperto", trasforma il thriller in una storia dai risvolti psicologici. Ecco, allora come film che scava nell'animo umano mi è piaciuto molto....ma non parliamo allora di thriller.

Macs  @  22/01/2018 21:47:07
   6½ / 10
Francamente non vedo dove stia il capolavoro, sarà forse che la media dei film degli ultimi tempi è un pochino desolante. Non mi ha trasmesso molto, ho fatto fatica a immedesimarmi nella signora Mildred e nella sua battaglia contro i mulini a vento. Non giova il fatto che la figlia assassinata non sia minimamente approfondita come personaggio, la vediamo giusto in una mezza scena, in cui non è poi che si faccia apprezzare o che lasci il segno più di tanto. Un altro problema del film è la sceneggiatura che in più punti appare forzata e tirata per i capelli: certe azioni specie della protagonista non hanno motivo di esistere se non nella mente di una donna mediamente squilibrata. Comunque il film si lascia guardare e intrattiene abbastanza, una volta fatta la tara alle forzature e a un buonismo a tutti i costi ormai fuori tempo massimo, per cui gli esseri che sembrano feccia spregevole rivelano poi tutti un cuoricino d'oro. Mezzo punto in più per la colonna sonora, fuori dal comune.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Scuderia2  @  22/01/2018 19:52:40
   6 / 10
Uno sceriffo rispettato da tutti che rivela di avere un buon talento nella fase epistolare postuma piuttosto che nella gestione di un branco di caz.zoni lavativi e ritardati della locale stazione di polizia.
E' chiaro che i tre manifesti affissi, più che una provocazione, hanno ragione di essere una vera e propria critica al sistema.
Perché, se una persona che ne butta giù un'altra dal balcone e la pesta a sangue, non viene arrestata per tentato omicidio, qualcosa che non va c'è.
Qua tutti fanno quel ***** che vogliono senza che la giustizia intervenga o che qualcuno paghi: stupri, razzismo, molotov, pestaggi, vendetta privata.
Che dannato messaggio passa questo film?
Un manifesto di miseria umana e ignoranza al limite del fastidioso.
La provincia americana del midwest totalmente bruciata nei valori.
Attori straordinari, interessanti tagli di capelli, musiche perfette nella loro depressione.
C'è qualcosa, però, che lascia uno spiraglio di speranza.
Non è l'ultima possibilità lasciata ad ognuno.
No, fortunatamente Ebbing è un luogo di fantasia.

5 risposte al commento
Ultima risposta 21/03/2018 20.49.28
Visualizza / Rispondi al commento
76mm  @  22/01/2018 12:03:52
   7½ / 10
Finalmente sono riuscito a vederlo dopo che per ben due volte ero rimasto fuori per esaurimento posti.
Anche stavolta se non avessi comprato il biglietto in anticipo avrei rischiato grosso perché non c'era rimasta mezza poltrona libera in tutta la sala.
Questa cosa, seccatura del momento a parte, mi ha fatto molto piacere…evidentemente il passaparola positivo sta premiando questo piccolo grande film e lo spettatore italiano si sta dimostrando meno becero di quanto non si voglia pensare.
Attori bravi e in parte, personaggi sfaccettati e credibili, sceneggiatura intelligente, regia attenta a valorizzare ed amalgamare al meglio le varie componenti…sembra che in fondo non ci voglia chissà cosa per fare un prodotto meritevole (e invece…).
Una piacevole e salutare boccata d'aria fresca, anche se i difetti ci sono, e a voler ben vedere non sono neanche pochissimi…scene inutili o forzate, svolte improbabili, eccesso di personaggi strambi o idioti, tendenza a scavallare nel grottesco quando sarebbe preferibile cercare di rimanere un po' più in bilico…in definitiva direi che per poter anche solamente lambire il capolavoro si sarebbe dovuto lavorare parecchio in sottrazione, ma comunque non riesco davvero a non vedere il bicchiere mezzo pieno.
Ho apprezzato molto l'idea di non presentare la protagonista come un personaggio melodrammatico e compassionevole per cercare di portare il pubblico dalla sua parte…è stata una madre di mer*a, ha grosse responsabilità nel destino miserrimo della figlia e cerca di lenire il suo senso di colpa pretendendo che gli altri facciano l'impossibile (prelevare il DNA a tutti i maschi della Terra???) senza guardare in faccia a nessuno e fregandosene dei drammi altrui…devo confessare che io non ho parteggiato per lei neanche per un minuto…però è un personaggio molto più vero e genuino delle tante madri coraggio tutte chiesa e famiglia che troppo spesso hanno impestato gli schermi cinematografici e televisivi.
Mi ha fatto venir voglia di recuperare i due film precedenti del regista.
Ci voleva.

the saint  @  22/01/2018 09:27:15
   7 / 10
non amo la commedia-tragica, l'unico film che in quel genere è eccezionale ed ho amato è STORIE PAZZESCHE!

Anche se questo è diverso come genere, devo dire che è un bel film!
lei sicuramente vince l'oscar, caleb landry jones ci può andar vicino per prenderne un altro

3 risposte al commento
Ultima risposta 26/01/2018 12.52.41
Visualizza / Rispondi al commento
venetoplus  @  21/01/2018 15:22:27
   8½ / 10
Wow!!! Bellissimo...

daaani  @  19/01/2018 17:55:27
   7½ / 10
finalmente l'ho visto anche io...
caratterizzazione dei personaggi eccellente e scene grottesche ben riuscite. mi ha fatto piacere rivedere Caleb Landry Jones, attore che avevo già ampiamente apprezzato nel film "barry seal, una storia americana".
purtroppo non amo i finali sospesi, ma a parte questo ne consiglio la visione.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento williamdollace  @  19/01/2018 00:05:55
   9½ / 10
È il 19 gennaio e sicuramente abbiamo già uno dei primi tre film dell'anno se non il primo: Three Billboards Outside Ebbing, Missouri.
"I heard her sing in tongues of silver
I heard her cry on a summer storm
I loved her, but she did not know it
So I don't think about her anymore
Now she's gone, and I can't believe it"

Manticora  @  18/01/2018 21:12:28
   8½ / 10
Martin McDonagh ha fatto centro, ancora una volta il regista di origine irlandese costruisce una storia coinvolgente in cui la forza della vicenda è rappresentata dai personaggi. Spicca tra tutti oltre alla McDormand, impavida, spietata ma anche fragile l'interpretazione dell'anno di Sam Rockwell, attore caratterista di razza, ingiustamente lasciato ai margini da Hollywood che qui merita come minimo una candidatura come migliore attore non protagonista, anche se forse potrebbe uscirci anche una candidatura come protagonista. Un poliziotto stupido, incostante e distratto, che però non riesce a tenere a bada la sua aggressività, e questo gli costerà

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Nonostante l'antipatia che il personaggio suscita assistiamo ad una RINASCITA, McDonagh ci dice che un mentore può SEMPRE fare la differenza, in questo caso una lettera scritta da un morto

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Anche l'interpretazione di Caleb Landry Jones alias Red è più che buona, due camei di lusso impreziosiscono il tutto, Abbie Cornisch bellissima è sofferente, e Peter Dinklage alias Tyrion Lannister, il nano innamorato di Mildred. Tra dialoghi fulminanti, scatti di violenza, parolacce a profusione e tre manifesti che disturbano non poco, Martin McDonagh ha probabilmente fatto uno dei migliori film dell'anno, che spero possa avere una nomination anche come miglior film e colonna sonora, sull'america profonda, violenta e razzista, con un finale sorprendente, che lascia tutto in sospeso, o no?

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  18/01/2018 19:10:01
   7 / 10
Mai compreso del tutto in cosa piaccia così tanto il buon Martin McDonagh, ma è certo che Tre manifesti è una piccola perla del cinema USA contemporaneo. Una black comedy su un tema a me molto caro, come la rabbia, il rancore. Il tag del film è infatti "rage begets other rage", e l'evoluzione della questione è risolta con una drammaturgia più attenta alle sfumature dei personaggi che all'effettivo intreccio.
Il film, va detto, è disordinato nella costruzione di un narrato che si divide sostanzialmente in due parti distinte: la prima rappresenta l'impatto, l'impatto dei manifesti e della rabbia di Mildred, nonché della reazione del capotribù Harrelson (un grandioso omaggio a True Detective), che sicuramente rappresenta il personaggio più complesso, sfumato e interessante (la scena del sangue in particolare è estremamente suggestiva); la seconda rappresenta la degenerazione della rabbia di Mildred, ottenebrata da questo sentimento nobile ma disordinato e dal senso di colpa per l'ultimo scontro con la figlia (un bel flashback). In un certo senso, questo film è l'evoluzione del discorso di True Detective 2, Mildred ricorda in parte Ray Velcoro. Non è facile trattare il tema della rabbia, e McDonagh ci è riuscito. Non ho capito cosa c'entrasse Peter Dinklage e ammetto che non ho apprezzato il finale, ma forse perché sono uno spettatore più televisivo che cinematografico e non mi piacciono le cose sospese.
Nel complesso, l'ho trovato un film stuggente e divertente, un bel racconto del Sud, una storia morale sul valore della rabbia e della calma nel gestire la sofferenza.

1 risposta al commento
Ultima risposta 18/01/2018 19.28.40
Visualizza / Rispondi al commento
Alex22g  @  18/01/2018 10:54:47
   10 / 10
Sono rimasto folgorato da questa pellicola. Il classico film che approcci con alte aspettative e ti rendi conto che le ha superate . Un cast strepitoso unito ad un ottima sceneggiatura e una sapiente regia. Diversi momenti del film rimarranno scolpiti dentro di me per la loro profondità e per la maestria di come sono state portate a schermo. Golden Globe meritatissimi e anche se non ho visto gli altri concorrenti dubito che possano superare la qualità artistica di questo film. Per me un capolavoro .

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  17/01/2018 23:13:29
   9 / 10

Vedi recensione

2 risposte al commento
Ultima risposta 21/01/2018 23.24.50
Visualizza / Rispondi al commento
Cinemaworld  @  17/01/2018 15:57:36
   7 / 10
Mi é piaciuto molto. Lo consiglio.

Spera  @  17/01/2018 13:32:56
   7 / 10
Amo questo regista per i suoi due primi film, ho adorato "In Bruges" e apprezzato "7 psicopatici".
Il suo modo di mettere in scena la commedia nera è veramente splendido e crea quasi un genere difficilmente riscontrabile in altri autori.
Raramente commedia e dramma si uniscono in matrimonio meglio di come lo fa McDonagh.
Cavolo! E' riuscito anche a farmi piacere Colin Farrel che personalmente mi ha sempre fatto storcere il naso, il che è tutto dire.

Il suo ultimo film "Tre manifesti a Ebbing, Missouri" non mi ha lasciato completamente soddisfatto.
Qui commedia e dramma non si sposano perfettamente, a mio avviso, come negli altri suoi film (penso di aver visto "In Bruges" qualcosa come 8/9 volte) ma fanno un pò a cazzotti suscitando in me una sensazione di forzatura che non ho apprezzato.
Ho avvertito contrasto qui e non armonia perfetta nell'incontro tra i due generi, cosa che non mi fa valutare il film come una commedia nera perfetta ma come un prodotto poco coeso e un pò forzato nelle sue due facce.
Certo sono passati 10 anni da "In Bruges" e sono cambiate anche le produzioni: il primo era una co-oproduzione Belgio/Gran Bretagna, il secondo Gran Bretagna/Usa e quest'ultimo una produzione totalmente USA.
E scusatemi ma la trasformazione si vede e come e per me è discendente nei suoi 3 lavori e nei 10 anni trascorsi.
Se in "In Bruges" l'essere antiamericano erano espresso con battute sottili e sapientemente congegnate qui mi sembra tutto più piatto e banale.
Per non parlare poi delle esagerazioni nel linguaggio e nelle dinamiche famigliari che mi sono sembrate fuori luogo e forzate (come augurare alla propria figlia di essere stuprata giusto per rendere il dramma più aspro).
Qualche risata la strappa ma in sala ridevano per ogni ******* tanto da rovinare il coinvolgimento.
Io per mio carattere, riesco a lasciarmi andare di meno quando si parla di temi come questo, non ho tanta voglia di ridere e metabolizzo il dramma in modo molto lento, perchè comunque di questo stiamo parlando, di dramma: una madre che ha perso la propria figlia in modo atroce, l'abbandono delle istituzioni ai danni di questa stessa madre che non riesci ad avere giustizia e, ancora più terrificante, una società allo sbando intrisa di una mentalità retrograda e piena di pregiudizi.
Quindi in definitiva io ho sorriso un paio di volte ma devo dire che non mi sono mai emozionato come invece mi era accaduto e ancora adesso mi accade con "In Bruges", per me il suo capolavoro nonostante sia il lungometraggio di esordio del regista.

Il film rimane comunque godibile e originale, lo aspettavo con trepidazione forse troppa.
Gli attori sono ottimi e la regia pure, le musiche, invece, non mi hanno lasciato il segno come appunto aveva fatto Bruges e le sue atmosfere.
Ora però me lo rivedrò per la decima volta, è entrato per me nel top delle commedie nere insieme a "le mele di Adamo", caso strano entrambe produzioni europee.
Continuo a pensare che il cinema americano appiattisca e standardizzi tutto quello che di buono affiora sul panorama cinematografico.
Comunque consigliato e da vedere, anche se tra mangiatori di popcorn, gente che ride sguaiata e che chiacchiera e chi più ne ha più ne metta il cinema diventa un luogo sempre più difficile per apprezzare un film.

pak7  @  17/01/2018 02:05:07
   9 / 10
Chi può, corra al cinema. Non importa come: a piedi, in macchina, in motorino, in aereo. Andate al cinema.
Prima che sparisca dalle sale, cancellato da una programmazione che sembra essere troppo fitta per tenerlo in vita ancora a lungo.
Tre manifesti a Ebbing sarà probabilmente uno dei film dell'anno. Punto.
Parto da lei, parto da Frances McDormand: una che ha lavorato spesso coi Coen, una che non passa inosservata, dalla fisiognomica particolare ed assolutamente riconoscibile. Parto da lei ma potrei continuare con lo sceriffo, un Woody Harrelson assolutamente in parte a uno strepitoso Sam Rockwell, quasi irriconoscibile. Parto da qui, da una caratterizzazione dei personaggi eccezionale e da una sceneggiatura mai scontata, dall'inizio fino all'ultimo secondo del film.
Dopo aver appeso i tre manifesti riguardanti l'omicidio di sua figlia all'ingresso della città, la protagonista, otterrà l'attenzione voluta dando inizio a un'ascesa irrefrenabile di pathos.
Lo spettatore non può rimanere indifferente davanti a una lavoro del genere, davvero non può. Straordinario.

1 risposta al commento
Ultima risposta 17/01/2018 15.34.09
Visualizza / Rispondi al commento
gandyovo  @  16/01/2018 22:32:10
   8 / 10
Un noir, una commedia nera, un film. il cinema è un'arte e 3MAEM, acronimo appena inventato, ne è un degno rappresentante. Una storia "piccola" con dialoghi interessanti e un cast in splendido stato di forma. Ce ne fossero di questi film!

kafka62  @  16/01/2018 21:19:00
   8 / 10
Dei film di Martin McDonagh non dovrebbe sorprendere l'abilità nella costruzione dell'intreccio e nella scrittura dei dialoghi, perché il regista inglese (ma di ascendenze irlandesi), ancorché vanti poche pellicole al suo attivo, può essere annoverato tra i più grandi autori di teatro viventi. Suoi sono autentici capolavori come Lo storpio di Inishmaan o Il tenente di Inishmore, che molti spettatori italiani hanno avuto la fortuna di vedere (a pochissima distanza di tempo dalla loro "prima" britannica e praticamente in contemporanea con gli allestimenti a Broadway) grazie alla meritoria attività del Teatro Stabile di Genova. Per dare l'idea della statura artistica di McDonagh basti dire che nel 1997 (quando aveva appena 27 anni!) ben quattro suoi spettacoli erano stati rappresentati simultaneamente nei teatri del West-End londinese, un'impresa riuscita prima di lui solo a un certo William Shakespeare.
Ciò che invece andrebbe sottolineato maggiormente è il fatto che i film di McDonagh, e soprattutto la sua ultima fatica fresca vincitrice di quattro Golden Globe, sono incontestabilmente originali, in quanto capaci di svincolarsi tanto dai suoi precedenti teatrali quanto dalle influenze di altri registi (molti hanno citato, in modo non del tutto campato in aria ma forse un po' semplicistico, i fratelli Coen o Quentin Tarantino). McDonagh è McDonagh e basta, non certo uno dei tanti parvenus citazionisti che proliferano al cinema nei nostri tempi. Il suo stile oscillante tra tragico e grottesco, tra amoralità e partecipazione emotiva, tra inverosimiglianze logiche e calibratissimi meccanismi ad orologeria, è unico, e porta alla costruzione di personaggi memorabili, inusualmente poliedrici e ricchi di sfaccettature. Se all'inizio del film è facile empatizzare con la determinazione, la cocciutaggine e l'assenza di scrupoli di Mildred (interpretata da una strepitosa Francis McDormand, nel ruolo più iconico della sua carriera), la quale si trasforma in una sorta di guerrigliera anti-establishment pur di far luce e ottenere giustizia sull'omicidio della figlia (capace di prendere a calci nelle palle un ragazzino impertinente, di gettare bottiglie incendiarie contro la stazione di polizia o di cacciare di casa il parroco venuto a parlarle per condurla a più miti intenzioni, in una scena esilarante che da sola vale il prezzo del biglietto), pian piano a emergere è l'umanità insospettabile di personaggi come lo sceriffo Willoughby di Woody Harrelson (le cui lettere lasciate dopo il suicidio, piene di tenerezza ma anche di ironia, sono una commovente testimonianza di una sensibilità difficilmente intuibile dietro il distintivo e la divisa) e soprattutto l'agente Dixon di Sam Rockwell (rozzo, ignorante, facinoroso e razzista, ma la cui parabola esistenziale si congiungerà inaspettatamente alla fine con quella di Mildred, in un finale aperto intriso di umanesimo e denso di interrogativi etici sul senso della vendetta e della giustizia da ottenere a tutti i costi). Nei Tre manifesti a Ebbing, Missouri bene e male si confondono, in un relativismo morale che può portare tanto a comportamenti cinici e spregiudicati quanto a gesti di solidarietà e di altruismo. McDonagh scoperchia il vaso di Pandora della rude, soffocante, arretrata provincia americana (quella che probabilmente ha votato Donald Trump alle ultime elezioni presidenziali) e si diverte a osservare come un entomologo il vorticoso crescendo di irrazionalità e di violenza in cui si trovano a dibattere i suoi personaggi, trattenendo la compassione e smorzando l'ironia, senza peraltro cancellare del tutto la speranza.
Originale nella costruzione e professionalissimo nella messinscena, Tre manifesti a Ebbing, Missouri si fa altamente raccomandare come una pellicola da non perdere per nessun motivo.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gardner  @  16/01/2018 09:11:18
   9 / 10
Gran film. Diretto alla grande e sceneggiato ancora meglio. L'eleganza inglese per descrivere la pesantezza della provincia profonda americana ci regala momenti di vero cinema. Meglio di qualsiasi tentativo effettuato nei dintorno dai fratelli Coen, la sicurezza narrativa rimanda alle migliori pellicole di Tarantino. Mc Dormand come al solito sublime (bella lezione a Joel Coen), ma Sam Rockwell ineguagliabile.

Gruppo STAFF, Moderatore Kater  @  14/01/2018 20:12:47
   9 / 10
Vengo sulla scheda di questo film per lasciare il mio pensiero a riguardo e scopro - con cinefilo piacere - che il commento più sotto di VincVega interpreta perfettamente il mio pensiero fin nei dettagli, colonna sonora e "mix perfetto tra dramma e commedia nera" compresi.
Quindi che dire? Vi rimando al suo commento e a me non resta che dare un bel 9.

4 risposte al commento
Ultima risposta 29/01/2018 22.39.01
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

12 soldiers14 cameras1938 diversi211 - rapina in corso22 julya kashaa modern familya quiet passiona tramway in jerusalem
 NEW
a voce alta - la forza della parolaacusadaadam und evelynamanda (2018)american dharmaamiche di sangueant-man and the waspaquarelaarrivederci saigonat eternity's gatebent - polizia criminalebetes blondesbig fish & begoniablu profondo 2blue kidsboarding school
 NEW
bogside story
 NEW
boxe capitalebreaking incadaver (2018)camorra (2018)carmine street guitarsc'est ca l'amourcharlie sayschiudi gli occhicome ti divento bella!continuercrazy & richdachradark crimesdark halldead triggerdead women walkingdeideslembrodie in one daydie in one day - improvvisa o muoridiva! (2017)dog daysdomingodon't worrydoraemon il film - nobita e la grande avventura in antartidedoubles viesdragged across concretedriven (2018)due piccoli italianiel pepe, una vida supremaemma peetersequilibrium - the film concertescape plan 2 - ritorno all'infernoestate 1993favola (2018)fino all'inferno (2018)fire squad - incubo di fuocofotograffreres ennemisgli incredibili 2gli ultimi butterigotti - un vero padrino americanohappy lamentohereditary - le radici del malehostilehotel transylvania 3 - una vacanza mostruosahurricane - allerta uraganoi villeggiantiil banchiere anarchicoil bene mioil fiume (2018)il giorno che ho perso la mia ombrail maestro di violino
 NEW
il mistero della casa del tempoil ragazzo piu' felice del mondoil sacrificio del cervo sacroil tuo ex non muore maiio, dio e bin ladenippocrateisis, tomorrow. the lost souls of mosuljinpajose'joy (2018)
 HOT
jurassic world - il regno distruttola ballata di buster scruggs
 NEW
la banda grossila bella e le bestiela guerra del maialela noche de 12 anosla prima notte del giudiziola profezia dell’armadillola quietudla ragazza dei tulipanila settima musala stanza delle meravigliela terra dell'abbastanzala truffa del secolol'affido - una storia di violenzal'albero del vicinol'annunciol'atelierle fidelele ultime 24 orel'enkasles tombeaux sans nomsl'heure de la sortiel'incredibile viaggio del fachirolissa ammetsajjel
 NEW
lola + jeremylords of chaosluckyluis e gli alienil'uomo che sorprese tuttim (2018)macbeth neo film operamafakmagic lanternmalati di sessomamma mia! ci risiamomandymanta raymary e il fiore della stregamary shelley - un amore immortalementre morivometti una nottemi obra maestramission: impossible - falloutmonkey king - the hero is backmonrovia, indianamost beautiful islandmr. longmuse: drones world tournel nome di antea
 T
new york academy - freedancenoi siamo la mareanuestro tiempoobbligo o verita'ocean's 8office uprisingogni giornoombraour houseoverboardpapillon (2018)pearl (2018)peggio per mepeterloo
 NEW
piazza vittoriopitch perfect 3prendimi! - la storia vera più assurda di semprepuppet master: the littlest reichrabbia furiosa - er canarorespiriresta con merevengericordi del mio corporicordi?rideritorno al bosco dei 100 acriroma (2018)
 NEW
saremo giovani e bellissimisea sorrow - il dolore del maresearching
 NEW
sembra mio figlioseparati ma non tropposhark - il primo squaloskyscraperslender mansonispogliatosposami, stupido!stronger - io sono piu' fortesulla mia pelle (2018)super troopers 2teen titans go! il filmtel aviv on firethe darkest mindsthe end? l'inferno fuorithe equalizer 2 - senza perdonothe escapethe ghost of peter sellersthe little strangerthe mermaid: lake of the deadthe mountain (2018)the nightingalethe nightmare gallery
 NEW
the nun - la vocazione del malethe sisters brothersthe toyboxthelmathey'll love me when i'm deadthree adventures of brooketi imas noctito e gli alienitoglimi un dubbiotouch me nottramonto (2018)tullytumbbadulysses: a dark odysseyun affare di famiglia (2018)
 NEW
un amore così grande
 NEW
un figlio all'improvvisoun giorno all'improvvisoun marito a meta'una luna chiamata europa
 NEW
una storia senza nomeuna vita spericolataunsaneville neuvevox luxwhat you gonna do when the world's on fire?why are we creative?zan

978649 commenti su 40139 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net